annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sondaggio nel Forum: sei competente di solare-termodinamico?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sondaggio nel Forum: sei competente di solare-termodinamico?

    Cari amici e colleghi,

    sono un giovane ingegnere di Taranto,
    ho uno studio di progettazione e consulenza ambientale e faccio consulenza per le grandi aziende.
    Ho esperienze anche nel campo della progettazione solare-termodinamica.

    Sto valutando le conoscenze e le competenze nel campo del solare-termodinamico della gente impegnata nella progettazione di energie-rinnovabili, sarebbe interessante vedere nel nostro Forum quanti hanno competenze e/o esperienze nel campo:

    Conosci la tecnologia del solare-termodinamico?
    Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica?
    Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia?
    Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo?
    Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia?

    Riusciresti e ti piacerebbe lavorare alla progettazione di questi impianti?

    Riassumete le vostre esperienze nel campo in questo post, potremmo mettere su una squadra a livello nazionale che sponsorizza, incentiva e promuove le iniziative e le idee di questa tecnologia impiantistica molto promettente!
    Per primo, potremmo promuovere una campagna di raccolta firme per modificare il decreto sugli incentivi di questi impianti (che per il momento sembra agevolare esclusivamente le iniziative dell'ENEA).
    Bisogna rendere ogni cosa il più semplice possibile, ma non più semplice di ciò che sia possibile!

    Albert Einstein
    www.donvitoprogetti.it

  • #2
    Mi fa piacere sentire una domanda del genere.
    Io sono proprio in difficoltà ad avere degli scambi di idee con esperti di termo-dinamica applicata all'energia solare.

    Per questo intanto rispondo alle tue domande:
    -------------------------------------------------------
    Conosci la tecnologia del solare-termodinamico?=SI
    Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica=più o meno
    Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia=ci sto lavorando
    Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo?=SI
    Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia=NO
    Riusciresti e ti piacerebbe lavorare alla progettazione di questi impianti=ci sto provando
    -------------------------------------------------------

    Adesso ti dico il motivo del mio interesse: sto brevettando un motore che spero sia una buona alternativa al motore Stirling.
    Rispetto allo Stirling dovrebbe essere più semplice da costruire e il rendimento mi aspetto che sia simile se non meglio (è bello sognare)
    Dovrebbe essere l'ideale per costruire piccole unità.

    Purtroppo per motivi burocratici non posso ancora diffondere le specifiche, ma appena possibile lo farò.
    Nel frattempo sto cercando qualcuno con cui scambiare delle opinioni per capire possibili miglioramenti prima di passare alla realizzazione di un prototipo funzionante.

    Se ti va posso aprire una discussione apposta
    L'immaginazione è più importante della conoscenza.
    ALBERT EINSTEIN

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da dalla Visualizza il messaggio
      Mi fa piacere sentire una domanda del genere.
      Io sono proprio in difficoltà ad avere degli scambi di idee con esperti di termo-dinamica applicata all'energia solare.

      Per questo intanto rispondo alle tue domande:
      -------------------------------------------------------
      Conosci la tecnologia del solare-termodinamico?=SI
      Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica=più o meno
      Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia=ci sto lavorando
      Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo?=SI
      Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia=NO
      Riusciresti e ti piacerebbe lavorare alla progettazione di questi impianti=ci sto provando
      -------------------------------------------------------

      Adesso ti dico il motivo del mio interesse: sto brevettando un motore che spero sia una buona alternativa al motore Stirling.
      Rispetto allo Stirling dovrebbe essere più semplice da costruire e il rendimento mi aspetto che sia simile se non meglio (è bello sognare)
      Dovrebbe essere l'ideale per costruire piccole unità.

      Purtroppo per motivi burocratici non posso ancora diffondere le specifiche, ma appena possibile lo farò.
      Nel frattempo sto cercando qualcuno con cui scambiare delle opinioni per capire possibili miglioramenti prima di passare alla realizzazione di un prototipo funzionante.

      Se ti va posso aprire una discussione apposta
      Non ti preoccupare, non sei solo!
      Questo è il luogo giusto per scambiare idee.....
      Infatti per le basse potenze motori stirling, rotativi ed altri meccanici sono l'ideale, salendo di potenza (da 100-200 kW in su) non si può fare a meno di gruppi turbina-alternatore (almeno per il momento).

      La tua sembra una buona idea, a presto!
      Bisogna rendere ogni cosa il più semplice possibile, ma non più semplice di ciò che sia possibile!

      Albert Einstein
      www.donvitoprogetti.it

      Commenta


      • #4
        Ottimo post...peccato che ycarus non risponda agli mp

        Sono un neolaureato (junior) e mi sono appassionato di termodinamico grazie alla tesi di laurea. Proprio nella tesi ho analizzato un impianto di tipo integrato: il solare viene usato per il preriscaldo dell'acqua di alimento di una normale centrale a vapore. E' un intervento di repowering con costi minimi e ottimi risultati. Ne stanno effettuando di simili in Algeria e in Egitto e potrebbe essere la tecnologia con cui far partire il termodinamico su larga scala, standardizzando la produzione e abbassandone i costi.

        Sono infatti abbastanza contrario all'accumulo termico: si perde in efficienza, si accumula al massimo per qualche giorno, si complica l'impianto e si aumentano i costi. Credo invece che l'integrazione con una normale centrale termoelettrica possa far fare passi da gigante a questa tecnologia

        Tornando al sondaggio

        Conosci la tecnologia del solare-termodinamico? Si
        Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica? Si
        Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia? Si
        Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo? Parecchi
        Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia? Poco...e da quanto ne so si privilegia molto più il fotovoltaico

        Riusciresti e ti piacerebbe lavorare alla progettazione di questi impianti? Mi piacerebbe parecchio...anzi il primo sbocco che cercherò dopo la specialistica sarà di questo tipo

        Commenta


        • #5
          Intanto ti ringrazio per il Tuo interessamento, per quanto riguarda il test posso cosi modestamente rispondere:

          Conosci la tecnologia del solare-termodinamico? Si

          Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica? Si (come appoggio e/o parallelismo in impianti industriali che utilizzano nel processo calore fra i 70° e i 200°C)

          Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia? Si (maggiormente in integrazione in processi industriali)

          Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo? Alcune per esperienza diretta ed altre tramite miei contatti ma i campi applicativi sono innumerevoli e siamo solo alla presistoriadi integrazione del sistema. (vedi esempio International Energy Agency - Solar Heating & Cooling Programme )

          Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia? Non molto anche perchè credo che questa tecnologia sia comunque interessante ed integrabile con un ritorno remunerativo in particolare se il prezzo del petrolio si mantiene oltre i 90$ a prescindere dai notevoli benefici ecologici.

          Rilancio proponendo alcuni passi successivi:
          La realizzazione in prossimo futuro di un Agenzia che gestica telematicamente gli impianti interpolando dati storici conosciuti (rendimenti, dati metereologici passati ecc.) e previsioni metereologiche il rendimento a breve 1-2 giorni degli impianti integranti il solare termico e termodinamico.
          La realizzazione di un agenzia che coordinando un pool di esperti con competenze parallele e convergenti nelle energie rinnovabili (solare, eolico, biomassa etc) e non (gas, etc.), sinergeticamente possa proporre pacchetti e soluzioni gestionali energetiche chiavi in mano per minimizzare l'impatto ambientale.

          Il tutto nella speranza che ci siano ancora aziende produttive da fornire ..... visti gli attuali sconvolgimenti finanziari .... :-)

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da janvaljan Visualizza il messaggio
            Ottimo post...peccato che ycarus non risponda agli mp
            Mi spiace, ricordo il tuo post privato e ricordo anche di averti risposto, evidentemente ci sono stati problemi sul server, comunque rimedierò prima possibile!

            Sono un neolaureato (junior) e mi sono appassionato di termodinamico grazie alla tesi di laurea. Proprio nella tesi ho analizzato un impianto di tipo integrato: il solare viene usato per il preriscaldo dell'acqua di alimento di una normale centrale a vapore. E' un intervento di repowering con costi minimi e ottimi risultati. Ne stanno effettuando di simili in Algeria e in Egitto e potrebbe essere la tecnologia con cui far partire il termodinamico su larga scala, standardizzando la produzione e abbassandone i costi.

            Sono infatti abbastanza contrario all'accumulo termico: si perde in efficienza, si accumula al massimo per qualche giorno, si complica l'impianto e si aumentano i costi. Credo invece che l'integrazione con una normale centrale termoelettrica possa far fare passi da gigante a questa tecnologia

            Tornando al sondaggio

            Conosci la tecnologia del solare-termodinamico? Si
            Conosci i campi di applicazione di questa tipologia impiantistica? Si
            Conosci le problematiche e gli sviluppi di questa tecnologia? Si
            Conosci progetti e ricerche già effettuate nel campo? Parecchi
            Conosci le leggi e gli incentivi in Italia per questa tecnologia? Poco...e da quanto ne so si privilegia molto più il fotovoltaico

            Riusciresti e ti piacerebbe lavorare alla progettazione di questi impianti? Mi piacerebbe parecchio...anzi il primo sbocco che cercherò dopo la specialistica sarà di questo tipo
            La tua esperienza, se non ho capito male, è legata allo sviluppo di impianto solare-termodinamico per l'integrazione di un impianto termoelettrico.
            Io sono impegnato nella progettazione di impianti di micro (fino a 50 kWe) e piccola generazione (fino a 1 MWe) di impianti ibridi (con integrazione di sistemi a gas e/o biogas) o completamente tutto-solare.

            La convenienza o meno del sistema di accumulo non è così scontata, questa dipende dal fluido vettore, dalle temperature di stoccaggio del fluido, dalle temperature utili per il tuo ciclo, dalle caratteristiche del serbatoi di accumulo, ecc....
            L'argomento necessita di parecchi chiarimenti e definizioni e non mi sento di screditare a priori i sistemi di accumulo, anche perchè la loro convenienza è legata alla tipologia di impianto.
            Evidentemente nella tua applicazione, l'accumulo non è conveniente, ma non è sempre così!

            A breve metterò sul forum un piccolo glossario del solare-termodinamico con nomenclature e classificazioni delle varie tipologie di impianti.
            Bisogna rendere ogni cosa il più semplice possibile, ma non più semplice di ciò che sia possibile!

            Albert Einstein
            www.donvitoprogetti.it

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Gianluigi Trivelli Visualizza il messaggio
              Intanto ti ringrazio per il Tuo interessamento,

              ...... (non riportare i post interi).........

              .... visti gli attuali sconvolgimenti finanziari .... :-)
              Grazie per la collaborazione!
              Le tue iniziative sono degne di attenzione, le vaglierò nel dettaglio e vedremo in futuro.....

              Ti consiglio nel frattempo di approfondire la legislazione del campo, che purtroppo è ancora un po acerba per la reale diffusione di questa tipologia impiantistica:

              http://www.energeticambiente.it/term...odinamico.html

              I riferimenti legislativi per questa tipologia di impianti sono limitati a:

              Decreto Ministeriale 30 aprile 2008, n. 101

              Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20
              Ultima modifica di mariomaggi; 09-10-2008, 07:36.
              Bisogna rendere ogni cosa il più semplice possibile, ma non più semplice di ciò che sia possibile!

              Albert Einstein
              www.donvitoprogetti.it

              Commenta


              • #8
                [QUOTE=ycarus77;118878303]
                La convenienza o meno del sistema di accumulo non è così scontata, questa dipende dal fluido vettore, dalle temperature di stoccaggio del fluido, dalle temperature utili per il tuo ciclo, dalle caratteristiche del serbatoi di accumulo, ecc....
                L'argomento necessita di parecchi chiarimenti e definizioni e non mi sento di screditare a priori i sistemi di accumulo, anche perchè la loro convenienza è legata alla tipologia di impianto.
                Evidentemente nella tua applicazione, l'accumulo non è conveniente, ma non è sempre così!

                [QUOTE]

                Quel che dici è giusto, forse sono io che non ho spiegato per bene quel che intendevo.

                Nella mia tesi sono partito da una centrale a vapore già esistente e funzionante, del tipo unificato Enel da 320 MW.

                Ho poi simulato l'aggiunta di uno scambiatore in parallelo che riscaldasse l'acqua di alimento grazie al calore raccolto dai collettori e trasferito all'olio.

                Ciò significa che:
                -di notte o quando non c'è sole la centrale funziona come ha sempre funzionato prima, bruciando combustibie e producendo il carico base

                -quando il sole c'è si può scegliere se 1) produrre la stessa potenza con minor combustibile 2) produrre più potenza a parità di combustibile

                Il caso 2 è ideale durante le calde giornate estive, quando aumenta la richiesta di corrente

                In pratica il concetto di base è: perchè costruire, oltre al campo di collettori, anche tutto un impianto a vapore con annessi e connessi se già ne esistono, e parecchi?
                Molto meglio partire da qualcosa che già c'è e ripotenziarla con un impianto solare. Con l'evidente vantaggio di un funzionamento continuo in qualsiasi condizione di irraggiamento, minori costi iniziali, infrastrutture già esistenti.

                L'unico piccolo (o grande) problema è la necessità di ampie estensioni pianeggianti nei dintorni della centrale. Ma considerando che i suoli attorno ad una centrale hanno già di per sè basso valore (difficilmente ci si coltiva sopra) e che spesso le centrali sono posizionate sulle coste (suoli pianeggianti) non dovrebbe essere difficile trovare i siti giusti.

                Ovviamente tutto il discorso si riferisce al termodinamico con potenze >10 Mw ed estensioni dai 10 ettari in su, altrimenti non avrebbe senso intervenire su una centrale.

                Ed è in questi casi che secondo me l'accumulo diventa poco competitivo

                Commenta

                Attendi un attimo...
                X
                TOP100-SOLAR