motore a combustione esterna Brayton - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

motore a combustione esterna Brayton

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • motore a combustione esterna Brayton

    apro questa discussione xkè bisognerebbe dare più importanza, secondo me, al motore brayton-ericson che funziona su ciclo joule.
    esso non ha bisogno di avere il riscaldatore vicinissimo ai pistoni.
    inoltre penso che un motore a combustione interna 4T (in buone condizioni di tenuta del sistema fasce elastiche, pistoni e cilindri) possa essere convertito in brayton. si sostituirebbero le valvole di aspirazione con delle opportune valvole di ritegno tipo idraulica, e l'attivazione di quelle di scarico andrebbe rifasato opportunamente (con i sistemi a cinghia o a catena è facile).

    chi può dia nozioni.

  • #2
    CITAZIONE
    l'attivazione di quelle di scarico andrebbe rifasato opportunamente (con i sistemi a cinghia o a catena è facile).

    Si vede con non hai mai provato a riprogettare un albero a camme!
    Un albero personalizzato può costare anche €. 10.000,00
    Inoltre il ciclo Brayton o joule che dir si voglia, è per definizione ideale per macchine rotative in grado di smaltire grosse portate, non macchine volumetriche.
    Comuque l'idea è buona, ma solo se riuscissi a trovare un sistema per aprire e chiudere le valvole dei motori a combustione interna con un albero a camme economico (ma che non si rompe dopo 50000 giri)
    Inoltre dovresti essere in grado di sincronizzare l'albero con i pistoni!
    Se inventi una cosa del genere...non pubblicarLa sul forum, ma vendi il brevetto, non hai nemmeno idea di quanta gente lavoro per un obbiettivo del genere, economico e affabile, magari di tipo elettronico!...Ti posso assicurare che ci sono case automobilistiche che di darebbere svariati milioni di euro!

    Commenta


    • #3
      e chi lo vuole cambiare l'albero a camme!

      le valvole di aspirazione non hanno bisogno della camma quindi si asporta la camma.
      poi si controlla la fase di scarico in modo empirico per comandare grado di manovella giusto in cui si debba aprire. per spostare la fase della camma si sposta di un dente la cinghia di distribuzione.
      se è necessaria una maggiore precisione si cambiano le puleggie dentate della cinghia con due più grandi.
      per sommi capi e senza volere rendimenti "industriali" penso si possa fare.
      comunque la yamaha sulle vecchie tenerè usava valvole elettriche.
      penso che il non-sviluppo industriale di questo motore abbia motivi "dietrologici".
      so di un motore joule funzionante presso l'istituto motoristico del CNR di Napoli che ha un'efficienza eccezionale già dall'85.
      molto complesso, con 1 pistone doppio effetto, quindi molti manovellismi. Ma comunque sono passati vent'anni!!

      Commenta


      • #4
        Ciao a tutti,
        anch'io mi sto interessando al ciclo Brayton applicato a motori non rotativi.
        Per quanto riguarda l'adattamento di un motore a CI ciclo 8 in uno a ciclo Brayton, sto progettando un sistema molto particolare che non necessita
        di modifiche all'albero a camme del motore stesso.
        Non appena finito il progetto lo posterò sul sito.
        Comunque un piccolo spunto.
        E' noto che nella fase di compressione del cilindro 'compressore', come già apparso altrove (vedi con google "digitalrino") basta inserire una valvola di non ritorno (uscita aria compressa) e pilotare l'altra valvola perchè apra (in fase di aspirazione da pms a pmi) e chiuda (a circa un terzo di corsa del pistone da pmi a pms - questo per utilizzare un pistone dello stesso diametro di quello di potenza).
        Ora, per la valvola di non ritorno, ok ... per la valvola pilotata, basterebbe semplicemente spostare il condotto di aspirazione in un determinato punto del cilindro di modo che quando il pistone nella sua corsa da pmi a pms oltrepassa il condotto stesso, chiude la luce di aspirazione.
        Infine, poichè sulla corsa del pistone parte del gas aspirato viene espulso, per trovare la corretta quantità di gas si può parzializzare tale condotto.

        Saluti.

        Massimo

        Commenta


        • #5
          secondo me è meglio asportare una camma e cambiare un po' la fase dell'altra.
          indovina perchè?

          ciao.

          Commenta


          • #6
            A quale camma ti riferisci e in particolare di quale cilindro?
            A presto.
            Emv2

            Commenta


            • #7
              di aspirazione di tutti e due i cilindri.
              il perchè è semplice.
              un adattamento di un motore ciclo otto 4T per farsi un brayton è un ripiego "economico".
              in casa si può limare una camma. forare un cilindro per creare una luce non è di per sè un problema in fase di ottimizzazione di un ottimo progetto, ma lo è se non si possiede un dorni di precisione pre rettificare le sbavature della foratura del cilindro che va fatta "a cuore aperto". Penso che si debba evitare di disassemblare il gruppo termico.

              Commenta


              • #8
                un po' di documenti

                Attached Image

                Attached Image

                Commenta


                • #9
                  ..

                  Attached Image

                  Attached Image

                  Commenta


                  • #10
                    ..

                    Attached Image

                    Attached Image

                    Commenta


                    • #11
                      ..

                      Attached Image

                      Attached Image

                      Commenta


                      • #12
                        ..

                        Attached Image

                        Attached Image

                        Commenta


                        • #13
                          ..

                          Attached Image

                          Attached Image

                          Commenta


                          • #14
                            Grazie degli schemi,
                            molto interessanti sorellaluna.
                            Sì, in questa configurazione basta un solo pistone ma lo svantaggio, come ti accennavo, è dato dal fatto di dover mettere un volano e di dover trasformare il moto alternativo in circolare. Comunque l'idea del rigeneratore anche sul brayton è buona, anche se credo che la quantità di energia riutilizzabile, per come dovrebbe essere progettato il motore sia esigua rispetto allo sforzo.
                            A presto.

                            emv2

                            Commenta


                            • #15
                              una massa volanica è necessaria comunque.
                              i cambiamenti di direzione, associati agli attriti (delle masse in movimento lineari) provocano dei movimenti inerziali nel monoblocco (vibrazioni) non di lieve entità che si riperquoterebbero sulla divers intensità e tensione dell'elettricità prodotta a seconda del tempo impiegato per attraversare un tratto (in p.modo in fase di compressione) di avvolgimento.

                              Commenta


                              • #16
                                il volano ci vuole non per conservare parte dell'energia per il tratto 4-1 del grafico (T,S) del ciclo di joule.
                                Anche per quello

                                Commenta


                                • #17
                                  questo è mio

                                  Attached Image

                                  Attached Image

                                  Commenta

                                  Attendi un attimo...
                                  X