annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

riscaldamento a bassa temperatura

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • riscaldamento a bassa temperatura

    vorrei discutere proposte riguardo a sistemi per il riscaldamento degli ambienti
    con la temperatura del liquido vettore max 40

    un'idea per non fare lavori importanti l'utilizzo di una pellicola metallica (domopack?) a mo' di carta da parati.Essa verrà messa in contatto con il tubo termovettore.

    smile.gif

    P.S. : mi sarebbero care indicazioni sullo studio della termodinamica in modo da fare un po' di conti seri

  • #2
    nessun commento?

    Commenta


    • #3
      qualcuno mi da' qualche dritta sulla progettazione termotecnica?

      Commenta


      • #4
        Non ne so molto, mi spiace, ma so che per i sistemi di riscaldamento a bassa temperatura di solito si adottano pannelli radianti a pavimento, pareti o soffitto e che questi ultimi possono essere applicati anche senza lavori importanti.
        Normalmente i tubi sono affogati nel pannello e il sistema alimentato da pompe di calore. Credo che se uno non si formalizza i tubi te li puoi anche appiccicare tongue.gif direttamente al soffitto, ma ripeto faccio illazioni da profano.
        Non capisco bene l'utilizzo della pellicola domopak, ma usarla a m di carta da parati mi pare un p azzardato. blink.gif
        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell

        Commenta


        • #5
          Non mi sorprendo che purtroppo in Italia si facciano ancora troppo pochi impianti a pannelli radianti.

          La temperatura di mandata dell'impianto si puo' aggirare intorno ai 30 / 32 gradi e consente un notevole risparmio energetico oltre a consentire una sensazione di comfort neanche paragonabile con il riscaldamento a radiatori.
          Minore recircolo di polveri, mantenimento del tasso di umidita', praticita' di utilizzo, temperatura costante e d omogenea, etc..

          Se poi si aggiunge che si puo' utilizzare lo stesso impianto per raffrescare casa con dispendi inferiori e benesseri maggiori rispetto ai cari e oramai superati split, e' solo la mancanza di una conoscenza di questa tipologia di impianti che frena la sua affermazione.

          Per quanto concerne l'installazione non e' poi cosi' semplice, si puo' operare a pavimento o a parete, ma cio' comporta importanti lavori di ristrutturazione, meno invasivo puo' essere l'impianto a soffitto.
          I materiali da utilizzare devono essere certificati, il tubo avere una barriera antiossigeno, il pannello avere determinate ceratteristiche, diciamo che non e' proprio un impianto che uno si puo' fare artigianalmente.

          Se le servono altre informazioni maggiormente dettagliate sono ben disposto ad approfondire la cosa.

          ciao a tutti

          Commenta


          • #6
            grazie a tutti!
            da questo forum vorrei iniziare lo studio di un sistema a bassa temperatura non eccessivamente invasivo.
            Secondo me una pellicola di alluminio (pi spessa del domopack, tutto da studiare) rivestita di materiali opportuni (p.e. carta da parati oppure imbiancata semplicemente dopo un trattamento pro-irraggiamento etc, tutto da studiare),
            pu sostituire il radiatore inserito nel muro grazie alla pi ampia superficie.
            La pellicola sarebbe messa a contatto con il tubo del liquido vettore il quale verrebbe fatto passare nel muro (unico lavoro invasivo) dietro al battiscopa.
            in particolare mi servono le formule dello scambio termico per conduzione e per convezione (quelle per irraggiamento ce l'ho gi&agrave.
            per favore rimaniamo in contatto.

            Commenta


            • #7
              Sai,sorellaLuna,ho sempre nutrito forti dubbi circa gli impianti "a scomparsa", o per le pannellature rivestite.Mi baso solo sul fatto che fornire calore a 30 metri cubi di aria meglio che scaldare una parete o una superficie metallica che reirradia il calore.Anche perch il nostro corpo percepisce il calore grazie all'aria,converrebbe pertanto fornire calorie solo a quest'ultima,evitando di intiepidire un pavimento per nulla. Tra l'altro,se si vuole anche rinfrescare l'ambiente,occorre creare uno schema diverso da quello utile al riscaldamento.Sia per freddo che per caldo,si deve creare anche un sistema per aumentare o abbassare il livello di umidità in ambiente: si evitano proliferazioni batterico-fungine e la temperatura corporea (leggi sudorazione) e la respirazione polmonare ci guadagna in termini di salute e benessere psico-fisico. Il dubbio maggiore mi viene pensando che una parete,una volta intiepidita dai tubi entrocontenuti, irradia calore anche all'esterno dell'edificio:e anche coibentando,si peggiora la trasudazione dei muri! I muri necessitano di espellere umido,o di incamerarlo,i mattoni e l'intonaco respirano anch'essi.Nelle abitazioni,per esempio,sul soffitto si passa solo una mano leggerissima di tempera bianca,al fine di far respirare la soffittatura e il pavimento soprastante.Questo comunque lo dico a caratteri generali,visto che ignoro il tipo di progettazione che stai seguendo. wink.gif

              Commenta


              • #8
                Ciao a tutti.
                Ho studiato un po' il problema un paio di anni fa.

                Avevo valutato la realizzazione di "caloriferi" che trasferissero una qualsiasi fonte di calore (acqua calda o tiepida, vapore, potenza elettrica dissipate in resistenze) prevalemente verso l'ambiente. La soluzione che avevo individuato era costituita da lamiere di alluminio sottili (es.: 1 mm o 2 mm), con limitata massa e quindi immediatamente reattive, con una sola superficie ceramizzata in alumite (quella rivolta verso l'ambiente). Le lamiere potevano essere appoggiate - con ottima conduzione termica - su una serpentina riscaldata. In alternativa, si puo' realizzare un radiatore molto piatto usando la lamiera posteriore in alluminio e quella anteriore in alluminio ceramizzato sulla sola faccia esterna.
                Lo strato di circa 50 micron di alumite ha la proprieta' di essere estremamente emissivo nell'infrarosso, le caratteristiche di emissivita' si avvicinano a quelle del corpo nero.
                Scaldando l'alluminio, si avrebbero quindi 4 strade per la cessione del calore:
                1) per conduzione, attraverso i supporti (di solito si cerca di ridurla)
                2) per convezione naturale. Notare la minima superficie di scambio, gradita in diversi casi, che limita questa cessione.
                3) per irraggiamento attraverso la parete posteriore (circa il 10 % della potenza totale trasmessa per irraggiamento)
                4) per irraggiamento attraverso la parete anteriore (circa il 90 % della potenza totale trasmessa per irraggiamento)

                Per la fisica, il pannello radiante NON e' unidirezionale, nel senso che se il liquido riscaldante si trova a 35C e una persona davanti al radiatore si trova a 36C, sara' la persona ad emettere energia radiante verso il radiatore. Quindi qualsiasi tentativo di operare con l'irraggiamento usando una fonte a temperature inferiori a quella umana, non ha la minima possibilita' di essere funzionale come sistema di riscaldamento. Semmai si potra' avere la sensazione che l'ambiente sia meno sgradevole dello stesso ambiente col radiatore a 10C, in quanto la differenza di temperatura e la cessione di energia e' minore.

                Per chiarire meglio il concetto a chi ne avesse bisogno, se facciamo passare acqua fredda d'estate, avremo un ottimo assorbitore di calore iimediato, alla velocita' della luce infrarossa.

                Tornando all'alumite, questa non puo' essere assolutamente verniciata o protetta in alcun modo, pena il decadimento delle prestazioni. D'altra parte la superficie e' dura e liscia, estremamente resistente.

                Un albergo in Inghilterra ha applicato questa tecnica ed ha potuto abbassare la temperatura da 80C a 70C a parita' di benessere.

                Il limite fisico di trasferimento energetico per un corpo nero che irradia verso l'ambiente e' di poco piu' di 200 W al metro quadro con acqua a 60C. Salendo a 70C, la potenza ceduta diventa di 340 W, quindi a parita' di effetto la superficie del radiatore quasi si dimezza.
                Paragonando queste potenze non bisogna riferirsi a quelle delle stufette elettriche o termoconvettori, che scaldano prima di tutto il soffitto.

                Ciao
                Mario




                Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                -------------------------------------------------------------------
                Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                -------------------------------------------------------------------
                L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                ------------------------------------------------

                Commenta


                • #9
                  Non so cosa centri con i pannelli solari ma rispondo lo stesso.

                  Anche io ero interessato a riscaldamento con pannelli radianti, ma dopo un consulto con ingegneri ho capito che:
                  1. scaldare a basse temperature hai rendimenti molto bassi
                  2. sicuramente pi costoso rispetto ad un impianto tradizionale
                  3. se vuoi un impianto a parete poi devi ricordarti di non mettere mobili che coprono la superficie
                  4. le pareti dopo qualche anno si sporcano vistosamente
                  5. la sensazione di tepore in un impianto a pavimento non sempre piacevole ( sensazioni personali )

                  L' unico vantaggio sembra che per pannelli dietro il muro diano una sensazione di tepore migliore rispetto ai sistemi tradizionali.
                  Credo che cmq la cosa non valga cos la pena, anche se ingrasserà le tasche degli idraulici ( non un caso che loro li propongano ....... ) cool.gif

                  Commenta


                  • #10
                    Ho fatto una casa nuova, prefabbricata, nella quale ho montato un riscaldamento a parete e soffitto. Il riscaldamento con caldaia a condensazione integrata da 7 mq di pannelli solari a tubi sottovuoto e serbatoio a stratificazione da mille litri (il tutto della marca Consolar). Ora vorrei fare il raffrescamento sfruttando l'acqua di un pozzo in cui l'acqua si trova tra i 30 e i 35 metri di profondità. Qualcuno ha idee su come realizzare il raffrescamento in questo modo? Quanta acqua devo pompare nello scambiatoe ogni ora? E dove mando l'acqua che esce dallo scambiatore?

                    Commenta


                    • #11
                      ciao

                      c' un'ulteriore soluzione da prendere in considerazione, poco invasiva, cio l'uso dei cosiddetti "radiatori a bassa temperatura" (http://alkaria.infracom.it/WebFerroli/servlet/ManageFerroliWebServlet?Operation=loadCatalog&Level=4&KeywordId=1232).
                      Si pu ottenere un beneficio (sempre da valutare costi/ammortamento) senza opere murarie o stravolgimenti, soltanto sostituendo i radiatori, la caldaia (con una a condensazione) e installando valvole termostatiche.
                      Con questi radiatori si riduce il contenuto d'acqua dell'impianto, di un terzo rispetto ai radiatori di alluminio e della metà rispetto a quelli in ghisa.
                      Secondo dati "vaillant" (produttore di caldaie tedesco, primo trovato sottomano) utilizzando un sistema con radiatori a bassa temperatura e caldaia a condensazione si ha una riduzione del 30% dei consumi rispetto a radiatori e caldaia tradizionali.
                      http://it.vaillant.com/folder.php?folder_d...tfolderID=10581


                      credo che questa potrebbe essere una soluzione interessante piuttosto che spendere soldi per provare un sistema "artigianale", invasivo e dai risultati dubbi
                      specialmente se la nostra attuale caldaia vecchiotta e si pensa di sostituirla.
                      ciao a tutti e a presto







                      Commenta


                      • #12
                        Ma quelli che hai indicato mi sembrano radiatori normali. Perch ritieni che possano funzionare a bassa temperatura? Cosa intendi per bassa temperatura?

                        Commenta


                        • #13
                          Ciao Lolio

                          quel modello di radiatore (radiatore a piastre in acciaio) quello che le case costruttrici, tramite i rappresentanti, ci indicano (a noi installatori termoidraulici) come modello adatto ad impianti con basse temperature, i 40 gradi di cui si parla.
                          Naturalmente vanno dimensionati per farli funzionare con temperatura del liquido termovettore a 40. (non usando il deltaT indicato in quel deplian, cio 50).

                          a presto


                          Download attachment
                          radiatore.pdf ( Number of downloads: 226 )

                          Commenta


                          • #14
                            piccola aggiunta per sorellaluna:

                            esiste anche un sistema di riscaldamento detto a "battiscopa", come funzionamento simile alla tua idea, tranne che per la pellicola trasparente da mettere sui muri smile.gif
                            il primo link che ho trovato questo:
                            http://www.hekos.com/html/proget.html

                            se fai una ricerca sicuramente ne trovi molti.

                            ciao e a presto

                            Commenta


                            • #15
                              grazie scupiz. Per il sistema a battiscopa funziona a 60-70. L'aria riscaldata dai piccoli radiatori contenuti nei battiscopa riscalda i muri ed essi riscaldano l'aria dell'ambiente per irraggiamento, conduzione e convezione. Ci vuole comunque una caldaia a gas, gasolio keros etc.
                              invece un sistema che funzioni a 35-40 lo si pu alimentare con il solare termico
                              anche se del tipo sottovuoto.
                              Per chi ha già una casa diciamo "a nuovo" diventa complicato riscaldarsi con il termico solare, d'inverno, senza l'ausilio del gas.
                              I costi per un tale sistema sono principalmente:

                              -collettori sottovuoto;
                              -termovettori incassati nei muri o nel pavimento o a soffitto;
                              -mano d'opera per l'installazione (molto invasiva) dei collettori nel muro;

                              secondo me grazie anche ai calcoli del Sig. Maggi si possono abbattere le spese dei termovettori (la pellicola nn trasparente di alluminio) una piastra di 1 o 2 mm costa meno di un termosifone
                              poi la sua applicazione superficiale e non richiede il rifacimento dei nostri cari amati muri in tufo.

                              il problema che l'ambiente deve riscaldare il corpo umano e non viceversa!!

                              se si riuscisse a scaldare solo uno strato d'aria mettiamo di 20 cm ed essa riscaldasse la restante ...

                              Commenta


                              • #16
                                scupiz scusa, ma in parte mi trovo d'accordo con Lolio.
                                infatti, secondo me i dati presentati riguardante l'emissione in watt sono per il seguente parametro:
                                es.1
                                -temperatura ambiente 10C
                                -temperatura liquido termovettore 60C
                                cio un salto termico di 50C

                                es.2
                                -temperatura ambiente 15C
                                -temperatura liquido termovettore 65C
                                cio comunque un salto termico di 50C

                                su due piedi non ti so dire qual' il wattaggio che riuscirebbe a dare su di un'altro salto termico (tipo quello che indicavi tu cio 40C) poich la funzione e lineare per la conduzione, invece per l'irraggiamento alla 4 potenza del salto temico e poi c' la convezione, insomma c' da fare un mucchio di calcoli (facili per).

                                il problema che a noi serve un sistema con un deltaT di 25-30MAX e deve essere efficiente ...

                                ...I tubi sotto vuoto costano un sacco

                                ciao e a presto

                                Commenta


                                • #17
                                  mariomaggi, lei ha mai pensato di costruire un wattametro con le cellePV di una calcolatrice tascabile?
                                  secondo lei si potrebbe tarare in qualche modo?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Il riscaldamento serve a scaldare l'aria dell'ambiente a 18 gradi, non il corpo umano. Non credo che qualcuno viva in ambienti a 37 d'inverno.
                                    Il calore tende ad andare verso l'alto e quindi l'impianto di riscaldamento deve essere posto in basso. Se la temperatura del radiatore superiore a quella dell'aria cede il calore in eccesso, Il sistema tende a equilibrarsi.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      cmq i calcoli per la convezione non sono facili ...

                                      Commenta


                                      • #20
                                        scusi mariomaggi ma, vero che la convezione non turbolenta ma per un rapporto lastre(m2)/volumi(m3)=1/10(?) secondo me le superfici convettrici lambite dall'aria sono ampie, come si pu tendere ad annullarle?
                                        forse l'alumite un eccellente isolante?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          potreste suffragare le due tesi con un po' di esempi?

                                          insomma, io in estate al tardo pomeriggio (20-25) cedo calore all'atmosfera
                                          ma sento benessere.

                                          N O N H O C A P I T O N U L L A !!!

                                          Commenta


                                          • #22
                                            incollo velocemente un'esempio di calcolo per temperature dell'acqua diverse da 50 (riferito a radiatori in ghisa)



                                            Condizioni di riferimento per tutti i radiatori (Piastra/Colonna)
                                            Tutti i radiatori sono composti da elementi in ghisa componibili a mezzo di nipples di acciaio filettati. Sono collaudati
                                            a 10 atmosfere di pressione idraulica prima singolarmente e poi in batteria; pressione massima di esercizio 7 bar.
                                            I valori delle emissioni termiche sono state rilevate in laboratori universitari riconosciuti e registari da ASSOTERMICA e
                                            sono espressi secondo le norme EN 442. Ricordiamo che le norme EN 442, sostituscono le norme UNI e determinano la
                                            potenza termica emessa dai radiatori con valore di ?T=50C, secondo lo standard europeo.
                                            Per calcolare il valore di potenza termica emessa, secondo le norme EN 442, con ?T dellacqua diverso da 50C
                                            si applica la seguente formula:
                                            qT = qn (T/50)n
                                            in cui:
                                            qT lemissione termica per elemento del radiatore nelle effettive condizioni di impiego in W (per un determinato valore di T)
                                            qn lemissione termica nominale EN 442 di riferimento, per elemento in W (riferita al T nominale di 50)
                                            T la differenza di temperatura fra la temperatura media del radiatore e la temperatura dellaria ambiente in C


                                            scappo
                                            a presto
                                            spero possa esserti utile sorellaluna

                                            Commenta


                                            • #23
                                              salve a tutti, vorrei darvi la mia impressione sul riscaldamento a bassa temperatura.
                                              Da 12 anni ho un impianto di riscaldamento a pavimento della Velta, in 4 appartamenti in un unico stabile in valle d'aosta !! d' inverno si arriva specialmente a gennaio-febbraio a -20, l'impianto e costituito da lastre di isolante calpestabile posa dei tubi a chiocciola su piu circuiti, uno per il bagno uno per ogni camera da letto uno per cucina e due per sala, ovviamente si cercato di lasciare 30-40cm dai perimetrali dove ci sono gli arredi ,divani mobili ecc,i tubi posati a pavimento anno una distanza di 10cm tra andata e ritorno poi i rispettivi tubi di ogni circuitio arrivano al collettore dove partono i due tubi che vanno alla caldaia, il circuito di caldaia e semplicissimo, andata e ritorno caldia pompa principale autoregolante elettrovalvole motorizzate e rispettive mandate e ritorni per bollitore acqua sanitari termo arredi nei bagni ecc (per il riscaldamento valvola miscelatrice a 3 vie dopo la valvola la pompa) questo per ogni allogio, le valvole miscelatrici sono gestite da centralina indipendentemente che in base alla temperatura esterna fa variare la temperatuta dell acqua di mandata da un minimo di 20ad un massimo di 38 (quando fuori c -20) e anche in base alla temperatura di ritorno,sempre per ogni alloggio, ovviamente ogni appartamento a il suo termostato ambiente.
                                              Devo dire che mi trovo benissimo, meglio dei termosifoni che cerano prima della ristroturazzione,la caldaia e la stessa e ho notata un notevole risparmio, un impianto di questo tipo ha un enorme inerzia termica, pertanto sconsigliato per case di vacanza dove serve portarle a temperatura nel minor tempo possibile l'ambiente, dato la temperatura bassa 30-35 gradi di questo impianto per portare un appartamento da 5 gradi a 20 ci vanno nella migliore ipotesi almeno 24-36 ore, ma poi raggiunti i 20-22 gradi a mantenerli ci vuole poco dato dal fatto che tutto il pavimento compreso il sottofondo sono radianti ed anno accumulato calore, un termosifone dove gira l'acqua a 60-65 gradi se lo chiudete si raffredda subito, il mio impianto se lo spengo rimane caldo tutto il giorno prima di rafreddarsi, da un test eseguito da m in un appartamento non abitato , dopo averr raggiunto una temperatura di 21 gradi e mantenuta per 3 giorni ho spento il riscaldamento e per scendere a 15 ci a messo 4 giorni!!! un altro test a appartamento rafreddato tenendo finestre aperte a 5 gradi e manomettendo la valvola miscelatrice ci ho mandato l'acqua a 60 !! ovviamente l'appartamento non era abitato, risultato arrivato a 20 in poco piu di 2 ore, richiuso l'impianto raggiunti i 20 gradi la temperatura salita a causa dell inerzia a 28 !! (in caso di emergenza... ma dannoso alla salute, l'appartamento ripeto era vuoto ,lacqua deve essere a 3035 max)
                                              Ovviamente non ho descritto tutto, termo camini per ogni alloggio e predisposizione per collettori solari sia per il riscaldamento che per l'acqua calda sanitari !! spesa che non ho ancora affrontato, semplicemente perch il termo camino a casa mia sempre acceso (tiene compagnia) e seconda caldaia a legna per tutto ad inversione di fiamma termorossi con annesso scabiatore di calore lamellare e vaso di espansione nello stesso locale , cosi da avere tutto l'impianto a vaso chiuso in pressione,la caldaia posizionata in un locale difianco a quella a gasolio poi c' un altra cosina di mia costruzione con delle resistenze elettriche, che uso poco perch produce solooo 3kw 24h su 24h e la consumo per inluminazione ecc (ne ho parlato da un altra parte..)

                                              conclusioni dopo 12 anni , sono soddisfatto l'impianto e ottimo lo consiglio a tutti , il pavimento non caldo cio non si percepisce,ma non freddo!!! io me ne accorgo quando a piedi nudi vado nella dispensa dove non riscaldata per ovi motivi... va bene anche con pavimentazione in legno,ho notato un risparmio energetico e muri meno sporchi e meno polvere che gira in casa e temperatura uniforme, non si vede non ci sono termosifoni da pulire ma attenzione questo tipo di impianto funzione benissimo con ottimi risultati solo se tarato da personale competente che segue l'impianto periodicamente d'inverno, bastano pochi minuti al mese per una stagione se i parametri della centralina che lo gestisce non sono aggiustati caso per caso si ha uno spreco di calare o uno scarso rendimento esempio quando la temperatura esterna scende la temperatura interna non deve variare ecc la centralina deve anticipare il giusto calore o diminuirlo al variare della temp esterna
                                              ripeto comunque la temperatura massima dell acqua dell impianto a pavimento con all'esterno meno 20 non deve mai superare per nessun motivo i 40
                                              ciao

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Cara sorellaluna,
                                                ci diamo tutti del tu, l'hai notato?
                                                CITAZIONE
                                                mariomaggi, lei ha mai pensato di costruire un wattametro con le cellePV di una calcolatrice tascabile?
                                                secondo lei si potrebbe tarare in qualche modo?


                                                Non m'era mai venuto in mente, ma si puo' fare ..... strana domanda! Tarare?
                                                CITAZIONE

                                                scusi mariomaggi ma, vero che la convezione non turbolenta ma per un rapporto lastre(m2)/volumi(m3)=1/10(?) secondo me le superfici convettrici lambite dall'aria sono ampie, come si pu tendere ad annullarle?
                                                forse l'alumite un eccellente isolante?

                                                La convezione non e' mai turbolenta. Che strano rapporto 1/10, non capisco ...

                                                Per ridurre la convezione, le lastre dovrebbero essere orizzontali (soffitto).
                                                L'alumite e' un pessimo isolante. Si riscalda facilmente ed emette il calore dal lato ceramizzato.

                                                Ciao
                                                Mario

                                                Edited by mariomaggi - 17/10/2005, 22:10
                                                Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                                                -------------------------------------------------------------------
                                                Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                                                -------------------------------------------------------------------
                                                L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                                                Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                                                ------------------------------------------------

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Quel che a me turba degli impianti a pavimento o peggio parete , la loro scarsissima per non dire inesistente ispezionabilità.
                                                  Mi spiego:

                                                  sino che tutto nuovo Ok... a parte che avere i piedi pi caldi della testa ci produce una circolazione sanguigna-termoregolazione "contro natura" che a detta di alcuni medici non salutare... e con un impianto a parete d'obbligo un arredamento "minimalista" senza che mi possa azzardare manco a piantare un chiodo nel muro.

                                                  Il problema temo possa essere quando l'impianto comincia ad essere vecchiotto.

                                                  Ho visto questi pannelli radianti, e specialmente quelli da parete sono fatti da tubicini sottilissimi.

                                                  Se la "rete" si deteriora e perde o si ottura a causa di impurità, calcare o altro non rimane altro che aprire completamente il muro o il pavimento (traslocando tutto il relativo mobilio) !

                                                  Credo pertanto che la soluzione del battiscopa radiante possa essere un ottimo compromesso tra piedi freschi, calore diffuso, praticità in casa facile ispezionabilità/riparabilità, visto che in caso di guasto la perdita si manifesta pima sul mio pavimanto che sul soffitto del piano sotto!.

                                                  Inoltre l'applicazione sarebbe economicissima in case tradizionali con muri in mattoni o peggio ancora in PIETRA dove metà del costo dell' impianto sono le tracce!

                                                  Una via di mezzo tra un riscaldamento a parete a pavimento e tradizionale dotata di orrendo circuito a tubi esterni. Con un po'tutti i vantaggi di queste soluzioni e credo i difetti di nessuna.

                                                  Edited by marcomato - 4/1/2006, 11:37

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Ciao, per quanto riguarda i piedi caldi, la questione meno problematica con la circolazione d'acqua a bassa temperatura. La norma di legge prevede che la temperatura del pavimento non possa superare 28.
                                                    A casa mia ho il riscaldamento a parete (Planterm) e devo dire che tutto sommato non ci sono grossi vincoli. I chiodi li posso mettere. Per i quadri o altre cose di non grande peso posso usare dei ganci di plastica (blitz) con tre chiodi la cui lunghezza (6 o 7 mm) non arriva a toccare i tubicini. Per buchi pi profondi (ad esempio per mettere tasselli) necesario iniziare a mano nel cartongesso il buco con la punta da trapano. Il tubicino in plastica non si buca facilmente e dunque ti accorgi subito se sei stato sfortunato e cambi posizione di un centimetro. Mobili, certo bene non coprire tutta la parete a meno che non usi librerie senza fondo. Comunque, nei bagni e in cucina i pannelli li ho montati a soffitto cos da non avere problemi. L'eventuale perdita compare immediatamente essendo i tubicini superficiali ed facilmente riparabile. Si scava nel cartongesso, si sostituiscono 10 cm di tubo, si stucca. Lo so perch al collaudo c' stato un problema e l'abbiamo subito risolto.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Salve,diciamo che +28 vanno bene se fuori ci sono+10, se fuori ai -20 non arriverai mai a +20 in casa, forse se ai la casa tipo una cella frigorifera con serramenti e porte stagne!! e un isolamento a 360 di almeno 10 cm come una cella!! ma dato che non cosi... io me ne accorgo tra gli appartamenti in piani diversi, ne ho uno vhe per meta' a piano terra non ha sotto le cantine e in quelle stanze e leggermente piu freddo o ci mette di piu a scaldarsi, ho risolto chiudendo leggermente le mandate dal collettore delle stanze piu calde cosi tutto bilanciato, ti assicuro che la termperatura dell' acqua di mandata del riscaldamento a pavimento non fissa e non c' o non ho trovato una norma dove dice quello che citi tu, non parla di temperatura acqua di mandata ma di temperatura del max del pavimento, la temperatura di mandata varia in base a diversi fattori, temperatura esterna,temperatura di ritorno impianto,spessore e materiale del pavimento e dimensioni impianto,il mio impianto come di altre marche che ho visto anno una centralina di termoregolazione con sonde di mandata ,ritorno ,temperatura esterna e opzionalmente temperatura pavimento,in base a questi parametri la temperatura di mandata varia mediante una valvola miscelatrice a valle dell circolatore (pompa) il mio impianto e ne ho 4 in 4 appartamenti sono della velta, la temperatura al massimo come impostata da centralina dedicata arriva al max a +40 quando fuori si arriva a -20 e ti assicuro che dalle mie parti ci si arriva!! ovvio che tale temperatura varia in base a quella esterna pertanto va da 20 a 40, di solito capita di notte o matino presto ma io non mi accorgo di niente ,al mattino scendo dall letto con i piedi nudi e mi accorgo che il pavimento e leggermente tiepido e non caldo,io cammino sempre scalzo e non ho mai avuto problemi da +di 15 anni, la temperatura del termostato ambiente impostata a fasce orarie da 18a21, sono contentissimo delo mio riscaldamento,prima con i termosifoni spendevo di piu', i circuiti del impianto a pavimento non hanno giunte e sono garantiti per 40 anni da difetti, tranne che ovviamente accidentali, pensate che il duomo di milano scaldato cosi e anche capannoni industriali, andate a vedere le referenze sul sito della velta, nel mio paese c' anche un condominio dove per ovviare al ghiaccio anno scaldato una rampa lunga dei garage con lo stesso sistema, e tolto le spese di sgombero neve e danni alle vetture,i condomini sono tutti contenti, in francia sono molto diffusi ma dato che li anno 54 centrali nucleari la corrente costa la meta' e di notte ancora meno loro usano resistenze elettriche autoregolanti, costano ma sono fantastiche, io le ho posate in grondaie scarichi esterni e piccole rampe ma esistono anche da interno, ho fatto la posa in due bagni sotto il pavimento e viene accesa da interruttore prima di fare il bagno,ovviamente non esisteva il riscaldamento a pavimento ma era classico con termoarredo,assomiglia ad una piattina (cavo)semi rotonda si puo tagliare e giuntare di solito consigliato portare i due estremi della serpentina in scatola e alimentarlo solo da una parte , in caso di guasto tipo rottira in mezzo alla rampa si taglia si isolano i due capi si chiude il buvo e si rialimenta da turte e due le parti.
                                                      ciao

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        x mariomaggi
                                                        quindi, il lato ceramico, un pessimo conduttore!

                                                        il wattametro va tarato:
                                                        ipotesi:
                                                        il modulinoPV trovato da qualche parte ha una certa efficenza: esso produrrà una certa tensione e sopporterà un certo carico (ad ognuna delle tensioni che pu localizzare ai suoi capi).
                                                        Sec. me il metodo pi facile per costruire il vattametro questo. Lo si espone alla massima insolazione possibile, cio in giorno terso, nelle ore centrali e perfettamente perpendicolare al sole.
                                                        ora si misura il Voltaggio.
                                                        lo misuriamo nelle stesse condizioni di perpend. per con cielo molto nuvolo.rimisuriamo il voltaggio
                                                        Per semplicità utilizzeremo un JFet (non assorbe corrente o quasi) e non un transistor.
                                                        Cercheremo un jfet che con una Vgs sia in saturazione (per i fet la saturazione la zona attiva diretta dei transistor, cio vi amplificazione di corrente Id proporzionale alla tensione Vgs).
                                                        collegeremo ai capi G ed S del jfet il modulino.
                                                        poi ai capi G e D una tensione CC in serie ad un Amperometro (analogico) di opportuna scala e ad un varistore.
                                                        Smontiamo il vetrino dell'Amperometro cambiamo il fondo con uno che riporti da 0 a 1000W.
                                                        Ora bisogna tararlo!

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          CITAZIONE (buran001 @ 5/1/2006, 00:56)
                                                          Salve,diciamo che +28 vanno bene se fuori ci sono+10, se fuori ai -20 non arriverai mai a +20 in casa, forse se ai la casa tipo una cella frigorifera con serramenti e porte stagne!! e un isolamento a 360 di almeno 10 cm come una cella!!
                                                          ...
                                                          ti assicuro che la termperatura dell' acqua di mandata del riscaldamento a pavimento non fissa e non c' o non ho trovato una norma dove dice quello che citi tu, non parla di temperatura acqua di mandata ma di temperatura del max del pavimento, la temperatura di mandata varia in base a diversi fattori, temperatura esterna,temperatura di ritorno impianto,spessore e materiale del pavimento e dimensioni impianto,
                                                          ...
                                                          la temperatura al massimo come impostata da centralina dedicata arriva al max a +40 quando fuori si arriva a -20 e ti assicuro che dalle mie parti ci si arriva!! ovvio che tale temperatura varia in base a quella esterna pertanto va da 20 a 40, di solito capita di notte o matino presto ma io non mi accorgo di niente ,al mattino scendo dall letto con i piedi nudi e mi accorgo che il pavimento e leggermente tiepido e non caldo,io cammino sempre scalzo e non ho mai avuto problemi da +di 15 anni,

                                                          Appunto, ho parlato di temperatura del pavimento a 28 (me l'hanno confermato diversi installatori), non dell'acqua di mandata.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            sorellaLua,

                                                            CITAZIONE
                                                            x mariomaggi
                                                            quindi, il lato ceramico, un pessimo conduttore!

                                                            ho scritto esattamente il contrario, che e' un pessimo isolante. Come hai fatto a ribaltare l'affermazione?

                                                            Se intendi pessimo conduttore di corrente elettrica, allora ti do ragione, ma qui si discuteva di conduzione di calore.

                                                            Ciao
                                                            Mario
                                                            Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                                                            -------------------------------------------------------------------
                                                            Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                                                            -------------------------------------------------------------------
                                                            L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                                                            Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                                                            ------------------------------------------------

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR