adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

tariffe energia elettrica per pdc

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • tariffe energia elettrica per pdc

    Ciao...vorrei sapere che tariffe per l'energia elettrica ci sono per le pdc... Dagli esperti inoltre vorrei sapere sé mi conviene avere un contatore separato considerando:- contatore usi civili dà 60 kw, prezzo ca. 0,23 euro ivato- potenza richiesta pdc 9,28 kwe- fabbisogno elettrico annuo ca. 4000 - 5000 kwegrazie mille
    clima hotel in val di non - trentino (zona climatica F - gradi giorno 3273)
    classe energetica A+ - 15,82 kWh/mq anno
    pompa di calore terra-acqua Viessmann Vitocal 300 g 42,8 kwt - 1000 m sonde geotermiche
    10 pannelli solari Viessmann Vitosol 200 f - tot. 23 mq
    caldaia pellet di soccorso Viessmann Vitoligno 300 p 48 kwt

  • #2
    Dal sito GSE:

    IL CONTATORE DEDICATO PER LE POMPE DI CALORE
    In alcuni casi l’installazione di una pompa di calore elettrica può comportare una richiesta di maggior potenza rispetto, ad esempio, al contratto residenziale standard da 3,3 kW.
    Per l’impiego di un impianto con pompa di calore destinato alla climatizzazione invernale, la Delibera 30/2008 dell’AEEG (aggiornando la Delibera n. 348/07, successivamente modificata sull’argomento anche dalla Delibera 56/10) ha introdotto la possibilità, in luogo dell’eventuale potenziamento del contratto primario, di installare un secondo contatore con la tariffa BTA (Bassa Tensione Altri Usi). A differenza della normale tariffa con prezzo a scaglioni di consumo, la tariffa BTA prevede un importo fisso agevolato per kWh, indipendente dalla quantità di energia consumata.
    Nel caso dell'applicazione a cliente residenziale la tariffa BTA gode inoltre dell'IVA agevolata al 10%.
    L’installazione di un secondo contatore dedicato può allora rappresentare un vantaggio economico in quanto, pur a fronte di un maggiore costo in bolletta relativo ad una seconda quota fissa, permette però di ovviare sia all’incremento del prezzo del kWh per effetto del più alto consumo (tariffa a scaglioni), sia alla maggiorazione dovuta al probabile aumento della potenza installata.
    L'utente domestico trae convenienza anche sul costo dei kWh consumati dall’utenza standard che, non subendo incremento di consumo, né di potenza installata, continua a pagare la tariffa applicata precedentemente all’installazione della pompa di calore.

    Ciao

    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

    Commenta


    • #3
      Grazie Jeckterm!!! Hai un idea del prezzo della corrente con la tariffa agevolata??
      clima hotel in val di non - trentino (zona climatica F - gradi giorno 3273)
      classe energetica A+ - 15,82 kWh/mq anno
      pompa di calore terra-acqua Viessmann Vitocal 300 g 42,8 kwt - 1000 m sonde geotermiche
      10 pannelli solari Viessmann Vitosol 200 f - tot. 23 mq
      caldaia pellet di soccorso Viessmann Vitoligno 300 p 48 kwt

      Commenta


      • #4
        Ciao
        Non è che esista una vera e propria tariffa agevolata per pdc o meglio l'agevolazione è la possibilità di installare un secondo contatore per altri usi con l'agevolazione dell'IVA al 10% in aggiunta al contatore per usi domestici .Come noto il sistema a scaglioni aumenta il costo unitario del kWh in modo quasi esponenziale;in parole povere se consumi 100 e paghi 100 non è che se consumi 200(perchè aumenta il consumo causa la pdc) paghi 200 ma paghi 300.Quindi togliere il consumo della pdc dal sistema a scaglioni usufruendo della tariffa per altri usi(che ha un costo unitario al kWh costante) potrebbe essere vantaggioso fatte le valutazioni specificate nel post di Jekterm.Non vorrei che già adesso la tua sia già una tarfiffa per altri usi(Hotel?),in tal caso per te non cambia niente.

        Commenta


        • #5
          Ma sé è solo l'IVA al 10% non mi cambia niente perché alla fine là recupero.... forse è una cosa che conviene a chi ha una casa e nei 3 kw non ci sta... nel mio caso dà quanto ho capito non conviene...
          clima hotel in val di non - trentino (zona climatica F - gradi giorno 3273)
          classe energetica A+ - 15,82 kWh/mq anno
          pompa di calore terra-acqua Viessmann Vitocal 300 g 42,8 kwt - 1000 m sonde geotermiche
          10 pannelli solari Viessmann Vitosol 200 f - tot. 23 mq
          caldaia pellet di soccorso Viessmann Vitoligno 300 p 48 kwt

          Commenta


          • #6
            ma tra un contratto da 3 o da 10 kw, a parte le 15 euro in bolletta, si paga ciò che si consuma, no?

            Commenta


            • #7
              Sbagliato: la tariffa elettrica del residenziale è in base al pro quota giorno. Il bta per pompe di calore ha un costo fisso, non a scaglioni

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da zizota94 Visualizza il messaggio
                ..... nel mio caso dà quanto ho capito non conviene...
                Ciao
                Esatto direi che per te non cambia niente se come presumo hai già una fornitura per usi diversi dall'abitazione.

                Commenta


                • #9
                  Guardando sul sito dell'enel ho visto la tariffa bta4 ma non riesco a capire qual è il prezzo... è pieno di tabelle... sono in confusione...qualcuno mi dà una mano a capirci qualcosa?? Grazie!!!
                  clima hotel in val di non - trentino (zona climatica F - gradi giorno 3273)
                  classe energetica A+ - 15,82 kWh/mq anno
                  pompa di calore terra-acqua Viessmann Vitocal 300 g 42,8 kwt - 1000 m sonde geotermiche
                  10 pannelli solari Viessmann Vitosol 200 f - tot. 23 mq
                  caldaia pellet di soccorso Viessmann Vitoligno 300 p 48 kwt

                  Commenta


                  • #10
                    Ma come albergo dovresti già avere la tariffa per usi diversi...
                    Dal post inserito in precedenza si parla di usi domestici ma il tipo di utenza che hai non dovrebbe esserlo.

                    Ma l' albergo è già operativo? Forse fra qualche settimana passo dalle tue parti, destinazione Cles...

                    Ciao
                    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                    Commenta


                    • #11
                      x Zizota94
                      Non è facile spiegare in modo semplice come sono formate le tariffe elettriche comunque ci proviamo:
                      Penso che il sito che richiami sia quello di Enel Servizio Elettrico(mercato tutelato) e la tariffa BTA4 vuol dire che hai una fornitura per usi diversi(albergo?) da 6 o 10 kW suddivisa fra servizi di vendita e servizi di rete;diciamo subito che se vuoi fare dei raffronti con offerte del mercato libero devi basarti solo sulla voce "Energia" dei servizi di vendita(circa il 50% della bolletta) in quanto i servizi di rete vengono applicati in modo uguale sia dal mercato tutelato che dal mercato libero .Altra distinzione :la variazione di prezzo dei servizi di rete è stabilita dall'Autorità dell'energia ogni trimestre, mentre la voce energia può variare ogni mesi(e qui possono avvenire fenomeni strani dovuti mercato dell'energia per cui ad esempio in alcuni mesi la foce F1(ore di punta) costa meno della voce F2(ore intermedie);ad esempio a gennaio 2013 F1=0,094...F2=0,089...F3=0,071...Euro/kWh mentre a marzo è
                      F1=0,086...F2=0,095...F3=0,073 .Fondamentalmente è su questi prezzi che devi fare i raffronti con il mercato libero, tenendo conto che nel mercato tutelato i suddetti prezzi comprendono già la voce delle perdite di energia(10,4%), mentre nel mercato libero spesso le perdite di energia vengono aggiunte a parte.Al momento mi fermo qui,ciao

                      Commenta


                      • #12
                        x jekterm
                        Adesso ho il contatore di cantiere e non so che tipo di tariffa è applicata...Io sono a cagnò a 3 min dà cles.... purtroppo l'hotel non è operativo... apriremo a maggio però sé passi te lo faccio fare volentieri un tour!!!!Saluti e buona pasqua!!

                        X giulianoc
                        Ma quindi vorresti dire che la tariffa per gli alberghi è una BTA??? Scusami ma sono in confusione...
                        Ma poi posso farmi là mono oraria o non là fanno più??
                        Ultima modifica di zizota94; 30-03-2013, 20:47. Motivo: unione messaggi consecutivi
                        clima hotel in val di non - trentino (zona climatica F - gradi giorno 3273)
                        classe energetica A+ - 15,82 kWh/mq anno
                        pompa di calore terra-acqua Viessmann Vitocal 300 g 42,8 kwt - 1000 m sonde geotermiche
                        10 pannelli solari Viessmann Vitosol 200 f - tot. 23 mq
                        caldaia pellet di soccorso Viessmann Vitoligno 300 p 48 kwt

                        Commenta


                        • #13
                          X Zizota94
                          Visto che devi fare ancora il contratto per la fornitura definitiva ,il mio consiglio è di farlo con il mercato tutelato che applica le tariffe dell'AEEG da parte della società di vendita del gestore di rete del tuo territorio(mi risulta che in Trentino non è Enel servizio elettrico ma un'altra società);se la zona è già servita dai contatori elettronici è obbligatoria la tariffa trioraria(BTA1-BTA2 ecc a seconda della potenza richiesta) .Solo dopo un pò di tempo, dopo aver visto il profilo dei tuoi consumi ,potrai incominciare a cercare fra le offerte del mercato libero ma con molta attenzione e competenza come dimostrato da tutti coloro che fanno marcia indietro tornando al mercato tutelato.Del resto se si chiama in questo modo(mercato di maggior tutela) qualcosa vorrà dire!!!

                          Commenta


                          • #14
                            ciao,
                            si sa nulla delle tariffe elettriche specifiche per le pompe di calore, che l'AEEG dovrebbe promuovere per via del Conto Energia Termico ?

                            Commenta


                            • #15
                              gia esistono...sono le BTA che puoi avere anche a casa con IVa 10%...non penso le agevoleranno più di cosi...
                              Convengono però OLTRE un certo consumo annuo per PDC..altrimenti meglio consumare sul contatore normale..
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                informazioni contatore da 6 kw per pompa di calore

                                abbaimo ristrutturato casa frazionando in tre unita catastali gli appartamenti, uno il nostro dove abbiamo riscaldamento a gas e gli altri due hanno in comune la pompa di calore per riscaldamento e acqua calda. Adesso abbiamo allacciato a nostro nome un secondo contatore nuovo da 6 kw con utenza usi diversi per collegare la pompa di calore, ma enel ci dice che non possiamo avere l'iva al 10% .sapete darmi qualche informazione utile.
                                Grazie




                                Originariamente inviato da Jekterm Visualizza il messaggio
                                *** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
                                Ultima modifica di nll; 25-05-2013, 16:09.

                                Commenta


                                • #17
                                  se il BTA l'hai chiesto per unita catastale DIVERSA da dove hai gia il d2..è ovvio...
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    io devo riconsegnare il contratto firmato dove chiedono i dati catastali, quindi devo indicare quelli di casa mia. non so se si puo fare perchè la pompa di calore è installata in unita diversa. Penso di no ..vero?
                                    Mi sa che tochherà pagare senza agevolazioni! grazie


                                    *** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
                                    Ultima modifica di nll; 25-05-2013, 16:08.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      devi indicare qyuelli dove è posizionato contatore..o se è sul muro perimetrale comune, a quale unita immobiliare è/sarà collegato.

                                      Ovvio che..se in quella unita NON esiste gia un d2/d3..non ti spetta BTA iva 10%..ovvio direi..
                                      Ma attento..non pensae di mettere in un appartamento solo il BTA e attaccare tutto..è vietato
                                      Come pure non puoi con 1 contatore alimentare 2 unita abitative diverse .
                                      Infine con piu di 2 abitazioni in un complesso edilizo unico, mi pare saresti addirittura obbligato ad avere servizi comuni alimentati da BTA

                                      Unica cosa che puoi fare è mettere la BTA in uno dei due che la usano veramente, e fare impianto di risc che alimenta i 2 appartamenti...è un pò border-line ma mi pare non espressamente vietato
                                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                      Commenta


                                      • #20
                                        @Riccardo63

                                        Ciao, forse questo ti può interessare: http://www.autorita.energia.it/it/com_stampa/13/130520.htm
                                        C
                                        omunque, naturalmente, tempi lunghi...

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Cito un passaggio del comunicato stampa Elettricità: al via la riforma delle tariffe di rete e degli oneri di sistema per i clienti domestici
                                          L'attuale tariffa, rimasta sostanzialmente invariata dagli anni '90, utilizza infatti quali strumenti per il controllo e la gestione della domanda criteri ormai superati quali alcuni livelli tariffari inferiori ai costi del servizio
                                          Non promette niente di buono
                                          Impianto FV 5,88 kWp: 24 Canadian Solar CS6P-M 245W, 2 Power One PVI-3.0-OUTD-S-IT, Azimut 0°, Tilt 18°, My PVOutput, SDM120C
                                          PDC: Panasonic Aquarea 9kW T-CAP + HybridCube HYC343/19/0, radiante a pavimento 120 mq, 2 VMC decentralizzate Mitsubishi VL-100U-E

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da gianfrdp Visualizza il messaggio
                                            Elettricità: al via la riforma delle tariffe di rete e degli oneri di sistema per i clienti domestici
                                            forse è collegato a questo: Zanonato: “Il Governo punta a tagliare le bollette per 500 milioni” | Fanpage
                                            1° impianto FV 5.94kWp, 2° impianto FV 19,74kWp
                                            PDC Rotex HT 11kW + Hybridcube 500l + termostufa a pellet Edilkamin Kira H22

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Salve, vorrei riprendere la discussione iniziale in oggetto proponendovi la mia idea.
                                              Attualmente stò valutando di installare una pompa di calore aria-acqua da 9 Kw termici nella mia abitazione per il riscaldamento invernale.
                                              Ho a disposizione un solo contatore da 3Kw con contratto in maggior tutela uso abitazione, dal quale prelevo circa 3900 Kwh anno. Ho contattato ENEL per l'installazione di un nuovo contatore dedicato alla PDC e ho già avuto il sopraluogo, (nuova cassetta con 2 contatori, in posizione diversa dalla precedente... la soluzione non mi entusiasma molto...).
                                              Calcolando che avrò un consumo annuo stimato di circa 3500Kwh per la PDC, mi conviene il secondo contatore con contratto per usi diversi come ho letto nei post precenenti?

                                              2a domanda. Secondo voi al secondo contatore posso abbinare anche i condizionatori in pompa di calore che già possiedo?
                                              Cosi libero dal consumo estivo il primo contatore sul quale ho anche l'impianto fotovoltaico.

                                              Grazie.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Ciao..per 3500 kwh in più non ti conviene un nuovo contatore..soprattutto se hai un FV abbinato.
                                                al contatore PDC nn puoi attaccare condizionatori non PDC.
                                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  come non mi conviene...
                                                  e tutti i discorsi sulla tariffazione che aumenta con l` aumentare dei consumi allora, che fine fà?
                                                  e poi il fotovotaico è meglio che scarichi in rete, sono nel 3o conto enegia e prendo 0,42 a Kw...
                                                  e po i clima che ho sono in pompa di calore, lo avevo anche scritto...

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Ciao

                                                    con un BTA da 3 kw (ma ci stai dentro con la PDC?) prelevare 3900 kwh anno equivale a pagarli circa 0,26
                                                    Se devi prendere il BTA da 6 kw ti costano 0,29, che equivale al terzo scaglione di un D3, che cambia poi a 0,33 dopo 4400.
                                                    Quindi se consumerai 3500 +3900 su un D3, avrai 3000 kw in 4 scaglione, con un sovracosto di 3000*0,05=120 euro mese.
                                                    Un allaccio di BTA da 6 costa 800 euro..sono gia 7 anni per andare a pari.

                                                    Poi ..la tua idea di "alleggerire" il prelievo ESTIVO dal FOTOVOLTAICO è del tutto errata e controproducente..bisogna MASSIMIZZARE il consumo nelle ore diurne (condizionatori in estate..PDC in riscaldamento i inverno)

                                                    Per questo che avere UN solo contatore connesso con il FV di certo ti farà risparmiare (in maggior autocosnumo) quei 120 euro che in teoria spenderesti di più.

                                                    Infine lo SSP è impostato in moda tale da RENDERE al parte VARIABILE degli ONERI DI RETE E SISTEMA..peccato che BUONA PARTE di tali ONERI non siano VARIABILI nel BTA ma FISSI e quindi NON RESI..cosa che invece non succede coi D2/D3 classici..cioè il kwh costa di più, ma lo SSP rende TUTTI gli Oneri, non una parte. Ovvio, tale cosa si apprezza se hai un FV che produce ALMENO i kwh anuo totali, cioè 7400..se invece scambi molto meno di quel che prelevi, tale vantaggio si assottiglia man mano che ti allontani dallo scambiare tutto quello che consumi.

                                                    Infine ho la sensazione (" il fotovotaico è meglio che scarichi in rete, sono nel 3o conto enegia e prendo 0,42 a Kw...") che credi che se AUTOCONSUMI non ti paghino l'incentivo si u tale energia NON immessa, sbaglio? bene, la tua idea è del tutto errata..
                                                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Hai presente quella sensazione quando ti si sgretola il pavimento sotto i piedi?
                                                      Ecco, è quella che provo ora...
                                                      Quello che dici ha un senso. Sono in attesa del preventivo per quanto riguarda il nuovo allacciamento enel, e vedrò se effettivamente sono cifre alte come dici. Poi rileggerò con calma quanto mi hai scritto e proverò a farmi per bene i conti.
                                                      Qmc, mi serviva proprio qualcuno che mi svegliasse...

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Ciao,
                                                        qui http://www.energeticambiente.it/geot...#post119440973 avevo messo la mia esperienza con BTA da 4,5 kW

                                                        PS: ho una PDC da 9 kW termici
                                                        Impianto FV 5,88 kWp: 24 Canadian Solar CS6P-M 245W, 2 Power One PVI-3.0-OUTD-S-IT, Azimut 0°, Tilt 18°, My PVOutput, SDM120C
                                                        PDC: Panasonic Aquarea 9kW T-CAP + HybridCube HYC343/19/0, radiante a pavimento 120 mq, 2 VMC decentralizzate Mitsubishi VL-100U-E

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          eh..d'altronde ..il sidro annebbia i riflessi..

                                                          I costi di allaccio NON sono fissati dal distributore ma dall'autority..quindi il preventivo per BTA3 (che arriva a 6) è quello..se POI devono anche fare LAVORI aggiuntivi per portartelo, puo solo AUMENTARE. Io ho speso 800 euro e dispari e hanno solo fatto un cavallotto sull'altro contatore esitente in nicchia esistente e gia dimensionata per 2..tempo circa 20 minuti..

                                                          Mai l'avrei fatto se non fosse che per avere la Trifase spendevo di più e la PDC trifase mi costava circa 800 euro in più...
                                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Aggiornamento.
                                                            Arrivato preventivo nuovo allacciamento da Enel. 547 Euro in tutto.
                                                            La corrente qui dovrebbe essere 0.28 in fascia D3 e 0.31 in fascia D4
                                                            Leggendo in giro ho trovato questo articolo Orizzontenergia: News - SECONDO CONTATORE DEDICATO ALLE POMPE DI CALORE PER UN RISPARMIO FINO AL 40% dove parla del secondo contatore e lo ritiene conveniente dopo i 4000 Kw/anno...
                                                            Domanda: Posso passare da 3,3 a 6 Kw mantenendo l'attuale contatore? oppure mi viene sostituito?
                                                            Ultima modifica di sidro007; 25-06-2013, 20:17.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR