annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Detrazione 55% Fotovoltaico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Detrazione 55% Fotovoltaico

    Un piccolo dubbio, un cliente mi ha chiesto di poter fare la detrazione de 55% al posto del conto energia e mi ha fatto venire i dubbi. Gli ho detto che comunque non è prevista la detrazione del 55% per il fotovoltaico...ma mi sono venuti alcuni dubbi.
    Datemi conferma, grazie.

  • #2
    Originariamente inviato da niofar Visualizza il messaggio
    Un piccolo dubbio, un cliente mi ha chiesto di poter fare la detrazione de 55% al posto del conto energia e mi ha fatto venire i dubbi. Gli ho detto che comunque non è prevista la detrazione del 55% per il fotovoltaico...ma mi sono venuti alcuni dubbi.
    Datemi conferma, grazie.
    Con la risoluzione n. 207/E del 20 maggio 2008 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che la realizzazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica dà diritto solo alla tariffa incentivante, prevista dall'art. 7, comma 2, del D. Leg.vo 387/2003, ed all'eventuale premio aggiuntivo, ma non alla detrazione fiscale del 55% prevista per gli interventi di risparmio energetico, di cui all'art. 1, comma 344, della L. 296/2006.
    File allegati
    Se anche sapessi che domani finisse il mondo, io, oggi, pianterei comunque il mio albero di mele.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da giaga Visualizza il messaggio
      Con la risoluzione n. 207/E del 20 maggio 2008 ...
      Ciao Giaga, ma in quel documento non si parla di cumulabilità (ho letto di fretta, è possibile che mi sbagli)? Se qualcuno invece rinuncia al conto energia può chiedere la detrazione del 55%.

      Ciao

      MODERAZIONE : Non citare iteramente tutto il messaggio : si appesantisce innutilmente la lettura del forum , grazie
      Ultima modifica di recoplan; 24-03-2009, 15:14.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da niofar Visualizza il messaggio
        Ciao Giaga, ma in quel documento non si parla di cumulabilità (ho letto di fretta, è possibile che mi sbagli)? Se qualcuno invece rinuncia al conto energia può chiedere la detrazione del 55%.

        Ciao
        L’Agenzia ricorda che le norme agevolative (Dlgs 387/2003, con il relativo DM di attuazione 1 febbraio 2007, e il comma 344 della Finanziaria 2007) anche se entrambe di interesse per il settore energetico, perseguono finalità diverse: la prima, mediante l’erogazione della tariffa incentivante (contributo a fondo perduto), favorisce la realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia da fonte rinnovabile, la seconda, mediante il riconoscimento di una detrazione d’imposta per le spese di riqualificazione degli edifici, favorisce il contenimento dei consumi.

        I differenti ambiti nei quali operano le due agevolazioni - quello della produzione e quello del consumo di energia - fanno sì che esse non possono essere applicate al medesimo intervento essendo incompatibili sotto l’aspetto tecnico prima ancora che giuridico.

        ...se è chiaro...

        Se anche sapessi che domani finisse il mondo, io, oggi, pianterei comunque il mio albero di mele.

        Commenta


        • #5
          Ok, quindi a prescindere dalla cumulabilità, il 55% non è proprio collegato al fotovoltaico.

          Grazie

          MODERAZIONE : Non citare iteramente tutto il messaggio : si appesantisce innutilmente la lettura del forum , grazie
          Ultima modifica di recoplan; 24-03-2009, 15:13.

          Commenta


          • #6
            Tant'è vero che sentendo un CAF, mi risposero che era detraibile al 36%, rinunciando al conto energia ed assolutamente mai al 55%, visto che non rientra negli interventi previsti:
            • sostituzione di infissi
            • sostituzione di caldaia
            • isolamento termico di pareti verticali
            • isolamento termico di pareti orizzontali o inclinate
            • installazione di collettori solari

            Commenta


            • #7
              In alcuni miei posts precedenti, ho già sostenuto che secondo me ci sono i presupposti per poter usufruire sia della detrazione del 55% per l'impianto FV sia del CE.
              La condizione, però, è che l'impianto FV deve servire ad alimentare un generatore di calore elettrico (ad es. pompa di calore). Ci deve essere quindi un impianto integrato per la produzione di calore-energia, non il solo impianto FV, tale da rispettare le condizioni dell'art.1 c.344 della finanziaria 2007.

              La risoluzione 207 è una risposta ad un interpello. Nella fattispecie l'impianto FV non sembra partecipare alla riduzione del fabbisogno energetico tramite la conversione di energia elettrica in calore, quindi sfruttando la funzione primaria dei pannelli FV, ma solo come elemento di copertura sull'isolante del tetto.
              Quindi in questo caso l'interpretazione dell'Agenzia delle Entrate è condivisibile in quanto i pannelli non concorrono al raggiungimento della riduzione del fabbisogno energetico sfruttando la loro funzione primaria.

              La risoluzione 207 inoltre afferma che comunque non si potrebbe applicare la detrazione del 55% perchè l'investimento viene recuperato nel tempo tramite la produzione di energia.
              Questo punto è importante e, in effetti, di difficile interpretazione, soprattutto relativamente alle tempistiche di "recupero" dell'investimento ed a quelle della detrazione (3 anni).
              La circolare 46/E afferma:
              " L’investimento iniziale, pertanto, non viene ridotto per effetto della
              corresponsione dei predetti incentivi, ma può solo essere recuperato nel tempo
              attraverso la produzione di energia che, come detto, viene “premiata” mediante la
              corresponsione di una somma pari alla tariffa incentivante, che varia in base alla
              potenza dell’impianto, moltiplicata per l’energia prodotta nell’anno."

              Il fatto che l'investimento iniziale "non viene ridotto" e che l'incentivo non è collegato all'investimento bensì alla produzione di energia, mi lascia pensare che il CE non influisce sulle somme rimaste a carico del contribuente determinanti per l'applicazione della detrazione.
              In caso contrario, ci sarebbe la possibilità che l'incentivo CE sia sottoposto a tassazione separata, cmq inferiore al 55%.

              Nel caso la detrazione del 55% fosse concessa, si potrebbe cumulare con il CE perchè il DM 19/02/2007 non vieta tale cumulabilità, come sostenuto anche dall'Ag. delle Entrate.

              Bisognerebbe trovare un ravo fiscalista e procedere con un nuovo interpello, questa volta considerando il caso di un impianto integrato calore-energia FV+PdC.

              Certo che se fosse possibile ottenere il 55%, a fronte cmq di un investimento ben più elevato a causa delle PdC, si darebbe una grossa mano sia al FV che al risparmio energetico!

              Ciao,
              Eubrun

              Commenta


              • #8
                A proposito di FV+PDC è vero che si ha un premio del 30% sul CE.

                Commenta


                • #9
                  Ciao a tutti,
                  se l'impianto fotovoltaico sostituisce parti strutturali della copertura o infissi, ad esempio un impianto integrato architettonicamente sul tetto, si ha diritto alla detrazione del 55% rinunciando al conto energia ovviamente.Non importa se io effettuio un tetto in alluminio, rayzinc, coppi, tegole solari o altro durante una ristrutturazione.
                  Si effettua il collegamento con la rete, si utilizza l'energia prodotta ma non si ha il CE.
                  Io personalemente ho realizzato un impianto integrato architettonicamente sulal copertura e sono stato mezzo tentato di puntare sul 55% e costo evitato dell'energia anche se la quota di 0,49 euro/kWh per poco mi ha fatto desistere.
                  Il premio del 30% si ha con la certificazione energetica tra prima e dopo l'installazione pari a metà del risparmio conseguito e certificato: 40 % di risparmio si ottiene 20%, 50% si ottine 25%, 60 si ottiene 30% mentre se 80% si ottiene 30% (numeri comunque molto difficili da raggiungere).
                  Anch'io ho installato Fv + PDC e farò le procedura per avere diritto al premio, speriamo bene.
                  Saluti
                  Rem
                  "E' meglio essere approssimativamente corretti che esattamente sbagliati"
                  (v. 5.0 - Gennaio 2020) - RemTechnology 1999 - 2020 - ing.remtechnology@gmail.com
                  Leggete il regolamento del Forum EnergeticAmbiente.it

                  Commenta


                  • #10
                    fotovoltaico a concetrazione

                    Visto che in questo post si parlava di detrazione del 55% ho pensato di scrivere qui la mia domanda.
                    Secondo voi visto che il fotovoltaico a concentrazione tipo ( Sol3g ) non rientra nel conto energia può beneficiare della detrazione del 55%?
                    Saluti
                    Reciclatore

                    Commenta

                    Attendi un attimo...
                    X
                    TOP100-SOLAR