MISCELATORE GASOLIO-COLZA - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

MISCELATORE GASOLIO-COLZA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • MISCELATORE GASOLIO-COLZA

    Salve a tutti!
    Mi chedevo se si potrebbe progettare un sistema del tutto simile, ma migliore dello "switch".
    Avrebbe un senso costruire un miscelatore o adattarne uno esistente per variare in continuo le percentuali di gasolio e di oilo?
    Ovviamente il sistema si applicherebbe solo nei casi di due serbatoi distinti.
    Mi spiego meglio:
    Immaginate di partire a gasolio puro, a motore freddo il miscelatore in questione sarebbe inattivo, ma con l'ausilio di più termostati (ma sarebbe MOLTO meglio usare l'elettronica) le percentuali potrebbero salire gradualmente e con l'aumentare della temperatura del motore la percentuale di olio salirebbe fino al valore desiderato.
    Per lo spegnimento si potrebbe prevedere un "programma" inverso attivabile da un pulsante che in un tempo X decresca la percentuale di olio gradualmente sino a zero e che a operazione ultimata segnali con un led il miscelatore chiuso.
    Io purtroppo non ne capisco molto di elettronica, ma voi che dite, si potrebbe fare?

    Pace!
    Gym

  • #2
    magari sarebbe fantastico, anche se l'operazione inversa deve avvenire in 1-2 minuti altrimenti la cosa potrebbe essere veramente sconveniente

    diciamo che appena uno preme il pulsante in 1-2 minuti l'olio non dovrebbe piu' essere in circolo, ma soltanto il gasolio dovrebbe bruciare, altrimenti

    rischi che devi pensarci 10 minuti prima che vuoi spegnere la macchina di premere il pulsante

    ciao mav_top

    Commenta


    • #3
      Il vantaggio del sistema è che all'accensione sarebbe tutto automatizzato, senza più bisogno di controllare la temperatura del motore.
      Per lo spegnimento invece servono due dati: il contenuto del condotto/pompa e il consumo medio.
      Credo che un paio di minuti siano comunque pochi.
      Ad esempio il mio Ford contiene dal filtro al motore circa 700cc.
      Quindi considerato che consuma circa 10 al litro dovrei attivare il meccanismo di spegnimento circa 7 Km prima di casa, che a 50/60 all'ora significa circa 7/8 minuti prima se non sbaglio.
      C'è nessuno pratico di elettronica che può darci una mano per progettare l'integrato?

      Commenta


      • #4
        E il ritorno come si controlla? In quale serbatoio lo mandiamo?

        Commenta


        • #5
          CITAZIONE (ramon2006 @ 17/1/2007, 21:23)
          E il ritorno come si controlla? In quale serbatoio lo mandiamo?

          Azz. Giusto! Ma credo che dovendo scegliere preferirei il avere il ritorno costantemente nell'olio piuttosto che il contrario.
          Un po' di gasolio nell'olio non mi crea nessun problema, al massimo abbassa leggermente la percentuale, ma almeno così sono sicuro di non inquinare il gasolio e avviare sempre solo con quello.

          Commenta


          • #6
            Il mio impianto (Biocar) funziona proprio così (aumento graduale della % d'olio in base alle temperature rilevate dalle quattro sonde). Prima di spegnere devo convertire a gasolio 100% per 2 -3 km circa. Il ritorno...torna nel filtro, non più nel serbatoio.

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (Lolio @ 17/1/2007, 22:59)
              Il mio impianto (Biocar) funziona proprio così (aumento graduale della % d'olio in base alle temperature rilevate dalle quattro sonde). Prima di spegnere devo convertire a gasolio 100% per 2 -3 km circa. Il ritorno...torna nel filtro, non più nel serbatoio.

              Ecco. Appunto. Ma il Biocar (quello di Monaco vero?) è governato da una centralina elettronica?

              Commenta


              • #8
                Esatto, quello di Monaco, è governato da una centralina elettronica progettata dall'ing. Udo Ottl.

                Commenta


                • #9
                  Finora ho trovato solo repliche del sistema Elsbett/Bertocchi, ma perchè non tentare di replicare il Biocar (ovviamente con costi minori)?
                  Trovo che la gestione elettronica sia decisamente "avanti" rispetto allo switch puro.
                  Ho visto nel forum che in altri campi (es. fotovoltaico o eolico) non è mai stato un grosso problema replicare un circuito integrato.
                  Mi chiedevo se non sarebbe il caso di creare un "gruppo virtuale di lavoro" e poi raccogliere le esperienze come è stato fatto per le repliche del "Bertocchi".
                  Qualcuno è interessato?

                  Commenta


                  • #10
                    Io sono per le cose semplici e funzionali. Bisogna valutare il costo-beneficio di una centralina poi solo per la scomodità di schiacciare un bottone. 2 deviatori separati per andata e ritorno che funzioneranno sempre. Ciao

                    Commenta


                    • #11
                      Anch'io sono per le cose semplici, ma la comodità del sistema automatico non è semplicemente questa.
                      Non stiamo parlando di una centralina sofisticata, ma di un semplice integrato che gestisce solo due parametri, temperatura e grado di apertura/chiusura valvola, tra di loro proporzionali. Un ragazzino neodiplomato in elettronica te la realizza in cinque minuti.
                      Quale sarebbe il maggior vantaggio di utilizzare una percentuale progressiva di olio con una gestione intelligente della temperatura motore?
                      Essenzialmente non devi attendere i 90° del liquido per poter utilizzare l'olio, ma presumibilmente già a 60/70° inizi a utilizzare percentuali variabili tra il 10 ed il 40/50%, quindi consumi meno gasolio e più olio, quindi risparmi ed inquini meno nell'unità di tempo.
                      O no?

                      Pace!
                      Gym

                      Edited by gymania - 19/1/2007, 18:31

                      Commenta


                      • #12
                        Non capisco l'utilità, personalmente...
                        Un motore, per quanto delicato, resta un mucchio di ferraglia, in realtà ben poco sensibile...
                        Se andiamo a gasolio finchè è caldo l'olio che abbiamo in circolo, che si tratti di riscaldamento tramite scambiatori o candelette o altro, e poi switchiamo a olio, non avremo problemi.
                        L'importante è solo che il motore avvii a gasolio...
                        In realtà potremmo anche forzae un pò...e passare a olio quasi subito dopo l'avviamento, se non fa troppo freddo...

                        Commenta


                        • #13
                          secondo te dado basta avviare il motore a gasolio e poi dopo qualche minuto si puo' andare direttamente ad olio puro ?

                          secondo te anche in un CR/TDI/HDI ?

                          oppure conviene partire a gasolio e dopo che il motore e' caldo switchare ad olio ?

                          inoltre l'olio dovrebbe essere caldo anche lui o potrebbe essere a temperatura ambiente ?

                          una pompa da consigliare per il pescaggio dell'olio puro che magari non costi come una ferrari ?

                          Commenta


                          • #14
                            CITAZIONE (mav_top @ 30/1/2007, 12:43)
                            secondo te dado basta avviare il motore a gasolio e poi dopo qualche minuto si puo' andare direttamente ad olio puro ?

                            secondo te anche in un CR/TDI/HDI ?

                            oppure conviene partire a gasolio e dopo che il motore e' caldo switchare ad olio ?

                            inoltre l'olio dovrebbe essere caldo anche lui o potrebbe essere a temperatura ambiente ?

                            una pompa da consigliare per il pescaggio dell'olio puro che magari non costi come una ferrari ?

                            Beh, + alte sono le pressioni in gioco è + importante è che il motore, e con lui l'olio, sia caldo.
                            Io parlavo soprattutto dell'importanza di quanto concerne l'evitare le incrostazioni...
                            Di certo un TDI a rotativa è meno sensibile rispetto a un TDI IP o un JTD...

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X