annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

FV+Accumulo per un consumo di 3500 kWh all'anno a 5500 euro

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Si, all inclusive
    spese ho solo la lettura del contatore, non ho altre tasse riguardanti FV


    Commenta


    • #17
      Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio

      qui da me i primi 3 impianti hanno rientri tra i 3 e i 4 anni (sconto 50% in fattura), quelli con accumulo minimo 7...
      Impossibile rientrare in 7 anni da impianto con accumulo. L'accumulo rende dai 50 ai 100 Euro massimo all'anno rispetto allo stesso impianto senza a seconda della taglia. La marginalità rispetto allo scambio sul post oggi si attesta sui 4-5 centesimi/KWh e quindi è impossibile superare questi rendimenti annui con impianti fino a 6KWh.
      Visti i costi degli accumuli minimo ci vogliono più di 30 anni con accumulo dimensionato perfettamente e a fronte di un profilo di consumo che darebbe veramente poco autoconsumo, tipo nessun consumo di giorno e poi di notte ricarica dell'auto elettrica. Di fatto considerando che la durata degli accumuli è molto più limitata mettendo in conto almeno una sostituzione dell'accumulo nel corso dei 25 anni di vita prevista dell'impianto il risultato finale dell'accumulo è che TUTTO l'impianto nel suo complesso (compresa la sostituzione accumulo) è costato più di quanto ha reso nei 25 anni, quindi investimento con rendimento fortemente NEGATIVO.

      Commenta


      • #18
        Originariamente inviato da mcanonic Visualizza il messaggio
        2) puo' l'impianto, in pieno giorno e se ha abbastanza produzione, sopperire alla mancanza di corrente senza accumulatore?

        Grazie,
        M.
        Attenzione che avere un impianto connesso alla rete con funzione di backup non è affatto semplice. E' necessario rispettare la normativa che impone sistemi per evitare che l'ìmpianto a fronte di distacco programmato da ENEL mandi corrente in rete rischiando di folgorare e uccidere gli operai. Non mi risulta che ad oggi ci siano soluzioni realizzabili rispettando la norma, quindi tutti gli impianti domestici installati al distacco della corrente si spengono immediatamente.

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da VP71 Visualizza il messaggio
          Non mi risulta che ad oggi ci siano soluzioni realizzabili rispettando la norma, quindi tutti gli impianti domestici installati al distacco della corrente si spengono immediatamente.
          Per me esistono soluzioni che rispettano la normativa italiana.. Poi dipende se cerchi/vuoi la funzione EPS o UPS.

          Commenta


          • #20
            Le soluzioni per non immettere in rete durante la mancanza di rete ci sono, e ho letto che alcuni i nuovi inverter con monitoraggio completo sono già predisposti. Va verificato che effettivamente lo siano e che ovviamente siano conformi alla normativa (non è un accessorio di default per tutti). Lascio spazio ai più tecnici.

            Commenta


            • #21
              Ho corretto le unità di misura (in molti post! Non toccato il "quotato").

              Per dettagli vi rimando a una lettura dell'ottimo post di MarioMaggi qui:
              https://www.energeticambiente.it/for...-wh-kw-kwp-kwh

              (in breve: k minuscolo per chilo, dato che K maiuscolo è kelvin; W maiuscolo per watt; sempre uno spazio tra numero e unità di misura .)

              Sapendolo cerchiamo di scrivere giusto (altrimenti equivale agli errori di grammatica), anche se in giro è pieno di "cattivi esempi" (basta guardare il caricabatterie del cellurare, PC, ecc.) e pure io spesso sbaglio ...
              Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

              Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

              Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

              Commenta


              • #22
                Originariamente inviato da mcanonic Visualizza il messaggio
                Grazie Junp delle risposta. Diciamo pero' che il tuo finale spiazza un po' quello che si diceva sopra, in cui con l'accumulatore si parla di rientri in decine di anni e non 7. Non so se con quel "qui da me" intendi italia del sud dove forse i rendimenti sono molto maggiori che dove abito io (zona Alessandria).

                Per me l'accumulo ha anche senso perche' mi trovo spesso ad avere periodi piu' o meno brevi senza corrente. Spesso (una volta al mese) manca per circa mezz'ora., mentre 2 o 3 volte d'estate anche per delle ore (2/3). Enel sollecitata piu' volte da gruppi di famiglie, ma nula.
                Certo, ovviamente qui abbiamo tranquillamente 1400-1500kWh/kWp, con punte di 1700, prezzi in genere + bassi (tetti piani, niente linea vita, impalcatura o altre dotazioni particolari), quindi il rendimento dell'investimento è molto migliore!
                se però dici che ti manca spesso la corrente allora la suonata cambia, è una necessità e l'accumulo diventa comodissimo!
                Ma anche se lo fai per puro piacere allora metti l'accumulo... nelle prossime settimane installiamo un impianto con 30kWh di accumulo ad un cliente "folle" (in senso buono) che ho scoperto stamattina che si è preso la seconda Tesla (una 3 oltre alla X che aveva)... dove c'è gusto non c'è perdenza

                FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                Commenta


                • #23
                  Originariamente inviato da VP71 Visualizza il messaggio

                  Impossibile rientrare in 7 anni da impianto con accumulo. L'accumulo rende dai 50 ai 100 Euro massimo all'anno rispetto allo stesso impianto senza a seconda della taglia. La marginalità rispetto allo scambio sul post oggi si attesta sui 4-5 centesimi/KWh e quindi è impossibile superare questi rendimenti annui con impianti fino a 6KWh.
                  .
                  parlo dalle mie parti
                  Un 3kw con 5 di accumulo con 5000€ scontati si fa e ti produce oltre 4500kWh all'anno
                  sono almeno 700€ all'anno di risparmio (sarebbero 900 in condizioni ideali)
                  come vedi 7 anni ce la fai... ma ovviamente molto peggio rispetto al 3kw da 2500-3000€ che ti fa risparmiare 5-600€


                  FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                  FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                  FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                  Commenta


                  • #24
                    Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio

                    parlo dalle mie parti
                    Un 3kw con 5 di accumulo con 5000€ scontati si fa e ti produce oltre 4500kWh all'anno
                    sono almeno 700€ all'anno di risparmio (sarebbero 900 in condizioni ideali)
                    come vedi 7 anni ce la fai... ma ovviamente molto peggio rispetto al 3kw da 2500-3000€ che ti fa risparmiare 5-600€

                    700 Euro all'anno mi sembrano molto irrealistici. Con autoconsumo al 100% a 0.15 Euro/kWh fanno 675 Euro teorici ma è già poco realistico perché l'accumulo non ti risolve il problema del picco estivo quindi avrai comunque immissioni. Diciamo realisticamente 500 Euro/anno al netto di tutto e quindi break even a 10 anni e da li cominci a risparmiare. Ma le batterie quanti anni pensi ti possano durare ancora? Quando le dovrai cambiare dopo pochi anni ti mangerai il poco rendimento accumulato a partire dall'undicesimo anno e il ciclo ricomincia da zero. Invece senza accumulo ti renderà 450 Euro/anno e 2500 Euro di impianto li ammortizzi in 5.5 anni e da li cominci a risparmiare e su una durata molto più lunga senza ulteriori investimenti. Resta poi il fatto che con meno soldi ti prendi un 6kWp che ti rende esattamente il doppio quindi direi che il confronto non regge comunque. Comunque la si giri le batterie sono soldi regalati all'installatore e rendono il fotovoltaico non più giustificato a livello economico.

                    Commenta


                    • #25
                      Jump: Eciavetetuttelefortuneciavete (tutto attaccato!)
                      voi al sud avete i mari più belli (anzi, rispetto a me è mcanonic avete il mare...!), gli agrumi più buoni, i pannelli più produttivi, gli inverter più efficienti...

                      Io non ho la batteria e più o meno mi ritrovo nei vostri piani di ammortamento (anno 2020 a parte), non condivido molto il rientro con batteria in 7 anni, 10 più realistico.

                      Di mio penso che mcanonic ha consumato 3500 kWh, secondo me un 6 kWp è un po’ troppo e il rientro si allunga inutilmente (comunque tante eccedenze fanno brodo..) e avendo speso 636 € (compreso fissi) e non potrà mai risparmiarne 700 €

                      Credo si sia capito, io voto per un 3 ( non 3,2) kWp senza batteria a 2500-3000 € installato (discorso backup a parte)

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da VP71 Visualizza il messaggio

                        700 Euro all'anno mi sembrano molto irrealistici. Con autoconsumo al 100% a 0.15 Euro/kWh fanno 675 Euro teorici ma è già poco realistico
                        Eh... 15 cent dove? il costo totale dei variabili non va sotto i 20cent!
                        comunque per il resto concordiamo, mediamente un accumulo ALLUNGA i tempi di rientro di circa il 50%...

                        FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                        FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                        FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                        Commenta


                        • #27
                          Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio

                          Eh... 15 cent dove? il costo totale dei variabili non va sotto i 20cent!
                          comunque per il resto concordiamo, mediamente un accumulo ALLUNGA i tempi di rientro di circa il 50%...
                          Io pago 14.5 cent/kWh basta scegliere l'offerta giusta. Certo se uno si fa abbindolare dai call center può pagare anche il doppio ma allora è come dire pago di più per poter credere di risparmiare di più...
                          Il 50% di allungamento dei tempi mi sembra veramente troppo ottimistico, più realisticamente direi che li raddoppia. Considera che anche con le batterie l'aumento di autoconsumo è sempre limitato e la differenza fra prelevato e immesso in SSP, anche se il costo dell'energia dovesse aumentare in futuro, rimane costante perchè anche la retribuzione per l'energia ceduta aumenta di pari passo. In pratica il vantaggio economico dell'autoconsumo si riduce ad accise e IVA e son pochi centesimi per kWh, troppo poco per dire che l'accumulo conviene.

                          Commenta


                          • #28
                            A 20 cent per kWh (escluso fissi), conviene che ti guardi intorno in cerca di fornitori migliori

                            Commenta


                            • #29
                              Originariamente inviato da Valimicio Visualizza il messaggio
                              Jump:
                              Credo si sia capito, io voto per un 3 ( non 3,2) kWp senza batteria a 2500-3000 € installato (discorso backup a parte)
                              Dici 3 e non 3.2 per evitare la tassa annuale aggiuntiva per gli impianti sopra i 3 kWp?
                              M

                              Commenta


                              • #30
                                Si, quel 0,2 in più non basta a ripagare la quota GSE. Da quel lato, se superi i 3 kWp, meglio abbondare, da 3,5 kWp in su. Il GSE guarda la potenza installata ai pannelli, non quella all’inverter che può anche essere minore.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X
                                TOP100-SOLAR