annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Irrilevanza Tariffa Incentivante per Imprenditore Agricolo che non opta per tassazione su base catastale

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Irrilevanza Tariffa Incentivante per Imprenditore Agricolo che non opta per tassazione su base catastale

    Ciao a tutti,

    Vorrei una conferma da chi è più esperto di tematiche fiscali.

    L'imprenditore agricolo, se rispetta i requisiti, viene tassato su base catastale anche per quanto concerne la tariffa incentivante e la vendita di energia.

    Lo stesso imprenditore agricolo, se vuole, può optare per la tassazione in base alle regoli generali, quindi considerando i costi ed i ricavi. Questo potrebbe essere più conveniente, ad esempio, nel caso siano stati effettuati investimenti importanti.
    In questo caso, la tariffa incentivante diventa "rilevante" e deve essere sommata ai ricavi?

    Ho letto con attenzione la Circ. 32E/2009 dell'AdE ma mi restano dei dubbi. Infatti la circolare in questione fa la differenza tra imprenditore agricolo che viene tassato su base catastale (tariffa incentivante irrilevante) e imprenditore agricolo o società agricola non titolari di reddito agrario ma di reddito di impresa (tariffa incentivante totalmente o parzialmente rilevante).
    Invece non è chiaramente esplicitato il caso in cui l'imprenditore agricolo è di default titolare di reddito agrario ma decidere di essere tassato in base ai costi ed ai ricavi.


    Grazie.
    eubrun

  • #2
    se con l'opzione ricade in una situazione ordinaria (commerciale), la tariffa farà reddito, in quanto il FV è attività connessa e non principale.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Cioe' vuoi dire che il solo fatto di optare per una tassazione in base ai costi ed ai ricavi fa cadere automaticamente il beneficio, anche se l'imprenditore agricolo non supera i limiti fissati dalla circolare 32E? Nella fattispecie si vorrebbe ammortizzare al 9% il costo dell'impianto, considerando tra i ricavi la sola vendita di energia ma non la tariffa incentivante.Ciao,eubrun

      Commenta


      • #4
        la vendita e l'incentivo seguono la stessa sorte fiscale..non è che puoi decidere tu cosa fare dell'una e dell'altra..

        La parte che esubera i limiti fa sempre reddito Impresa, sia Incentivo che Vendita..quindi..per analogia..se opto per considerare TUTTO reddito di impresa (cioè se rinuncio ai limiti), non è che cambia la natura dell'Incentivo..resta reddito.

        Credo opzione riguardi gli "esuberi" previsti nel art 56 bis del TUIR..e solo per quelli vale l'opzione del reddito analitico invece del forfettario.. però quando lo sciegli..vale (CREDO)per tutta l'attività, non solo per la parte che esuberà..
        E comuqnue se pensi che valga per TUTTA l'energia venduta..di certo vale per TUTTO l'incentivo preso..unico dubbio è se vale per il 100% o per l'esubero..M
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          mi collego alla discussione.....
          esigenza di un cliente di ampliare il suo impianto in SSP da 60kw per azienda agricola (aggiungere un altro da circa 80kw).
          Se amplio devo aspettare 2 anni dalla data di attivazione del 1° impianto (2CE) ovvero devo attivare il secondo dal 28/12/2012 in poi....praticamente vado al 2013 con l'incognita TO + autoconsumo!!!
          Se invece faccio un'utenza nuova (nuovo POD) in cessione totale subito la domanda è:
          i ricavi dalla tariffa incentivanti in 4CE e dal RID sono equiparati a reddito agricolo perchè attività connessa e sono sotto la franchigia dei 200kw?

          Commenta


          • #6
            Io penso che ci sia confuzione.
            Si può optare per il regime ordinario IVA rimanendo nella casistica di "imprenditore agricolo con tassazione rendita catastale"; forse è questo quello che server, recuperare l'iva dell'investimento impianto,ma non lo si può ammortizzare.
            Se invece cambi regime di tassazione e opti per costi/ricavi, allora il C.E. diventa un ricavo (il RID lo è già cmq) e quindi aggiunto alla base imponibile.
            Ovvio però che come tutte le imprese nel regime ordinario, si può portare in ammortamento 10 anni l'impianto.
            Il mio primo impianto FTV online
            dalle 06:00 alle 22:00
            Il mio primo impianto FTV su rendimento-solare.eu
            Il mio secondo impianto FTV su rendimento-solare.eu
            Il mio terzo impianto FTV su rendimento-solare.eu

            Commenta


            • #7
              Scusate ma continuo a non capire. Detto papale papale, se metto un impianto su tetto, come imprenditore agricolo, cosa devo fare esattamente per recuperare IVA acquisto e avere la tassazione possibile minore?
              Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
              In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

              Commenta


              • #8
                Andare in una qualsiasi confederazione e farti dare delle dritte.
                Oppure:
                - rimanere imprenditore agricolo ma con opzione (scelta tua) di regime IVA ordinario (gestione iva a credito/iva a debito ed eventuale rimborso IVA dell'impianto).
                - rimanere nella tassazione "su base rendita catastale"

                Così se rimani nei limiti della rendita catastale (ftv entro i 200kW o vendita energia inferiore a volume d'affari impresa agricola), ecc, ecc, avrai vendita energia con p.iva e conto energia esentasse.

                Che culo questi "agricoli", come direbbe il buon Marco...... :-))

                ..... leggi qui.....
                Il mio primo impianto FTV online
                dalle 06:00 alle 22:00
                Il mio primo impianto FTV su rendimento-solare.eu
                Il mio secondo impianto FTV su rendimento-solare.eu
                Il mio terzo impianto FTV su rendimento-solare.eu

                Commenta


                • #9
                  Aspettate non confondiamo la detraibilità dell'IVA con la tassazione su base catastale.
                  Si possono cumulare scegliendo per l'IVA il regime ordinario.
                  Invece mi sembra che l'orientamento sia che se si sceglie la tassazione su base catastale non si può portare in ammortamento il costo dell'impianto in nessun caso.

                  eubrun

                  Commenta


                  • #10
                    Quindi, per recuperare l'Iva impianto => passare a REGIME ORDINARIO
                    Però si pagano tasse sull' E, prodotta, anche se non si raggiunge il volume d'affari. Allora dov'è questo vantaggio?
                    Però una volta recuperata l'IVA => tornare a regime catastale, non si pagano più tasse.
                    Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
                    In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

                    Commenta


                    • #11
                      Le opzioni sono 3, per le prime due non è possibile ammortizzare l'impianto (ma non si pagano le imposte ordinarie):

                      - regime catastale senza iva ordinaria (con i requisiti non si pagano ulteriori tasse e non si recupera l'iva = sconsigliato)
                      - regime catastale con iva ordinaria (con i requisiti non si pagano ulteriori tasse e si recupera l'iva)
                      - regime ordinario (si ammortizza l'impianto e si recupera l'iva, la tassazione segue il regime ordinario)

                      Commenta


                      • #12
                        Così a occhio, anche ponendo che l'unico reddito dell'azienda agricola sia il fotovoltaico, vista la ridottissima tassazione del regime catastale, non credo convenga il regime ordinario per ammortizzare l'impianto.
                        La scelta piu conveniente mi pare sia la seconda, regime catastale con iva ordinaria, no?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Mirach Visualizza il messaggio
                          Così a occhio, anche ponendo che l'unico reddito dell'azienda agricola sia il fotovoltaico, vista la ridottissima tassazione del regime catastale, non credo convenga il regime ordinario per ammortizzare l'impianto.
                          La scelta piu conveniente mi pare sia la seconda, regime catastale con iva ordinaria, no?
                          Nella stragrande maggioranza dei casi è così, se si hanno i requisiti (fino a 200 kWp o anche oltre per 10 kWp ogni ettaro nella disponibilità) conviene il regime catastale con iva ordinaria (si recupera interamente l'iva versata).

                          Commenta


                          • #14
                            gm1979
                            conviene il regime catastale con iva ordinaria (si recupera interamente l'iva versata).
                            Anche se l'impianto è costruito su terreno agricolo con contratto d'affitto registrato? (Quindi senza diritto di superficie? O non c'entra niente?)

                            Commenta


                            • #15
                              Mi viene un dubbio. Il recupero Iva per un I.A. vale anche per smaltimento eternit e rifacimento copertura o solo per la parte impiantistica?
                              Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
                              In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

                              Commenta


                              • #16
                                Direi che se si opta per iva ordinaria si recupera l'iva di qualsiasi fattura.

                                Commenta


                                • #17
                                  Invece a me hanno detto che per ristrutturazioni dell'abitazione agricola non si può recuperare l'Iva.
                                  Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
                                  In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Mhh su questo non sono tanto esperto.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Scusate ma a me sembra che il rimborso Iva si possa richiedere su acquisti di un bene strumentale a servizio dell'azienda agricola non di altro.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Certo, l'abitazione agricola, ubicata nel fondo coltivato, a mio avviso è a tutti gli effetti un bene a servizio dell'azienda agricola. Non si può coltivare un fondo senza risiedervi. Se l'edificio è D10 il problema non si pone. Se qualcuno obietta che l'abitazione non ne fa parte, allora se vi è un subalterno come spesso è al piano terra classificato D10 (ex C6) allora?
                                        Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
                                        In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Si ma l'acquisto di un bene nuovo è un conto. La ristrutturazione di un bene esistente è un altro.
                                          Eventualmente avrai la possibilità di usufruire di altre agevolazioni tipo la detrazione del 36% spalmata in più anni.
                                          Ciao.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            un impreditore agricolo, soggetto resposabile di una serra con copertura adibita a n.2 impianti FV da Kw. 19.36 cadauno, che ha sempre optato per il regime fiscale ordinario, ha cui il GSE ha assoggettato il premio incentivante alla ritenuta del 4% per la produzione 2011, con quali modalità può far conoscere al GSE la sua intenzione di voler passare al regime fiscale di tassazione su base catastale (per ovvi motivi di convenienza economica) considerato che il GSE non risponde alle innumerevoli e-mail inviate a tal proposito da sei mesi a questa parte?
                                            Avro' sbagliato qualcosa nella documentazione inizialmente inviata? può comunque ignorare le mie istanze per l'eternità?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Un imprenditore agricolo, proprietario di un impianto FV da 100kW su serra, puo' dare in affitto la serra ad un altro imprenditore agricolo che gli garantisce la coltivazione per 20 anni mantenendo:
                                              - la tariffa incentivante concessa ai sensi del 2°CE per impianto su serra?
                                              - la tassazione su base catastale, rimanendo imprenditore agricolo essendo proprietario anche di un altro terreno?

                                              Grazie.
                                              eubrun

                                              Commenta

                                              Attendi un attimo...
                                              X
                                              TOP100-SOLAR