Nuova Bozza Dgls Rinnovabili: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nuova Bozza Dgls Rinnovabili: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da ensoldi Visualizza il messaggio
    Purtroppo non trattasi di decreto legge che deve essere convertito in legge, in quanto atto normativo emanato per motivi di necessità e urgenza.
    OOOOPS !!!! Capito.....
    AUTO BANNATO

    Commenta


    • Originariamente inviato da ROSSANO1974 Visualizza il messaggio
      tutte le volte mi richiedi come mai 99 kw .
      si. perdonami, mia distrazione.
      va bene. una scelta logica.

      Commenta


      • Originariamente inviato da spider61 Visualizza il messaggio
        Vorrei far notare che se non viene convertito in legge perde l'efficacia : Decreto-legge - Wikipedia quindi ci si potrebbe trovare che fra due mesi non viene ratificato in legge e hanno fatto il danno lo stesso , bloccando di fatto per 3 mesi il settore......

        Leggersi la descrizione di Wilki attentamente perche' e' veramente (lo sarebbe) comica la motivazione di un DL e di leggere anche che i ministri sono anche penalmente e civilmente imputabili se detto DL crea un danno ingiusto ....

        Avanti con le cause.....
        cioè ......!
        2) l'altro strumento è quello della responsabilità giuridica del Governo, nei suoi vari tipi:
        a) responsabilità penale, poiché i ministri rispondono singolarmente degli eventuali reati commessi con l'emanazione del decreto-legge;
        b) responsabilità civile, perché i ministri rispondono solidalmente degli eventuali danni prodotti ai terzi ex articolo 2043 del cod. civ.: "qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno";
        c) responsabilità amministrativo-contabile: i ministri che hanno espresso voto favorevole al decreto-legge rispondono solidalmente degli eventuali danni prodotti allo Stato, il cosiddetto "danno erariale"; se lo Stato ha dovuto risarcire il danno subito dal terzo, per la responsabilità civile solidale appena accennata, si deve rivalere sui ministri.

        Commenta


        • Si spider! è un decreto LEGISLATIVO!!!..... diverso dal decreto legge.

          Commenta


          • Originariamente inviato da spider61 Visualizza il messaggio
            Vorrei far notare che se non viene convertito in legge perde l'efficacia : Decreto-legge - Wikipedia quindi ci si potrebbe trovare che fra due mesi non viene ratificato in legge e hanno fatto il danno lo stesso , bloccando di fatto per 3 mesi il settore......
            ..
            Ecco, ma questo è un Dlgs, non un DL non necessita di ratifica del Parlamento

            Commenta


            • eccolo pubblicato con entrata in vigore dal 29 marzo 2011.

              Ispolitel - Banche Dati Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

              Commenta


              • Avete ragione non e' un DL.....
                AUTO BANNATO

                Commenta


                • Riporto da "Edilportale" :

                  Secondo le informazioni trapelate negli ultimi giorni, il nuovo sistema dovrebbe prevedere:
                  - taglio degli incentivi del 10% fino alla fine del 2011;
                  - ulteriore calo del 10% nel 2012, del 15-20% nel 2013 e del 50% nel 2014;
                  - azzeramento degli incentivi dopo il 2017;
                  - tetto annuo di 2 GW di potenza installabile incentivabile, due terzi della quale costituita da impianti fino a 200 kW;
                  - stanziamento massimo di 6 miliardi annui da parte dello Stato;
                  - meccanismo per tutelare gli investimenti già avviati sulla base del terzo Conto Energia.

                  RINNOVABILI, IL DECRETO ROMANI PUBBLICATO IN GAZZETTA

                  2,99 kWp 13xTrinaSolar TSM-DC05 Monocristallino ,Franciacorta (BS), Azimuth -55°,Tilt 16°,Inverter PowerOne Aurora PVI-3.0, Record produzione 22,2 kWh(27/05/2013) 2011=4014 kWh:2012=3846 kWh:2013=3533 kWh:2014=3537 kWh:2015=3715 kWh:2016=3683kWh:2016=3683kWh:2017=3735 kWh:2018=3600 kWh:2019=3761 kWh
                  >>> Il mio impianto FV su Sonnenertrag.eu <<<

                  Commenta


                  • Vi segnalo l'articolo su "il Sole 24 Ore" di oggi. Sezione Economia e Imprese.
                    Il Ministro Prestigiacomo, tra l'altro dice: "Nelle scorse settimane ci sono state le consultazioni con tutte le organizzazioni, oggi (ieri per chi legge ndr) c'è stato un ulteriore incontro tecnico ristretto con la Conferenza Stato-Regioni, credo che entro la prima decade di aprile concluderemo il lavoro e emaneremo un decreto ministeriale che dovrà rispettare quano votato all'unanimità sia alla Camera che al Senato e quindi salvaguarderà gli investimenti in corso"...

                    Qualcuno ha news più dettagliate?

                    Commenta


                    • ... questa famosa BOZZA che doveva uscire ieri,
                      si riesce a reperire ?????

                      Se qualcuno ne ha una versione o copia la posti.....

                      Magari vediamo subito che strada ha preso il tutto nella realtà, piuttosto che nelle "ipotesi". Più che lavorare quì è giocare al lotto !!!!

                      Commenta


                      • non mi risulta sia uscita una bozza ieri. Sono uscite solo una ridda di voci che chiariscono poco o nulla..... almeno che io sappia

                        Commenta


                        • Ragazzi buongiorno, ma di tariffe quando se ne parlerà?

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da seeking Visualizza il messaggio
                            non mi risulta sia uscita una bozza ieri. Sono uscite solo una ridda di voci che chiariscono poco o nulla..... almeno che io sappia
                            Bè, da quel che so e ho capito, ieri è stata emanata una bozza al vaglio delle regioni,

                            quindi se queste devono valiare qualcosa, vorrà dire che qualcosa di scritto c'è.

                            se poi non è dovuto saperne nulla........

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Mailandre Visualizza il messaggio
                              Riporto da "Edilportale" :

                              Secondo le informazioni trapelate negli ultimi giorni, il nuovo sistema dovrebbe prevedere:
                              - taglio degli incentivi del 10% fino alla fine del 2011;
                              - ulteriore calo del 10% nel 2012, del 15-20% nel 2013 e del 50% nel 2014;
                              - azzeramento degli incentivi dopo il 2017;
                              - tetto annuo di 2 GW di potenza installabile incentivabile, due terzi della quale costituita da impianti fino a 200 kW;
                              - stanziamento massimo di 6 miliardi annui da parte dello Stato;
                              - meccanismo per tutelare gli investimenti già avviati sulla base del terzo Conto Energia.

                              RINNOVABILI, IL DECRETO ROMANI PUBBLICATO IN GAZZETTA

                              RINNOVABILI, IL DECRETO ROMANI PUBBLICATO IN GAZZETTA
                              Il taglio credo sia inevitabile, un 10% da giugno alla fine dell'anno credo sia digeribile dalla filiera, a patto di fare in fretta ad emanare il decreto correttivo.
                              Diverso il discorso del tetto incentivabile, 2 GW all'anno non sono poi molti, ma bisogna dire che nessuno finora ha mai parlato di modificare nel decreto l'art. 10, che di fatto DA OGGI limita l'accesso agli incentivi per gli impianti a terra in zona agricola di potenza superiore ad 1 MW, oltre alle altre limitazioni.
                              Questo farà diminuire di molto la potenza annuale installata, ma bisogna vedere come sarà organizzato l'accesso all'incentivo, dato che con il tetto la richiesta non può essere fatta ad impianto connesso perchè non ci sarebbe più accesso ai finanziamenti bancari.
                              In ulteriore analisi bisogna vedere cosa si intenderà per "salvaguardia degli investimenti in corso"....
                              Vedremo!!

                              Commenta


                              • Vi aggiorno...anche perchè è impensabile che si possano leggere tutti i post precedenti..
                                Nella sostanza ieri i responsabili del ministero si sono presentati in conferenza stato regioni senza nessuna bozza.... (sigh...)
                                Avrebbero dovuto presentare la famosa bozza ma... non ce l'avevano... c'è stato un po di perplessità generale...e i responsabili del ministero hanno detto che entro una settimana circa la presenteranno... e dovrebbe quindi andare in conferenza il 7 o il 14 aprile....
                                Vedremo... ma intanto il succo è che non esiste nessuna bozza....
                                Ciao Fabio

                                Commenta


                                • Godetevi LA VERITA SUL NUCLEARE!!!....e smaltimento dei rifiuti tossici
                                  YouTube - La Verità sul Nucleare in Italia

                                  Commenta


                                  • Originariamente inviato da fabjordan Visualizza il messaggio
                                    Avrebbero dovuto presentare la famosa bozza ma... non ce l'avevano... c'è stato un po di perplessità generale...e i responsabili del ministero hanno detto che entro una settimana circa la presenteranno... e dovrebbe quindi andare in conferenza il 7 o il 14 aprile....
                                    Vedremo... ma intanto il succo è che non esiste nessuna bozza....
                                    Ciao Fabio
                                    qualcosa mi dice allora che vedremo girare ancora tapiri......

                                    Commenta


                                    • Curiosità:
                                      - art. 24, comma 8: sono curioso di vedere come accontenteranno gli esclusi...
                                      - art. 25, comma 2: regalini ad ENEL & CO.....
                                      - art. 25, comma 9: ecco il malfatto.... 31/05/2011, entrata in esercizio (connesso alla rete o verbale UTF per > 20)
                                      - art. 25, comma 10: l'incostituzionalità

                                      - art. 26, comma 2: direi ottimo, 40% di finanziamento <200kWp o 1MW per agricoli, male per il pubblico, prima aveva la possibilità del 100%
                                      - art. 43, comma 1: okkio salva alcoa, si esce e si fa il penale se si ha fregato.....
                                      - art. 45: le regioni a statuto speciale potrebbero eliminare alcuni articoli di questo decreto con decreti attuativi, quindi sicilia e sardegna potrebbero non attuare art. 25 comma 9-10...... speriamo lo facciano....


                                      Posso dire senza ombra di dubbio che questo decreto è tutto buono, anzi a volte anche ottimo (vedi edilizia e obblighi impianti ftv/termico che dal 2017 siano il 50% dei consumi stimati), tranne che per quel ***** di art. 25, comma 9-10 che potrebbe benissimo essere considerato "anti costituzionale" e che il presidente della repubblica dovrebbe "disconoscere"..... subito.....
                                      Ultima modifica di MrDish; 29-03-2011, 11:29.
                                      Il mio primo impianto FTV online
                                      dalle 06:00 alle 22:00
                                      Il mio primo impianto FTV su rendimento-solare.eu
                                      Il mio secondo impianto FTV su rendimento-solare.eu
                                      Il mio terzo impianto FTV su rendimento-solare.eu

                                      Commenta


                                      • Ricorso contro il Decreto Romani, tocca all’Europa decidere
                                        Gli operatori delle energie pulite si rivolgono ai tribunali europei per bloccare il Decreto Romani. L’avvocato Eugenio Tranchino dello Studio Watson Farley Williams ha avuto l’incarico di assistere a Bruxelles circa 1.500 aziende che contestano il provvedimento “ammazza rinnovabili”, tra cui Ampere Equity Found B.V., Avelar Management Ltd, Century Asset Management Pty Ltd, Eurener Italia S.r.l, Investec Asset Finance Ltd, Investec Bank Plc, Photovolt Development Partners GmbH, Quintas Energy SL, RenGen Energy Ltd, Sig Solar G.m.b.H., Solar Ventures Srl, Svicat Energy e l’associazione Sos Rinnovabili.

                                        “I ricorrenti”, spiega a Tekneco Tranchino, “denunciano il comportamento adottato dallo stato Italiano con la recente approvazione di norme in tema di incentivazione e produzione di energia da impianti fotovoltaici che, ledendo il principio di legittimo affidamento nella certezza del diritto, risulta illegittimo alla luce del diritto dell’Unione Europea e degli impegni assunti dallo Stato Italiano in sede comunitaria ed internazionale”.

                                        La norma incriminata è il D. Lgs 3/3/2011 che prevede l’abolizione del cosiddetto Terzo Conto Energia per gli impianti che entreranno in funzione dopo il 31 maggio 2011. “Un provvedimento”, aggiunge l’avvocato, “che compromette la certezza del quadro giuridico relativo all’incentivazione della produzione di energia da fonti rinnovabili introducendo una serie di incertezze in relazione agli iter autorizzativi e al quadro incentivante di fatto impedendo la concreta attuazione in Italia della Direttiva 2009/28/CE”.

                                        Ricorso contro il Decreto Romani, tocca all’Europa decidere | Tekneco

                                        Commenta


                                        • Sono anch'io daccordo con MrDish, almeno parzialmente. Ci sono molti e interessanti aspetti positivi nel Dlgs in esame... ma sono quasi tutti azzannati da quegli strani commi introdotti quasi per errore... ma nn è ovviamente un errore...
                                          Non credo invece che fosse competenza del Presidente Napolitano per quel che riguarda la costituzionalità o meno di un aspetto così....marginale di un intero DLgs. Ma non sono un giurista e quindi aspetto consigli migliori... Credo che sarà la Corte Costituzionale che dovrà pronunciarsi o meno sulla legittimità dell'intervento giurisdizionale di questo Dlgs...
                                          Ma sta di fatto che cmq il danno l'ha già fatto... ricordo anche che il buon Ministro profetizzava che entro 15gg avrebbero pubblicato il nuovo CE... se nn ricordo male era fine febbraio... 23 o 24....
                                          Mah...
                                          Ciao Fabio

                                          Commenta


                                          • Intervista al Commissario Ue all'Ambiente Potocnik: «Avanti con le fonti rinnovabili» - Il Sole 24 ORE

                                            Commenta


                                            • I tempi sono quasi certamente molto più lunghi. Io penso che il nuovo decreto uscirà a fine settembre e si ricomincerà a lavorare a inizio 2012. Il contenzioso che si creerà sara abnorme anche perché i nuovi allacci comprendono il verbale di attivazione dell'officina elettrica che non ha tempi definiti per l'intervento. Finora l'AEEG non ha mai fissato una tempistica per la piombatura degli impianti. Aumenterà il contenzioso e aumenteranno gli impianti senza incentivazione. Io credo che la cosa verrà coperta a livello informazione, annegata nel resto della crisi, un po' di aziende falliranno e molta gente resterà per strada e si perderà nuovamente il treno dell'Europa e una possibilità per questo paese.
                                              Non sono d'accordo con MrDish, le cose buone sono una patina leggera che si scrosta facilmente. L'obbligo del FV e Termico poi si scontra con il divieto di usare il FV per la geotermia, le norme autorizzative sono ulteriormente appesantite mentre l'art. 43 della direttiva 2009/28//CE propone di sostituire le autorizzazioni con una semplice notifica, e spesso a Tecnici Comunali che chiedono la relazione paesaggistica per impianti integrati su capannoni industriali. L'istituzione del Golden Watt è poi quello che è.
                                              :rain:L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
                                              (Albert Einstein):preoccupato:

                                              Commenta


                                              • Temo che Snap abbia ragione. Non c'è troppo da illudersi, purtroppo.
                                                In questa materia, e ci metto anche il discorso dell'efficienza energetica degli edifici, sia lato bastone (limiti) che carota (incentivi), c'è un enorme necessità di semplificazione. Poche cose, chiare, ma che funzionino bene e si possano controllare. L'esatto contrario di ciò che abbiamo ora, insomma.

                                                Tutte queste postille che si inseriscono a pezzettini dentro i decreti più disparati, anche quando sembra possano aiutare alla fine si rivelano spesso essere fonte di altri problemi (vedi il clamoroso caso salva Alcoa).

                                                Ci vuole una bella legge quadro, il settore, i suoi operatori ed anche il popolo degli autoproduttori (in Italia abbiamo circa 180.000 impianti con i tre conti energia, credo la maggiorparte di questi intestati ad un singolo soggetto responsabile) se la meriterebbero. Meritiamo di più!

                                                Ma semplicemente non è una cosa che ci possiamo aspettare ora, non ci sono le condizioni! In un altra discussione pamarco propone di sostenere la proroga del 3zo conto energia per tutto il 2011. Poi si vedrà. Secondo me ha ragione: le associazioni del settore dovrebbero puntare a quello, eventualmente accettando qualche ulteriore taglio agli incentivi, anziché stare a discutere come migliorare la faccenda. Una proposta chiara, conservativa, da supportare anche con ricorsi e quant'altro, "ridateci il conto energia". E nel frattempo creare una posizione condivisa per la gestione degli incentivi. Copiare il sistema tedesco sarebbe semplice ed efficace. Troppo facile?

                                                Ciao

                                                Commenta


                                                • regà ma invece de fa facili e sicuremante azzecati pronostici, non è che c'è qualcuno che ha mani in pasta direttamente all'MSE cosi abbiamo notizie piu o meno giuste??!?!?

                                                  su daje che se e come dici te quest'anno annamo tutti tutti tutti tutti...ar mare!!

                                                  saluti

                                                  Roberto.
                                                  "MAKE YOUR ENERGY!!"

                                                  on SKYPE econtek-italy

                                                  "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

                                                  Commenta


                                                  • Incentivi al fv, “Arriva il Quarto Conto Energia”

                                                    28-03-2011



                                                    La prima stesura del provvedimento di attuazione al centro del tavolo tra esecutivo e regioni nel corso di una riunione convocata al ministero degli Affari regionali. Intanto, si moltiplicano le indiscrezioni sul nuovo regime di incentivazione che sostituirà il Terzo Conto Energia ‘ucciso nella culla’ dal dlgs rinnovabili.

                                                    ''Pronto il 4° Conto Energia'' Mentre sta per essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo 3 marzo 2011, recante attuazione della direttiva Ue 2009/28/CE sulle energie rinnovabili, che entrerà in vigore il giorno successivo, prende forma anche il quarto conto energia, che prenderà il posto del terzo stoppato dal dlgs rinnovabili al prossimo 31 maggio. Una prima bozza del provvedimento è stata oggi al centro del tavolo tra esecutivo e regioni nel corso di una riunione convocata al ministero degli Affari regionali. All'incontro hanno preso parte anche province e comuni oltre ai due ministeri competenti dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e a rappresentanti dell'ufficio legislativo dei ministeri dell'Economia e delle Politiche agricole. Nei prossimi giorni, è prevista l’estensione del confronto sulla bozza alle associazioni di categoria prima dell’approdo al Consiglio dei ministri.

                                                    Intanto, si moltiplicano le indiscrezioni sul nuovo regime di incentivazione che sostituirà il Terzo Conto Energia ‘ucciso nella culla’ dal dlgs rinnovabili. Rispetto alle tariffe attuali il quarto conto energia dovrebbe prevedere per il 2011 un taglio fissato al 2% per il primo quadrimestre 2011, all'8-10% per il secondo. Quest'ultimo resterebbe inalterato fino alla fine dell’anno. I tagli proseguirebbero poi negli anni successivi: del 10% nel 2012, del 15-20% nel 2013 fino a raggiungere un taglio complessivo del 50%. L’adozione del ‘modello tedesco’, come ventilato da molti nei giorni scorsi, prevederebbe inoltre l’abbandono del sistema ‘feed-in-premium’, utilizzato finora per il conto energia italiano, per il feed-in-tariff, come in Germania, che a differenza del primo consiste in una tariffa onnicomprensiva erogata per un certo numero di anni. Nella proposta avanzata da Confindustria, si prevedeva anche una soglia massima di 6 miliardi di euro per gli incentivi entro la fine del periodo di incentivazione, fissata al 2017, oltre a un registro informatico con cui...



                                                    Mentre sta per essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo 3 marzo 2011, recante attuazione della direttiva Ue 2009/28/CE sulle energie rinnovabili, che entrerà in vigore il giorno successivo, prende forma anche il quarto conto energia, che prenderà il posto del terzo stoppato dal dlgs rinnovabili al prossimo 31 maggio. Una prima bozza del provvedimento è stata oggi al centro del tavolo tra esecutivo e regioni nel corso di una riunione convocata al ministero degli Affari regionali. All'incontro hanno preso parte anche province e comuni oltre ai due ministeri competenti dello Sviluppo economico e dell'Ambiente e a rappresentanti dell'ufficio legislativo dei ministeri dell'Economia e delle Politiche agricole. Nei prossimi giorni, è prevista l’estensione del confronto sulla bozza alle associazioni di categoria prima dell’approdo al Consiglio dei ministri.


                                                    Intanto, si moltiplicano le indiscrezioni sul nuovo regime di incentivazione che sostituirà il Terzo Conto Energia ‘ucciso nella culla’ dal dlgs rinnovabili. Rispetto alle tariffe attuali il quarto conto energia dovrebbe prevedere per il 2011 un taglio fissato al 2% per il primo quadrimestre 2011, all'8-10% per il secondo. Quest'ultimo resterebbe inalterato fino alla fine dell’anno. I tagli proseguirebbero poi negli anni successivi: del 10% nel 2012, del 15-20% nel 2013 fino a raggiungere un taglio complessivo del 50%. L’adozione del ‘modello tedesco’, come ventilato da molti nei giorni scorsi, prevederebbe inoltre l’abbandono del sistema ‘feed-in-premium’, utilizzato finora per il conto energia italiano, per il feed-in-tariff, come in Germania, che a differenza del primo consiste in una tariffa onnicomprensiva erogata per un certo numero di anni. Nella proposta avanzata da Confindustria, si prevedeva anche una soglia massima di 6 miliardi di euro per gli incentivi entro la fine del periodo di incentivazione, fissata al 2017, oltre a un registro informatico con cui stabilire la priorità di accesso agli incentivi attraverso una graduatoria temporale. Requisito per la registrazione sarebbe l'obbligo di deposito di una fideiussione proporzionata alla potenza nominale dell'impianto, a garanzia dell'effettiva realizzazione. L'ipotesi invece di un tetto annuale di 2 GW di potenza installabile (con i due terzi costituti da impianti non superiori ai 200 kW) sembra perdere vigore: lo ha detto a margine dell'incontro il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che più che un tetto annuale in megawatt vede "un tetto complessivo in milioni di euro fino alla fine degli incentivi".


                                                    Bisogna però ricordare che nei giorni scorsi anche il Sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, ha accennato all’opportunità di inserire un contingente annuale per la potenza fv installata. Ma resta ancora da sciogliere il nodo degli investimenti già avviati che secondo molti operatori sarebbero già pregiudicati dal blocco degli incentivi causato dal dlgs rinnovabili. Prestigiacomo ha comunque garantito che il governo emanerà il provvedimento "entro la prima decade di aprile". (f.n.)




                                                    ecco sembra de sta alla sagra della cazzata!!


                                                    saluti

                                                    Roberto.
                                                    Ultima modifica di mariomaggi; 29-03-2011, 15:31.
                                                    "MAKE YOUR ENERGY!!"

                                                    on SKYPE econtek-italy

                                                    "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

                                                    Commenta


                                                    • Ci sono novità sulla nuova bozza ?

                                                      Commenta


                                                      • Originariamente inviato da econtek Visualizza il messaggio
                                                        Prestigiacomo ha comunque garantito che il governo emanerà il provvedimento "entro la prima decade di aprile". (f.n.)
                                                        Leggi: non sarà certo emanato entro la prima decade di Aprile

                                                        Originariamente inviato da econtek Visualizza il messaggio
                                                        ecco sembra de sta alla sagra della cazzata!![
                                                        attendiamoci il peggio!

                                                        Qualcuno gentilmente mi spiega la differenza tra feed-in-premium e feed-in-tariff??
                                                        Ultima modifica di sergio.r; 31-03-2011, 11:12.

                                                        Commenta


                                                        • ancora nessuna novità sulle tariffe?

                                                          Commenta


                                                          • Domanda:
                                                            Per voi il prezzo minimo garantito per l'anno 2011 per il conto energia qual'è? nel 2010 era 0.093 €/kw se non sbaglio.
                                                            Per il 2011 devo prendere la tabella del ritiro dedicato?

                                                            Commenta


                                                            • Originariamente inviato da sergio.r Visualizza il messaggio
                                                              Qualcuno gentilmente mi spiega la differenza tra feed-in-premium e feed-in-tariff??
                                                              Nessuno? pensavo di essere io l'ultimo a non sapere...

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X