Ancora una idea 'rivoluzionaria' sul motore stirling - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ancora una idea 'rivoluzionaria' sul motore stirling

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ancora una idea 'rivoluzionaria' sul motore stirling

    Beh rivoluzionaria in senso ironico, per questo e' tra virgolette.
    Comunque vi esprimo questa idea per sentire le vostre opinioni (visto che c'e' chi con lo stirling si e' sbattuto parecchio qui dsul forum) prima di ragionarci troppo a vanvera.

    Configurazione alpha, ma senza biella e manovella. I due pistoni hanno ognuno un alternatore lineare.

    Ora l'alternatore lineare è una macchina reversibile, ossia io posso usarlo sia per ricavare energia elettrica da un lavoro meccanico, sia per ottenere lavoro meccanico da energia elettrica.

    Dunque, con un controllo elettronico sofisticato (ed io sono elettronico, non meccanico!!!) è possibile controllare l'alternatore lineare in questo modo, ossia spingendo i cilindri quando necessario, o ricavando energia dalla loro spinta quando possibile.

    In questo modo:
    1 - ottengo i cilindri facilmente sigillabili come nel pistone libero
    2 - posso controllare le curve di movimento dei pistoni come voglio, cercando di ottenere il massimo. In pratica posso creare "molle" elettroniche che spingono in modo diverso a seconda del punto del ciclo in cui sono.

    Gli alternatori sarebbero collegati con dei ponti ad H ad un accumlatore di energia dal quale attingono per spingere i cilindri, e che ricaricano nelle fasi in cui sono i pistoni a spingere "tirare".

    Ovviamente mi aspetto che il bilancio finale di questa energia dopo un ciclo completo sia positivo!!!!

    Prima di fare tanti conti mi chiedevo:
    1)Se e' gia stato fatto o e' un'idea nuova
    2)Nel caso sia un'idea nuova un parere sul fatto che possa portare migliramenti.

    Il prossimo passo è studiarmi la termodinamica e fare un modello dell'oggetto per vedere se effettivamente si riesce a fare un bilancio positivo del tutto.

    *** Sollecito rimosso. Violazione art.1 del regolamento del forum. nll ***
    Ultima modifica di nll; 15-10-2014, 15:09. Motivo: Unione messaggi consecutivi con eliminazione sollecito

  • #2
    ciao sono da poco iscritto al forum, ma questo tuo articolo mi ha davvero interessato. Premetto che non sia uno specialista in merito, ma quello che hai scritto non mi sembra male e sinceramente potrebbe funzionare benissimo. Purtroppo non posso dirti con certezza se gia qualcuno c´ha pensato ma io non ne ho proprio sentito parlare, anche perche fin ora lo studio o l´ampliamento del motore stirling era stato messo da parte perche aveva degli svantaggi rispetto a quello a combustione. Spero per te che la cosi vadi a buon fine, sarebbe sicuramente un´idea davvero straordinaria.

    Commenta


    • #3
      mi scuso per il sollecito non consentito.
      Qualcuno ha fatto prototipi e magari si è reso conto che modificando il movimento dei pistoni rispetto a due sinusoidi sfasaste di 90° poteva ottenere qualcosa in piu'?

      Oppure... da un punto di vista teorico (purtroppo per quanto mi piacerebbe la termodinamica non mi e' mai entrata in testa) si possono ipotizzate movimenti dei pistoni tali da far avvicinare la curva P-V reale a quella del ciclo ideale?

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da egabriele Visualizza il messaggio
        Prima di fare tanti conti mi chiedevo:
        1)Se e' gia stato fatto o e' un'idea nuova
        2)Nel caso sia un'idea nuova un parere sul fatto che possa portare migliramenti.
        Da quello che so girando per internet, non mi sembra che sia mai stato fatto.
        L'idea non è peregrina, se ti avvicini il più possibile all'area del ciclo teorico guadagni in rendimento, non so quanto...
        MA c'è un grosso ma, i due pistoni dell'alfa si trasferiscono energia, il rendimento di questo trasferimento di energia meccanica su un albero a biella penso che sarà vicino al 99%, ma trasformare l'energia da meccanica in elettrica e viceversa penso che avrà un rendimento inferiore al 90%, e se l'energia coinvolta in questo scambio sarà forse il 50% di quella utile, abbiamo delle perdite nette significative che potrebbero annullare ogni eventuale beneficio.
        Considera inoltre che i generatori lineari dovranno essere in proporzione sovradimensionati forse anche del 200% poichè questo trasferimento di energia è impulsivo.
        Mi è venuta però un'idea, invece di uno stirling tipo alfa potresti utilizzare uno stirling tipo gamma, il moto del pistone dislocatore sarebbe perfetto per un comando elettrico, inoltre così imponi direttamente al motore la frequenza di ciclo che vuoi tu, ha perdite dovute solo allo spostamento e al movimento dei gas e potrebbe contenere il rigeneratore.
        Il pistone di lavoro invece, se si evita il sistema di accumulare energia elettrica per restituirla al pistone con le inevitabili perdite della trasformazione da energia meccanica ad elettrica e viceversa, potrebbe trasformare con un generatore lineare solo l'energia utile prodotta dal ciclo.
        Fai una ricerca su internet del motore stirling, mi ricordo che c'è un sito divulgativo con un diagramma di movimenti dei pistoni per ottenere il ciclo ideale. Ciao se-pol.

        Commenta


        • #5
          Si. Condivido le perplessità sulla configurazione alpha. D'altra parte è vero che la configurazione semplice biella manovella ha un rendiento alto, ma e' altresi vero che se volessi modificare il movimento dei pistoni dovrei usare meccanismi piu' complessi. Si tratta di vendere quanto perdo nella conversioe elettrica meccanica e quanto guadagno nell'avvicinare il ciclo alla forma ideale.
          In effetti la prima idea mi e' venuta in un gamma, pensando a cosa succederebbe se azionassi il dislocatore con una elettrocalamita bistabile. In pratica non si muoverebbe sinusoidalmente, ma o tutto su o tutto giu'. Il pistone di potenza ha raggiunto la massima espansione, sposto il dislocatore nel punto caldo e raffreddo l'aria. Il pistone di potenza ha raggiunto la massima compressione, sposto di nuovo il dislocatore.
          Questo pero' entro certi limiti e' fattibile meccanicamente in modo piuttosto semplice.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da egabriele Visualizza il messaggio
            ... Qualcuno ha fatto prototipi e magari si è reso conto che modificando il movimento dei pistoni rispetto a due sinusoidi sfasaste di 90° poteva ottenere qualcosa in piu'? ...
            Qui c'è qualcosa:
            https://www.energeticambiente.it/motori-combustione-esterna/14714045-test-e-modifica-di-un-ltd-stirling-di-commercio.html


            S
            cusate per il link di prima, era rimasto attaccato

            Qui un sistema meccanico per variare la fase:


            Ultima modifica di Ospite; 02-11-2014, 20:13.

            Commenta


            • #7
              Stirling stagno

              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Fig5.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 862.5 KB 
ID: 1946995Io da tempo ho nel cassetto un'idea di Stirling di questo tipo. Purtroppo mi mancano i soldini per provare a farlo e soprattutto la competenza per gestire l'elettronica coinvolta. I vantaggi di un "pistone" dentro una camera sigillata in pressione sono innegabili. Vi posto un'immagine, con qualche dimensione dell'oggetto (per ora un progetto in 3D, con qualche calcolo di rendimento e limiti di funzionamento teorico), giusto per dare un'idea. Il rigeneratore è all'interno. Un sistema di gestione dell'elettronica, come quello descritto da egabriele, consentirebbe probabilmente di eliminare anche le molle di fine corsa, che risultano essere i componenti più critici del mio progetto.

              Commenta


              • #8
                Egabriele,
                anche io sono un elettronico e non un meccanico, pertanto ti capisco e per aiutarti perchè la tua idea mi piace, ed è sicuramente fattibile in linea di principio, ti posto uno strumento di calcolo per la progettazione e l'ottimizzazione dei motori Stirling Gamma tipo Ringbom da me sviluppato, e che per la mia esperienza funziona: ora non ti resta che l'elettronica!
                Se poi il Ringbom, che io credo sia il più adatto a quello che vuoi fare non ti piace, dimmelo e ti mando il simulatore del motore che desideri.
                Ciao,Fort41Motore Ringbom_PCorizz_Nov'14_iso-ad_opt!_spalcato.xls

                La risposta è semplice: dipende dal modello che si adotta per sviluppare la teoria.
                Se si adotta, come i più, il modello isotermo, allora si hanno indiscutibilmente 90°.
                Se si adotta il modello adiabatico, un poco più complicato da sviluppare, almeno per la cura di espansione, ecco che il massimo si sposta fino a 120-150°, per altro più aderenti ai risultati pratici, almeno quelli da me sperimentati.
                Quindi il modello (adiabatico nella curva di compressione) è più aderente alla realtà fenomenologica; è interessante notare che il ciclo si può trasformare in un " 8 ", quindi con mezzo ciclo che eroga lavoro e mezzo che se lo mangia.
                Se fai un alfa, vai direttamente a 125°, e lascia perdere i variatori di fase, divoratori di energia meccanica.
                Per altro il massimo non è acuto, e andando a 125° se sbagli non lo è di molto.
                Io ho provato a porre questo tema sul blog un paio di mesi addietro, ma ho trovato disinteresse per non dire ostilità: pare che non sia un tema sentito, mentre io penso che se avessi un euro per ogni alfa che non gira perchè fatto con 90° sarei ricco.
                Ho sciolto il dubbio amletico?
                Fort41
                Ultima modifica di nll; 04-12-2014, 00:15. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                Commenta


                • #9
                  Lo Stirling non muore mai.
                  Il problema è il basso rendimento e l'usura dei componenti.
                  E' divertente come oggetto da tavolo, ma tra tavolo e officina elettrica il passo è grande.
                  Offritemi uno Stirling da 5/10 KW/h e che funzioni con temperature tra 15 e 400°, non più grosso di 1mc, via anche 1,5, con 9000h di garanzia( accetto fideiussioni bancarie, polizze assicurative etc) e io lo compro, firmando un NDA. Pagamento tramite propietà immobiliari in Florida.
                  Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao a tutti
                    Originariamente inviato da mgc Visualizza il messaggio
                    ...Offritemi uno Stirling da 5/10 KW/h...
                    Ciao Marco forse ti è sfuggito...


                    Salutoni
                    Furio57
                    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                    Commenta


                    • #11
                      Furio, ciao. Temo che la società non presenti più bilanci. Approfondirò telefonando ai numeri della loro pagina. Grazie in ogni caso.

                      Furio, ciao. Ho telefonato alla società, mi hanno detto che non sono ancora sul mercato per vendere ai privati e che incominceranno l'anno prossimo. Mi ha invitato a ricontattarli a Gennaio/Febbraio per vedere un prototipo in funzione presso la loro officina. Cosa che sicuramente farò, se mi ricordo.
                      Temo sempre che possa essere un poco come i 3/6/18 mesi di Rossi.
                      Eh, a pensar male si fa peccato....
                      Ultima modifica di nll; 04-12-2014, 00:15. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente
                      Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da fort41 Visualizza il messaggio
                        Egabriele,
                        ti posto uno strumento di calcolo per la progettazione e l'ottimizzazione dei motori Stirling Gamma tipo Ringbom1[ATTACH=CONFIG]43972[/ATTACH]
                        Caspiterina, grazie! cosi su due piedi non ci capisco nulla, ma con calma ci entro dentro.
                        Per esperienza funziona nel senso che hai avuto modo di fare prototipi funzionanti?

                        mgc, a parte che oltre a GenoaStirling mi pareva di aver visto anche una azienda inlgese, e mi sembrava di aver letto di applicazioni in centrali di cogenerazione, in ogni caso il fatto che ad oggi abbia dei limiti non significa che non si possa provare a superarli. Riguardo all'affidabilità pare proprio che i motori sigillati possono avere affidabilità maggiore e manutenzione molto minore di altri tipi di motori a cicli termici.

                        Commenta


                        • #13
                          *** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

                          egabriele,
                          "per esperienza funziona" significa che i piccoli motori che ho realizzato calcolandoli col mio programma hanno sempre funzionato, "quasi" come calcolato; valli a vedere su youtube (stirling fortuzzi).
                          E avrebbero funzionato anche se più grandi; infatti ne ho fatto uno da 50 cc che funziona naturalmente, ma non lo ho filmato.
                          Fort41
                          Ultima modifica di nll; 11-12-2014, 21:00.

                          Commenta


                          • #14
                            Egabriele, ciao. Da quando è stato inventato si è sempre tentato di migliorare questo motore. Il "mi sembra" e il "mi pare", sono costanti che appaiono , in maniera ricorrente, in ogni leggenda metropolitana o bufala. Dovrebbe essere palese a tutti che oggi come oggi non esistano Stirling in funzione con scopi produttivi.
                            La scarsa potenza, la manutenzione gravosa, rendono il motore semplicemente un giocattolo. Affascinante, ma giocattolo.
                            Sarei il primo a comprare un modello da 1/3/5 KW/h se esistesse.
                            Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                            Commenta


                            • #15
                              Fort41, allora complimenti!

                              mgc,
                              anche si (nel senso delle costanti delle leggende metropolitane), se ritrovo qualcosa di concreto delle info che mi hanno fatto dire "mi pare" te le passo, cosi' magari gli chiedi una offerta e vediamo che ti rispondono a conti fatti!
                              Rimango comunque dell'opinione che con l'avanzare della tecnologia, dei materiali ecc..., un oggetto che era non conveniente 5 anni fa, non lo possa diventare tra 5.

                              intanto ti passo questi link se vuoi dare una occhiata.





                              http://www.fierabolzano.it/news/klim...g_Klammsteiner Klimaenergy 2012.pdf


                              mi fermo qui....... ma non mi sembrano tutte leggende metropolitane.
                              Ultima modifica di egabriele; 04-12-2014, 21:37.

                              Commenta


                              • #16
                                Rossi parla di 6/12/18 mesi, tu parli di 5 anni e se la scala è l'anno dovresti aggiungere 5/10/15 anni.
                                Mi dispiace per te, ma prima dovrebbe cambiare la meccanica e la scienza dei materiali. Non dimentichiamoci che l'idea è un pò vecchiotta e mentre la nostra conoscenza dei materiali è progredita, il motore Stirling no. Forse è il caso di cambiare l'idea.

                                A proposito dei link che hai postato è meglio spiegare che sono stati dei fallimenti o sono pubblicazioni teoriche oppure prototipi che non si vedono più.
                                Baxi ci ha provato, ma temo che non sia il massimo come esempio.
                                Dovresti investigare un poco di più e fidarti meno dei giornali e della pubblicità.
                                Ultima modifica di nll; 11-12-2014, 20:59. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente
                                Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao a tutti
                                  Originariamente inviato da mgc Visualizza il messaggio
                                  ...oggi come oggi non esistano Stirling in funzione con scopi produttivi.
                                  La scarsa potenza, la manutenzione gravosa, rendono il motore semplicemente un giocattolo. Affascinante, ma giocattolo.
                                  Sarei il primo a comprare un modello da 1/3/5 KW/h se esistesse.
                                  Ciao mgc sei un po' troppo negativo e non leggi...vuoi uno stirling che funziona ed in vendita da anni?
                                  Rileggiti questo mio post risalente a questa estate.



                                  Salutoni
                                  Furio57
                                  L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                  LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                  Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Furio, ciao. Tu dici che me lo vendono separatamente? La caldaia a condensazione l'ho già, per emergenza, quindi mi servirebbe uno Stirling da abbinare alla caldaia a legna da 60 KW/h.
                                    Cercherò di trovare un'utilizzatore di questa caldaia per chiedergli referenze sul funzionamento e, sopratutto, cosa se ne fa dell'energia elettrica, se prodotta.
                                    A meno che tu non abbia referenze personali sull'uso.
                                    Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      l'avevo vista tempo fà quella caldaia , personalmente non ne capisco il senso (sarà che per mè gli stirling son giocattoli)
                                      non era meglio un motore a vapore?
                                      qualsiasi caldaia in funzione non avrebbe il minimo problema a creare vapore istantaneo , e i rendimenti (vista la pressione)
                                      sarebbero tutt'altri.
                                      "non sono una persona mattiniera...penso sia perchè ho cosi tanti pensieri profondi ,che la mia mente ha bisogno di molto tempo per rigenerarsi"

                                      http://gospa87.blogspot.it

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Ciao a tutti
                                        Originariamente inviato da mgc Visualizza il messaggio
                                        ...Tu dici che me lo vendono separatamente?...mi servirebbe uno Stirling da abbinare alla caldaia...Cercherò di trovare un'utilizzatore di questa caldaia per chiedergli referenze sul funzionamento e, sopratutto, cosa se ne fa dell'energia elettrica...
                                        Ciao mgc non penso che lo vendano sfuso, era semplicemente una risposta al tuo dubbio che non esistessero dei validi motori stirling in produzione. Personalmente questa caldaia l'ho conosciuta in ambiente nautico.
                                        Su ebay nel link oramai "esaurito", vendevano la versione nautica usata intorno alle 300 Sterline.

                                        Salutoni
                                        Furio57

                                        Ciao a tutti
                                        Originariamente inviato da harry potter Visualizza il messaggio
                                        ...quella caldaia , personalmente non ne capisco il senso (sarà che per mè gli stirling son giocattoli) non era meglio un motore a vapore?
                                        qualsiasi caldaia in funzione non avrebbe il minimo problema a creare vapore istantaneo...
                                        Ciao harry potter bentrovato! Per fortuna che siete in pochi a pensare che siano solo giocattoli! Il senso è che quella caldaia recupera calore altrimenti disperso contrariamente ad un sistema a vapore che per farlo funzionare necessita di una pressione minima costante quindi con bruciatore sempre acceso: non esiste normalmente vapore istantaneo e comunque consuma acqua che in certi ambiti è preziosa. La caldaia in questione sia per uso sanitario che per riscaldamento, non crea vapore "usabile" per nulla, tantomeno per far funzionare un motore a vapore.
                                        Non ultimo una caldaia in pressione richiede per la conduzione personale qualificato ed un ambiente di sicurezza idoneo.

                                        Salutoni
                                        Furio57
                                        Ultima modifica di nll; 11-12-2014, 20:58. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente
                                        L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                        LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                        Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ciao furio
                                          guarda io mi baso su quello che vedo, industrialmente di stirling non ne ho mai visti usare se non in qualche caldaia come sopra , un motivo ci sarà,se funzionassero decentemente qualcuno ci avrebbe già pensato (la tecnologia non manca di certo) sopratutto per il solare termico.

                                          riguardo al vapore, esistono generatori di vapore istantaneo e non serve la patente
                                          ma anche per le caldaie con vapore in pressione la patente serve oltre determinate potenze , e oltretutto sotto certe potenze
                                          non serve neanche la centrale termica e relative pratiche inail (basta cercare con google le varie leggi).

                                          comunque leggendo la descrizione della caldaia dice che il liquido refrigerante viene scaldato , fà funzionare il motore e poi riscalda l'acqua
                                          con il vapore? è la stessa cosa e non butti niente.
                                          ti avrei dato ragione (sempre che funzioni veramente) se la caldaia sfruttasse ESCLUSIVAMENTE la temperatura fumi, ma la resa sarebbe ridicola visto che una caldaia a condensazione si e no ha i fumi a 40-50 gradi.
                                          "non sono una persona mattiniera...penso sia perchè ho cosi tanti pensieri profondi ,che la mia mente ha bisogno di molto tempo per rigenerarsi"

                                          http://gospa87.blogspot.it

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Furio, ciao. Nella nautica è un poco più capibile. Certi giorni sono freddini e le notti alla fonda gelidi. Capisco il KW per ricaricare le batterie ma persistono i dubbi di Harry.
                                            Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Qui ci sono piccoli stirling da 1 a 10Kw. E' un produttore di milano: Genoastirling srl
                                              Sul loro sito ci sono diverse info e anche i prezzi (carissimi).

                                              Gli stirling non sono dei giocattoli, ma è una tecnologia poco diffusa, forse ancora troppo poco sviluppata e dunque costosa.

                                              La svedese kockums (gruppo saab) li ha migliorati negli ultimi decenni ed ora ne produce alcuni davvero ben fatti.
                                              Li utilizzano nei sommergibili da guerra, per incrementare l'autonomia di immersione generando elettricità in modo sicuro, silenzioso ed efficiente.
                                              SAAB - An Engine for the Future
                                              (notare il sito, che pubblicizza prodotti ad uso quotidiano, tipo missili, aerei caccia, lanciarazzi, batterie anticarro ecc)

                                              Gli stessi motori sono venduti anche da una società affiliata Ripasso Energy, specializzata nella vendita di grosse parabole solari con motore stirling da 30Kw.
                                              Fino al 2011 i prezzi di queste parabole erano 3000 €/Kwp. Trasporto e installazione esclusi.

                                              Dopo quella data il costo del solare fotovoltaico è crollato, riducendo o quasi azzerando i pochi investimenti che provenivano dalla contrapposizione al FV.

                                              Comunque potrebbe esserci spazio di inserimento nel mercato, producendo qualcosa di semplice e compatto, magari con displacer basculanti, progettati per funzionare con delta dai 150 ai 300° e percui con materiali più economici, da abbinare a stufe o camini domestici a biomassa. Penso che anche solamente una resa di 300w elettrici a regime sarebbe sufficiente per definirlo un buon gadget.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Avevo contattato GenoaStirling l'anno scorso e mi era stato detto di riprovare in primavera 2015.
                                                Ripasso mi sembra un sito morto, manca la possibilità di contattarli e altre parti sono assenti.
                                                SAAB no me la sento.
                                                Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  La ripasso è una sub-società della kockums e vende gli stessi motori. Se gli mandi una mail attraverso uno degli indirizzi nei contatti, sono abbastanza sicuro che ti rispondono. Ti preavviso che per il loro modello 30kw (solo il motore) ti chiederanno non meno di 40-50 mila euro.

                                                  Ma posso chiederti cosa avresti in mente di fare?

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Dispongo di legna, anche in esubero, da poter utilizzare come fonte di calore e produzione EE.
                                                    30KW sono eccessivi per me, direi 10-15
                                                    Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Mi sembra che la Qnergy (ex Infinia) produca stirling da 3 e da 7Kwp.
                                                      Comunque per il fabbisogno di energia elettrica di 1 unità abitativa direi che è sufficiente un motore con potenza di 500w, che genera 12Kwh giornalieri.

                                                      Potrebbe convenire acquistare uno stirling da 30Kw per farlo lavorare 24h per tutto l'anno. Produrrebbe 263Mwh/anno.
                                                      I motori hanno alternatori lineari integrati. Il ciclo thermal-to-electric grid raggiunge picchi di efficienza oltre il 30% (certificano 32% da solare, probabilmente da caldaia si arriva al 34% senza modificare nulla al di fuori del collettore).

                                                      Il valore dell'energia elettrica all'ingrosso è circa 11 centesimi al Kwh. Con questo prezzo 263Mwh vengono pagati € 28900.
                                                      Sapendo che l'efficienza è 30% possiamo risalire al consumo di energia termica. Il calcolo è abbastanza semplice.
                                                      Per generare 30Kwh elettrici consuma 100Kwh termici, che sono 25Kg/ora di legna buona con potere cal. di 4 Kwh/Kg. Se ordinata in bilici dall'est europa, viene sui 6 euro al quintale.
                                                      In un anno intero, se fatto funzionare esclusivamente a legna consumerebbe (25Kg*24h*365) 2190 quintali, che costano € 13140.

                                                      Già così, con prezzi regolati dalla domanda, ci sarebbe un utile sul fatturato di oltre il 50% all'anno.
                                                      Ma la cosa stimolante è che lo Stato offre incentivi per la produzione da rinnovabili, in questo caso biomasse (origine bio tipo A) per impianti da 1 a 300Kwp, pari a 229 €/Mwh. Ciò significa che oltre ai 28900 euro/anno ricavati dalla vendita, il GSE remunera con 60200 euro.
                                                      L'entrata totale dalla vendità + incentivi è in definitiva circa 90.000 €/anno.

                                                      Il motore, la progettazione, un piccolo pezzo di terreno agricolo in svendita e un capannone/container, ammortizzati in solo 1 anno.
                                                      In 20 anni di contratto col GSE teoricamente è possibile ricavare (circa 75k/anno * 20) 1,5 milioni, da un solo motore.
                                                      Pensa prenderne che so.. una decina.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Idea simpatica, ma ci sono un paio di dubbi.
                                                        Io non consumo 12KW/h per giorno, parto da un contatore da 16 KW/h.
                                                        Due , tu non hai mai fatto un piano industriale in vita tua.
                                                        Penso che anche i tuoi conteggi non siano proprio precisi. Hai provato a valutare il rendimento di un generatore di calore?
                                                        Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Ah ok, se hai potenza per 16Kw vorrà significare che non è destinato per un tuo uso residenziale privato.
                                                          Perchè il due? Ma non farai conto di rimanere scollegato dalla rete pubblica spero.. ? sarebbe da pazzi

                                                          Si ovviamente il calcolo è approssimativo ma non sbaglia di molto. Rettifichiamo che i 90 mila di ricavo realisticamente sono più 70-75 mila?
                                                          Il rendimento generatore diciamo tra 85-90% e poi nel calcolo sono anche stato basso con l'efficienza del motore..

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            2190 quintali
                                                            E chi li maneggia?
                                                            Chi li taglia?
                                                            Chi li accatasta
                                                            Questa quantità è il lavoro di un uomo per un anno.
                                                            Quanto costa un poderino?
                                                            Quì da noi va su 80000 Euro
                                                            Quanto costa l'apparato?
                                                            Partita IVA e fabbrica elettrica?
                                                            Se ordinata in bilici dall'est europa, viene sui 6 euro al quintale
                                                            Ma quando mai?
                                                            Tasse?
                                                            VIA?
                                                            Costi di produzione? Materiali di consumo?
                                                            Commercialista?
                                                            Mezzi per movimentare e trasformare il prodotto? Attrezzatura d'ufficio?
                                                            Cambio di destinazione d'uso?
                                                            Il tutto, forse, per 75000 Euro?
                                                            Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X