Fusione fredda o calda? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Fusione fredda o calda?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Fusione fredda o calda?

    Chiedo scusa per la mia ignoranza sull'argomento, da sempre sono appassionato ai fenomeni fisici.

    Per quanto ne sò, la parola fusione non è altro che la trasformazione di una materia, dallo stato solido a quello liquido, usando necessariamente la temperatura sufficente.

    Ho osservato con attenzione il vostro esperimento, mi sembra che la luminosità sia indice di una fonte di calore, il liquido mi sembra ribollire, come si può parlare di fusione fredda?

    Questo esperimento, mi fa venire in mente quando si fanno saldature elettriche sotto l'acqua, stessa luce, stesso ribollire dell'acqua.

    La parola plasma a volte menzionata, mi risulta che per ottenerla occorrono condizioni particolari, tipo, il sole con la sua temperatura, i neon che non fanno fusione, altro non conosco.

    Con questi elementi base, cosa mi sono perso per comperndere la vostra teoria?

    Saluti Primo

  • #2
    Ciao primo e benvenuto,

    il termine "fusione" può indicare sia un passaggio di stato da solido a liquido, sia la "unione" di nuclei atomici. In quest'ultimo caso si parla di fusione nucleare.

    E questo è.

    Il plasma è uno stato della materia, successivo al gas. E' caratterizzato dal fatto di essere composto da ioni ed elettroni. Lo si può ottenere a varie condizioni di pressione e temperatura. Il gas interstellare è prevalentemente plasma a una temperatura media di pochi gradi Kelvin.

    <img src=">
    ‎"Se pensi che una cosa sia impossibile, la renderai impossibile" (Bruce Lee)

    Commenta


    • #3
      Non ho inteso beme cosa si intende per (fredda).
      Visualizzando l'esperimento si nota l'accensione di un'arco che sicuramenta avrà migliaia di gradi centigradi, certamente non milioni come nelle stelle è in questo senso che si parla di fusione fredda?
      Come mai l'esperimento dura pochi istanti e poi si esaurisce, si è consumato qualcosa?
      L'energia usufruibile consiste nell'uso del calore emesso dall'arco?
      A quale temperatura raggiunge l'arco?
      Grazie anche per le risposte precedenti.
      Saluti Primo

      Commenta


      • #4

        Ciao primo,
        ti esorto a dare una lettura ai post precedenti in quanto molte delle risposte che cerchi sono già trattate e adeguatamente eleborate attraverso discussioni anche molto interessanti.

        Ad ogni modo:

        CITAZIONE
        Non ho inteso beme cosa si intende per (fredda).
        Visualizzando l'esperimento si nota l'accensione di un'arco che sicuramenta avrà migliaia di gradi centigradi, certamente non milioni come nelle stelle è in questo senso che si parla di fusione fredda?

        Il termine "fredda" va inteso in senso energetico. La fusione "calda" che si vuol realizzare negli attuali reattori cerca di far raggiugere, attraverso riscaldamento e accelerazione del plasma, le condizioni energetiche di innesco per poi far si che la reazione si "autosostenga" con la stessa energia che genera. Nel nostro caso invece, facendo un calcolo delle energie in gioco ci si accorge facilmente che NON sono in grado di generare alcun tipo di reazione nucleare... da qui il termine "fredda", che poi abbiamo trasformato in "reazioni nucleari a debole energia".

        CITAZIONE
        Come mai l'esperimento dura pochi istanti e poi si esaurisce, si è consumato qualcosa?

        L'esperimento non dura pochi istanti anzi, oggi, grazie al nuovo sistema di misura calorimetrica a "flusso", la cella resta accesa tutto il tempo che vogliamo. (A tal proposito guarda questo link )

        CITAZIONE
        L'energia usufruibile consiste nell'uso del calore emesso dall'arco?

        Non proprio... diciamo che consiste nell'uso del calore della reazione innescata dal particolare tipo di "plasma" confinato al catodo.

        CITAZIONE
        A quale temperatura raggiunge l'arco?

        In una saldatura TIG l'arco voltaico raggiunge 10'000 - 20'000 Kelvin.
        Nelle nostre condizioni il plasma certamente supera la temperatura di fusione del tungsteno (circa 3'500 K) e a volte supera anche i 6'000 K in quanto si vede che parte del tungsteno vaporizza. Tuttavia tale dato NON è mai stato direttamente misurato.

        Ciao,
        e leggiti i vechi post, anche per ricostruire i vari passi falsi le cantonate e i successi di questo percorso di ricerca. <img src=">
        ‎"Se pensi che una cosa sia impossibile, la renderai impossibile" (Bruce Lee)

        Commenta


        • #5
          CITAZIONE (primo2dgl @ 19/2/2007, 18:50)
          Non ho inteso beme cosa si intende per (fredda).

          Ciao Primo,
          dai un'occhiata a questa discussione:
          http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=6202506
          "Una nuova verità scientifica non trionfa perché i suoi oppositori si convincono e vedono la luce, quanto piuttosto perché alla fine muoiono, e nasce una nuova generazione a cui i nuovi concetti diventano familiari." Max Planck

          Commenta

          Attendi un attimo...
          X