annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Motore a olio caldo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Motore a olio caldo

    Salve a tutti!
    E' da alcuni giorni che ho quest'idea in testa che non so se sia realizzabile: si potrebbe creare un motore a combustione esterna che sfrutti la pressione dell'olio per girare il rotore?

    In pratica come tutti i liquidi, se scaldati, aumentano di pressione. L'idea è di realizzare un bruciatore dove arde qualsiasi combustibile (ad esempio legna) che ha la funziona di scaldare una serpentina di olio. L'olio prenderebbe pressione e farebbe girare una turbina, poi, una volta "fuori" dall'area della turbina verrebbe raffreddato e ritornerebbe per caduta nella serpentina bollente.

    Che ne pensate?

    Non vorrei offese, perché è un' idea che mi è venuta così, per caso, e non ho molti riflettuto sul funzionamento e sulla sua fattibilità.

  • #2
    L'olio al massimo può dilatarsi per effetto del calore, ma la dilatazione e davvero modesta, improponibile per un sistema come hai esposto qui.
    Molto semplicemente, dallo sfascia carrozze prendi un motore idraulico, del tipo per servosterzo e simili, lo colleghi come ha descritto qui e vedi che cosa otterrai, solo calore di trasferimento dalla sorgente al motore, ma niente energia meccanica. Ora restiamo in ascolto di altri pareri

    f.sco

    Commenta


    • #3
      Ma il motore a vapore ti faceva schifo ?
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        No..anzi
        Però tutto l'insieme è molto grande, invece, questo mio motore che a quanto pare non finziona avrebbe dimensioni ridotte...

        Commenta


        • #5
          Non funziona perchè l'olio non evapora e comunque non ha l'energia del vapore acqueo
          AUTO BANNATO

          Commenta


          • #6
            Puoi usare l'olio caldo per trasferire energia termica entro un cilindro motore a pistoni dove introdurrai acqua pressurizzata, otterrai un motore a vapore con produzione "istantanea" si fa per dire; di problemini da risolvere e ottimizzazioni ce ne stanno parecchie, ma di sicuro arriveresti a farlo ruotare...

            f.sco

            Commenta


            • #7
              In pratica l'olio bollente farebbe evaporare l'acqua in pressione direttamente nella camera sopra al pistone che di conseguenza comincerebbe a muoversi, ho capito bene? Interessante, non ci avevo pensato...ma l'utilizzo di un motore così avrebbe sicuramente il vantaggio di essere più piccolo in quanto non ci sarebbe la caldaia...ci sarebbe però un serbatoi per l'acqua ma il motore risulterebbe comunque molto più ridotto in confronto con quello classico a vapore... Però l'olio come scambierebbe il suo calore con l'acqua? Ci dovrebbe essere un'altra serpentina all'interno della zona dei pistoni?

              Commenta


              • #8
                esattamente, una sorta di scambiatore di calore ad alta temperatura. L'acqua evaporata dopo aver lavorato nel cilindro, la si può recuperare e inviare ad un condensatore... comunque, stiamo parlando così, a titolo accademico!...

                f.sco

                Commenta


                • #9
                  Grazie a tutti per le risposte!

                  Commenta


                  • #10
                    Idea banale , come sempre il rendimento dipende dalla differenza di T tra fonte calda e fonte fredda , quindi sarebbe molto basso in quanto non puoi riscaldare l'olio ad alta temperatura in quanto evaporerebbe e si dissocierebbe essendo una sostanza organica .
                    Diverso il caso del motore a vapore dove puoi riscaldare l'acqua aumentando la pressione del vapore nella caldaia .

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X
                    TOP100-SOLAR