Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Chi ha ucciso l'auto elettrica?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chi ha ucciso l'auto elettrica?

    Ciao Ragazzi!
    Vi segnalo un film che analizza il perchè oggi utilizziamo tutti, in tutto il mondo auto che funzionano esclusivamente col petrolio. Eppure molte alternative valide esisterebbero...

    L'auto elettrica ad alte prestazioni è una di queste ma qualcuno non la vuole.

    Ebbene guardatevi il sito, il trailer e guardate un pò che auto commercializzava in america la general motors qualche anno fa...

    http://www.sonyclassics.com/whokilledtheelectriccar/

    Commenti graditi!

    Roy
    Essere realisti e fare l'impossibile

  • #2
    chi l'ha fatto il documento multimediale?

    non è stato fatto forse al fine di aumentare lo scoraggiamento nel combattere "i soliti ignoti"?

    Commenta


    • #3
      Ma porca misieriaccia......ho scoperto solo oggi le vicende della EV1 General Motors e della realizzazione del film (voglio proprio vederlo ma uscira mai in Italia ?)
      Pensate che quella era una macchina del 1999 che montava batterie al nichel metal idrato e aveva una autonomia di oltre 120 Km..... Ora con le batterie al litio e con un progetto non faraonico (non serve avere prestazioni da top car come l'auto Tesla o simili) , vi immaginete che percorrenza e che costo avrebbero tali auto se quel progetto fosse continuato e avrebbe portato ad un livello di massa l'auto elettrica?
      No,niente solo macchinine adatte ai campi di golf o,al limite,adattate alla citta' o ancora con telai di auto tradizionali modificati per poter inserire un motore elettrico ma con prestazioni risibili a costi stratosferici.
      Purtroppo anche la Toyota con la Prius sembra allontanarsi dall'ottimo modello che sta ora commercializzando. Dalle ultime informazioni sembra che nel 2008 si cambi motore passando dal 1500 al 1800 e si ottimizzi le prestazioni del propulsore elettrico ma senza cambiare le batterie che resteranno quelle attuali (metal idrato).
      Perche? Semplice per 'migliorare' le prestazioni......ma chi se ne frega.Se mi compro la Prius non cerco la guida sportiva.Non era meglio tenersi il 1500 e sostituire le batterie con quelle al litio o simili? Perche' ancora i modelli ibridi (e anche la prossima prius commercializzata in America) montano motori over 2500 arrivando a prezzi di vendita astronomici ?
      E' proprio vero che sara' difficile sperare che il mercato cambi rotta in queste condizioni.
      Finche non si faranno leggi che blocchino la possibilita' di entrare nel centro con la macchina a combustione, difficilmente vedremo progetti di auto elettriche o ibride a prezzi umani.
      E io che stavo aspettando di comprarmi la terza versione della Prius perche' speravo nella tendenza di un'aumento delle prestazioni eletriche.Forse e' meglio prendersela ora di seconda mano e addattarla per l'uso delle batterie al litio (o Thunder Sky)
      Che mi dite?
      Ciao

      Commenta


      • #4
        A parer mio, per la Yoyota, la Prius è solo servita a far breccia nel “cuore” (o meglio nella mente) dei più sensibili al problema “ambiente”, rivelandosi un’abile azione di marketing.
        Quanto possa essere utile all’ambiante un’auto col serbatoio (come la Prius), cioè un veicolo che brucia idrocarburi (e nessuna presa elettrica per la ricarica delle batterie) lo sappiamo già, in più mettiamoci anche le batterie e il problema del loro smaltimento a tempo debito. Immaginatevi un parco auto tutto così e . . . . . ciao aria pura. Il fatto che aumentino la cilindrata (quindi CO2, HC, CO ed altri inquinanti emessi) per aumentare le prestazioni (prestazioni di cui un ambientalista ne farebbe volentieri a meno) la dice lunga sulle vere intenzioni Toyota. L’elettrico, sulla Prius, serve solo a dare una mano al motore tradizionale quando c’è bisogno, poi per ricaricare le batterie si brucia benzina . . . . . dove è il vantaggio per l’ambiente?
        Non trascurando il fatto che oltre al normale motore mi devo comperare anche il motore elettrico, le batterie e tutta la tecnologia che serve per far funzionare il sistema, introducendo ulteriore peso da trasportare, con consumo di energia.
        Quanto alle sbandierate autonomie dei veicoli elettrici mi piacerebbe sapere come sono misurate e con quali dispositivi elettrici (fari e c.) accesi, in ogni caso fare una ricarica ogni 120 km fa passare quasti veicoli come seconda auto, un’auto tradizionale la dovremmo, in molti casi, possedere lo stesso.
        Constato che in molti vedono nella Prius un veicolo eccezionale, ma per favore guardatela anche dietro, cosa ne pensate del tubo di scarico?
        Ciao.

        Commenta


        • #5
          E a che serve l'auto elettrica? a sprecare energia! visto che l'80% circa dell'energia elettrica è da prodotti petroliferi! image
          Tanto vale bruciare direttamente nel motore dell'automobile, si evitano passaggi dove si perde mooooooolta energia.
          ciao
          Giorgio
          Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

          Commenta


          • #6
            Giorgio, a parer mio, ha ragione, nei passaggi si perde energia per cui sarebbe meglio ottimizzare combustioni e veicoli, ora nei veicoli “elettrici” praticamente assistiamo solo a riconversioni di modelli nati a benzina, che conservano a volte anche il cambio meccanico di velocità ed il differenziale, cose che, adottando due motori elettrici e due variatori di velocita continui, potrebbero sparire, assieme alla quantita di olio lubrificante, loro necessaria, poi da smaltire, come anche la struttura del veicolo che non dovrà essere piu atta a supportare le prestazioni, in termini di velocità, di un’auto a benzina o diesel e potrà essere più adeguata.

            Una volta arrivati a produrre energia elettrica “pulita” in quantità adeguta tramite l’eolico, il geotermico, il fotovoltaico, le correnti marine ed ogni altra possibilità offerta localmente, oltre alla fusione nucleare a temperatura controllata, quando arriverà, potremo spostarci senza produrre CO2 e c. nel frattempo dobbiamo inventarci una forma di accumulazione di energia elettrica che ci eviti davvero di portarci in giro quintali di batterie, e tutto questo senza i facili entusiasmi delle batterie da 100W/kg quando poi nell’uso corrente arriviamo a 40W/kg, se vogliamo tirar fuori 100 o 150 Ampere da una batteria di trazione è abbastanza impossibile che lo si possa fare da una batteria dalle dimensioni, per assurdo, uguali o più piccole del diametro del cavo che dobbiamo attaccare per alimentare il motore elettrico. Accumulatori di queste prestazioni vanno bene per i cellulari con consumi di corrente nell’ordine dei mA.
            Speriamo che a nessuno torni in mente che, respirando ed espirando, anche gli animali (umanità compresa) producono CO2 . . . . .

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE
              E a che serve l'auto elettrica? a sprecare energia! visto che l'80% circa dell'energia elettrica è da prodotti petroliferi!

              In Italia ? Be si questo purtroppo e' vero,ma non tutti i paesi sono nelle nostre condizioni.
              Se prendiamo come esempio la Francia che ha il nucleare o,se fossimo in Svezia che ha l'idroelettrico la tua affermazione sarebbe errata.Se guardiamo poi gli altri paesi Europei non tutti sono messi nelle nostre condizioni.
              Tutto starebbe nel produrre energia elettrica nel metodo piu' pulito possibile (e i mezzi per farlo ci sarebbero) e quindi anche la macchina elettrica non consumerebbe petrolio per muoversi (o almeno in minima parte).
              In questo thread comunque non volevo discutere della produzione d'energia (altra discussione) ma bensi' della volonta' di non mettere in commercio progetti fattibile di automobili elettriche.
              CITAZIONE
              L’elettrico, sulla Prius, serve solo a dare una mano al motore tradizionale quando c’è bisogno, poi per ricaricare le batterie si brucia benzina . . . . . dove è il vantaggio per l’ambiente?

              Forse non conosci per nulla la Prius ... <img src=:"> Leggiti questo thread per tua informazione: Toyota Prius
              CITAZIONE
              nel frattempo dobbiamo inventarci una forma di accumulazione di energia elettrica che ci eviti davvero di portarci in giro quintali di batterie, e tutto questo senza i facili entusiasmi delle batterie da 100W/kg quando poi nell’uso corrente arriviamo a 40W/kg, se vogliamo tirar fuori 100 o 150 Ampere da una batteria di trazione è abbastanza impossibile che lo si possa fare da una batteria dalle dimensioni, per assurdo, uguali o più piccole del diametro del cavo che dobbiamo attaccare per alimentare il motore elettrico. Accumulatori di queste prestazioni vanno bene per i cellulari con consumi di corrente nell’ordine dei mA.

              Ma stai scherzando? Sai che aumentando la tensione diminuisci la corrente necessaria ed inoltre lo sai che in teoria possiamo arrivare per le batterie al litio 450 Wh/Kg ? Poi dal teorico al pratico arriviamo a 200 Wh/Kg e ,tanto per aiutarti posso diminuire ancora un 50% dovuto ad un calo di prestazione per temperatura e/o ivecchiamento.Ma arriviamo comunque ad un 100 Wh/Kg reale.
              Si certo queste batterie costano ma questo perche' non esiste una produzione di massa.Il problema e' proprio questo,la volonta di mettere nel mercato modelli d'auto elettrica con tecnologia moderna e studiati ad hoc.
              Inoltre se parliamo di auto ibride (e' la Prius e' veramente un'auto fantastica) il motore elettrico riduce realmente i consumi e le imissioni inquinanti e permette inoltre di avere un'auto unica sia per citta' che per viaggi lunghi.Perche' non ricercare almeno questa via ?
              Per le auto solo elettriche il problema sarebbe poi quello di aumentare notevolmente sia la rete elettrica sia quella di produzione (e quindi anche quella del modo di produrla) e sicuramente i tempi sarebbero piu' lunghi ma,vogliamo cominciare almeno a produrle e venderle ? I mezzi per fare delle auto con buona autonomia e pulite esistono cosi' come esistono persone che le comprerebbero anche se costassero(almeno all'inizio) il triplo rispetto ad un'auto tradizionale. E gli incentivi ? Perche' la politica non da un termine nell'uso dell'auto con il motore a combustione interna nelle citta' e incentivando l'uso delle macchine ibride o elettriche ?
              Ciao

              Commenta


              • #8
                Le batterie sono un casino, un pò meno la bombola di idrogeno.

                Io credo che una buona soluzione siano i biocarburanti, ma le auto dovranno diminuire! (la produzione non può coprire la domanda massiaccia attuale).
                Per avere meno automobili ci vogliono abitudini un pò diverse (usare di più la bici) e un servizio di trasporto pubblico efficiente. Metropolitana leggera elettrica su rotaia e sede riservata. (vedi Friburgo, la città più ecologica d'europa).

                La Valle d'Aosta è al 100% idroelettrico. In pratica quello italiano è quasi tutto li!

                Tornando in tema, secondo me è ancora presto per parlare di auto elettriche o a idrogeno. Il problema è la produzionie di energia, non il come accumularla su un veicolo.


                ciao
                Giorgio
                Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE
                  maurizioz Inviato il: 17/2/2007

                  L’elettrico, sulla Prius, serve solo a dare una mano al motore tradizionale quando c’è bisogno, poi per ricaricare le batterie si brucia benzina . . . . . dove è il vantaggio per l’ambiente?

                  Sandro-meg ha già risposto circa la ricarica. Oltre al 3D relativo vorrei solo sottolineare qua brevemente circa il fatto che le batterie NON sono ricaricate principalmente dal motore ma invece PRINCIPALMENTE in fase di frenata (solo alla fine della frenata - sotto i 13km/h - o in emergenza intervengono i classici freni) e rilascio, nonchè in discesa, ovvero quindi RECUPERANDO tutta quella energia che di solito viene sprecata in calore (infatti i freni classici surriscaldano molto - ne esistono di autoventilati - quindi potete immaginare quanta se ne butta via). Ecco il grande vantaggio per l'ambiente.

                  CITAZIONE
                  L’elettrico, sulla Prius, serve solo a dare una mano al motore tradizionale quando c’è bisogno,

                  Anche qui una grande inesatezza che denota una non conoscenza del veicolo nei dettagli (ndr - non stiamo parlando della Honda IMA).
                  L'elettrico della Prius è il motore principale, è il termico/tradizionale che serve solo a dare una mano al motore elettrico quando c’è bisogno..
                  Quindi si parte elettrico e si viaggia così finchè non vengono richieste maggiori prestazioni (accelerazione, salite) o la batteria si scarica (vedi sistema di ricarica). Per meglio chiarire 2 cose
                  1) capita in autostrada in leggera pendenza di ritrovarsi a 130Km/h CON IL SOLO propulsore elettrico che spinge...
                  2) Esiste un tasto EV, azionabile sotto i 50Km/h e con batteria almeno un po carica (o i primi secondi dopo la ... chiamiamola .. "accensione") , che permette di DISABILITARE il termico/tradizionale, ovvero l'utente può eventualmente SPEGNERE, ma MAI accendere volontariamente il motore tradizionale., mentre NON È POSSIBILE IN NESSUN MODO DISABILITARE L'ELETTRICO.
                  È chiaro il concetto?

                  CITAZIONE
                  Non trascurando il fatto che oltre al normale motore mi devo comperare anche il motore elettrico, le batterie e tutta la tecnologia che serve per far funzionare il sistema, introducendo ulteriore peso da trasportare, con consumo di energia.

                  Non proprio! Manca l'alternatore, la frizione e il cambio. Quest'ultimo, oltre a PESARE, consuma un bel po di Kw con i suoi ingranaggi, cuscinetti e olio (da mettere nel conto... ) Quindi i pesi in più sono minimi perchè si toglie roba, (leverismi compresi) inoltre si risparmiano le perdite di potenza di questi organi.

                  CITAZIONE
                  in più mettiamoci anche le batterie e il problema del loro smaltimento a tempo debito

                  A cosa ci si riferisce? Alla batteria in se o all'energia di "demolizione"? Quest'ultima è assimilabile a quelle generali per tutte le auto. Invece circa la batteria in se ricordo che non è al "piombo" ne tantomeno al nichel-"cadmio", bensi al nichel-metal-idrato (in futuro al litio), ovvero cosi detta"verde"/a basso impatto ambientale.

                  --------------------------


                  CITAZIONE
                  maurizioz Inviato il: 18/2/2007,
                  i facili entusiasmi delle batterie da 100W/kg quando poi nell’uso corrente arriviamo a 40W/kg, se vogliamo tirar fuori 100 o 150 Ampere da una batteria di trazione

                  Anche qua una inesatezza che denota forse una scarsa conoscenza delle recenti chimiche impiegate in ambito accumulatori/batterie.

                  Quanto scritto è vero per le batterie al piombo, che se "spremute" a C (e non ad una corrente paragonabile alla scarica in venti ore... ) dimezzano la capacità. Ma non è assolutamente vero per le chimiche a base nichel e quelle a base litio! Vedere qua per ulteriori informazioni:
                  http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=3149199
                  CITAZIONE
                  sandro-meg Inviato il: 18/2/2007
                  ...tanto per aiutarti posso diminuire ancora un 50% dovuto ad un calo di prestazione per temperatura e/o ivecchiamento.Ma arriviamo comunque ad un 100 Wh/Kg reale...

                  Io ho impiegato batterie di 115-120 Wh/kg e sto per passare ad una versione sui 150 Wh/kg (non parlo di numeri e sentito dire, ma di "toccata realtà")

                  Comunque una cosa è certa:

                  Per verificare (con buona aprossimazione!!) tutti i ragionamenti, ecc. ... nella pratica bisogna AVERE i veicoli citati o le batterie o ... (quant'altro) e PROVARLI in varie condizioni e per MIGLIAIA di chilometri

                  NON c'è altra via per smentire o confermare, visto che è "materiale di nicchia" e non diffuso in massa (visto anche un certo scetticismo che quello e si diffuso ampiamente)
                  Ripeto bisogna toccare con mano/sperimentare.

                  Edited by gattmes - 19/2/2007, 12:54

                  Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

                  Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

                  Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
                  Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
                  PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
                  [/I]

                  Commenta


                  • #10
                    CITAZIONE (eroyka @ 12/6/2006, 07:48)
                    Ciao Ragazzi!
                    Vi segnalo un film che analizza il perchè oggi utilizziamo tutti, in tutto il mondo auto che funzionano esclusivamente col petrolio. Eppure molte alternative valide esisterebbero...

                    L'auto elettrica ad alte prestazioni è una di queste ma qualcuno non la vuole.

                    Ebbene guardatevi il sito, il trailer e guardate un pò che auto commercializzava in america la general motors qualche anno fa...

                    http://www.sonyclassics.com/whokilledtheelectriccar/

                    Commenti graditi!

                    Roy

                    Una delle ragioni credo fosse il prezzo esagerato (colpa anche dello scarso sviluppo)
                    Un'ulteriore ragione la bruttezza, ma che ci va in giro con un'auto simile, sembrava un ferro da stiro....
                    Poi il peso delle batterie che toglievano molto alle possibilita' di carico e di traino.
                    Se compri un'auto elettrica poi dove ti fermi a caricare le batterie? e quanto devi attendere per ricaricarle?
                    E se stai andando da Roma a Parigi quanti giorni ci metti?

                    In verita' l'auto elettrica l'ha uccisa la convenienza, non era altro che un mesto esempio di come uccidere una bella idea.
                    Per quello, forse, che e' stata riproposta l'auto ibrida (destinata anch'essa a insuccesso dati i costi non certo alla portata di tutti)

                    MetS

                    Commenta


                    • #11
                      CITAZIONE
                      Io ho impiegato batterie di 115-120 Wh/kg e sto per passare ad una versione sui 150 Wh/kg (non parlo di numeri e sentito dire, ma di "toccata realtà")

                      Grande Gatmes,perche' non apri un thread per dirmi che tipo di elettronica hai adottato e che tipi di batteria stai utilizzando? Sono molto interessato perche' vorrei comprarmi anch'io la prius per poi modificarla sostituendo/integrando le batterie di serie.So che esistono dei kit in commercio ma non ho trovato dei schemi che possano hackerare il sistema THS di ricarica e gestione batterie....pendo dalle tue labbra. <img src=">
                      CITAZIONE
                      Una delle ragioni credo fosse il prezzo esagerato (colpa anche dello scarso sviluppo)
                      Un'ulteriore ragione la bruttezza, ma che ci va in giro con un'auto simile, sembrava un ferro da stiro....
                      Poi il peso delle batterie che toglievano molto alle possibilita' di carico e di traino.
                      Se compri un'auto elettrica poi dove ti fermi a caricare le batterie? e quanto devi attendere per ricaricarle?
                      E se stai andando da Roma a Parigi quanti giorni ci metti?

                      Ti sei visto il film? Le ragioni non erano proprio quelle......
                      Il prezzo ? Era a noleggio e le richieste erano di gran lunga superiore alla offerta.....
                      La belezza dell'auto ? Questioni di gusti...io la trovavo bella e comunque c'era una richiesta enorme per averla...
                      Il peso delle batterie? Stiamo parlando di batterie al metal-idrato del 98.Pensa che oggi si potevano usare delle batterie al litio-polimeri o altre con caratteristiche di gran lunga superiori.
                      Inoltre quello era solo l'inizio.....
                      Andare da Roma a Parigi ? Tutto dipende da che tipo di rete di rifornimento si potrebbe utilizzare nel futuro.E' chiaro che quel auto (parlo della EV del 98) si poteva utilizzare per tragitti urbani o piccoli spostamenti extra-urbani.
                      Se vuoi fare migliaia di Km con l'auto elettrica forse bisognerebbe pensare all'uso di batterie a nolo da cambiare al volo.Discorso fattibile ma sicuramente irrealizzabile attualmente.
                      E' chiaro che finche' una tecnologia non si sviluppa e' difficile poter pensare che l'attuale auto elettrica possa essere utilizzate come singola auto di famiglia ma bensi come seconda auto da citta'.Ma questo non vuol dire che magari durante un progresso tecnologico dovuto alla sua grande diffusione non si possa trovare una soluzione.Il problema e' che se non si incomincia a sviluppare e incentivare l'uso e' difficile poi sperare di trovare delle soluzioni.....
                      Ciao

                      Commenta


                      • #12
                        Per me la auto ibride sono una mezza fregatura (solo mezza però).
                        La cosa più semplice sarebbe stata di far muovere le ruote da motori elettrici, che danno tutto lo spunto che serve, mossi dalle batterie, e le batterie ricaricate da un motore a combustione interna, che può restare relativamente piccolo perchè nelle riprese i motori elettrici prendono tutta la potenza che serve dalle batterie e nella marcia normale, quando serve poca potenza, il motore a combustione ricarica le batterie.
                        Ma tutto questa catena motore a combustione-alternatore-batterie-motori elettrici ha un rendimento troppo basso (sempre che non si consideri che un motore Diesel che lavori a regime costante e a piena ammissione si potrebbe progettare in modo che nel punto di funzionamento abbia un rendimento molto superiore a quello di un motore che deve lavorare bene a tutti i regimi).
                        E allora hanno pensato al motore a combustione in parallelo al motore elettrico. Il motore a combustione insieme spinge e carica le batterie.
                        Questo è uno svantaggio perchè il motore a combustione, dovendo lavorare a regime variabile, ha un rendimento paragonabile ai motori delle auto normali. E allora si sono ricordati del ciclo Atkinson (un ciclo in cui la corsa di compressione è più corta della corsa di espansione, col risultato che a parità di cilindrata dà meno potenza (ma ci pensa il motore elettrico a dare una mano) ma ha un rendimento superiore.
                        Risultato, un'auto che consuma di meno, perchè la maggior parte della potenza alle ruote è data dal motore a combustione, mentre quelli elettrici servono solo per gli spunti.
                        Poi un po' di elettronica per gestire il tutto, ed ecco la Prius.
                        Ma io dico: se un motore a scoppio col ciclo Atkinson consuma meno di una col ciclo Otto, perchè non usare solo quello ? Se serve potenza lo si fa un po' più grosso (tanto oggi il bollo si paga sulla potenza e non sulla cilindrata), e si eviterebbero le inefficienze della catena motore a scoppio-alternatore-batteria-motori elettrici per quel po' di potenza che si dà con questi ultimi. Il risultato dovrebbe essere un'auto che consuma ancora meno della Prius.
                        Come mai nessuno ha pensato di fare motori col ciclo Atkinson ?

                        Commenta


                        • #13
                          CITAZIONE
                          Come mai nessuno ha pensato di fare motori col ciclo Atkinson ?

                          Perchè bisogna cambiare il carburante, non i motori. E' come la storia degli euro 4, euro 5, euro 1000.....
                          ciao
                          Giorgio
                          Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

                          Commenta


                          • #14
                            CITAZIONE
                            E allora hanno pensato al motore a combustione in parallelo al motore elettrico. Il motore a combustione insieme spinge e carica le batterie.
                            Questo è uno svantaggio perchè il motore a combustione, dovendo lavorare a regime variabile, ha un rendimento paragonabile ai motori delle auto normali. E allora si sono ricordati del ciclo Atkinson (un ciclo in cui la corsa di compressione è più corta della corsa di espansione, col risultato che a parità di cilindrata dà meno potenza (ma ci pensa il motore elettrico a dare una mano) ma ha un rendimento superiore.
                            Risultato, un'auto che consuma di meno, perchè la maggior parte della potenza alle ruote è data dal motore a combustione, mentre quelli elettrici servono solo per gli spunti.

                            Ma perche' prima di dare fiato non vi informate per bene?
                            Sistema Prius
                            E' chiaro che tutto quello che hai detto e' errato........ appena nel post precedente Gattmes ti aveva detto che il motore principale della prius e' quello elettrico e non quello a combustione.Inoltre il sistema della prius non e' parallelo e nemmeno serie ma tutti e due insieme.
                            CITAZIONE
                            Perchè bisogna cambiare il carburante, non i motori.

                            Perche' non si puo' forse usare una ibrida a metano,gpl,etanolo al posto della benzina ? Chi vieta di fare la modifica alla Prius ? Nessuno tanto che gia' esistono dei Kit per farla andare a GPL.
                            Vuoi farla andare a gasolio o,meglio ,Biodiesiel? Nulla vieta di fare il motore diesel al posto di quello a benzina e ci sono gia' macchine ibride che vanno a gasolio.
                            Ciao

                            Commenta


                            • #15
                              stai scherzando . . . . ma lo sai che in teoria . . . . tanto per aiutarti . . . . Leggiti questo thread per tua informazione . . . . .
                              e altro ancora, ma chi siete?

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR