adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

tariffe energia elettrica per pdc

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Ma 547 euro per un 6 kw in BTA? o un D3

    Guarda che D2 e D3 nn sono le FACSE..le FASCE sono F1F2F3...poi ci sono i CONTRATTI D2 D3 BTA..poi si sono gli SCAGLIONI di consumo.

    Siccome il BTA ha dei costi fissi elevati e costo kwh minore..se non hai un certo consumo, i fissi incidono piu di quanto pagheresti quel kwh aggiuntivo su un D2-D3..
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #32
      547 è il preventivo per il nuovo contatore da 3,3Kw per usi diversi in abitazione, alimentazione pompe di calore o ricarica auto elettriche... non specificano il tipo di contratto.

      Commenta


      • #33
        Oltre ai 547 devi tenere conto degli alti costi fissi mensili della BTA, occhio .... Rileggiti bene l'esperienza di gianfrdp che in certi mesi col BTA si trova a pagare, tenuto conto dei costi fissi, 0.50!!! euro/kWh.
        PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

        Commenta


        • #34
          Originariamente inviato da sidro007 Visualizza il messaggio
          per usi diversi in abitazione.. non specificano il tipo di contratto.
          Il tipo di contratto si chiama proprio ALTRI USI..sigla BTA (Bassa Tensione Altri usi).
          Il 6 kw costa 800 euro come ti dicevo.
          Poi con 6 kw hai circa 400 euro di fisso/anno.

          Uno da 3 Kw esprime un costo di 0,29 euro al kwh se consumi sul BTA 2700 kwh/anno..oppure 0,245 se consumi sul BTA 4800 kwh anno.
          Sul BTA non hai SCAGLIONI consumo, quindi non importa se concentri consumi in pochi mesi..questi prezzi media/anno sono sempre validi anche se consumassi tutto in 1 mese.

          Ho messo 0,29 e 0,245 perche sono i valori di costo di un D3 nel SECONDO e TERZO scaglione di consumo.

          Quindi se gia consumi i primi DUE scaglioni e devi aggiungere 2700 kwh ..siccome lo concentri in pochi mesi invernali..probbailmente avrai 50% sul terzo e 50% sul qaurto..media 0,26..col BTA paghi 0,29 non conviene

          Se invece devo aggiungere circa 4800 kwh (circa 1/3 sul terzo e 2/3 sul quarto)..avrai media 0.27..il BTA costa 0,245..conviene, nonostante costi di allaccio iniziale.

          calcola poi che spesso se non metti BTA e hai un D2..devi passare a D3..il che comporta aumenti di costi dell'energia e del fisso ..e un certo costo di aumento potenza..per cui in effetti a grandi linee se devi AGGIUNGER 4000 kwh anno di consumo ad un d2 che deve diventare un d3 e sei gia a fine del secondo scaglione in inverno, ti conviene avere il BTA

          Poi occorrerebbe stimare se lo SSP rende di piu con BTA o con D3..a naso forse rende meglio col D3..ma è difficile fare dei conti..e comunque la differenza non penso sia abissale.
          Ultima modifica di marcober; 26-06-2013, 14:46.
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • #35
            Confusione....

            Dunque, ragioniamo sui 3Kw e sulle tue tariffe, anche perchè leggendo sul sito enel servizio elettrico non riesco a fare una media ufficiale per i calcoli:
            Io ora ho un contratto D2 residente da 3 Kw con consumo di 3890 Kwh/anno (3° scaglione).
            qui posso dirti che il prezzo al Kw completo di tutto (imposte, IVA etc) è circa 0,22 (facendo semplicemente tot euro anno / Kw consumati).

            Ora, le ipotesi sono 2: Aggiungere nuovo contatore in BTA D2 da 3 Kw, oppure aumentare da 3 a 6 Kw l'esistente in D3.
            Aggiungendo la pompa di calore andrò a consumare altri 3500 Kw, che per quanto riguarda la soluzione monocontatore esistente porterebbero l'ammontare dei consumi in D3 a 7300Kw (sfondando anche il quarto scaglione).
            Optando invece per l'aggiunta del nuovo contatore, posso prevedere una ripartizione dei consumi che si aggira sui 3500 Kw sulla linea esistente D2 e 3700 Kw sulla nuova linea BTA (data dal fatto che sposterei su tale linea i consumi dei split in pompa di calore attualmente sulla linea D2 ed eliminerei il consumo della caldaia).

            Quindi avrei:
            Con la separazione delle linee un consumo in D2 di 3500 kw per circa 770 euro (0.22*3500)
            mentre in BTA avrei i restanti 3700 Kw in BTA2 per circa 906,50 euro (0.245 tuo dato * 3700)

            Con l'aumento di potenza a 6 Kw in D3 invece avrei circa 1971 euro (0.27 tuo dato * 7300)

            Fino qui siamo giusti? chiaramente facendo i conti della serva, senza calcolare i costi di attivazione contratti, dei lavori e del fotovoltaico...ma se seguo questo ragionamento il secondo contatore mi conviene.

            Commenta


            • #36
              7300 in d3 da 6 kwcostano 2244 euro

              3500 in d2 da 3 kw costano 770 euro
              3800 in BTA da 3 kw costano 1184

              1184+770=1954 risparmi 290

              In pratica il risparmio è maggiore in quanto in inverno avresti molto piu pro-quota giorno in scaglione elevato, che fa aumentare ancora il costo del D3

              Poi però considera:
              - che avere 2 FV su 2 contatori diversi potrebbe rendere meno efficiente l'autconsumo in alcuni momenti (inverno dul d2?)
              - lo SSP sul d3 rischia di essere piu vantaggioso che sul BTA, a parità di spesa per prelievo
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #37
                Marco ma sei sicuro del conto dei 7300 kWh in D3? Vuol dire più di 0.3 euro/kWh, a me sembra veramente tanto. Sono perplesso anche sui 1184 euro per la BTA da 3 kW, potresti esplicitare i conti? Io non li ho rifatti ma non mi torna che con un'aggiunta di consumo così bassa venga un risparmio di quasi 300 euro con i due contatori (e mi sembrava che anche tu fossi di quest'idea qualche post fa).
                PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                Commenta


                • #38
                  per i d2 e d3 sono i costi MAGGIOR TUTELA del sito AEEG, immettendo MONORARIA (che poi equivale a 33% pe rfascia)...quindi certificati..e fra l'altro quadrano con delta 1 euro con mio simulatore che ha dentro costi del secondo trimestre.

                  Per BTA è il costo della tabella pubblicata da Acquirente Unico...II° Semestre 2013...per cui ufficialissimo.

                  Nel mio post precedente n 34 facevo i conti senza i FISSI del d3..dicendo che non conveniva a 2700 e conveniva a 4800

                  Invece gia da 3800 calcolando i fissi conviene, soprattutto perche se con BTA l'altro resta un d2, hai fissi + bassi e primi 2 scaglioni + bassi.
                  Poi dopende da che "base" di parttenza hai..cioè se consumi 1500 e aggiungi 3800 è un conto..se gia parti da 3500 e aggiungi 3800, è un altro..cioè se la "base" di partenza è alta, basta poco per ripagare il BTA.

                  Si potrebbe fare un foglio di calcolo che fa in automatico il conteggio di pareggio..
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #39
                    C'è un però...(c'è sempre un però...-x-). Inseriamo i costi del secondo contatore e il FV.
                    Il ragionamento fin qui è giusto. Ammettendo di avere i consumi calcolati, e preventivando un costo di realizzazione del secondo contatore pari a 547 euro (preventivo Enel) + altri 250 euro di costi vari di modifica impianti interni, dovrei ammortizzare la spesa in circa 3/4 anni.

                    IL FV è il vero problema. Con la separazione delle linee devo vedere se lasciarlo sotto la linea della casa oppure spostarlo sotto la pompa di calore, perche alimentare entrambe non è possibile.
                    Marcober, tu mi dicevi che poteva essere più conveniente l'autoconsumo sotto la linea BTA della PDC. A questo punto però avrei un aumento dei consumi sulla D2 residenziale, per tutti quegli utilizzi che ora ho quotidianamente in casa.
                    Che cosa mi conviene fare?

                    Commenta


                    • #40
                      No io dicevo che lo SSP "dovrebbere" rendere di piu con D2D3 rispetto a BTA..il motivo sta che lo SSP rende la parte VARIABILE degli ONERI, che nel BTA sono ANCHE in parte FISSI e quindi NON RESI.

                      Ovviamente se ha UN solo FV, meglio avere UN SOLO CONTATORE..non stare nemmeno a pensarci. Io stesso non avrei MAI fatto 2 contatori se non fossi stati "obbligato" a fare 2 FV, perche avere il trifase era molto costoso e lungo, rischiavo di non riuscire per giugno (ante proroga 50%), avrei dovuti ribilanciare casa, la PDC trifase era piu cara...

                      Ora, se tu fai impianto che resta in monofase (sotto 6 o 10), mi pare meglio restare con un D3..quel che spendi di piu col fornitore sarà inferiore al maggior autocosnumo che farai, e al maggior SSP (nel caso che i kwh immessi siano superiori al MINORE dei consumi dei due contattori separati)
                      Ultima modifica di marcober; 29-06-2013, 09:30.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #41
                        Ho capito. Riassumendo. Se avvessi solo prelievi dalla rete potrebbe essere conveniente il secondo contatore, ma siccome ho il FV mi conviene l'aumento di potenza per poter sfruttare lo SSP a compensazione del maggior consumo.
                        Ora ho abbastanza chiara la situazione. Grazie.

                        Commenta

                        Attendi un attimo...
                        X
                        TOP100-SOLAR