Novità sulle delibere AEEG TICA, SSP e MISURA - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Novità sulle delibere AEEG TICA, SSP e MISURA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Novità sulle delibere AEEG TICA, SSP e MISURA

    Come sicuramente molti hanno notato in data 6-8-10 sono state pubblicate tre delibere, rispettivamente la ARG/elt 125/10, ARG/elt 126/10 e ARG/elt 127/10, che apportano modifiche alle precedenti ARG/elt 99/09 (TICA), ARG/elt 88/07 (misure) e la ARG/elt 74/08 (ssp, rid e ritiro dedicato).
    Sarebbe bello analizzare assieme le novità proposte.

    Da una prima lettura sulle modifiche del TICA pare si dia maggiore importanza alla comunicazione di inizio lavori, ma credo questo sia per le pratiche in autorizzazione unica, giusto?
    Poi si parla di aree e linee critiche ma in realtà cosa si intende?

    Per quanto riguarda le MISURE mi salta all'occhio che se il gruppo per la misura dell'energia prodotta non è installabile vicino ai gruppi di conversione bisogna prendere in considerazione la distanza e in accordo con (credo il GSE) studiare un "algoritmo" che faccia compensare eventuali perdite causate dalla distanza..... altro che funzionari ENEL che impongono il gruppo misura dove vogliono loro.

    Per lo scambio il ritiro e tariffa omnicomprensiva mi salta all'occhio la scadenza dei 60 gg per richiedere le convenzioni cosa che prima non esisteva, e quindi ancora la possibilità per chi non l'avesse ancora fatto di stipulare la convenzione per l'anno 2009 (per coloro che erano in esercizio nel 2008 e non hanno fatto la convenzione con GSE).

    Spero possa essere interessante approfondire e assieme capire qualche cosa in più.
    In allegato le delibere.
    Saluti
    File allegati

  • #2
    Al volo alcune considerazioni:


    Il nuovo TICA sarà operativo dal 1°gennaio 2011.


    Perché queste modifiche?

    La ragione principale è che negli ultimi mesi nel sud Italia sono state presentate richieste per la connessione in immissione pari a 98 GW (reti trasmissione+distribuzione), pari a circa 12 volte l'obiettivo nazionale al 2020, di realizzazioni PV.

    Cosa cambia?

    1) All'accettazione della Soluzione Tecnica Minima di Connessione, occorrerà versare il 30% del corrispettivo per la connessione anche nel caso in cui il richiedente scelga di realizzare in proprio l'opera infrastrutturale elettrica di connessione.

    2) Per potenze< 10 MW, la richiesta di connessione dovrà essere inviata all'impresa distributrice locale (Enel&Company), per potenze >=10MW a TERNA.

    3) Compatibilmente con le condizioni locali di rete, sarà possibile connettere sulle reti MT, impianti PV fino a 10MW di potenza richiesta per la connessione in immissione (corrispondente allo stato dell'arte a realizzazioni PV di circa 11,5-12 MWp)


    Ripeto, al volo.

    Buona serata
    Ale
    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

    Commenta


    • #3
      Per quel che riguarda lo SSP (127-10arg articolo 11) sono stati aggiornati alcuni passaggi della procedura di ingresso, per me non importanti....
      Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
      Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K
      Twingo Electric Zen dal 2021 Tesla MY dal 2024

      Commenta


      • #4
        Una cosa che non capisco è la seguente:
        1) Siamo nel caso di accettazione del preventivo nel 2009 con la possibilità di proroghe della data di inizio lavori nel 2010 dovute al non completamento dell'iter autorizzativo (arriviamo ad un giorno successivo rispetto al 7 agosto 2010).
        Cosa succede se il punto di connessione diventa un punto all'interno di una "area critica"?
        Devo comunque fare un deposito cauzionale/fideiussione? (sto parlando del comma 5.1 Art. 5 Allegato B)

        2) Con riferimento all'art. 4 dell'allegato B, non si va in contrasto con il comma 31.2 dell'allegato A (quindi possibilità di proroghe della data di inizio lavori)?

        3) Per una richiesta di preventivo ottenuta a Giugno del 2010 ma da accettare in data 15/08/2010, devo versare il 30% secondo il comma 12.6 Art. 12 Allegato A oppure no?
        Ultima modifica di sischo; 10-08-2010, 11:52.

        Commenta


        • #5
          Credo che come detto da alessandro74 i problemi non si pongano se non dal 01/01/2011.
          Ultima modifica di facesole; 10-08-2010, 13:01. Motivo: rimossa citazione inutile

          Commenta


          • #6
            Però l'art 6 dell'allegato B dice: Le condizioni procedurali...si applicano a tutte le richieste di connessione, ivi incluse quelle presentate fino al 31 dicembre 2010, con effetti a decorrere dall' 1 gennaio 2011.

            Commenta


            • #7
              Appunto; solo se la connessione non è completata entro il 31/12/2010 allora vale la procedura "nuova" ti deve porre il problema se sei o no in area critica (spero per Sischo che ha posto il quesito che il giorno successivo al 07/08/2010 in cui dovrebbero iniziare i lavori gli consenta di allacciare prima del 31/12, altrimenti....bhè il problema c'è).

              Per quanto riguarda il 30% pure senz'altro no (stai accettando nel 2010).

              Commenta


              • #8
                Per connessione "non è completa" al 31/12/2010 cosa intendi?
                Tutto l'iter fino all'allacciamento dell'impianto e quindi la fine lavori inclusa?
                Ultima modifica di sischo; 10-08-2010, 16:05.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da alessandro74 Visualizza il messaggio
                  3) Compatibilmente con le condizioni locali di rete, sarà possibile connettere sulle reti MT, impianti PV fino a 10MW di potenza richiesta per la connessione in immissione (corrispondente allo stato dell'arte a realizzazioni PV di circa 11,5-12 MWp)
                  Premessa la sconfinata stima e gratitudine per Alessandro (che cmq scriveva al volo), non mi pare corretto: All.A, 2.4: oltre 100 kW e fino a 6 MW connessione in MT (salvo diverse scelte tecniche, non precisate, del Gestore); il discorso dei 10 MW vale invece per il Gestore a cui inviare la richiesta (Distributore o TERNA) (All.A, 6.1) e deriva dal fatto che alcuni distributori (ad es. ENEL) gestiscono oltre alla rete MT anche alcune linee a 150 kV e a 220 kV (ancora per poco, pare le stiano cedendo tutte a TERNA). Quindi impianto da 8 MW: connessione in AT, con richiesta inoltrata al Distributore (ENEL o chi per essa).
                  In ultimo vorrei notare che sotto quest'aspetto non c'è nulla di nuovo rispetto alla versione precedente del TICA...

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da sischo Visualizza il messaggio
                    1) Siamo nel caso di accettazione del preventivo nel 2009 con la possibilità di proroghe della data di inizio lavori nel 2010 dovute al non completamento dell'iter autorizzativo (arriviamo ad un giorno successivo rispetto al 7 agosto 2010).
                    Cosa succede se il punto di connessione diventa un punto all'interno di una "area critica"?
                    Devo comunque fare un deposito cauzionale/fideiussione? (sto parlando del comma 5.1 Art. 5 Allegato B)


                    Devi senz'altro farlo se non completi prima l'impianto; circa quando dovrai farlo, dipende da alcuni dati che non hai fornito:
                    1. livello di tensione della connessione (MT o AT/AAT?);
                    2. data esatta di accettazione del preventivo.
                    Facci sapere e proviamo a individuare la data.

                    Commenta


                    • #11
                      Tensione MT ed accettazione del preventivo al 14 ottobre 2009

                      Commenta


                      • #12
                        Dovrai rendere disponibile la garanzia (60 000 €/MW) alla "data di invio della prima comunicazione ai sensi dell’articolo 31, commi 31.1 e 31.2 (...) successiva al 15 novembre 2010"; quindi se la data della prima comunicazione è il 14/10/2010 (12 mesi dopo l'accettazione del preventivo, comma 31.1) e quindi anteriore al 15/11/10, dobbiamo considerare la data della comunicazione successiva, ossia 120 giorni lavorativi dopo (va fatto un conteggio con calendario alla mano per escludere i festivi ma credo che andrai a finire verso la fine di Marzo 2011).
                        Ad ogni modo una conferma credo che ti giungerà, verso la fine di Ottobre 2010, dal Distributore nel momento in cui ti comunicherà se il tuo impianto ricade o no in area critica.

                        Commenta


                        • #13
                          Sei stato chiarissimo.

                          Grazie mille Max.

                          Commenta


                          • #14
                            Atlanti di rete

                            Un'altra novità di rilievo del nuovo TICA mi sembra il fatto che finalmente i Gestori di rete dovranno pubblicare i loro finora segretissimi (perchè poi? per motivi di sicurezza? tanto ormai le infrastrutture di rete sono ben visibili oltre che dal vivo anche da Google Earth!) atlanti di rete:
                            "Terna e le imprese distributrici che dispongono almeno di una cabina primaria, entro il 30 giugno 2011, definiscono e pubblicano sui propri siti internet degli atlanti relativi alle reti in alta e altissima tensione e alle cabine primarie AT/MT per fornire indicazioni qualitative aggiornate, in relazione alle disponibilità di capacità di rete."

                            Commenta


                            • #15
                              Di niente Sischo!

                              Commenta


                              • #16
                                Ho presentato una richiesta di connessione di 3750 KWp in MT, presentata il 12 agosto.

                                Il preventivo di connessione, essendo l'impianto ubicato in provincia di Foggia (area rossa), mi richiede la garanzia fidejussoria prevista dal nuovo TICA.

                                Secondo voi è corretto?

                                Commenta


                                • #17
                                  Assolutamente si, devi avere una fideiussione di importo pari 3,750x60000=225000 euro.
                                  Tale fideiussione deve essere pagata entro la prima data utile a partire dal 15/11/2010, pena la decadenza del preventivo.

                                  Nel tuo caso specifico tale fideiussione deve essere attivata entro il 12/08/2011.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Va bene, nel mio caso specifico no problem, visto che sarò "coperto" dal "grosso" finanziatore di turno.

                                    Mi sembra però una grande ca$$ata questa cosa qui, perchè così si consente solo ai "grandi e potenti" di poter investire nel settore, dovendo mettere sul piatto già una consistente somma come capitale bloccato.

                                    E dire che, se volevano ridurre le richieste di connessione "selvagge" bastava secondo me ridurre i tempi di validità dei preventivi, e anche dopo l'accettazione degli stessi indicare un tempo massimo entro cui doveva essere attivato il procedimento unico....

                                    Come al solito invece si finisce per favorire i grossi speculatori del settore....
                                    Ultima modifica di rob74; 14-11-2010, 11:18.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Quello che ti definisci una "grande ca$$ata" è a mio avviso uno dei provvedimenti più giusti presi negli ultimi tempi.

                                      Se veramente vuoi realizzare un impianto da 3,75MWp le poche migliaia di € di fideussione sono nulla, ma se invece stai speculando per rivenderti l'autorizzazione a realizzare l'impianto sono un bel problema.

                                      Mi spiego: non ti viene chiesto di versare 225.000€ ma solo di presentare una fiudeussione bancaria di quell'importo il cui costo potrebbe essere di 8/10.000€ praticamente nullo se devi spenderne 4/5.000.000€ per fare l'impianto.

                                      Tutto questo invece se vuoi speculare ti crea dei problemi perchè gli 8/10.000€ sono un bel impatto sui tuoi margini ma sopratutto perchè se sei uno speculatore ben difficilmente riuscirai ad ottenere più di un paio di fideussioni visto che la banca non ha nulla su cui rivalersi nel caso vengano poi escusse da Enel.

                                      In sostanza hanno dovuto imporre con la forza quello che a tutti dovrebbe essere ben chiaro: la rete di distribuzione nazionale è un bene NAZIONALE e quindi fenomeni di prenotazione a fini speculativi non possono essere accettati e tollerati in quanto avvantaggiano pochi soggetti usando un bene che è della collettività.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Buongiorno a tutti,
                                        quoto al 100% l'intervento di Rob74.
                                        L'introduzione di questa condizione evita speculazioni in un mercato che ormai ne ha gia' viste troppe.........
                                        Ed e' esammente il contrario di quanto sostiene Mikept che dice "Come al solito invece si finisce per favorire i grossi speculatori del settore...."
                                        ciao car.boni
                                        Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Non sono pienamente d'accordo con Rob e Car.boni.

                                          Mi scuso innanzitutto per la "cassata" nello scrivere, non si ripeterà più.

                                          Tengo a precisare che nel mio caso, sono un semplice progettista contattato dallo speculatore di turno.

                                          L'ho già specificato infatti nel mio precedente messaggio.

                                          Il problema della garanzia o deposito che sia sta proprio qui:
                                          Quelle "poche" migliaia di Euro che hanno aggiunto non sono di sicuro un grosso impatto sull'importo del progetto, A MAGGIOR RAGIONE SE CHI DEVE INVESTIRE E' UN FONDO PLURIMILIONARIO.

                                          Se invece volessi tentare da solo, con le mie forze, di farmi un progetto sul MIO terreno, per poi vedere come va a finire (magari venderlo, si, e qual'è il problema?), ora non lo posso più fare.

                                          Perchè quelle "poche migliaia di Euro" su di me hanno un impatto davvero grande.

                                          Sarebbe bastato solamente IMPORRE l'avvio dell'A.U. entro X giorni dall'accettazione del preventivo, oltre che IMPORRE di fornire garanzie tecniche ADEGUATE qualora il furbetto di turno, per non pagare il famoso 30% del preventivo, si "inventi" di voler realizzare in proprio le opere (leggi: se non mi dai un accordo firmato con una impresa qualificata nel settore elettrico te lo scordi di realizzare in proprio).
                                          Semplice no?

                                          E' proprio con questi sotterfugi infatti che dalle mie parti (PUGLIA) hanno virtualmente intasato le linee elettriche.

                                          Con i provvedimenti adottati invece così si mettono paletti puramente di carattere ECONOMICO e quindi, ve lo garantisco, SOLO chi ha già tanti soldi (come i miei padroni), continuerà a presentare progetti., alla faccia dei piccoli, che rimarranno piccoli.....

                                          Ecco qui, il senso del mio messaggio era solo questo.

                                          Originariamente inviato da sischo Visualizza il messaggio
                                          Assolutamente si, devi avere una fideiussione di importo pari 3,750x60000=225000 euro.
                                          Tale fideiussione deve essere pagata entro la prima data utile a partire dal 15/11/2010, pena la decadenza del preventivo.

                                          Nel tuo caso specifico tale fideiussione deve essere attivata entro il 12/08/2011.
                                          Scusa Sischo non riesco a trovare un riferimento negli articoli delle delibere che mi conforti sulla data del 12/08/2001.

                                          A me pare che debba presentarla all'atto dell'accettazione del preventivo, e quindi entro i prossimi 45 gg

                                          Un consiglio:
                                          Avendo a disposizione una piccola serra sul terreno di mio padre (piccolo, piccolissimo imprenditore agricolo), realizzandoci su circa 20-25 kWp sarei tenuto a fornire l'agognata (e da me odiata) garanzia?
                                          Ultima modifica di rob74; 14-11-2010, 19:23.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Il tuo discorso non fa altro che confermare la bontà del provvedimento: ha impedito una speculazione.

                                            Niente è perfetto e tutto è migliorabile, ma questo provvedimento va sicuramente nella strada giusta.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da rob74 Visualizza il messaggio
                                              Il tuo discorso non fa altro che confermare la bontà del provvedimento: ha impedito una speculazione.
                                              Scusa Rob, non vorrei però passare per il polemico della situazione, soprattutto su una questione che mi vede in linea generale addirittura d'accordo con te.

                                              Immagino che tu ti riferisca all'ipotesi da me prospettata del progetto sul mio terreno, di mio padre per la precisione, sul quale avrei voluto ad installare una nuova serra agricola con l'impianto sul tetto, per un totale di 150 KWp, e che ora non posso più.
                                              Perchè è davvero difficile trovare le fonti di finanziamento già con i progetti approvati, figuriamoci senza.
                                              E nel mio caso non potrò quindi nemmeno tentare.

                                              Mi chiedo ora che differenza ci sia però fra il fondo o l'investitore milionario, ed il privato proprietario.

                                              Dai provvedimenti presi pare quasi che l'investimento fatto dal milionario di turno sia lecito, mentre il tentativo di dare valore ad un bene proprio no.

                                              Ribadisco il mio concetto, magari nella mia ottusaggine, che a parer mio i paletti da imporre dovevano essere esclusivamente di carattere tecnico, e non economico.

                                              Invece così chi ha i soldini potrà permettersi di continuare a fare semplicemente quello che stava già facendo...speculare su grossi progetti.

                                              Del resto coloro che ho citato come i "padroni" del campo da 3,75 MW che ho in progetto, di soldi ne hanno già tanti e problemi non se ne faranno a versare il deposito cauzionale.
                                              Quindi ai sensi delle delibere ecc. per loro non è cambiato assolutamente nulla...

                                              Per me, figlio di un piccolo agricoltore, SI.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Non mi riferivo alla serra ma bensì al tuo accenno di richiedere una connessione sul terreno e poi di rivenderla senza realizzare nulla, quindi un atto prettamente speculativo.

                                                Per quanto riguarda la serra, a rischi di sembrare un ficcanaso insensibile, direi che dovresti ringraziare il legislatore: se sei così "tirato" finanziariamente da non poter richiedere e sostenere i costi di una fideussione di qualche migliaio di € (con costi quindi risibili) direi che il rischio che ti stavi assumendo per realizzare l'impianto era forse eccessivo.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da mikept Visualizza il messaggio
                                                  ..............

                                                  Mi chiedo ora che differenza ci sia però fra il fondo o l'investitore milionario, ed il privato proprietario.

                                                  Dai provvedimenti presi pare quasi che l'investimento fatto dal milionario di turno sia lecito, mentre il tentativo di dare valore ad un bene proprio no.

                                                  ........................


                                                  Buongiorno Mikept,
                                                  nn ci sono differenze tra il privato proprietario e l'investitore milionario se la finalita' e' quella di portare a compimento l'autorizzazione ottenuta sul fondo.
                                                  Molto diverso invece, e' il caso dell'investitore milionario che operando "in piu' scarpe" nn realiza niente ed a fronte di spese minime realizza plusvalenze elevate.
                                                  La fidejussione pone fine a questa cosa nn tanto perche' ne auenta i costi ma perche' va a limitare in modo drastico le possibilita' d'investimento.
                                                  Avere una fidejussione aperta e' un conto ma averne dieci e' un'altro paio di maniche e, credimi, anche per chi ha denaro e' un problema.
                                                  Tieni conto di un'altra cosa (l'ho gia detto in un'altra discussione), oggi sul mercato stanno arrivando, in vendita, impianti gia' fatti ed allacciati.
                                                  Questo fatto incide nn poco sui valori delle autorizzazioni e quindi, se sommi le due cose, le convenienze dello speculatore si riducono al lumicino.
                                                  ciao car.boni
                                                  Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da rob74 Visualizza il messaggio
                                                    Non mi riferivo alla serra ma bensì al tuo accenno di richiedere una connessione sul terreno e poi di rivenderla senza realizzare nulla.
                                                    Effettivamente era la stessa cosa.
                                                    Nel senso che, qualora non avessi avuto l'accesso ai finanziamenti avrei dirottato in tal senso le mie mire.

                                                    Comunque, a scanso di equivoci, sono effettivamente contrario alle attività speculative che, proprio qui in Puglia, ha visto tanti colleghi arrivisti effettuare la semplice compravendita delle autorizzazioni, inquinando anche il mercato dei liberi professionisti.

                                                    [VORREI CITARE CAR.BON]
                                                    Molto diverso invece, e' il caso dell'investitore milionario che operando "in piu' scarpe" nn realiza niente ed a fronte di spese minime realizza plusvalenze elevate.

                                                    E' proprio il caso dell'investitore del campo da 3,75 MWp....spese minime ...anche se credo che realizzerà e forse questo è l'importante.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da mikept Visualizza il messaggio
                                                      1) Sarebbe bastato solamente IMPORRE l'avvio dell'A.U. entro X giorni dall'accettazione del preventivo...


                                                      2) Scusa Sischo non riesco a trovare un riferimento negli articoli delle delibere che mi conforti sulla data del 12/08/2001.
                                                      A me pare che debba presentarla all'atto dell'accettazione del preventivo, e quindi entro i prossimi 45 gg
                                                      1) già esiste: questa novità è stata introdotta con la nuova TICA di Agosto 2010 (bisogna iniziare l'iter autorizzativo entro 60, 90, 120 o 180 giorni a seconda del tipo di connessione);

                                                      2) il 12/08/2011 perchè se tu hai richiesto il preventivo il 12/08/2011, l'accettazione ricade il 14/10/2010; tale data è prima del 15/11/2010 quindi va considerata la prima data utile dopo il 15/11/2010 che è come ti ho detto il 12/08/2011 per il rinnovo del preventivo (12/08/2010+12 mesi).
                                                      Dai una occhiata all'art. 31 e all'allegato B della delibera AEEG 125/10.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da sischo Visualizza il messaggio
                                                        Dai una occhiata all'art. 31 e all'allegato B della delibera AEEG 125/10.
                                                        Scusa sischo ma non devo far riferimento all'art.5.2 dell'allegato b) alla 125-10?

                                                        La mia richiesta mi pare che ricada nell'ipotesi (cito test.):
                                                        "b) nei casi in cui la comunicazione di cui alla lettera a) è inserita nel
                                                        preventivo, la garanzia deve essere presentata all’atto dell’accettazione del preventivo. In questi casi, ai fini dell’applicazione degli articoli 32 e 33 del Testo Integrato delle Connessioni Attive, come modificato ai sensi della deliberazione ARG/elt 125/10, si considera la data di accettazione del preventivo ove richiamata;"

                                                        O mi sbaglio?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Direi che in effetti è come dici tu.
                                                          Ora chiedo:
                                                          dato che il tuo preventivo scadeva il 14/10/2010, come facevi a presentare la fideiussione se l'ENEL ha diffuso le aree critiche il giorno 15/10/2010 ?!?!!!?

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da sischo Visualizza il messaggio
                                                            dato che il tuo preventivo scadeva il 14/10/2010, come facevi a presentare la fideiussione se l'ENEL ha diffuso le aree critiche il giorno 15/10/2010 ?!?!!!?
                                                            Me lo chiedo anch'io....
                                                            Eppure nel preventivo è chiaramente indicato di dover presentare la garanzia.

                                                            Sarà perchè il preventivo mi è arrivato solo cinque giorni fa, quindi in netto ritardo rispetto ai tempi previsti?

                                                            Vedremo se almeno pagheranno i famosi 20 Euro/gg!

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X