Produzione contemporanea di Elettricità e Calore - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Produzione contemporanea di Elettricità e Calore

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • EmilianoM
    ha risposto
    Originariamente inviato da salvatore.caputo Visualizza il messaggio
    quindi consigliavano si l'uso della Pompa di Calore per il riscaldamento a pavimento e per l'areazione,
    ma per l'ACS di fare un impianto a parte con pannelli termici.
    Metti PdC con FV.
    Cosi' ti fai anche il raffrescamento.

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Se hai una PDC con FV....per me mettere il termico è inutile

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Oggi parlando con una azienda locale che fa impianti termici ed anche quotata dalle mie parti,
    mi dicevano che secondo loro è molto consigliabile non mischiare l'acqua calda sanitaria con il riscaldamento (mi è sembrato di capire perchè temperature diverse ma non ne sono sicuro)
    quindi consigliavano si l'uso della Pompa di Calore per il riscaldamento a pavimento e per l'areazione,
    ma per l'ACS di fare un impianto a parte con pannelli termici.

    voi cosa mi consigliate?
    è giusta come idea o è solo una trovata commerciale per vendermi 2 impianti?

    Saluti

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    ok ok,
    grazie!

    nel frattempo rimango sempre in attesa se anche qui qualcuno volesse darmi qualche altro contributo...

    Grazie ancora

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    nella sezione Geotermico trovi le persone + preparate sulle PDC, anche se non geotermiche...apri li.

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Grazei per entrambe le risposte...
    ma l'idea che mi sono fatt in questi giorni (e se così non fosse vi prego di rettificarmi)...
    è quella di avere i 2 circuiti separati.

    Ovvero Pompa di Calore per ACS, riscaldamento e raffrescamento
    e poi il secondo impianto un classimo FV con Scambio sul posto per dare alla Pompa di Calore tutta l'energia elettrica di cui necessita.

    Ora il FV non è un problema, ma il resto per me lo è.
    E' una jungla districarsi tra PdC per ACS, riscaldamento e raffrescamento...
    sto leggendo moltissime discussioni all'interno del forum ma è davvero difficile per chi parte da zero come me.
    E non so nemmeno se continuare in questa discussione o aprirne una nuova solo per PdC riscaldamento a pavimento, ACS e raffrecamento. e in quale sezione aprirla...

    Lascia un commento:


  • Furio57
    ha risposto
    Ciao a tutti
    Originariamente inviato da salvatore.caputo Visualizza il messaggio
    ...se pensare siano migliori i sistemi come ad esempio il nuovo pannello (termofotovoltaico) TWINSUN..un unico pannello per la produzione di calore ed elettricità...
    Ciao salvatore bentrovato! Non so se è proprio questo produttore a cui esternai in qualche fiera del settore anni fa le mie perplessità, comunque moduli fotovoltaici con una specie di raffreddamento montato posteriormente ogni tanto si incontrano. Sono perplesso perché? Sono toppo "freddi" per scaldare il fluido, e troppo caldi per raffreddare il modulo! Tutto qua!
    Ti consiglio di fare due "circuiti" separati fra di loro. Anni fa qualcuno so che generava calore ed elettricità solamente con pannelli solari termici con una sorta di generatore elettrico fatto funzionare con un motore idraulico!
    Potrebbe essere una indicazione per nuove esperienze!

    Salutoni
    Furio57
    Ultima modifica di Furio57; 13-03-2014, 13:50.

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Se il fresco lo fai col pavimento radiante, allora aumenti umidità interna...devi ave un de umidificatore che ti tenga umidità bassa....il de umidificatore non ha bisogno di buttare aria fuori casa...e serve solo in estate.

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Per la verità, leggendo un pò all'interno del forum, ho visto che tanti parlano di varie tipologie di PdC e molti parlano di guardare attentamente il loro assorbimento elettrico onde evitare che assorbi più energia di quanto ne produca.
    ecoo perchè chiedevo se ci fosse qualche marchio in particolare che voi ocnsigliate come ottimo rapporto tra qualità/affidabilità/economicità di esercizio.

    Inoltre continuo a non capire a cosa mi serva il deumidificatore portatile, ovvero è un corpo esterno (io oggi possiedo un pinguino DeLonghi) ma se installo le bocchette di ariazione per avere anche aria fresca d'estate, mi serve lo stesso il deumidificatore? che mi implica di mettere un tubo dentro il vetro per gettar fuori l'aria calda?
    oppure il deumidificatore che lei intende è diverso?

    Grazie per le risposte

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Valido.Però qualsiasi PDC aria acqua reversibile fa il caso tuo....abbinata a un de umidificatore portatile....ci sono decine di marche...metti una che ha assistenza locale...e che costi il giusto

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    stavo guardando a un sistema integrato tipo questo:
    ELFOSystem GAIA Edition - Clivet spa

    altrimenti cosa mi consigliate come Marchio e prodotto?
    considerato che vorrei sia refrigerare d'estate (evitando di installare climatizzatori) e riscaldare di inverno con impianto a pavimento.

    Ciao e Grazie

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Geotermico a pozzo penso non convenga se non sulle alpi.Se hai scasso giardino a costo zero e il raffrescamento estivo è una cosa che assorbe molta energia, allora si può verificare....altrimenti lascia perdere.Metti una PDC aria acqua in giardino e sei a posto....il raffrescaentro lo fai col radiante a cui abbini un deumidificatore portatile da prezzo...uno per piano, usato solo di giorno.

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Ok, iniziamo a prendere forma...

    Dunque a questo punto per essere, oggi, autosufficienti il miglior consiglio è quello di installare un impianto fotovoltaico sul tetto in SSP, e poi a parte una PdC per il riscaldamento e raffreddamento degli impianti.

    Ok, allora premesso che di fotovoltaico capisco più di qualcosina, sono invece a digiuno per le PdC
    la mia casa è una villetta bifamiliare e ho circa 170mq di giardino oltre a 30mq di garage e riscaldamento a pavimento.
    QUindi che dovrei installare la PdC in garage e conviene prenderla aria-acqua o aria-terra sfruttando la geotermia?
    e se sfrutto la geotermia riesco in 170mq senza scavare oltre i 2 metri poichè troveri al di sotto più detriti che terreno? in ultimo se sfruttassi il giardino per la geotermia poi avrei difficlotà per piantare erbetta o piatine varie?

    ps: attendo quanti più consigli posibili,
    grazie

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Visto che il sole c'è d'estate e a noi serve scaldare in inverno...o l'energia solare la stocchi nel legno o nel pellet (che sempre di energia solare parliamo)..oppure il tuo sogno è irrealizzabile.

    quei pannelli sono una cacchiata..sono gia stati bocciati dal mercato.

    In sicilia, in estate, che te ne fai di una caterva di acqua calda? dopo che hai scaldato 300 lt a 80 gradi, che ci fai?
    Se hai un campo radiante di 15-30 mq quadri, che ci fai con tutta quell'acqua calda?

    Nulla..e allora i pannelli FV non si raffreddano.
    Inoltre i pannelli FV producono bene anche al caldo..al massimo ci perdi un 10% sulla teorica produzione raffreddata..e chissenefrega..il costo di raffreddare non vale mettere 10% in piu di pannelli e fare l'energia che ti serve.

    Quindi il tuo obiettivo si prende (parzialmente) con 15 mq di pannelli FV + una piccola PDC aria-acqua e buon isolamento termico ... fine dei pensieri.

    Se proprio vuoi esagerare, metti delle batterie per essere elettricamente autonomo di notte...anche se economicamente non vale la pena...costa meno lo SSP.

    M

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Grazie per la risposta,
    la discussione è più orientata a capire come implementare un sistema integrato che renda la casa autonoma in Energia Elettrica, ACS e Riscaldamento
    senza dover occupare spazi enormi e costi esorbitanti...

    qualcuno vuole provare a illustare qualche sistema che faccia ciò e capire se buona la strada dei pannelli ibridi per calore ed energia come quelli postati nel mio primo post?

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    in Sicilia basta poco.. 15 mq di FV + 1 mq per una pdc...e sei autonomo dal punto di vista energetico, nel senso che la casa produce in ragione d'anno tutta l'energia che usa...scambiando però con la rete elettrica.
    Dal punto di vista economico, la spesa di gestione sarebbe esigua..diciamo il delta che lo SSP non rende sull'energia prelevata da rete..probabilmente 350 euro/anno

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha risposto
    Grazie per il suo post.
    Ineffetti sto cercando idee per rendere la casa autosufficiente, e non metto in dubbio che sia semplice, ma ancora di più fattibile.
    Poichè in giro ci sono aziende che vendono sistemi integrati, ma, aimè, richiedono spazi assurdi come ad esempio superfici radianti di 90 mq e locali tecnici con apparecchiature che superano i 4 -5 metri cubi.
    Un'assurdità pensando che discutiamo di impianti residenziali e una tipica casa in condominio non ha di questi spazi a disposizione per le apparecchiature tecniche.

    Ciò premesso ho letto con entusiamso il suo posto, ma fattivamente non ho trovato risposte tecniche a papabili soluzioni in merito.

    In attesa di proposte o consigli su sistemi da valutare assieme.

    Saluti

    Lascia un commento:


  • miradoc
    ha risposto
    Il pannello che citi usa uno scambiatore per abbassare la temperatura di esercizio e migliorare la resa PV, recuperando un po' di calore. Purtroppo per avere una casa veramente autosufficiente serve ben di più. Vedi qui la mia idea.
    Uno qualunque: NEST-casa
    Ciao
    miradoc

    Lascia un commento:


  • salvatore.caputo
    ha iniziato la discussione Produzione contemporanea di Elettricità e Calore

    Produzione contemporanea di Elettricità e Calore

    Buongiorno a tutti,
    forse qualcuno si ricorderà ancora del mio post intitolato: https://www.energeticambiente.it/ter...idenziale.html

    Bene, la mia ricerca in tal direzione si è rivelata un Flop totale poichè i sistemi in commercio non sono ancora pronti per fare un vero Termodinamico Residenziale (inteso come produzione di energia elettrica mediante un ciclo termodinamico alimentato dalla radiazione solare che fornisce, tramiti appunto cicli termodinamici, sia Acqua Calda Sanitaria, sia Riscaldamento degli ambienti e sia Energia Elettrica dal calore residuo non utilizzato) semmai potendo usufruire anche degli incentivi del GSE sul Conto Solare Termodinamico.

    Ciò premesso oggi vorrei chiedervi un parere su qualcosa di simile.

    Ovvero, l'idea è sempre quella di sponsorizzare, a livello residenziale, un sistema rinnovabile che copra il fabbisogno Energetico di un'intera famiglia Italiana.
    Io ovviamente risiedo in Sud Italia e quindi prendo in esame il mio territorio e la domanda è:
    Un sistema che produca energia elettrica (in media le famiglie hanno contatori da 3kW) e che produca anche calore tale da poter riscladare un appartamento da 100mq (semmai con riscaldamento a pavimento) e il calore per fornire ACS a una famiglia Italiana che in media è composta da 3 o 4 persone.

    Onestamente mi piacerebbe qualche consiglio, se pensare siano migliori i sistemi come ad esempio il nuovo pannello (termofotovoltaico) TWINSUN:
    Come funziona

    che promette grandi cose, ovvero un unico pannello per la produzione di calore ed elettricità....

    oppure se dover pensare di avere i 2 sistemi separati.
    Ovvero un impianto autonomo fotovoltaico per la generazione dell'energia elettrica e uno termico (esempio un sistema con pannelli Solar PST) per la generazione del calore per ACS e Riscaldamento.

    In attesa di vostri commenti in merito,
    anche su come comporre integralmente l'impianto per fargli svolgere tutte le funzioni del caso.

    Grazie a Tutti.

Attendi un attimo...
X