adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La frenata rigenerativa (regenerative braking): considerazioni, articoli, misure

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    Ciao Furio!

    Eccoti altri aspetti dal mio punto di vista, nell'ordine delle tue citazioni...

    Essere progettista elettronico sicuramente aiuta, soprattutto se già hai lavorato nel campo di alte potenze e PWM... altrimenti scoprirai un mondo nuovo e complesso, ovviamente però si può imparare e fare quasi tutto!

    Riguardo i 'due' circuiti invece per quanto ne so spesso sono proprio coincidenti, per lo meno nella parte costosa che è quella finale di potenza. Quello che intendevo è che metterli 'insieme' è quasi inevitabile, entrambi sono in serie a motore e batterie quindi se li separi aumenteresti lunghezza cavi e perdite nei finali stessi.
    Però magari... per fare delle prove...

    Sul recupero che debba valere su tutte le batterie non sarei così sicuro; intendo dire che ovviamente si potrebbe, anzi dovrebbe, 'tarare' il regen sulla chimica, MA se per esempio parliamo di Pb.. le alte correnti gli fanno male, in scarica è obbligatorio alcuni pensano che il recupero limitato del regen non valga il rischio di ridurne la già breve vita utile.
    Detto in altro modo, se una certa chimica (come il pb) gradisce correnti di carica/scarica limitate (1C o meno) allora la convenienza non è scontata, per il costo aggiuntivo e il rischio di ridurre vita del pacco.

    Sull'ultima osservazione non sono d'accordo perchè il supercap sarebbe sempre alla stessa V delle celle, si beccherebbe gli impulsi di carica/scarica molto veloci grazie alla minor Req, ma in carica sarebbe quasi invisibile al CB (perchè credo avrebbe un'energia immagazzinata simile o probabilmente ben minore di quella delle batterie)
    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
    I miei articoli qui:
    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

    Commenta


    • #62
      Ciao Riccardo e tutti!
      Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
      ...entrambi sono in serie a motore e batterie quindi se...
      ...sono sì in serie e fra di loro in parallelo! comunque non vedo critico il problema del cablaggio!


      Sul recupero che debba valere su tutte le batterie non sarei così sicuro...
      abbi pazienza, ma non sono d'accordo, se chi accumula il recupero è un qualcosa che non siano le batterie di trazione il tutto è indipendente dalla chimica delle batterie. Prevedo che in fase di richiesta di energia, ancor di più in partenza da zero, il controller deve erogare quanto "appena" recuperato per poi "passare" alla batteria che potrebbe essere di qualsiasi tipo...considera che un Batcap 400 eroga 400A per 8 secondi!


      ...ma in carica sarebbe quasi invisibile al CB...
      Può essere e spero sia così, ma con i moderni carica batterie a microprocessore, temo che il condensatore "falsi" la capacità della batteria durante l'analisi della stessa. Comunque il tutto è da provare "in lab".
      Sto aspettando con impazienza dopo una lunga ricerca e analisi un carica batterie di produzione italiana programmabile cn il PC e con 16 curve pre programmate, un vero gioiellino!

      Salutoni
      Furio57
      Ultima modifica di Furio57; 20-12-2013, 01:55.
      L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
      LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
      Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

      Commenta


      • #63
        Riguardo il cablaggio ok, può non essere un problema ma su un veicolo esistente non è facile modificare il layout di cavi grossi e solitamente sagomati. Si sarebbero in parallelo tra loro, quindi dovresti accrocchiare una giunzione a T di cavi di potenza....
        Però se ci pensi... se non lo fa nessuno è proprio perchè hai già tutto nella centralina, basta far commutare i finali in maniera opportuna per ottenere il regen, e credo sia anche evitata automaticamente la necessità di dover garantire che i due circuiti non entrino in cross-conduzione (non so se si chiama così).

        Riguardo le batterie, ripeto facendo due conti sono sicuro che non potresti garantire affatto che tutti gli spunti o il regen vadano a carico del supercap, 8sec a 400A non sono molti e comunque sarebbero con V variabile drasticamente...
        Un rilascio in uscita da tangenziale/superstrada può durare molto di più....
        E poi, francamente, non credo possa essere ragionevole mettere un dispositivo costoso come regen su supercap su una chimica inadeguata come il Pb!
        Qualche dato dalla Elettra: il passaggio da Pb a litio ha comportato una riduzione dei consumi di più del 25% (da più di 200 a circa 150-160Wh/km).. il passaggio a chimica decente viene prima del regen.

        Parlo ovviamente in generale, poi se hai da sperimentare iniziando sul pb... ben venga!
        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
        I miei articoli qui:
        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

        Commenta


        • #64
          Ciao Riccardo e a tutti

          Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
          ...Riguardo le batterie...non potresti garantire affatto che tutti gli spunti o il regen vadano a carico del supercap, 8sec a 400A non sono molti e comunque sarebbero con V variabile drasticamente...
          Beh il batcap è una idea, magari più di uno, forse sono meglio i super condensatori e molto frazionati per avere sempre la massima tensione quindi nessuna V variabile che se bassa rende effettivamente inefficacie l'utilizzo.


          francamente, non credo possa essere ragionevole mettere un dispositivo costoso come regen su supercap su una chimica inadeguata come il Pb!
          Non è proprio così, costoso no, ma come dici tu l'elettronica di potenza è già presente e basta poco aggiungere il regen: Il mio regolatore (centralina) un Reghel mod.RF96 ha il sistema di recupero ed era previsto per le batterie al piombo, la Panda Elettra (quella vecchia) ha il recupero usando le batterie al piombo..., ma purtroppo come già ho scritto il piombo "si accorge" di essere in carica dopo minuti di ricarica: pochi secondi o frazione di essi non portano a nulla...forse i progettisti si accontentavano di una specie di freno motore. Purtroppo il Reghel è progettato per ricaricare solo la batteria di alimentazione del motore e non avendo lo schema, "dirottare" l'energia di recupero ad altro è abbastanza impegnativo forse di più che riprogettare il tutto.


          ...il passaggio da Pb a litio ha comportato una riduzione dei consumi di più del 25% (da più di 200 a circa 150-160Wh/km)...
          Certamente batterie più performanti contano molto. Comunque considero il recupero d'energia anch'esso di notevole importanza, considerando che a prescindere dalla tecnologia della batteria è imperativo a qualsiasi costo aumentarne l'autonomia, non ultimo un considerevole risparmio dei freni.

          Salutoni
          Furio57

          Ciao a tutti!
          Oggi telefonando ad un numero trovato sul libretto della Zele, mi ha risposto una gentilissima signora che mi ha detto che il telefono era quello della Reghel...era, perchè sich! la Reghel non esiste più, però, però, la nuova azienda subentrata che ne ha acquisito l'eredità aveva ancora il manuale ed alcuni schemi della mia centralina (roba degli anni '80). Ho parlato anche con uno dei vecchi progettisti ancora presenti nella nuova azienda che mi ha schiarito molte incognite. La Signora gentile, si è offerta di scannerizzare tutta la documentazione e di spedirmela via email. Ora tutti i fogli sono qui sul mio tavolo!(sto godendo come un riccio!) ciò mi aiuterà enormemente per quello che desidero realizzare. (mai disperare, però una bella botta di c..o, no?)

          Salutoni
          Furio57
          Ultima modifica di nll; 23-08-2014, 00:15.
          L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
          LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
          Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

          Commenta


          • #65
            vai col reverse engineering! Magari postali gli chemi nel 3d specifico, possono servire anche solo per curiosità...
            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
            I miei articoli qui:
            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

            Commenta


            • #66
              spero possa esservi utile... se servono info su reperire supercap al litio (LiC) chiedete...
              http://www.intechopen.com/download/g.../pdfs/id/20362

              Commenta


              • #67
                info su funzionamento regen

                buongiorno,
                posto qui anche se so di sbagliare, ma non ho trovato la sezione opportuna. scusate.

                ho un dubbio:

                io ho un motore Brish less a magneti permanenti con il suo controller con funzione regen in frenata.
                per testare il regen ho messo un amperometro in serie sul positivo dalla batteria. Mi aspetto di osservare una inversione del verso (o del segno) della corrente in frenata, ma niente. Ho il sospetto che il regen non vada.

                ma mi chiedo. se un motore (come il mio) funziona a 48V e ammettiamo abbia una rotazione massima di 1000 rpm. E' corretto ritenere che per produrre una tensione di almeno 50V (per poter quindi caricare la batteria) serva una rotazione superiore di 1000rpm? o ci dovrebbe pensare il controller a trasformare alla tensione giusta?

                altro quesito: se invece ho un motore a spazzone in CC, è corretto quanto scritto sopra? ossia che serve imprimere una rotazione superiore alla rotazione massima che avrebbe come motore, per produrre una tensione sufficiente a caricare le batterie che lo farebbero funzionare.

                Morale: sto lavorando sulla mia E-bike (home made) e vorrei aggiungere un genset in cui il generatore mi funziona ("a bisogno") come motore. Mi chiedo se sia più facile utilizzare un motore CC a spazzole o un motore BLPM con una centralina ad hoc. spero di essere stato chiaro.
                grazie

                Commenta


                • #68
                  Biker, meno male che ti sei scusato in anticipo perchè avrei dovuto bannarti a vita! Come hai fatto a non vedere questo 3d specifico e a postare domande sul regen nella sezione veicoli ibridi? Mah, mistero dei periodi festivi....

                  Si in effetti l'amperometro dovrebbe segnare l'inversione, ma se il regen va non puoi non 'sentirlo', un motore elettrico senza regen non frena per niente, in rilascio sarebbe come mettere in folle.

                  2a risposta: si fa tutto il circuito, concettualmente una centralina potrebbe anche alzare o abbassare tensioni e correnti se intese come valori medi, visto che in realtà lavorano in PWM cioè 'a impulsi'

                  In CC è tutto concettualmente più semplice ma vale lo stesso: in trazione la centralina abbassa la V 'media' ai capi del motore, in regen è come se la rialzasse perchè 'chiude' per piccoli intervalli di tempo.
                  Credo sia molto discutibile dal punto di vista teorico, però se un motore sta girando a meno giri del massimo può generare una tensione media minore della nominale, ma se per esempio genera Vmax/5 basta chiudere il circuito per meno di 1/5 del tempo (es 2 ms ogni 10ms)

                  Riguardo le 'ibridizzazioni', che mi sembra sia quello che hai in mente, quando vuoi parlarne c'è una altro 3d specifico in questa sezione.
                  Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                  I miei articoli qui:
                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                  Commenta


                  • #69
                    grazie.oltre a kelly.. ci sono aziende che vendono controlli con regen per basse/medie potenze?grazie

                    sono interessato a trovare un'accoppiatta motore e controllo che possano funzionare con un buon rendimento e per un lungo periodo come generatore (a cui, quindi, somministro potenza meccanica i cambio di elettrica), ma che possa essere, al bisogno, un buon motore per trazione con tanto di controllo di velocità.
                    qualcuno sa dove indirizzarmi?
                    grazie
                    Ultima modifica di nll; 23-08-2014, 00:14. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                    Commenta


                    • #70
                      Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
                      Questa ricerca dice che per un'auto di 1500 kg il massimo di energia recuperabile, con KERS efficiente al 100%, ammonta al 23%.
                      Ho trovato qualche altra ricerca, più dettagliata:

                      http://www.uns.ethz.ch/edu/teach/bac..._Conv_Tech.pdf


                      http://www.uns.ethz.ch/edu/teach/bac...E_Vehicles.pdf
                      Città/autostrada (percentuali)
                      Rolling resistance 27.7 35.2
                      Aerodynamic drag 18.0 50.4
                      Inertia (Weight) force 54.3 14.4

                      Cioè in città il 54,3% dell'energia viene disperso in frenate e rallentamenti, mentre in autostrada è solo il 14,4%; quindi quel 23% dell'altra ricerca era forse una media "pura"; questa nuova ricerca invece della media semplice fa una media pesata, non so sulla base di quale percorso di prova, per cui la percentuale combinata viene 40%.

                      Non so se questo grafico online è permanente o temporaneo....
                      Online Charting. Futures trading and various online stock trading.

                      Interessante anche osservare quanta benzina viene utilizzata per far muovere l'auto:

                      Tractive energy 57.5 80.0
                      Accessory energy 10.0 6.5
                      Idle/Braking consumption 15.0 2.0
                      Transmission/Driveline loss 17.5 11.5

                      57,5% in città, 80% in autostrada; il resto se ne va in riscaldamento, aria condizionata, luci, frenate, soste al semaforo, perdite di trasmissione.

                      Sfortunatamente,questo 57,5% deriva dal noto 25-30% di rendimento del motore a benzina (contro il 90-95% nel caso di motori elettrici).
                      Quindi di 50 euro di benzina, quelli che effettivamente vengono usati per vincere attrito dell'aria, delle ruote e inerzia è il 57% del 30%, cioè il 17%! E naturalmente il 57.7% di questo 17% si disperde in frenate in un'auto a benzina, quindi rimane alla fine un 7%: cioè metto 50 euro di benzina... e ne uso 3,5 per muovere la macchina, il resto sono soldi buttati!!!

                      http://autoguida.wordpress.com/2014/...no-di-benzina/
                      Ultima modifica di jumpjack; 19-03-2014, 14:34.
                      Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                      -- Jumpjack --

                      Commenta


                      • #71
                        Furio57, come è andata con il progetto? sono curioso.

                        Commenta


                        • #72
                          Aggiornamento!

                          Non so se Furio sta lavorando su regen e supercap, io nel frattempo ho deciso di LIMITARE per motivi di sicurezza la frenata regen sulla mia Eli, ne parlo qui:
                          http://www.energeticambiente.it/fiat...-funzioni.html

                          Proprio da oggi ho azzerato il misuratore di consumi e parto con i rilievi.
                          Quindi potrei avere nel prossimo futuro dei dati riguardo le variazioni di consumo dovute alla presenza di regen al 100% o ridotto. Considerato che la riduzione scelta agisce soprattutto sotto i 60km/h (cioè in ambito urbano dove l'energia recuperabile è massima) vedremo cosa succede.

                          Io credo che la differenza sarà difficilmente quantificabile, vedremo!
                          Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                          I miei articoli qui:
                          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                          Commenta


                          • #73
                            per ora pubblico anche qui il link al video che ho fatto:

                            https://www.youtube.com/watch?v=ewf6...ature=youtu.be

                            per chi avesse voglia permette di ricavare i tempi e quindi le decelerazioni (e la potenza frenante).
                            Ricordo ai meno esperti che la Elettra frena elettricamente (fondo scala a sinistra dell'econometro) con circa 8kW di potenza massima.

                            A 70-100 km/h corrisponde a una decelerazione abbastanza blanda e quindi va bene, mentre a velocità inferiori ai 50 l'eccessiva frenata sull'assale posteriore (la Eli è trazione posteriore come tutte le macchine sportive ) ha provocato 2 testacoda su fondo viscido, e comunque risulta fastidiosa (es sui dossi rallenta traffico provoca a volte il bloccaggio parziale delle ruote post)

                            Pubblicherò eventuali differenze riscontrate nei consumi (dubito..)

                            Altre considerazioni: la frenata originale, un po' troppo alta (anche se comunque calava sotto i 30 km/h) portava nel traffico ad un andamento un po' troppo "tira e molla": tranne me, capace di modulare al mm l'acceleratore, portava ad una andatura non fluida.

                            Insomma, anche per questo non credo che i consumi ne risentiranno: ora è più facile una guida "rilassata" con accelerazioni e frenate più soft nel traffico.

                            Inoltre...anche se le LiFeYPO4 dovrebbero essere robuste al riguardo, anche la durata delle batterie potrebbe beneficiarne.
                            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                            I miei articoli qui:
                            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                            Commenta


                            • #74
                              primo riscontro sui consumi: 155 Wh/km dalla modifica, sembra perfettamente in linea coi consumi di questo periodo ante modifica.
                              Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                              I miei articoli qui:
                              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                              Commenta


                              • #75
                                Ho trovato una ricerca che illustra come, usando una resistenza elettrica per dissipare l'energia di frenata quando le batterie sono troppo cariche, è possibile risparmiare il 12% di energia della batteria, se il calore prodotto è usato per riscaldare l'abitacolo.
                                E' un risultato importante, perchè è proprio d'inverno che l'autonomia dei mezzi elettrici è minore, proprio perchè molta energia serve a riscaldare l'abitacolo.

                                Abstract
                                Electric brake resistors are well known in the domain of power electronics, railway or elevator technology
                                to guarantee electric braking or to damp high electric power peaks. The generated heat energy, however, is
                                usually dissipated. This work deals with the potential of an automotive application of the electric brake
                                resistor to enable brake energy regeneration (recuperation) also at low temperatures and high state of
                                charge when the charge performance of the traction battery is limited. By reusing the excess recuperation
                                energy to support the vehicle’s cabin heating, the overall energy efficiency can be increased. In this paper
                                three classes of battery electric vehicles are simulated with different driving environments and start parameters
                                to assess the influences on the efficiency potential of this application. It is shown that, depending
                                on the start conditions and drive cycle, the total energy demand can be reduced by up to 12% with the use
                                of a 6kW rated brake resistor.
                                Potential of an electric brake resistor to increase the efficiency of electric vehicles
                                Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                                -- Jumpjack --

                                Commenta


                                • #76
                                  leggo solo ora...

                                  a me sembra una cavolata, uno studio teorico basato su assunzioni arbitrarie. Comunque funzionerebbe solo in caso di lunghe discese subito dopo la partenza, altrimenti qualunque sia la temperatura la ricarica regen non può arrivare a "riempire" le batterie, altrimenti saremmo al moto perpetuo.

                                  Bah... sai che molti articoli parlano del proliferare di bufale scientifiche perchè l'importante è produrre pubblicazioni, questa mi sembra una di quelle.
                                  Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                  I miei articoli qui:
                                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                  Commenta


                                  • #77
                                    immaginiamo un'auto che ha percorso in pianura un certo tratto scaricando in parte le batterie, le stesse sono capaci, se esiste lo specifico circuito, di assorbire l'energia ricaricandosi per cui il sistema funziona
                                    ma immaginiamo di abitare in montagna caricare l'auto e scendere a valle con la nostra auto, in questo caso il sistema non funziona in quanto la batteria non sono in grado di assorbire energia per cui siamo senza freno di marcia
                                    sottolineo il termine "freno di marcia", un motore endotermico se non alimentato da carburante comunque conduce il suo ciclo per cui nella fase di compressione assorbe energia mentre non ne produce nella fase di scoppio in quanto non ha carburante per cui frena (il cosidetto freno motore)
                                    ne consegue che mentre a fronte a fronte di una breve, intensa e repentina frenata di emergenza (evitare il ciclista *******) l'auto endotermica e l'auto elettrica reagiscono allo stesso modo mentre a fronte di una frenata continua (discesa lunga) le due auto reagiscono in maniera diversa, l'endotermica frena benissimo e potrebbe farlo all'infinito mentre l'elettrica non frena affatto per cui si deve usare per lungo tempo il freno meccanico con grandi problemi
                                    l'alternativa banale sarebbe che l'autista abbia cura di prevedere il percorso e badare di iniziare il viaggio sempre con batterie cariche se deve affrontare una pianura o peggio una salita di rilievo ed al contrario curare di avere le batterie abbastanza NON cariche se deve affrontare significative discese
                                    ovvio che se abiti in pianura per la legge della conservazione dell'energia il problema non si pone
                                    non si pone nemmeno per chi partisse da bassa quota per salire e DOPO ritornare
                                    si pone, E GRAVEMENTE, per chi partisse da quota elevata e dovesse scende per poi tornare in salita

                                    se a qualcuno interessa si può approfondire questo discorso, sempre partendo dal settore industriale dove il problema è noto da tanti anni
                                    Ultima modifica di richiurci; 26-09-2018, 07:58. Motivo: eliminati OT
                                    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                    " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                    Commenta


                                    • #78
                                      Ciao B_N_

                                      sui veicoli, tranne qualche studio per ora senza applicazioni, nessuno sognerebbe di dissipare l'energia cinetica su resistori di potenza.

                                      Qualsiasi veicolo elettrico è infatti già dotato per ovvi motivi di due sistemi di frenatura:
                                      - la frenata rigenerativa che recupera l'energia ricaricando le batterie
                                      - la frenata tradizionale, che interviene in caso di frenate molto brusche e/o di guasto della rigenerativa.

                                      La frenata tradizionale interverrebbe quindi anche nel caso (abbastanza raro) di auto che parte totalmente carica ed affronta una lunga discesa, e le due frenate sono "mischiate automaticamente" perchè comandate dallo stesso pedale del freno.
                                      Non avrebbe senso introdurre un terzo sistema (frenata dissipativa su resistenze) che stresserebbe e riscalderebbe inutilmente l'elettronica di bordo

                                      Quindi è tutto intuitivo, col tempo si impara solo a sfruttare di più la rigenerativa.

                                      Infine una nota: sui nuovi veicoli il freno motore è molto ridotto rispetto ad anni fa, quando ho comprato anni fa la mia Astra mi ero dovuto abituare ad usare i freni molto di più

                                      Originariamente inviato da B_N_ Visualizza il messaggio
                                      se a qualcuno interessa si può approfondire questo discorso, sempre partendo dal settore industriale dove il problema è noto da tanti anni

                                      Note di Moderazione:

                                      No, questo 3d è limitato alla frenata rigenerativa nei veicoli elettrici, non ha senso allargarlo a sistemi industriali che hanno problematiche del tutto diverse

                                      Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                      I miei articoli qui:
                                      https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                      Commenta


                                      • #79
                                        Questo angustiante problema dei proprietari di veicoli elettrici che dormono tutti in alta montagna per poter caricare alla famosa colonnina gratuita posta sulle Pale di San Martino. Per poi schiantarsi per la mancanza di frenatura rigenerativa. Ne parlano tutti.

                                        Commenta


                                        • #80
                                          Qual è il problema nel dirottare la corrente su una resistenza invece che sulla batteria, per avere sempre la stessa intensità di freno motore quando si rilascia l'acceleratore?
                                          Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                                          -- Jumpjack --

                                          Commenta


                                          • #81
                                            E' un problema termico e circuitale: le resistenze per dissipare 8-30 kW sarebbero enormi...e inoltre si stresserebbe inutilmente il circuito che fa la regen (tipicamente l'inverter)

                                            La domanda è un'altra: perchè dovrei usare delle resistenze per dissipare energia in calore, se già a bordo ci sono i freni tradizionali che fanno esattamente la stessa cosa e in maniera molto affidabile e collaudata in secoli di utilizzo?
                                            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                            I miei articoli qui:
                                            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                            Commenta


                                            • #82
                                              Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                                              La domanda è un'altra: perchè dovrei usare delle resistenze per dissipare energia in calore, se già a bordo ci sono i freni tradizionali che fanno esattamente la stessa cosa e in maniera molto affidabile e collaudata in secoli di utilizzo?
                                              perché non è vero
                                              cosa credi che abbia fatto l'esempio della funivia per fare ?
                                              i freni meccanici servono a fermarsi in poco tempo, per esempio in città si usano molto
                                              ma nessuno sarebbe così ********** da percorrere una discesa lunga con una diesel in folle azionando il freno, oltretutto sarebbe pericolosissimo perché alla fine della discesa i freni sarebbero inefficienti
                                              è per quello che i grandi veicoli a trazione elettrica che GENERANO energia con un generatore diesel a bordo hanno due dispositivi
                                              il drive di potenza che serve per inviare energia al motore quando deve spingere
                                              il resistore di potenza che serve a evitare di dover azionare i freni meccanici per marcia in discesa
                                              ora l'auto elettrica è troppo recente per cui le situazioni non si sono ancora analizzate a fondo ma il problema della dissipazione esiste ed è grande

                                              poi, discorso secondario, stai sbagliando totalmente sul dimensionamento dei resistori di dissipazione, fattelo dire da uno che li dimensiona da tanti anni, da prima che la moda delle auto elettriche sorgesse !
                                              le grandi macchine (industria tessile, cartaria) rallentano con la massima efficienza e non hanno freni
                                              l'unico falso problema della frenata rigenerativa è che non accompagna il rallentamento fino all'arresto
                                              oltreuttto nella frenata meccanica (indifferentemente di auto o macchinari)si pone solo il problema di accellerazione (nello specifico negativa) mentre nel rallentamento forzato, impropriamente chiamato "frenata", si pone il problema del jerk che è anche più importante di quello dell'accellerazione

                                              evita di divagare con affermazioni "politiche" a fronte di un intervento rigorosamente tecnico specificatamente a tema
                                              ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                              " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                              Commenta


                                              • #83

                                                Note di Moderazione:

                                                Ok, ora hai scritto le tue certezze...ma qui si parla di frenata rigenerativa e non di altro... se vuoi apri un 3d al bar o nella sezione veicoli ibridi.

                                                Nei veicoli elettrici la frenata (regen) è fatta sempre inviando la potenza alle batterie. Altrimenti non si chiamerebbe così.

                                                Quindi basta OT

                                                Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                I miei articoli qui:
                                                https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                Commenta


                                                • #84
                                                  Se non c'è una resistenza di dissipazione a bordo di alcun veicolo elettrico il motivo dubito che sia l'acerbità del prodotto: non è rocket science, basterebbe volercela mettere. Secondo me, se non c'è è perché statisticamente non serve, semplicemente il caso del folle che carica al 100% la batteria quando sa che la potrebbe ricaricare ad ufo dopo un po', non è contemplato. Per poco che possa pesare, una resistenza da almeno un 100kW con relativo dissipatore è considerato un peso morto da portarsi a spasso sempre per non essere mai utilizzato, quindi non lo si mette.

                                                  Commenta


                                                  • #85
                                                    Scusate , se mi intrometto ma quando vedo B_N e RU faccio fatica a non leggere le loro argomentazioni sebbene a volte lunghe ma interessanti , non sono esperto in materia ma visto che si parla della frenata rigenerativa , di batterie cariche , di lunghe discese , ecc...... e sicuramente il tutto nei confronti di ev , vi posso dire con assoluta certezza che mi successo in una lunga discesa , una volta che la batteria era carica al 100% e non potendo caricarsi oltre si accendeva il termico, poi come vuole RU , se vogliamo dei dati parliamo di 2/3 kw scendendo da san marino sempre in ev , per il semplice fatto che una ibrida ha un pacco batterie da 2 kw , magari un plug.in da 9 kw si comportava diversamente poi ricordiamoci che le ibride non si ricaricano solo in frenata ma anche in marcia.

                                                    Commenta


                                                    • #86
                                                      Non posso dirti di no , ma se in una discesa lunga ricarico 2/4 kw e capisci che da san marino è lunga prima di trovare un tratto piano , nel caso di una ev con 30 /40 kw la cosa più semplice per chi abita in montagna e prevede un utilizzo in discesa al mattino è di caricare al 90 % poi non avendo ev non so come funziona il sistema in caso di batteria piena e discese lunghe

                                                      Commenta


                                                      • #87
                                                        Con batteria piena e discese lunghe usi i freni, non ci sono santi. È capitato anche a me, con ibrida, che dopo un chilometro scarso la batteria è andata in saturazione ed il freno motore al massimo delle sue potenzialità (una 40ina di kW dissipati dal motore imballato) comunque non mi rallentava a sufficienza e non mi è rimasto che frenare. Ovviamente antenne alzate, perché la cosa mi piaceva poco, ma devo dire che non ho notato la minima perdita di efficacia. Evidentemente i dischi autoventilanti di oggi non sono i tamburi della nostra infanzia.

                                                        resto dell'avviso che non vedremo resistori di dissipazione nemmeno in futuro. Chi vivrà, vedrà. Io conto di esserci
                                                        Ultima modifica di richiurci; 26-09-2018, 23:08.

                                                        Commenta


                                                        • #88

                                                          Note di Moderazione:

                                                          Vi ho lasciato divagare ma poi cancellerò post che NON parlano della frenata regen nei veicoli elettrici.

                                                          Qui non interessano le convinzioni di B_N_ o le realizzazioni industriali. E non ho intenzione di far diventare il 3d una disgressione senza nè capo nè coda.
                                                          In questa sezione ho creato e messo in evidenza una serie di 3d per dare informazioni REALI a chi vuol capire alcuni aspetti tecnici dei VEICOLI ELETTRICI.

                                                          Ultima modifica di richiurci; 26-09-2018, 23:19.
                                                          Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                          I miei articoli qui:
                                                          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                          Commenta


                                                          • #89
                                                            Per tornare alla reltà...

                                                            La frenata regen ha solo un motivo di esistere: aumentare l'efficienza e l'autonomia dei veicoli elettrici.
                                                            E questo avviene e avverrà SEMPRE solo se si recupera (regen) l'energia reimmettendola nelle batterie (o in rete per veicoli connessi alla rete come i treni)

                                                            Usare dei resistori per frenare un veicolo non è frenata regen, e per quanto ne so non viene mai fatto su veicoli "normali", magari verrà usato su veicoli molto particolari e probabilmente ibridi, proprio perchè gli ibridi hanno batterie piccole.
                                                            E i resistori dovrebbero essere raffreddati, probabilmente a liquido.

                                                            Quindi.... se non usano i resistori sulle auto omologate, ma neanche sulle auto di formula1... bisogna avere l'umiltà di accettarlo, e magari cercare di capirne il motivo.

                                                            Infine...i freni tradizionali hanno una potenza frenante elevatissima, infatti permettono l'arresto in pochi metri.
                                                            La potenza frenante regen o su resistori non potrebbe essere maggiore di quella del motore, altrimenti costringerebbe a sovradimensionare l'inverter per un uso saltuario.

                                                            Quindi... perchè complicarsi la progettazione per avere qualche kW di frenata su resistori? Sarebbe MOLTO più semplice ed economico prevedere dei freni leggermente più potenti.


                                                            Note di Moderazione:
                                                            Il discorso resistori si chiude qui. A meno di trovare almeno un caso concreto di applicazione (ma non su dumper o macchine "da cartiera")



                                                            Esempio concreto: la mia auto full electric ha 30 kW di motore, e ha frenata regen limitata a 8kW.
                                                            Equivale a una frenata "leggera" a 100km/h, una inchiodata sotto i 30 km/h (e infatti l'inverter la riduce sotto i 30-40 km/h.

                                                            Io ho scelto di ridurla ulteriormente alle basse velocità per avere una guida più fluida, ma 30 kW basterebbero a rallentare l'auto anche in discese impegnative.

                                                            I freni hanno una potenza molto maggiore di 30 kW.. credo ben maggiore di 100 kW, si potrebbe fare un calcolo.

                                                            Che senso avrebbe buttare 10kW su resistori invece di potenziare i freni di un 10%?
                                                            Ultima modifica di richiurci; 26-09-2018, 23:18.
                                                            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                            I miei articoli qui:
                                                            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                            Commenta


                                                            • #90

                                                              Note di Moderazione:
                                                              mi raccomando... non ricominciamo a litigare. Visioni tecniche diverse vanno benissimo, siamo qui a discuterne apposta. Esprimiamo bene i vari concetti e analizziamoli senza infervorare gli animi.
                                                              Eroyka

                                                              Essere realisti e fare l'impossibile

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X
                                                              TOP100-SOLAR