Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

...auto "semielettrica"-vari dubbi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ...auto "semielettrica"-vari dubbi

    ciao a tutti! sono nuovo del forum e ne approfitto subito per farvi qualche domanda...
    allora, parto da principio. Vorrei realizzare (più avanti, vado ancora a scuola e non ho un soldo bucato ..lol!) un veicolo "semielettrico"...io lo chiamo così perchè ho trovato questa idea per la prima volta con questo nome...altro non è che un'auto elettrica con un generatore...
    vi espongo le mie idee/fantasticazioni...
    -base: vecchia 500
    -motore elettrico trifase (bho...10/15 kw...48v trovato su un sito)
    -alleggerimenti vari (se possibile... con vetroresina...)
    -cambio originale (a quanto pare assorbe poca energia...)
    -batterie... (bho... 12v e un centinaio di ah l'una...)
    -generatore con motore 800 cdi (quello della smart...)

    ovviamente non è un'idea poi molto dettagliata... in futuro se potrò realizzare questa idea, c'è ancora molto da studiare!!!
    ora la mia domanda è sul generatore... il motore smart è molto leggero... e fin qui l'idea "fila"... ma l'altarnatore... non saprei proprio che tipo di alternatore mettere (in via ipotetica...lol!)... non trovo niente su internet, se non che a quanto pare sono tutto tranne che efficienti... e il peso???
    l'auto elettrica, se realizzata senza il generatore dovrebbe pesare 400 kg+100 kg di batterie(bhè..più o meno, come vi ho detto è solo una cosa che mi frulla per la testa, non un vero progetto...)+motore smart 65 kg...+...?
    mi date qualche dritta... ovviamente sono ben accette critiche sul resto del "progetto"

  • #2
    Originariamente inviato da ecodiabolus Visualizza il messaggio
    ciao a tutti! sono nuovo del forum e ne approfitto subito per farvi qualche domanda...
    allora, parto da principio. Vorrei realizzare (più avanti, vado ancora a scuola e non ho un soldo bucato ..lol!) un veicolo "semielettrico"...io lo chiamo così perchè ho trovato questa idea per la prima volta con questo nome...altro non è che un'auto elettrica con un generatore...
    vi espongo le mie idee/fantasticazioni...
    -base: vecchia 500
    -motore elettrico trifase (bho...10/15 kw...48v trovato su un sito)
    -alleggerimenti vari (se possibile... con vetroresina...)
    -cambio originale (a quanto pare assorbe poca energia...)
    -batterie... (bho... 12v e un centinaio di ah l'una...)
    -generatore con motore 800 cdi (quello della smart...)

    ovviamente non è un'idea poi molto dettagliata... in futuro se potrò realizzare questa idea, c'è ancora molto da studiare!!!
    ora la mia domanda è sul generatore... il motore smart è molto leggero... e fin qui l'idea "fila"... ma l'altarnatore... non saprei proprio che tipo di alternatore mettere (in via ipotetica...lol!)... non trovo niente su internet, se non che a quanto pare sono tutto tranne che efficienti... e il peso???
    l'auto elettrica, se realizzata senza il generatore dovrebbe pesare 400 kg+100 kg di batterie(bhè..più o meno, come vi ho detto è solo una cosa che mi frulla per la testa, non un vero progetto...)+motore smart 65 kg...+...?
    mi date qualche dritta... ovviamente sono ben accette critiche sul resto del "progetto"
    diciamo che è abbstanza problematico mettere tutta stà roba sulla 500
    (intendi la 2a vero?), per un'auto così la cosa migliore è utilizzare solo le batterie e il motore elettrico.

    ciao

    Commenta


    • #3
      diciamo che è abbstanza problematico mettere tutta stà roba sulla 500
      (intendi la 2a vero?), per un'auto così la cosa migliore è utilizzare solo le batterie e il motore elettrico.

      ciao
      bhè...ora mi prendete per pazzo.. però io intendevo la prima... penso che il generatore possa andare nel cofano anteriore... è molto piccolo il motore della smart... magari poi sbaglio... oppure si potrebbero sacrificare i sedili posteriori... certo che la co2 per passeggero aumenta... ma su questa macchina, fatta per spostamenti non enormi (200/300 km...), e non grandi viaggi, considerando che non la userei molto con amici etc, si può anche fare...

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da ecodiabolus Visualizza il messaggio
        bhè...ora mi prendete per pazzo.. però io intendevo la prima... penso che il generatore possa andare nel cofano anteriore... è molto piccolo il motore della smart... magari poi sbaglio... oppure si potrebbero sacrificare i sedili posteriori... certo che la co2 per passeggero aumenta... ma su questa macchina, fatta per spostamenti non enormi (200/300 km...), e non grandi viaggi, considerando che non la userei molto con amici etc, si può anche fare...
        si può anche fare, ma alla fine mi sà che la soluzione migliore sarebbe mettere direttamente il motore della smart al posto di quello a benzina

        ciao

        Commenta


        • #5
          si può anche fare, ma alla fine mi sà che la soluzione migliore sarebbe mettere direttamente il motore della smart al posto di quello a benzina
          infatti l'ho pensato anche io ad un certo punto... però più che altro per l'efficienza dell'alternatore... non per gli stravolgimenti sulla macchina... mi date qualche info sugli alternatori, chè sono proprio sprovveduto?...

          edit: tipo l'efficienza.. è vero che all'incirca è 0,3?
          Ultima modifica di ecodiabolus; 17-01-2009, 15:11.

          Commenta


          • #6
            ecodiabolus,
            l'efficienza di un generatore non e' mai 0,3 ma puoi considerare da 0,8 a 0,9 per fare i primi calcoli.
            La tua idea non sta in piedi, e' molto piu' razionale trasmettere la potenza dal motore endotermico direttamente alle ruote, si produce meno CO2.
            Invece l'idea sta in piedi se pensi ad un veicolo elettrico, con una ricarica semipermanente edi potenza limitata. Hai presente quei generatori che si usano nelle bancarelle dei mercati? Qualcosa di simile, ma ottimizzato a velocita' maggiore, a velocita' fissa, piu' silenzioso, potenza per esempio 3 kW, potrebbe aiutare a ricaricare le batterie. E' chiaro che se vai sempre in autostrada alla potenza massima questa soluzione non va bene, ma se fai percorsi misti forse sarebbe vantaggiosa.
            Ciao
            Mario
            Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
            -------------------------------------------------------------------
            Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
            -------------------------------------------------------------------
            L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
            Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
            ------------------------------------------------

            Commenta


            • #7
              aggiungo... che, come più volte scritto, e se non serve un bolide.. ma l'equivalente di una piccola utilitaria (spero di averlo evidenziato bene, visto casi precedenti..)... ovvero con coppia, velocità max, e pendenze max superabili nella norma per QUESTA CATEGORIA di veicoli, allora il cambio non solo è del tutto inutile, ma addirittura dannoso per pesi, perdita di potenza, spazi e costi relativi...

              Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

              Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

              Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
              Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
              PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
              [/I]

              Commenta


              • #8
                l'efficienza di un generatore non e' mai 0,3 ma puoi considerare da 0,8 a 0,9 per fare i primi calcoli.
                ah...molto meglio! forse quelli che ho visto erano piccoli alternatori di macchine molto vecchie... allora nel caso che tipo di alternatore consiglieresti? e il peso?

                La tua idea non sta in piedi, e' molto piu' razionale trasmettere la potenza dal motore endotermico direttamente alle ruote, si produce meno CO2.
                ovviamente il "guadagno" sta nel fatto che il motore endotermico non funziona ai massimi regimi... ma a quelli ottimali... un motore da 30 kw ad esempio che gira sempre a produrne 10, avrà un'efficienza abbastanza elevata a quel numero di giri, mentre il motore elettrico, grazie ad una curva quasi piatta riesce a sfruttare quella potenza in maniera ottimale, consumando al massimo della sua potenza, il doppio di quanto consumerebbe a metà della sua potenza (quindi in maniera ideale, escludendo la resistenza dell'aria, la macchina consumerà sempre gli stessi watt per chilometro, al contrario di una macchina con motore endotermico)...

                Invece l'idea sta in piedi se pensi ad un veicolo elettrico, con una ricarica semipermanente edi potenza limitata. Hai presente quei generatori che si usano nelle bancarelle dei mercati? Qualcosa di simile, ma ottimizzato a velocita' maggiore, a velocita' fissa, piu' silenzioso, potenza per esempio 3 kW, potrebbe aiutare a ricaricare le batterie. E' chiaro che se vai sempre in autostrada alla potenza massima questa soluzione non va bene, ma se fai percorsi misti forse sarebbe vantaggiosa.
                questo è vero, ma la mia idea era proprio questa, cioè, che la macchina possa anche viaggiare in autostrada senza che si scarichi la batteria, poichè la macchina consuma ipoteticamente 10 kw e il motore endotermico ne produce la stessa quantità... certo che in questo caso si farebbe prima a collegare il motore diesel alla trasmissione, ma considerando una percorrenza "mista", come hai detto tu, l'idea sta in piedi...

                allora il cambio non solo è del tutto inutile, ma addirittura dannoso per pesi, perdita di potenza, spazi e costi relativi...
                certo, questo è vero, però più che altro era una scelta "di stile"... comunque abbasserebbe di poco il rendimento finale a quanto ho letto perchè assorbe poca energia...

                ultima cosa... mi scuso per la lunghezza dei messaggi e vi ringrazio per non avermi preso completamente per un pazzo visionario
                Ultima modifica di ecodiabolus; 17-01-2009, 17:27.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da ecodiabolus Visualizza il messaggio
                  ah...molto meglio! forse quelli che ho visto erano piccoli alternatori di macchine molto vecchie... allora nel caso che tipo di alternatore consiglieresti? e il peso?



                  ovviamente il "guadagno" sta nel fatto che il motore endotermico non funziona ai massimi regimi... ma a quelli ottimali... un motore da 30 kw ad esempio che gira sempre a produrne 10, avrà un'efficienza abbastanza elevata a quel numero di giri, mentre il motore elettrico, grazie ad una curva quasi piatta riesce a sfruttare quella potenza in maniera ottimale, consumando al massimo della sua potenza, il doppio di quanto consumerebbe a metà della sua potenza (quindi in maniera ideale, escludendo la resistenza dell'aria, la macchina consumerà sempre gli stessi watt per chilometro, al contrario di una macchina con motore endotermico)...


                  certo, questo è vero, però più che altro era una scelta "di stile"... comunque abbasserebbe di poco il rendimento finale a quanto ho letto perchè assorbe poca energia...
                  le idee che sono state espresse sono tutte giuste, il problema però è realizzare quello che hai in mente in un'auto come la vecchia 500, pensa solo al mettere il gruppo moto-alternatore nel cofano anteriore:
                  non basta installare il motore, devi mettere il sistema di alimentazione, quello di controllo, raffreddamento ecc.
                  in sostanza il tuo sistema potrebbe andare bene su un'auto di dimensioni superiori e progettata adaguatamente sin dall'inizio, p.e. ho visto un prototipo anni fa di una espace che utilizzava un turboalternatore, e penso che costasse un bel pò di soldini
                  secondo me la soluzione ideale è quella di farla diventare un'auto completamente elettrica, anceh perchè non è sicurissimo oggi andare in autostrada con una 500 a 60 km/h

                  ciao

                  Commenta


                  • #10
                    le idee che sono state espresse sono tutte giuste, il problema però è realizzare quello che hai in mente in un'auto come la vecchia 500, pensa solo al mettere il gruppo moto-alternatore nel cofano anteriore:
                    bhè...è vero...allora ho un'idea alternativa... per il dire il vero abbastanza folle... dunque... la scelta della 500 stà nella sua leggerezza... ovviamente il gruppo elettrogeno andrebbe ad appesantirla(e non si saprebbe dove metterlo!)... allora si può fare così: l'auto è completamente elettrica, e il gruppo elettrogeno viene situato in un carrellino, di quelli "da traino"... quando si fanno pochi chilometri, non si attacca il carrellino, quando si devono fare "molti" chilometri viene attaccato il carrellino, e in questo modo la macchina è più leggera senza il gruppo elettrogeno quando non serve, e inoltre non si rinuncia ai 4 posti...ovviamente i cavi dovranno essere adeguatamente isolati!

                    secondo me la soluzione ideale è quella di farla diventare un'auto completamente elettrica, anceh perchè non è sicurissimo oggi andare in autostrada con una 500 a 60 km/h
                    bhè...non dovrebbe viaggiare a 60...ma anche a 80 o 90...in fin dei conti se non sbaglio la 500 originale faceva 100 km/h e aveva 22 cv!

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da ecodiabolus Visualizza il messaggio
                      bhè...è vero...allora ho un'idea alternativa... per il dire il vero abbastanza folle... dunque... la scelta della 500 stà nella sua leggerezza... ovviamente il gruppo elettrogeno andrebbe ad appesantirla(e non si saprebbe dove metterlo!)... allora si può fare così: l'auto è completamente elettrica, e il gruppo elettrogeno viene situato in un carrellino, di quelli "da traino"... quando si fanno pochi chilometri, non si attacca il carrellino, quando si devono fare "molti" chilometri viene attaccato il carrellino, e in questo modo la macchina è più leggera senza il gruppo elettrogeno quando non serve, e inoltre non si rinuncia ai 4 posti...ovviamente i cavi dovranno essere adeguatamente isolati!
                      prova a farla omologare..


                      bhè...non dovrebbe viaggiare a 60...ma anche a 80 o 90...in fin dei conti se non sbaglio la 500 originale faceva 100 km/h e aveva 22 cv![/quote]

                      sei mai stato in una 500 a 100 km/h?

                      ciao

                      Commenta


                      • #12
                        prova a farla omologare..

                        sei mai stato in una 500 a 100 km/h?
                        no...sinceramente no... ma non capisco che vuoi dire.. ho visto su internet una 500 elettrica e il tizio che l'ha fatta ci va tranquillamente a 90 all'ora...
                        parli della stabilità? magari una barra stabilizzatrice aiuterebbe un pò...non capisco dove sia il problema dell'omologazione... cioè... non ci dovrebbero essere più problemi di quelli già affrontati da altri "retrofittatori"...

                        Commenta


                        • #13
                          ecodiabolus
                          Quote:
                          allora il cambio non solo è del tutto inutile, ma addirittura dannoso per pesi, perdita di potenza, spazi e costi relativi...
                          certo, questo è vero, però più che altro era una scelta "di stile"... comunque abbasserebbe di poco il rendimento finale a quanto ho letto perchè assorbe poca energia...
                          ..ragazzi ma siete veramente duri d'orecchi
                          ma che cakkio di scelta di stile è mettere una cosa che non serve ed è pure dannosa.. allora perche non giri con il freno tirato? (già citata anche questa).. È anche questa una scelta di stile .. di guida, quantomeno.
                          perchè assorbe poca energia
                          Tu sai calcolare esempio il 10% di 10 chilowatt?
                          ...Beh te lo dico io fa 1000 watt (mille)... per me non è poco.. e per cosa? Per aprire un cofano e far vedere che c'è un cambio (che non serve tecnicamentea niente, lo riscrivo)
                          Prima di tutto bisognerebbe sapere che cosa è un motore... che cosa è un motore elttrico... e come si comportano, ovvero bisognerebbe provarli... e guidare veicoli così equipaggiati.Certo ormai tutti sanno le caratteristiche di una macchina diesel rispetto ad una a benzina... ma le hanno provate, guidate, possedute....

                          Quindi prima prova, guida, compra... poi decidi... o sancisci sui pareri di chi, forse..... qualche veicolo lo ha abbondantemente provato, guidato... e ne possiede.
                          (È un consiglio, ovviamente)

                          Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

                          Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

                          Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
                          Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
                          PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
                          [/I]

                          Commenta


                          • #14
                            ..ragazzi ma siete veramente duri d'orecchi
                            ma che cakkio di scelta di stile è mettere una cosa che non serve ed è pure dannosa.. allora perche non giri con il freno tirato? (già citata anche questa).. È anche questa una scelta di stile .. di guida, quantomeno.
                            va bene...è vero...allora niente cambio..

                            Prima di tutto bisognerebbe sapere che cosa è un motore...
                            bhè...pensavo di conoscere il funzionamento di un motore a combustione interna... certo...se poi sei un ingegnere è un altro conto... sicuramente ne conoscerai il funziomento più a fondo... però non capisco proprio su cosa si basi questa tua affermazione e soprattutto a cosa serva e a cosa voglia arrivare..

                            che cosa è un motore elttrico... e come si comportano, ovvero bisognerebbe provarli... e guidare veicoli così equipaggiati.Certo ormai tutti sanno le caratteristiche di una macchina diesel rispetto ad una a benzina... ma le hanno provate, guidate, possedute....
                            idem... non capisco dove vuoi arrivare...

                            Commenta


                            • #15
                              ..se poi sei un ingegnere è un altro conto...
                              Cosa c'entra un grado in ingegneria con il discorso?
                              Chiunque abbia un minimo di studi (anche elementari) se portato a ragionare sull'argomento può comprendere che se una cosa è inutile non ha senso comprarla, stivarla, portarsela dietro.
                              Come dire.. vado sempre a piedi... ma mi porto dietro una gomma di scorta.. capirei un paio di scarpe, semmai, no?

                              non calza proprio 100%...quindi in tal caso più che "l'abito non fa il monaco" direi "l'abito fa poco il monaco".

                              Di qua.. e proprio per non essere "ingegneri" e citare Newton metro.. o chilogrammetri, ecc... quel che suggerisco è di toccare con mano.
                              Sicuramente se io e te ( o altri) discutiamo di auto benzina e diesel possiamo fare tanti bei discorsi su "elasticità".. "tener le marce lunghe"... "filo d'acceleratore" menzianando i pregi di un modello a favore di un'altro... mentre poco si "afferrerebbe" parlando di Nm a tot rpm della curva di coppia, et affini.
                              E ciò perche "noi" abbiamo già ben presente cosa è un motore ad accensione comandata e uno ad accensione spontanea... non parlo di conoscenza del funzionamento, che può o no esserci...ma di esperienza di guida, ecc..
                              Lo stesso vale per i veicoli elettrici... guidare... aprire il cofano... metterci le mani dentro...
                              e poi allora certe cose diventano talmente ovvie.. altre così assurde, ecc. .. a tal punto che proporre un cambio (ripeto: su veicolo "utilitario") e come suggerire alla Fiat di mettere una caldaia -hai presente le locomotive di qualche centinaio d'anni fa...- nel cofano...li si faceva... e dava anche un certo stile e fascino... ma sulla Punto (che conosci abbastanza bene credo.. come io potrei dire circa parecchi veicoli con propulsore elettrico) ce la vedi tu?

                              pre-detto questo, bisogna sempre partire dalla domanda: cosa serve un certo oggetto/componente? Cosa fa?
                              ... e allora provando a rispondere circa il cambio... le funzioni... ma anche perchè il motore lo richiede... allora si hanno dei motivi/funzioni...
                              ....poi si "passa" al motore elettrico.....e di li... le "esigenze" sono uguali o sono cambiate? (Pari pari come per benzina/diesel... metteresti gli stessi rapporti su una Punto benzina e una Diesel?)... E cosa serve per soddisfare le nuove esigenze?... Se serve....

                              Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

                              Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

                              Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
                              Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
                              PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
                              [/I]

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X