adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Scaldabagno solare economico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scaldabagno solare economico

    Un amico sta cercando degli scaldabagni solari (cioè dei collettori solari con un piccolo accumulo, 35-70 litri) da montare in un villaggio di casette in kenya. Devono essere il più semplice ed economico possibile. Ovviamente non importa l'efficienza, lì fa un caldo becco e la doccia si fa volentieri anche tiepida. Qualcuno ha messo un semplice tank nero di plastica sul tetto, ma non potrebbero esserci problemi sanitari? L'acqua comunque non è potabile. La maggior parte ha un piccolo scaldabagno elettrico, che costa poco (5.000 scellini, circa 60 euro), ma spesso manca la corrente e dunque niente acqua calda.

  • #2
    <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Lolio @ 25/1/2006, 21:55)</div><div id='QUOTE' align='left'>Un amico sta cercando degli scaldabagni solari (cioè dei collettori solari con un piccolo accumulo, 35-70 litri) da montare in un villaggio di casette in kenya. Devono essere il più semplice ed economico possibile. Ovviamente non importa l&#39;efficienza, lì fa un caldo becco e la doccia si fa volentieri anche tiepida. Qualcuno ha messo un semplice tank nero di plastica sul tetto, ma non potrebbero esserci problemi sanitari? L&#39;acqua comunque non è potabile. La maggior parte ha un piccolo scaldabagno elettrico, che costa poco (5.000 scellini, circa 60 euro), ma spesso manca la corrente e dunque niente acqua calda.</div></div><br>La Merloni dovrebbe avere qualcosa visto che fornisce gli impianti termici solari per Cina 2008.

    Commenta


    • #3
      Prova con Zoppas, anche loro hanno prodotto qualcosa per la Cina, ci stanno lavorando adesso (ho un amico in Cina che sta costruendo un villaggio dotato di pannelli solari per riscaldamento).<br>I South Africa ricordo che in alcune case piu&#39; isolate usavano un sistema a serpentine con circolazione dell&#39;acqua anche manuale.<br>La temperatura era anche piacevole e il riscaldamento avveniva per scambio di calore.<br>Non credo che un sistema simile possa essere difficile da costruire.<br>E comunque il tuo amico il villaggio dove lo costruisce? in mezzo alla savana?<br>Se fa un villaggio avra&#39; anche previsto un gruppo elettrogeno o no?<br><br>Fammi sapere<br><br>MetS <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' alt='rolleyes.gif'>

      Commenta


      • #4
        <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Lolio @ 25/1/2006, 21:55)</div><div id='QUOTE' align='left'>Un amico sta cercando degli scaldabagni solari (cioè dei collettori solari con un piccolo accumulo, 35-70 litri) da montare in un villaggio di casette in kenya. Devono essere il più semplice ed economico possibile.</div></div><br>Qui <a href='http://www.sunnyday.it/index_it.htm' target='_blank'>http://www.sunnyday.it/index_it.htm</a> ci sono collettori solari in polipropilene<br>Qui <a href='http://www.ilportaledelsole.it/pag_shopping.asp?level=2&levelsot=0040&vai=1&level cat=0006#' target='_blank'>http://www.ilportaledelsole.it/pag_shoppin...&levelcat=0006#</a> c&#39;è un altro tipo di collettore solare economico.

        Commenta


        • #5
          In Tanzania ho visto parecchie cisterne nere in plastica, sono abbastanza comuni e sicuramente si trovano anche in Kenia a prezzi popolari.<br>Per esperienza ti posso assicurare che la doccia si fa tranquillamente per tutto l&#39;arco della giornata.<br><br>Ciao
          *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

          Commenta


          • #6
            Grazie a tutti per le indicazioni. Il villaggio è gi&agrave; costruito dalle parti di Mombasa, lui ha un bungalow e si occupa di una parte dell&#39;insediamento da un punto di vista amministrativo/organizzativo. C&#39;è il generatore, ma forse è un po&#39; sottodimensionato perché qualcuno ha cominciato a installare l&#39;aria condizionata. La cisterna nera in plastica qualcuno ce l&#39;ha, forse è la soluzione più semplice ed economica. Io avevo semplicemente espresso dubbi di ordine sanitario (legionella?). Magari è una mia fissazione. Del resto lo stesso problema potrebbe esserci anche con i collettori con serbatoio, anche se credo che essendo più efficienti l&#39;acqua dovrebbe raggiungere temperature tali da eliminare le contaminazioni. Interessante la tipologia indicata da Fabiomas (portale del sole), chissa se esiste qualcosa di simile ma più piccolo (50-70 litri).

            Commenta


            • #7
              <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Lolio @ 26/1/2006, 23:11)</div><div id='QUOTE' align='left'>Grazie a tutti per le indicazioni. Il villaggio è gi&agrave; costruito dalle parti di Mombasa, lui ha un bungalow e si occupa di una parte dell&#39;insediamento da un punto di vista amministrativo/organizzativo. C&#39;è il generatore, ma forse è un po&#39; sottodimensionato perché qualcuno ha cominciato a installare l&#39;aria condizionata. La cisterna nera in plastica qualcuno ce l&#39;ha, forse è la soluzione più semplice ed economica. Io avevo semplicemente espresso dubbi di ordine sanitario (legionella?). Magari è una mia fissazione. Del resto lo stesso problema potrebbe esserci anche con i collettori con serbatoio, anche se credo che essendo più efficienti l&#39;acqua dovrebbe raggiungere temperature tali da eliminare le contaminazioni. Interessante la tipologia indicata da Fabiomas (portale del sole), chissa se esiste qualcosa di simile ma più piccolo (50-70 litri).</div></div><br>Non sarebbe male studiare un sistema di sterilizzazione acqua con solare. Se la legionella è un batterio, dovrebbero bastare 75 gradi, se è un virus bisogna arrivare a 130 per stare tranquilli.

              Commenta


              • #8
                Per la legionella basterebbero 65 gradi, meglio 70 e poi occorre far scorrere l&#39;acqua nelle tubature alcuni minuti ogni settimana. Francamente non so se la legionella è un problema in Africa, in Europa è parecchio diffusa anche se il problema da noi viene trascurato. In Germania ad esempio sono molto più diffusi gli accumulatori solari con scambiatore per l&#39;acqua sanitaria (istantaneo), quelli senza scambiatori hanno spesso una resistenza elettrica che porta l&#39;acqua a 70 gradi per un&#39;ora a settimana (quando non ha provveduto il sole).<br><br><span class="edit">Edited by Lolio - 27/1/2006, 11:59</span>

                Commenta


                • #9
                  <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Lolio @ 26/1/2006, 23:11)</div><div id='QUOTE' align='left'>Grazie a tutti per le indicazioni. Il villaggio è gi&agrave; costruito dalle parti di Mombasa, lui ha un bungalow e si occupa di una parte dell&#39;insediamento da un punto di vista amministrativo/organizzativo. C&#39;è il generatore, ma forse è un po&#39; sottodimensionato perché qualcuno ha cominciato a installare l&#39;aria condizionata. La cisterna nera in plastica qualcuno ce l&#39;ha, forse è la soluzione più semplice ed economica. Io avevo semplicemente espresso dubbi di ordine sanitario (legionella?). Magari è una mia fissazione. Del resto lo stesso problema potrebbe esserci anche con i collettori con serbatoio, anche se credo che essendo più efficienti l&#39;acqua dovrebbe raggiungere temperature tali da eliminare le contaminazioni. Interessante la tipologia indicata da Fabiomas (portale del sole), chissa se esiste qualcosa di simile ma più piccolo (50-70 litri).</div></div><br>Caro Lolio,<br>all&#39;ultimo convegno sulle tecnologie appropriate per il terzo mondo, a Desenzano, ho visto un potabilizzatore che stava in una 24 ore.<br>In pratica otteneva cloro dall&#39;elettrolisi dell&#39;acqua di mare, era sufficente paer diverse migliaia di litri/giorno.<br><br>Ciao.
                  *** Firma irregolare rimossa d'ufficio. ***

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR