annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[Citroen C-Zero] Ho acquistato l'auto elettrica...inizia l'avventura!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • [Citroen C-Zero] Ho acquistato l'auto elettrica...inizia l'avventura!

    Salve a tutti, alla fine dopo approfonditi ragionamenti, ho acquistato una Citroen C-Zero e la sensazione di essere un pioniere dell'auto elettrica ci sta tutta: inizia l'avventura!

    Valutate le caratteristiche del mezzo, l'uso che ne avrei fatto comprese le percorrenze settimanali/mensili, le caratteristiche dell'impianto della mia abitazione, lo stile di guida e infine (sopratutto) il prezzo del veicolo, ho scelto la C-Zero che incrocia al meglio tutti gli elementi sopracitati.
    Breve riassunto:

    Percorrenza(Km) C-Zero 150 (teorica) 100 (stima prudente)------ La mia percorrenza media: 110 (settimanale)
    Potenza richiesta/fornita (KW) C-Zero: 3,3 ---------- Impianto della mia abitazione: 3,3 (+ fovoltaico 2,88KW)
    Prezzo C-Zero: troppo!---------- Ho acquistato l'auto come usato di 1 anno.

    Grazie alle 2 prove effettuate presso diversi concessionari mi ero reso conto che come potenza con la C-Zero siamo all'opposto rispetto ad auto tipo Tesla ma, comunque, visto il mio stile di guida piuttosto fluido l'auto era a me adatta.

    Pratica, silenziosa, semplice, buona abitabilità e il piacere di non guardare più il listino prezzi dei carburanti non hanno..... prezzo.

    La prossima volta descriverò le operazioni di carica, i difetti, l'ansia di autonomia e altre utili info.
    Un grosso saluto a tutti.
    Ciao

  • #2
    Auguri e complimenti per la scelta!!! Quanto ti è costata?
    Circa un anno fà l'ho provata ma solo per 4/5 Km, mi è piaciuta molto ma non ho potuto testare l'autonomia, il prezzo invece non è stato di mio gradimento circa 28000Euro!!!
    Considerando che monta batterie Li Ion, hanno una vita stimata di circa 500 cicli quindi per una percorrenza di 50000/75000Km, non era affatto conveniente. Spero che abbiano abbassato i prezzi.

    Commenta


    • #3
      Grazie!
      I prezzi come usato si erano pochi mesi fa di molto abbassati (sopratutto in Francia) e io un mese fa ho tentato l'acquisto in Italia spuntando, a mio parere, un buon prezzo.
      Ultimamente in Italia i prezzi si sono leggermente rialzati causa incentivi statali.
      Per quanto riguarda il prezzo non avrei problemi a comunicarlo ma, purtroppo, vedo nell'immediato futuro un inizio di discussioni sulla convenienza senza fine. Con diverse persone ho avuto discussioni diverso tempo fa sull'acquisto di una Smart (poco fa venduta....lacrimuccia...) e alla fine si arrivava sempre che in giro c'era sempre qualcos'altro di più conveniente. Si vuol spendere poco o si vuole qualcosa di particolare, difficile lì per lì da far capire: silenzio totale quando si è fermi al semaforo... in colonna, fluidità di marcia, mettere in carica alla sera e ritrovarsi l'auto l'indomani mattina con il pieno e potrei andare avanti così.
      Chi compra un'Audi viene criticato, consigliato, eccetera? Non poteva prendersi una Skoda e siamo sempre in casa Wolkswagen...
      Io l'auto l'ho acquistata usata (1 anno).
      La capostipite è la i-Miev e le cugine sono la Peugeot i-On e la Citroen C-Zero.
      La i-Miev è la più cara delle tre ma, ha una garanzia sulla batteria e possibilità di personalizzazione superiore.

      Per il prezzo puoi vedere:

      Offers: Citroen, C-Zero, Final price (€) from € 1,000.-, Final price (€) to € 20,000.-

      Ho già eseguito delle ricariche e tutto funziona...a presto!

      Commenta


      • #4
        Secondo me in un'auto elettrica è fondamentale l'emissione ZERO, quindi basterebbe che avesse costi di ammortamento simili o poco più della sua pari endotermica (in questo caso Citroen C1), senza fare discorsi di risparmio economico, ma sicuramente nemmeno di spese molto più alte!!! Non capisco questa paura di dire il prezzo, anche io sono un pioniere dell'elettrico (ho un Vectrix da 5 anni con 35000Km percorsi), sembravo un alieno, le due domande che tutti fanno: 1)che autonomia ha? 2)quanto costa? mentre le altre cose positive passano in secondo piano anche se importantissime (zero emissioni, costo ricarica irrisorio, manutenzione ridotta, frenata a recupero energetico perciò usura dischi e pastiglie zero, nessun cambio olio e filtri).
        Il cuore di tutti i mezzi elettrici sono le batterie, che incidono molto sul prezzo, su un'auto sicuramente molto più che su uno scooter.

        Commenta


        • #5
          Comlimenti per l'auto elettrica. Tempo fa anche io volevo comprarla, anche perchè per l'uso cittadino 100 km di percorrenza va bene, al massimo uno ne fa 10 o 30 km al giorno.
          Purtroppo il loro costo allo stato attuale è molto elevato soprattutto per le batterie al litio che costano metà del prezzo dell'auto.
          Al momento che li devi sostituire non ti rimorsano una lira, eppure il litio contenuto nelle batterie costa tantissimo.
          Io sto cecando una nuova strada di sostituire le batterie al litio con altro tipo di batteria a ricarica liquida che costa molto di meno.
          http://www.energeticambiente.it/pile...elettrica.html
          Comunque molti auguri facci sapere come va, soprattutto pregi e difetti, cosi ci sappimo regolare anche noi.
          Attendiamo tue notizie ciao.
          Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

          Commenta


          • #6
            Allo stato attuale chiedere che un'auto elettrica costi quanto una Citroen C1 è utopistico ed è un confronto, a mio parere, scorretto.

            La C-Zero è letteralmente strapiena di accessori:
            -Climatizzatore
            -Riscaldamento preciso e veloce
            -Quattro vetri elettrici con possibilità di bloccarli eccetto quello del guidatore
            -ABS
            -ESP
            -ESR
            -Accensione fari con sensore crepuscolare
            -Chiusura centralizzata che se azionata con telecomando chiude anche gli specchietti elettrici
            -Vetri posteriori oscurati
            -Servosterzo elettrico
            -Luci diurne
            -Luci posteriori a Led
            -Volante e pomello in pelle
            -Tessuti dei sedili sfoderabili per eventuale lavaggio e/o sostituzione
            -Sensori cinture di sicurezza sui quattro sedili
            -Tergicristallo a velocità variabile in modo continuo
            -Cerchi in lega
            -Possibilità di attivare il riscaldamento dei sedili anteriori
            -Bollo gratis per 5 anni e poi -75%
            -ecc.

            Se dovessi usare per forza l'auto e non ho soldi che per la C1 è questa che comprerei.
            Se invece posso spendere un pò di più ma ho molto di più ...perchè non la C-Zero?
            Se fossi lo Zio Paperone....dov'è il concessionario Tesla?

            Le auto tradizionali per percorrenze molto brevi non vanno bene perchè il motore non va in temperatura di esercizio con conseguente intasamento e/o imbrattamento di filtri e candele. L'auto elettrica giri la chiave e via senza problemi.

            Il costo dell'auto
            Io, ripeto, ho acquistato l'auto come usato con riduzione quasi -50% dal listino, 1 anno di garanzia Citroen e 3000 km sul groppone: è stato un affare? Sinceramente non lo sò a voi la sentenza.
            Il costo delle batterie
            Ci sarà un calo come per i telefonini oppure a parità di costo avremo capacità superiori.

            Ciao

            E' possibile calcolare la convenienza dell'auto elettrica con questo:

            Simulatore 100% Autonomia Energetica | SoleinRete

            Cliccare sul titolo dentro la pagina

            2) SIMULATORE “VEICOLI ELETTRICI”

            Ciao


            Con tutti i mezzi di trasporto sia elettrici che tradizionali, l'autonomia può variare e di molto.
            L'autonomia è influenzata da tanti fattori:
            -stile di guida
            -peso dell'auto (passeggeri+carico)
            -pressione dei pneumatici
            -tipo di percorso (pianeggiante/montano)
            -velocità media
            -periodo: giorno, notte, piove, ecc.
            Allora per farla breve è stato inventato un sistema certificato da laboratori che se da un lato danno un metodo preciso dall'altro non rispecchiano la realtà.
            Tutto ciò, ripeto, vale sia per i mezzi elettrici che tradizionali.

            Con le guide finora svolte ho fatto un minimo di 90km (guida disinvolta, accelerazioni sostenute) a un max di 122km (guida fluida, attenzione al traffico, se c'è il pirla che si attacca al lunotto lo lascio passare, ecc.)
            Attenzione che non ho utilizzato la riserva normale e nemmeno quella strategica (chiamata tartaruga).
            Con la riserva normale avrei fatto almeno altri 20km.
            Durante la guida ho usato poco il riscaldamento. L'autoradio invece a manetta perchè il "sound" è meraviglioso...


            Quando si vuole acquistare un veicolo elettrico è bene verificare che il punto di ricarica principale (solitamente casa propria) sia adeguato anche dal punto di vista fisico.
            Solitamente le spine dei veicoli elettrici sono di tipo Shuko
            vedi
            Schuko - Wikipedia

            La presa che utilizzo per la ricarica della C0 l'ho dovuta cambiare perchè è bene non usare adattatori in quanto sono in gioco correnti dell'ordine dei 16 Ampere per parechie ore.
            Per il momento i fili che ho visto sulla presa sono di adeguata sezione ma , credo, che per stare più tranquillo, li aumenterò.

            Uno dei fattori che mi ha fatto preferire la C-Zero piuttosto che auto più potenti tipo la Renault Zoe è stato che non è necessario installare una "Wall Box" ma è sufficiente una normale presa come quelle che vengono usate per le lavatrici, frigo, ecc.

            ciao
            Ultima modifica di nll; 20-04-2013, 21:36. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

            Commenta


            • #7
              Quanti Kw assorbe in ricarica? Quando l'ho provata ho notato che non ha la frenata a recupero energetico.
              Per il consumo incide molto il N° di stop and go, a volte anche più di una velocità costante alta.
              Quando si fanno molte partenze da fermi conviene partire senza fare accelerazioni brucianti, logicamente questo vale per tutti i tipi mezzi, a maggior ragione se sono più pesanti.

              Commenta


              • #8
                Autonomia
                I calcoli teorici fatti prima dell'acquisto si sono rivelati esatti.
                Inizialmente ho ipotizzato che la C-Zero potesse fare intorno ai 100 km da un dato teorico di 150 km.
                Verificato sul campo alla fine mi ritrovo a fare il "pieno" una volta alla settimana che per me è accettabile.

                In questo mese di possesso ho preferito iniziare l'operazione di ricarica dalle ore 23 prima di andare a dormire.
                Ho scelto di farlo dalle 23 perchè da quell'orario inizia la tariffa minore detta F3 valida tutti i giorni e in più l'assorbimento di corrente di altri dispositivi è prossimo allo zero (funziona solo il frigorifero).
                Andare a dormire e l'indomani trovarsi l'auto con il pieno e pronta ....mooolto rilassante.
                Prossimamente con il miglioramento del meteo farò l'operazione di ricarica nell'arco della giornata di Domenica: tariffa F3 + pannelli fotovoltaici.

                Alla prima operazione di ricarica sono andato a vedere cosa indicava il contatore elettronico dell'Enel: 3,3Kw di assorbimento pieni.
                Confesso che mi sono preoccupato e quindi per un paio di ore ho tenuto il tutto sotto controllo.
                Ad un successivo controllo l'assorbimento era sceso a 1,8Kw.
                Conclusione
                A mio parere il sistema di carica "pompa" il massimo a 3,3Kw (16 Ampere) poi cala per controllare lo stato di carica del pacco batterie e forse fare l'equalizzazione e poi di nuovo via così.

                Recupero di energia in frenata
                Il sistema di recupero di energia in frenata funziona molto bene tanto che i freni li uso poco.
                Ho notato che se inizio a usare i freni il sistema di recupero aumenta l'energia immessa nelle batterie.
                Il sistema usato dalla C-Zero è più semplice di quello usato dalla sua "mamma" cioè la Mitsubishi i-Miev.
                La i-Miev ha sulla leva del cambio dei programmi aggiuntivi per la maggiore o minore potenza del sistema di recupero.
                In caso di rilascio dell'acceleratore la C-Zero inizia il recupero di energia quindi lancetta a metà della scala blu ma, se inizio a toccare i freni allora la lancetta va a fondo scala sempre della zona blu.

                Ciao
                Ultima modifica di smart700; 17-04-2013, 12:58.

                Commenta


                • #9
                  Interessanti queste tue prove sull'auto elettrica.
                  Io sono stato sempre un fautore delle auto elettriche da tempo immemorabile, quando vedo soprattutto nel traffico cittadino una meriade di auto che appestano l'aria con scarchi maleodoranti. Quella è tutta salute nostra che va via, forse non ce ne rendiamo conto e poi ci stupiamo di come mai aumentano certi tipi di tumori anche non fumando.
                  Una volta lessi in un articolo che un esperto, di cui non ricordo il nome, che le auto elettriche spostavano il problema dell'inquinamento, non lo diminuivano, in quanto sarebbe stato necessario costruire più centrali elettriche per fornire l'energia.
                  Alla faccia dell'esperto direi io , ma se tu abbini energie rinnovabili ed auto elettriche ridurrai sicuramente l'inquinamento atmosferico,soprattutto nelle città dove vive maggior parte delle persone , soprattutto bambini ed anziani.
                  Le auto che usiamo soprattutto in città come dicevo prima non fanno più di 30 km al giorno, perchè in genere si utilizzano per accompagnare bambini ascuola o per fare la spesa, o per andare al lavoro che per la maggior parte delle persone non superano questa distanza.
                  Quanto impieghi per una ricarica completa?
                  Tempo fa per ricaricare la batteria per auto al piombo, per evitare di tenere attaccata la corrente di casa, misi nella presa un timer che la staccava dopo tre ore e cosi ero sicuro di non consumare ulteriore energia e di evitare surriscaldamenti.
                  Saluti.
                  Ultima modifica di experimentator; 17-04-2013, 14:45.
                  Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                  Commenta


                  • #10
                    Io ho preso la DS5 hybrid della Citroen e l'elettronica sono curioso di provare la Leaf della Nissan. La C0 usata diventa molto interessante, costa meno della Yaris ibrida e se realmente l'autonomia si avvicina a quella dichiarata è un'ottima soluzione. Una cosa volevo chiederti. L'inverter della C0 come si comporta in caso tu spenga il contatore Enel. Immette in rete? C'è qualcosa sulle specifiche del sistema di ricarica?
                    :rain:L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
                    (Albert Einstein):preoccupato:

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da snapdozier Visualizza il messaggio
                      ...... L'inverter della C0 come si comporta in caso tu spenga il contatore Enel. Immette in rete? C'è qualcosa sulle specifiche del sistema di ricarica?
                      Non ho capito perchè io dovrei spegnere il contatore dell'Enel....forse credo che tu mi chiedi se scatta il magnetotermico e/o il salvavita?
                      Nel caso succeda che la corrente all'improvviso venga a cessare, suppongo che si comporti come un normale apparecchio elettrico: si spegne. Tenere presente che tra la spina che va introdotta sulla presa sul muro e la spina che va introdotta sulla presa destra dell'auto c'è un alimentatore intelligente che limita la corrente a 16 Ampere.

                      Teoricamente è possibile prendere l'energia immagazzinata nell'auto e immetterla in rete ma un sistema simile lo vedo utile per staccarsi completamente dall'Enel; allo stato attuale non è possibile.

                      Commenta


                      • #12
                        L'idea è proprio quella. Per ricaricare la vettura c'è un inverter, se è bidirezionale puoi avere una capacità da usare anche in casa. Se no basta farlo.
                        :rain:L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
                        (Albert Einstein):preoccupato:

                        Commenta


                        • #13
                          Per ZAGAMI

                          Ammesso e non concesso che con l'auto elettrica spostiamo l'inquinamento da un sistema di tipo diffuso (auto tradizionale) a uno centralizzato (centrale elettrica) proviamo a domandare ai cosidetti esperti se è più facile verificare i sistemi antinquinamento di milioni di auto tradizionali o quello di una centrale.

                          Commenta


                          • #14
                            Se vuoi allungare la vita delle batterie ti conviene ricaricare, anche dopo scariche del 50%-80%.
                            @zagami:L'esperto dell'inquinamento, dovrebbe sapere che un'auto elettrica ha una resa energetica intorno all'85% contro il 30% di una endotermica; mentre l'endotermica deve usare un combustibile, che sicuramente inquina, l'auto elettrica viene ricaricata da energia elettrica prodotta anche da fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, idroelettrico).
                            Se il prezzo diventerà sempre più competitivo e ci sarà una rete di colonnine di ricarica più ramificata, l'auto elettrica sostituirà gran parte del parco endotermico.

                            Commenta


                            • #15
                              Per Roby e Smart.
                              Appunto era quello che dicevo io. L'auto elettrica abbinata a sistemi di energia rinnovavili (solare FV , eolico, marino) possono ridurre drasticamente l'inquinamento da idrocarburi, sia nelle città, che fuori città.
                              Questo discorso l'ho sentito un po di anni fa, quando vi era in carica un certo governo, che voleva mettere delle centrali nucleari il Italia. Allora per giustificare questa pretesa, si diceva che bisognava aumentare l'energia per le auto elettriche e l'unico modo erano le centrali nucleari.Come se il fotovoltaico non esistesse. Fortunatamente la gente, di qualsiasi partito fosse, disse "no grazie".E non se ne fece nulla.
                              Ultima modifica di experimentator; 17-04-2013, 21:51.
                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                              Commenta


                              • #16
                                Smart, COMPLIMENTI E AUGURI!

                                Ora sei anche tu nel RISTRETTISSIMO gruppo di quelli che l'auto elettrica la hanno veramente! Già, perchè è 'facile' farsi lo scooter elettrico, ma l'auto non è da tutti...

                                Chiedo scusa forse dovrei ricordarlo, ma di dove sei? Se sei in zona mia (Milano) prima o poi potremmo scambiarci i bolidi per un test incrociato...ok la mia è un po' il contrario come filosofia, molto 'essential', però si difende discretamente nell'aspetto elettronico e di consumi.

                                La discussione forse sta divagando un po' troppo, io resterei di più sulla descrizione dell'avventura nei dettagli, e magari proporrò agli altri moderatori/amministratori di riunire i 'diari delle esperienze' in modo che siano più visibili.

                                Ho già detto altrove che non sono molto d'accordo sull'idea di usare l'auto come 'serbatoio' di energia da immettere in rete, visto che su gestione e durata delle batterie ci sono ancora un po' di dubbi.

                                Ti suggerisco anche di fare bene le tue considerazioni, se riesci anche qualche misura: a quanto scendono le tensioni di cella quando va in riserva? Vale la pena andarci? Di solito conviene ricaricare prima di arrivare al 70-80% di DOD, e comunque anche se la Citroen è un colosso qualche verifica è bene farla... vista la mentalità corrente magari per dichiarare qualche km in più di autonomia si stressano un po' troppo le batterie.

                                Ciao!
                                Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                I miei articoli qui:
                                https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio

                                  1) Smart, COMPLIMENTI E AUGURI!
                                  ............

                                  2) Chiedo scusa forse dovrei ricordarlo, ma di dove sei? Se sei in zona mia (Milano) prima o poi potremmo scambiarci i bolidi per un test incrociato...
                                  ...................

                                  3) La discussione forse sta divagando un po' troppo, io resterei di più sulla descrizione dell'avventura nei dettagli, e magari proporrò agli altri moderatori/amministratori di riunire i 'diari delle esperienze' in modo che siano più visibili.
                                  .............................
                                  4) Ho già detto altrove che non sono molto d'accordo sull'idea di usare l'auto come 'serbatoio' di energia da immettere in rete, visto che su gestione e durata delle batterie ci sono ancora un po' di dubbi.
                                  .....................................
                                  5) Ti suggerisco anche di fare bene le tue considerazioni, se riesci anche qualche misura: a quanto scendono le tensioni di cella quando va in riserva? Vale la pena andarci? Di solito conviene ricaricare prima di arrivare al 70-80% di DOD, e comunque anche se la Citroen è un colosso qualche verifica è bene farla... vista la mentalità corrente magari per dichiarare qualche km in più di autonomia si stressano un po' troppo lessi ma anche e batterie.

                                  Ciao!

                                  1) Grazie. E' un impegno fornire dati, descrizioni, suggerimenti eccetera ma lo faccio volentieri.
                                  2) Sono di Padova quindi aspettiamo le colonnine di ricarica veloce che, conoscendo l'agire italico, verranno installate entro la prossima era glaciale.
                                  3) Ottima idea riunire i vari diari così da agevolare chi è propenso ad acquistare veicoli elettrici più impegnativi di un semplice scooter (con rispetto ai possessori dei scooter).
                                  4) Tecnicamente fattibile ma stiamo ancora nella fase embrionale della difusione delle auto elettriche e usarle come serbatoio mi sembra eccessivo.
                                  5) Le ricariche fino ad ora eseguite le ho sempre iniziate quando l'indicatore della carica delle batterie era appena entrato in riserva. L'escursione dell'indicatore di carica batterie è composto da 16 barre, la riserva da 2. Agire in questo modo aumenta la vita del pacco batterie.
                                  L'auto ce l'ho da poco e aprire per vedere il voltaggio celle per il momento non posso, ho ancora 1 anno di garanzia ufficiale Citroen e quindi....meglio non toccare.

                                  Per avere un idea di cosa c'è sotto vedere:
                                  http://www.youtube.com/watch?v=9bcBz9Q_tXA

                                  Ciao

                                  Dopo la consegna della vettura ho guidato la C-Zero con il pieno sia delle batterie sia della paura di non tornare a casa.
                                  Correttamente il venditore in concesionaria mi aveva delucidato su molti aspetti di questa vettura però il timore di rimanere a piedi c'era lo stesso.

                                  Per aiutarmi a capire l'autonomia dell'auto, ho iniziato ad utilizzare il piccolo computer/analizzatore che si trova sulla destra del quadro strumenti.

                                  Questo computer fornisce un "stima" approssimativa dei chilometri che si possono ancora percorrere in base, fondamentalmente, a 2 parametri: lo stato di carica del pacco batterie e lo stile di guida.

                                  Il dato è periodicamente aggiornato e tiene conto, inoltre, se vengono attivati altri utilizzatori elettrici: climatizzatore, riscaldamento, ecc.

                                  Dopo un po mi sono accorto che guardavo di più il computerino che la strada: che stress!
                                  Sono passato, quindi, alla visualizzazione dei chilometri fino a quel momento percorsi che così mi portava a intraprendere stili di guida virtuosi, oggi nuovo record personale: 132 Km e indicatore appena entrato in riserva.
                                  Dato che i guidatori sono 2 (io e mia moglie) direi che il dato fornito non è male. Anche il clima meteorologico è stato buono.
                                  Alla prossima.
                                  Ciao
                                  Ultima modifica di nll; 20-04-2013, 21:38. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                                  Commenta


                                  • #18
                                    beh quello è normale..pensa che sulla Elettra ci sono solo un paio di lancette vecchio stile (il pieno e il wattmetro) ma nei primi giri bastavano a farmi tenere l'occhio fisso sul cruscotto, specie il wattmetro!
                                    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                    I miei articoli qui:
                                    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ciao.
                                      Per caso noti una diminuizione di potenza del motore, man mano che la carica della batteria diminuisce? Se si vicino a quale valore? Metà o fine?
                                      Capisco la tua tensione per paura di rimanere a piedi, questo è uno dei problemi, in quanto non vi sono stazioni di ricarica.
                                      Sin quando non vi sono stazioni di rifornimento per le auto elettriche, in tutto il territorio, non decolleranno mai.
                                      Una delle soluzioni potrebbe essere quella di cambiare rapidamente il pacco batterie, se fossero inserite tipo cassetti estraibili verso l'esterno, oppure una forma di ricarica liquida rapida.
                                      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Potenza assorbita con la ricarica lenta

                                        Dal video che c'è su YouTube, assorbe 10A x 220V = 2200w = 2,2Kw.
                                        @smart700: perciò avrai commesso qualche errore di lettura, nel dire che assorbe fino a 3,3Kw!!!

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Con il passare dei giorni, la paura di rimanere a piedi non sò più cosa sia e, anzi, mi convinco sempre più di avere a che fare con un auto normale utile per andare al lavoro, fare la spesa, portare il pargolo a scuola o alle varie attività.
                                          E' un auto utilissima per tutti gli spostamenti cittadini dove le velocità sono medio-basse.

                                          Con il calo del livello di carica del pacco batterie non si nota nessun calo di potenza.

                                          Il video che ho postato serve per dare un idea a chi non conosce le auto elettriche e in particolare la famiglia Mitsubishi i-Miev (Peugeot i-On- Citroen C-Zero).
                                          Il caricabatteria-alimentatore in mio posseso differisce da quello mostrato
                                          nel video per il dato stampato sull'etichetta:16 A.
                                          Quindi se facciamo 220*16=3520 W?

                                          Avere un auto elettrica è come avere un personal computer, uno smartphone, o navigatore satellitare: è un continuo aggiornamento hardware e sopratutto software.

                                          Ciao

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Le batterie al Litio, hanno un comportamento molto lineare fino all'80% della scarica, comunque se vuoi smanettare un pò con la tua C-0 ti conviene farlo solo con la prima metà della capacità delle batterie, soprattutto nelle accelerazioni da fermo, per i picchi di corrente che sono in gioco.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              X Smart.
                                              Una domanda, visto che oramai hai accqustato pratica con l'auto elettrica, se ci fossero delle colonnine di ricarica elettrica nelle stazioni di servizio normali per benzina, ti sentiresti più tranquillo?
                                              E se per caso il pacco batterie che si trova sotto la vettura fosse estraibile a cassetto e sarebbe possibile sostituirlo in pochi minuti nelle stazioni di servizio per carburante sarebbe una buona idea?

                                              Saluti.
                                              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Durata batterie

                                                La C Zero monta batterie Litio Ion, questo tipo di chimica ha una vita stimata >500 cicli e un invecchiamento che risulta evidente già dopo 2anni (anche senza usare le batterie, possono avere un calo del 20% all'anno)!!!

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da roby.lt Visualizza il messaggio
                                                  ...... un invecchiamento che risulta evidente già dopo 2anni (anche senza usare le batterie, possono avere un calo del 20% all'anno)!!!
                                                  In effetti l'avevo già visto in giro questo problema ma, secondo il parere di Spuzzete non è così, vedi la risposta numero 15 qui:

                                                  http://www.energeticambiente.it/sist...ci-italia.html

                                                  Come si può leggere all'interno della discussione "da che parte va l'Italia sul discorso mobilità elettrica", ho scritto anch'io dei dubbi sulle batterie al litio per trazione pesante.

                                                  Per approfondire il discorso sulle batterie bisognerebbe, credo, spostarsi nell'apposita sezione del forum.

                                                  Avrete sicuramente notato che se si inizia ad investire sulla mobilità elettrica si sviluppano nuove soluzioni, vedete qui:
                                                  Batteries charge very quickly and retain capacity, thanks to new structure | News Bureau | University of Illinois

                                                  X Zagami
                                                  1) Certamente
                                                  2) Con molte persone ho discusso su questo argomento ma, il 90%, preferisce avere la proprietà delle batterie.

                                                  Ciao

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Vogliamo chiarire una cosa? Le batterie a noleggio sono una buona idea solo (e forse siamo in quelle condizioni, per ora) se ci sono dubbi sull'affidabilità delle stesse.
                                                    Se Renault propone per la Twizy solo il noleggio io lo vedo come un modo per tutelarsi da un mare di problemi, e avere modo di aumentare il know-how (sia sulla tecnologia che su assistenza) senza farlo pagare al cliente tutto in una soluzione.

                                                    Però mi sembra lapalissiano che il noleggio costa di più, o veramente qualcuno crede ci siano società disposte a dare un servizio senza guadagnarci?
                                                    E' come le assicurazioni, non convengono mai statisticamente, ma solo sul singolo evento catastrofico.

                                                    Facendo due conti, per la twizy ma credo varrà per qualsiasi soluzione a noleggio, salta fuori che può convenire (a fatica...) solo per chi fa col veicolo elettrico percorrenze quasi irragionevoli...
                                                    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                    I miei articoli qui:
                                                    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Siamo sicuri che le società offrono il noleggio batterie per tutelarsi da richieste di risarcimento?
                                                      Se fosse così non mi spiego come mai la Tesla che offre auto a circa 100.000 euro non preveda questa formula.

                                                      In caso di problemi al pacco batterie c'è la garanzia che, per la C-Zero in Italia, è di 5 anni (i-Miev 8 anni ed la stessa auto!!).
                                                      L'unico dubbio che rimane è la possibilità di fare, con il pieno, gli stessi chilometri previsti (=utili) dal proprietario sia all'inizio dell'acquisto che alla fine della vita batteria (tra i 5 e 9 anni).

                                                      Cicli di ricarica max batteria = 500
                                                      Numero cicli carica su base annua (la mia auto): 1 settimana-> 52 in un anno
                                                      500/52= 9 anni.
                                                      Sostituzione prevista pacco batteria tra 5 anni (peggiore ipotesi) e 9 anni (migliore ipotesi).

                                                      Ciao

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Questa volta vorrei parlare del problema di ricaricare l'auto dall'impianto di casa.

                                                        Il più comune contratto prevede un max di 3,3Kw prelevati per un tempo illimitato (3Kw+10%=3,3Kw).
                                                        Se si superano i 3,3Kw allora è possibile prelevare fino a 4Kw per almeno tre ore.
                                                        Superati i 4Kw si ha che entro i 4 minuti scatta il "dispositivo per il controllo della fornitura di energia elettrica" in pratica il magnetotermico sul contatore.

                                                        La "fascia temporale" meno costosa per il prelievo dell'energia elettrica è quella chiamata F3 che inizia dalle 23 e finisce alle 7 (Lu-Ve) mentre la Domenica è tutta F3.

                                                        Per avere il quadro più chiaro e completo si deve ora controllare la richiesta energetica dell'auto:
                                                        220V * 16A (max) = 3,5Kw quindi siamo al di sopra del prelievo a tempo illimitato sopracitato.
                                                        Ci si trova, in pratica, nella fascia a tempo che se superata temo ci sia il distacco della fornitura.

                                                        E' importante, quindi, iniziare le operazioni di ricarica dalle 23 e staccare tutti gli utilizzatori elettrici della casa.
                                                        Ecco perchè quando sono andato a controllare il contatore elettrico ho trovato la frase: "Ridurre carico supero potenza per più del XX%".

                                                        Ciao
                                                        PS. In Svizzera è previsto un alimentatore auto per max 10A mentre in Slovenia inizialmente era 16A ora max 10A. E' probabile che i gestori e i fornitori di energia elettrica inizino a cautelarsi. Tutto ciò per l'aumento delle vendite di auto elettriche?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Smart, ti consiglio se non lo hai già di procurarti un wattmetro e monitorare l'andamento dell'assorbimento durante la carica.
                                                          Potrebbe essere minore di quanto dichiarato, o magari a 3,5kW ci va per un tempo limitato sopportato dal contatore. Poi non so se l'auto ha qualche possibile settaggio per ridurre tale assorbimento, prova a informarti in Citroen (magari l'hanno fatto per altri paesi)

                                                          Edit: sul sito Citroen parla di 16A come opzione, la ricarica normale da presa domestica è a 10A...
                                                          Ultima modifica di richiurci; 21-04-2013, 15:10.
                                                          Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                                          I miei articoli qui:
                                                          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            X Smart.
                                                            Certo il problema della ricarica notturna è un problema, soprattutto se si supera la potenza fornita dall'ENEL come in questo caso. Ma perchè hanno fatto una presa da 16A? A questo punto bisogna mettersi un contatore da 5KWh.
                                                            Oppure utilizzare un sistema a ricarica liquida delle batterie,come avevo pensato io, che può essere fatto in dieci minuti.
                                                            Saluti.
                                                            Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR