adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Parallelo di stringhe differenti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • gsughi
    ha risposto
    Credo sia estremamente importante lo scambio di pareri, ma in particolare lo scambio di esperienze, per cui se <b>SIEL</b> realizzer° l&#39;impianto con stringhe differenti spero ci metta al corrente dei risultati. Io tuttavia esprimo il parere che visto che il costo degli inverter multistringa é poi non tanto maggiore io non correrei nessun rischio. Anche se le perdite del sistema sono anche solo il 2%, (io stimo più alte) non vedo la convenienza ecomomica dell&#39;investimento. Verifica la minor produzione di 20 anni e confrontala con la differenza di costo inverter.

    Lascia un commento:


  • SIEL
    ha risposto
    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 21/9/2007, 17:40)</div><div id="quote" align="left">Ti propongo una possibile soluzione semplice <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5b79da63a69a2941840feb1747c39cf8.gif" alt="h34r:"><br><br>seleziona i pannelli che hai a diposizione in funzione della tensione prodotta (per ogni pannello viene misurata e certificata la tensione generata ) in modo tale che la tensione ai capi della stringa da 12 pannelli sia la più alta e che la tensione ai capi della stringa da 13 pannelli sia la più bassa .<br><br>si deve intevenire anche sul fronte temperatura posizinando la stringa da 13 nella parte più calda e la stringa da 12 in quella più fredda.<br><br>se lo realizzi fammi sapere i risultati <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/74012704da6a7298c550449a166cfbbb.gif" alt=""><br><br>a presto</div></div><br>Buona idea&#33;, in questo modo si realizzano stringhe quasi uguali pur con numero diverso di moduli.<br><br>Non credo di realuzzarlo, me se mi capiter&agrave; certamente riporterò i risultati.<br><br>Si potrebbe anche provare, su un impianto esistente con due stringhe identiche, ad eliminare (bypassare) un modulo e verificare la perdita...

    Lascia un commento:


  • recoplan
    ha risposto
    Ti propongo una possibile soluzione semplice <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6b3f9172e88186169c73e3ea9d0b2669.gif" alt="h34r:"><br><br>seleziona i pannelli che hai a diposizione in funzione della tensione prodotta (per ogni pannello viene misurata e certificata la tensione generata ) in modo tale che la tensione ai capi della stringa da 12 pannelli sia la più alta e che la tensione ai capi della stringa da 13 pannelli sia la più bassa .<br><br>si deve intevenire anche sul fronte temperatura posizinando la stringa da 13 nella parte più calda e la stringa da 12 in quella più fredda.<br><br>se lo realizzi fammi sapere i risultati <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c339f71805ec298a575f07a1f582d872.gif" alt=""><br><br>a presto

    Lascia un commento:


  • SIEL
    ha risposto
    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (PV&#45;plant @ 19/9/2007, 10:59)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (SIEL @ 18/9/2007, 14:19)</div><div id="quote" align="left">se collego in parallelo due stringhe da 12 + 13 moduli dello stesso tipo, cosa succede?<br>...........................<br>Ho provato a calcolare tale perdita di potenza che si aggira intorno al 3% (di tutto l&#39;impianto)</div></div><br>Ciao SIEL,<br>l&#39;idea che stringhe esposte in maniera diversa o composte da un numero diverso di moduli (come nel tuo caso) debbano essere collegate a inverter distinti è un luogo comune che non sempre corisponde al vero.<br>Il fatto che poi nella pratica tutti preferiscono fare così perchè questo è quello che si è sempre fatto, non vuol dire assolutamente nulla, anzi è un buon motivo per &quot;investigare&quot; meglio la questione.<br>Il mismatch di tensione conseguente al collegamento in parallelo di stringhe esposte diversamente o aventi un numero diverso di moduli deve essere valutato caso per caso, come giustamente tu stai facendo.</div></div><br>Ciao, innanzitutto ti ringrazio della risposta,<br>ho premesso che la soluzione ideale è quella di usare + inverter o un inverter multistringa, ma il quesito era proprio per approfondire la questione come tu hai fatto notare, e da quanto ho capito la perdita non è poi cosi elevata e dipende dai moduli (numero e tipo).<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Bisognerebbe sapere anche come sono esposte le tue stringhe, comunque ti dico che nel caso da te prospettato ipotizzando un esposizione (sud, 30°) a me risulta una perdita di potenza giornaliera va da 0,8 % a 1,1 % a seconda del livello di irradianza incidente sui moduli.</div></div><br>Nel mio caso ho un&#39;esposizione a pieno sud. Quello che voglio far notare, come anche tu hai evidenziato, è che non è poi ASSOLUTAMENTE VIETATO come tutti dicono e l&#39;impianto cosi configurato è anche fattibile.<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">A voler poi essere ancora + pignoli bisognerebbe verificare se l&#39;MPPT del tuo inverter non si impalli per via della caratteristica IV del generatore FV che presenta una leggerissima &quot;gobba&quot; (dovuta alle diverse tensioni a vuoto delle stringhe), ma &quot;a naso&quot; direi che ciò non dovrebbe accadere. A breve dovrò fare una serie di campagne di misure e tra queste ci sar&agrave; anche il caso da te prospettato: ti saprò quindi dire con certezza se l&#39;MPPT si incasina o meno.</div></div><br>La caratteristica VI del campo FV sar&agrave; leggermente modificata rispetto a quella originale dei moduli, ma non credo che l&#39;MPPT dell&#39;inverter ne risenta, esso ricerca sempre il punto di massima potenza per qualsiasi cuva VI.<br>Io credo si vada a creare una situazioni simile a quando in due stringhe perfettamente uguali c&#39;è un modulo che va in ombra.<br><br>Ciao<br>

    Lascia un commento:


  • PV-plant
    ha risposto
    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (SIEL @ 18/9/2007, 14:19)</div><div id="quote" align="left">se collego in parallelo due stringhe da 12 + 13 moduli dello stesso tipo, cosa succede?<br>...........................<br>Ho provato a calcolare tale perdita di potenza che si aggira intorno al 3% (di tutto l&#39;impianto)</div></div><br>Ciao SIEL,<br>l&#39;idea che stringhe esposte in maniera diversa o composte da un numero diverso di moduli (come nel tuo caso) debbano essere collegate a inverter distinti è un luogo comune che non sempre corisponde al vero.<br>Il fatto che poi nella pratica tutti preferiscono fare così perchè questo è quello che si è sempre fatto, non vuol dire assolutamente nulla, anzi è un buon motivo per &quot;investigare&quot; meglio la questione.<br><br>Il mismatch di tensione conseguente al collegamento in parallelo di stringhe esposte diversamente o aventi un numero diverso di moduli deve essere valutato caso per caso, come giustamente tu stai facendo.<br>Bisognerebbe sapere anche come sono esposte le tue stringhe, comunque ti dico che nel caso da te prospettato ipotizzando un esposizione (sud, 30°) a me risulta una perdita di potenza giornaliera va da 0,8 % a 1,1 % a seconda del livello di irradianza incidente sui moduli.<br><br>A voler poi essere ancora + pignoli bisognerebbe verificare se l&#39;MPPT del tuo inverter non si impalli per via della caratteristica IV del generatore FV che presenta una leggerissima &quot;gobba&quot; (dovuta alle diverse tensioni a vuoto delle stringhe), ma &quot;a naso&quot; direi che ciò non dovrebbe accadere. A breve dovrò fare una serie di campagne di misure e tra queste ci sar&agrave; anche il caso da te prospettato: ti saprò quindi dire con certezza se l&#39;MPPT si incasina o meno.<br><br>byee

    Lascia un commento:


  • solenergia
    ha risposto
    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (massimoz77 @ 18/9/2007, 15:15)</div><div id="quote" align="left">buon giorno, anche io sono alla ricerca delle stesse info (nella regione emilia romagna) per un impianto della stessa taglia.<br>Però ci sono tanti altri quesiti che mi premono...</div></div><br>ti consiglio di non farlo, le stringhe devono essere bilanciate, a meno che non urilizzi un inverter multistringa<br><br>ciao<br><br><span class="edit">Edited by solenergia - 19/9/2007, 15:31</span>

    Lascia un commento:


  • SIEL
    ha iniziato la discussione Parallelo di stringhe differenti

    Parallelo di stringhe differenti

    Ciao a tutti,<br>per motivi &quot;estetici&quot; devo realizzare un impianto con 25 moduli uguali, ma li dovrei suddividere in due stringhe da collegare in parallelo in ingresso ad un inverter.<br>E&#39; chiaro che la soluzione migliore è utilizzare un inverter multistringa, ma mi chiedo:<br>se collego in parallelo due stringhe da 12 + 13 moduli dello stesso tipo, cosa succede?<br><br>La tensione ai capi delle stringhe deve essere la stessa e quindi nella curva V/I dei moduli il sistema (MPPT) si stabilir&agrave; in un punto che per le due stringhe sar&agrave; leggermente sotto e leggermente sopra al punto ideale MPP. Questo significa una leggiera perdita della massima potenza di tutti i moduli.<br><br>Ho provato a calcolare tale perdita di potenza che si aggira intorno al 3% (di tutto l&#39;impianto) il che significa 3/4 di un pannello. In sostanza l&#39;impianto da 25 moduli suddivisi in due stringhe da 12+13 produce come un impianto da 24,25 moduli.<br><br>Qualcuno ha gi&agrave; fatto queste valutazioni?<br>Vi rislta correto il calcolo?<br><br>Ciao<br><br>
Attendi un attimo...
X
TOP100-SOLAR