annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Coloninne di ricarica - informazioni comuni/generiche - Italia/Europa

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #91
    Originariamente inviato da Carlo A Visualizza il messaggio
    Be' ci sono un po' in tutta Europa, anche in Italia! (be' in Italia pochine, comunque già da qualche anno).
    C'è una mappa delle colonnine rapide italiane?
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

    Commenta


    • #92
      Be', in Italia si chiama "rapido" un po' di tutto, comprese le colonnine AC da 22 kW.
      Per i sistemi DC esistono le mappe ufficiali, ma non sono tanto aggiornate tranne quelle di Tesla.
      https://maps.google.com/maps/ms?msid...a=0&dg=feature
      CCS/Combo Charge Map - Europe
      Supercharger | Tesla Motors

      Commenta


      • #93
        FABRIC - Sondaggio europeo sull'infrastruttura di ricarica e sulla ricarica wireless lungo strade e autostrade:
        https://www.surveymonkey.com/s/FABRIC-on-road-charging
        Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
        -- Jumpjack --

        Commenta


        • #94
          CHAdeMO DC Fast Charger Density in Europe - Map

          Majority Of Passenger EVs in Europe Have CHAdeMO Inlet

          http://insideevs.com/future-chademo-multistandard-eu/

          Interessanti articoli sulla diffusione del sistema Chademo in Europa.
          Ultima modifica di Carlo A; 31-05-2014, 20:54.

          Commenta


          • #95
            Cavo mennekes<->yazaki

            Premetto che non ho idea se questa è la sezione giusta ma, visto il costo esagerato di un cavo mennekes-yazaki per la mia CZero, mi stavo chiedendo se è possibile provare a realizzarcelo.
            Che ne dite?
            Jumpjack ha già postato nel suo blog qualcosa
            Schema elettrico circuiteria di controllo spina Mennekes VDE (Tipo 2) per ricarica auto elettriche (puntata 1) | Jumping Jack Flash weblog

            ciao smart700

            Commenta


            • #96
              Tieni presente che la "mia" spina Mennekes è sconsigliata per ricaricare un'auto, perchè le auto possono anche EMETTERE elettricità oltre a riceverla, e la mia spina non ha nessun protezione contro il contatto accidentale delle dita coi pin, perchè altrimenti costerebbe troppo stamparla in 3d.
              Comunque sui vari articoli che ho pubblicato ci sono tutte le misure anche della yazaki, ci vuole solo un volenteroso che si metta a fare gli stessi esperimenti che sto facendo io .... ma che abbia una presa yazaki in cui provare la spina!
              Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
              -- Jumpjack --

              Commenta


              • #97
                Non riesco a capire perchè costi così tanto.
                La Mennekes è coperta da brevetto?
                Oppure il costo è dovuto a scarsa richiesta?

                Forse è un prodotto pensato da un'azienda PER le aziende del settore quindi, un mercato chiuso.

                Ciao
                Smart700

                Commenta


                • #98
                  La Mennekes è coperta da brevetto?
                  Oppure il costo è dovuto a scarsa richiesta?
                  Alla prima domanda non so dare una risposta precisa. Immagino ci sia un uso libero dei brevetti Mennekes per quanto riguarda il formato. Penso ciò sia necessario quando si vuole che un formato diventi uno standard comune. Potrebbero essersi riservati i brevetti per quache soluzione o variante specifica.

                  Il costo è legato alla scarsa concorrenza e allo scarso volume. In Italia mancano persino i rivenditori! L'industria italiana delle prese ha sostenuto formati obsoleti ed è rimasta indietro. Già esistono prese tipo 2 made in Italy compatibili con le Mennekes, speriamo presto anche la spina.

                  Commenta


                  • #99
                    Oramai ci sono molte colonnine elettriche che forniscono corrente gratis (speriamo x molto tempo ancora) quindi a seconda se uno ha già la Yazaki oppure no perchè non provare a vedere se c'è interesse per un acquisto di gruppo?
                    Ad esempio qui:
                    Iec62196-2 Ev Plug 16a Dsiec2b-ev16p (type 2 Mennekes Style) - Buy Iec62196-2 Ev Plug,Ev Plug Iec62196-2,Type 2 Mennekes Product on Alibaba.com
                    oppure qui:
                    Charge Plug/type 2 Male /iec 62196-2 Ev Connector - Buy Charge Plug,Type 2 Male,Iec 62196-2 Ev Connector Product on Alibaba.com

                    Con le auto come la mia CZero ci sarebbe il problema di inserire una resistenza che fissi la corrente a 16A.

                    Ciao
                    Smart700
                    Ultima modifica di smart700; 23-06-2014, 21:30.

                    Commenta


                    • Con le auto come la mia CZero ci sarebbe il problema di inserire una resistenza che fissi la corrente a 16A.

                      Se prendi il cavo completo la resistenza è già presente. Se prendi connettori separati la resistenza è l'ultimo dei problemi.

                      Commenta


                      • Quotazione cavo Mennekes-Yazaki

                        Ho provato a contattare la ditta Uchen (cinese) per una quotazione di un cavo da 5 metri completo di spine Mennekes da un lato e Yazaki dall'altro con corrente fissata a 16A e, il prezzo per singolo cavo (ordine di 10 pezzi), è di 187 dollari americani.
                        Codice cavo con spine:V3-DSS&DSIEC2b-EV16P (16A 250V AC 3*2,5mm2 + 2*0,5mm2).

                        Il prezzo è tipo CIF Italy comprensivo quindi di spese di trasporto fino all'Italia, assicurazione.

                        La quotazione invece per un cavo, sempre da 5 metri, ma completo SOLO di spina Mennekes è di 86 USD (CIF Italy via TNT da Shanghai).

                        Vedere per il termine CIF qui:
                        CIF (Cost, Insurance & Freight)

                        Fare attenzione al punto in cui dice:"...costi e rischi successivi di scarico nave, dogana e trasporto."

                        Considerazioni?

                        Ciao
                        Smart700

                        Commenta


                        • Considerazione è sempre la solita: si deve sviluppare la concorrenza e i volumi.
                          Non per nulla qualche costruttore aveva tentato di dividere l'Europa in diversi formati di prese, come accade con le prese domestiche.
                          Ovviamente, raggiunti i volumi sufficienti, i costruttori cinesi avrebbero copiato anche le prese nazionali.

                          Commenta


                          • Quale sarebbe un prezzo "ragionevole" per un utente medio di auto elettriche?
                            D'accordo 150eur circa forse sono troppi ma certamente meno dei 315eur chiesti da un noto sito italiano di ecommerce di attrezzatura per veicoli elettrici.
                            E fare un gruppo per spuntare prezzi ragionevoli?
                            Si potrebbe acquistare solo il cavo con Mennekes e poi uno ci collega la spina che preferisce:Yazaki, Scame, ecc.
                            Ciao
                            Smart700

                            Commenta


                            • Mi sembra che ev-power abbia a catatalogo una spina con cavo a meno di 100 euro.Avevo trovato un venditore cinese che costava poco, credo 58 dollari, ma non accettava né paypal né carta di credito, solo bonifico, considera che a me costò 50 euro. Forse con un gruppo di acquisto possiamo dividere le spese, ma se siamo sparpagliati per l'italia ci sono da aggiungere le spese di spedizione.Sul blog di Stefano Selidori avevamo fatto un po di ipotesi, ma senza poi concludere nulla.Ora sto con l smartphone e non riesco a trovare i link del blog.
                              Vectrix VX1 Batterie Nissan Leaf Inside

                              Il mio precedente scooter

                              Commenta


                              • Ps il prezzo di 58 dollari è riferito al connettore. Tra l'altro serve un cavo da 3 poli per la corrente, più n per i segnali di consenso, quindi di dimensioni diverse,2,5 mm per la corrente e più sottili per i segnali.
                                Vectrix VX1 Batterie Nissan Leaf Inside

                                Il mio precedente scooter

                                Commenta


                                • Originariamente inviato da smart700 Visualizza il messaggio
                                  Quale sarebbe un prezzo "ragionevole" per un utente medio di auto elettriche?
                                  Dieci euro, visto che una spina industriale a 4 pin da 32 A ma senza involucro per tutti i pin costa 6 euro e mezzo (FME 70124).
                                  Più altri 10 euro per il cavo.
                                  Più altri 10 euro se vuoi una spina anche dall'altra parte.
                                  Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                                  -- Jumpjack --

                                  Commenta


                                  • Dieci euro, visto che una spina industriale a 4 pin da 32 A ma senza involucro per tutti i pin costa 6 euro e mezzo
                                    Un po' di più. Aggiungi che ha una serie di requisiti non previste per le normali prese industriali.

                                    Più altri 10 euro per il cavo.
                                    Il rame grezzo sul mercato dei metalli deve essere attorno ai 10 euro al kilo, quello elettrotecnico di più.
                                    Poi aggiungi l'isolante, la lavorazione (ovviamente dipende molto dalla sezione).

                                    Commenta


                                    • C'è fondamentalmente un problema di mancata produzione di massa.
                                      Vectrix VX1 Batterie Nissan Leaf Inside

                                      Il mio precedente scooter

                                      Commenta


                                      • Spero che per quando mi comprerò io l'auto elettrica, la ricarica wireless sarà diventato uno standard.
                                        Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                                        -- Jumpjack --

                                        Commenta


                                        • Se per "standard" intendi un formato unico, anche per la ricarica pubblica dubito... dubito.

                                          Se intendi la disponibilità di mettere a casa tua (nel box) la ricarica wireless, di per sè lo puoi fare anche oggi. Valuta te se il gioco vale la cendela.

                                          Commenta


                                          • "Standard" nel senso che ce l'avranno tutte le macchine.
                                            Le colonnine wireless standard ovviamente arriveranno nel 2047 ;-)
                                            Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                                            -- Jumpjack --

                                            Commenta


                                            • Diverse automobili lo proporranno, di serie o come opzione.
                                              Non sarà su tutti i veicoli (del resto per molte automobili non è nemmeno prevista la ricarica AC oltre 3 kW) e non sarà lo stesso sistema per tutte.

                                              Commenta


                                              • Anzichè andare sul sofisticato, mi interesserebbe molto più la capillarizzazione delle colonnine, anche fuori dalle grandi città, nel mio caso, che sono vicino Latina e Frosinone, sarebbero utili dei punti di ricarica pubblici. Comunque nel comune di Pomezia, dovrebbero essere installate a: Torvajanica, Pomezia centro, Pomezia S.Palomba e una ricarica veloce sulla Pontina!!! Adesso per trovare il mio primo punto di ricarica a Roma devo fare circa 90km, mentre se ci saranno le colonnine a Pomezia mi trovo a 70km, che posso fare molto più facilmente anche in due.

                                                Commenta


                                                • Certamente, ormai l'Italia si assesta agli ultimi posti. Un po' di ricariche lente e quasi nessuna veloce.
                                                  Chiaro che facendo così l'auto elettrica resterà solo auto da città con forti limitazioni nell'impiego.
                                                  Quello che è peggio è che non vi sono seri piani, soprattutto in termini di ricarica veloce, indispensabile per lanciare l'auto elettrica.

                                                  Commenta


                                                  • Finalmente iniziano a capire che il modo universale per pagare pochi euro resta sempre la moneta.
                                                    Mi incuriosisce il fatto che paghi dopo, se ti ha ricaricato più della moneta che hai non ti ri dà la spina e resti bloccato lì?

                                                    FCS Mobility - soluzioni per la mobilità sostenibile - News


                                                    Ciao Antonio
                                                    Nella recrudescenza che caratterizza l’agonia di ogni sistema, qui si pensa a un dopo imminente.

                                                    Commenta


                                                    • Originariamente inviato da polianto Visualizza il messaggio
                                                      Finalmente iniziano a capire che il modo universale per pagare pochi euro resta sempre la moneta.
                                                      Ben vengano anche le colonnine a moneta.
                                                      Tuttavia ho qualche dubbio sulla loro effettiva utilità.
                                                      Del resto, ahimè, l'Italia si assesta agli ultimi posti in Europa circa i veicoli elettrici e le stazioni di ricarica. Nei paesi a maggiore diffusione mi sembra che le stazioni a moneta non si usino. Sono gratis oppure si pagano a tessera.
                                                      Però, magari in qualche caso può essere utile.

                                                      Mi incuriosisce il fatto che paghi dopo, se ti ha ricaricato più della moneta che hai non ti ri dà la spina e resti bloccato lì?
                                                      Non lo so.
                                                      Mi sembra sia così. Pigi il pulsante per fermare la ricarica, paghi (al termine della ricarica) e ti libera la spina.
                                                      Tuttavia non è bene che il cavo sia staccabile da terzi, sia per evitare l'interruzione della ricarica, sia per evitare il furto del costoso cavo (vero che può essere bloccato sul veicolo ma non è il caso di facilitare il lavoro ai malintenzionati).

                                                      Commenta


                                                      • Ciao a tutti.
                                                        Nonostante tutte le varie elucubrazioni sulle varie spine e prese, desidero postare le immagini di "prese di ricarica in stringa" in piazza Bande Nere a Milano installata poche settimane fa. Come potete vedere le prese Mennekes sono inesistenti. Meno male!

                                                        Salutoni
                                                        Furio57
                                                        File allegati
                                                        Ultima modifica di Furio57; 03-08-2014, 18:40.
                                                        L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                                        LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                                        Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                                        Commenta


                                                        • Questo impianto è specificatamente dedicato ai veicoli leggeri ed è dotato (per ora) solo di presa tipo 3A.

                                                          Non capisco il "meno male" relativo alla presa tipo 2 (Mennekes ma adottata da tutti i costruttori, compresa l'italiana Scame), la più diffusa in Europa dal 2009 e resa obbligatoria in base alla futura direttiva europea sui combustibili alternativi, annunciata a gennaio 2013 e approvata ad aprile 2014.

                                                          Tra l'altro sono diversi i veicoli leggeri dotati di spina tipo 2, come il BMW C evolution, o l'Energica Ego (la supermotociletta elettrica made in Italy) o il Birò per i mercati esteri. E' quindi possibile che queste prese tipo 3A vengano affiancate da tipo 2.

                                                          Commenta


                                                          • Ciao a tutti
                                                            Originariamente inviato da Carlo A Visualizza il messaggio
                                                            ...Non capisco il "meno male" relativo alla presa tipo 2...
                                                            Ciao Carlo A, il meno male nasce dal fatto che leggendo sui vari standard imposti e/o presenti qua e là sulle varie colonnine sembrava che la Mennekes fosse l'unica per i nuovi impianti. Gli esempi di autoveicoli che hai fatto sono prevalentemente per il mercato estero, compresa la moto che probabilmente ha un mercato quasi esclusivamente teutonico. Non ultimo parlo per convenienza, la mia Zele prevede una 3A. Una tipo 2 sarebbe improponibile quanto inutile.

                                                            Salutoni
                                                            Furio57
                                                            L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                                            LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                                            Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                                            Commenta


                                                            • Originariamente inviato da Furio57 Visualizza il messaggio
                                                              la Mennekes fosse l'unica per i nuovi impianti
                                                              La direttiva imporrà almeno la presa (o il connettore mobile) tipo 2 in tutta Europa, senza però proibire altri eventuali formati in aggiunta, come la 3A. Questo per i nuovi impianti a partire dal 2017.
                                                              Resta comunque da vedere come verrà interpretata/applicata nel caso di stazioni per la ricarica esclusiva di veicoli leggeri.

                                                              Originariamente inviato da Furio57 Visualizza il messaggio
                                                              Gli esempi di autoveicoli che hai fatto sono prevalentemente per il mercato estero, compresa la moto che probabilmente ha un mercato quasi esclusivamente teutonico.
                                                              I turisti arrivano da lontano anche con le motociclette. Nelle zone di confine, poi, come i laghi lombardi o l'Alto Adige capita che anche qualche veicolo leggero vada da una parte all'altra del confine. Quando i i veicoli elettrici saranno diffusi in tutta Europa non sarà bene per l'Italia che le (poche) stazioni di ricarica abbiano standard diversi da quelli in uso nel resto d'Europa.

                                                              Non ultimo parlo per convenienza, la mia Zele prevede una 3A. Una tipo 2 sarebbe improponibile quanto inutile.
                                                              Mi auguro che per allora le spine e i cavi tipo 2 si trovino in commercio in tutti i brico a prezzi ragionevoli!

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X
                                                              TOP100-SOLAR