adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Costruire un veicolo solare in proprio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Costruire un veicolo solare in proprio

    Mi piacerebbe sperimentare questa cosa:

    Quello che vorrei realizzare:
    Un piccolo veicolo(max 50 all'ora) che abbia una batteria elettrica ricaricabile in 3 modi:
    1)Corrente
    2)Energia solare
    3)Eolico

    In pratica mentre va in giro se il sole basta a tenerla accesa va senza batteria, se non basta entra anche la ricarica accumolata.

    Inoltre avevo pensato ad una cosa, unire solare ed eolico, se la macchina va genera anche veno che è sprecato no?Se io metto un elica ultraleggera collegata alla batteria secondaria?

    Così ho 3 tipi di energia.

    1)Elettrica classica: derivata dalla carica tramite presa di corrente
    2)Energia solare: se basta il solare si muove solo di solare altrimenti usa quella a corrente
    3)Eolico per caricare un'altra batteria di riserva che subentra quando l'altro è andaccia.

    Premettendo che sono un esordiente totale, dal pannello solare mi escono i cavi positivo negativo per la corrente giusto?

    Non esitono pannelli solari flessibili?(in modo che si possano adattare a una carrozzeria)

  • #2
    CITAZIONE
    Inoltre avevo pensato ad una cosa, unire solare ed eolico, se la macchina va genera anche veno che è sprecato no?Se io metto un elica ultraleggera collegata alla batteria secondaria?

    ci sono tonnellate di discussioni che spiegano che non è fattibile...(cerca... cerca...)... è come fare uno scooter elettrico con motore in un ruota... alimentato da una "dinamo" nell'altra. Non funziona... il moto perpetuo!

    CITAZIONE
    1)Corrente
    2)Energia solare

    ..allora qua il punto 1 ok, non ci piove..
    per il punto 2 bisogna capire:
    A) che "prestazioni" chiede il veicolo
    B) che superficie a disposizione si ha (ne serve tanta... ma proprio tanta!)
    ..
    notare che non entro nel campo "costi"..

    CITAZIONE
    Non esitono pannelli solari flessibili?(in modo che si possano adattare a una carrozzeria)

    Certamente.. ma .. attualmente...rendono ancor meno (e costano ancor di più)
    Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

    Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

    Commenta


    • #3
      Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:

      1)Dispendioso
      2)Inutile
      3)Anti-Economico
      4)Prestazioni ridicole.

      Cmq io non cercavo di realizzare il moto perpetuo:

      1)La batteria viene caricata con elettricità da corrente
      2)Il pannello solare integra la carica della batteria(con quello che può fare) magari guadagni 30 km su 100 grazie al pannello
      3)Sto già andando il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100.

      Quindi facendo 100 km di energia elettrica ne guadagno 40 di rinnovabili

      Non mi sembra che vadano poco

      http://www.youtube.com/watch?v=BvPJs34LlUE...uresvideos.html :lol:

      Commenta


      • #4
        CITAZIONE
        3)Sto già andando il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100.

        No! l'ho già scritto non è così! Se ricarichi con l'elica freni il veicolo! (cerca non sto a riscivere qui 2 terzi del forum!)

        CITAZIONE
        Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:

        1)Dispendioso
        2)Inutile
        3)Anti-Economico
        4)Prestazioni ridicole.

        No non ho detto tutto questo.. forse il 3 è adottabile.. e parzialmente il 4... per il 1 dipendente.. servono i dati che ho chiesto per fare una valutazione, ovvero potenza che serve .. e superfice.. poi ci si esprime in merito.

        CITAZIONE
        2)Il pannello solare integra la carica della batteria(con quello che può fare

        vero.. sopratutto effettua una "bagnatura" delle bat che ha notevoli effetti positivi!
        Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

        Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

        Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

        Commenta


        • #5
          CITAZIONE
          il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100

          Se pensi al "vento" come all'effetto su di un generatore eolico normale, potrei essere d'accordo: il generatore è FERMO, e l'aria vi si scaglia addosso carica di energia cinetica, che cede al generatore producendo corrente....

          Ma nel tuo caso, non esiste il "vento"... sei TU che vai ad una certa velocità incontro all'aria FERMA, a spese tue e del tuo motore. Non per niente si cerca di migliorare l'aerodinamica per ridurre i consumi!
          Insomma, se aggiungi un generatore eolico che assorbe ad esempio 5 kW in energia meccanica dal vento e ne rende 2 kW in energia elettrica, quei 5 kW dovranno venire dal tuo motore.... che dovrà fornirli, se vuoi rimanere alla stessa velocità che avevi SENZA il generatore... i consumi, quindi AUMENTERANNO.
          In pratica, però, il peggioramento dell'aerodinamica sarà tale che ti costerà molto di più, in potenza persa.

          Commenta


          • #6
            Il generatore eolico potrebbe avere senso quando la macchina è ferma, per caricare le batterie, ma dovrebbe essere retratto nel cofano quando cammina.
            Ciao

            Commenta


            • #7
              Già che pirla, in un solo post ho mandato a monte:

              1)Aerodinamica
              2)Fisica

              Non male per uno nuovo eh? <img src=">

              Ammettiamo che io maniera molto amatoriale voglio costruire qualcosa poco + grande di una poltrona, nel senso l'obbiettivo prefissato è riuscire a muoversi con energia solare, ma non dovrebbe essere il mio veicolo è solo un esperimento che vorrei fare.

              Commenta


              • #8
                CITAZIONE
                Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:

                1)Dispendioso
                2)Inutile
                3)Anti-Economico
                4)Prestazioni ridicole.

                no, c'è chi l'ha fatto. In Germania è una specie di briccolage evoluto.
                guarda http://www.eurozev.org/Cinquino.htm
                ciao
                Giorgio
                Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

                Commenta


                • #9
                  lordpsiduck,

                  CITAZIONE
                  Ammettiamo che io maniera molto amatoriale voglio costruire qualcosa poco + grande di una poltrona, nel senso l'obbiettivo prefissato è riuscire a muoversi con energia solare, ma non dovrebbe essere il mio veicolo è solo un esperimento che vorrei fare.

                  perche' non pensi ad una carrozzina elettrica per anziani, potresti pensare ad un motore regolabile da 200 W e ad un pannello fra 100 ... 200 Wp con una batteria. La carrozzina potra' muoversi da sola per un tempo pari a un quarto o la meta' del tempo di esposizione al sole.

                  Ciao
                  Mario
                  Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                  -------------------------------------------------------------------
                  Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                  -------------------------------------------------------------------
                  L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                  Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                  ------------------------------------------------

                  Commenta


                  • #10
                    secondo me si può fare l'unico problema è riuscire a disporre al meglio possibile i pannelli fotovoltaici chessò forse a forma di tetto

                    ma ve la immaginate una casetta in autostrada?! :woot:

                    Edited by Wattos - 24/3/2008, 12:35

                    Commenta


                    • #11
                      Solar challenger, Australia, circa 90Km/h toccati anni fa da un'auto con pannelli solari ad alto rendimento.
                      Non è fantascienza, solo che costa un pochino....

                      Commenta


                      • #12
                        oh ragazzi date un'occhiata a questi video:
                        http://it.youtube.com/watch?v=Zpg1vvCIO1c&feature=related

                        hei guardate come ha sistemato il pannello questo:
                        http://it.youtube.com/watch?v=6fbKLjnaNWA&feature=related

                        Commenta


                        • #13
                          e se partissi da un gokart?

                          Commenta


                          • #14
                            si non male ma la superficie solare? come la gestisci?

                            si può fare tutto quello che vuoi ma appena butti in strada un "qualcosa con le ruote" ti fermano gli sbirri e ti dicono:" lei dove stiamo andiamo?"
                            :huh: eeeeh?
                            "accosti, patente e libro"
                            no guardi il libro è sul comodino devo ancora finire di leggerlo...
                            "lei quì il veicolo non ha la targa"
                            oh mi scusi stavo provando un veicolo solare :huh: e quindi?
                            <img src=">
                            in pratica in Italia non si può fare nulla, tra un po' ci vuole l'assicurazione per respirare
                            ....se andiamo avanti così chissà chissà come si farà ya yap! yeee ya ya yayap! yeeeee ya ya <img src=">

                            Commenta


                            • #15
                              GLI FAI IL TETTINO DI 2 PANNELLI....
                              cmq è vero quello che dici........si potrebbe usare solo di nascosto... ma in fondo sti caxxi,,,io ne faro uno...un giorno.....

                              Commenta


                              • #16
                                Ha ha ha :lol: già! Ribelli forever!image image image

                                Commenta


                                • #17
                                  E una bella idea ma farla a motore 50 prendendo il motore di un motorino o qualcos altro e passarlo sulla macchina Che si vuole creare comprare tappezzeria ruote freni ecc...

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Quella sulla ventola che ricarica la batteria non è una cavolata, è una teoria che molti deridono e allora non si capisce perche la nissan (o un'altra giapponese, non ricordo) ha presentato una concept car elettrica che verra messa in produzione tra un anno che nel frontale usa proprio questa ventola che ricarica la batteria in corsa..i giapponesi sono diventati stupidi di colpo??

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Dissento completamente da questa tua personale opinione.
                                      Non si tratta affatto di una teoria da deridere, si tratta di semplice logica e calcolo: il "vento" necessario a far girare la ventolina non viene dalla presenza di perturbazioni che provocano una brezza, viene dalla velocità con cui il mezzo sta viaggiando. E questa velocità viene raggiunta perchè spinto dal suo motore: di conseguenza, l'energia non viene recuperata, ma SOTTRATTA a quella necessaria per spingere il veicolo ad una certa velocità.
                                      I commenti sulla mitsubishi iMIEV sono unanimi, questi gadget sono stati aggiunti solo per ragioni di marketing, e del resto non si capisce come la presenza di due ventoline capaci di fornire 50W e di un pannello da 120W potrebbero contribuire a ricaricare le batterie di un veicolo che consuma 67kW...

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Che sia una questione di marketig puo essere, ma io credo che se l'aria viene incanalata su un tubo a imbuto che si apre dopo i 100 km/h può avere una resa perchè nel momento che la valocità si stabilisce il motore fa meno sforzo (vedi consumo urbano ed exstraurbano)...E' un'idea, magari mi sbaglio.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Il fatto che una volta finita l'accelerazione il consumo si stabilizzi a livelli inferiori è normale, ma non cambia una virgola del discorso precedente. Introdurre una resistenza aerodinamica vuol dire AUMENTARE i consumi... anche se si tratta di una ventola che genera energia. A questo punto, l'energia recuperata è sicuramente inferiore a quella spesa per generarla (il rendimento del generatore e del sistema di ricarica + batteria, è sicuramente inferiore al 100%)
                                          Forse... dico forse... potrebbe dare un qualche rendimento insignificante in un'auto non elettrica attuale, se installata ALL'INTERNO della mascherina (e quindi, DOPO che cè già stata una perdita aerodinamica dovuta alla presenza della mascherina del radiatore), ma comunque la presenza di un ostacolo creerebbe un flusso minore di aria al radiatore... e quindi dovresti aumentare la sezione della mascherina e perciò aumenterebbe la resistenza etc etc...

                                          Non se ne viene fuori, insomma.

                                          Ovviamente, la migliore soluzione, in un'auto elettrica, è quella di NON avere resistenze frontali dovute ad un'inutile mascherina...



                                          Inoltre, la potenza generata dipende (come in tutti i ventilatori...) da una legge quadratica: se progettata per funzionare ad una certa velocità, a mezza velocità produce un quarto...

                                          Commenta


                                          • #22
                                            non parlavo di una ventola messa dietro la mascherina, ma di un tubo a imbuto che parte dalla mascherina e che va in una zona posteriore...

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ripeto: "non cambia una virgola del discorso precedente. Introdurre una resistenza aerodinamica vuol dire AUMENTARE i consumi"

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Forse serve un po di chiarezza per trovarVi un punto di congiunzione.
                                                La "forza" che fa un motore per portare (ovvero da ...a) un veicolo a es 100km/h... è data (nella fase in cui "porta") principalmente da tre fattori:
                                                1) accelerazione... ovvero prendere tot massa (il peso del veicolo) e portarlo ad una certa velocità.. e in un certo tempo. Tamto più questo deve essere breve.. tanto più è richiesta "forza"... idem per la massa.. tanto +... tanta + forza.. Se massa e accelarazione rimangono.. diciamo costanti... questa forza (componente) lo rimarrà pure.
                                                Chiaramente questo ultimo passo ci fa capire che, arrivati alla velocità voluta.., se "li" ci si ferma.. ovvero non si accelera più... e beh! Se crolla a zero l'accelerazione lo farà anche la "forza" citata che il motore forniva! Arrivati a 100km/h questa "forza" si annullerà.

                                                2) poi serve una forza per vincere gli attriti di tipo volvente (ruote, cuscinetti, ecc.) e questi diciamo hanno certe proporzionalità... "costruttive". Chiaramente questa forza è nulla quando non ci sono parti in movimento.. quindi solo a velocità zero. Arrivati ai 100km/h ci sarà sempre questa componente di.. "forza" che il motore dovrà fornire per... vincere questi attriti.

                                                3) infine serve almeno una forza per vincere gli attriti aerodinamici. Questi dipendo principalmente dalla forma (l'impatto aereodinamico) del veicolo, ma anche , contrariamente a quelli del punto 2, dalla velocità.. e purtroppo NON in maniera lineare.. ma piùttosto esponenziale (a 100km/h la forza NON È IL DOPPIO che a 50 MA MOLTO DI PIÙ)
                                                Arrivati ai 100km/h ci sarà sempre anche questa componente di.. "forza"

                                                Bene .. sperando che siano ben chiari questi 3 punti/concetti (altrimenti è inutile perseverare a leggere..) ..dovrebbe essere chiaro perchè
                                                ...nel momento che la valocità si stabilisce il motore fa meno sforzo (vedi consumo urbano ed exstraurbano)..
                                                ..sia per la prima parte della frase (accelerazione)... e sia per la seconda (urbano/extra).. in quanto le accelerazioni/decelerazioni in campo "urbano" sono continue.. e continuamente richieste pure le forze per il punto 1 ...

                                                in pratica UnioneFaLaForza ci sta giustamente dicendo/è consapevole che sparisce la "forza" del punto 1.. arrivati a regime costante.

                                                Ma vediamo quelle del punto 2 e 3.. e che UnioneFaLaForza.. tra le righe ci dice/è consapevole che rimangono (dice "il motore fa meno sforzo" .. non dice non fa più sforzo!)
                                                La 3 è data dall'impatto dell'aria (che è un qualcosa di tangibile... anche se trasparente agli occhi... sto dicendo che anche se non si vede esiste: è una massa di gas... Per capirci possiamo pensare ad una via di mezzo: l'acqua del mare.. questa è più visibile.. si può anche raccogliere con una mano...o contenitore......L'aria ancor meno palpabile e visibile... ma c'è ...pensate ad esempio al vento sulla faccia....)
                                                Quando si vuole fare es. un generatore eolico.. si può prendere un'elica (come quella che lavora in "acqua", appunto) e cercarla di farla "interessare" per quanto più possibile dall'aria. L'elica deve appunto catturare quanta più aria possibile.. deve avere un "cattivo" impatto aerodinamico... possiamo parlare di coefficiente di penetrazione CX: per l'auto deve essere il più basso possibile per contenere al massimo le forze del punto 3.. ovvero l'auto deve penetrare meglio nell'aria.
                                                Tutto è relativo .. se siamo fermi possiamo dire che l'auto, muovendosi, penetra nell'aria... ma se siamo sull'auto .. è l'aria che per noi si muove... e lo fa meglio se il cx è basso.
                                                Dopo tutto sto discorso prolisso dovrebbe essere palese che l'elica invece deve avere un alto CX... quindi l'aria intorno deve muoversi con più alta difficoltà... deve impattare il più possibile sulle pale.. per trasferire la sua energia a queste il più possibile... l'elica cioè deve penetrare il meno possibile.. deve essere un muro!
                                                L'aria muovendosi ha una sua energia.. rispetto all'elica che è ferma... questa energia viene parzialmente (purtroppo) trasferita alle pale. Se è "100" il suo valore... non se ne può trasferere 101 alle pale, ma meno...sarà esempio 60-70 (il limite teorico è appunto 100).
                                                L'elica la trasferisce poi al generatore collegato.. e questo... perdendone un altro po... la resistuirà sotto forma es. elettrica... In uscita si avrà così magari un 40.. a partire da un 100.
                                                Se l'aria è ferma però non ha energia... le pale non girano e niente esce dal generatore (e fin qui spero che ci siamo...)

                                                Adesso possiamo, ad aria ferma, mettere l'elica su un mezzo mobile .. e, per il discorso di relatività, spingere "lei" nell'aria ferma.... ovvero forniamo quell'ipotetico 100.. non all'aria (che lo aveva prima preso dai fenomeni atmosferici naturali del pianeta, ecc.) ma all'elica... MA QUEL 100 DOBBIAMO FORNIRE... per esempio con un motore (che ne fornirà ben di più, visto le altre perdite/forze del punto 2 .. facciamo 110-120?).
                                                Di li in avanti il discorso... ricordo la "relatività" (Einstiana..).. non cambia: la pala ne recupererà solo una parte (60-70)... e di questa il generatore ne convertirà solo un'altra parte .. arrivando nel nostro esempio a 40.
                                                In pratica siamo partiti da un 100 fornito dal motore all'elica... per ottenerne indietro 40....Ne abbiamo sprecati 60.

                                                Ora però non si deve dire che ne abbiamo recuperati 40.... in quanto questo potrà essere vero.. come altrettanto è vero che i "100" SONO IN PIÙ RISPETTO AL NORMALE TRAM TRAM...
                                                Ovvero se il motore ne stava fornendo esempio 150 al veicolo per mantenerlo a 100km/h (forze 2 e 3)... ora ne dovrà fornire 150+100=250 (in realtà i 100 saranno 110-120...) per poi recuperarne 40.. ovvero si passa ad un globale di 250-40=210.. Quindi dai 150 iniziali si passa a 210 netti...e ciò perchè le forze del 3 sono aumentate per "fornire" energia aggiuntiva all'elica.. che non è poi in grado di restituircela (insieme anche al generatore) totalmente indietro.


                                                Spero che ora sia chiaro il discorso.
                                                Ultima modifica di gattmes; 26-11-2008, 11:00.
                                                Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

                                                Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

                                                Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  ??
                                                  Perchè, io che avevo detto?

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Ciao gatt, grazie per la risposta, ho capito il tutto, pero volevo farti un esempio, poi tu mi dirai se sbaglio. Prendiamo una golf elettrica da 50 kw, la golf ha un coefficiente aerodinamico di 100 (un numero tondo per capirsi), aggiungo il tubo a imbuto per incanalare l'aria per il generatore, ora il coefficiente è 110...Prendo tutta la mecchanica e sostituisco totalmente la carrozzeria, faccio un buon lavoro e ho guadagnato 50 sul coefficiente. Ero a 110 e ora sono a 60 di coefficiente...Il motore da 50 kw consuma di meno?..il piccolo generato ricarica un po la batteria?...ditemi tutto quello che è sbagliato su questa teoria. Grazie

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      In linea generale, sembra quasi perfetto. Se si scende nei particolari, invece:

                                                      Prendiamo una golf elettrica da 50 kw, la golf ha un coefficiente aerodinamico di 100 (un numero tondo per capirsi), aggiungo il tubo a imbuto per incanalare l'aria per il generatore, ora il coefficiente è 110...
                                                      Ok, giusto. Hai aumentato la resistenza aerodinamica... ma hai contato solo quella, e non la resistenza offerta dal generatore. Comunque, a questo punto i consumi aumentano.

                                                      Prendo tutta la mecchanica e sostituisco totalmente la carrozzeria, faccio un buon lavoro e ho guadagnato 50 sul coefficiente.
                                                      Cioè fai un'auto completamente diversa... quindi non si può più fare un paragone con la precedente. Inoltre, il vantaggio aerodinamico è esagerato, sarebbe già un miracolo guadagnare il 20% rispetto alle auto attuali (che hanno già un design molto curato dal punto di vista aerodinamico)
                                                      Ero a 110 e ora sono a 60 di coefficiente...Il motore da 50 kw consuma di meno?..il piccolo generato ricarica un po la batteria?...
                                                      In linea generale sì. il motore consuma meno. Sì, il generatore ricarica la batteria. Però alla fine consumi di più, e sai perchè?

                                                      ...perchè se alla tua auto che ha raggiunto il coefficiente di 60, tu TOGLI il tubo e lo tappi, e non metti nessuna ventola per generare energia elettrica, il coefficiente si abbassa a (boh) 50... ed il risparmio ulterioredi carburante ha un valore energetico superiore a quello che avresti recuperato con la ventola.
                                                      Come già detto, una ventolina per girare prende energia dal motore (che deve spingere di più), perchè è il motore che spinge l'auto contro l'aria: di conseguenza, per mantenere intatte le prestazioni, aumentano i consumi.
                                                      Poi, la ventola "recupera" (si fa per dire, in realtà CONSUMA) una parte dell'energia usata per farla girare... ma non tutta. Sarebbe già miracoloso recuperare un 25%... ed il 75% va perso nelle resistenze aerodinamiche aggiunte, nei rendimenti del generatore, del sistema di ricarica, nel rendimento delle batterie. nel convertitore per alimentare i motori e nei motori stessi... mentre se la ventola NON la metti, risparmi il 100% dell'energia.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da livingreen
                                                        ??
                                                        Perchè, io che avevo detto?
                                                        ..quello che io ho poi ..."copiato" nel mio msg

                                                        per..."appoggiarmi" sull'ultimo msg di livingreen:
                                                        se UnioneFaLaForza metti un tubo... ben raccordato, al più basso impatto aereodinamico, ecc. ecc.... bene..... ma poi cosa mette dentro il tubo? Niente?... allora l'aria ben convogliata è libera di uscire da qualche parte (anche qui "raccordata" aerodinamicamente). Diverso è se tu attappi il tubo con un .."muro"... (...o quasi): l'aria non è più libera di transitare e/o uscire.. quindi neanche di entrare e allora il coeffic. aerodinamico cambia brutalmente (peggiorando)..ahhh.. e poi non dimentichiamo che anche la parte d'uscita, progettata appunto per un buon "raccordo" con l'aria uscente... non lavora più in questo punto caratteristico (non c'è più l'aria in uscita!), quindi peggiori sia per quanto concerne l'ingresso del tubo che per quanto concerne l'uscita..

                                                        ...ora se ripensiamo al discorso dell'elica.. delle pale.. ecc. ..ricordiamo cosa dovevano fare queste nei confronti dell'aria? Dovevano offrire (facciamola semplice) la massima resistenza... praticamente essere come un .... muro!
                                                        Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

                                                        Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

                                                        Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          propongo un esperimento:
                                                          un disco di una certa dimensione ...può anche essere un asse fulcrato al centro (deve essere un po di centimetri... facciamo almeno 50).
                                                          il centro .. dell'arnese... collegato ad un motore elettrico..(in verticale) di cui possiamo misurare l'assorbimento. Una estremità della barra/asse (o sulla circ. del disco) mettiamo un mini generatore eolico... che può essere fatto con un motorino/dinamo e un'elica (tipo modellismo)... io ne metterei due identici alle due estremità diametralmete opposte.. così il tutto è bilanciato.

                                                          1a prova) (brutale)... accendiamo il motore centrale e portiamo ad un certo regime il tutto.. le pale ovviamente gireranno per effetto dell'aria. Misuriamo gli assorbimenti/potenza. Poi cortocircuitiamo secchi i morsetti del/dei generatori... e misuriamo la potenza necessaria al motore centrale (sicuramente salirà)

                                                          2a prova più tecnica (richiede un sistema di asporto: .. 1- o dei dati dei generatori, lasciando il carico sul disco/asse.. in rotazione... 2- o dell'energia prodotta, con il carico misurazioni esterno al sistema.. 3- o un carico "stabilizzato" locale di cui è noto l'assorbimento.. o comunque programmabile su certi gradini...insomma, ecc. ecc.).. portiamo sempre a regime e misuriamo come punto 1.
                                                          Quindi attiviamo il carico e confrontiamo la pot. recuperata con quella incrementa per il motore centrale...

                                                          (Ps se qualcuno arriva al pareggio... o ancor meglio lo supera.. mi mandi un MP.. che facciamo un giro alla Camera di Commercio... ufficio Brevetti)
                                                          Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

                                                          Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

                                                          Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Facciamo che lasciamo il tubo sempre aperto cosi non facciamo ulteriori resistenza..hehe...una domanda, ma un generatore da 220w o due da 110 con un'elica di 30/40 cm quanta resistenza puo fare? è cosi duro da muovere?...è possibile che un motore da 50 kw soffra cosi tanto?

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR