adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

è davvero remunerativo dal punto di vista finanziario investire nel fotovoltaico ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • è davvero remunerativo dal punto di vista finanziario investire nel fotovoltaico ?

    Buongiorno, sperando di aver inserito questa discussione nella giusta sezione ,<br>premetto che non sono un tecnico ma un “ commerciale”, per cui la mia analisi è basata soprattutto sulla fattibilit&agrave; di un impianto dal punto della resa economica.<br>Ho fatto diversi conteggi e credo che a livello investimento siano operazioni con alti rischi e poca resa in relazione agli investimenti.<br>Ho trovato che un impianto per essere appetibile dal punto di vista della rendita economica dovrebbe avere queste caratteristiche.<br>Potenza installata 400 kWp<br><br>costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000)<br><br>finanziamento bancario a 18 anni tasso fisso 6.4%<br><br>produzione media kWh/kW installato 1800<br><br>produzione annua kWh 720.000<br><br>incentivo 0.36 totale euro 259.200<br><br>energia venduta euro 62.000<br><br>costo mutuo annuale euro 190.300<br><br>per differenza + euro 130.900<br><br>da togliere ancora costo gestione euro 10.000<br><br>assicurazione euro 5.000<br><br>totale euro 115.900<br><br>manca l&#39;eventuale valore del terreno affitto o acquisto.<br><br>Conclusione:<br>ammesso che tutti i dati siano reali, costi, resa, spesa, prestito totale, mi sembra che sia un&#39;operazione conveniente, della serie “ io mi sbatto, non metto nemmeno un quattrino e ho un utile”.<br>Nel caso dovessero variare delle componenti importanti, resa per kWh in relazione a siti con meno irradiazione solare, costo totale, ipoteche per il prestito, immobilizzo del capitale per acquisto terreno, insomma se il quadro prospettato non fosse reale, non credo possa essere un&#39;operazione appetibile.<br>Resto sempre dell&#39;idea che un fotovoltaico per autoconsumo con scambio sul posto sia un&#39;ottima operazione in abbinamento all&#39;abbassamento dei gas inquinanti che non è poca cosa.<br>Ho tirato giù dei numeri ( spero di non averli dati) che forse non sono reali, se qualcuno vuole dirmi la sua opinione ben venga.<br>Aspetto i vostri pareri<br>salute<br>bruno

  • #2
    Perchè una rata fissa? non si potrebbe fare una percentuale sulla produzione REALE?<br>Anche se in questo modo la banca si prende il rischio di vedersi tornare indietro il capitale in un tempo indeterminato. aho&#33; mica devo essere io a rischiare tutto, e loro stare sicuri al 100% di ricevere i soldi nei tempi previsti&#33;
    ciao
    Giorgio
    Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

    Commenta


    • #3
      ciao Giorgio, ho scritto rata fissa perchè i mutui variabili possono dare brutte sorprese.<br>Le banche non investono mai ( o quasi mai) nulla, non rischiano in prima persona su operazioni di questo tipo, ti risponderebbero no al 100%.<br>ti faccio un esempio stupido ma forse pertinente.<br>al casinò se giochi alla roulette giochi contro la &quot; casa&quot; , tu rischi, anche loro, e ti ripagano e si ripagano con percentuali di guadagno / rischio alte.<br>se invece giochi allo chemin de fer il casinò f&agrave; solo da &quot; mazziere&quot; per cui si prende una piccola percentuale sulle giocate fra i giocatori. Niente rischio poco guadagno.<br>Così le banche ( quasi) non si prendono rischi, ti prestano i soldi degli altri e ci guadagnano. fanno il &quot; passamano&quot; come diceva un mio amico &quot;fanno i finocchi col c..o degli altri &quot; ( facile).<br>chi glielo fa fare di rischiare?<br>se poi fosse un&#39;operazione ad alto guadagno e poco rischio, con il capitale che hanno, ma perchè dovrebbero guadagnare solo gli interessi prestando i quattrini? investirebbero in proprio. margini alti e niente rischio.<br>ad ogni modo come la pensi in merito alla mia analisi.<br>saluti<br>bruno

      Commenta


      • #4
        beh dai tui conti praticamente conviene fare un impianto da Malta in giù (quindi non in Italia) o meglio sull&#39;Atlante del Marocco o nel Sahara. Ed ovviamente con componenti un pò scadenti se vuoi 5000€/kwp.<br><br>I costi di gestione di 15.000€/anno non so dove li hai tirati fuori.<br><br>Normalmente un investimento medio in FV in Italia rende un utile del 10-15% annuo rispetto all&#39;investimento.<br><br>Quanto ci volevi guadagnare&#33;&#33;?? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/64c21ea828e9ea96a23d4e348d0a9f97.gif" alt=":huh:">

        Commenta


        • #5
          <br><br>costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000) <span style="color:green">ok (forse si può migliorare)</span><br><br>finanziamento bancario a 18 anni tasso fisso 6.4%<span style="color:green">a 6.2% a 20 anni lo trovi </span><br><br>produzione media kWh/kW installato 1800 <span style="color:green">dipende da quale zono d&#39;italia</span><br><br>produzione annua kWh 720.000 <span style="color:green">dipende da quale zono d&#39;italia</span><br><br><br>da togliere ancora costo gestione euro 10.000 <span style="color:green">è sicuramente migliorabile</span><br><br>assicurazione euro 5.000 <span style="color:green">dipende da cosa assicurano (mancata produzione,furto,ecc.)</span><br><br><br>manca l&#39;eventuale valore del terreno affitto o acquisto.<span style="color:green">senza fare i taccagni con il contadino direi 1% della produzione</span><br><br><span style="color:green">secondo me tutto è relativo se non si formulano dati precisi, infatti un TEA con relativi dati (certa) è sicuramente più plausibile</span><br><br>

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000) ok (forse si può migliorare)<br><br>....<br><br>produzione media kWh/kW installato 1800 dipende da quale zono d&#39;italia</div></div><br>5.000€/kwp sono pochi anche x 400 kwp a mio avviso a meno che &#39;made in china&#39;<br><br><br>e dove sarebbe sto posto in Italia dove c&#39;è una produzione di 1800kwh/kwp??????

            Commenta


            • #7
              risposta per Teknowin,<br>io ho fatto un&#39;analisi basata su una rendita in kwh eccezionale con un costo impianto abbastanza basso.<br>sono arrivato ad una resa del 6,5% sul capitale investito.<br>quando sento parlare di rese del 10/15% non capisco come vengano fatti i conteggi.<br>ammettiamo di avere una resa del 10% annuo, per arrivare a 100.000 euro bisogna investirne 1.000.000 al di l&agrave; della zona dov&#39;è l&#39;impianto, quanto costano i pannelli, se c&#39;è o no l&#39;assicurazione,e altre cose il totale è per avere 100.000 di guadagno sono 1.000.000 di spesa. I numeri sono questi.<br>vorrei vedere sulla carta un preventivo che mi può dare un emolumento simile, in una zona della Sicilia che se non sbaglio è la regione a più alta resa. Se poi anche la Sicilia non può dare 1800 kWh e d&agrave; meno, il mio ragionamento assume maggior valore in quanto la rendita in percentuale diminuisce.<br>se le mie previsioni sono sbagliate ed essendo troppo &quot; strette&quot; danno una resa del 6,5%, mi chiedo come si possa parlare di un guadagno in rapporto al capitale del 10 o addirittura del 15%.<br>Io per resa intendo ciò che mi rimane in tasca alla fine dell&#39;anno.<br>spero di essermi spiegato e di non venire frainteso, sentendo parlare di percentuali di utile considerevole ho cercato di capirci di più e credo che la mia risposta fino a prova contraria sia negativa.<br>saluti<br>bruno<br><br>

              Commenta


              • #8
                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (taote @ 5/1/2008, 15:47)</div><div id="quote" align="left">e dove sarebbe sto posto in Italia dove c&#39;è una produzione di 1800kwh/kwp??????</div></div><br>A Libreville&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0ff92cc77aa8035d48b7a87e8b93c112.gif" alt=":P"><br><br>In Italia metti che riesci a spremerne 1500 (e solo in poche regioni puoi riuscirci...), ma ti deve andare anche mooolto bene per arrivarci....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (bruno500 @ 5/1/2008, 16:17)</div><div id="quote" align="left">se le mie previsioni sono sbagliate ed essendo troppo &quot; strette&quot; danno una resa del 6,5%, mi chiedo come si possa parlare di un guadagno in rapporto al capitale del 10 o addirittura del 15%.<br>Io per resa intendo ciò che mi rimane in tasca alla fine dell&#39;anno.<br>spero di essermi spiegato e di non venire frainteso, sentendo parlare di percentuali di utile considerevole ho cercato di capirci di più e credo che la mia risposta fino a prova contraria sia negativa.</div></div><br>Bruno, questi valori (10% - 15%) vengono fuori nel caso in cui all&#39;energia prodotta corrisponda un risparmio in bolletta per mancati consumi, e magari l&#39;impianto sia almeno parzialmente integrato. Se poi è sotto i 20 kW ancora meglio&#33;<br><br>Se rifai i conti ipotizzando una producibilit&agrave; &quot;terrestre&quot; e almeno una parziale integrazione vedrai che stai più o meno dentro quella fascia&#33;<br><br>Ciao<br><br>

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (bruno500 @ 5/1/2008, 16:17)</div><div id="quote" align="left">risposta per Teknowin,<br>io ho fatto un&#39;analisi basata su una rendita in kwh eccezionale con un costo impianto abbastanza basso.<br>sono arrivato ad una resa del 6,5% sul capitale investito.<br>quando sento parlare di rese del 10/15% non capisco come vengano fatti i conteggi.<br>ammettiamo di avere una resa del 10% annuo, per arrivare a 100.000 euro bisogna investirne 1.000.000 al di l&agrave; della zona dov&#39;è l&#39;impianto, quanto costano i pannelli, se c&#39;è o no l&#39;assicurazione,e altre cose il totale è per avere 100.000 di guadagno sono 1.000.000 di spesa. I numeri sono questi.<br>vorrei vedere sulla carta un preventivo che mi può dare un emolumento simile, in una zona della Sicilia che se non sbaglio è la regione a più alta resa. Se poi anche la Sicilia non può dare 1800 kWh e d&agrave; meno, il mio ragionamento assume maggior valore in quanto la rendita in percentuale diminuisce.<br>se le mie previsioni sono sbagliate ed essendo troppo &quot; strette&quot; danno una resa del 6,5%, mi chiedo come si possa parlare di un guadagno in rapporto al capitale del 10 o addirittura del 15%.<br>Io per resa intendo ciò che mi rimane in tasca alla fine dell&#39;anno.<br>spero di essermi spiegato e di non venire frainteso, sentendo parlare di percentuali di utile considerevole ho cercato di capirci di più e credo che la mia risposta fino a prova contraria sia negativa.<br>saluti<br>bruno</div></div><br>Ciao Bruno, per quanto mi riguarda ho parlato di percentuali che oscillano dal 8% al 12% queste dipendono da una serie di fattori variabili (come ho scritto sopra) volendo fare un ipotesi verosimilmente accettabile, si deve considerare una variabilit&agrave; sul tipo di regime contrattuale, cioè scambio sul posto,vendita e consumi, e vendita energia totale o parziale. escludendo lo scambio sul posto, quest&#39;ultima ci consetirebbe di avere un rendimento fino ad un max del 12%.<br>Per quanto riguarda la tua previsione del 6.5% non è del tutto improbabile,ma questo mi fa pensa ad un finanziamento al 100% del capitale, se invece si opta per un anticipo (contanti) sul capitale iniziale li rendimenti cambiano, francamente mi viene difficile pensare che un imprenditore affronti un tale investimento solo con le banche, infondo gli imprenditori dovremmo essere noi e non loro, quindi a mio modesto parere, impianti di questa dimensione dovrebbero essere realizzati con un minimo di capitale iniziale, altrimenti meglio investire a secondo della proprio tasca.<br><br>[QUOTE=taote,5/1/2008, 15:47]<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000) ok (forse si può migliorare)<br><br>....<br><br>produzione media kWh/kW installato 1800 dipende da quale zono d&#39;italia</div></div><br>5.000€/kwp sono pochi anche x 400 kwp a mio avviso a meno che &#39;made in china&#39;<br><br><br>................ovviamente con prodotti cinesi il prezzo scende, ma non necessariamente la qualit&agrave;, dico questo non perchè sia un tecnico, ma per il semplice fatto che la monodopera ha un costo minore, hanno una produzione, ed esportazione di pannelli FV che si attesta come primi al mondo.................ergo&#33; il prezzo è più diventa più competitivo

                  Commenta


                  • #10
                    Il problema dell&#39;economia mondiale è che si guarda al prezzo minore ma non ai costi sociali odierni e futuri che ne sono alla base e poi conseguenza come in un circolo vizioso. Informatevi sulle condizioni di lavoro in Cina quando parlate di costo del lavoro. Se continueremo ad ingrassare l&#39;economia cinese dovremo anche noi diventare come loro per essere competitivi. Che bel futuro lasciamo alle prossime generazioni. Piuttosto vendiamo noi ai cinesi un pò di diritti umani.<br><br><br>Comincio a diventare razzista.. ma non verso i cinesi, ma verso coloro che comprano &#39;Made in China&#39;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1d75714ea45eb408705dde3c62b4ff6d.gif" alt=":angry:">

                    Commenta


                    • #11
                      Credo tu abbia frainteso il senso della mia affermazioni, quando parlo di prezzi più bassi non intendo assolutamente dire comprate cinese, (personalmente non ho mai acquistato pannelli cinesi,) ma non dobbiamo nemmeno discriminare un intero popolo per i loro prezzi. Quando parli di condizioni di lavoro, sono pienamente consapevole di cosa vuoi dire, ma sò anche che, il loro PIL è inferiore rispetto all&#39;occidente e questo crea una bella differenza con altri stati del mondo, con questo voglio dire che ci sono imprenditori che sfruttano le piccole manine di quei sfortunati bambini a cui hanno negato la loro infanzia, ma anche imprenditori che rispettano le regole, e riescono ad essere competitivi.<br>Ho saputo che alcuni di loro offrono una gamma di prodotti che vanno dalla seri A alla seri C ora spetta alla nostra coscienza scegliere cosa installare alle persone che si affidano a noi per il loro impianto.............credo che il commercio etico possa ancora esistere ma se tu dici...........Comincio a diventare razzista.. ma non verso i cinesi, ma verso coloro che comprano &#39;Made in China&#39;&#33;&#33;........allora la vedo dura

                      Commenta


                      • #12
                        io non mi ero nemmeno spinto a parlare di manine dei bimbi (che comunque contribuiscono al PIL cinese) che magari cuciono palloni o scarpe, ma parlavo proprio di quelle imprese che producono FV &#39;rispettando le regole&#39;. Andate a vedere che &#39;regole&#39; devono rispettare in Cina, che diritti hanno i lavoratori, che stili di vita fanno.<br><br>Comprare da questi &#39;imprenditori che rispettano le regole cinesi&#39; vuol dire <u>approvare ed alimentare</u> un sistema economico basato sullo <u>sfruttamento</u> e la <u>negazione di diritti dell&#39;uomo e del lavoratore</u>.<br><br>Ma secondo voi perchè il &#39;costo del lavoro&#39; è così basso in Cina? Solo una questione &#39;fiscale&#39;? Ma va l&agrave;.... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dca85749c1cf218a8805e2202dbede7d.gif" alt="&lt;_&lt;">

                        Commenta


                        • #13
                          buonasera, sinceramente non vedo un nesso fra quanto da me detto e le risposte avute.<br>parlavo di grandi impianti che hanno una resa paventata rilevante.<br>nel caso dell&#39;imprenditore che si f&agrave; finanziare dalle banche al 100% all&#39;80% al 20% nulla cambia.<br>sempre quattrini investiti sono, e se per di più un investitore deve tirarli fuori lui una resa così limitata non basta per cui non f&agrave; nulla.<br>se le rese in percentuali dall&#39;8 al 12 si riferiscono a scambio sul posto e impianti dimensionati sotto i 20 kWp , ok: &quot; il prezzo è giusto&quot;, ma ripeto io parlavo di grandi impianti, di officine elettriche senza autoconsumo, di impianti fatti per avere una resa economica. continuo a non vederla e credo non ci sia.<br>per me è diventata una discussione da archiviare vista anche la svolta che potrebbe prendere se ci inoltrassimo nella disamina dell&#39;economia mondiale e dello sfruttamento umano, non credo sia il posto giusto per discussioni del genere.<br>saluti<br>bruno<br><br><br>

                          Commenta


                          • #14
                            infatti scusate<br><br>chiedo ai moderatori di spostare i post sui cinesi nella discussione apposita da me aperta<br><br><a href="?t=11840862" target="_blank">Discussione sui prodotti cinesi</a><br><br>grazie<br><br><span class="edit">Edited by taote - 5/1/2008, 19:10</span>

                            Commenta


                            • #15
                              per cortesia dove trovo la discussione sui cinesi ?<br>grazie saluti<br>bruno

                              Commenta


                              • #16
                                [QUOTE=bruno500,5/1/2008, 18:32]<br>se le rese in percentuali dall&#39;8 al 12 si riferiscono a scambio sul posto e impianti dimensionati sotto i 20 kWp , ok: &quot; il prezzo è giusto&quot;,<br>[QUOTE]<br>La finanziaria 2008 ha inalzato in regime di scambio sul posto, da 20kwp a 200kwp vedi che così ci arriviamo al &quot;prezzo giusto&quot;<br><br><br>Vero scusate stavamo parlando dei cinesi........... decisamente OT <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7e1343a044a86e8cfa4dfe469331fb70.gif" alt="">

                                Commenta


                                • #17
                                  Do la mia opinione / esperienza<br><br><br>costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000)<br><br><span style="color:red">Ho conoscenza diretta di impianti con moduli di marca (Kyocera o mitsubishi o schott solar a scelta) realizzati a questo prezzo, direi che va bene.<br></span><br>finanziamento bancario a 18 anni tasso fisso 6.4%<br><span style="color:red">Ok</span><br><br>produzione media kWh/kW installato 1800<br><span style="color:red">Si può anche superare con l&#39;inseguimento solare alle giuste latitudini ma non bastano i 5000 €/kW di spesache hai preventivato.<br>Metti 1600 per posa fissa in Sicilia</span><br><br><br>produzione annua kWh 720.000<br><br>incentivo 0.36 totale euro 259.200<br><br>energia venduta euro 62.000<br><span style="color:red">71.784 sommando vendita ai minimi garantiti dalla 34/05 che ammonta nel 2007 a 0.0964 €/kWh e contributo CTR 0.0033 €/kWh</span><br><br>costo mutuo annuale euro 190.300<br><span style="color:red">dai miei conti risulta circa 175.000</span><br><br>per differenza + euro 130.900<br><br>da togliere ancora costo gestione euro 10.000<br><span style="color:red">Ok, magari anche meno<br></span><br>assicurazione euro 5.000<br><span style="color:red">Contro furto e calamit&agrave; naturali metterei 10.000 ai prezzi attuali<br></span><br>totale euro 115.900

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">costo chiavi in mano euro 2.000.000 ( 400 x 5.000)<br><br>Ho conoscenza diretta di impianti con moduli di marca (Kyocera o mitsubishi o schott solar a scelta) realizzati a questo prezzo, direi che va bene.</div></div><br>Vorrei una spiegazione di come si possa raggiungere questo prezzo non andandoci a perdere.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      per donPablo, quindi ne deduciamo che il margine operativo netto 115.000 è appena superiore al 5%.<br>da lì al 10 o 15% ce ne passa.<br><br>Il 5% sommato al 6.4% ( o giù di lì) interessi bancari forma 11.40% che potrebbe essere un buon margine per chi ha i quattrini e li vuole investire.<br>C&#39;è però un problema l&#39;investimento è immobilizzato , vorrei vedere se un tizio investe 2.000.000 e poi per varie cause deve realizzare, chi gli compera la fattoria ?.<br>altro caso è se le banche prestano tutto ( credo impossibile), ci vorrebbe una via di mezzo, avere il 20% dell&#39;investimento e farsi dare il restante dalle banche, credo sia fattibile, ciò non toglie che il margine del 5% sia basso, ma raffrontato ad un anticipo del solo 20 % penso sia un&#39;operazione fattibile, anche perchè la rata del mutuo diminuisce diminuendo il prestito a 1.800.000.<br>la rata diverrebbe di circa 170.000 invece di 190.000 per cui &quot; cacciando 200.000&quot; si arriva in pareggio dopo 18 mesi circa, direi che così è appetibile.<br>ancora meglio se almeno il 25% è autoconsumo.<br>non scordiamoci però i dati iniziali che forse sono esagerati.<br>se rapportiamo tutto in una zona dove i pannelli rendono 1400 kW, allora direi che è da bocciare.<br>bene è ora di cena<br>saluti a tutti<br>bruno

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Sostanzialmente sono d&#39;accordo con l&#39;analisi di Bruno.<br><br>Il motivo per cui l&#39;incentico è passato da 0.46 a 0.36 per impianti a terra è proprio renderlo meno appetibile e non far proliferare campi fotovoltaici avendo a disposizione tetti di case e capannoni.<br><br>Secondo me bisogna realizzarli sui capannoni oppure aspettare che scendano i prezzi (se scenderanno più velocemente delle tariffe incentivanti...).<br><br>Per Taote<br><br>5000 €/kWp per un impianto chiavi in mano non sono pochi se parliamo di 400 kWp. Probabilmente si può ancora togliere qualche euro...<br>Non sono un venditore ma a sensazione credo che tutto stia nel comprare i moduli ad un buon prezzo, e per far questo bisogna essere nel campo da un po&#39; e averne gi&agrave; acquistati a centinaia o migliaia di kW negli anni passati

                                        Commenta


                                        • #21
                                          in realt&agrave; la domanda di moduli sta superando l&#39;offerta. Vorrei capire come mai i produttori di moduli dovrebbero fare prezzi più bassi a qualcuno rispetto ad altri.<br><br><br>Se produco 1000 Mwp di moduli all&#39;anno e ci sono 100 acquirenti, 10 che comprano 100 Mwp a testa e 50 che comprano 20 Mwp a testa.<br><br>Visto che cmq non potrò accontentarli tutti avendo 1000Mwp a fronte di una domanda di 2000Mwp e che i 10 grossi acquirenti presumono un prezzo + basso, perchè dovrei vendere a loro mentre vendendo ai 50 piccoli acquirenti darei tutto ad un prezzo + alto? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/33eac6c970efcd750858b92a71225765.gif" alt=":blink:"><br><br>a questo punto posso anche vendere ai grossi acquirenti, ma allo stesso prezzo che i piccoli (arrotondando per difetto magari)<br><br><br>E&#39; la legge di domanda e offerta che regola il prezzo (speculazioni apparte) soprattutto se parliamo di prodotti con una crescita di domanda superiore alla crescita di offerta.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Il tuo ragionamento fila, però vendere a societ&agrave; con le quali si ha gi&agrave; lavorato da maggiori garanzie rispetto ad operatori nuovi del settore. Minori garanzie significano rischio maggiore e quindi prezzo maggiore.<br>Inoltre credo che le societ&agrave; con giro più grande facciano contratti di fornitura in cui si impegnano ad acquistare quantitativi stabiliti e cadenzati in anticipo, facilitando logistica tempi morti di magazzino e gestione.<br><br>Ciò detto non saprei concretamente quantificare tutti questi aspetti...<br>

                                            Commenta


                                            • #23
                                              A mio parere la discussione (che si ripete periodicamente) parte da basi di calcolo reali, ma un pò limitate.<br>Al momento la tariffa rende interessante l&#39;investimento quasi esclusivamente al Sud. E&#39; vero e non mi pare nemmeno così negativo. E&#39; dal sud che dovr&agrave; partire (se ci saranno le condizioni perchè parta, ovviamente) la diffusione della produzione non sovvenzionata da FV. E&#39; al sud inoltre che si trovano vasti terreni incolti e non valorizzabili economicamente in altro modo.<br>Al nord la legge premia, giustamente, chi utilizza superfici gi&agrave; &quot;compromesse&quot; ai fini ambientali come sono i tetti. In questi casi il recupero di un tetto di capannone rende l&#39;investimento interessante anche a Milano, viste le tariffe.<br>Il discorso sul rendimento al 5% o al 15% non ha gran senso se rapportato al normale investimento di rischio imprenditoriale. Ha senso se lo paragoniamo al rendimento finanziario dell&#39;economia di carta, ma chi preferisce i BOT non credo abbia i numeri morali per inventarsi imprenditore del solare. Resti pure a giocare coi rendimenti finanziari finchè dura.<br>Dal punto di vista imprenditoriale, qualsiasi sia il rendimento reale, è innegabile che ben difficilmente si trova in giro la possibilit&agrave; di investire in un settore industriale il proprio denaro traendone un utile (per quanto minimo) garantito addirittura da legge dello stato. E non è poco. Chi investe seriamente in borsa, nelle joint, nelle societ&agrave; di capitali sa perfettamente che ogni guadagno comporta un rischio e spesso non irrilevante.<br>Altrettanto assurda è la pretesa che il conto energia si debba fare carico del costo del denaro. Se vado a calcolare il costo di un mutuo ventennale è ovvio che il guadagno si riduce. Ma è fantascienza sperare che una banca mi finanzi il progetto al 100% (se non fornisco garanzie solide in altro modo ovviamente. E lo trovo giustissimo. Se investi investi di tuo. Il discorso dei soldi &quot;immobilizzati&quot; è vero solo parzialmente (l&#39;impianto sarebbe molto facilmente rivendibile) e comunque non cambia nulla da qualsiasi altro investimento serio e produttivo.<br>In pratica che si vorrebbe? Che la comunit&agrave; dei cittadini si tassasse in bolletta per permettere a pochissimi di guadagnare cifre non da nulla (il 5% di 2.000.000 sono 100.000€ no?) senza tirare fuori una lira, senza rischiare un pelo, senza versare una goccia di sudore? Beh, se il conto energia fosse davvero così dovrei dare ragione a chi lo definisce solo un modo per arricchire pochi facendo pagare tutti&#33;<br>I veri imprenditori i calcoli se li sanno fare. E se li fanno. Basta attendere e si vedr&agrave; se è un fiasco o meno.<br><br>Un ultimo appunto sui cinesi. Per gli aspetti sociosindacali ne parliamo in altra sede. Qui mi preme solo chiarire che la Cina, pur con grandi contraddizioni, è un gigante che solo ora sta flettendi i muscoli. In Cina sono perfettamente consci che carbone e petrolio hanno degli svantaggi e la spinta al fotovoltaico non è affatto il risultato dell&#39;aziendina dove il capoccia con la frusta fa sfiancare donne e bambini per appiccicare celle FV di scarto in pannelli a basso costo. In Cina, come nel resto del mondo che sa di cosa si parla, è ben chiaro che il costo della produzione del FV è per massima parte legato al costo del silicio e dell&#39;energia (e non alla mano d&#39;opera&#33; Non si sta parlando del bambolotto assemblato e dipinto a mano&#33 ed è sopratutto ben chiaro che a livello dei paesi industrializzati avanzati esiste un tacito &quot;cartello&quot; per evitare una guerra dei prezzi che sarebbe sanguinosa per molti produttori. (La prova che le cose stanno così ce la fornisce anche la Marcegaglia che dice candidamente che, si, i pannelli al Cadmio telloruro POTREBBERO costare gi&agrave; ora meno di 0,5€ alla produzione, ma che PER ORA verrano commercializzati con prezzi allineati alla concorrenza&#33<br>In Cina si sa perfettamente che la qualit&agrave; dei pannelli è basilare e quando (e non se...) la produzione cinese arriver&agrave; a superare la qualit&agrave; tedesca lo far&agrave; a costi che terranno conto solo dell&#39;interesse cinese, con numeri di produzione &quot;cinesi&quot; e prezzi &quot;cinesi&quot;. La Cina ha capacit&agrave; e competenze ben diverse dall&#39;immagine di ometti gialli laboriosi che copiano a basso costo e non perfettamente i prodotti &quot;seri&quot; occidentali. Ed è un mondo in velocissima trasformazione e molto meno legato allo status quo europeo delle grandi aziende energetiche. Se c&#39;è una strada per la produzione da FV economica secondo me passer&agrave; dai porti cinesi nei prossimi vent&#39;anni. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a83bdf1141591fdc9790a2c6cab6fc05.gif" alt="">
                                              “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                              O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                              Commenta


                                              • #24
                                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 6/1/2008, 03:04)</div><div id="quote" align="left">.....................La Cina ha capacit&agrave; e competenze ben diverse dall&#39;immagine di ometti gialli laboriosi che copiano a basso costo e non perfettamente i prodotti &quot;seri&quot; occidentali. Ed è un mondo in velocissima trasformazione e molto meno legato allo status quo europeo delle grandi aziende energetiche. Se c&#39;è una strada per la produzione da FV economica secondo me passer&agrave; dai porti cinesi nei prossimi vent&#39;anni. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7c5e53ecffdd0975d7340f7f8fc169db.gif" alt=""></div></div><br>Al buon inquadramento e defnizione del problema fatto da BrightingEyes aggiungerei che buona parte dei &quot;grandi nomi&quot; dei produttori fanno costruire i pannelli in Cina da ditte cinesi...................<br>car.boni
                                                Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  buongiorno, come si f&agrave; ad ammettere di aver scritto qualche stupidaggine ? si f&agrave; così, si dice.<br>E&#39; vero, ho fatto una &quot; cappella&quot; clamorosa conteggiando il costo del danaro, e ne chiedo scusa.<br>chi volesse investire in fotovoltaico avrebbe una resa superiore al 10% partendo da zone con produzione kwh di 1350 ed allora il mio discorso crolla quasi del tutto.<br>resta sempre il dubbio della possibilit&agrave; di rivendere l&#39;impianto ad un prezzo equo qualora si avesse urgenza di reperire liquidi.<br>concordo sull&#39;analisi fatta prima dei cinesi, anch&#39; io credo che non abbiano &quot; l&#39;anello al naso&quot;.<br>riescono a fare prodotti di qualit&agrave;, forse anni f&agrave; erano indieetro di molto, noi andiamo al passo loro al galoppo.<br>credo che la discussione partita dalla mia prima lettera sia giunta ad una fase terminale, mettevo in dubbio la redditivit&agrave; economica degli impianti ma ho visto che in buona parte e con dovuti accorgimenti si può fare<br>saluti a tutti<br>bruno

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (bruno500 @ 6/1/2008, 09:06)</div><div id="quote" align="left">buongiorno, come si f&agrave; ad ammettere di aver scritto qualche stupidaggine ? si f&agrave; così, si dice.</div></div><br>Caro Bruno500, non intendevo certo far apparire la tua comprensibile preoccupazione come una &quot;stupidaggine&quot;. Si discute, ognuno dice la sua. E&#39; perfettamente lecito chiedersi se un investimento del genere può o non può essere interessante. Io nella rivoluzione del FV ci credo, e tanto. Sono conscio che serve una lunga strada lastricata di costi e esperimenti, e forse a volte posso sottovalutare anche gli ostacoli, e capita che siano altri a evidenziare le mie stupidaggini. Ci sta e siamo qua anche per imparare. Nel caso del calcolo della convenienza per grandi impianti il mio pensiero non è di dare patenti offensive a chi non la pensa come me. Dico solo che chi ha le competenze e le capacit&agrave; per pensare seriamente a questi investimenti (e io certo non sono fra quelli&#33 probabilmente adotta indici e analisi più sofisticate che, comunque, potrebbero sicuramente dimostrare che l&#39;investimento NON è interessante. La vera conferma ce la dar&agrave; solo il tempo. Come sempre. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5dfb1b9791b770be2e740d1c4227da08.gif" alt="">
                                                    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      se le banche ti prestano l&#39;intero capitale, l&#39;investimento lo fanno solo loro con i tassi d&#39;interesse del 6,5%.<br><br>l&#39;imprenditore che vuole investire deve avere capitali propri altrimenti ci guadagnano solo le banche.<br><br>ciao<br>

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 6/1/2008, 17:41)</div><div id="quote" align="left">....</div></div><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/31652e6db7f141f28824663cc8889d2d.gif" alt="image"><br>Sono convinto anchio della qualit&agrave; e buona strada cinese, ma se entro pochi anni il FV non scende di brutto di prezzo, con l&#39;esaurimento dei soldi far&agrave; una brutta fine. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/44df2bea7de9d57d15cf7c14f343a270.gif" alt="image"><br><br>

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          caro BrightingEyes<br> ( o cara ?) vedo il disegno sotto il nome e non sò l&#39;inglese per cui ?<br>tu non mi dici che è una stupidaggine, ( ti ringrazio) ma io si, e non mi rendo conto come ho fatto a &quot; cappellare&quot; in quel modo.<br>anch&#39;io credo nel fotovoltaico come del resto tutti quelli che siamo su questo forum altrimenti non staremmo qui a fare discussioni.<br>, ci sono tempi tecnici per cui un investimento deve rientrare,<br>di norma sono molto severo con me stesso , se un amico f&agrave; un errore cerco di farglielo capire, se lo faccio io sono molto più severo e intransigente , purtroppo sono fatto così, non mi sentirai mai insultare una persona in una discussione ma con me stesso mi comporto diversamente, per di più se si tratta di errori banali.<br>cena pronta saluti<br>bruno<br>

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            <a href="http://www.bnservices.it/foto_sim.xls" target="_blank">http://www.bnservices.it/foto_sim.xls</a><br><br>E&#39; una beta, se volete segnalatemi, anche in PM, eventuali errori notati.<br><br>Il funzionamento è semplice: si inseriscono i dati nelle celle gialle, e se il numero in basso a dx diventa verde (>1) l&#39;investimento è conveniente.<br><br>UPDATE del 7 Gen 2008:<br>modificato: adesso si vede il payback time reale dell&#39;investimento (colonna VAN), è più intuitivo.<br><br><span class="edit">Edited by Rudolph - 7/1/2008, 11:34</span>

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR