Hanno abolito le DIA!!!!! - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Hanno abolito le DIA!!!!!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Hanno abolito le DIA!!!!!

    Sogno o son desto...

    EnergyManager.net - Decreto incentivi, niente più Dia per gli impianti solari residenziali
    2,64 kWp - n°12 Suntech Pluto 220 - PowerOne Aurora 3.0 - tilt 19° - az. -10°

  • #2
    infatti nel mio comune sono furbi hanno messo un vincolo architettonico alla mia casa a fine 2008

    Commenta


    • #3
      tolta tolta ma attenzione resta per chi è in centro storico! e attenzione a non toccare i muri portanti!
      Kit sola ACS a Circolazione Naturale di produzione UE (Spagnola) 2 collettori piani SunSelect e Bollitore 192 lt Orient./Inclin: -23°/40°. Caldaia a Condensazione 24,7kw Termostufa 19,6 kw resi all'acqua, termosifoni ghisa e alluminio. Impianto fotovoltaico in regime di scambio sul posto da 2,990 kW policristallino con sistema di monitoraggio. Località: Botticino Mattina (prov. di Brescia - Lombardia - Italia) Orient./Inclin: -23°/12°

      Commenta


      • #4
        Era già previsto dalla legge 115/2008:
        3. Fatto salvo quanto previsto dall’articolo 26, comma 1, della legge 9 gennaio 1991, n. 10, e successive modificazioni, gli interventi di incremento dell’efficienza energetica che prevedano l’installazione di singoli generatori eolici con altezza complessiva non superiore a 1,5 metri e diametro non superiore a 1 metro, nonché di impianti solari termici o fotovoltaici aderenti o integrati nei tetti degli edifici con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda e i cui componenti non modificano la sagoma degli edifici stessi, sono considerati interventi di manutenzione ordinaria e non sono soggetti alla disciplina della denuncia di inizio attività di cui agli articoli 22 e 23 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e successive modificazioni qualora la superficie dell’impianto non sia superiore a quella del tetto stesso. In tale caso, fatti salvi i casi di cui all’articolo 3, comma 3, lettera a), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, è sufficiente una comunicazione preventiva al Comune.

        I Comuni non se la sono filata per niente, succederà la stessa cosa per questa legge.
        Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

        Commenta


        • #5
          Buongiorno a tutti,
          l'aver abolito la DIA nn significa poter far cio' che si vuole ed anche senza DIA il Comune puo' fermare in ogni momento qualsiasi lavoro che ritiene illegittimo o nn conforme.
          Come dice Dotting le semplificazioni c'erano gia' ma, credetemi, una comunicazione di quel tipo ha ben poche diversita', per nn dire nessuna, rispetto ad una DIA o a un PdC per i documenti da allegare.
          ciao car.boni
          Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da car.boni Visualizza il messaggio
            il Comune puo' fermare in ogni momento qualsiasi lavoro che ritiene illegittimo o nn conforme.
            Con quale diritto??
            illegittimo significa non legittimo, se la legge nei casi contemplati dall'art.11 della 115/2008, prevede la semplice comunicazione, perchè dovrebbe richiedere altra documentazione?
            Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

            Commenta


            • #7
              Ciao a tutti, rispondo (senza nessuna polemica, ma con la sola constatazione) a dotting

              Originariamente inviato da dotting Visualizza il messaggio
              Con quale diritto??
              Con quello della burocrazia

              Originariamente inviato da dotting Visualizza il messaggio
              perchè dovrebbe richiedere altra documentazione?
              Forse perché non conoscono tutte le leggi, forse perché ci vogliono guadagnare qualcosa; comunque fanno come vogliono

              All'inizio anche io la pensavo come dotting, ma dopo parecchie ore buttate mi sono rassegnato ...
              Non avrei mai creduto di arrivare a questo punto ma credetemi non c'è modo.
              Un dipendente comunale dopo parecchio che insistevo ha detto "Benvenuto in Italia ...".

              A presto

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da dotting Visualizza il messaggio
                .......... se la legge nei casi contemplati dall'art.11 della 115/2008, prevede la semplice comunicazione, perchè dovrebbe richiedere altra documentazione?

                Ciao Dotting,
                nn e' questione di documentazione, che, come dicevo, e' identica a quella per la DIA o il PdC ma sulla leggittimita' dell'intervento.
                Il mio e' un discorso generale, capirai bene che l'abolizione della DIA "tocca" in modo maggiore il campo edile, dove, da sempre ed aldila' di come si richiedevano le autorizzazioni, consente al Comune la revoca delle autorizzazioni.
                La CIA (Comunicazione Inizio Attivita') nn fa eccezione. Puo' anche nn piacere ma e' cosi.
                ciao car.boni
                Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                Commenta


                • #9
                  Non cerchiamo di fare all'italiana di tutta l'erba un fascio.

                  Ho fatto un caso circostanziato: nei casi contemplati dall'art.11 della 115/2008.
                  Se io ti dichiaro che installerò un pannello FV secondo i dettami dell'art. 11 con quale diritto mi chiedi la documentazione??

                  Non svicolare!!
                  Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao Dotting,
                    io nn svicolo .....
                    Ho recentemente presentato una CIA per un mio (come committente ho presentato anche le pratiche) impianto complanare da 1.6 MWp in forza dell'art. 11 della L 115/2008 e Ti posso garantire al 101% che i documenti allegati erano tanti.
                    Tanti quanto una DIA e che comunque il Comune ha il potere di dire che nn basta.
                    Prima di accusarmi di "fare ogni erba un fascio" o cose simili bisogna provare.
                    ciao car.boni
                    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                    Commenta


                    • #11
                      Carboni il comune non ha diritto di richiedere nulla, tu hai semplicemente voluto assecondare le loro richieste.

                      Diciamo le cose come stanno, ricordo ancora che i comuni hanno poteri amministrativi, legiferare spetta al parlamento.

                      Commenta


                      • #12
                        Buongiorno a tutti,
                        mi rendo conto che sto predicando ai sordi .........
                        Rinuncio a motivare ulteriormente, ognuno rimane della propria idea, e mi limito ad augurare a tutti che cio' che presentate sia sempre accettato senza obbiezioni dai Comuni.
                        Mi spacerebbe comunque dover dire " Ve l'avevo detto..."
                        ciao car.boni
                        Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                        Commenta


                        • #13
                          1.6 MWp ma stai scherzando!!??
                          Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da car.boni Visualizza il messaggio
                            Buongiorno a tutti,
                            mi rendo conto che sto predicando ai sordi .........
                            Rinuncio a motivare ulteriormente, ognuno rimane della propria idea, e mi limito ad augurare a tutti che cio' che presentate sia sempre accettato senza obbiezioni dai Comuni.
                            Mi spacerebbe comunque dover dire " Ve l'avevo detto..."
                            ciao car.boni
                            Ciao, forse qualcuno si sbaglia; dia in italiano é una "voce" del verbo dare
                            Saluti a tutti
                            Viava il sole

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da beppiminoro Visualizza il messaggio
                              dia in italiano é una "voce" del verbo dare
                              Finalmente qualcuno che ha centrato il problema.
                              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da dotting Visualizza il messaggio
                                1.6 MWp ma stai scherzando!!??
                                Ciao Dotting,
                                nn ho l'abitudine a dire scemenze.
                                L'impianto che sto per realizzare con una "semplice" CIA e' da 1,6 MWp.
                                ciao car.boni
                                Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao, qualcuno ha il testo del dl? sarà che è lunedì ma non trovo nessun link al testo originale, solo commenti...
                                  grazie

                                  Commenta


                                  • #18
                                    a proposito di dia

                                    nel caso vi sia una ditta che installa la struttura e i pannelli (pannelli acquistati dal cliente) e un altra ditta che realizza l'impianto elettrico; sapete dirmi se il geom. che fa la dia deve mettere il nome della ditta: quale delle due è più corretto? e cosa va incidere?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Buonasera a tutti,

                                      l'abolizione (quasi totale) della DIA è un fatto a mio parere estremamente positivo.
                                      Finalmente l'aspetto burocratico, snellito, permetterà sicuramente un aumento di clientela da parte del fotovoltaico per le utenze civili.

                                      La mia domanda è : da quando posso fare impianti senza DIA?

                                      Ho chiamato un comune pugliese che ha già recepito quanto emesso dal governo in data 19/03/2010...e mi dice di consegnare preventivamente solo una comunicazione.

                                      Grazie!

                                      Commenta


                                      • #20
                                        ............
                                        l'abolizione (quasi totale) della DIA è un fatto a mio parere estremamente positivo.
                                        Finalmente l'aspetto burocratico, snellito, permetterà sicuramente un aumento di clientela da parte del fotovoltaico per le utenze civili..........


                                        Buonasera a tutti,
                                        quoto questa parte di messaggio per ribadire un concetto :
                                        ma nn vi rendete conto che nn e' cambiato niente ?
                                        Con la DIA iniziavi i lavori dopo 20 o 30gg (dipende dai casi) mentre con la CIA li puoi iniziare il giorno stesso ma cio' che si deve produrre come documentazione e come asseverazione del tecnico sono uguali.
                                        Idem per il Comune che puo', in ogni momento e nelle due situazioni, fermare i lavori ecc ecc.
                                        Credo si stia facendo un'interpretazione distorta del provvedimento di semplificazione.
                                        Abolire la DIA nn significa anarchia e fare cio' che si vuole......
                                        Il passo veramente importante sarebbe quello di semplificare tutte le procedure inerenti le pratiche di VIA (nn solo per il FV ma per tutte le FER). Li c'e' da lavorare, li ci sono le differenze ed i margini per migliorare
                                        Vedersi autorizzare un impianto subito o dopo 30 gg con la CIA, con la DIA o con il PdC, secondo me, nn cambia niente mentre cambia, e di molto, vederselo autorizzato (quando va bene) dopo 1 anno.
                                        ciao car.boni
                                        Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Car.boni non ho ancora capito dove vivi.
                                          Qua in lombardia la manutenzione ordinaria è la manutenzione ordinaria che non è la dia quindi non presenti nessuna documentazione aggiuntiva.
                                          L'obbligo di via non c'è mai stato al massimo lo screening e solo per impianti > 1 MW.
                                          Oltre a questo dovrai spiegarmi in base a che cosa il comune può fermare.


                                          Forse non risultata chiara la semplificazione a te, evitare di perdere tempo dietro a cartacce inutili è un bel risparmio di tempo e soldi.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da interessato Visualizza il messaggio
                                            nel caso vi sia una ditta che installa la struttura e i pannelli (pannelli acquistati dal cliente) e un altra ditta che realizza l'impianto elettrico; sapete dirmi se il geom. che fa la dia deve mettere il nome della ditta: quale delle due è più corretto? e cosa va incidere?

                                            qualcuno sa aiutarmi?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da Re plus Visualizza il messaggio
                                              ..........non ho ancora capito dove vivi.
                                              Qua in lombardia la manutenzione ordinaria è la manutenzione ordinaria che non è la dia quindi non presenti nessuna documentazione aggiuntiva.
                                              L'obbligo di via non c'è mai stato al massimo lo screening e solo per impianti > 1 MW.
                                              Oltre a questo dovrai spiegarmi in base a che cosa il comune può fermare............


                                              Ciao Replus,
                                              vivo in un bellissimo posto (a detta degli altri) che e' Sanremo ma in una Regione tra le piu' complicate d'Italia (la piu' complicata, a detta mia e nn solo).
                                              Probabilmente la mia e' un'esperienza un po al di fuori del normale in quanto l'impianto che stiamo portando avanti, da oltre 1.5 MWp complanare a tetto, viene fatto con la semplice CIA e quindi puoi capire i timori che questa operazione comporti anche perche' per la cabina elettrica asservita all'impianto stiamo attendendo il PdC ed il nulla osta dalla Provincia per la valutazione d'incidenza (il capannone, dopo la sua costruzione, e' stato ricompreso in un'area SIC. Cose assurde....)
                                              Per abitudine nn do mai tutto per scontato ma soprattutto perche' ho gia' visto concessioni edilizie revocate (io le chiamo ancora cosi...) che sulla carta erano ineccepibili.
                                              Quindi quando sostengo queste affermazioni lo faccio a ragion veduta e ripeto che il Comune potrebbe (e' il dubbio che e' legittimo) mettersi di traverso e chiedere cose diverse.
                                              Ti ricordo che in Liguria, fino a poco tempo fa, la VIA era obbligatoria, Tu lo chiami o la semplifichi al semplice screening, per gl'impianti sopra a 20 kWp.
                                              Trai Tu le conclusioni ............
                                              ciao car.boni
                                              Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                il decreto è su GU n.71 del 26 marzo 2010:

                                                DECRETO-LEGGE 25 marzo 2010, n. 40

                                                Art. 5 Attivita' edilizia libera

                                                1. L'articolo 6 del testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidentedella Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e' sostituito dal seguente: «Art. 6 (L) - (Attivita' edilizia libera). - 1. Salvo piu'restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale ecomunque nell'osservanza delle prescrizioni degli strumentiurbanistici comunali e nel rispetto delle altre normative di settoreaventi incidenza sulla disciplina dell'attivita' edilizia e, inparticolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio,igienicosanitarie, di quelle relative all'efficienza energeticanonche' delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali edel paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42,i seguenti interventi possono essere eseguiti senza alcun titoloabilitativo: a) gli interventi di manutenzione ordinaria; b) gli interventi di manutenzione straordinaria di cuiall'articolo 3, comma 1, lettera b), sempre che non riguardino leparti strutturali dell'edificio, non comportino aumento del numerodelle unita' immobiliari e non implichino incremento dei parametriurbanistici; c) gli interventi volti all'eliminazione di barrierearchitettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o diascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagomadell'edificio; d) le opere temporanee per attivita' di ricerca nel sottosuoloche abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attivita' diricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne alcentro edificato; e) i movimenti di terra strettamente pertinenti all'eserciziodell'attivita' agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresigli interventi su impianti idraulici agrari; f) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti etemporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare dellanecessita' e, comunque, entro un termine non superiore a novantagiorni; g) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture inmuratura, funzionali allo svolgimento dell'attivita' agricola; h) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni,anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indice dipermeabilita', ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale; i) i pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio diaccumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuoridelle zone di tipo A di cui al decreto del Ministro per i lavoripubblici 2 aprile 1968, n. 1444; l) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredodelle aree pertinenziali degli edifici. 2. Al fine di semplificare il rilascio del certificato diprevenzione incendi per le attivita' di cui al comma 1, ilcertificato stesso, ove previsto, e' rilasciato in via ordinaria conl'esame a vista. Per le medesime attivita', il termine previsto dalprimo periodo del comma 2 dell'articolo 2 del regolamento di cui aldecreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37, e'ridotto a trenta giorni. 3. Prima dell'inizio degli interventi di cui al comma 1, lettereb), f), h), i) e l), l'interessato, anche per via telematica,comunica all'amministrazione comunale, allegando le autorizzazionieventualmente obbligatorie ai sensi delle normative di settore e,limitatamente agli interventi di cui alla citata lettera b), i datiidentificativi dell'impresa alla quale intende affidare larealizzazione dei lavori. 4. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovio maggiori oneri a carico della finanza pubblica.».


                                                commento di edilportale:

                                                Si applicano da subito le semplificazioni in Sardegna e Friuli Venezia Giulia, le cui leggi regionali in materia edilizia consentivano già di iniziare i lavori inoltrando una comunicazione, senza attendere 30 giorni.

                                                Subito manutenzioni semplificate anche in Puglia, Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata e Calabria: in queste Regioni, che non hanno una legge regionale in materia, si farà riferimento al nuovo Dpr 380/2001, come modificato dal DL Incentivi. Queste Regioni potranno comunque, in seguito, decidere di legiferare reintroducendo la DIA, ma intanto, da oggi, si può ristrutturare senza DIA.

                                                In dubbio, invece, Piemonte, Veneto e Lazio che richiedono la DIA per le manutenzioni straordinarie, escludendo quindi l’applicazione del DL, ma sulla base di leggi regionali precedenti al Dpr 380/2001.

                                                Semaforo rosso in Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Val d’Aosta, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Campania e Sicilia: queste Regioni hanno una legge regionale in materia edilizia, successiva al Dpr 380/2001, che richiede DIA per le manutenzioni straordinarie. Poiché la legge regionale prevale sul DL nazionale, la DIA continuerà ad essere richiesta.
                                                ...dal 2006

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da car.boni Visualizza il messaggio
                                                  mentre con la CIA li puoi iniziare il giorno stesso ma cio' che si deve produrre come documentazione e come asseverazione del tecnico sono uguali.
                                                  in realtà la Comunicazione di Inizio Attività o meglio Comunicazione Preventiva è slegata dalla presentazione di documenti a seguito, a meno che non siano espressamente richiesti dall'ufficio tecnico del comune e.... PREVISTI dal regolamento edilizio comunale.

                                                  in allegato un esempio di un comune scaricato googlando qua e la!

                                                  Se l'impianto rientra nella manutenzione ordinaria, non è necessario progetto, asseverazioni e quant'altro.

                                                  non è che nel tuo caso ti hanno chiesto un sacco di robbba perchè stai installando un mostro da 1,6mw?
                                                  File allegati
                                                  'Non abbiamo più bisogno di 1 centrale che produca 1.000.000 di kWh, ma di 1.000.000 di persone che producano 1 kWh a testa.'
                                                  'Il kWh più ecologico rimane sempre quello che non si consuma.'

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da Gate Array Visualizza il messaggio
                                                    ............non è che nel tuo caso ti hanno chiesto un sacco di robbba perchè stai installando un mostro da 1,6mw?

                                                    Ciao GateArray,
                                                    e' il dubbio principale ...... cosi senza saper ne leggere e ne scrivere abbiamo fornito, oltre a tutte le informazioni che servivano (tante), anche cose superflue e gia' presenti nel PdC della cabina.
                                                    La CIA e' stata presentata ca 1 mese fa ed il PdC da ca 2 mesi, attendiamo a breve il rilascio e poi si parte.
                                                    ciao car.boni
                                                    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Ma sei sicuro ? Sul sito ufficiale della gazzetta non c'è...!!!!

                                                      Ho controllato su www.gazzettaufficiale.it ....sbaglio qualcosa ?

                                                      [QUOTE=scarda;119050455]il decreto è su GU n.71 del 26 marzo 2010:

                                                      DECRETO-LEGGE 25 marzo 2010, n. 40

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Trovato, scusate. Era l'intestazione del DL che era fuorviante.
                                                        [QUOTE=mozzarella;119052627]Ma sei sicuro ? Sul sito ufficiale della gazzetta non c'è...!!!!

                                                        Ho controllato su www.gazzettaufficiale.it ....sbaglio qualcosa ?

                                                        Originariamente inviato da scarda Visualizza il messaggio
                                                        il decreto è su GU n.71 del 26 marzo 2010:

                                                        DECRETO-LEGGE 25 marzo 2010, n. 40

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Concordo in tutto e per tutto con quello che ha scritto l' amico Car.Boni .
                                                          A me un comune nella provincia di Asti ha bloccato i lavori (11 settembre 2009) per un impianto da 20kwp a norma LEGGE n 46 del 5.3.1990
                                                          Peccato che questa legge sia stata ampiamente sostituita ... ma il tecnico comunale evidentemente non lo sapeva.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            ragazzi ma è obbligatori nnella CIA allegare il progetto, durc e impresa che realizza i lavori?

                                                            Ho sempre redatto uan semplice comuncazione senza allegare nulla ad eccezione del documento d'identità.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X