annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La frenata rigenerativa (regenerative braking): considerazioni, articoli, misure

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #91
    Come ho già scritto, in questo 3d non si parla di impianti industriali o di motori elettrici in generale, ma di FRENATA REGEN.

    E' un accorgimento presente ormai da DECENNI, per esempio lo avevano la mia Elettra ma anche la precedente Panda Elettra (1990):
    Ritorno al passato: l'auto elettrica italiana - ElectroYou

    Praticamente è un sistema presente sui veicoli da quando sono stati sviluppati i primi controller "PWM", cioè da ormai più di 50 anni.

    E' un accorgimento talmente utile per aumentare l'efficacia del veicolo che...viene usato pure su veicoli ibridi, che potrebbero usare il freno motore e invece ovviamente usano la frenata regen proprio per ricaricare le batterie.


    Ovviamente la regen ha anche altri vantaggi, per esempio aumenta la sicurezza perchè il veicolo è frenato ad acceleratore sollevato, e riduce il consumo dei freni, riducendo le emissioni di PM10 da parte dei veicoli elettrici (oltre a ridurre le spese di manutenzione).

    Sono tanti vantaggi che fanno "invidia" alle auto tradizionali, e infatti a volte tentano di copiare la frenata regen con sistemi simili, che sono però specchietti per allodole, perchè la sola batteria di avviamento non ha capienza sufficiente per una frenata regen prolungata.

    Se interessa posso rimettere il grafico che mostra trazione e regen nella mia auto al variare del numero di giri, lo trovate comunque nelle prime pagine inserito da Gattmes
    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
    I miei articoli qui:
    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

    Commenta


    • #92
      Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
      Ovviamente la regen ha anche altri vantaggi, per esempio aumenta la sicurezza perchè il veicolo è frenato ad acceleratore sollevato, e riduce il consumo dei freni, riducendo le emissioni di PM10 da parte dei veicoli elettrici (oltre a ridurre le spese di manutenzione).
      Ok , ma gli organo meccanici adibiti alla frenata rigenerativa , mica sono eterni , anche loro subiscono un deterioramento e sono soggetti a guasti .
      Quindi in definitiva bisogna anche valutare costi benefici .
      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

      Commenta


      • #93
        ma insomma...si riesce a parlare con un minimo di cognizione di causa?

        NON ci sono organi meccanici coinvolti per la frenata regen, a parte il mozzo ruota o il semiasse che uniscono il motore alle ruote, ma che lavorano e sono dimensionati per quello.

        Quindi non c'è nessun deterioramento aggiuntivo, anzi i freni tradizionali essendo più bruschi sollecitano di più i pneumatici e la meccanica in generale.

        Costi e benefici sono già ampiamente valutati da chi progetta e commercializza veicoli elettrici, e infatti la frenata regen è utilizzata su TUTTI i veicoli elettrici.

        Ricordo che è stata introdotta persino in Formula 1 (KERS), e addirittura hanno dovuto aggiungere un intero sistema di trazione/recupero/accumulo che non era presente.

        Se hanno pensato di inserirla dove mancava tutto il sistema di trazione elettrica... ci sarà un motivo non credete?

        O forse in F1 i freni non potrebbero reggere le lunghe discese?
        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
        I miei articoli qui:
        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

        Commenta


        • #94
          Mi permetto di farti osservare che la frenata viene fatta da una dinamo o dal motore elettrico ,che recupera l'energia cinetica , collegati con dei semiassi e degli ingranaggi .
          Non è che questi sono eterni .

          In ogni caso gli ingranaggi connessi al meccanismo sono sollecitati il doppio rispetto ad un uso normale di sola trazione .
          Magari il costo benefici come dici tu è favorevole al recupero di energia , ma una parte dei benefici ottenuti ha un costo meccanico .

          Ma io non nego l'utilità della frenata rigenerativa in quanto fa risparmiare energia e recuperare quella persa .

          Chiudo discorso .
          Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

          Commenta


          • #95
            Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
            Mi permetto di farti osservare che la frenata viene fatta da una dinamo o dal motore elettrico
            No la dinamo no ti prego!

            Scusate ma mi sembra assurdo porsi problemi che...nessuno si è mai posto, neanche voi stesso quando usavate il freno motore dell'auto...

            I veicoli elettrici NON hanno (nella quasi totalità) cambio nè frizione. Quindi (e chi li guida lo sa) si sentono molti meno "colpi" dati agli organi di trasmissione dai nostri errori o semplicemente dagli innesti del cambio.

            Ne deriva che i pochi ingranaggi presenti (differenziale e riduttore) sono sempre in presa, soggetti solo a inversione di movimento e di sforzo, e lo sforzo in frenata regen è minore che in trazione.

            Infine, ma non ultimo, il tutto è gestito da firmware, che a differenza nostra non sbaglia ed evita appunto i colpi.

            Non dimentichiamo che sui veicoli tradizionali per sfruttare il poco freno motore si deve giocare con cambio e frizione... il tutto per buttar via energia.
            E infatti ormai con i moderni impianti frenanti nessuno usa in maniera "sportiva" il freno motore come si faceva una volta, lo si usa solo in rilascio (e la mia Astra diesel ne ha ben poco di freno motore).

            E' per questo che la frenata regen è praticamente SEMPRE usata: la sua implementazione è di fatto GRATIS (tutti i componenti necessari sono già a bordo) e i benefici, anche se "limitati", ci sono: riduzione dei consumi intorno al 10-15%, meno usura dei freni, aumento probabile della durata delle batterie, aumento dell'autonomia

            Quindi nessun peggioramento dell'affidabilità, anzi anche la parte meccanica di trazione essendo più semplice e meno sollecitata risulterà meno soggetta a guasti che sui veicoli termici.
            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
            I miei articoli qui:
            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

            Commenta


            • #96
              Originariamente inviato da Dupagu Visualizza il messaggio
              Questo angustiante problema dei proprietari di veicoli elettrici che dormono tutti in alta montagna per poter caricare alla famosa colonnina gratuita posta sulle Pale di San Martino. Per poi schiantarsi per la mancanza di frenatura rigenerativa. Ne parlano tutti.
              Ecco perché non si sviluppa la mobilità sostenibile....

              ...comunque...ci si crea dei problemi per niente....

              Si gestisce tutto....

              Ciao

              Fox
              16 moduli ST170M Conergy Inverter IPG3000 vision

              alla tv -calcio +rally

              http://www.evalbum.com/2123

              Commenta


              • #97
                Ciao a tutti, pur conoscendo il funzionamento dei veicoli elettrici solo a livello teorico, concordo col pensiero di Riccardo.
                Inserire dei resistori di potenza per rallentare un veicolo elettrico non ha alcun senso sia, come diceva top, per l'aggiunta di ulteriore peso sia perché, in un motore elettrico vi è un modo molto più semplice per generare un rallentamento, ovvero invertirne la polarità.
                Avevo già postato la cosa più su, poi cancellata perché in quel momento la ritenevo "sconveniente"... forse, da semplici automobilisti, non ne siete a conoscenza ma esistono già, e da decenni, sistemi di frenatura elettrici (anzi il termine giusto sarebbe elettromagnetici o elettrodinamici) e sono comunemente in funzione su camion e autobus, sono i retarder e, com'è visibile nel link che ho inserito, non utilizzano nessuna tipologia di resistenza.
                Ora, mi pare evidente che, se veramente vi fosse la necessità di inserire una qualche tipologia di sistema di rallentamento sui veicoli elettrici, sarebbe, da parte dei progettisti, molto più semplice rivolgersi a questi sistemi piuttosto che a, passatemi il termine, "rozze" resistenze.

                P.S.
                OT ma giusto per fare una precisazione, il freno motore, quello vero, non esiste ne è mai esistito in (che io sappia) nessun autoveicolo né diesel né, tanto meno, a benzina, ma solo nei veicoli di massa superiore (camion e autobus), quello che comunemente viene definito freno motore è solo un rallentamento dovuto all'utilizzo forzato di rapporti bassi con relativo stress meccanico di motore e trasmissione
                Domotica: schemi e collegamenti
                e-book Domotica come fare per... guida rapida

                Commenta


                • #98
                  Non c'è alcuno stress, non più di quello che avrebbero glo organi quando in trazione positiva. Semplicemente si rilascia gas e gli organi interni ovviamente tendono a rallentare il moto, rallentando anche la corsa del veicolo.
                  Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                  Commenta


                  • #99
                    Che significa " quello che comunemente viene definito freno motore è solo un rallentamento dovuto all'utilizzo forzato di rapporti bassi"?
                    Cos'altro intendi per "freno motore"?
                    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                    -- Jumpjack --

                    Commenta


                    • A mio avviso si parla di freno motore quando invece è decelarazione , la differenza è che nel termico per avere efficacia bisogna scalare le marce , invece nell'ev con cambio automatico decelerando oltre a rallentare si ricarica la batteria e quando tale rallentamento non è sufficiente si frena recuperando ancora energia , quindi sarebbe giusto parlare non solo della frenata rigenerativa ma di tutte le fasi in cui si recupera energia ovvero frenata , decelerazione , discesa.

                      Commenta


                      • Siamo OT ma, giusto per chiarire e rispondere a jumpjack, col permesso di Riccardo (nel caso elimina senza pietà )
                        ...Cos'altro intendi per "freno motore"?...
                        Il freno motore, quello reale, presente soprattutto (o solo) sui motori diesel di grossa cilindrata (camion, trattori stradali o autobus) è costituito da un insieme di accorgimenti messi in funzione o da una pedalina a parte o dallo stesso pedale del freno (prima parte della corsa), i principali di questi accorgimenti sono: la pompa gasolio viene posta in "mandata nulla" e una valvola ad ok chiude parzialmente il condotto di scarico. Attuando tali misure i gas combusti presenti nei cilindri non potendo sfogare all'esterno generano una forza frenante sia nella fase di espansione che in quella di compressione ... in soldoni l'azione è la medesima che si può riscontrare cercando si estrarre o di spingere lo stantuffo in una siringa col beccuccio tappato.
                        Il risvolto negativo (è probabilmente la causa per cui non è mai stato adottato sulle normali autovetture) è che il pistone si "trova a lavorare" con gas incombusti e caldi ma nel contempo è privo della lubrificazione che normalmente gli viene fornita dalle paraffine presenti nel gasolio
                        Domotica: schemi e collegamenti
                        e-book Domotica come fare per... guida rapida

                        Commenta


                        • Senza gasolio - e quindi senza combustione- non ci sono gas combusti da stantuffare, è solo aria..

                          Commenta


                          • prima di fare pulizia di queste disgressioni sui veicoli diesel, faccio presente che all'utente non interessa se il "freno motore" sia intrinseco del motore stesso o ottenuto in altro modo.

                            Per freno motore si intende comunemente la tendenza del mezzo a rallentare se si rilascia il pedale dell'acceleratore.

                            Come venga realizzato può dipendere da mezzo a mezzo, ma io ho riscontrato una diminuizione negli anni del "freno motore" anche sulle auto, probabilmente perchè il freno motore nei motori termici è sintomo di inefficienza, essendo legato di fatto agli attriti interni (aria nei condotti, azionamenti valvole, attrito pistoni e cuscinetti ecc), forse anche a causa della progressiva riduzione delle cilindrate a parità di potenza.

                            A parte casi particolari come i camion in lunghe discese sui veicoli moderni i freni non hanno più i problemi di anni fa, quindi in generale il freno motore non viene più usato per "aiutare" i freni, ma solo per avere il motore su di giri e "pronto", insomma ben pochi per fortuna fanno ruggire il motore in scalata se non si trovano in pista.

                            Quindi il freno motore viene implementato solo per una questione di sicurezza dinamica, e nei veicoli elettrici viene usato anche e principalmente (frenata regen, di cui dovrebbe parlare questo 3d) per recuperare energia che andrebbe perduta.
                            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                            I miei articoli qui:
                            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                            Commenta


                            • nell'auto elettrica questo fenomeno dal punto di vista puramente meccanico è minimo, il motore elettrico se non alimentato è paragonabile ad un volano di peso rilevante per cui tende a mantenere lavelocità, ovviamente si avrebbe lo stesso un minimo rallentamento dovuto alle perdite di varia natura
                              i progettisti si sono impegnati a ricreare l'effetto tramite inversione del vettore energetico, in pratica attraverso specifiche circuitazioni (*1) si assorbe energia che attraverso uno specifico caricabatterie (*2) carica le batterie, questa viene definita tecnicamente frenata rigenerativa, giova sottolineare che lo scopo focale della stessa èrallentare il veicolo fino a QUASI l'arresto (non fino alla velocità zero perché a rotazioni troppo basse il sistema si sgancia), la carica delle batterie è un fenomeno collaterale,

                              Note di Moderazione:
                              eliminati errori e imprecisioni


                              Ultima modifica di richiurci; 04-10-2018, 21:19.
                              ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                              " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                              Commenta


                              • B_N_, hai già espresso questa tua convinzione che cozza però con la realtà, e con la stessa definizione.

                                La ricarica delle batterie è stata cercata e non è un "fenomeno collaterale", altrimenti avrebbero deviato l'energia su freni tradizionali, magnetici come sui vecchi treni, o perfino sui tuoi amati resistori.

                                Lo scopo è chiaro a tutti, soprattutto ai progettisti: aumentare efficienza ed autonomia degli EV. Fattene una ragione....
                                Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                I miei articoli qui:
                                https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                Commenta


                                • Scusa B_N : Il concetto di frenata rigenerativa e' contenuto nel nome stesso : "rigenerativa" cioè si rigenera dell'energia elettrica trasformando quella cinetica accumulata dal mezzo in movimento e l'energia recuperata , per non venire sprecata, si accumula nella batteria di trazione. Non è difficile, basta applicarsi un pochino.
                                  Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                  Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                  Commenta


                                  • vediamo di fare un interventotecnico
                                    Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                                    Come venga realizzato può dipendereda mezzo a mezzo, ma io ho riscontrato una diminuizione negli anni del "frenomotore" anche sulle auto, probabilmente perchè il freno motore nei motoritermici è sintomo di inefficienza, essendo legato di fatto agli attriti interni(aria nei condotti, azionamenti valvole, attrito pistoni e cuscinetti ecc)
                                    Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio

                                    Quindi il freno motore viene implementato solo per unaquestione di sicurezza dinamica, e nei veicoli elettrici viene usato anche eprincipalmente (frenata regen, di cui dovrebbe parlare questo 3d) per recuperareenergia che andrebbe perduta.
                                    datoche è una discussione tecnica sarebbe bene dire cose che pur potendo esseremesse in discussione abbiano una valenza tecnica
                                    la tesi che il freno motore nei motori endotermici siasintomo di inefficienza non ha il minimo senso
                                    il motore endotermico, salvo specifiche eccezioniconclude il suo ciclo con due rotazioni intere, cioè con 4 movimentialternativi
                                    due di questi sono passivi ed assorbono una quantitàminima di energia
                                    uno è passivo ed assorbe una quantità rilevante dienergia
                                    uno è attivo e cede una quantità di energia notevole,se disattivi questo movimento il motore diventa un sistema che assorbe energia,lo si può equiparare ad un compressore a pistoni, in pratica per poter girareassorbe energia da quella cinetica del veicolo stesso, ciò inevitabilmente creaun rallentamento che in pianura va MOLTO oltre quello determinato dallamancanza di spinta, addirittura in discesa compensa la spinta determinata dalvettore dal coseno della gravità terrestre in relazione all'inclinazione delladirezione di marcia, tecnicamente questo effetto è chiamato freno motore inquanto determina rallentamento fino all'arresto completo del veicolo stesso
                                    nell'auto elettrica questo fenomeno dal punto di vistapuramente meccanico è minimo, il motore elettrico se non alimentato èparagonabile ad un volano di peso rilevante per cui tende a mantenere lavelocità, ovviamente si avrebbe lo stesso un minimo rallentamento dovuto alleperdite di varia natura
                                    i progettisti si sono impegnati a ricreare l'effettotramite inversione del vettore energetico, in pratica attraverso specifichecircuitazioni (*1) si assorbe energia che attraverso uno specificocaricabatterie (*2) carica le batterie, questa viene definita tecnicamentefrenata rigenerativa, giova sottolineare che lo scopo focale della stessa èrallentare il veicolo fino a QUASI l'arresto (non fino alla velocità zeroperché a rotazioni troppo basse il sistema si sgancia), la carica dellebatterie è un fenomeno collaterale, nella misura che è possibile fa comodo macomunque la frenata elettrica dovrebbe essere gestita comunque altrimentiproprio per la mancanza del freno motore intrinseco l'auto elettrica avrebbe unconsumo dei freni smodato
                                    nasce a questo punto una considerazione statistica, iprogettisti hanno pensato che "in linea di massima" l'autodifficilmente abbiano le batterie completamente cariche per cui ci sia sempre(o quasi) modo di "cacciarci dentro" energia, nella misura che oggil'uso normale delle auto elettriche è molto ridotto il discorso sta in piedi;diciamo che starebbe in piedi anche se considerassimo le auto in un contesto al99.% pianeggiante
                                    in una situazione dove le salite e le discesedivengano di rilievo statistico l'analisi non funziona più; più di un utenteche ha avuto esperienza diretta a confermato la tesi
                                    a questo punto si pone il problema della sicurezza,non possiamo pensare che un sistema ausiliario di frenata non al 100.%meccanico possa soddisfare tutte le situazioni per cui i progettisti dovrannoporsi il problema, Lupino ha fatto notare che esistono altre metodiche, ed èvero, ma mentre queste sono opportune in grossi mezzi dove il freno motore delmotore endotermico non è ancora sufficiente potrebbero rappresentare un costo(tecnico prima ancora che economico) rilevante per veicoli che nativamente nonhanno la capacità di frenare, sul come risolverlo ci penseranno i progettisti,oggettivamente non posso escludere che possano esistere soluzioni diverse dairesistori ma questi hanno il pregio di essere quanto mai semplici e facili dagestire, oltreché economici
                                    cercando su internet ho trovato vari link in propositoai sistemi di frenatura ausiliari su veicoli elettrici, per esempio questo mipare interessante https://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=53&t=73359&p=763712&hilit=dumper#p764302

                                    (*1) necessarie, un driver di potenza che non abbiagli SCR ed i relativi controlli sul power bus Dc non ha insita in sé questacaratteristica
                                    (*2) che non è lo stesso che provvede al caricamentodelle batterie da alimentazione Ac in quanto il livello della tensione dialimentazione oltre che molto più alto è fortemente variabile

                                    segnalo nel contempo a Lupino, a parte la correttacorrezione già fatta da Jumpjak, che le resistenze non hanno nulla di rozzo,sono efficacemente utilizzate in quanto sono il massimo dell'affidabilitàquando si necessita di sicura franata di un sistema qualsiasi ad azionamentoelettrico e sono sempre il metodo migliore in assoluto in quanto non hanno iproblemi, a volte molto seri, che hanno al contrario i sistemi di rilanciodell'energia in rete

                                    chiederei anche a Tonini_Mingoni di evitare interventipolitici in una discussione estremamente tecnica che oltretutto a grossi risvoltiin merito alla sicurezza
                                    --- aggiungo ---
                                    Originariamente inviato da serman Visualizza il messaggio
                                    Scusa B_N : Il concetto di frenata rigenerativa e' contenuto nel nome stesso : "rigenerativa"
                                    per la verità se proprio vogliamo fare i precisi il soggetto e sostantivo è "frenata", rigenerativa è l'aggettivo
                                    del resto quando parliamo di frenata meccanica tutti capisco che è importante frenare, la meccanica è il servo del freno non certo il fine per cui si frena
                                    la frenata rigenerativa, come sopra spiegato, è uno dei modi per frenare, ha determinati vantaggi e determinati svantaggi
                                    il punto focale è che dobbiamo garantire che l'auto possa contrastare la sua energia cinetica non solo in condizione di emergenza dove ci si debba arrestare in pochi secondi -> frenata meccanica, ma anche quando si debba evitare indesiderata accelerazione a fronte di batterie cariche vicino al 100.% -> non frenata meccanica & non frenata rigenerativa
                                    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                    " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                    Commenta


                                    • Un lungo papocchio che non sposta nulla del concetto base. Che la frenata rigenerativa non sia quella predominante e' chiaro a tutti. Ogni vettura elettrica o ibrida e' dotata di serie di un impianto idraulico dimensionato per frenare la vettura in piena autonomia. Ciò non toglie che l'applicazione di sistemi di recupero rigenerativi integri efficacemente il sistema principale riducendone lo stress e prolungandone la vita. Lo sanno bene tutti i possessori di vetture ibride (tra cui mi ci metto anch'io da ben 11 anni) le cui pastiglie frenanti durano ben oltre 100.000 km prima di richiedere la sostituzione. E oltre a ciò si ottiene un significativo recupero di buona parte di questa energia che nei percorsi urbani , densi di frenate, consente di viaggiare per quasi metà' del tempo in elettrico. Su una elettrica pura il fenomeno di frenatura elettrica e' nettamente più marcato grazie alla elevata capacità della batteria che è in grado di assorbire grandi quantità di energia il che si traduce in una fortissima azione frenante appena si rilascia l'acceleratore. Basta salire su una qualunque vettura elettrica in commercio e verificare di persona . Questi sono fatti .Tutto il resto sono elucubrazioni sterili .
                                      Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                      Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                      Commenta


                                      • ok, sospendiamo la discussione per qualche mese

                                        poi come al solito al primo incidente tutti si strapperanno i capelli sostenendo che NESSUNO lo poteva immaginare tanto "strano" è il fenomeno "che era assolutamente inimmaginabile"
                                        del resto non succede sempre così ?
                                        nel settore industriale è già successo, infatti i concetti sono cambiati

                                        visto che non accettate critiche, PER ORA, mi ritiro da questa discussione fino all'evento, dopo mi limiterò a pubblicare il link
                                        ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                        " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                        Commenta


                                        • B_N non capisco la tua contrarietà , è ovvio che in una ev l' impianto frenante è uguale a una termica , con la differenza che si recupera energia in frenata , allungando la vita dei freni , ad oggi non ho sentito incidenti di ev per mancanza di frenatura , se hai notizie in merito ......

                                          Commenta


                                          • Gibrun, inutile insistere. Quando non si vogliono tenere in considerazione i fatti documentati da centinaia di migliaia di vetture prodotte da decine di costruttori al top della tecnologia difendendo proprie nebulose teorie e' ovvio che non sia possibile una discussione che abbia un senso razionale. La chiusura con la velata minaccia di un imminente default di questi sistemi (io ve l'avevo detto !) è addirittura patetica.
                                            Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                            Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                            Commenta



                                            • Note di Moderazione:

                                              Normalmente avrei cancellato l'ultimo post di B_N_, e forse anche il precedente, perchè è evidente il suo intento: disturbare e rendere illeggibili discussioni interessanti su una tecnologia che lui non solo non capisce ma, citando sue parole, "neanche vuole provare".
                                              Lo farò magari tra qualche giorno per non essere accusato di censurare chi "la pensa diversamente".
                                              Ritengo che queste non siano riflessioni, ma pura disinformazione basata sul nulla

                                              Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                              I miei articoli qui:
                                              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                              Commenta


                                              • Originariamente inviato da serman Visualizza il messaggio
                                                ...
                                                Che la frenata rigenerativa non sia quella predominante e' chiaro a tutti. Ogni vettura elettrica o ibrida e' dotata di serie di un impianto idraulico dimensionato per frenare la vettura in piena autonomia.
                                                Voglio in parte correggerti, o meglio ritengo sia necessario chiarire cosa si intende per "predominante".
                                                Riguardo la POTENZA frenante la frenata classica è sicuramente predominante, riguardo l'ENERGIA sottratta al veicolo invece, per lo meno nelle elettriche, prevale nettamente la rigenerativa.

                                                Quindi:
                                                - frenata di emergenza: intervengono i freni tradizionali in aggiunta alla regen
                                                - rallentamenti, discese, frenate dolci o normali: interviene soprattutto (o solo quando si impara a usarla bene) la frenata regen
                                                - arresto totale del veicolo: interviene nuovamente la frenata tradizionale, ma SOLO per l'arresto: la mia per esempio rallenta col solo regen a una velocità che sicuramente è ben inferiore a 1km/h.

                                                Io ho dovuto ridurre la regen, perchè 8kW circa di frenata su una utilitaria erano troppi...ora uso la potenza massima regen solo su asciutto e alta velocità (>50km/h)
                                                Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                I miei articoli qui:
                                                https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                Commenta


                                                • Nell'ibrido è molto semplice per capire il tutto c'è una lancetta che indica le varie fasi eco andatura ottimale per termico ed ev e i motori si alternano in base alla forza richiesta , power massima potenza data dal termico e batterie ( accelerazione o partenze brusche) , charge in decelerazione e frenata con carica batteria , sono stato molto semplice....... nel caso del mio ibrido stile di guida normale anzi leggermente sportivo no lumaca una volta raggiunta la velocità desiderata si alza il piede per un attimo ed entra ev..... come al solito vado ot.....

                                                  Commenta


                                                  • Io ho dovuto ridurre la regen.....
                                                    Domanda da ignorante (per ora non sono ancora riuscito a mettere le mani sopra... al volante di un ev): come si varia il rapporto tra regen e tradizionale?
                                                    Domotica: schemi e collegamenti
                                                    e-book Domotica come fare per... guida rapida

                                                    Commenta


                                                    • Non saprei se è possibile e come , di certo quando uso l'ibrida in modalità ev e devo rallentare o frenare accumulo energia certamente dipende dalla velocità e dallo spazio entro il quale mi devo fermare , in caso di frenata brusca si ricarica meno in quanto il tempo è ridotto e intervengono i freni a disco , in caso di frenata lunga si ricarica molto e i freni intervengono solo se devo fermare il veicolo , poi a mio avviso , e detto da molti esperti di ibrido non conta molto la frenata rigenerativa , ma la decelerazione ovvero rallentare prima rispetto ad una termica per 2 motivi in rallentamento entra in ev si ricarica e si spegne il termico quindi doppio vantaggio .

                                                      Commenta


                                                      • Sono cose ovvie per chi ha personalmente guidato una vettura ibrida od elettrica. Io personalmente ho constatato come sia nettamente più evidente l'effetto frenante su una elettrica pura rispetto alla mia ibrida ( Leaf vs Prius) proprio per la differente quantità di energia che l'elettrica e' in grado di assorbire in quel frangente dal sistema di recupero. Sulla Leaf i freni idraulici si azionano solo per arrestarsi e per le emergenze il rallentamento e' invece quasi tutto solo elettrico, anche in autostrada.
                                                        Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                                        Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                                        Commenta


                                                        • Vero Serman, e oltre alla quantità minima di energia probabilmente hanno limitato la regen anche perchè non vogliono sottoporre le batterie usate (di capacità limitata) a cariche impulsive con correnti troppo elevate.

                                                          Originariamente inviato da Lupino Visualizza il messaggio
                                                          Domanda da ignorante (per ora non sono ancora riuscito a mettere le mani sopra... al volante di un ev): come si varia il rapporto tra regen e tradizionale?
                                                          Se ho capito bene la domanda ti hanno già risposto citando esperienze pratiche.
                                                          Io posso aggiungere la mia, legata alla Elettra ma credo che sia la modalità usata (che io sappia) su tutte le EV..

                                                          La combinazione tra frenata regen e tradizionale viene fatta usando due pedali ai quali siamo tutti abituati: freno e acceleratore.

                                                          Rilasciando più o meno il pedale del freno si "modula la regen", faccio un esempio (posizioni indicative ovviamente): se vado a 70 km/h costanti con metà acceleratore, portandolo a 1/4 diminuisco la potenza inviata al motore e la macchina rallenta fino a portarsi alla velocità costante corrispondente alla nuova posizione. Un rallentamento SENZA regen.
                                                          Se invece rilascio a meno di 1/4 la macchina rallenta più decisamente con una regen legera (es 1-2kW di frenata)

                                                          Se rilascio del tutto la macchina rallenta alla regen massima prevista per quella velocità (es 4-5kW)

                                                          Se premo il pedale del freno ma SENZA schiacciarlo (in pratica aziono solo lo switch che accende gli stop) l'inverter aziona la regen a potenza massima (8kW) e la abbassa progressivamente solo a velocità minore (es sotto i 40 km/h) per evitare slittamenti.
                                                          Quindi la pressione minima del pedale del freno (senza mandare in pressione l'impianto) comunque provoca una maggior frenata (tutta regen ancora)

                                                          Se infine devo frenare bruscamente..premo il pedale del freno e alla REGEN si aggiunge, in maniera del tutto tradizionale, la frenata meccanica

                                                          Spero di essere stato chiaro...magari in futuro ci abitueranno a joystick, levette o altre diavolerie
                                                          Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                          I miei articoli qui:
                                                          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                          Commenta

                                                          Attendi un attimo...
                                                          X
                                                          TOP100-SOLAR