annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Vx1 con batterie LiFePo4 serie LTE

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Vx1 con batterie LiFePo4 serie LTE

    Vorrei upgradare un Vx1 del 2008 con batterie NiMh, con queste batterie LiFePo4 a 12,8V

    LTE 12.8V 45AH

    caratteristica di queste batterie è di non necessitare di BMS, anche se non ho ancora capito il principio di funzionamento della tenuta del bilanciamento tra le 4 celle da 3,2V.
    Forse non c'è alcun sistema di bilanciamento, si spera nel fatto che le 4 celle essendo indivisibili ed essendo state create assieme e sempre sottoposte agli stessi carichi ed alle stesse ricariche, manterranno sempre analoga tensione in futuro. Motivazioni deboli, ma se le celle non vengono strapazzate oltre i parametri, forse una base fisica, questa teoria ce l'ha.
    Inutile dire che se avessi la sicurezza di acquistare celle da 3,2V provenienti dallo stesso lotto, sperando che abbiano avuto lo stesso "rodaggio" iniziale (che tutte le LiFePo4 necessitano), avrei le stesse aspettative dei pacchi da 12,8V della Lipotech.

    Ho solo 2 dubbi sull'applicabilità di questo upgrade:

    1) la tensione di lavoro delle NiMh (a me ignota) deve essere comparabile con la tensione di 10 batterie in serie di questo tipo, ovvero 128V di targa. Che significa avere un caricabatterie con una tensione di fine carica di almeno 146V e una centralina in grado di funzionare con tensioni di lavoro comprese tra 112V (batt. scariche) e 140V (batt. cariche)

    2) il bilanciamento dei pacchi da 12,8V si potrebbe risolvere in carica (in scarica non lo prendiamo in considerazione, a patto di non massacrare quotidianamente le batterie) connettendo 10 cavi da 1,5mm (o anche meno) ai relativi poli positivo/negativo della serie (gli stessi a cui si collega il BMS). Questi dieci cavi arrivano ad un connettore 11 poli (10 positivi + massa) che possiamo per esempio allocare nel sottosella.
    Quindi con cadenza settimanale ed a seconda dell'utilizzo, controlliamo il bilanciamento della tensione di ogni singola batteria da 12,8V.
    Nel caso che qualcuna sia bassa, si caricherebbe a 12,8V solo la batteria interessata. Il cavo da 1,5mm è piu che sufficiente perchè il grosso della carica (e quindi il grosso dell'amperaggio) verrebbe sostenuto dalla ricarica normale col caricabatterie standard; solo l'aggiustamento, bilanciamento, equalizzazione o chiamatelo come vi pare, avverrà tramite il cavo da 1,5mm, con delle correnti di qualche ampere.
    Insomma in linea di principio si tratterebbe di un "BMS manuale" dove il grosso della carica è sulle spalle del caricabatterie e l'eventuale bilanciamento finale viene effettuato da un semplice caricabatterie a 12V, l'importante è che sia stabilizzato in tensione, in quanto quest'ultima a fine carica, non deve mai superare i 15,2V meglio se non supera i 14,6V.
    Questo perchè sappiamo che le celle LiFePo4 mal sopportano tensioni superiori a 3,65V (3,65 x 4celle = 14,6V) e si danneggiano irreversibilmente con tensioni di fine carica superiori a 3,8V (3,8 x 4celle = 15,2V).

    Tenete conto che le celle LiFePo4 sono dei muli, io personalmente ho portato in carica alcune celle (per errore ed un paio di volte soltanto) fino a 4,2V ma non hanno subito alcun inconveniente, diverso è il caso di massacrarle così ad ogni ricarica: salterebbero certamente!
    Inoltre ci sono alcuni scooter (cinesi) con batterie LiFePo4, che allegramente vanno senza alcun BMS. Ed alcuni anche potenti come il ghibli o flash 6000 da 6kW.
    Questo per dire che questo tipo di chimica è molto solida e a meno di non scaricare ogni volta a zero il nostro Vx1 e portare amperaggi elevati quando siamo al di sotto del 30% di autonomia, possiamo ragionevolmente dire che anche senza BMS, le nostre batterie corrono pochi rischi. Sempre a patto di controllare spesso il bilanciamento in carica, col sistema proposto sopra.

    Che ne pensate?
    Ultima modifica di cristiano2B; 11-07-2013, 15:16.

  • #2
    la tensione di lavoro delle NiMh è di 125Volt, per cui con questo aggiornamento del pacco batterie litio con tensione a 128Volt, andrebbe fatto conseguentemente un aggiornamento software per le batterie litio.
    Mantenendo il vecchio software per le NiMh, la tensione di fine carica sarebbe leggermente bassa e di conseguenza il pacco non verrebbe mai caricato al 100% con conseguente diminuzione dell'autonomia e con aumento della longevità delle batterie.

    Commenta


    • #3
      ciao
      vedo che qui avete parlato delle LTE
      io sto valutando di convertire al litio una minicar pb-gel con 18 batt da 12v 24Ah
      pensavo di sostitutirle con queste
      Batteria LTE 12V 22Ah

      qualcuno ha poi sperimentato queste batterie ?
      www.fisicainvideo.it

      Commenta


      • #4
        ciao a tutti , vorrei chiederVi ,ma la vectrix c'è ancora ho ha chiuso i battenti , se esiste il vx 3 lo vendono o è solo un prototipo ?

        Commenta


        • #5
          è viva e vegeta, contatta matteo zordan:
          matteo.zordan@fastwebnet.it

          Commenta


          • #6
            grazie per la mail saluti alberto

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da gugli Visualizza il messaggio

              qualcuno ha poi sperimentato queste batterie ?
              il tuo link conduce ad una LTV da 3.2V , non ad una LTE da 12V.


              purtroppo x me, non le ho ancora sperimentate, penso di stare ancora con le NiMh fino ad esaurimento e poi vedo.
              Cmque dopo due anni, ho modificato la mia visione: meglio mettere celle singole da 3.2V-
              Per 2 ragioni:
              1) il costo è sensibilmente superiore x le LTE senza avere grandi vantaggi
              2) di fatto LiFePo4 senza BMS è dura, troppo tempo perso x il bilanciamento manuale e non si è al riparo da errori.
              ho fottuto una batteria della bici (headway da 10Ah) per un errore.
              E poi diciamo che fino a 3.55V in ricarica, tutte le celle sono ben livellate, oltre questa soglia ogni cella della serie, da tensioni anche molto diverse e il bilanciamento porta via troppo tempo.

              Commenta


              • #8
                Grazie della info. in Pratica sono anche io orientato Verso celle singole da 3.2v . In questi mesi con i consigli dei vari utenti del forum, ecc. Ho capito i pro e i contro delle varie tecnologie .
                www.fisicainvideo.it

                Commenta

                Attendi un attimo...
                X
                TOP100-SOLAR