adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

impianto di terra

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • impianto di terra

    Salve,<br>secondo voi il condutttore di terra dell&#39;impianto fotovoltaico va connesso alla terra della casa oppure va portato direttamente alla piastra equipotenziale?

  • #2
    L&#39;importante che l&#39;impianto di terra sia unico...
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

    Commenta


    • #3
      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (ligabue82 @ 29/1/2008, 16:37)</div><div id="quote" align="left">L&#39;importante che l&#39;impianto di terra sia unico...</div></div><br>&quot;Unico&quot; , qui sarei curioso di aprire una discussione.<br>Immagina che l&#39;impianto sia istallato lontano dalla casa, ad esempio su un magazzino a 30m dalla casa.<br><br>Che si fa ?<br>1) si crea una terra vicino al magazzino al quale riferire inverter + scaricatori<br><br>2) si portano 30 m di terra fino all&#39;abitazione e ci si allaccia alla terra, stavolta unica dell&#39;abitazione ?<br><br>voi che dite ?

      Commenta


      • #4
        IO CREDO KE SIA KORRETTO PORTARE IL CONDUTTORE DI TERRA DALLO SCARIKATORE DIRETTAMENTE ALLA PIASTRA EQUIPOTENZIALE KE NE PENSATE?<br>

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>QUOTE</b> (ildandi @ 31/1/2008, 11:45)</div><div id="quote" align="left">IO CREDO KE SIA KORRETTO PORTARE IL CONDUTTORE DI TERRA DALLO SCARIKATORE DIRETTAMENTE ALLA PIASTRA EQUIPOTENZIALE KE NE PENSATE?</div></div><br>Intendi quindi portare 30 m di terra fino alla terra della abitazione ?

          Commenta


          • #6
            FINO ALLA PIASTRA EQUIPOTENZIALE<br> DALLO SCARICATORE ALLA PIASTRA

            Commenta


            • #7
              Cioe&#39; la 1) oppure la 2) ?<br><br>Ti crei la terra vicino all&#39;impianto o no ?

              Commenta


              • #8
                SE L&#39;ABITAZIONE HA UN COLLETTORE DI TERRA DOVE GIUNGONO TUTTI I CONDUTTORI DI TERRA PER CREARE UN&#39;UNICO POTENZIALE, IO MI PORTO IL CONDUTTORE DIRRETTAMENTE LI

                Commenta


                • #9
                  quindi usi 30 m di cavo giallo-verde prima che inverter = scaricatori arrivino alla terra.<br><br>Secondo me potrebbe essere un problema perche&#39; la linea avrebbe una induttanza notevole che vanificherebbe l&#39;efficacia degli scaricatori. Io faccio il contrario mi faccio una terra locale,vicina all&#39;impianto alla quale riferire inv + scaricatori in modo da limitare l&#39;induttanza di cui sopra.<br><br>Che ne dici ?

                  Commenta


                  • #10
                    SI OTTIMA IDEA...QUINDI PREDISPONI IL DISPERSORE ... E POI QUESTO DISPERSORE LO COLLEGHI ALL&#39;ALTRO POSTO PER ESEMPIO VICINO L&#39;ABITAZIONE AMMESSO KE CE NE SIA?<br>

                    Commenta


                    • #11
                      Io non lo collego, non avrebbe senso perche&#39; tanto ormai mi sono creato una seconda terra vicino l&#39;impianto con tanto di paletto. In questo modo la terra non sarebbe unica in ogni caso.<br>Inoltre trovare la terra di un&#39;abitazione.........non e&#39; cosa da poco.....<br><br>Comunque non mi sembra un grande sgarro, pensa all&#39;abitazione vicina........ad essa non arriva mica una terra......la terra se la costruisce da solo il proprietario della casa no ?

                      Commenta


                      • #12
                        SCUSAMI...IO RIKORDO DA IMPIANTI ALL&#39;UNIVERSIT&agrave; KE QUANDO HO PI DISPERSORI DI TERRA PER RENDERE UNICO L&#39;IMPIANTO LI KOLLEGO TRA LORO KON UNA TRECCIA DI RAME NUDA..DA 35 MMQ

                        Commenta


                        • #13
                          Io credo che sia sempre necessario avere l&#39;unicit&agrave; della terra.<br>Perci dagli scaricatori io vado direttamente al nodo di terra e se il dispersore lontano ne creo uno sul posto con suo dispersore. quindi interconnetto gli impianti con un 16 mmq. Per quanto possibile opportuno fare anche i collegamenti equipotenziali sia a livello del piano del campo FV (tetto) che a livello del piano terra.
                          GIULIANO
                          _____________
                          ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                          Commenta


                          • #14
                            ........e sarei tentato di farlo anche io solo che dopo i punti di messa a terra sarebbero 2, quello vicino al campo e quello dell&#39;abitazione, ed allora mi dico.........ma chi me lo fa fare &#33;<br><br>Pero&#39; forse, perche&#39; no, e&#39; meglio che farne 2 collegati che 2 separati..............boh &#33;<br><br>Secondo voi, che guai si potrebbero avere ad avere i 2 punti di terra non collegati ?

                            Commenta


                            • #15
                              che ci potrebbero essere correnti vaganti, ecco perch i 2 dispersori vanno collegati con una treccia di rame nuda...<br><br>

                              Commenta


                              • #16
                                Vaganti come ? e quando ?<br><br>se metti la treccia abbassi la resistenza di collegamento tra il pozzetto dell&#39;inverter e quello della casa.<br><br>Sarebbe interessante l&#39;opinione di tutti qui. Io ne ho sentite delle belle......50 e 50 &#33;

                                Commenta


                                • #17
                                  bene creare un altro impianto di terra,per rafforzare,ma i due impianti devono sempre esser collegati tra loro&#33;

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Che si rischia a non collegarli insieme ?<br><br>Si va contro le norme ma da un punto di vista funzionale o di sicurezza ?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      con due dispersori abbassi il potenziale di terra..vai a vantaggio della sicurezza<br>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        bene fare anche un imp, di terra nuovo ma deve esser sempre collegato all altro

                                        Commenta


                                        • #21
                                          il fatto e&#39; che la 64-8 prescrive che l&#39;impianto di terra deve essere unico ma <u>solo</u> per masse simultaneamente accessibili e non sarebbe questo il caso.........o sbaglio ?

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Uno dei motivi per i quali in una area utente l&#39;impianto di terra deve essere unico costituito dal fatto che in tale area possono esserci delle masse e delle masse estranee, anche non ben individuate od individuabili (linee di distribuzione gas acqua ,ecc) che possono trasferire il potenziale di terra di un punto lontano all&#39;altro. Se io non collego tutti i dispersori e non faccio il collegamento equipotenziale delle masse estranee potrei trovarmi, in caso di guasto, con potenziali pericolosi fra diversi punti fra di loro accessibili di masse e masse estranee.<br><br>PS: posso concordare con ing. Massimo a condizione appunto di poter escludere l&#39;esistenza di masse estranee di collegamento.
                                            GIULIANO
                                            _____________
                                            ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              esattamente, sono d&#39;accordo in pieno. Tu ti proteggi appunto dal rischio di accedere inconsapevolmente a masse simultaneamente accessibili &#33;<br><br>Se pero&#39; si ha la sicurezza di non avere masse contemporaneamente accessibili allora le due terre dovrebbero essere giustificate.<br><br>Nel caso in questione sta al progettista assicurarsi che non ci possano essere il pericolo di cui tu parli.<br>In genere scavando un pozzetto 40x40 e mettendoci una terra dentro non e&#39; facile trovarsi in situazioni dubbie. Questo e&#39; il motivo che mi spinge a fare cosi. Comunque bisogna starci attenti e tanto.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Purtroppo la teoria non il mio forte ma sono d&#39;accordo con elavgiu,si potrebbero creare delle correnti vaganti.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  In teoria (ed in pratica) basterebbe leggere la norma...<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 31/1/2008, 17:52)</div><div id="quote" align="left">Io credo che sia sempre necessario avere l&#39;unicit&agrave; della terra.<br>Perci dagli scaricatori io vado direttamente al nodo di terra e se il dispersore lontano ne creo uno sul posto con suo dispersore. quindi interconnetto gli impianti con un 16 mmq. Per quanto possibile opportuno fare anche i collegamenti equipotenziali sia a livello del piano del campo FV (tetto) che a livello del piano terra.</div></div><br>Se ci sono le condizioni, a favore della sicurezza, ma non obbligatoriamente faccio anche io cos.<br>Ti togli problemi ed la soluzione pi efficace, anche perch la resistenza di terra si abbassa.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (IngMassimo @ 1/2/2008, 09:14)</div><div id="quote" align="left">il fatto e&#39; che la 64-8 prescrive che l&#39;impianto di terra deve essere unico ma <u>solo</u> per masse simultaneamente accessibili e non sarebbe questo il caso.........o sbaglio ?</div></div><br>APPUNTO&#33;&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gsughi @ 1/2/2008, 09:23)</div><div id="quote" align="left">Uno dei motivi per i quali in una area utente l&#39;impianto di terra deve essere unico costituito dal fatto che in tale area possono esserci delle masse e delle masse estranee, anche non ben individuate od individuabili (linee di distribuzione gas acqua ,ecc) che possono trasferire il potenziale di terra di un punto lontano all&#39;altro. Se io non collego tutti i dispersori e non faccio il collegamento equipotenziale delle masse estranee potrei trovarmi, in caso di guasto, con potenziali pericolosi fra diversi punti fra di loro accessibili di masse e masse estranee.<br><br>PS: posso concordare con ing. Massimo a condizione appunto di poter escludere l&#39;esistenza di masse estranee di collegamento.</div></div><br>Se non c&#39; un marcipiede o un cortile in calcestruzzo (quindi presenza di rete magliate) difficilmente ci saranno masse estranee... a meno che... infiggendo i picchetti di terra non si &quot;infilzi&quot; una tubazione dell&#39;acqua o del gas&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e309aa0ed11cd439708ce9fd41882c2e.gif" alt=":lol:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e309aa0ed11cd439708ce9fd41882c2e.gif" alt=":lol:"><br><br>Ciao<br>Frank

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Frank,<br>tu insomma che faresti in una situazione come quella sopra ?<br>porteresti la massa a 30m o no.......non ti ho capito.<br>ciao

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Come ho detto sopra (ma l&#39;ho gi&agrave; detto in altri thread... l&#39;italiano a volte non il mio forte... quindi se non mi capite non un problema vostro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd14fbe7d9a864373c97da29fbedd25a.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd14fbe7d9a864373c97da29fbedd25a.gif" alt=":P"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/aeeabcc6718da60c8870af5a71b38ddc.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/aeeabcc6718da60c8870af5a71b38ddc.gif" alt=""> )<br><br>Nel caso descritto... se c&#39; la possibilit&agrave; di tirare 30 m di conduttore da 16 mmq NO7V-K isolato giallo-verde, lo faccio tirare (a favore della sicurezza e della riduzione della Rt... ma non obbligatoriamente).<br>Per possibilit&agrave; intendo se ci sono i cavidotti, pozzetti e passaggi gi&agrave; fatti senza dover andare a scavare/rompere e realizzare nuove onerose opere.<br><br>Come si dice dalle mie parti non saranno 30m di conduttore di terra da 16 mmq &quot;a farti cadere dall&#39;alto&quot; (cio che ti sballano i conti).<br>Fai conto che indicativamente il prezzo al m di questo conduttore, posato in tubazioni gi&agrave; predisposte dai 2,50-2,90 euro (totale circa per 30m dai 75 agli 87 euro).<br><br>Se, invece, per collegare i 2 impianti si dovessero realizzare un mare di nuove opere... lascierei i 2 impianti separati verificando che non ci siano masse metalliche in comune come tubazioni, ecc.<br>Nel caso riportato da me sopra una rete metallica di armatura della pavimentazione potrebbe essere una massa comune, quindi (secondo me) questa la situazione pi probabile di masse estranee in comune.<br><br>Ovviamente sto parlando di edifici distinti e separati. Se parlassimo di un condominio sarebbe impossibile mantenere le masse estranee separate.<br><br>Spero di essermi fatto capire.<br>Ciao<br>Frank

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Forte e chiaro , grazie.<br>Saluti<br><br>Comunque concordo e se posso quel cavo lo tiro pure io.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          La scorsa settimana ho parlato con il progettista di Solarday. Mi ha detto che per i loro pannelli prevedono 4 fori in pi per la messa a terra (nel prossimo futuro prevedono anche una bustina con bulloncini , capicorda). Ogno pannello va a massa con la struttura di sostegno e il tutto a massa nel pozzetto.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            .... ottimo motivo per NON acquistarli.<br>Ciao<br>Frank

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR