annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Progetto DESERTEC

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Progetto DESERTEC

    Enel Green Power entra in Desertec, il progetto per la promozione delle energie rinnovabili nelle aree desertiche di Africa settentrionale e Medioriente e la trasmissione - con cavi sottomarini in corrente continua - in Europa. La joint venture Desertec industrial initiative è nata nel 2009 «per aprire la strada allo sviluppo di un quadro di riferimento per gli investimenti per la fornitura di energia prodotta usando fonti solari ed eoliche al Mena (Medio Oriente e Nord Africa) e all'Europa - spiega la joint venture in una nota - l'obiettivo è fornire il 15% del fabbisogno di energia elettrica dell'Europa e una porzione significativa di energia ai Paesi produttori entro il 2050, con investimenti stimati per 400 miliardi di euro». Fanno parte del consorzio, dalle prime battute, grossi nomi come Siemens, Deutsche Bank, Rwe, Abb, Abengoa Solar, Cevital, Hsh Nordbank, Man Solar Millennium, Munich Re, M+W Zander, Rwe e Schott solar. Ora, per l'Italia, c'è la controllata di Enel dedicata alle energie rinnovabili. «Siamo entrati come soci fondatori» spiega al Sole24ore.com Francesco Starace, a capo di Enel Green Power.

    DESERTEC Foundation: Start

    progetto-desertec-creata-la-societa-che-impiantera-lenergia-solare-nel-sahara/

    http://www2.educarsialfuturo.it/pdf/desertec.pdf

    www.meteogiornale.it/notizia/16520-1-il-progetto-desertec-1

    www.meteogiornale.it/notizia/16729-1-il-progetto-desertec-2

    Enel entra in Desertec, il maxi progetto per il sole del Sahara - Il Sole 24 ORE

    http://www.desertecitaly.altervista.org/
    Ultima modifica di taote79; 24-03-2010, 19:34. Motivo: ho aggiunto il link a desertecitaly
    'This shit's got to go!' (J.Fresco)

    Zeitgeist: Moving Forward

  • #2
    grazie per la segnalazione, Tao!

    Commenta


    • #3
      gli devo proprio scrivere a questi signori del desertec.
      dovrebbero considerare di installare un po' di Energy Raft a ridosso dell'europa.
      a sud della puglia/calabria/basilicata e sicilia sarebbe perfetto...
      grazie anche da parte mia taote79!
      www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

      Commenta


      • #4
        Ottima segnalazione!
        A proposito dell'ingresso di Enel green power nel consorzio, meglio terdi che mai.

        Commenta


        • #5
          come accennavo prima, potrei scrivergli una letterina così...

          Egregi signori del progetto Desertec

          Scrivo questa lettera aperta per proporvi due importanti modifiche o integrazioni che potrebbero rendere il vostro progetto ancora migliore. Subito al punto:

          La prima modifica che propongo è l’uso di un particolare tipo di concentratore ‘a mattonelle’, qui definito: The concentrator
          Questo concentratore è molto efficiente e piuttosto economico da realizzare a patto che lo si faccia abbastanza grande (400 * 400 metri almeno). E le caratteristiche tecniche di questo concentratore permettono appunto queste dimensioni.

          La seconda modifica che propongo (The Project) riguarda la creazione di zattere a basso costo sopra le quali dislocare il concentratore. Questo permetterebbe di disperdere meno elettricità per il trasporto, eventualmente di risparmiare i soldi per la creazione dell’elettrodotto e infine di evitare eventuali turbolenze politiche nelle zone desertiche.

          Tutto il materiale è disponibile sul sito del progetto energyraft, Energy Raft Home con licenza creative commons. Non tutti i dettagli sono definiti ma le energyraft sono ingegnerizzabili da subito. In base a delle stime che potrete trovare sul sito, sezione download, emerge che le energyraft versione marina potrebbero fornire da subito energia elettrica ad un costo inferiore del nucleare.

          Questa lettera aperta è stata discussa sul forum di riferimento del progetto su energeticambiente.it e quindi pubblicata a questo indirizzo: …
          Mi dichiaro da subito disposto a fornire qualsiasi chiarimento di persona, distinti saluti...

          Che ne dite? suggerimenti?
          www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

          Commenta


          • #6
            non funzionerebbe.
            Laddove il progetto Desertec si muove su una specifica direzione ingegneristica e con preventivi non dico al centesimo, ma determinati da parametri certi, il tuo progetto a questo stadio è semplicemente un'ipotesi. (e non entro qui nei dettagli, o questa diventa un 'doppio' della discussione originale)
            Come potrai immaginare, l'ENEL o una qualunque altra azienda partecipante al progetto Desertec difficilmente potrebbero considerare delle 'integrazioni' basate su un'idea ancora da ingegnerizzare completamente persino in base teorica.
            Poi, chiaro che sei libero di scrivergli quello che vuoi e come lo vuoi, ma se chiedi a noi che ne pensiamo da parte mia non posso purtroppo che darti questa opinione.
            Ultima modifica di Valmax; 24-03-2010, 22:07.

            Commenta


            • #7
              Quello che dice Valmax è sostanzialmente vero, ma tentar sicuramente non nuoce.

              Sto approfondendo sull'Energy Raft e la lettura mi trova entusiasta.

              Da parte mia il più sincero in bocca al lupo!
              'This shit's got to go!' (J.Fresco)

              Zeitgeist: Moving Forward

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Valmax Visualizza il messaggio
                Come potrai immaginare, l'ENEL o una qualunque altra azienda partecipante al progetto Desertec difficilmente potrebbero considerare delle 'integrazioni' basate su un'idea ancora da ingegnerizzare
                Ragioneranno così: E' una buona idea? la prendiamo. Non è una buona idea? passiamo oltre.
                tecnici ed ingegneri per realizzarla ne hanno quanti ne vogliono. E le mie non sono solo ipotesi, ma per questo c'è il forum apposito.
                Ultima modifica di cirowsky; 25-03-2010, 08:37.
                www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                Commenta


                • #9
                  grazie taote79...crepi il lupo

                  certo se ci fosse qualche suggerimento, puntuale e dettagliato, sarebbe molto utile.
                  Ultima modifica di cirowsky; 25-03-2010, 08:39.
                  www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                  Commenta


                  • #10
                    Ragioneranno così: E' una buona idea? la prendiamo. Non è una buona idea? passiamo oltre.
                    Ragioneranno così: Quanto tempo dovremmo perdere dietro ad un progetto pieno di incognite e costi da quantificare, senza neppure un prototipo collaudato, quando abbiamo già tecnologie applicabili dei cui costi possiamo farci un'idea?
                    Il vizio di forma della tua, Ciro, e debbo purtroppo ripetertelo, è che dai per scontato che funzioni 'a scatola chiusa', quando stiamo ancora scoprendo una vasta serie di incognite e variabili. Siamo felicissimi di darti una mano verso un progetto realizzabile, ma mi sembra...be', presuntuosetto dire a questi signori 'la mia idea è applicabile così com'è'. Non è vero.
                    Anche se (magari!) cominciassero a considerarla per dei progetti futuri distaccati dal Desertec.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Valmax Visualizza il messaggio
                      Ragioneranno così: Quanto tempo dovremmo perdere dietro ad un progetto pieno di incognite e costi da quantificare
                      ricapitolo: tu hai detto che secondo te non lo considerano.
                      Io ho risposto perchè ci sono delle proprietà che lo considerino.
                      tu adesso hai ribattuto ancora.
                      Io adesso evito di ribattere per evitare una serie infinita di "lo considerano" "non lo considerano"..
                      Originariamente inviato da Valmax Visualizza il messaggio
                      presuntuosetto dire a questi signori 'la mia idea è applicabile così com'è'. Non è vero.
                      la lista delle critiche è sul thread di riferimento. ad esse sto rispondendo. comunque nessuna delle critiche è radicale.
                      Per esempio una critica riguarda l'affrontare il problema delle deiezioni animali. questa non è di certo una critica che affossa il progetto!!! discutiamone lì, per favore.
                      www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                      Commenta


                      • #12
                        Nel sito del progetto energyraft c'è un punto (Difficoltà Tecniche-Variazione della potenza) che non mi trova d'accordo:

                        "Con i concentratori parabolici si tende ad avere una temperatura costante, perchè il concentratore è costantemente rivolto verso il sole.
                        Al contrario in questo concentratore la radiazione che casca su di esso durante la giornata e durante l'anno varia (così come varia per qualsiasi pezzo di terra esposto al sole)."

                        Questo è vero se per concentratori parabolici si intendono tanti specchi a forma di paraboloide rivolti verso il sole, che concentrano i raggi solari verso il loro fuoco. Ma questa soluzione è stata scartata, mi pare.

                        E inoltre non è vero che c'è differenza. Un parco di specchi parabolici, ognuno con il suo fuoco, o di specchi piani che riflettono il sole su un fuoco unico captano entrambi, e sfruttano, al massimo tutta l'energia incidente sulla piattaforma.
                        Poi gli specchi piani e i parabolici possono essere disposti in modo da coprire completamente l'area della piattaforma, e in questo caso si faranno ombra reciprocamente quando il sole è inclinato, ma col sole verticale capteranno il massimo di energia (soluzione a energia variabile).
                        Oppure possono essere dispersi in modo da non farsi ombra reciprocamente col sole basso, e in questo caso riusciranno comunque a captare tutto il sole incidente, ma lasciando parte della piattaforma scoperta capteranno solo parte dell'energia captabile col sole alto, cioè la stessa energia captata col sole basso (soluzione a energia costante).
                        I risultati comunque saranno sempre simili.

                        Commenta


                        • #13
                          Ritengo interessante e promettente questa idea dell'Energy Raft, e spero che possa avevre anche possibilità di essere integrato nel progetto Desertec, ma vi prego di discutere di Energy Raft nella discussione apposita e limitarvi qui agli interventi sul Progetto DESERTEC.

                          Grazie.
                          'This shit's got to go!' (J.Fresco)

                          Zeitgeist: Moving Forward

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X
                          TOP100-SOLAR