adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Trasformatore BT/MT

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Trasformatore BT/MT

    Salve ragazzi,<br>la mia domanda è questa:<br>dovendo allacciare un impianto fotovoltaico da 100 kWp, per una utenza che ha gia una cabina di trasformazione, posso utilizzarelo stesso trasformatore bidirezionalmente?<br>Nel senso che quondo c&#39;è da prelevare mi trasforma da MT a Bt, e quando c&#39;è da immettere mi trasforma da BT a MT?<br>Oppure devo installare un ulteriore trasformatore solo per la conversione per l&#39;immissione?<br>Spero di aver spiegato al meglio la ma domanda&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br>Grazie<br><br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1f1d41ded1e6aed6115ecd70ae65c516.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1b82291255d4593ce913dcf93bd30f15.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1f1d41ded1e6aed6115ecd70ae65c516.gif" alt="">

  • #2
    In linea di principio si, bisogna però fare un corretto calcolo delle protezioni e dei cavi sia in BT che in MT che possono essere diverse da quelle per potenza solo entrante.

    Commenta


    • #3
      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (totoepeppino @ 27/10/2007, 19:09)</div><div id="quote" align="left">dovendo allacciare un impianto fotovoltaico da 100 kWp, per una utenza che ha gia una cabina di trasformazione, posso utilizzarelo stesso trasformatore bidirezionalmente?</div></div><br>Premessa<br>Un impianto di quel tipo deve essere Progettato dal punto di vista elettrotecnico : cercati un progettista che conosca la media tensione . Al limite scrivimi in privato .<br><br>Comunque valuta la situazione :<br>distanza del campo FV dal trasformatore esistente (portare in giro 100 kw a 400 V ha un &quot;costo&quot; diverso che portarli in giro a 15KV)<br>percentuale di autoconsumo , tensione alla quale viene utilizzata la potenza e distanza dal campo FV<br>taglia e rendimento del attuale trasformatore di Mt , suo possibile distacco nelle ore senza carico<br>spazio ed opere murarie per Mt<br>tensione di uscita dell&#39;inverter<br><br>Ciao da Recoplan<br><br><span class="edit">Edited by recoplan - 13/11/2007, 11:05</span>

      Commenta


      • #4
        a rg&agrave; ve lo ricordate Kirchhoff ecco dateie na letta 1° principio se non erro e attenzione alla definizione di &quot;somma algebrica delle correnti&quot; ma per finire in bellezza oserei citare anche dare uno sguardo alla teoria delli linee di tramissione......(vedi allegato) e magari qualche cenno sull&#39;elettromagnetismo applicato ai trafo....<br><br><br><a href="http://www.die.uniroma1.it/personale/frezza/biblioteca/libri/R.Orta,TeoriadelleLineediTrasmissione.pdf" target="_blank">http://www.die.uniroma1.it/personale/frezz...rasmissione.pdf</a><br><br><br><br><br><a href="http://www.barrascarpetta.org/01_ele/m_4/m4_u10b.htm" target="_blank">trasformatore trifasi su carico squilibrato</a>
        "MAKE YOUR ENERGY!!"

        on SKYPE econtek-italy

        "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (totoepeppino @ 27/10/2007, 19:09)</div><div id="quote" align="left">Salve ragazzi,<br>la mia domanda è questa:<br>dovendo allacciare un impianto fotovoltaico da 100 kWp, per una utenza che ha gia una cabina di trasformazione, posso utilizzarelo stesso trasformatore bidirezionalmente?<br>Nel senso che quondo c&#39;è da prelevare mi trasforma da MT a Bt, e quando c&#39;è da immettere mi trasforma da BT a MT?<br>Oppure devo installare un ulteriore trasformatore solo per la conversione per l&#39;immissione?<br>Spero di aver spiegato al meglio la ma domanda&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br>Grazie<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c80d79abd2eed67912972c117e1b5ab.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f9c4c7b319c43f735b57b4e5af9a06f2.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c80d79abd2eed67912972c117e1b5ab.gif" alt=""></div></div><br>L&#39;uscita da allacciare alla rete è in monofase o in trifase?<br><br>Può sembrare una domanda cretina ma non lo è.........

          Commenta


          • #6
            Si non è poco cretina ma <b>MOLTO</b>:<br>Secondo te è possibile uscire in monofase con 100 kW ?
            GIULIANO
            _____________
            ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

            Commenta


            • #7
              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 29/10/2007, 20:43)</div><div id="quote" align="left">Si non è poco cretina ma <b>MOLTO</b>:<br>Secondo te è possibile uscire in monofase con 100 kW ?</div></div><br>E ti pareva che non c&#39;era la risposta colorita..........<br>L&#39;ho visto fare in Veneto con potenze superiori a 50 kW............OK?<br>Da qui la domanda.......<br>Ed infatti è una str..........., ma dal momento che è successo diventa una domanda meno cretina, non credi?.......... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6b0c05d9d3787d5b4ba5bfd8c99641aa.gif" alt=""><br>Ciao&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8177dba46bf425868b3e1576d86cd528.gif" alt=""><br>

              Commenta


              • #8
                La norma CEI (e la DK 5940 ENEL) prevede allaccio obbligatorio in trifase per potenza superiore a 6 kW<br>Di conseguenza l&#39;allaccio che citi in VENETO è fuori norma ovvero non è realizzato a regola d&#39;arte con tutte le conseguenze del caso&#33;&#33;&#33;<br>

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (palozzo @ 30/10/2007, 08:59)</div><div id="quote" align="left">La norma CEI (e la DK 5940 ENEL) prevede allaccio obbligatorio in trifase per potenza superiore a 6 kW<br>Di conseguenza l&#39;allaccio che citi in VENETO è fuori norma ovvero non è realizzato a regola d&#39;arte con tutte le conseguenze del caso&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Concordo pienamente, infatti questo piangeva per i soldi che ha speso affidandosi a qualche pazzo (non sono stato io, eh? A scanso di pensieri cattivi che possono nascere nella testa di qualcuno........per la cronaca l&#39;ho saputo a Genova ad un convegno sei mesi fa, non ci credevo nemmeno io)<br>E vorrei vedere che non funziona...........<br>Ma sai........poichè l&#39;ho visto fare mi sorgeva spontanea la domanda dal sapore cretino <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3c316f9e1c8ed57846e871fc2ceb5b52.gif" alt=""> .........<br>ad ogni modo credo che questo discorso sia un pò &quot;off topic&quot;, per cui passo e chiudo

                  Commenta


                  • #10
                    Dovresti anche verificare qual è la potenza impegnata all&#39;interno della struttura (se c&#39;è la cabina di trasformazione presumo >100 kW), nonchè se il sistema di trasformazione ha potenza superiore a 100 kW (schema unifilare alla mano, a seconda di dove fai il parlallelo)

                    Commenta


                    • #11
                      Per <b>AD80</b><br>Io veramente faccio fatica a capire &#33;&#33;<br>Probabilmente a Genova eri, diciamo così, un poco (molto) distratto.<br>Sicuramente si parlava da allaccio di un impianto in rete direttamente in BT.<br>Lo sai quanti Amp. in <u><b>monofase</b></u> sono 100 kW.<br>Sono 454 A. Che sezione di linea ci vuoi mettere.<br>Dimmi.
                      GIULIANO
                      _____________
                      ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                      Commenta


                      • #12
                        Gent. ragazzi non riscaldatevi&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br>La cabina di trasformazione esistente va ad alimentare un ristorante-albergo, con una potenza contrattuale di 100 kW, logicamente in trifase.<br><br>L&#39;impianto fotovoltaico che si dovrebbe realizzare è stato dimensionato sui consumi della struttura( trifase), quindi la maggior parte di energia prodotta dal nostro impianto fotovoltaico sar&agrave; prima autoconsumata, il surplus sar&agrave; immesso in rete.<br><br>sicuramente ci sar&agrave; il periodo di bassa stagione dove l&#39;autoconsumo sar&agrave; minore, e quindi l&#39;energia immessa sar&agrave; maggiore, e al contrario nell&#39;alta stagione, dove probabilmente possono esserci momenti in cui si dovr&agrave; integrare la produzione prelevando energia dalla rete.<br><br>Quindi in questo caso conviene installare un secondo trasformatore solo per l&#39;immissione in rete, facendo il parallelo in MT, ma a questo punto non sarò più autoproduttore, ma produttore di energia e basta?<br><br>di nuovo grazie.<br><br>

                        Commenta


                        • #13
                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 30/10/2007, 14:54)</div><div id="quote" align="left">Per <b>AD80</b><br>Io veramente faccio fatica a capire &#33;&#33;<br>Probabilmente a Genova eri, diciamo così, un poco (molto) distratto.<br>Sicuramente si parlava da allaccio di un impianto in rete direttamente in BT.<br>Lo sai quanti Amp. in <u><b>monofase</b></u> sono 100 kW.<br>Sono 454 A. Che sezione di linea ci vuoi mettere.<br>Dimmi.</div></div><br>L&#39;anno scorso ho progettato un impianto che non immetteva in rete di 15 kWp.<br>Non si trattava di uno stand-alone, ma di un grid-connected allora non beneficiante del conto energia data la particolare configurazione costruttiva.<br>Era tutto in monofase ed era diviso in 4 sottosezioni delle quali la più caricata portava 4,5 kWp.<br>Era asservito ad un impianto di acquacoltura dalle parti di Villasmundo, vicino Augusta (SR).<br><br>Anche in quel caso a GE il proprietario mi disse che l’impianto era più grande di 50 kW ed era diviso in sottosezioni.<br>Ogni sottosezione aveva un inverter dedicato, ma non mi disse nulla di più.<br>Non sapendo quale era la potenza complessiva non so nemmeno quale era la potenza di ogni sottosezione dell’impianto.<br>Avrebbe potuto essere anche di potenza tale da poter lavorare in scambio sul posto e la propriet&agrave; suddivisa in modo da poter avere più di un punto di consegna dell’energia.<br>Potevano anche avere degli inverter di immissione di dimensioni contenute e quindi monofase anche se prendevano corrente rifase dalla rete.<br>Poi non so nemmeno che tipo di utilizzo dell’energia avevano.<br>Può darsi che consumassero stabilmente la maggior parte dell’energia che producevano.<br>Un problema lo ricordo, cioè che diceva che alcuni degli inverter saltavano continuamente.<br>Ma comunque ci sono troppe cose che non mi ha detto per asserire di più su quest’impianto, e anche per dare dell’incompetente a chi lo ha fatto.<br>Dico solo quello che ho sentito dire, il che non vuol dire che io lo approvi...............se non ho approfondito il discorso...........<br>L&#39;unico dubbio che mi sorge è perchè abbia detto più di 50 kW in monofase, perchè questo l&#39;ho sentito e vista così è un&#39;assurdit&agrave;.<br>Ma solo se considero che questi 50 kW passano su una sola linea, cosa mica scontata.

                          Commenta


                          • #14
                            [QUOTE=totoepeppino,30/10/2007, 16:07]<br>La cabina di trasformazione esistente va ad alimentare un ristorante-albergo, con una potenza contrattuale di 100 kW, logicamente in trifase.<br><span style="color:red">Che potenza ha l&#39;attuale trasforamatore ? che perdite dovute al ferro ? che perdite dovute al rame ? Forse conviene buttare l&#39;attuale trafo e sostituirlo con uno più efficente &#33;</span><br>Quindi in questo caso conviene installare un secondo trasformatore solo per l&#39;immissione in rete, facendo il parallelo in MT <span style="color:red">Non ti capisco a cosa ti serve trasformare il 400V trifase in media tensione per poi riportarla in BT (avrebbe un senso solo se la distanza tra il campo FV e l&#39;albergo fosse maggiore 800-1000mt ) fai direttamente il parallelo a 400V trifase . </span>.<br>ma a questo punto non sarò più autoproduttore, ma produttore di energia e basta <span style="color:red">e perchè mai ? tu hai un contratto con enel in media tensione per cui il parallelo lo fai prima del punto di consegna .</span><br><br>Ciao da Recoplan<br><br><span class="edit">Edited by recoplan - 30/10/2007, 18:01</span>

                            Commenta


                            • #15
                              ciao rag&agrave;,<br>sto realizzando un impiato da 1 MW su campo, potete indicarmi un produttore di trasformatori in MT.<br>Domanda: Cmq, se dovessi prendere un trasformatore per la MT devo prenderlo unidirezionale per il mio caso???

                              Commenta


                              • #16
                                Chiedi ad <b>ad80</b> che è esperto di trasformatori unidirezionali.<br>Io non li conosco &#33;&#33;&#33;
                                GIULIANO
                                _____________
                                ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Eliot Vans @ 30/10/2007, 17:31)</div><div id="quote" align="left">ciao rag&agrave;,<br>sto realizzando un impiato da 1 MW su campo, potete indicarmi un produttore di trasformatori in MT.<br>Domanda: Cmq, se dovessi prendere un trasformatore per la MT devo prenderlo unidirezionale per il mio caso???</div></div><br>Non arrabbiati (sto scherzando) se trovi chi li poduce fammi sapere intersserebbe anche a me averne uno<br><br>ciao da Recoplan

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Per REcoplan, o comunque anche agli altri&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Facendo il parallelo a 380 V, se l&#39;impianto fotovoltaico mi produce più di quello che sto consumando, che fine fa l&#39;energia sovraprodotta, come faccio a buttarla nella rete MT? Mi occorre sempre un trasformatore che mi alzi da bt a mt?<br>Come fare poi il collegamento con i 2 trasformatori?<br><br>Comunque la cabina è abbastanza nuova (circa 3 anni), e la distanza è piccola (circa 30 mt) dalla cabina all&#39;albergo:<br><br>Ciao e grazie<br>peppino <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/95de361bb1eed314429c0fae6261a1b0.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/95de361bb1eed314429c0fae6261a1b0.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/95de361bb1eed314429c0fae6261a1b0.gif" alt="">

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 30/10/2007, 18:15)</div><div id="quote" align="left">Chiedi ad <b>ad80</b> che è esperto di trasformatori unidirezionali.<br>Io non li conosco &#33;&#33;&#33;</div></div><br>Prendimi ancora in giro, mi raccomando............<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/71116f8ac7f9f675abe606cd82d88ff1.gif" alt="&lt;_&lt;"><br><br>La sostanza dei miei discorsi non cambia.<br>Ho sempre parlato di inversione della corrente in una sola fase e asserito la reversibilit&agrave; dei trasformatori nel caso classico.<br>Cosa poi succede a causa delle mutue induzioni fra le bobine (soprattutto se hanno correnti discordi), della LKT nel lato a triangolo e della LKC nel centro stella in BT del trasformatore (che è messo a terra) se vuoi spiegamelo tu.<br><br>Ma finora da te non ho sentito nulla, solo toni sarcastici o offensivi nei miei confronti.<br><br>Almeno gli altri si sono limitati a dire la loro.........<br><br>Non mi sembra questo tuo atteggiamento aiuti a risolvere questo mio dubbio o a spiegare il problema.<br><br><br><br>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Le mutue induzioni all&#39;interno del trasformatore trifase si comportano esattamente come le corrento componendosi vettorialmente.<br>Quindi non esiste alcun problema.<br>Se però ti rimangono dubbi, e questo è più che legittimo, io ti consiglio di consultare l&#39;Olivieri Ravelli (macchine elettriche)<br><br>Per totoepeppino:<br>Non devi installare alcun trasformatore aggiuntivo; Come diceva gi&agrave; qualc&#39;uno forse è il caso di verificare la taratura delle protezioni.<br>Ti consiglio di rivolgerti ad una persona esperta &#33;
                                        GIULIANO
                                        _____________
                                        ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ciao eliot <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cfd13cf12d704fb07478e87b42c99302.gif" alt=":lol:"> per quel tipo di impianto necessita di una consulenza cmq per i tr. te ne servono almeno 2 prova questa strada lucia.dimarco@enel.it o chiamando allo 06/83057743.<br>poi contatta info@marnatetrasformatori.it effettuano trattamento e riparazione <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ce844d58a50f27fbd9120fd2dfeee4ed.gif" alt=""><br>non so se sia usato garantito.... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ce844d58a50f27fbd9120fd2dfeee4ed.gif" alt="">

                                          Commenta


                                          • #22
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 3/11/2007, 14:45)</div><div id="quote" align="left">Le mutue induzioni all&#39;interno del trasformatore trifase si comportano esattamente come le corrento componendosi vettorialmente.<br>Quindi non esiste alcun problema.</div></div><br>Il problema c&#39;è invece........ed è proprio dovuto a queste<br>Se la corrente in una bobina in BT dovesse invertire il suo senso nella bobina accoppiata a questa si vedr&agrave; un aumento di corrente indotta proprio perchè la bobina in MT deve compensare l&#39;inversione della tensione di questa e questo, per la LKT nel lato a triangolo, significa un aumento della corrente autoindotta nelle bobine in MT.<br>Mi sono fatto i conti e ho visto che questo comporta un aumento notevole della derivata nel tempo della corrente circolante nelle bobine.<br>Questo significa che mentre immetto corrente in una delle fasi (ma gli utenti che immettono in una fase devono essere molti perchè si arrivi a vedere che la corrente inverte il suo senso nella bobina) la corrente che circola nelle bobine lato MT cresce e non esce da lì perchè sennò la LKT non la soddisfo.<br>E questa non è una mia elucubrazione, è solo l&#39;applicazione della LKT al lato triangolo in MT.<br>Questo vuol dire che le perdite lato rame aumentano e possono farlo anche di molte volte.<br>Io mi sto facendo i conti esaminando tutti i tipi di sbilanciamento che si possono avere (dai carichi distribuiti a casaccio all&#39;immissione in una fase all&#39;immissione in due ecc.) e finora ho visto che in caso di immissione la corrente lato rame in MT è 3 volte quella massima che si avrebbe in caso tutti gli utenti, pur sbilanciati al massimo, tirassero corrente alla vecchia maniera.<br>Aumentare le perdite vuol dire che il rendimento cala parecchio, perchè le PCu aumentano e si sommano alle PFe, che restano pressochè costanti.<br>E&#39; vero che la potenza da somministrare al trasformatore diminuisce, ma non in misura pari a quello che si sta immettendo in rete.<br>Mi sono spiegato?<br>La sua diminuzione è una cosa buona (è quello che volevamo......) ma il fatto che la corrente circolante all&#39;interno del triangolo in MT cresce e che parimenti cresce quella circolante nel neutro (perchè lo sbilanciamento nelle correnti indotto da una fase in cui si inverte il verso è notevole, mi sono fatto i conti pure lì) può danneggiare il trasformatore e comunque mi porta a non poter più asserire che il trasformatore è reversibile nella totalit&agrave; dei casi.<br>Cioè se prima il trasformatore vede arrivare 9 e gli utenti tiravano 9 (mettiamo 3 per fase) ora se c&#39;è uno che invece di tirare 3 immette 1 il trasformatore in realt&agrave; non chieder&agrave; 5 alla rete in MT, cioè 3+3-1, ma chieder&agrave; di più perchè il suo rendimento sar&agrave; diminuito e parecchio.<br>Diverso sarebbe il discorso se immetto in trifase anche in BT, perchè carico alla stessa maniera tutte e tre le fasi.<br>Ma anche lì, se vado a guardare la formula del rendimento, lo vedo diminuire ugualmente.<br>Questo gi&agrave; ora da dei problemi durante la notte, quando i carichi sono bassi.<br>E&#39; quello che ho descritto è il particolare caso in cui non posso dire che il trasformatore è reversibile, non lo posso asserire, pure se me lo dicono tutti i libri del mondo, perchè ragionandoci su ho visto che funziona così.<br>Per le fasi prese ad una ad una un verso non vale l&#39;altro se uso il trasformatore MT-BT oggi in esercizio (con lato MT a triangolo e centro-stella in BT messo a terra, come si vede dal DK5600 e in tutti i trattati sui trasformatori che ho visto).<br>Per piacere non mi liquidate così presto dicendo che non ne capisco nulla.<br>Il problema di cui parlo è reale e se l&#39;immissione in rete in BT verr&agrave; massificata con le tecnologie attualmente in uso presto saranno guai.<br><br>Non sono ancora riuscito a trovare l&#39;Olivieri-Ravelli (molte scuole ed enti di formazione non lo usano più), ma ormai che mi avete messo la pulce nell&#39;orecchio lo troverò a qualsiasi costo.<br><br>Intanto ho gi&agrave; tapezzato un sacco di forum con domande come quella sopra, riguardanti questa particolare condizione di funzionamento del trasformatore.<br>Non ho avuto nessuna risposta da nessuno (nemmeno da gente che lavora nelle universit&agrave, quindi molto probabilmente l&#39;argomento non è così banale come sembra lo stiate riducendo........

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Dunque: se la corrente in una fase al secondario del trasformatore si inverte, la tensione al primario come si comporta ??<br>Si inverte? Ho capito Bene ?.
                                              GIULIANO
                                              _____________
                                              ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 4/11/2007, 19:36)</div><div id="quote" align="left">Dunque: se la corrente in una fase al secondario del trasformatore si inverte, la tensione al primario come si comporta ??<br>Si inverte? Ho capito Bene ?.</div></div><br>No, la tensione non si inverte e non cambia affatto, essendo forzatamente uguale alla tensione di lato in MT dato il collegamento a triangolo<br><br>Ma questa limitazione non vale per le correnti nelle bobine.<br><br>Mi spiego meglio.<br><br>Normalmente posso dire per il lato in MT:<br><br>1) L*(d/dt(IL1)+d/dt(IL2)+d/dt(IL3))+M*(d/dt(i1)+d/dt(i2)+d/dt(i3))=0<br><br>per la LKT su questo, tenendo conto dei segni delle onnipresenti mutue induzioni<br><br>Questo mi porta a dire anche:<br><br>2) L*(d/dt(IL1)+d/dt(IL2)+d/dt(IL3))=-M*d/dt(i0)<br><br>dove con i0 indico la corrente eventualmente circolante nel cavo di messa a terra del centro stella, con L l&#39;induttanza della bobina lato MT, con M=k*radq(L*l) il coefficiente di mutua induzione .<br><br>le i sono le correnti circolanti nelle bobine in BT ma, essendo il lato BT a stella, per la LKC corrispondono alle correnti circolanti nelle linee.<br><br>Se una delle i inverte il suo segno questo comporta, per la 1, che perché si mantenga uguale a 0 la somma totale, la derivata della somma delle IL cresce diventando positiva.<br><br>Poiché in condizioni di carico normale e bilanciato l’ho vista essere 0 questo vuol dire che in caso di immissione in rete la corrente lì dentro cresce.<br>

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  E&#39; chiaro che il carico non è più equilibrato &#33;&#33;<br>E che quindi non è possibile ammettere uno squilibrio superiore a quello indicato nella DK. All&#39;interno di tali squilibri il trasformatore può lavorare senza particolari problemi.<br>Comunque, in pura teoria (e per assurdo) in MT una fase potrebbe assorbire corrente e due fasi contemporaneamente fornire corrente.
                                                  GIULIANO
                                                  _____________
                                                  ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 5/11/2007, 12:46)</div><div id="quote" align="left">E&#39; chiaro che il carico non è più equilibrato &#33;&#33;<br>E che quindi non è possibile ammettere uno squilibrio superiore a quello indicato nella DK. All&#39;interno di tali squilibri il trasformatore può lavorare senza particolari problemi.<br>Comunque, in pura teoria (e per assurdo) in MT una fase potrebbe assorbire corrente e due fasi contemporaneamente fornire corrente.</div></div><br>Mi fa piacere che si prenda atto del fatto che il problema c&#39;è.<br>In realt&agrave;, come dicevo, esiste un limite grosso pure in MT e in trifase-BT, dovuto alla storia della riserva operativa, della quale ho gi&agrave; postato un articolo poco tempo fa (mi pare l&#39;abbia letto Recoplan........se non mi ricordo male).<br>Ma questa è un&#39;altra storia e qui gli sbilanciamenti non c&#39;entrano nulla.<br><br>Il fatto che in MT una fase possa fornire corrente e le altre due consumare corrente........non lo so...... perchè (anche se con tutte le conseguenze finora paventate) comunque il collegamento triangolo-stella a suo tempo servì proprio a riequilibrare gli sbilanciamenti fra le fasi in BT.......entro certi limiti (sennò tutto quello detto finora non avrebbe senso) perchè lo stella-stella dava problemi in caso di sbilanciamenti.<br>E in effetti anche in caso di inversione di corrente in una fase fa proprio questo........grazie al buon Kirchoff..........quindi il trasformatore richieder&agrave; meno energia, vero, ma a prezzo di possibili guasti e di un rendimento che sar&agrave; calato (non dimentichiamoci che il FV è sempre aleatorio come fornte d&#39;energia e senza accumulo la rete quest&#39;aleatoriet&agrave; la vede tutta).<br><br>Però a monte degli MT-BT, per quanto riguarda la trasformazione, gli altri apparecchi sono stella-stella.<br><br>Comunque non mi va di aprire un altro discorso (fra l&#39;altro OT, anche se interessante) in merito.<br>

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Per ad80 e gli altri:<br><br>vorrei riprendere se possibile una domanda fatta in precedenza:<br><br>- c&#39;è da prevedere un trasformatore bidirezionale per l&#39;allaccio in media?<br><br><br>grazie

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (diamante80 @ 12/11/2007, 23:42)</div><div id="quote" align="left">Per ad80 e gli altri:<br>vorrei riprendere se possibile una domanda fatta in precedenza:<br>- c&#39;è da prevedere un trasformatore bidirezionale per l&#39;allaccio in media?<br>grazie</div></div><br>Come abbiamo discusso parecchio tempo fa tutti i trasformatori sono bidirezionali, anche se comunque bisogna vedere come si usano, soprattutto quelli trifase (che ovviamente sono l&#39;oggetto del discorso).<br>Quindi, poichè in immissione in rete trifase il problema dello sbilanciamento non c&#39;è, non ci sono particolari accorgimenti da usare oltre le protezioni.<br>Tutt&#39;al più, se sei un produttore che cede alla rete forti quantit&agrave; d&#39;energia potresti fare un parallelo di trasformatori prima del punto di connessione (con i dovuti accorgimenti per non usare tutti e due i trasformatori insieme), così nei momenti in cui ne cedi poca hai un rendimento dei trasformatori maggiore perchè ne fai lavorare uno più piccolo.<br><br><br><br>

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (diamante80 @ 12/11/2007, 23:42)</div><div id="quote" align="left">...- c&#39;è da prevedere un trasformatore bidirezionale per l&#39;allaccio in media?...</div></div><br>premesso che FISICAMENTE tutti i trafo sono bidirezionali ;<br><br>La questione quindi è mi attacco in parallelo al lato Bt del trafo esistente (se esiste &#33 oppure mi attacco in parallelo alto Mt<br><br> Per poter decidere bisogna valutare quanto ti ho scritto tempo fa ?<br><br><span style="color:blue"><br>distanza del campo FV dal trasformatore esistente (portare in giro 100 kw a 400 V ha un &quot;costo&quot; diverso che portarli in giro a 15KV)<br>percentuale di autoconsumo , tensione alla quale viene utilizzata la potenza e distanza dal campo FV<br>taglia e rendimento del attuale trasformatore di Mt , suo possibile distacco nelle ore senza carico<br>spazio ed opere murarie per Mt<br>tensione di uscita dell&#39;inverter</span><br><br>Cio da Recoplan<br><br>

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Anche io mi trovo nella situazione di installare un impianto FV ad un trasformatore MT/BT gi&agrave; esistente.<br><br>Mi spiego meglio……………………<br><br>Questa industria ha un trafo da 630 kVA…………… il mio impianto è da 200 kW e, orientativamente, il consumo istantaneo è di circa 300 kW…………….<br><br>Cosa devo fare??? La cabina MT/BT ha meno di 1 anno di vita e non mi trovo di fronte a distanze superiori a 100 m, dal campo FV fino alla cabina.<br><br>Installo un nuovo trasformatore??? Ma poi come avviene l’autoconsumo????<br><br>Oppure, basta il trafo esistente???? Collego al quadro generale di bassa tensione il mio impianto fotovoltaico, come indicato dalla norma CEI 11-20. Ma in questo caso, dubbio amletico, l’autoconsumo e l&#39;eventuale immissione di energia in eccesso come avviene???<br><br>Grazie a tutti,<br><br><br>ciao

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR