annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

riflessione sull'elettrico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • riflessione sull'elettrico

    vorrei aprire una discussione di principio sui veicoli elettrici, ho cercato prima se ne esistesse già una ma non l'ho trovata
    chiedo cortesemente ai partecipanti di evitare di netrare nello specifico di prestazioni o altro

    un bene diviene tale quando chi sta in mezzo ci si identifica, poi si può fare distinguo sul medio basso, sul medio alto o altro, ma sempre medio è
    ciò che ve bene solo per i ricchi o solo per i poveri non sarà mai un successo vero

    l'auto elettrca c'è sempre stata, come è giusto che ci sia, ma non è mai diventata un riferimento
    ora vive il suo momento di massimo spendore, concettualmente piace anche se nel contempo pochissimi l'acquistano

    un mio cliente ha acquisato una tesla, ha fatto benissimo, arriva in stabilimento supea la portineria e va nel suo ufficio, il portinaio la sposta di venti metri e la collega, quando esce il portinaio gli sconnette la spina
    se deve andare da un cliente o da un fornitore, magari di prestigio in centro a Milano, la usa (50+50 km) magari porta anche la moglie al cinema, oltretutto nessun vigile si permetterebbe di multare un'auto elettrica
    non ho avuto occasione di vedere l'altr, se si un Jaguar, una BMW o una Mercedes poco conta , ma se deve andare al mare o in montagna non ci va certo con la Tesla, poi è un brillante e tutto si può criticare ma non certo la sua intelligenza
    questa la definirei fase uno

    poi c'è stata la fase due, mi viene in mente la I3 piuttosto che la Zoe, la compri con lo stesso concetto, me ne parlava giusto un altro cliente "entri sparato in centro Milano e la metti dove ti pare", poi al lago tanti ciai la X6

    poi c'è la fase tre, il povero che tanto se va al mare va in treno, carica l'elettrica nel box, non paga il bollo e gli pare di essere meno povero, se è tutto a posto ed è carica al 100.% puoò pure andare sul Po a farsi il bagno

    la fase 4 però proprio non riesco a vederla
    due anni fa il commercialista mi ha detto che "tipo un X3" potevo acquistarla, ma poi dovevo il mese dopo cambiare lo stesso la BMW, in pratica un concetto del tipo "paghi 2 godi 1", un po' poco
    poi diciamolo onestamente non ho bisogno di fare scena per cui posso benissimo stare senza

    stanno migliorando, ma fortunatamente tutto migliora e questa tipologia è sempre un passo indietro
    perché un uomo qualunque che fino ad oggi stava benissimo con un'auto di classe media (decidete voi marca e modello) dovrebbe acquistarne due dove una si ricarica in liquido in 3 minuti e 'altra gli dà solo problemi ?
    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
    " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

  • #2
    E che risposte ti aspetti di ricevere? Hai letto qualche 3d su questo e altri forum?

    Non è come dici tu... hai scritto un sacco di stupidaggini frutto solo della tua fantasia.

    Con le auto elettriche ormai puoi farci centinaia di km, e in futuro sarà sempre meglio.

    L'unica limitazione attuale è il costo (e in parte la difficoltà di ricarica)

    Ma... esistono ed esisteranno auto elettriche per tutti i gusti e le tasche.

    Io ho speso poche migliaia di euro, ci ho già fatto 63000km e oltre a non inquinare l'aria di Milano (già carica di PM10) ho perfino risparmiato qualche migliaio di euro.

    Leggi questo per iniziare ;-)
    Storia di Eli parte II - i miei primi 50000 km elettrici - ElectroYou
    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
    I miei articoli qui:
    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
      Con le auto elettriche ormai puoi farci centinaia di km, e in futuro sarà sempre meglio.
      L'unica limitazione attuale è il costo (e in parte la difficoltà di ricarica)
      Infatti io penso che al momento attuale l'unica limitazione dell'auto elettrica sia il costo elevato dovuto alle batterie al Litio .
      Se si trovassero altre tipo di batterie valide a minore costo l'elettrico sarebbe di gran lunga favorito come auto da città .

      La Fiat aveva già un'auto elettrica ,ma per l'ottusità di qualcuno non ha proseguito , bastava sostituire le batterie al piombo con quelle al Litio .
      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

      Commenta


      • #4
        le nuove batterie, molto più performanti e meno costose delle mie, esistono già, e altre sono in sviluppo.

        Ormai i tempi sono maturi e entro qualche anno credo proprio che vedremo tante auto elettriche anche in Italia.

        Ultimamente mi capita sempre più spesso di notarne in giro, numeri ancora ridicoli ma qualcosa si sta muovendo
        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
        I miei articoli qui:
        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

        Commenta


        • #5
          ...mah intervengo anche io...questi post in un forum tecnico proprio non li capisco.


          Dico solo....se ci fossero tenti punti di ricarica come i distributori di carburanti?
          Se invece della moneta come sistema di acquisto si avessero dei "certificati bianchi"?

          Buona calda estate a tutti

          Fox
          16 moduli ST170M Conergy Inverter IPG3000 vision

          alla tv -calcio +rally

          http://www.evalbum.com/2123

          Commenta


          • #6
            Io sono un convertito , ho provato la EV un anno la Zoe anche con batteria da 300km minimo ; come auto bene perfetta , una spanna sopra alle auto a pistoni con cambio automatico , ma troppi paletti , ad iniziare dal cappio del noleggio batteria (altrimenti ti costa quanto una mercedes) tutto a favore del venditore , poi problemi con la ricarica , il viaggio lungo diventa un calvario , calvario anche se carichi alle colonnine vicino a casa (tra non funzionanti per mesi e occupate perennemente da termiche) , poi il colpo di grazia lo ha dato l'aumento di enelx , allora se oltre al noleggio devo pagare anche il pieno più che a GPL , sono tornato al GPL massimo relax , con 25€ faccio oltre 450km , nessuna ansia da ricarica o da guasto elettronico e allora sono dolori altro che spendere meno di una termica di manutenzione continuano a farmi ridere quelli che sui gruppi FB vantano il costo manutenzione 0 e poi basta vedere chi posta fatture per stupidate da 100€ , non infierisco poi su quelli che l'auto l'hanno alle officine e se le sono tenute 1 o 2 mesi senza capire cosa c'era che non andava , sono tornato a vivere ..... troppo pioneristico ancora , e poi la ricarica a colonnina non è per niente pratica per nessuno , quando produrranno batterie a sostituzione o aggiunta elettrolita 2€ per 1000km e auto a 10000€ la ricomprerò , ma sarò già trapassato a miglio vita
            AUTO BANNATO

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da spider61 Visualizza il messaggio
              ...
              continuano a farmi ridere quelli che sui gruppi FB vantano il costo manutenzione 0
              ...
              Quindi io ti faccio ridere?

              Spider pentiti del pentimento!

              Beh ad essere onesto quello che dici è abbastanza vero ma legato ad un marchio particolare, e forse un po' di iella...e di ansia tutta tua.

              Ma ribadisco alcune mie opinioni.

              -La ricarica principe deve essere A CASA, era prevedibile che le offerte iniziali andassero a diminuire

              - le officine ad oggi sono impreparate, ovvio che anche i costi siano elevati. Ma la manutenzione molto ridotta è innegabile. Io su due auto identiche ho avuto ZERO guasti sulla Elettra, mentre sulla termica dopo 66000km avevo speso per rifare freni (due volte), frizione e guarnizione testata, fino a doverla rottamare per la disperazione.

              - l'uso principale oggi dovrebbe essere quello urbano, quindi 2a o 3a auto. Così eviti anche qualsiasi stress da autonomia.

              E' evidente che oggi siamo pionieri, ma senza i pionieri si resta sempre nello stesso posto...
              Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
              I miei articoli qui:
              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                Ma la manutenzione molto ridotta è innegabile. Io su due auto identiche ho avuto ZERO guasti sulla Elettra, mentre sulla termica dopo 66000km avevo speso per rifare freni (due volte), frizione e guarnizione testata, fino a doverla rottamare per la disperazione.
                Manutenzione ridotta , ma poi mi costa quanto una termica , lascia stare che te hai comprato un rottame fuori garanzia si scherza, ma se compri un auto nuova o usata con pochi km (con tanti sei un folle) quindi Zoe , Leaf , etc , oltra ad esserci un annuncio di usata ogni milione di termiche è solamente un caso acquistare usato Italiano , sei con batteria ancora in garanzia e quindi devi sottostare alla manutenzione della casa , che costa 70-80€ di tagliando anno per non fare niente .....
                Per il resto mai fatto frizione , anche con uso costante in città fino a 120-140.000km sulle termiche , se poi compri con cambio l'automatico 300.000 li fai , restano le pasticche naturalmente e cambio olio , ma queste grandi rotture su termiche non ne vedo ..... oggi 100.000km sono std su termica senza si rompa niente.... e se ti rompe il motore o l'elettronica alla EV sono cavoli amari ......

                p.s. se non vado errato sulla tua 600 le mani ce le metti da te, saprai che come non si potrebbe mettere le mani su impianti elettrici, gas, idrici, etc , non si potrebbe fare niente neanche sulle auto , vero ?
                AUTO BANNATO

                Commenta


                • #9
                  Dimenticavo : compro la EV e spesso mi trovo o con il cavo ricarica da casa , o col solo cavo per ricarica a colonnina , allora entri in una girandola di fogli da 100€ che uno non si immagina nemmeno , anche in casa se voglio attaccare una spina da 10A almeno (che per le EV attuali è come riempire un serbatoio di benzina col contagocce) dovrei fare installzione certificata da elettricista , poi mi accorgo che con quella non carico niente e mi ci vogliono 2 giorni per fare il pieno , allora vai di WB da 4,5 , 6kw o oltre , quindi aumento contatore (costi) installazione con DiCo (costi) , se vai oltre 6kw costi progetto di professionista iscritto all'albo (costi) , chi ha fatto da se rischia tutti i giorni , se per caso prendesse fuoco qlc e vengono i pompieri , allora sono dolori economici e penali .... vaia vaia , vado con la mia macchinetta fumante e la sera dormo benissimo.....
                  AUTO BANNATO

                  Commenta


                  • #10
                    ne deduco che non hai condizionatore in casa, nè piano cottura a induzione ;-)
                    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                    I miei articoli qui:
                    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                    Commenta


                    • #11
                      Si lo abbiamo già detto quali sono i punti critici dell'elettrico , oltre al costo i scarsi centri di ricarica ed il tempo di ricarica , che se fatto, come alcuni pensano in 30 minuti si corre il rischio di mandare a fuoco l'auto .
                      Io avevo pensato ad un sistema a ricarica liquida , ma ancora quelli del MIT ci stanno studiando e non si è trovato un elettrolita valido per garantire una percorrenza elevata .
                      Un altro sistema potrebbe essere quello della sostituzione delle batterie estraibili ed ad incastro , effettuata nei centri di ricarica o stazioni di servizio come avviene per il GPL .
                      Ma ancora mi sembra che questa soluzione sia stata scartata dalle case produttrici , non vedo questo sistema in nessuna della auto elettriche in circolazione .
                      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                        ne deduco che non hai condizionatore in casa, nè piano cottura a induzione ;-)
                        Secondo te sono la stessa cosa ? mandare uno o più split con assorbimento a regime di 2-300w ciascuno , con una EV che a 10A 2,3kw per 10 ore sono un carico non ammissibile su una normale presa domestica ?! Poi 10A ribadisco sono un inezia per una EV odierna , penseresti di ricaricare la Kona da 64kwh a 2kw
                        Il piano a induzione và montato da qualificato e senza prese nel mezzo , come ben saprai e anche lui funziona 10' al massimo , il resto lavora a intermittenza e bassa potenza .....
                        AUTO BANNATO

                        Commenta


                        • #13
                          se tutto è ponderato alle proprie possibilita, c'è chi potrebbe acquistarsi un aereo , e chi il monopattino.
                          io, che ho la moto elettrica in 10 mesi ho percorso 13000 km , la uso per lavoro , viaggi mai gli stessi , ricarico sempre da fv nella pausa del mezzogiorno , se mi comunicano che devo arrivare la mattina dopo in un luogo abbastanza lontano la carico anche la sera . baSTa ORGANIZZARSI , vero anche che ho acquistato un'altro caricatore per dimezzare il tempo di ricarica .
                          oppure posso ricaricare ovunque con la presa del 220 tanto 1.5 kw li trovo dappertutto e in un ora ricarico da 15 a 35 km secondo stagione e velocità .
                          differenza di prezzo ho già spiegato a quale veicolo l'avevo confrontata e ora mi mancano 1800€ per pareggiare altri 15 -18 mila km e ci siamo , ...ma sono altre senzazioni.........
                          viaggi lunghi ... si possono anche fare io di certo non posso andare a roma in giornata , ma i 250 km a certe velocità ho provato e sono fattibili .
                          con la tesla a roma ci arrivi , no di certa a 200 km/h , a 100 si , poi se vuoi andare + veloce ricarichi nel charge bevi un caffe faiil tuo bisogno e riparti ma credop che 600 km (tanto dista da me roma ) le impieghi lo stesso .
                          cmq col treno ne impieghi solo tre ( 4 da me )e non tistressi

                          Commenta


                          • #14
                            Certo si fà tutto , ma la Tesla non costa come la Panda neanche la Zoe comunque...
                            AUTO BANNATO

                            Commenta


                            • #15
                              da parte mia non mi sognerei mai di acuistare un auto da 100000 € , 50000 ci potrei pensare , ma di sicuro funzionerà a metano o elettrica in questa zona di merdor... già le euro 4 diesel le fermano, non le diesel puoi tenere per 20 anni , gpl ok se fai molti km , ma a 10 anni compiuti , va cambiato il serbatoio e son dolori costa + del valore dell'auto , che alla fine andrà a benzina vedrai .

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da spider61 Visualizza il messaggio
                                Secondo te sono la stessa cosa ? mandare uno o più split con assorbimento a regime di 2-300w ciascuno , con una EV che a 10A 2,3kw per 10 ore sono un carico non ammissibile su una normale presa domestica ?! Poi 10A ribadisco sono un inezia per una EV odierna , penseresti di ricaricare la Kona da 64kwh a 2kw
                                Il piano a induzione và mo
                                Strano visto che ci sei passato...

                                Per una percorrenza normale...diciamo 20000km/anno?
                                sono circa 3000 kWh/anno, che divisi per 300 notti sono circa 10 kWh/notte.

                                Non dico che basti un contratto a 4 kW (a me basta) ma comunque non serve chissà cosa, e con le nuove tariffe è ancora più conveniente.

                                20000 km sono tanti, se uno ne fa di più ci vuole una elettrica premium... ma io penso che si deve partire dal basso, non dagli usi estremi.

                                Come ripeto stesso molti di noi potrebbero prendre come elettrica la 2a o 3a auto da usare in città, e sarebbe la più usata.

                                Tra qualche anno magari smetteremo del tutto di possedere auto enormi per fare pochi viaggi lunghi all'anno, useremo di più i treni o il car sharing, il noleggio... e certi dubbi e distinguo faranno sorridere
                                Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                I miei articoli qui:
                                https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                Commenta


                                • #17
                                  Riccardo , io parlavo di assorbimento istantaneo , che con l'aumentare della energia della batteria diventa una goccia caricare a 2kw e stare attenti di non accendere altro altrimenti salta..... lasciamo stare che fino ad adesso c'erano batterie da 15-20kwh , quando diventano 40-60kwh e oltre me ne faccio una cippa di 2kw, se casomai arrivo a casa scarico e il giorno dopo devo ripartire .....
                                  Lasciamo stare , fino ad ora , che abbiamo comprato un usato a poco , ma se si vuole che il mercato EV diventi anche 1% , non c'è più pionerismo , si deve comprare una auto da 35-40.000€ e chi la compra ?! io no di certo con tutti i lati negativi che ci sono.... fino a che uno fà uno sfizio come ho fatto io comprata provata bella , bella ma hai rotto i cogl..... troppi lati negativi per ora , ma non vedo come possano essere tolti , anzi aumenteranno se dovessero essere vendute tante...
                                  Non stò buttando fango , ma cerco di essere moderato evidenziando anche i difetti , non come gli estremisti dei gruppi FB che vedono solo rose, ci sono tante spine ancora.....
                                  AUTO BANNATO

                                  Commenta


                                  • #18
                                    no spider...batterie più capienti non vuol mica dire che faremo tutti sempre più strada...

                                    A casa con 1,5kW ricarichi 10km ogni ora... se fai 200km al giorno comprerai una plug-in o altro...oppure aumenterai il contratto a 4 o 6 kW...

                                    Se fai ogni tanto il viaggio lungo ricaricherai on the road, oppure arrivato a casa non ti servirà ricaricare in una notte tutti i 400km fatti....

                                    Insomma dai deve essere chiaro che i casi estremi, di persone che fanno 50000km/anno, avranno altre soluzioni. Tutto il resto si può fare, la tua esperienza è stata resa più difficile dalla situazione ATTUALE, che non durerà
                                    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                    I miei articoli qui:
                                    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Una domanda agli esperti ...come mai le case costruttrici non hanno sperimentato batterie estraibili ed ad incastro ,da sostituire facilmente nei centri di ricarica o stazioni di servizio come avviene per il GPL ?
                                      Si ridurrebbe in questo modo di molto il tempo di ricarica , trattandosi semplicemente di sostituzione di batterie .

                                      Secondo voi potrebbe essere una soluzione percorribile ?
                                      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                      Commenta


                                      • #20
                                        In Norvegia devono essere molto diversi da noi italiani... il 32% delle immatricolazioni è elettrica...http://europa.today.it/ambiente/norv...elettrica.html
                                        pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Guarda I listini delle termiche e capisci

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                            Secondo voi potrebbe essere una soluzione percorribile ?
                                            E come fai a sostituire le batterie a un distributore ? Intanto ogni costruttore se le fà da se e quindi non esiste standardizzazione per ora , e cosa succede se sono in viaggio e ho una batteria da 50kwh nominale e me la sostituiscono con una all'80% , e invece di fare 300km ne faccio 250 ?! E la batteria di chi è , se tua si ritorna che vado a cambiare una nuova con una usata ?!
                                            Poi chi dovrebbe accollarsi il costo di avere 100 batterie e delle attrezzature per effettuare il cambio , tenerle cariche per cosa : 20€ per ogni cambio ? quanto dura l'attività prima di fallire ?, visto il costo ,la pericolosità (ci sono sempre 400V basta un niente e prende fuoco tutto) , etc

                                            Per la norvegia non conosco il paese , può essere che si abita in un posto isolato dove a nessuno è convenuto mettere un distributore vicino , possa essere conveniente elettrico (con incentivi) e si fà il pieno da se , ma dove esistono reti capillari di distributori di benza/diesel gpl e metano , troppo meglio.....
                                            AUTO BANNATO

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da spider61 Visualizza il messaggio
                                              ...Intanto ogni costruttore se le fà da se e quindi non esiste standardizzazione per ora , e cosa succede se sono in viaggio e ho una batteria da 50kwh nominale e me la sostituiscono con una all'80% , e invece di fare 300km ne faccio 250 ?! E la batteria di chi è , se tua si ritorna che vado a cambiare una nuova con una usata ?!.....
                                              Si capisco le tue domande e le tue perplessità , ma mi pare di aver letto una cosa simile in qualche articolo .
                                              Quello che non conviene secondo me per ora è proprio il costo di ricarica di 20 euro , troppo basso per essere conveniente come di ci tu .
                                              Per quanto riguarda la ricarica all'80 % è possibile invece verificare se la batteria è veramente carica .

                                              Per esempio :
                                              Autonomia elettrica infinita con il "Battery Swap" - Repubblica.it

                                              Auto elettriche: batteria sostituibile per Tesla Model S - GreenStyle

                                              Potrebbe essere una soluzione per una carica rapida la sostituzione .

                                              Renault e Better Place: auto elettriche con batteria sostituibile solo per alcuni paesi - Veicoli Elettrici

                                              Secondo me è possibile farlo se si adottano batterie modulari intercambiabili .
                                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                              Commenta


                                              • #24
                                                E'questione di politiche.
                                                Oslo ha 2000 punti di ricarica....
                                                se tassi di più le termiche, incentivi le elettriche, le agevoli con corsie preferenziali, parcheggi dedicati, ricarica gratis... la gente si convince.
                                                Certo con un fondo sovrano così.... le politiche costano...
                                                mi sa che una città come Roma o Milano farebbero il boom elettrico anche loro.

                                                Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
                                                pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Firenze se guardi la mappa enelx , è quella che ha maggior numero di colonnine in assoluto tutte enel , sono 20 anni che aveva icentivato la mobilità elettrica , a parte qualche scooter e 10 pionieri forse con auto elettrica , le colonnine sono distribuite in modo abbastanza capillare , ma tra guaste perenni o mesi , quelle sempre occupate da termiche , etc , è un terno al lotto potrer caricare

                                                  Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                  Per quanto riguarda la ricarica all'80 % è possibile invece verificare se la batteria è veramente carica .
                                                  Certo che puoi verificare la tua , ma che fai vai al fantomatico 'distributore' (che non ci sarà mai) e cominci a misurarle tutte e ti fai dare quella + carica , il gestore ti manda a quel paese dopo 1 minuto ....
                                                  l'annuncite dei giornalai non ha mai pagato , basta pensare un attimo all'infinità di problemi tecnici e al non rientro economico della soluzione batteria in sostituzione per chi la gestisce (chi si impegana a spendere decine di migliaia di euro per prendere netti forse 5€ a cambio ? , poi sostituzione che impegna minimo 30' come una mezza ricarica fast , mica siamo a cambiare la pila nello scemfone , qui si parla di 300-400kg di peso , 400V 100A che fai stacchi al volo , poi batteria che ha da svitare decine di bulloni deve rimanere stagna al 100% , etc
                                                  AUTO BANNATO

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Dopo il recente viaggio in Danimarca-Svezia-Norvegia, forse posso dare qualche indicazione in più.
                                                    Le elettriche attualmente rappresentano circa il 20% del parco circolante, non in tutte le città, Oslo poco di meno Berghen decisamente di più. Tutte le marche presenti, la più diffusa è la Leaf seguita molto da vicino da I3 ed EGolf, molte Tesla e poi Renault e le altre
                                                    Un altro 20% e più è rappresentato dalle ibride, tutte Toyota.
                                                    Il costo della vita è circa doppio (spesso anche triplo) rispetto al nostro, e questo incide parecchio sulla capacità di acquisto di tali veicoli.
                                                    Esistono degli incentivi sull'elettrico di circa 8.000 € che sommato al reddito medio più che doppio del nostro, ne rende appetibile l'acquisto.
                                                    Facendo un termine di paragone e come se da noi una Leaf da 39.000 € (batteria inclusa) avesse in proporzione un costo reale di circa 16/18.000 € credo che a quella cifra moltissimi la prenderebbero in considerazione o forse rappresenterebbe l'unica soluzione valida.
                                                    Punti di ricarica da 50kW ne ho visti anche in luoghi sperduti in montagna.
                                                    L'educazione nei parcheggi è unica come la viabilità sempre scorrevole ed il rispetto di tutte le regole.

                                                    Concludendo, posso solo dire che non è il costo o la possibilità di ricarica o l'autonomia a far propendere per l'elettrico, ma la sinergia di tanti componenti che devono coniugarsi per rendere tale esperienza vantaggiosa, ritengo che il fattore più importante sia l'ambiente in cui ti trovi (estensivamente parlando) che è sfavorevole nella nostra attuale condizione di circolazione, occorre cambiare logica e soprattutto senso civico, che se in limitate zone del nostro paese possono soddisfare tali requisiti in altre è totalmente inammissibile.
                                                    Regolamento: http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Expy lo sappiamo che hai la fissa dello swap o delle batterie con elettrolita sostituibile, ma sono soluzioni costose poco pratiche e rese inutili dal progresso velocissimo delle batterie...iniziative tutte fallite infatti.
                                                      Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                      I miei articoli qui:
                                                      https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Quindi i punti critici rimarranno sempre , non vi è nulla da fare .
                                                        Non mi immagino come possa funzionare un elettrico in Africa o in paesi sperduti dove è impossibile ricaricare .
                                                        Quindi conclusione l'elettrico potrebbe andare bene nei centri urbani o in zone molto antropotizzate o industrializzati , dove la corrente elettrica non è un problema .
                                                        Dimentichiamoci quindi lunghe percorrenze , in poche parole se da Milano dovete venire a Palermo non si può fare . .
                                                        Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Forse vale già ora la pena di chiedersi se per andare da Milano a Palermo abbia senso usare un'automobile, anche endotermica.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            straquoto Elisabetta e Top al 100%.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR