Nuova Bozza Dgls Rinnovabili: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nuova Bozza Dgls Rinnovabili: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • intervista al deputato Rampelli pdl, contro nucleare

    leggete l'intervista su tiscali
    Fabio Rampelli (Pdl): "La scelta del nucleare da fissione è sbagliata, pensiamoci bene" | tiscali.notizie

    Commenta


    • scusate leggo:
      Consumiamo ogni anno, tra imprese, uffici, negozi e famiglie, 338 miliardi di chilowattora. Una quantità impalpabile. Della quale fatichiamo a capire le dimensioni se non grazie a dei paragoni. Che mettono i brividi.
      Secondo Eurostat, l'Italia «brucia» tanta energia elettrica quanto Turchia, Polonia, Romania e Austria le quali messe insieme hanno 136 milioni di abitanti.
      O se volete (stavolta i dati sono dell'Aie, l'Agenzia internazionale dell'energia) quanto mezzo miliardo di africani.
      E avanti di questo passo nel 2025 consumeremo il 5,3% di tutta l'energia prodotta nel pianeta con lo 0,7% della popolazione mondiale

      Allora dico: se vi è un tetto di 8000 GW in proporzione il fotovoltaico rappresenterebbe un 2% circa?
      (338.000.000.000 Kw / 1.000.000)=338.000 GW
      (8000/338.000)= 2,36%
      Sbaglio Alvisal?(tu che sei bravo in questi calcoli)Grazie.

      Commenta


      • in effetti quelli che citi sono kWh (cioè energia) mentre gli 8.000.000 di kW ipotetici sono potenza istallata (ciioè capacità di generare ogni ora 8.000.000 kWh di energia).
        Per trasformare gli 8.000 MW (8.000.000 di kW) in MWh bisogna moltiplicarli per la capacità di produzione, cioè nel caso di fotovoltaico le ore equivalenti totali per anno. La media nazionale (GSE) è 1.200. Quindi i MW produce in Italia mediamente 1.200 MWh all'anno (1,2 GWh).
        Gli 8 GW di potenza generano, in altre parole 9.600 GWh all'anno.
        Quindi il calcolo giusto è 9.600/338.000 GWh (cioè 338 TWh) = 2,84 %

        Era molto vicino.

        Commenta


        • Comunque noi abbiamo un PIL superiore del 15% rispetto alla somma di quello di quei paesi...mi sembra ovvio che consumiamo di piu'

          Commenta


          • Non so se giovedi' si avranno i nuovi incentivi, ma sicuramente la mozione non ha nessun valore vincolante. Tanto che in una lettera che mi ha pubblicato oggi il sole24ore avevo scritto "i prossimi dieci anni di fotovoltaico italiano dovrebbero essere decisi nei prossimi venti giorni" e invece e' stato corretto cosi' "I prossimi dieci anni di fotovoltaico italiano dovrebbero essere decisi entro la fine di aprile".

            Hanno fatto una bozza di decreto e l' hanno dovuta modificare, hanno fatto un decreto e si sono impegnati a modificarlo di nuovo, io non sono sicuro che entro il 10 aprile riusciranno a varare qualcosa che accontenti sufficientemente il settore.

            NB. Avevo scritto anche che per l'Italia sono oltretutto giorni di guerra, ma questo proprio lo hanno tolto.....

            Commenta


            • Se entro il 10 aprile non sara' risolto il problema, che sia esso il quarto CE o che sia una proroga di quello attuale con eventuali modifiche la vedo davvero dura..ma nessuno sta' facendo un calcolo di quanti soldi vengono "bruciati" ogni benedetto giorno che passa per tutti gli attori che operano nel mondo FV??..
              Leo.

              Commenta


              • Finalmente!..
                Lunedì si dovrebbe saper qualcosa di più preciso.
                Sembra che lunedì 28 sarà presentato la bozza del nuovo CE..speriamo bene.
                Leo.
                RINNOVABILI, IN ARRIVO IL QUARTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO

                Commenta


                • Originariamente inviato da LeoVr Visualizza il messaggio
                  ----
                  lunedi inizieranno a discutere. Le note espresse nell'articolo non promenttono nulla di buono. Scommetto che faranno un pastrocchio per le prenotazioni tipo click day. Non va bene ... non va per niente bene.

                  Commenta


                  • Lunedi si saprà qualcosa

                    Decreto rinnovabili: tra proteste, richiami e nuovi incentivi | Guida acquisto casa Blog

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da francoc Visualizza il messaggio
                      La Germania dice addio al Nucleare anche a costo di pagare un po' di più l'energia e punta sulle rinnovabili
                      Dichiarazioni interessanti di esponenti del Governo tedesco..in pratica annunciano rincari dell'energai dovuti allo spegnimento del nuclearre e al Passaggio all'energia rinnovabile..questo dovrebbe zittire tutti quelli che sostengono che il nuclerare costa PIU delle rinnovabili!..sono curioso di vedere ora cosa si inventano per giustificare queste dichiarazioni...su forza "ambientalisti"..date sfogo alla fantasia..

                      Comunque mi pare una monovra elettorale..3 dei 6 reattori in Giappone erano spenti durante il sisma, e hanno problemi simili a quelli "accesi"..infatti quelli spenti hanno comunque necessita di raffreddamento forzato esattamente come gli accessi..e in caso di guasto (per sisma o altro) averli accesi o spenti non cambia molto..

                      Comuqnue, hanno autorizzato molto carbone recentemente..danno spazio alle tecnologie del futuro..

                      Vedremo cosa succede..se spengono il 30% del nuclearre..addio obiettivi 20-20-20 (a meno che come noi importino energia dall'estero con Certificati falsi di provenineza FER)..e sono curioso di vedere il prezzo dell'energia nella borsa tedesca...
                      Ultima modifica di marcober; 25-03-2011, 10:28.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • Certo, se spengono il nucleare per accendere il carbone... dalla padella alla brace.
                        vedremo. Per ora sono dichiarazioni tattiche, troppo vicini agli eventi (letteralmente sopra la nostra testa). Anche l'incremento di costo è nella stessa rubrica (le FER costano di più secondo tutte le stime, poi come sempre si può discutere ma a me sembra logico; non credo che sarà così per sempre, ma ora lo è) ma probabilmente si riferisce anche al fatto che se fermo veramente un impianto che avrebbe vita utile, con l'ammortamento non finito e inizio anticipatamente il decommissing (o anche, lo tengo in esercizio a basso regime senza produrre) ovviamente ho degli extracosti (il caso italiano insegna).

                        Il minimo che succederà, quando il clima si sarà raffreddato, saranno nuove raccomandazioni e standard di sicurezza da parte della regolazione internazionale (magari più stringenti nella UE) e quindi maggiori costi di investimento e gestione. Anche solo questa circostanza potrebbe rendere non più competitivo il nucleare.

                        Io spingerei la ricerca molto sulla cattura della CO2 (dove, però, oltre al costo energetico e economico il problema che mi sembra più serio è ancora quello dello stoccaggio. Anche se può non sembrare, pericoloso per l'ambiente).

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da alvisal61 Visualizza il messaggio
                          Io spingerei la ricerca molto sulla cattura della CO2 (dove, però, oltre al costo energetico e economico il problema che mi sembra più serio è ancora quello dello stoccaggio. Anche se può non sembrare, pericoloso per l'ambiente).
                          M pare che alla Federico II sia in progetto il pilota..per succesiva immisisone in serbatoi naturali sotterranei..VUOI VEDER CHE POI SGORGA ACQUA GASSATA in piena pianura padana? da sola dico..senza nemmeno pomparla!

                          Scherzi a parte, penso sia una soluzione..non ho idea dei costi..ma se riesce a rilanciare il carbone, forse il costo globale è sopportabile..M
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • Ansa di pochi minuti fa

                            Rinnovabili: pronto conto energia, arrivano nuovi incentivi - Ambiente Energia - ANSA.it

                            I nuovi incentivi entreranno in vigore dal 30 giugno, quindi slittano di un mese

                            Commenta


                            • si, e mettono un'immagine del solare a concentrazione siciliano...

                              Mah. Si legge dal 30 giugno? Vuol dire che il vecchio è prorogato fino al 30 giugno?

                              Commenta


                              • Io spingerei la ricerca molto sulla cattura della CO2 (dove, però, oltre al costo energetico e economico il problema che mi sembra più serio è ancora quello dello stoccaggio. Anche se può non sembrare, pericoloso per l'ambiente).[/QUOTE]

                                Ciao Alessandro..ma parli dello stoccaggio di CO2 nel sottosuolo?
                                Leo.

                                Commenta


                                • Vuol dire che il vecchio è prorogato fino al 30 giugno?
                                  Sì, e poi entrano in gioco i nuovi incentivi che per tutto il 2011 non dovrebbero essere decurtati più del 10% rispetto a quelli del terzo conto energia

                                  Commenta


                                  • Originariamente inviato da alvisal61 Visualizza il messaggio
                                    si, e mettono un'immagine del solare a concentrazione siciliano...
                                    Purtroppo questo è il livello di approssimazione della maggioranza delle testate giornalistiche italiane.
                                    Rai3 con Presadiretta e Report (a parte una puntata) per fortuna sono fuori da questo discorso.
                                    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                    Commenta


                                    • premesso che, non avendoci ovviamente mai lavorato, ho solo informazioni superficiali (libri, articoli, etc.). Le ipotesi sono tantissime: in formazioni geologiche stabili (es. giacimenti petroliferi, ipotesi che necessita delle giuste condizioni difficili in Italia), in mare (ad elevate profondità, ipotesi molto contestata), cattura chimica e utilizzo industriale (ma qui sono i costi e le quantità a fare problema), ...
                                      Tutto, date le quantità in gioco, è un problema. Anche l'estrazione (qui mi sembra ci siano due ipotesi: estrarlo dai fumi o intercettarlo direttamente nella combustione -non mi chiedere come perchè non me lo ricordo) è un problema. Mi dicono -fonte interna ENEL- che i costi stimati sono -10% produzione elettrica.
                                      Poi, ovviamente, resta la questione (ammesso che si possa catturare l'80% della CO2) del residuo e, soprattutto, dei PM... oltre agli altri inquinanti. stiamo comunque sempre parlando di tecnologie di transizione.
                                      Bisogna ragionare nella logica del "meno peggio" (cioè della necessità).

                                      Commenta


                                      • direttiva 2009/31/CE

                                        C'è anche una direttiva sulla cattura dell CO2 (che dobbiamo ancora recepire, dovrebbe essere stata inviata al parlamento).
                                        Ultima modifica di alvisal61; 26-05-2011, 17:58.

                                        Commenta


                                        • il resoconto del dibattito al senato

                                          24.03.2011: In data 24 marzo 2011, si è svolta in Senato una discussione di mozioni sulle energie rinnovabili. La mozione presentata dall'Italia dei Valori (IdV) chiede un potenziamento della produzione di energia da fonti rinnovabili e contesta il decreto sulle energie rinnovabili, chiedendo una riduzione della remunerazione complessiva delle fonti assimilate (CIP6) e un quadro regolatorio chiaro che non leda il principio della certezza del diritto. La mozione presentata dai senatori del Partito democratico (PD) contesta la decisione del governo di non aderire alla richiesta di elevare la soglia di potenza degli impianti - prevista nel testo iniziale a 5 megawatt - oltre la quale si prevede l'applicazione di un sistema di aste al ribasso, ritendendo tale meccanismo, mai applicato prima in altri paesi, rischioso per gli investimenti. I senatori del PD chiedono, inoltre, un sistema di incentivi simile a quello adottato in Germania e la revisione dei meccanismi dei tetti annuali, con un obiettivo in termini di potenza installata al 2020. La mozione della Lega Nord insiste sulla definizione di norme chiare, che garantiscano la continuità degli investimenti, la garanzia del credito bancario per le aziende del settore e la certezza del diritto, fermo restando l'obbiettivo del decrescere degli incentivi. La Lega auspica anch’essa l’adozione di un modello simile a quello tedesco, che, nonostante preveda meno incentivi di quelli italiani sull'energia prodotta, garantisce sostanziosi incentivi per la ricerca, lo sviluppo e il sostegno delle aziende, e chiede pertanto l’approvazione in tempi strettissimi del decreto attuativo di cui all'articolo 25, comma 10, del nuovo decreto legislativo, inerente al settore del fotovoltaico. Le mozioni presentate dal Popolo della Libertà (PDL) impegnano il governo a proseguire in tempi rapidi i lavori del tavolo istituito presso il Ministero dello sviluppo economico, coinvolgendo i Ministeri interessati, le associazioni del settore e gli operatori, in modo da definire i nuovi incentivi prima del 30 aprile 2011. Il PDL chiede un periodo transitorio con incentivi decrescenti e nel contempo un contenimento dei futuri aumenti del carico sulla bolletta elettrica della componente A3 relativa al finanziamento degli incentivi per le fonti rinnovabili. In merito al sistema delle aste per impianti di grandi dimensioni, il PDL chiede l’introduzione di un «floor» minimo, al di sotto del quale le offerte al ribasso non potranno scendere. La mozione dell’Unione di Centro (UdC) denuncia gli abusi del settore delle rinnovabili in termini di consumo di suolo nel territorio nazionale e chiede provvedimenti per contrastare le spinte distorsive del sistema. L’UdC impegna il governo a estendere agli impianti fotovoltaici autorizzati entro il 31 maggio 2011, nonché agli impianti la cui richiesta di autorizzazione sia stata effettuata entro la data di emanazione del decreto legislativo 3 marzo 2011, la vigenza dell'attuale sistema d'incentivazione, a semplificare il quadro delle autorizzazioni per gli impianti e ad adottare meccanismi d'incentivazione che premino l'innovazione di processo. Fonte: Senato della Repubblica,

                                          sintesi: PHOTON
                                          Ultima modifica di alvisal61; 26-05-2011, 17:58.

                                          Commenta


                                          • Prime indiscrezioni sul 4° Conto Energia
                                            Quarto Conto Energia, prime indiscrezioni sui nuovi incentivi - CASAetCLIMA | Efficienza energetica | Greenbuilding | Architettura sostenibile

                                            Commenta


                                            • beh non sembra il "diavolo" vedremo pero' come sarà la bozza e specialmente il Decreto o mi sfugge qlcs?
                                              credo che che il decreto rinnovabili ( del 3 marzo) uscira in contemporanea in Gu con questo che stanno preparando

                                              Commenta


                                              • Prime indiscrezioni sul 4° Conto Energia
                                                Quarto Conto Energia, prime indiscrezioni sui nuovi incentivi - CASAetCLIMA | Efficienza energetica | Greenbuilding | Architettura sostenibile

                                                Commenta


                                                • Originariamente inviato da slyter Visualizza il messaggio
                                                  beh non sembra il "diavolo" vedremo pero' come sarà la bozza e specialmente il Decreto o mi sfugge qlcs?
                                                  credo che che il decreto rinnovabili ( del 3 marzo) uscira in contemporanea in Gu con questo che stanno preparando
                                                  Per esperienza personale in altri settori mai viaggiare con le bozze per programmare lavoro e/o attività.

                                                  Conviene sempre aspettare il documento ufficiale e di conseguenza studiare il tutto.

                                                  Saluti.

                                                  Commenta


                                                  • si quello indubbiamente pienamente d'accordo

                                                    Commenta


                                                    • Originariamente inviato da slyter Visualizza il messaggio
                                                      si quello indubbiamente pienamente d'accordo
                                                      Quando usciranno il nuovo CE e il decreto in versione ufficiale attiviamoci tutti per analizzarlo nei minimi particolari.

                                                      E' l'unico modo per avere le idee chiare e non sbagliare ad interpretarlo (il linguaggio dei burocrati lo si interpreta..)

                                                      Commenta


                                                      • Originariamente inviato da zorin Visualizza il messaggio
                                                        Quando usciranno il nuovo CE e il decreto in versione ufficiale attiviamoci tutti per analizzarlo nei minimi particolari.

                                                        E' l'unico modo per avere le idee chiare e non sbagliare ad interpretarlo (il linguaggio dei burocrati lo si interpreta..)


                                                        Sempre che, mentre si tenta di analizzarlo, non esca qualche altro decreto che cambi le carte in tavola. Ormai bisogna aspettarsi di tutto.

                                                        Commenta


                                                        • Ma questo deputato Fabio Rampelli, che mi sembra dica cose condivisibili, dove lo avevano nascosto? Qualcuno che parla così in controtendenza è una piacevole sorpresa. Verrà ascoltato?

                                                          Commenta


                                                          • Scusa ma si parla di riduzione del 2% nel primo quadrimestre del 2011...che vuol dire? Non dovrebbe essere valido dal primo giugno in poi?

                                                            Commenta


                                                            • raramente ho letto un articolo così mal scritto.

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X