Auto ad ammoniaca - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Auto ad ammoniaca

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Auto ad ammoniaca

    L'ammoniaca è più facile da stoccare in forma liquida:

    L'ammoniaca potrebbe mandare in pensione benzina e idrogeno | Teleborsa.it

  • #2
    l'ammoniaca si può produrre direttamente dall'ammoniaca commerciale al 33%, aggiungendo della soda caustica.

    Commenta


    • #3
      Motori ad ammoniaca - Su strada il primo prototipo - Quattroruote

      Commenta


      • #4
        Da Arcangel:
        Perchè non usare direttamente l'ammoniaca come carburante ?

        L'ammoniaca NH3 non contiene carbonio, quindi la sua combustione non produce CO e CO2 ma solo NOx che sono facili da eliminare con i soliti catalizzatori DeNOx.

        Si produce facilmente a partire dall'idrogeno (per sintesi diretta di H2+N2, reazione esotermica) o a partire da idrocarburi con processi ormai correnti, e costa relativamente poco.

        Nel caso di idrogeno prodotto per elettrolisi usando fonti di energia rinnovabili o il nucleare, l'ammoniaca è una forma di stoccaggio dell'energia molto più pratica dell'idrogeno

        Potere calorifico riferito al volume di una miscela stechiometrica aria/carburante: 69400 kJ/kmole,
        contro i 48600 kJ con una miscela stechiometrica di n-ottano; il che significa il 50% in più di potenza a parità di cilindrata.

        Non conosco il comportamento come combustibile, la velocità di accensione etc.

        Si può stoccare liquida in bombole come il GPL (ha un punto di ebollizione circa uguale)
        Peso specifico del liquido 0.639, un po' meno della benzina.

        Potere calorifico inferiore 4450 kcal/kg, meno della metà della benzina e del GPL, il che comporta una riduzione di autonomia ma sempre meno che con le bombole di metano

        E' tossica, ma il suo forte odore è un fattore di sicurezza perchè evidenzia subito eventuali perdite .

        Insomma se il problema è quello di eliminare la produzione di CO2, sopratutto per eliminare l'inquinamento dei centri abitati, l'ammoniaca mi sembra una soluzione molto migliore dell'idrogeno.






        Aggiungo che col sistema da me indicato si stocca in auto in acqua e si produce al bisogno...

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Franco52 Visualizza il messaggio
          a partire da idrocarburi con processi ormai correnti,
          Quindi serve il petrolio...

          Nel caso di idrogeno prodotto per elettrolisi usando fonti di energia rinnovabili o il nucleare,
          Le fonti rinnovabili sono ben lontane da poter soddisfare la completa sostituzione dei consumi degli attuali idrocarburi con produzione di NH3. Senza contare che c'è una conversione energetica in più rispetto all'utilizzo di solo H2, quindi, probabilmente, maggiori perdite energetiche.

          Commenta


          • #6
            Mi dispiace Besselkn, ma non hai letto tutto:
            io propongo di usare l'ammoniaca commerciale che si trova al supermercato,
            stoccarla sulla macchina senza pericoli
            e purificarla al bisogno con soda caustica per alimentare il motore...

            Commenta


            • #7
              Be', ma non vedo il vantaggio economico...

              La benzina sviluppa (LHV) 44,40 MJ/kg * 719,7 kg/m3 = 32 GJ/m3.
              L'ammoniaca sviluppa (LHV) 18,646 MJ/kg * 700 kg/m3 = 13,05 GJ/m3.
              A parità d'energia, mi serve un volume d'NH3 pari a 32/13,05 = 2,452 volte la benzina.
              L'NH3 costa 0,74 €/L, ma per ottenere la stessa energia della benzina devo spendere 0,74*2,452 = 1,814 €.
              Considerando che sto trascurando tutti i varii processi di purificazione, concentrazione, ecc... dov'è la convenienza???

              Commenta


              • #8
                Franco, forse non conosci bene l'argomento...
                Quella che tu chiami "ammoniaca commerciale" è quella messa in commercio all'uscita della fabbrica che la produce, è diluita in acqua a concentrazioni fra il 28 ed il 33 per cento, e la possono acquistare solo i commercianti abilitati ed autorizzati.

                Quella del supermercato, adatta all'uso domestico, per legge non deve superare il 6% di concentrazione.

                In ogni caso, vista l'estrema pericolosità dell'ammoniaca, per utilizzarla si deve essere in possesso del patentino per i gas tossici, e bisogna denunciare l'attività ai VVFF ed al prefetto. Non c'è da stupirsi se l'utilizzo e la detenzione di ammoniaca è vietata per uso domestico fin dal 1927...

                GAS TOSSICI
                Richiesta di autorizzazione all'utilizzazione, custodia e conservazione :RD 147/27, art 1,4,5,6,10, 11,15,20,57,62; TULPS RD 773/31 art 58;L 579/70


                Richiesta a ASS competente corredata di relazione tecnica-costruttiva impianti e locali a ciò adibiti.
                Per più gas, si fanno domande separate.
                I documenti di interesse comune potranno essere prodotti in un unico esemplare. Nel caso in cui chi richiede l'aut. all'utilizzo intenda tenere in deposito le quantità occorrenti per l'utilizzazione è necessario richiedere anche l'aut. per la custodia e la conservazione.
                Per stabilimenti in cui l'uso di gas tossici avvenga a scopo di preparaz. o trasformaz. di altri prodotti o lavorazioni non è prevista aut. (RD 147/27, art 62)

                In caso di sottrazione: dare tempestiva informazione all?autorit? di PS.
                Ente competente: ASL Medicina del lavoro ed Igiene pubblica


                GAS TOSSICI
                Patente di abilitazione all?impiego
                RD 147/27, art 26, 27, 28, 35, 36, 39; TULPS RD 773/31 art 58
                ASS indice sessione di esami e pubblica avviso su BUR. L'interessato presenta domanda all'ASL di residenza per sostenere esami di idoneità allegando documenti specificati nell'avviso. Patente rilasciata previo esito positivo dell'esame
                Ogni 5 anni è prevista la revisione

                Ente competente: ASL Medicina del lavoro ed Igiene pubblica

                GAS TOSSICI
                autorizzazione per impiego per studi ed esperimenti
                RD 147/27, art 63; TULPS RD 773/31 art 58
                Richiesta precedentemente vidimata dal Sindaco ove ha sede l'attività.
                Il Prefetto trasmette la documentazione e il suo parere al Min. Interni che rilascia l'aut. dopo aver sentito il parere del Min. dell'industria, del lavoro e della sanità

                Ente competente: Prefetto, Sindaco


                GAS TOSSICI
                Registro di movimentazione
                RD 147/27, art 57; TULPS RD 773/31 art 58; L. 579/70
                Chiunque sia titolare di aut. alla custodia e conservazione di gas tossici deve tenere aggiornato il registro di movimentazione dei gas.
                Il registro deve essere preventivamente vidimato da parte dell'autorità di PS territorialmente competente.

                Ente competente: Azienda, Autorità di Pubblica sicurezza


                GAS TOSSICI
                Domanda di licenza permanente al trasporto
                RD 147/27, art 23,59,60; TULPS RD 773/31 art 58; L 579/70; Nuovo codice della strada; regolamenti di trasporto sostanze pericolose; decreti ministero della marina mercantile
                Trasporti terrestri: dom. in bollo con allegata copia dell'aut. alla custodia di gas tossici (ASS). La licenza va rinnovata ogni anno. Vedere anche norme ADR per trasporti stradali, RID per ferroviari.
                Trasporti via mare: dom. in bollo con allegata copia dell?aut. alla custodia di gas tossici (ASS). La licenza va rinnovata ogni anno. Le navi in arrivo devono avvisare l'autorità competente dopo l'entrata in porto. Le navi in uscita devono avvisare l'autorità portuale almeno 24 ore prima delle operazioni di carico dei gas tossici.

                Ente competente:
                AUTORITA' DI PS competente per il comune di ubicazione attivit?;
                AUTORITA' PORTUALE per i trasporti via mare
                Ultima modifica di Ospite; 25-02-2012, 04:44.

                Commenta


                • #9
                  A proposito, con l'ammoniaca al 6%, devi avere un'autocisterna al posto del serbatoio....

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da livingreen Visualizza il messaggio
                    Quella del supermercato, adatta all'uso domestico, per legge non deve superare il 6% di concentrazione.
                    Ecco, nei miei calcoletti banali avevo trascurato pure questo, quindi tanto peggio: altroché il costo della benzina (visto che, a spanne, dovrei moltiplicare 1,814 € per 100/6)!

                    Commenta


                    • #11
                      Ragazzi
                      Ma almeno un motore a scoppio funziona con ammoniaca pura, senza modifiche?

                      Commenta


                      • #12
                        Certo che funziona, ma nessuno è così pazzo da usare un composto chimico che è tossico a 200 ppm e mortale a 2000 ppm. Pensa che succede se esce qualche grammo di ammoniaca in un garage o in un auto silo.....una strage.

                        Se sono novant'anni che ne è vietato l'uso ai privati, ai non autorizzati ed a quelli sprovvisti di pantino apposito, è perchè di morti ce ne sono stati tanti. E le aziende che la usano hanno le stesse norme di sicurezza delle centrali atomiche, altrimenti nisba.

                        Rimanendo poi nella pura teoria, nell'auto "ad ammoniaca" si produce idrogeno che poi brucia, e quindi le modifiche al motore sono le stesse delle auto ad idrogeno: pistoni, cilindri, valvole e testata ceramizzati.

                        Commenta


                        • #13
                          Eccoli, i pazzi....

                          Il motore del futuro sarà ad ammoniaca - Corriere.it

                          Commenta


                          • #14
                            Già... voglio proprio vedere... La circolazione di simili mezzi dovrebbe essere vietata, il guidatore dovrebbe munirsi di patentino per i gas tossici e di tuta protettiva, e al mezzo dovrebbe essere vietato entrare nei centri abitati e sostare in luoghi chiusi. Poi arrivano le soluzioni "all'italiana" e si fanno porcherie facendole passare per miracoli.

                            Commenta


                            • #15
                              Progetto SAVIA

                              Commenta


                              • #16
                                leggete il capitolo sicurezza del progetto Savia e poi ditemi ci viaggereste?
                                Continuo a non capire perchè s'investono palate di denaro per progetti che prevedano di convertire energia da una forma all'altra, con inevitabili perdite, per poi finire ad utilizzare il vecchio motore a combustione interna con i rendimenti che ha.
                                La via migliore è quella dell'accumulazione diretta dell'energia elettrica e impiegare un motore elettrico con rendimenti ben piu elevati

                                Commenta


                                • #17
                                  Mi piace la frase del capitolo sicurezza " Il sistema di monitoraggio per l’ ammoniaca è dunque fondamentale per la salvaguardia della sicurezza dei passeggeri all’interno dell’abitacolo (per evitare possibili esplosioni derivate da fughe o intossicazione) o al di fuori del veicolo (per segnalare possibili fughe durante il rifornimento)."....

                                  Mi sembra abbastanza inutile segnalare le fughe dopo che sono avvenute... oltre al fatto che ne accorgono tutti anche senza i sensori.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Quì servono fatti
                                    non chiacchiere suggerite dai petrolieri....

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Mi sembra giusto. Cosa vuoi che siano le normative internazionali per l'uso e la detenzione dell'ammoniaca, se non un complotto dei petrolieri per affossare le nuove tecnologie?

                                      Magari anche questi incidenti sono falsi, vero?
                                      La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Esplode camion di ammoniaca: 17 morti
                                      Parma/ Intossicazione in una scuola, 25 studenti in ospedale: si pensa ad una fuga di ammoniaca | Blitz quotidiano
                                      Incendio nella notte a Cento Allarme per il rischio intossicazione Guarda il video - Cronaca - La Nuova Ferrara
                                      YouReporter.it
                                      YouReporter.it
                                      Milano, diciotto persone intossicate dall'ammoniaca alla Motorizzazione - Milano - Repubblica.it
                                      Fuorisce ammoniaca,un intossicato a Brez | L'Adige

                                      Franco, qui non c'è nessun complotto e nessuno è pagato dai petrolieri: c'è solo una persona (tu) che parla prima di informarsi e che si entusiasma a divulgare tecnologie pericolose senza il minimo scrupolo morale. La prossima volta, vai in un ASL qualunque e ti chiariranno le idee su cosa sia pericoloso e cosa invece no.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Livingreen, se tu che ancora non riesci a capire che combustibili come l'ammoniaca e l'idrogeno
                                        devono essere prodotti al BISOGNO, e quindi mai stoccati in serbatoi.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Non dirlo a me, dillo a chi redige le normative sulla base della pericolosità dell'ammoniaca. Ti ricordo che l'ammoniaca a 2000 ppm è letale: sei proprio sicuro che di quella "prodotta al bisogno" non possa mai (ripeto: MAI) fuoriuscirne anche un solo centimetro cubo?
                                          Sai, visto che un solo centimetro cubo rende letale un volume di 1 metro cubo (grossomodo l'interno di un autovettura) e intossica gravemente per un volume di 10 metri cubi (più o meno la grandezza di un garage)....

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ma figurati!!!
                                            L'ammoniaca è uno dei maggiori prodotti chimici industriali,
                                            moltissimiimpianti e lavorazioni prevedono l'uso dell'ammoniaca...
                                            e tu mi vieni a parlare di 1 cm cubo

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ci sei o ci fai? Non stiamo parlando dell'ammoniaca del supermercato, ma dell'ammoniaca anidra.
                                              Ma te le vuoi leggere le notizie sui morti per intossicazione da ammoniaca, o no?
                                              Le vuoi leggere le normative, le schede di sicurezza e tutte le altre cose che ti ho indicato, oppure no?

                                              Se le norme di sicurezza dicono che l'esposizione letale nel 50% dei casi è di 1000 ppm/10 minuti, secondo te cosa vuol dire? Li sai fare i calcoli? E' un centimetro cubo ogni metro cubo di aria, se non lo sai calcolare.
                                              Guarda che non si gioca, con queste cose, e non si prendono alla leggera come fai tu.

                                              Ultima modifica di Ospite; 04-03-2012, 14:11.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                TUTTI i combustibili sono pericolosi...
                                                Ma l'ammoniaca si trova già in tutte le case;
                                                Guarda le mille applicazioni dell'ammoniaca:


                                                Nella storia dell'industria italiana i brevetti Fauser furono una pagina importante e portarono al sorgere a Novara di un polo industriale, poi confluito in Montecatini. Il successivo sviluppo fu legato a quello dell'industria dei fertilizzanti e del polo di Ferrara, Terni e di Porto Marghera. Nel frattempo si erano sviluppati impianti anche a San Giuseppe di Cairo e a Priolo nonché il grande polo di Ravenna per meglio utilizzare il metano. La successiva crisi dell'Enichem Agricoltura in cui erano confluiti gli impianti, portò ad un drastico ridimensionamento della produzione, concentrata solo a Ferrara e a Terni e alla cessione alla norvegese Norsk Hydro oggi Yara. A seguito della cessazione della produzione di ammoniaca a Terni da parte di Yara avvenuta nel 2008, l'impianto di Ferrara è attualmente l'unico in Italia a produrre ammoniaca, con una capacità massima di circa 600.000 tonnellate all'anno.
                                                Applicazioni [modifica]

                                                Gli usi dell'ammoniaca sono innumerevoli: è una sostanza estremamente importante in campo industriale.
                                                L'applicazione più importante dell'ammoniaca è la produzione di acido nitrico. In questo processo una miscela composta da nove parti di aria e una di ammoniaca viene fatta passare a 850 °C su un catalizzatore di platino, su cui è ossidata ad ossido di azoto:
                                                4 NH3 + 5 O2 ? 4 NO + 6 H2O
                                                2 NO + O2 ? 2 NO2
                                                4 NO2 + 2 H2O + O2 ? 4 HNO3
                                                Viene anche utilizzata:
                                                • Come base per fertilizzanti agricoli
                                                • Come intermedio nella sintesi del bicarbonato di sodio
                                                • Come componente per vernici
                                                • Come refrigerante nell'industria del freddo
                                                • Per la produzione di esplosivi
                                                • Per la produzione di nylon e fibre sintetiche
                                                • Per la produzione di materie plastiche e polimeri
                                                • Come solvente
                                                • Nell'industria cartaria come sbiancante
                                                • Nell'industria della gomma
                                                • Negli ambienti domestici, è un detergente per vari usi che può essere utilizzato su molte superfici
                                                • Nelle tinture per capelli
                                                • In metallurgia per ottenere atmosfere riducenti
                                                • Nella combustione, in soluzione acquosa al 25 % per ragioni di sicurezza, come reagente per il controllo degli ossidi di azoto (NOx)
                                                • Nella produzione di sigarette, in quanto l'ammoniaca velocizza il procedimento di assunzione della nicotina da parte dei recettori del cervello
                                                • Nella lavorazione di carne per hamburgher per sterilizzarla dal batterio E. Coli

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  E io ti ripeto per l'ultima volta che non si sta parlando nè di prodotti che in origine vengono basati su ammoniaca (perchè nelle aziende vengono prese tutte le precauzioni), ne di ammoniaca diluita in acqua al 6% del supermercato. L'ammoniaca anidra, "prodotta al momento", è circa sedici volte più pericolosa della formaldeide pura, e se avessi letto anche UNO SOLO dei riferimenti postati, lo sapresti anche tu.

                                                  Hai letto l'ultimo link, dal libro di medicina del lavoro? No, vero? "concentrazione letale a 10 minuti: 1000 ppm".
                                                  Soltanto un pelino meno pericolosa dell'acido cianidrico usato nelle camere a gas, letale a 350 ppm...


                                                  E trovi anche che ha un IDLH di 300 ppm (dall'inglese Immediately Dangerous to Life and Health), che è definito dal NIOSH come la massima concentrazione di sostanza tossica a cui può essere esposta per 30' una persona in buona salute, senza subire effetti irreversibili sulla propria salute o senza che gli effetti dell'esposizione non impediscano la fuga.
                                                  Chiaro? Sopra alle 300 ppm sei invalidato, e non riesci più a fuggire... e quindi continui a restare in zona contaminata, morendo per avvelenamento da ammoniaca.
                                                  E una concentrazione del genere vuol dire un centimetro cubo di ammoniaca in tre metri cubi di aria...

                                                  Sei stato avvertito, ti è stato detto tutto sull'ammoniaca e sui suoi pericoli, e sulla complessa normativa che ne impedisce il trasporto, la detenzione e l'utilizzo a persone sprovviste di apposito brevetto e dei mezzi per gestirla. Ti è stato detto che alle navi che la trasportano è proibito l'accesso ai porti e devono trasbordare in mare aperto, che ne è vietato il trasporto nelle gallerie di categoria A, B e C.
                                                  Ti è stato detto che devono essere denunciate al prefetto, ai vigili del fuoco ed alle ASl tutte le attività che la riguardano, in modo che possano preparare i piani di evacuazione dei centri abitati secondo le leggi vigenti come la SevesoII.
                                                  Ti ho portato esempi di decine di morti per fughe di ammoniaca solo negli ultimi cinque anni, nonostante le rigidissime misure di sicurezza.

                                                  E tu continui a prenderla allegramente, giusto? Bene, se vuoi continua pure a fare l'irresponsabile ed a negare qualunque pericolosità a dispetto del buonsenso e delle normative sanitarie vigenti, ma almeno i lettori sono avvertiti e possono leggere tutti i riferimenti normativi... e prendersi giustamente una paura fottuta.
                                                  Passo e chiudo.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Guarda, bello, che noi tutti abbiamo in casa varecchina e acido muriatico, che sono mortali se inalati insieme,
                                                    eppure sono presenti in tutte le nostre case...
                                                    Perchè vorresti impedire ai tecnici di creare un motore ad ammoniaca sicuro,
                                                    che non faccia scappare neanche quel cm cubo?

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Lo sai cosa vuol dire "sei per cento di concentrazione"? Mi pare di no. E "diluito in acqua"? Pare di no.
                                                      I prodotti casalinghi non c'entrano una cippa. Per morire con quei prodotti ci devi ficcare la testa dentro per un'ora, e poi magari muori per annegamento...
                                                      Quanto all'impedire, forse non ti entra in testa una cosa molto semplice: non sono io a impedire qualcosa, sono le normative di sicurezza sanitaria, quelle sulla sicurezza sul lavoro e quelle sulla sicurezza dei cittadini.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da livingreen Visualizza il messaggio
                                                        ti è stato detto tutto sull'ammoniaca e sui suoi pericoli, e sulla complessa normativa che ne impedisce il trasporto, la detenzione e l'utilizzo a persone sprovviste di apposito brevetto e dei mezzi per gestirla.
                                                        Non solo! Anche volendo dissennatamente ignorare le problematiche sulla sicurezza, per mezzo di due banali calcoli s'è pure dimostrato che l'ammoniaca non conviene economicamente rispetto alla benzina. A questo punto, non si sa davvero cos'altro dire.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Mi dispiace, non mi convincete!
                                                          Per la sicurezza basta la tecnologia.
                                                          Per l'economicità ci sono sistemi per rendere il tutto economico...

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            *** Citazione superflua rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

                                                            Lo stasso vale anche per il nucleare a fissione.
                                                            Ultima modifica di nll; 10-09-2013, 03:30.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X