Modifiche che vorremmo sul nostro Vectrix Vx1 - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Modifiche che vorremmo sul nostro Vectrix Vx1

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    inutile illuderci con i punti di ricarica: per ora è impossibile ricaricare in 2 minuti.
    se voglio fare un Milano-Roma non posso ogni ora, fermarmi per 45 minuti (nella migliore delle ipotesi) a ricaricare in autogrill.

    il passaggio petrolio-elettrico non potrà avvenire in un mese: per una decina d'anni almeno, molti mezzi saranno ibridi e consumeranno fino al 10% di petrolio ed il 90% di elettricità, di più oggi non si può fare.
    Tutto cambierà con le batterie di seconda generazione, in grado di caricarsi fino ad oltre 200C.
    Nel frattempo in questi anni assisteremo ad un innalzamento della tensione del pacco batterie per diminuire i tempi di ricarica, esempio:
    banco da 5kWh = 128V x 39Ah / ricarica a 10A (C4) in 4 ore (tipo Vx1 litio+)
    banco da 5kWh = 1000V x 5Ah / ricarica a 10A (2C) in mezz'ora


    Sarebbe bello oggi poter non consumare una goccia di petrolio, purtroppo per soddisfare il 100% degli utenti, qualche goccia bisogna consumarla...

    Commenta


    • #62
      Personalmente, Milano-Roma, in auto l'ho fatto un paio di volte, figuriamoci col Vx!!!
      Comunque ti posso dire che quest'anno ho fatto un paio di volte Priverno(LT)-Roma Eur A/R 93+93=186km in due alla velocità media di 50km/h, logicamente ricaricando le batterie all'Eur.
      Il mio pacco batterie è LiFePO4 non ufficiale della Lipotech da 45Ah by Tennico.
      Non consiglio il Vx per chi fà 1000Km al giorno, pensavo fosse logico!!!!

      Commenta


      • #63
        Originariamente inviato da roby.lt Visualizza il messaggio
        Non consiglio il Vx per chi fà 1000Km al giorno, pensavo fosse logico!!!!
        non intendevo consigliare il Vx1 a chi fa 1000km al giorno, ne tanto meno pensare che milano-roma sia una tratta comune alla maggior parte degli utenti, lo spirito del discorso era relativo in generale, al soddisfare il 100% delle richieste degli utenti, a livello planetario.
        E per soddisfare certe richieste, ad oggi, c'è solo la possibilità di mezzi ibridi.
        Ovvio che se scendiamo nel particolare, se la mia autonomia media è di 50Km tutti percorsi in città, mi può anche bastare uno scooter da 2000w con 45Kmh di velocità massima.

        Commenta


        • #64
          @cristiano2B
          -per quanto riguarda il regen hai fatto un bellissimo ragionamento che dovrebbe essere seriamente approfondito da ogni produttore di veicoli elettrici ed ibridi;
          -per quanto riguarda l'extender,
          invece, Vectrix (e la maggior parte dei suoi clienti) andrebbe contro la propria filosofia di veicoli ecologici al 100%.
          Potrebbe invece, compatibilmente con le proprie risorse ed obbiettivi, adottare una filosofia "Tesla":

          http://www.quattroruote.it/notizie/e...litio#comments (leggi i commenti), ovvero tramite delle ottime batterie ed una buona elettronica estendere ad almeno 300 Km. l'autonomia dei propri scooter, con la possibilità di ricaricarli in meno di 30 minuti presso strutture specializzate e/o, perchè no, cambiare la batteria in meno di 2 minuti.
          L'utente medio percorre sì circa 30 Km. al giorno, ma raramente ha la possibilità (e la voglia, diciamolo) di mettere lo scooter in carica tutte le volte che rientra a casa, ma soprattutto ha bisogno di un mezzo che, in caso di emergenza o necessità possa fare tragitti estremamente più lunghi; inoltre le pile meno sfruttate sono estremamente più longeve;
          Concludendo, Panasonic ed altri già producono pile ad elevatissima capacità unite a pesi ed ingombri ridotti, mentre
          GP Batteries, la proprietaria della Vectrix, tecnologicamente (forse anche nei suoi obbiettivi) è ancora ben lontana.
          Questo è il vero limite.
          S:

          Commenta


          • #65
            Originariamente inviato da Esseduepunti Visualizza il messaggio
            @cristiano2B

            -per quanto riguarda l'extender,
            invece, Vectrix (e la maggior parte dei suoi clienti) andrebbe contro la propria filosofia di veicoli ecologici al 100%.


            Concludendo, Panasonic ed altri già producono pile ad elevatissima capacità unite a pesi ed ingombri ridotti, mentre
            GP Batteries, la proprietaria della Vectrix, tecnologicamente (forse anche nei suoi obbiettivi) è ancora ben lontana.
            Questo è il vero limite.
            Sappiamo bene entrambi che è solo una filosofia commerciale, visto che ad oggi almeno il 70% dell'energia elettrica al mondo, è prodotta dal petrolio.

            Pensiamo positivo: GP Batteries è l'unico produttore di batterie che è proprietario di un marchio, oppure l'unica marca di auto/moto che fabbrica anche batterie. Tutti gli altri si debbono comprare da terzi le batterie, l'affare è molto strategico nel medio termine, speriamo che GP sviluppi o compri nuova tecnologia e la possa girare su vectrix.

            Commenta


            • #66
              Campo minato... ...ma soprattutto i dati sono estremamente imprecisi. Guarda qui, per esempio:
              https://www.energeticambiente.it/discussioni-sui-massimi-sistemi-del-mondo-energetico/14755375-16-giugno-2013-italia-100per100-energia-rinnovabile.html

              Ma qui siamo OT.
              Se vogliamo restare nel tema modifiche che vorremmo sul nostro Vectrix e pensare positivo, allora non dobbiamo dimenticare il GRANDE LAVORO che hanno fatto ed ancora stanno facendo tutti gli appassionati come:
              Matteo_Vectrix ,Tennico, Vectrix_mobile, o vectrixcr, senza dimenticare xelaVx1 e tutti gli altri
              che con le prove, il proprio tempo e, spesso, i propri soldi, hanno contribuito a migliorare il nostro mezzo.
              Perchè molto probabilmente i GRANDI RISULTATI arriveranno soprattutto dal loro lavoro "sul campo".

              S:

              Commenta


              • #67
                Non capisco la correlazione tra la produzione mondiale annuale di energia elettrica con la produzione di un'ora in una manciata di giornate all'anno in Italia, oggi. Prima di sentenziare dati estremamente imprecisi, riflettiamo almeno 5 secondi.
                Oggi, oltre 3/4 dell'energia elettrica mondiale viene prodotta da fonti fossili, se hai dati diversi, postali.

                Quoto in toto il grande lavoro dei SuperTecnici, a maggior ragione perchè fatto nei periodi bui di Vectrix, quando non c'era nessuna certezza sul futuro dell'azienda.

                Commenta


                • #68
                  cristiano, la correlazione esiste eccome. Se guardiamo il pianeta nel complesso non andiamo da nessuna parte, nella maggioranza dei paesi usano veicoli e centrali elettriche obsolete e inquinanti...

                  Un veicolo elettrico riduce costo e impatto ambientale del proprietario, e se l'energia in Italia è in buona parte fornita da rinnovabili bisogna tenerne conto. Su come producono e usano l'energia in Cina non abbiamo purtroppo, almeno come singoli, modo di intervenire.

                  Anche le tue considerazioni sulla ricarica oltre che alquanto OT sono discutibili, non mi risulta sia un problema caricare a correnti elevate, mentre ci sarebbero molti problemi ad alzare ulteriormente le tensioni, sia per motivi di sicurezza che per il fatto che le reti sono a 220V, quindi i tuoi 10A a 1000V corrisponderebbero comunque a più di 40A dalla 220V.
                  Insomma, il problema delle ricariche veloci non è la corrente ma la potenza assorbita.

                  Direi però di finirla con gli OT e tornare al vectrix e le sue modifiche.
                  I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                  Commenta


                  • #69
                    si, questo argomento è OT, torniamo alle modifiche del Vx1, anche perchè è troppo tecnico: il problema non è l'alta potenza nelle colonnine (facilmente realizzabile dal gestore di rete), la criticità attuale è solo relativa alle forti correnti di ricarica necessarie e non all'alta potenza trasferita. E' proprio una questione di fisica.

                    Ma torniamo giustamente in topic:
                    è possibile estrarre il charger dal vano batterie (sotto il posto del guidatore x intenderci) ed utilizzarlo esternamente (cablaggi ed impermeabilizzazione permettendo) in modo tale da creare spazio per ulteriori batterie, nel caso di un upgrade del pacco?

                    Commenta


                    • #70
                      http://ev.com/regenerative-shock-absorbers-for-evs/

                      Che ne pensate?
                      S:

                      Commenta


                      • #71
                        michelin nella sua ruota-motore, ha un sistema simile di sospensione tra ruota e telaio-auto. Sistema che permette di avere su qualsiasi auto che monta tale ruota, delle pseudo sospensioni attive, oltre al recupero di energia sull'ammortizzatore.

                        probabilmente il recupero è marginale, ma con i nuovi ultracapacitor in grado di accumulare energia (anche elevata) in millesimi di secondo, qualche vantaggio potrebbe esserci.
                        insomma tutto fa brodo....

                        Commenta


                        • #72
                          Originariamente inviato da DoItYourself Visualizza il messaggio
                          vorrei:
                          Modifiche che vorremmo sul nostro Vectrix Vx1

                          Ciao oggi pensavo tra me e me, non potremmo inserire anche i cicli delle batterie? in pratica ogni volta che si fa un rabocco, viene calcolata la percentuale di ricarica, una volta raggiunto il 100% si conta uno...fino ad arrivare ai cicli "dichiarati" dall'azienda che ci fornisce le celle...sapremo anche quando più o meno dovremmo calcolare la sostituzione delle batterie e mettere da parte i soldini :-) che ne pensi?

                          Commenta


                          • #73
                            Personalmente faccio la stima dei cicli in base all'autonomia media del pacco batterie, quindi per avere il numero di cicli compiuti, basta dividere i km percorsi per l'autonomia media.
                            Mentre facendo una stima a lungo termine, possiamo moltiplicare il N° di cicli di vita stimati (per le LiFePO4, 2000 con DOD 80%, 1000 con DOD 100%) per l'autonomia media, in questo modo abbiamo la vita delle batterie in km.
                            Anche se le batterie LiFe risentono poco l'invecchiamento temporale, però temo che dopo 6/8 anni, seppur facendo pochissimi km, subiscano un decremento significativo.

                            Commenta


                            • #74
                              @ nefasto e roby

                              i vostri interventi mi hanno fatto venire un dubbio sulla mia interpretazione del DOD! A dire il vero Jumpjack ci aveva già provato da tempo, ma ora che lo 'spalleggiate' virtualmente vorrei capire se ho capito male o no...
                              Ne parlo in una discussione più generica, essendo argomenti non legati al vectrix...

                              se volete intervenite, così raggruppiamo in un luogo comune le considerazioni che possono interessare tutti.
                              I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                              Commenta


                              • #75
                                Vorrei montare gli specchietti con le frecce incorporate, ma ho scoperto che le frecce non vanno a 12 V ma sono intorno ai 4,4V controllate in corrente. L'unica idea che mi viene in mente sono una coppia di optoisolatori che pilotano gli specchietti prelevando la corrente dal faro che metterei a LED quindi recuperando energia. Che ne dite?
                                Vectrix VX1 Batterie Nissan Leaf Inside

                                Il mio precedente scooter

                                Commenta

                                Attendi un attimo...
                                X