adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

UPS in parallelo all'inverter

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • UPS in parallelo all'inverter

    Ciao a tutti,<br><br>Vorrei riproporre questa discussione, trattata su un vecchio thread che non sono riuscito a ristrovare, perch potrebbe interessare molti, cio far funzionare l&#39;inverter anche durante i blackout di rete collegando in parallelo un normale gruppo di continuit&agrave; a basso costo (quindi non sistema Aladin o gruppi elettrogeni).<br><br>Il collegamento deve chiaramente essere fatto in modo tale che l&#39;inverter non immetta in rete, quindi aprendo il dispositivo generale automaticamente con dei contattori o manualmente (apertura dispositivo generale e poi accensione UPS).<br>Era venuto fuori che un semplice UPS (tipo quelli per PC) non riesce ad &quot;ingannare&quot; l&#39;inverter perch l&#39;onda generata esce dal range di tolleranza dell&#39;inverter (in particolare la frequenza di rete).<br><br>C&#39; qualcuno che ha fatto delle prove, magari utilizzando gli ups che hanno un&#39;onda perfettamente sinusoidale con un errore sulla frequenza bassissimo?<br><br>Grazie.<br>Eubrun

  • #2
    Io credo per che ci sia da fare anche un&#39;altra considerazione da fare &#33;<br>Un inverter FV programmato per inseguire il punto di massima potenza della curva caratteristica dei moduli FV e di &quot;pompare&quot; in rete tutta l&#39;energia FV generata in quel momento.<br>Quindi anche se si &quot;inganna&quot; l&#39;inverter con un buon UPS, e quindi si riesce a farlo &quot;lavorare&quot; chi regola la potenza generata dal FV se non c&#39;e un carico variabili avente potenza uguale al FV ?<br>Cosa predisponi delle grosse batterie per assorbire il surplus ??<br>Per me non possibile &#33;&#33;&#33;
    GIULIANO
    _____________
    ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

    Commenta


    • #3
      eubrun,<br><a href="?t=10454866" target="_blank">questa?</a><br><a href="?t=8684148" target="_blank">o questa?</a><br><br>Ciao<br>Mario
      Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
      -------------------------------------------------------------------
      Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
      -------------------------------------------------------------------
      L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
      Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
      ------------------------------------------------

      Commenta


      • #4
        Ciao Mario,<br>Mi riferivo al secondo thread.<br><br>Gsughi,<br>Secondo me la considerazione da riferirsi pi all&#39;impedenza vista dall&#39;inverter che al carico.<br>Mi spiego l&#39;inverter vede in parallelo l&#39;UPS e la rete di casa con i suoi carichi.<br>Se l&#39;impedenza totale all&#39;interno del range di tolleranza dell&#39;inverter, l&#39;inverter dovrebbe poter regolare, entro certi limiti, l&#39;uscita in CA.<br><br>Nell&#39;esperimento che avevo fatto, l&#39;UPS di solo 500VA entrava in blocco collegando i carichi di casa ben superiori. Quindi ho dovuto provare a far partire l&#39;inverter con l&#39;ups e solo due lampadine di carico.<br>Chiaramente senza riuscirci.<br><br>Bisognerebbe provare per con un UPS di dimensioni adeguate 2-3000VA.<br><br>Eubrun

        Commenta


        • #5
          Secondo me non ci riuscirai mai perch l&#39;inverter deve essere in grado di mandare in rete tutta la corrente corrispondente alla potenza solare istantanea. Deve cio trovare quello che puo fare normalmente la rete Enel, cio un carico avente sempre e perfettamente la potenza solare.<br>Viveversa partono i parametri di tensione e vi il blocco.<br>Oppure devi avere delle grosse batterie che possano assorbire tale potenza.<br>Non c&#39; scampo &#33;&#33;&#33;
          GIULIANO
          _____________
          ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

          Commenta


          • #6
            Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f78568e5c0a25b0801af101daf80d4af.gif" alt=""><br>Tempo fa mi pare di aver letto sul catalogo generale Fronius di un accrocchio utile per poter supplire alla mancanza di rete...<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/24c2bb3859e4a5991d496b5aa4a43f16.gif" alt="">
            L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
            LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
            Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

            Commenta


            • #7
              Secondo me possibile, ma solo in certe condizioni.<br>Facciamo un esempio pratico: mettiamo che tu hai un UPS da 3000w e un impianto fotovoltaico che genera 2000w, per poter far funzionare tutto dovresti consumare istantaneamente ad esempio 2500w, quindi andresti ad acquisire tutta la produzione del tuo impianto e 500 w dal tuo UPS. quindi penso che il tuo impianto &quot;ad isola&quot; possa funzionare fin che il tuo consumo superiore o uguale a quello che produci, ma se vai a consumare meno di 2000w o piu di 5000w il tuo sistema andr&agrave; in blocco.<br>In quesi giorni prover a fare un test.
              1) impianto 3kW, 24 moduli Kyocera 125GHT-2, inverter Power-one Aurora 3600
              2) impianto 14,52kW, 66 moduli Trina 220W, 3 inverter Power-one Aurora 6000
              http://www.energeticambiente.it/tecn...nstallato.html

              Commenta


              • #8
                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (gsughi @ 20/1/2008, 21:44)</div><div id="quote" align="left">Secondo me non ci riuscirai mai perch l&#39;inverter deve essere in grado di mandare in rete tutta la corrente corrispondente alla potenza solare istantanea. Deve cio trovare quello che puo fare normalmente la rete Enel, cio un carico avente sempre e perfettamente la potenza solare.<br>Viveversa partono i parametri di tensione e vi il blocco.<br>Oppure devi avere delle grosse batterie che possano assorbire tale potenza.<br>Non c&#39; scampo &#33;&#33;&#33;</div></div><br>Hai considerato che l&#39;inverter immette nella rete di casa?<br>Si tratta di trovare una configurazione dei carichi tali da non far bloccare l&#39;inverter. Eventualmente quando si attiva l&#39;UPS si fa partire in automatico un carico idoneo.<br>Bisognerebbe fare un po&#39; di prove sul campo.<br><br>Ciao,<br>Eubrun<br><br>Ciao Garghy, esattamente quello che intendevo.<br>Se riesci a fare qualche prova, te ne saremmo tutti grati&#33; :-)<br><br>Eubrun<br><br>Comunque non penso che la Pcarichi debba essere per forza > della Pfotovoltaico, questo perch la potenza di uscita dell&#39;inverter si dovrebbe ridurre a causa dell&#39;impedenza della rete di casa, pi alta di quella della rete pubblica.

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (eubrun @ 21/1/2008, 11:27)</div><div id="quote" align="left">Comunque non penso che la Pcarichi debba essere per forza > della Pfotovoltaico, questo perch la potenza di uscita dell&#39;inverter si dovrebbe ridurre a causa <b>dell&#39;impedenza della rete di casa, pi alta di quella della rete pubblica.</b></div></div><br>Che cavolo vuoi dire&#33;<br>La potenza si riduce perch l&#39;impedenza alta ?<br>Qui abbiamo un generatore che <u>DEVE</u> scaricare in rete tutta la potenza altrimenti va in blocco.<br>Se non la scarica in rete dove se la mette ?<br><br><span class="edit">Edited by gsughi - 22/1/2008, 22:55</span>
                  GIULIANO
                  _____________
                  ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                  Commenta


                  • #10
                    Salve&#33;<br><br>Innanzitutto diciamo che la cosa fattibile tenendo slegate fra loro le potenze consumate e quelle prodotte.<br>E&#39; uno dei nostri brvetti, dal nome &quot;metodo superibrido&quot; (ribattezzato progetto Ecopower2) o &quot;metodo ibrido&quot; (Ecopower1), che fra l&#39;altro gi&agrave; costruito e operativo da 5 anni nella sede della Ecotecnologie di Siracusa.<br>Poi noto che l&#39;argomento della discussione praticamente ci che ho brevettato insieme alla ditta Ecotecnologie, per cui ho fatto 3 anni di casino in relazione alla questione dell&#39;immissione in rete e dei problemi connessi e per cui siamo anche in causa con l&#39;Elettronica Santerno che ci ha plagiato il brevetto appunto con l&#39;Aladin e il Wireless Energy (che in realt&agrave; il nostro ultimo brevetto, nient&#39;affatto loro).<br>Siccome in merito la ditta sopradetta ha un&#39;esperienza di 25 anni invito chiunque volesse adottare una soluzione del genere innanzitutto a tener conto che brevettata e poi, nel massimo spirito collaborativo, a contattarla (<a href="http://www.ecotecnologie.net" target="_blank">www.ecotecnologie.net</a>, l ci sono tutti gli indirizzi) per confrontarci e addivenire a progressi utili per tutti.<br><br>Cordiali saluti<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 21/1/2008, 02:29)</div><div id="quote" align="left">Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8d11e699583e6fb8aa6c3656b723ae5b.gif" alt=""><br>Tempo fa mi pare di aver letto sul catalogo generale Fronius di un accrocchio utile per poter supplire alla mancanza di rete...<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d840c23f2f6d048c21c68923d3bf3be1.gif" alt=""></div></div><br>Se per caso si tratta dell&#39;Aladin dell&#39;Elettronica Santerno tenete conto di quanto detto prima

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/93ccc29cfcee78bd75b9b5889c0e78c1.gif" alt=""><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ad80 @ 23/1/2008, 11:48)</div><div id="quote" align="left">Se per caso si tratta dell&#39;Aladin dell&#39;Elettronica Santerno tenete conto di quanto detto prima</div></div><br>Ciao ad80 mi pare di essere stato chiarissimo FRONIUS non Elettronica Santerno&#33; comunque estero&#33;<br>&quot;se lo scoprono magari saranno loro a farvi causa&#33;&#33;&quot; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/58393ba1068519b01aa91cfd873d06c2.gif" alt=":lol:"><br>Per quanto riguarda i brevetti lascia perdere, succede che per necessit&agrave; commerciali aziende con validi progettisti ideino lo stesso dispositivo senza sapere uno dell&#39;altro senza nessuna cattiveria e premeditazione, in qualsiasi caso il giudice normalmente da l&#39;accesso all&#39;uso ad entrambe. E successo anche al sottoscritto... Comunque puoi brevettare un circuito, un dispositivo meccanico, ma non una idea&#33;<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9a39096ee4d4f8181590f9a554990b3e.gif" alt="">
                      L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                      LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                      Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                      Commenta


                      • #12
                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 23/1/2008, 11:48)</div><div id="quote" align="left">Ciao a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d5f1fb31fbc5b4ea775b118729d07bb7.gif" alt=""><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ad80 @ 23/1/2008, 11:48)</div><div id="quote" align="left">Se per caso si tratta dell&#39;Aladin dell&#39;Elettronica Santerno tenete conto di quanto detto prima</div></div><br>Ciao ad80 mi pare di essere stato chiarissimo FRONIUS non Elettronica Santerno&#33; comunque estero&#33;<br>&quot;se lo scoprono magari saranno loro a farvi causa&#33;&#33;&quot; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2e06133d3e785faa87b7e153a99adb5f.gif" alt=":lol:"><br>Per quanto riguarda i brevetti lascia perdere, succede che per necessit&agrave; commerciali aziende con validi progettisti ideino lo stesso dispositivo senza sapere uno dell&#39;altro senza nessuna cattiveria e premeditazione, in qualsiasi caso il giudice normalmente da l&#39;accesso all&#39;uso ad entrambe. E successo anche al sottoscritto... Comunque puoi brevettare un circuito, un dispositivo meccanico, ma non una idea&#33;<br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3185822adf5e9da5b4ae2c1c899148ec.gif" alt=""></div></div><br>pardon, avevo capito poco bene........scusa.<br> che qualche volta nei cataloghi di una societ&agrave; ho visto pubblicizzati prodotti di un&#39;altra societ&agrave; (magari hanno una joint-venture o altri accordi, per esempio l&#39;Elettronica Santerno in realt&agrave; fa parte della Carraro, ma lo vieni a sapere solo se vai a cercarti la verit&agrave; col lanternino).<br>Per guarda che qui la cosa puzza eccome.<br>Pensa che ogni volta che noi abbiamo depositato una domanda sistematicamente il mese dopo veniva depositata quella da parte loro per lo stesso brevetto.<br><br>E&#39; successo tre volte.<br><br>Posso capire una volta, ma &quot;perseverare diabolicum est&quot;........... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/071aef7004dc4ef7b6734390c84dbda0.gif" alt="&lt;_&lt;"><br><br>Comunque per tornare alla Fronius non credo che lo farebbero perch per brevettare una cosa ci vogliono soldi e i nostri brevetti per ora siamo riusciti ad estenderli solo all&#39;Italia.<br>Quindi posso dire a loro di non mettere piede qui, ma non certo andare a rompere le uova nel paniere a loro fuori dall&#39;Italia, dove di sicuro hanno gi&agrave; avuto il brevetto.<br>Le nostre domande di brevetto sono state accolte, quindi vuol dire che la camera di commercio dove abbiamo fatto la domanda si informata e ha visto che non &#39;erano ostacoli........ripeto: sempre per l&#39;Italia........<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 23/1/2008, 11:48)</div><div id="quote" align="left">E successo anche al sottoscritto... Comunque puoi brevettare un circuito, un dispositivo meccanico, ma non una idea&#33;<br>Salutoni<br>Furio57 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3185822adf5e9da5b4ae2c1c899148ec.gif" alt=""></div></div><br>Dici?<br>Noi abbiamo fatto domanda di brevetto sia per i metodi che per le relative macchine all&#39;ufficio brevetti della CCIIAA di Caltanissetta e loro non mi hanno sollevato problemi.....<br>Per la tua osservazione mi mette la pulce nell&#39;orecchio

                        Commenta


                        • #13
                          A chi interessa volevo aggiornarvi su questo argomento. sono riuscito a fare qualche test, e ho avuto anche delle sorprese.<br>Il primo test l&#39;ho effettuato con un normale UPS da PC da 1500VA.<br>Ho staccato la rete ENEL e collegato la mia casa con l&#39;UPS, staccato tutti i carichi e collegato solo una stufetta da 800W, poi ho staccato una stringa dal mio inverter(per non avere troppa porenza) e ho collegato l&#39;impianto FV, ma l&#39;inverter non si mai messo in parallelo, perch non riusciva a &quot;mettersi in fase&quot; con l&#39;UPS, penso che questo sia dovuto al fatto che l&#39;UPS non eroga una tensione sinusoidale perfetta.<br>Allora mi venuto in mente un mio amico a cui avevo installato un inverter sul camper, e gli ho chiesto di prestarmelo.<br>L&#39;inverter da 1800VA con uscita a onda sinusoidale pura.<br>Ho rifatto il test nella medesima situazione con due batterie da 100A/h, utilizzando lo stesso metodo, e dopo un paio di minuti l&#39;inverte FV si collegato <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ac2e94a18f5fb898d9039e83ea755e84.gif" alt=":woot:"> , e ho anche iniziato a riaccendere quello che ho in casa normalmente(tranne il televisore al plasma perch avevo paura e lo devo ancora pagare <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d4bc601d3a74c768e6298451d42d4e52.gif" alt=":P"> )<br>Alla fine i carichi e le potenze erano cos suddivisi:<br>Poterza prelevata dalla mia abitazione 1250W (stufetta, frigo, radiosveglie,etc.)<br>Potenza fornita dall&#39;inverter FV 950W<br>Potenza fornita dalle batterie 300W<br>Tensione rilevata sull&#39;inverter 232V<br>Frequenza 53Hz<br><br>L&#39;idea quindi funziona, ma solo con un&#39;onda sinusoidale pura, un semplice UPS non basta.<br><br>Ciao
                          1) impianto 3kW, 24 moduli Kyocera 125GHT-2, inverter Power-one Aurora 3600
                          2) impianto 14,52kW, 66 moduli Trina 220W, 3 inverter Power-one Aurora 6000
                          http://www.energeticambiente.it/tecn...nstallato.html

                          Commenta


                          • #14
                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (garghy @ 5/2/2008, 10:32)</div><div id="quote" align="left">.... <span style="color:red">Frequenza 53Hz </span> .....<br><br>L&#39;idea quindi funziona, ma solo con un&#39;onda sinusoidale pura, un semplice UPS non basta.</div></div><br>In realt&agrave; il semplice Ups una &quot;emerita ciofega&quot; dal punto di vista elettrico (distorsione della forma d&#39;onda , Fattore di Potenza, Frequenza e .....) , basta comunque guardare quanto poco costano . <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/aa6bc65c99409d2a48ecf5935885937d.gif" alt="-_-"><br>L&#39;inverter FV non ci riescie ad andare d&#39;accordo proprio (al limite si puo provare ad allargare i valori del rel d&#39;interfaccia uscendo per dalle norme DK)<br>Altro discorso sono gli inverter ad onda sinusoidale +/- pura : sono macchine che costano di pi pur essendo abbastanza economiche ; quella in questione riuscita ad &quot;ingannare&quot; l&#39;inverter &#33; .<br><br>Ps la Frequenza <span style="color:red">53</span>Hz chiaramente un valore ERRATO in quanto non compatile con i valori Dk4950<br><br>Ciao da Recoplan

                            Commenta


                            • #15
                              <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 5/2/2008, 21:50)</div><div id="quote" align="left">Ps la Frequenza <span style="color:red">53</span>Hz chiaramente un valore ERRATO in quanto non compatile con i valori Dk4950</div></div><br>Infatti un mio errore <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2531afd0e714fd8bbf15bb1994cc32b6.gif" alt=":P"> la frequenza era di 50.3 Hz scusate<br><br>Ciao
                              1) impianto 3kW, 24 moduli Kyocera 125GHT-2, inverter Power-one Aurora 3600
                              2) impianto 14,52kW, 66 moduli Trina 220W, 3 inverter Power-one Aurora 6000
                              http://www.energeticambiente.it/tecn...nstallato.html

                              Commenta


                              • #16
                                Grande Garghy&#33;<br><br>Come pensavo, il risultato del tuo test dimostra che si pu fare eccome senza aggeggi complicati. Le soluzioni pi semplici sono sempre le migliori&#33;<br>Inoltre credo che possa funzionare anche con un UPS semplice (senza batterie aggiuntive) ma di quelli che hanno un errore sulla frequenza &lt;=0.5% e una potenza sufficiente in base ai carichi. Non che riesci a fartene prestare uno? ;-)<br><br>Se non abusiamo troppo della tua disponibilit&agrave;, potresti fare anche la prova riducendo i carichi per vedere come varia la tensione di uscita dell&#39;inverter e capire se/quando si blocca per aumento della tensione oltre il range?<br><br>Ciao,<br>Eubrun

                                Commenta


                                • #17
                                  Ehm , forse bestemmio ma non si potrebbe installare delle batterie che assorbano un 160 kwh in 4 ore su un imp da 50 kw&#39;, sicuramnete non a norma , ma se installassi quei magnetotermici auto - staccatori di cui si parlava in un altro tred .... lo potrebbe diventare , cos quando la produzione fv diminuisce sotto il consumo istantaneo le batterie rimpilzano il circuito senza acquistare energia da enel &#33; o ho detto una c....ata?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    ciao,io per generare senza Enel con un inverter grid ho usato un piccolo inverter normale ma a onda sinusoidale pura &#33; piu per stabilizzare la sua tensione di uscita e far lavorare e modulare meglio l&#39;inverter grid ho installato una batteria che funge da &quot;filrto condensatore&quot; con un regolatore di carica per non farla sovraccaricare in caso di non utilizzo.<br><br>Ovviamente tutto separato fisicamente dalla rete Enel &#33;<br><br>Non usate gli UPS,sono una schifezza e rischiate di bruciare sia l&#39;UPS che l&#39;inverter grid&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Occhio che si isolati da terra (neutro isolato)e i differenziali in caso di guasto diventano Trasparenti e inneficaci &#33; (non si chiuderebbe l&#39;anello di guasto)per far si che si sia al 100% protetti bisognerebbe garantire (cosa praticamente impossibile nel tempo in ambiente civile)che tutti gli apparcchi alimentati non in classe 2 a doppio isolamento l&#39;equipotenzialit&agrave; tra di loro ma non con la messa a terra.<br><br>in caso di primo guasto non ce ne accorgeremo perch si isolati,in caso di secondo guasto si crea un corto secco e scattano i magnetotermici.<br><br>Basta una prersa o spina o prolunga o ciabatta o tripla con la terra tagliata e si fott...&#33;&#33;&#33;<br><br>Con la l&#39;elettricit&agrave; non si scherza, se non siete esperti elettricisti qualcuno oltre che a rimettere soldi (che la parte meno grave) ci puo&#39; rimetterci la vita (per mano vostra verso altri)<br>ciao<br>

                                    Commenta


                                    • #19
                                      pi che per far fronte al blak out, era una vcalutazione di usufruire di tutta l&#39;energia prodotta nei momenti che non produce l&#39;impianto tipo mattina sera notte , ma pensandoci bene , quando si potr&agrave; connettersi in net meteerig tutto questo non vale + la pena , la rete sar&agrave; la batteria .

                                      Commenta


                                      • #20
                                        <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6151fa38f2d43eb5cf93e3c83cad7e5b.gif" alt=":blink:">

                                        Commenta


                                        • #21
                                          <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ffbd1456488163adc871d4ac172946a0.gif" alt=":blink:"> ?<br><br>mi sar spiegato male , la valutazione era di fare un impianto che assorbisse tutta l&#39;energia senza venderla e di sfruttarla quando l&#39;impianto non la produceva ,mattina e sera, mentre la notte quando si esauriva &#39;l&#39;energia delle batterie prelevare dalla rete con una tariffa scontata, questo per massimizzare il risparmio , ma tutto questo chi ha lo scambio sul posto , ( tariffa bioraria permettendo ) c&#39;e l&#39;ha gi&agrave; .

                                          Commenta


                                          • #22
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (alby62 @ 15/2/2008, 13:49)</div><div id="quote" align="left">.... era di fare un impianto che assorbisse tutta l&#39;energia senza venderla e di sfruttarla quando l&#39;impianto non la produceva ,mattina e sera, mentre la notte quando si esauriva &#39;l&#39;energia delle batterie prelevare dalla rete ...</div></div><br>Attenzione esiste una sezione del forum dedicata a all&#39;accumulazione della energia<br><a href="?f=166102" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?f=166102</a><br>Comunque allo stato attuale , in parole povere i costi (acquisto+manutenzione) ed i rendimenti (perdite di trasformazione e di stoccaggio)non rendono conveniente la tua idea .<br><br>Ciao da Recoplan<br><br>Ps per la precisione la non convenienza vale per quantit&agrave; di energie piccole , diciamo minori di qualche decina di GJ , per valori superiori se ne pu parlare .<br><br><span class="edit">Edited by recoplan - 16/2/2008, 14:17</span>

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Grazie recoplan mi hai tolto pure il dubbio .

                                              Commenta


                                              • #24
                                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (buran001 @ 13/2/2008, 01:37)</div><div id="quote" align="left">Non usate gli UPS,sono una schifezza e rischiate di bruciare sia l&#39;UPS che l&#39;inverter grid&#33;&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Se l&#39;UPS protetto contro i sovraccarichi non ci dovrebbero essere problemi.<br>Poi che si bruci l&#39;inverter me la devi proprio spiegare....<br><br>Ciao,<br>Eubrun

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Prova a buttargli dentro un onda quadra e non sinusoidale pura e senza neutro ma con due poli a 115V &#33;&#33;&#33;<br>Ciao

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Vuoi dire che la protezione di interfaccia dell&#39;inverter pu non servire?<br>Magari se ti spieghi meglio...<br><br>Ciao,<br>Eubrun

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      [QUOTE=eubrun,17/2/2008, 13:57]<br>Vuoi dire che la protezione di interfaccia dell&#39;inverter pu non servire? <span style="color:red">se hai presente come fatto un inverter certificato DK , puoi imaginare che sia prorio la protezone d&#39;interfaccia a rompersi &#33;</span><br>

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 15/2/2008, 14:00)</div><div id="quote" align="left">Comunque allo stato attuale , in parole povere i costi (acquisto+manutenzione) ed i rendimenti (perdite di trasformazione e di stoccaggio)non rendono conveniente la tua idea .</div></div><br>Scusate ma dissento.<br>Non vero&#33;

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Per ad 80 , il discorso di prima immagazzinare per coprire poi il consumo , quando si in regime di scambio diventa inutile , cmq non dissento che rimane una bella idea .

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (alby62 @ 26/3/2008, 19:26)</div><div id="quote" align="left">Per ad 80 , il discorso di prima immagazzinare per coprire poi il consumo , quando si in regime di scambio diventa inutile , cmq non dissento che rimane una bella idea .</div></div><br>Se consideriamo solo la somma aritmetica delle potenze erogate e consumate anzi addirittura lo scambio sul posto conviene di pi perch il rendimento maggiore, visto che si impegnano meno apparecchiature.<br>Ma se mettiamo la cosa in termini di qualit&agrave; della corrente, di abbattimento della componente reattiva della potenza a causa della lentezza di carica/scarica (che in questo caso diventa un pregio, perch cos facendo in pratica si &quot;spalmano&quot; i picchi di potenza e alla lunga si vede il vantaggio sulla bolletta a causa del cosfi pi alto) il rendimento minore delle macchine viene pi che controbilanciato, perch a fronte di una sua diminuzione di circa il 3% io ho una potenza disponibile del 10% in pi.<br>Se poi teniamo conto dell&#39;autonomia in caso di black-out c&#39; da pensarci.<br><br>Ah.......ovviamente se ho detto che si pu fare perch l&#39;ho provato, perch costitutisce il nostro secondo brevetto (chiamato superibrido).<br>In pratica un inverter che fa scambio sul posto ma con l&#39;interfaccia data dagli accumulatori

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR