annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

consiglio su soluzione anti-blackout

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • consiglio su soluzione anti-blackout

    Salve, dopo l'ultimo black-out nella zona dove abito durato 30 lunghissime ore senza avere nessuna informazione dall'enel sullo stato della riparazione , sto seriamente valutando di inserire un backup sul mio impianto elettrico di casa. Possiedo un impianto fotovoltaico di 6kw con inverter aurora che potrebbe produrre energia durante i blackout ma per questioni di sicurezza come giiusto che sia si spegne durante i blackout.
    Volevo chiedervi se attualmente c'è qualche soluzione di accumulo che prevede il funzionameto anche in assenza di rete del gestore, ho fatto una ricerca sul forum ma non ho trovato risposta.
    In altenativa sto pensando di usare un banalissimo generatore a benzina o diesel x le emergenze dato che casa mia essendo in parte domotica senza energia elettrica diventa ingestibile.
    Cosa ne pensate? qualcuno se gia posto il problema e come l'ha risolto?

  • #2
    ma scusa 30 ore di blackout

    ma di dove sei???

    ciao
    località Frosinone; inclinazione 30^; direzione sud;
    13 pannelli schott solar da 230w; inverter Power-One PVI-OutD 3.0
    Solar logger RASPBERRY-PI3
    23Solar feed PVout - MeterN - DOMOTICZ

    Commenta


    • #3
      Lascia stare gli accumuli. Piccolo gruppo elettrogeno da 3 KW costo 300 euro e sei a posto
      Criptovalute, semplice guida per saperne di più
      GUIDA

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da miki8989 Visualizza il messaggio
        ma scusa 30 ore di blackout

        ma di dove sei???

        ciao
        Lusciano in provincia di Caserta.

        Commenta


        • #5
          aaaa ho capito...
          località Frosinone; inclinazione 30^; direzione sud;
          13 pannelli schott solar da 230w; inverter Power-One PVI-OutD 3.0
          Solar logger RASPBERRY-PI3
          23Solar feed PVout - MeterN - DOMOTICZ

          Commenta


          • #6
            Non sono sicuro d'aver capito "aaaa ho capito" però cerco di controbilanciare.
            Posso assicurare che una zona di Legnago, che è nel grande Veneto, per ben tre sere e notti a fila li hanno lasciati al buio e il resto.

            Riguardo i generatori, sarebbe davvero interessante forse anacronistico vedere, es. un palazzo di sei piani con tutti i generatori sui terrazzi... però!
            Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
            Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
            Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
            Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

            Commenta


            • #7
              vince il "aaaa ho capito.." era perchè ho letto, ora non ricordo dove, che nella zona di Caserta ci sono grandissimi problemi (vedi anche i vari servizio di striscia la notizia.... capisci a me)

              ciao
              località Frosinone; inclinazione 30^; direzione sud;
              13 pannelli schott solar da 230w; inverter Power-One PVI-OutD 3.0
              Solar logger RASPBERRY-PI3
              23Solar feed PVout - MeterN - DOMOTICZ

              Commenta


              • #8
                C'è il REACT di ABB che ha la funzione di back-up per questo scopo.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da kenpark Visualizza il messaggio
                  Salve, dopo l'ultimo black-out nella zona dove abito durato 30 lunghissime ore senza avere nessuna informazione dall'enel sullo stato della riparazione , sto seriamente valutando di inserire un backup sul mio impianto elettrico di casa. Possiedo un impianto fotovoltaico di 6kw con inverter aurora che potrebbe produrre energia durante i blackout ma per questioni di sicurezza come giiusto che sia si spegne durante i blackout. Volevo chiedervi se attualmente c'è qualche soluzione di accumulo che prevede il funzionameto anche in assenza di rete del gestore.....Cosa ne pensate? qualcuno se gia posto il problema e come l'ha risolto?
                  Ti confermo che anche a me danno particolarmente fastidio questi continui black out che anche qui in Veneto si verificano sempre più spesso e pure nelle ore di ''punta'' dove uno ''perde'' la maggior parte della produzione.

                  Qualche tempo fa avevo pensato ad un GRUPPO di CONTINUITÀ, il quale, dopo aver manualmente ''staccato'' il GENERALE dall' ENEL, collegandolo ad una qualsiasi presa di casa ( con il cavo di uscita opportunamente ''modificato'' ) mi avrebbe permesso di dare l' IMPUT all' INVERTER facendolo ''innescare'' e quindi partire per la PRODUZIONE.

                  Tuttavia qualche tempo fa, passeggiando per il Leroy Merlin, ho avuto modo di vedere una ''centralina'' elettronica che in AUTOMATICO, quando '' sente'' che si verifica la mancanza di energia elettrica, da parte dell' ENEL, fa partire un GRUPPO ELETTROGENO ad essa collegato;
                  ebbene al posto del GRUPPO ELETTROGENO, si potrebbe collegare un GRUPPO DI CONTINUITÀ e il nostro INVERTER neppure si ''accorgerebbe'' della mancanza di energia elettrica da parte dell' ENEL dal momento che la linea INTERNA, in quel determinato periodo, sarebbe ISOLATA dalla linea ESTERNA.

                  Certo, di notte NON funzionerebbe, ma almeno di giorno, eviteremo di perdere buona parte della produzione e sopratutto di rimanere SENZA CORRENTE.
                  FV 3,924 kWp, 12 pannelli SunPower E20 SPR 327 su 2 linee (6+6)x327, inverter Power One 4200 falda EST-OVEST sistema di monitoraggio ELIOS4YOU - azimut + 90° EST/OVEST - tilt 18°
                  Allacciato il 18 08 2014

                  Commenta


                  • #10
                    Ok, miki.

                    Interessante il progetto Glock, poi bisogna vedere i costi/benefici.
                    Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
                    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
                    Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
                    Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Glock Visualizza il messaggio
                      Ti confermo che anche a me danno particolarmente fastidio questi continui black out che anche qui in Veneto si verificano sempre più spesso e pure nelle ore di ''punta'' dove uno ''perde'' la maggior parte della produzione.

                      Qualche tempo fa avevo pensato ad un GRUPPO di CONTINUITÀ, il quale, dopo aver manualmente ''staccato'' il GENERALE dall' ENEL, collegandolo ad una qualsiasi presa di casa ( con il cavo di uscita opportunamente ''modificato'' ) mi avrebbe permesso di dare l' IMPUT all' INVERTER facendolo ''innescare'' e quindi partire per la PRODUZIONE.

                      Tuttavia qualche tempo fa, passeggiando per il Leroy Merlin, ho avuto modo di vedere una ''centralina'' elettronica che in AUTOMATICO, quando '' sente'' che si verifica la mancanza di energia elettrica, da parte dell' ENEL, fa partire un GRUPPO ELETTROGENO ad essa collegato;
                      ebbene al posto del GRUPPO ELETTROGENO, si potrebbe collegare un GRUPPO DI CONTINUITÀ e il nostro INVERTER neppure si ''accorgerebbe'' della mancanza di energia elettrica da parte dell' ENEL dal momento che la linea INTERNA, in quel determinato periodo, sarebbe ISOLATA dalla linea ESTERNA.

                      Certo, di notte NON funzionerebbe, ma almeno di giorno, eviteremo di perdere buona parte della produzione e sopratutto di rimanere SENZA CORRENTE.
                      Buona idea bisogna però vedere quali assorbimenti può sopportare il quadro di leroy merlin, in più quale gruppo di continuità potremmo attaccarci ? quelli che vedo in commercio quelli "buoni" costano un botto e hanno autonomie ridicole, che possono solo andar bene quando l'impianto fotovoltaico è in funzione poi appena si spegne il sole la sera pochi minuti e sei off.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Carlo A Visualizza il messaggio
                        C'è il REACT di ABB che ha la funzione di back-up per questo scopo.
                        Se leggo bene le caratteristiche dovrei sostituirlo al mio aurora powerone, che ha solo 3 anni di vita e poi dovrei incaricare un tecnico per rifare l'adeguamento del conto energia, non penso sia una cosa conveniente x me, però un dispositivo simile senza l'ingresso x le stringhe fotovoltaiche, ma sempre con batterie al litio e che lavori offgrid in caso di blackout esiste o c'è qualche normativa che vieta l'ultilizzo di un dispositivo simile?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da kenpark Visualizza il messaggio
                          Buona idea bisogna però vedere quali assorbimenti può sopportare il quadro di leroy merlin, in più quale gruppo di continuità potremmo attaccarci ? quelli che vedo in commercio quelli "buoni" costano un botto e hanno autonomie ridicole, che possono solo andar bene quando l'impianto fotovoltaico è in funzione poi appena si spegne il sole la sera pochi minuti e sei off.
                          Quella ''centralina'' a cui mi riferivo, se ben ricordo, costava sulle 300 €uro e ''nativamente'' è proposta per ''innescare'' AUTOMATICAMENTE l' avvio di un gruppo elettrogeno alla mancanza di corrente da parte di ENEL, è ovvio che nel momento in cui ''interviene'' l' impianto di CASA viene TOTALMENTE ISOLATO dalla rete ENEL, almeno finché non viene ripristinata dalla' ENEL stessa, la tensione sulla linea.

                          Al posto del GRUPPO ELETTROGENO, anche per ovviare ai problemi giustamente sollevati da ''vince'' nel suo post n°6, gli faremmo ''trovare'' un GRUPPO di CONTINUITÀ da non meno di 1000 VA ( che non costa poi tanto ) al posto della batteria ermetica di ''serie'', per dargli una ''discreta'' autonomia, si potrebbe mettere una comune batteria al piombo da auto da 100/120 Ah.

                          Questo NON ci darà un' autonomia notturna, non era questo l'intento, ne ci permetterà di sfruttare il nostro impianto al ''limite'', ma ci permetterebbe, quando c'è un soleggiamento abbastanza ''costante'' di poter comunque avere, anche in caso di un temporaneo BLACK OUT, tutte le ''normali'' utenze di casa disponibili ( il che NON è poco ) senza ovviamente pretendere di usufruire di grossi ''carichi'' ( lavatrici - lavastoviglie, pompe di calore ecc. ) per non far ''collassare'' il sistema in caso di un prolungato e marcato calo di produzione del nostro impianto.

                          Se si è presenti, tanto meglio, in quel caso si può modulare manualmente o, se non si è presenti, far ''modulare'' il tutto a uno di quei ''noti dispositivi'' ( come quello in firma ) che possono AUTOMATICAMENTE attivare/disattivare i succitati ''carichi'' più importanti, in base all' effettiva PRODUZIONE MOMENTANEA del nostro impianto.
                          Ultima modifica di Glock; 26-07-2015, 07:40.
                          FV 3,924 kWp, 12 pannelli SunPower E20 SPR 327 su 2 linee (6+6)x327, inverter Power One 4200 falda EST-OVEST sistema di monitoraggio ELIOS4YOU - azimut + 90° EST/OVEST - tilt 18°
                          Allacciato il 18 08 2014

                          Commenta


                          • #14
                            Riprendo la discussione:

                            ho realizzato in sistema simile a quanto descritto da Glock, funzionerebbe tutto a meraviglia se... il generatore invece che 50Hz non ne fornisse 52.5... L'interfaccia di sicurezza stacca gli inverter al massimo a 52Hz.

                            I miei inverter reggono fino a 55, dunque il problema non si pone.

                            L'unico dubbio che mi rimane e' cosa succede se a fronte di una produzione diciamo di 3Kw dai pannelli e il generatore che ne fornisce 4.5 se non li assorbo tutti rischio di friggere inverter e/o generatore? Le mie conoscenze di elettrotecnica sono limitate... ma nel caso di generatore idroelettrico si mettono delle resistenze zavorra: e' paragonabile il caso?

                            grazie

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X
                            TOP100-SOLAR