adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Importante CORSO ENEA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Importante CORSO ENEA

    Sperando di farLe cosa gradita, Le comunichiamo che sono aperte le iscrizioni al corso blended in Energia fotovoltaica per Progettisti di impianti, in fase di qualifica da parte del CEPAS, che si terr&agrave; dal 15 al 30 Novembre 2007 presso il C.R. ENEA Casaccia di Roma.<br><br>Il corso sar&agrave; erogato in modalit&agrave; blended, cio mista - parte a distanza e parte in presenza- prevede 50 ore di formazione a distanza (FAD), 24 ore di formazione daula con esperti dell&#39;ENEA e una prova finale.<br><br>Il corso ha un costo di 1.250,00 Euro +IVA. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 Ottobre 2007.<br><br>La invitiamo quindi a visitare il sito della Formazione a Distanza dellENEA (<a href="http://odl.casaccia.enea.it/FADIIIGen/FadIIISite/index.htm" target="_blank">http://odl.casaccia.enea.it/FADIIIGen/FadIIISite/index.htm</a>) dove potr&agrave; trovare tutte le informazioni sui contenuti e le modalit&agrave; di partecipazione.<br><br><br>Per ulteriori informazioni La invitiamo a contattare la Segreteria organizzativa Mesos al numero 06 3048 3253 o allindirizzo e-mail: mesos@casaccia.enea.it.<br><br>Cordiali saluti,<br><br>Mesos Innovation and Training Avice<br><br>Via Anguillarese 301, 00123 S. Maria di Galeria - Roma<br><br>tel: 06 3048 3253<br><br>mail: mesos@casaccia.enea.it<br><br><br><br><br>speriemo sia utile&#33;&#33;&#33;&#33;<br>
    "MAKE YOUR ENERGY!!"

    on SKYPE econtek-italy

    "la vera sfida non realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

  • #2
    Anche a me arrivata un e-mail simile, ma 1250+Iva e nel mio caso + trasferta mi sembrano un p tanti.<br><br>Io ho gia fatto il corso fotovinst, e posso dire che buono, adesso ho appena scaricato il nuovo corso, e ho potuto dare solo un&#39; occhiata in generale, quando trover un p di tempo lo legger tutto.<br>
    RILASSATEVI...... : http://it.youtube.com/user/lucabonfi

    Commenta


    • #3
      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (econtek @ 3/10/2007, 14:46)</div><div id="quote" align="left">Sperando di farLe cosa gradita, Le comunichiamo che sono aperte le iscrizioni al corso blended in Energia fotovoltaica per Progettisti di impianti, in fase di qualifica da parte del CEPAS, che si terr&agrave; dal 15 al 30 Novembre 2007 presso il C.R. ENEA Casaccia di Roma.<br><br>Il corso sar&agrave; erogato in modalit&agrave; blended, cio mista - parte a distanza e parte in presenza- prevede 50 ore di formazione a distanza (FAD), 24 ore di formazione daula con esperti dell&#39;ENEA e una prova finale.<br><br>Il corso ha un costo di 1.250,00 Euro +IVA. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 Ottobre 2007.<br><br>La invitiamo quindi a visitare il sito della Formazione a Distanza dellENEA (<a href="http://odl.casaccia.enea.it/FADIIIGen/FadIIISite/index.htm" target="_blank">http://odl.casaccia.enea.it/FADIIIGen/FadIIISite/index.htm</a>) dove potr&agrave; trovare tutte le informazioni sui contenuti e le modalit&agrave; di partecipazione.<br><br>Per ulteriori informazioni La invitiamo a contattare la Segreteria organizzativa Mesos al numero 06 3048 3253 o allindirizzo e-mail: mesos@casaccia.enea.it.<br><br>Cordiali saluti,<br><br>Mesos Innovation and Training Avice<br><br>Via Anguillarese 301, 00123 S. Maria di Galeria - Roma<br><br>tel: 06 3048 3253<br><br>mail: mesos@casaccia.enea.it<br><br>speriemo sia utile&#33;&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Volete fare un corso serio? lasciate perdere l&#39;ENEA<br><br>Loro la verit&agrave; se la tengono stretta senza dirvela.<br><br>Se ci andate chiedetegli subito: &quot;ma la rete fatta per immetterci corrente?&quot;<br><br>Se vi dicono si........SONO SOLO BUFFONI

      Commenta


      • #4
        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Se ci andate chiedetegli subito: &quot;ma la rete fatta per immetterci corrente?&quot;<br><br>Se vi dicono si........SONO SOLO BUFFONI</div></div><br>Ok forse la rete non stata fatta per immetterci corrente ma per distribuirla ma diciamo che entro certi limiti possible immetterla, dove credi che vada l&#39;energia di tutti questi impianti fotovoltaici?<br><br>Perch ce l&#39;hai con l&#39;ENEA?<br><br>Saluti<br><br>Salmec
        L'esperienza ci che ti fa commettere errori nuovi invece di quelli vecchi.
        Arthur Bloch

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (salmec @ 19/10/2007, 17:16)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Se ci andate chiedetegli subito: &quot;ma la rete fatta per immetterci corrente?&quot;<br>Se vi dicono si........SONO SOLO BUFFONI</div></div><br>Ok forse la rete non stata fatta per immetterci corrente ma per distribuirla ma diciamo che entro certi limiti possible immetterla, dove credi che vada l&#39;energia di tutti questi impianti fotovoltaici?<br>Perch ce l&#39;hai con l&#39;ENEA?<br>Saluti<br>Salmec</div></div><br>Tutti i sistemi hanno una tolleranza, ovviamente.....<br>Se vuoi usare una forchetta come zappa non te lo vieta mica nessuno...... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b4b786b3c4b3fde48eb1ec143bd8efe2.gif" alt=""><br>Infatti possibile usare la rete &quot;contronatura&quot;, ma meglio non esagerare forzando la cosa oltremisura.<br>Ce l&#39;ho con loro perch asseriscono le mie stesse cose ma stanno zitti e addirittura continuano ad organizzare corsi.<br>Perch stanno zitti nonostante lo sanno?<br>Li ho sentiti con le mie orecchie dire queste cose, eh?<br>Non me le sono mica sognate di notte........anzi, poi studiandoci sopra le ho pure verificate.........<br><br>E&#39; per questo che ce l&#39;ho con loro........nascondono la verit&agrave;.<br>

          Commenta


          • #6
            Ad80: cominci ad essere monotono e anche un poco palloso &#33;&#33;&#33;&#33;<br>Questa cosa della rete usata &quot;contronatura&quot; una affermazione eccessiva e non tecnicamente supportata.<br>Sostieni ancora che i trasformatori sono <b>unidirezionali</b>??
            GIULIANO
            _____________
            ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 20/10/2007, 13:40)</div><div id="quote" align="left">Ad80: cominci ad essere monotono e anche un poco palloso &#33;&#33;&#33;&#33;<br>Questa cosa della rete usata &quot;contronatura&quot; una affermazione eccessiva e non tecnicamente supportata.<br>Sostieni ancora che i trasformatori sono <b>unidirezionali</b>??</div></div><br>Quelli trifasi in caso di inversione di una delle fasi?<br>Si.<br>Ho chiesto spiegazioni su questo effetto a molta gente del settore, ma ancora non le ho avute perch forse non una condizione operativa dei trasformatori.<br>Se qualcuno me le vuole dare prego....faccia pure.....sono qui ad ascoltare.....

              Commenta


              • #8
                ad80: Sei terribile ?<br>Come fai a porti problemi di cose di cui non comprendi il funzionamento?<br>Ma cosa significa inversione delle fasi in un trasformatore, sia esso monofase o trifase ?
                GIULIANO
                _____________
                ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 21/10/2007, 12:25)</div><div id="quote" align="left">ad80: Sei terribile ?<br>Come fai a porti problemi di cose di cui non comprendi il funzionamento?<br>Ma cosa significa inversione delle fasi in un trasformatore, sia esso monofase o trifase ?</div></div><br>Prendo quello che mi hai detto come un complimento...........inutile fare polemica con chi si fatto un pregiudizio nei miei confronti...........<br>Passiamo al dunque.<br>Inversione delle fasi stato solo un modo abbreviato di dire un concetto che non sentivo la necessit&agrave; di spiegare pi in dettaglio, per non essere prolisso e perch poi abbiamo parlato della stessa cosa tante volte:<br>Ma provo a rispiegarlo meglio:<br>Nelle condizioni di funzionamento normale un trasformatore vede entrare potenza dal lato in MT e uscirne dal lato in BT per andare verso i carichi.<br>Ovviamente questa potenza la vede entrare in ciascuna delle fasi (e parimenti uscire).<br>Ovviamente quando parlo di verso della potenza mi riferisco al verso del fasore della corrente, essendo la corrente alternata e non avendo la potenza caratteristiche di grandezza vettoriale (non mi fate i pignoli pure qui, per cortesia, non sono il caprone che credi anche se mi pare di capire che ti piacerebbe affibbiarmi questo epiteto..........), potendosi operare per questa solo somme algebriche.<br>Perch il trasformatore funzioni bene, ovviamente, la condizione migliore sarebbe che la corrente che entra in ciascuna fase dal lato MT, che poi viene trasformata in BT ed esce cos, sia equilibrata.<br>In teoria non ci sarebbe bisogno di dire che la potenza resta la stessa ma ne cambiano i valori dei moltiplicatori tensione e corrente.........per siccome qui a far la parte del caprone per ora pare ci vogliano mettere il sottoscritto lo dico, senn chiss&agrave; quante risate...........<br>Fin qui nulla di nuovo, ho detto ovviet&agrave;.<br>Quello che voglio dire di nuovo un&#39;altra cosa.<br>Mi riferisco alla possibilit&agrave; che il verso della corrente in una delle fasi in BT cambi, invertendosi rispetto a quello finora sempre stato il suo verso classico, cio in uscita dal trasformatore MT-BT.<br>Poich so benissimo (a differenza di quanto mi vuoi mettere in bocca) che il trasformatore reversibile (e questo concetto ovviamente asseribile fra fase e fase) questo dovrebbe comportare un&#39;inversione di senso anche nella corrente concatenata del lato in MT corrispondente a quello in BT in cui si avuta l&#39;inversione di senso della corrente (ovviamente del relativo fasore).<br>Succederebbe cos che non ci sarebbe pi l&#39;elisione dei versori dei fasori delle correnti, sia nel lato in BT che in quello in MT.<br>A proposito.....devo dire pure cos&#39; un versore o ti fidi?<br>Vabb........lo dico senn passo per uno che non lo sa.<br>Un versore un vettore di modulo unitario che serve solo a dare direzione e verso ad un altro vettore, parallelo a questo ed avente modulo proporzionale.<br>Va detto che nei trasformatori MT-BT il lato in BT fatto a stella, mentre quello in MT a triangolo.<br>Il fatto che, geometricamente parlando, i versori &quot;non si rincorrono pi&quot; sia nel lato a triangolo sia in quello a stella ingenera un nuovo fasore (cio una corrente) non nullo, descrivibile tal quale o come avente caratteristica omopolare, cio tre vettori paralleli e anche loro aventi modulo proporzionale ad un versore unico.<br>Ovviamente non importa il loro punto d&#39;applicazione poich stiamo parlando di fasori, ma se non lo dico passo per &quot;terribile&quot;.<br>E&#39; il caso di dire che normalmente i tre vettori sarebbero sfasati di 120, oppure devo essere tacciato anche di non sapere cos&#39; un angolo di fase?<br>Ma riprendiamo il discorso.......<br>Questa corrente dove va a finire?<br>Dalle conclusioni a cui sono arrivato io questa corrente non esce dal trasformatore, ma circola nel lato MT come fosse una corrente di cortocircuito, che quindi lo pu danneggiare.<br>Se in questa condizione una certa quantit&agrave; d&#39;energia deve essere dissipata nel trasformatore come faccio a dire che un verso vale l&#39;altro per tutte e tre le fasi?<br>E quindi come posso asserire che il trasformatore MT-BT del tutto reversibile?<br>Ovvio che lo fra i singoli accoppiamenti (non discuto), ma in questo caso?<br>Per il normale caso di consumo i carichi hanno un solo verso, possono avere modulo nullo, vero, ma possono anche essere &quot;distribuiti&quot; sui tre angoli di fase con degli opportuni accorgimenti, quindi praticamente riequilibrando le fasi, ma i cui versi dei fasori nelle correnti hanno sempre un solo verso.<br><br>La mia domanda questa:<br>Cosa succede invece nel caso che ho appena descritto, cio inversione di uno dei sensi dei fasori?<br>Funziona cos anche in questo caso?<br><br>Io la reputo una domanda nient&#39;affatto banale e spero di averti dimostrato che non sono uno che di elettrotecnica non ne capisce nulla perch senn questa domanda non me la sarei nemmeno fatta.<br><br>E poich questa domanda (a cui ancora non ho avuto risposta) del tutto legittima e io non sono un ingegnere elettronico o elettrotecnico n un perito elettronico o elettrotecnico ma un perito chimico e un ingegnere dell&#39;ambiente e il terrirorio laureato col vecchio ordinamento (comunque per questo il mio titolo di studio non meno degno rispetto agli altri, di cui non dicuto la validit&agrave posso anche avere poca esperienza del settore, ma ti prego di smetterla di dire che certe cose non le capisco.<br><br>Non perder pi tempo a spiegare tutto in questo modo di nuovo, la domanda chiara.<br><br>Se possibile vorrei una risposta altrettanto chiara.<br><br>Evito altri inutili commenti.

                  Commenta


                  • #10
                    Tecnicamente non sono all&#39;altezza di starvi dietro certo sarebbe meglio smorzare i toni..., ma sicuramente per questi o altri motivi ci sono linee dove non si pu immettere energia e questa una voce di corridoio che ho sentito anch&#39;io.<br>Bisognerebbe saperne di pi ma non credo siano informazioni facili da reperire.

                    Commenta


                    • #11
                      Scusate se continuo questo off topic<br><br>La rete attualmente non fatta &quot;per immetterci corrente&quot; se non per una percentuale, stabilita penso anche dall&#39;enel intorno al 20%.<br>In Italia almeno siamo i primi ad avere cambiato i contatori con quelli bidirezionali, e, secondo la nuova (2005) piattaforma tecnologica europea smartgrid, entro il 2020 potremo avere le reti intelligenti.<br>Se queste reti non sono oggi sviluppate, anche perch sono basate su tecnologie digitali, che come tutti sappiamo sono in continua evoluzione, quindi sarebbe sciocco investire adesso se ne avremo reale bisogno forse fra 20 anni.

                      Commenta


                      • #12
                        bravissimi complimentoni avete capito che la rete il mezzo fisico di trasporto dell&#39;energia......e quindi sar&agrave; adatta ad un maggior quantitativo di energia che dovr&agrave; circolare....secondo voi su un piano squisitamente fisico che deifferenza c tra immissione e trsaporto quindi da A a B o da B a A conoscete il pricipio della distrubuzione della rete pubblica cosi detta ad anello??<br><br>quaindi abbiamo capito che il problema e vecchio che grava su una rete vecchia e che ha il problema non nell&#39;immissione che relativo a valori impercettibili ( sul totale trasportato) ma sulla continua richiesta di energia che ogni giorno e maggiore.......noi con i nostri impiantini abbiamo solo scatenato il problema che spesso ci viene fatto pesare.....sembra quasi colpa nostra&#33;&#33;&#33;<br><br>ciao belli&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/689c8651547d1f5c9d17fe0efbab9322.gif" alt="image">
                        "MAKE YOUR ENERGY!!"

                        on SKYPE econtek-italy

                        "la vera sfida non realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

                        Commenta


                        • #13
                          Bene........smorzando i toni devo dire che sono contento, la discussione prende la piega giusta......... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6cefd4de92056c8b71ba7cfcd63285eb.gif" alt=""><br>In effetti Econtek ha ragione.<br>l&#39;ENEL sa di questi problemi, la colpa non di chi cerca di spingere per diffondere le FER, ma di chi sa e non parla.<br>Ripeto.......non a caso nell&#39;ultima versione del DK5940 si dice esplicitamente che anche l&#39;accumulo (seppure eventuale) adesso conteplato nella possibilit&agrave; costruttiva dell&#39;impianto FV connesso in rete.<br>E&#39; una differenza importante, forse l&#39;unica vera differenza fra la prima e la seconda versione del DK5940.<br>Ma qui usicrei fuori tema, per cui mi fermo...<br>Distinti saluti&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c6a312c2ab0fac3ee95cb26f617f8ec4.gif" alt="">

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ad80 @ 21/10/2007, 22:07)</div><div id="quote" align="left">Nelle condizioni di funzionamento normale un trasformatore vede entrare potenza dal lato in MT e uscirne dal lato in BT per andare verso i carichi....</div></div><br>Scusa il tono non volglio offenderti . <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/947451dd34571a725cfc476ab61a7dc0.gif" alt=""><br>tempo fa citai Olivieri Ravelli &quot;macchine elettriche volume 2&quot; per caso lo hai consultato ?<br>Risponde pienamene alla tua domanda affermando che la macchina reversibile e tracciando i diagrammi vettoriali delle correnti .<br>ora non ho tempo, ma se volete scannerizzo le pagine interessate e le posto .<br>fatemi sapere<br>a presto da Recoplan<br>

                            Commenta


                            • #15
                              Siamo in perfetto off topic&#33;<br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4b60a92346eb2a20ce97665ee4b97b35.gif" alt="">

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 26/10/2007, 15:05)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ad80 @ 21/10/2007, 22:07)</div><div id="quote" align="left">Nelle condizioni di funzionamento normale un trasformatore vede entrare potenza dal lato in MT e uscirne dal lato in BT per andare verso i carichi....</div></div><br>Scusa il tono non volglio offenderti . <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/96ea2a76d181e88eae13e5341c373f13.gif" alt=""><br>tempo fa citai Olivieri Ravelli &quot;macchine elettriche volume 2&quot; per caso lo hai consultato ?<br>Risponde pienamene alla tua domanda affermando che la macchina reversibile e tracciando i diagrammi vettoriali delle correnti .<br>ora non ho tempo, ma se volete scannerizzo le pagine interessate e le posto .<br>fatemi sapere<br>a presto da Recoplan</div></div><br>No, non l&#39;ho potuto leggere........sono stato molto incasinato per motivi no lavorativi e mi trovo a migliaia di km di distanza da casa.......<br>Comunque nessuna offesa e nessun problema se reca le risposte che cerco.<br>La questione abbastanza chiara, penso...........<br>una fase avente verso della corrente opposto alle altre due, condizione che ovviamente pu crearsi con l&#39;immissioen in rete in monofase.<br>Anzi........ proprio asserendo la reversibilit&agrave; dei trasformatori che mi creo il problema, perch un&#39;inversion di senso che nasce in BT creerebbe problemi nel lato in MT che a triangolo.<br>Comunque hanno ragione a dire che siamo fuori tema.<br>Continuiamo la questione sul topic &quot;problematiche impianti FV&quot; o per messaggio privato, ok?

                                Commenta


                                • #17
                                  Comunque non trasferitevi in privato privandoci della discussione che senza dubbio una ricchezza per tuttti (d&#39;altronde lo scopo di un forum propio questo) postate nella sezione giusta e rendeteci partecipi&#33;<br>Ciao

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (lfgrandimpianti @ 27/10/2007, 10:55)</div><div id="quote" align="left">Comunque non trasferitevi in privato privandoci della discussione che senza dubbio una ricchezza per tuttti (d&#39;altronde lo scopo di un forum propio questo) postate nella sezione giusta e rendeteci partecipi&#33;<br>Ciao</div></div><br>Ok, a mutuo beneficio <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/52dcbdcc918d4595e570e854bfa0c937.gif" alt=":B):">

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 26/10/2007, 15:05)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ad80 @ 21/10/2007, 22:07)</div><div id="quote" align="left">Nelle condizioni di funzionamento normale un trasformatore vede entrare potenza dal lato in MT e uscirne dal lato in BT per andare verso i carichi....</div></div><br>Scusa il tono non volglio offenderti . <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9e26c1bb0bc5da63fb9d13fd8f2d73a6.gif" alt=""><br>tempo fa citai Olivieri Ravelli &quot;macchine elettriche volume 2&quot; per caso lo hai consultato ?<br>Risponde pienamene alla tua domanda affermando che la macchina reversibile e tracciando i diagrammi vettoriali delle correnti .<br>ora non ho tempo, ma se volete scannerizzo le pagine interessate e le posto .<br>fatemi sapere<br>a presto da Recoplan</div></div><br>bada che mi hai ricordato....il mitico OLIVIERI RAVELLI la bibbia dell&#39;elettrotecnica a sto punto te devo risponde cosi<br><br>OLIVIERI RAVELLI<br><br>ELETTROTECNICA volume IV<br><br>impianti di generazione e trasporto dell&#39;energia elettrica.<br><br>PARTRE TERZA<br><br>Reti primarie per la trasmissione dell&#39;energia elettrica pag 369-517<br><br>auguriiiiiiiiiiiiiiiiiii&#33;&#33;&#33; &#33;<br><br>li &#39;c&#39; tutto quallo che non vorreste sentivi dire <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21026be7247abe2a58ec7a3f09b7c62c.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21026be7247abe2a58ec7a3f09b7c62c.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21026be7247abe2a58ec7a3f09b7c62c.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21026be7247abe2a58ec7a3f09b7c62c.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21026be7247abe2a58ec7a3f09b7c62c.gif" alt="image">
                                      "MAKE YOUR ENERGY!!"

                                      on SKYPE econtek-italy

                                      "la vera sfida non realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

                                      Commenta


                                      • #20
                                        A mio parere il discorso delle correnti in MT e BT si riconduce al problema del guasto monofase su linea trifase, ci sono correnti di guasto squilibrate e circolanti all&#39;interno del trasformatore.<br>Tale condizione anomala deve essere prevista dal progettista che deve tarare opportunamente le protezioni.<br>Da quanto ricordo, dai tempi lontani dell&#39;universit&agrave;, un trasformatore trifase pu tranquillamente alimentare un carico monofase.<br>Nel caso di piccole immissioni quali quelle di un impianto fotovoltaico da pochi Kwp queste correnti sono paragonabili a quelle parassite e non dovrebbero dare problemi al trasformatore.<br>In ogni caso compito delle protezioni proteggere il trasformatore da tutte le condizioni anomale che lo possano portare al guasto.<br>Comunque per potenze piccole l&#39;energia immessa in rete da un impianto fotovoltaico dovrebbe essere consumata dalle utenze collegate alla rete nelle immediate vicinanze e non interessare il trasformatore MT/BT dell&#39;ENEL.<br>Per il problema delle reti queste sono bidirezionali, sono spesso chiuse ad anello ed anche in condizioni normali di funzionamento un ramo pu avere versi di potenza entranti od uscenti a seconda delle richieste dei carichi.<br>Il problema dell&#39;inadeguatezza delle linee ENEL dovuta al fattore che le parti terminali della rete hanno sezioni limitate e non potrebbero reggere ad elevate correnti in ingresso, ma questo importante solo per impianti fotovoltaici di taglia superiore alle decine di Kwp.<br>Il discorso identico se fai un aumento di potenza, le sezioni terminali dovrebbero essere adeguate alle potenze entranti, se non lo sono compito dell&#39;ENEL adeguarle.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          OK &#33;&#33;&#33; Sole di Sicilia&#33;
                                          GIULIANO
                                          _____________
                                          ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Sole di Sicilia @ 27/10/2007, 22:44)</div><div id="quote" align="left">A mio parere il discorso delle correnti in MT e BT si riconduce al problema del guasto monofase su linea trifase, ci sono correnti di guasto squilibrate e circolanti all&#39;interno del trasformatore.<br>Tale condizione anomala deve essere prevista dal progettista che deve tarare opportunamente le protezioni.<br>Da quanto ricordo, dai tempi lontani dell&#39;universit&agrave;, un trasformatore trifase pu tranquillamente alimentare un carico monofase.<br>Nel caso di piccole immissioni quali quelle di un impianto fotovoltaico da pochi Kwp queste correnti sono paragonabili a quelle parassite e non dovrebbero dare problemi al trasformatore.<br>In ogni caso compito delle protezioni proteggere il trasformatore da tutte le condizioni anomale che lo possano portare al guasto.<br>Comunque per potenze piccole l&#39;energia immessa in rete da un impianto fotovoltaico dovrebbe essere consumata dalle utenze collegate alla rete nelle immediate vicinanze e non interessare il trasformatore MT/BT dell&#39;ENEL.<br>Per il problema delle reti queste sono bidirezionali, sono spesso chiuse ad anello ed anche in condizioni normali di funzionamento un ramo pu avere versi di potenza entranti od uscenti a seconda delle richieste dei carichi.<br>Il problema dell&#39;inadeguatezza delle linee ENEL dovuta al fattore che le parti terminali della rete hanno sezioni limitate e non potrebbero reggere ad elevate correnti in ingresso, ma questo importante solo per impianti fotovoltaici di taglia superiore alle decine di Kwp.<br>Il discorso identico se fai un aumento di potenza, le sezioni terminali dovrebbero essere adeguate alle potenze entranti, se non lo sono compito dell&#39;ENEL adeguarle.</div></div><br>Considera che la rete in BT ad albero o a stella, ma non a maglia.<br>Nelle linee in BT lo scambio pu aversi o nella stessa linea o attraverso il trasformatore, non so se mi sono spiegato.<br>Il discorso dello scambio di potenza fra i nodi vale solo in MT.<br>E poi proprio il dover prevedere questa &quot;nuova&quot; condizione di progetto, senz&#39;altro estrema, ma che dovendo essere soddisfatta pone un limite fisico alla quantit&agrave; di potenza da immettere in rete (e perci al numero di utenti che possono farlo).<br>Ho molte altre cose da dire a riguardo, ma questo topic non c&#39;entra nulla con questi discorsi, per cortesia.........spostiamoci sul topic &quot;problematiche impianti FV&quot;.<br><br><span class="edit">Edited by ad80 - 29/10/2007, 17:57</span>

                                            Commenta

                                            Attendi un attimo...
                                            X
                                            TOP100-SOLAR