annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Neutroni dagli ultrasuoni

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Neutroni dagli ultrasuoni

    Salve a tutti, scusate l’intromissione, premetto che questo non è il mio campo, mi occupo prevalentemente di MEG e PP,

    vi riporto una notizia che forse vi potrebbe tornare utile.

    Il giorno 16 Febbraio, Sabato, si è tenuta una conferenza nella mia città,organizzata dal Lions club international, con tema l’energia alternativa. Alla conferenza, oltre ad alte Autorità regionali, erano presenti anche anche alti dirigenti di vari enti, fra i quali, un dirigente dell’ Ansaldo Nucleare, un Fisico dell’Università dell’Aquila ed altri ancora che ora non ricordo. Praticamente la conferenza è stata indetta perché un mio concittadino, che lavora presso il CNR, insieme ad un gruppo di militari dell’esercito Italiano,supervisore degli esperimenti, il Generale Aracu, il quale ha messo a disposizione il laboratorio del Celio per la ricerca, hanno fatto una scoperta sensazionale.
    Sono riusciti ad ottenere un’emissione di neutroni dal comunissimo “Ferro”.
    La cosa sbalorditiva è stata che la quantità di energia emessa è doppia rispetto a quella emessa dall’uranio. Il risultato è stato ottenuto, bombardando il ferro con ultrasuoni. Sono state proiettate delle diapositive nel quale oltre che vedersi due cilindri di vetro contenenti una soluzione gelatinosa, la quale a loro dire è servita per evidenziare l’effetto, dato che in presenza di neutroni, si formano al suo interno delle microscopiche bolle, sono state proiettate anche le due lastre fotografiche ove si evidenziava l’emissione neutronica dell’uranio e quella del ferro, il quale era doppia rispetto alla prima. Ora ci sono state molte domande, alle quali l’illustre concittadino non ha potuto rispondere dato che attualmente il brevetto della scoperta è di proprietà del CNR e dell’esercito Italiano, comunque ad un certo punto ha parlato di 20.000 battiti di mano in un secondo, dal quale ho dedotto che intendesse una frequenza di 20 Khz. Ha detto anche che il fenomeno compare dopo circa un’ora dall’inizio dell’esperimento e comunque è abbastanza critico, per riprodurre il fenomeno nei laboratori del CNR hanno ricostruito un altro esemplare che ha funzionato solo dopo che avevano rispettato esattamente tutte le misure in proporzione a quello che era nel laboratorio militare. Questo secondo test è stato necessario, perché se un fenomeno è vero, deve essere facilmente riproducibile anche da altri scienziati ed in ambienti diversi, e questo si è verificato.
    Dimenticavo, ha anche detto che il sottoprodotto di questa reazione è stato “l’alluminio”.
    Cosa significa tutto ciò non lo so, ripeto non è il mio campo, comunque vi ho riportato la notizia, nel caso vi possa essere utile.

    PS) si è visto anche una foto della macchina, aveva la forma di un cono gelato, sembrava fatto con una lamiera di acciaio sottile e molto lucida, la punta rivolta verso il basso ed intorno ad equidistanza vi erano 3 toroidi di colore verde, forse erano 3 bobine rivestite, non sono riuscito a vedere altro. A parlato si del ferro, ma sembra che nell’esperimento esso era disciolto in acqua, perché ad un certo punto si è lasciato sfuggire che loro erano riusciti a ricavare energia praticamente da della “ruggine”.


    Buona serata. emc2

    Edited by emc2 - 18/2/2008, 19:38

  • #2
    di nuovo Buona serata a tutti, proseguo quanto detto prima, finalmente ho trovato uno "straccio" di articolo . . .


    Il TUONO NUCLEARE: NEUTRONI dagli ULTRASUONI

    Due fisici italiani, Fabio Cardone e Roberto Mignani, hanno annunciato la realizzazione di reazioni nucleari prodotte con gli ultrasuoni.

    La scoperta, che si inserisce nel filone della cosiddette "reazioni nucleari ultrasoniche", è stata descritta in un volume intitolato Deformed Spacetime, che è in corso di pubblicazione (I trimestre 2007) presso la prestigiosa casa editrice tedesca Springer Verlag di Berlino.
    In quest'opera i due fisici affermano di aver generato neutroni immettendo ultrasuoni in varie soluzioni di acqua ed acidi di ferro. I neutroni sono stati misurati con rivelatori termodinamici in uso per sistemi di difesa ottenendo il 100% della ripetibilità dell'esperimento.
    Il fenomeno scoperto ispira facilmente la concezione di un reattore ad ultrasuoni, i cui vantaggi nella produzione di "energia pulita" sono più che evidenti.

    Gli esperimenti diretti da F. Cardone sono stati condotti in Italia a partire dal 2003 presso laboratori militari e civili con la collaborazione dei tecnici militari A. Aracu, A. Bellitto, F. Contalbo, P. Muraglia e dei ricercatori civili G. Cherubini, A. Petrucci, F. Rosetto, G. Spera.

    Tale scoperta, insieme ad altre sulla gravità e l'elettricità presentate nel volume menzionato, permetterà di ripensare in modo critico le teorie della relatività di Einstein e della meccanica quantistica di Bohr.

    Avremo la possibilita' di ottenere, per mezzo degli ultrasuoni,e da sostanze NON radioattive, la produzione di neutroni, e quindi l'utilizzo dei processi atomici per la produzione di energia elettrica a basso costo ed illimitatamente e cio' entro 10 anni dal 2006 !...speriamo che cio' avvenga e le industrie petrolifere non sia approprino dei progetti e li mettano in un cassetto...dimenticati !

    Gli scienziati italiani sono in grado di creare reazioni nucleari prodotte con il suono e senza radioattivita', immettendo degli ultrasuoni in varie soluzioni di acqua e sali di ferro, (privi di radioattivita') essi hanno generato neutroni rilevati e misurati con rivelatori termodinamici in uso per sistemi di difesa, ottenendo il 100% di ripetibilita' del fenomeno.

    Queste reazioni nucleari (chiamate piezonucleari) permettono di liberare neutrini da elementi naturali inerti, grazie all'uso di un generatore meccanico di ultrasuoni alimentato da energia elettrica, inoltre queste reazioni liberano direttamente anche energia ed inducono gli elementi a cambiare natura trasmutandoli, proprio come succede in natura.
    Persino le scorie nucleari possono essere trattate per ridurre di 10.000 volte i tempi naturali di riduzione della loro radioattivita'.
    Ci toglieremo finalmente di dosso, l'enorme spesa della bolletta petrolifera !
    E' una grande scoperta tutta Italiana (CNR).


    Questo per la cronaca . . .

    Buon lavoro a tutti.
    emc2

    Edited by emc2 - 18/2/2008, 22:41

    Commenta


    • #3
      Se è vero (perchè bisogna sempre mettere il SE di mezzo)....non ho parole!!!! :woot:
      E parrebbe pure facile!!
      Fusione fredda!! dopo 20 anni ancora si discute se sia una bufala... ma degnarsi di cercare qualcosa che non sia pubblicato su Science o Nature è troppo difficile vero?? http://www.lenr-canr.org/acrobat/Rot...tallyofcol.pdf

      Commenta


      • #4
        Buona sera begonzo,
        come già detto, ero presente di persona alla conferenza, non avendo capito di cosa si trattasse, avevo interpretato il titolo, come qualcosa di attinente al tipo di ricerca che stò conducendo io, invece non si trattava di un sistema basato su effetti magnetici, bensì nucleari. Ti posso garantire, che viste le alte personalità intervenute, i dati esposti e soprattutto le immagini che sono state proiettate, oltre ai vari interventi che si sono succeduti, di persone di rango e competenti in materia, oltre che di persone che occupano posizioni di tutto rilievo, che pertanto sono piuttosto restii a sparate senza senso ne prove (ne và della loro immagine oltre che il prestigio), la cosa è reale, hanno veramente ottenuto risultati eclatanti, e senza usare materiali radioattivi, come hanno tenuto a precisare più volte.
        Questo mi ha incoraggiato, dato che hanno ammesso che vi è stata una reazione che, secondo le attuali conoscenze scientifiche, non vi sarebbe dovuta essere. Quindi da parte mia, della mia ricerca, questo mi dà qualche speranza, che possa imbroccare la strada giusta e possa avere dei risultati lì dove, secondo le attuali conoscenze, non vi dovrebbero essere.

        emc2

        Commenta


        • #5
          Moderazione: Qui trovate i post mancanti (e off-topic) della sezione Fusione fredda e trasmutazioni nucleari a bassa energia\Test sperimentali\Vorrei provare a trarre energia utile dalla cella di Cirillo-Iorio.
          mgb2


          I miei file li trovate qui: http://file.webalice.it
          username: genni.rom
          password: martina

          Commenta


          • #6
            Ciao,
            vorrei segnalarvi questo:

            http://www.scientificethics.org/Mignani-Cardone-ir00001.htm

            Oggetto: causa civile (o penale??) fra il prof Santilli che rivendica la proprietà degli studi che ha fatto in tema di teoria della relatività e gravitazione "fatti propri" da R. Mignani ed F. Cardone.

            Ciò non toglie che l'esperimento possa invece contraddire la teoria (attuale):
            http://www.asps.it/Pluralis.htm

            Ciao

            Edited by mgb2 - 19/2/2008, 17:38
            I miei file li trovate qui: http://file.webalice.it
            username: genni.rom
            password: martina

            Commenta


            • #7
              Buona giornata mgb2 , leggo solo ora la tua segnalazione, ma ti devo rispondere che non è esattamente come scritto. Controlla bene quì . . .

              http://scientificethicsrebuttal.awardspace.com

              Resta il fatto, che si sta tentando di insabbiare un'importante scoperta scientifica, mi ripeto, non è il mio campo, la mia ricerca riguarda il sistema di produzione di energia dal magnetismo, ma non mi è sembrato che le persone presenti al convegno, fossero degli sprovveduti.
              Ora sicuramente una scoperta di questo genere, da sicuramente fastidio a chi "vive" con il petrolio, quindi tutte le strade per screditarla, sono lecite . . . a buon intenditor poche parole . . .


              Buona giornata.
              emc2

              Commenta


              • #8
                ma proprio non si riescono a reperire altre informazioni su questa cella, emc2?

                Commenta


                • #9
                  Ciao, elFranZ

                  purtroppo no, sono stati abbastanza "abbottonati", ma comunque, ad alcune domande, il fisico ha risposto che erano tutte pubblicate sul libro "Deformed Spacetime" che è stato pubblicato in Germania.

                  Comunque, per chi ha un po di esperienza in questo campo, le informazioni date non dovrebbero essere insufficienti, si e detto che la frequenza e di 20 Khz, l'effetto compare dopo circa un'ora di funzionamento, la soluzione contiene acqua e sali di ferro, il contenitore o forse l'antenna trasmittente e a forma di cono ed in metallo, forse di lamiera, dalla reazione resta come sottoprodotto l'alluminio, la reazione produce un'emissione di neutroni doppia rispetto a quella dell'uranio ed infine non si utilizzano materiali radioattivi, ma comunissimo ferro.
                  Veramente ha aggiunto anche, che loro hanno provato con il ferro, perchè era il materiale più comune, ma sicuramente vi sarebbero stati risultati anche con altri metalli o minerali, forse anche migliori, solo che loro non avendo a disposizione grandi fondi, non hanno potuto provare anche con i restanti 90 elementi, ma si sono dovuti accontentare del primo e più economico che avevano a disposizione.
                  A qualcuno che si sia interessato ad esperimenti con la fusione fredda, forse tutto ciò potrebbe dire qualcosa.

                  Ho collegamenti con la Germania, mi capita spesso di dover andare lì, proverò a chiedere se si può avere il libro, certo la traduzione non sarà facile, mia moglie parla bene il Tedesco, ma qui si tratterà sicuramente di termini scientifici, che non mi saprà tradurre.

                  Comunque se riuscirò a sapere qualcosa di più, vi terrò informato.

                  Buona notte. emc2

                  Commenta


                  • #10
                    caspita, quel libro costa un botto...
                    vedrò di attivarmi anch'io, dai. magari lo si pesca chissà dove :B):
                    intanto, qualche altra info:

                    "Istituto: ISTITUTO PER LO STUDIO DEI MATERIALI NANOSTRUTTURATI
                    Titolo: Apparecchiatura e procedimento per la produzione di neutroni mediante ultrasuoni e cavitazione di sostanze.
                    Descrizione: L’invenzione si riferisce ad un apparato ed un processo per la produzione di radiazione neutronica in dosi che possono essere mantenute in condizioni non pericolose per gli esseri viventi, partendo da elementi stabili mediante reazioni piezonucleari (ref. Deformed Spacetime, Springer 2007, cap.i 16, 17) generate per mezzo di cavitazione ultrasonica usando un trasduttore elettromeccanico che lavori al di sopra della soglia minkowskiana delle forze nucleari (ref. Energy and Geometry, World Scientific 2004, cap.i 10,11)"

                    Commenta


                    • #11
                      Sempre se a qualcuno può interessare, questa è una foto ove si vede il famoso cono con i toroidi o bobine di colore verde, nella foto se ne vedono due, sicuramente perchè l'altra, quella più in alto, resta coperta dal piano.
                      Sbalorditivo vedere che di lato vi sia anche una bottiglia di plastica tagliata, contenente qualcosa, questo fà capire che il tutto sia stato realizzato praticamente in economia, quasi "casalinga", per la mancanza di fondi per la ricerca . . . e sì, purtroppo questa e l'Italia . . . <img src=">



                      Buona nottata a tutti.

                      emc2

                      Commenta


                      • #12
                        Sempre se a qualcuno interessasse, questo è il libro pubblicato in Germania . . . Nemo propheta in Patria. Nessuno è profeta nella sua patria. <img src=">
                        e già, sono dovuti recarsi all'estero, come fece Marconi . . . per trovare qualcuno che li ascoltasse.


                        image

                        Commenta


                        • #13
                          Vista l'mportanza di questa discussione forse è il caso di unirle con le ultime che sono state aperte , poi mi chiedevo perchè non ci sono piu le foto dell cono trasduttore , sono andate perse ?

                          Commenta


                          • #14
                            Oltretutto i 20khz sono una frequenza quasi al limite del campo audio, facilissimi da riprodurre anche solo con 1 piccolo altoparlante e 1 oscillatore a integrati o a risonanza di un induttore in ferrite, è sbalorditivo come questo fenomeno possa destabilizzare 1 elemento stabile per natura.
                            Forse è una specie di energia di attivazione (tipo la scintilla nell'accendino) che però sviluppa + energia di quella spesa magari data dal parziale consumo del materiale stesso o dalla trasformazione di questo in 1altro + stabile con la cessione della differenza di energia, che normalmente avverrebbe in qualche centinaio di secoli

                            Commenta


                            • #15
                              ciao qalcuno mi sa dire di chepotenze si parla ?

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR