annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Autocostruzione Scambiatore per stufa a pellet

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Autocostruzione Scambiatore per stufa a pellet

    Ciao a tutti, vorrei discutere con voi un idea che mi gira nella testa da un anno circa, e anche se adesso ci sono 34 gradi st già pensando al prox. inverno <img src=">

    Allora... Nella sala di casa mia ho una stufa a pellet che dista dal muro circa 60 cm, quindi ho appunto 60 cm di tubo che si scalda da paura e porta all'esterno i fumi della stufa.

    Vicino alla stufa ho un calorifero che ovviamente da quando ho la pellet sempre spento.

    L'idea avrete capito quella di realizzare un qualcosa da mettere sui 60 cm di canna fumaria, (o che sostituisce questi 60 cm) in modo da scaldare l'acqua dell' impianto a caloriferi che presente nella zona notte.

    Pensavo quindi di togliere il calorifero inutilizzato e collegare questo "COSO che vorrei realizzare" ai due tubi che alimentavano il calorifero.

    Credo si possa definire uno scambiatore di calore.

    Da voi vorrei un parere: se faccio circolare l'acqua in questo scambiatore (st studiandone la realizzazione) alimentando la sola pompa della caldaia per fare girare l'acqua dopo 10 ore di funzionamento della stufa riuscir a portare la temperatura dei caloriferi almeno a 40 gradi?

    Il mio scopo quello di incrementare da 15 (con la sola stufa) a 17-18C la temperatura della zona notte che troppo distante dalla stufa.

    Mi rendo conto che potevo spiegarmi meglio... :wacko: :wacko: :wacko:

    Attend con ansia i Vs. pareri.

  • #2
    ciao,fai prima ad inserire un tubo in rame dentro la stufa,a serpentina avresti una resa maggiore,rafreddando troppo lo scarico fumi potresti avere problemi di tiraggio e aumento del consumo di pellets o malfunzionamento,per non parlare della condensa!! la caldaia la devi lasciare spenta e anche la sua pompa!!,meglio se direttamente chiusa tramite rubinetti,perch scaldare anche l'acqua della caldaia!!,l'impianto funzionerebbe male per una questione di flussi dei vari termosifoni ,dovresti installare un pompa circolatrice dietro la stufa all'uscita calda e spingere l'acqua calda nell'impianto mediante i tubi del termosifone,ovviamente credo che non serva che lui stia aperto,cosi facendo avresti una termostufa a pellets a costo quasi zero!!!poi se vuoi fare anche qualche giro di tubo di rame dentro la canna fumaria ... fai tu.
    Ciao


    Edited by buran001 - 3/3/2008, 01:13

    Commenta


    • #3
      Grazie per la risposta, una soluzione che non avevo valutato!
      Inoltre il tubo di rame facilmente "piegabile" per fargli prendere la forma appropriata.
      Il calorifero lo scollego del tutto e probabilmente lo ripongo in solaio, tanto ormai non lo uso pi.

      Il mio scopo proprio quello di ottenere una termostufa artigianale... Mi basta alzare di uno o due gradi il reparto notte, appunto con il pellet!

      Una sola donamda, per dentro la stufa cosa intendi di preciso? A contatto con il corpo stufa interno(cie la parte esterna della camera di combustione ) o proprio dentro alla camera dove c' la fiamma?

      Ciao e grazie ancora :B):

      Commenta


      • #4
        Ciao,vedi tu come riesci,dato che queste stufe anno un ricircolo fumi puoi optare come meglio riesci,ricordati che di solito per maggiore sicurezza le termostufe sono a vaso aperto e sucessivamente tramite scambiatore di calore a circuito chiuso,con questo sistema avresti bisogno di due circolatori,serve per non rischiare di mandare in ebolizzione l'acqua e far esplodere i tubi o la stufa,anche se credo non sia il tuo caso,le stufe a pellet si spengono rapidamente non come quelle a legna,basta fermare il caricamento pellets e la stufa si spegne rapidamente,comunque installerei almeno una valvola di sicurezza per sovrapressione con uno scarico e un termostato ad immersione doppio di sicurezza che spegne la stufa quando l'acqua supera i 70
        Ciao

        Commenta


        • #5
          Salve Buran sono un nuovo utente vorrei un suggerimento anche io per produrre acqua calda mi spiego meglio , d'inverno nella mia casa utilizzo un termo cammino della eta e non ha la produzione acqua calda o dovuto mettere uno scalda bagno quelli con la serpentina per produrre acqua sanitaria . Di solito lo teniamo acceso dalla mattina alla sera e caloria alla canna fumaria ne esce abbastanza e vorrei utilizzare il sistema da te descritto utilizzando una bella serpentina intorno ad essa , visto che dietro il termo cammino ci sono gia una mandata d'acuqa fredda per l'impianto e una mandata d'acqua calda proveniente dallo scaldabagno , potrei fare questa cosa? scollegare la valvola di zona a tre vie e collegare lo scaldabagno alla resistenza che vado ha mettere alla canna fumaria?

          Commenta


          • #6
            personalmente x distribuire il calore della mia stufa in maiolica che ho nel disimpegno della nella zona notte , ho optato x un ventilatore a soffitto. Nella stanza + lontana ho aumentato mediamente di 2 gradi

            Commenta


            • #7
              Ventilatore a soffitto? Nel senso che ha come unica funzione quella di spostare aria o la scalda elettricamente? Credo che un ventilatore crei delle piccole correnti d'aria piuttosto fastidiose nei giorni pi freddi.

              Commenta


              • #8
                ....Avete ragione fà caldo... e parlare di stufe a pellet rende il clima ancora pi caldo... ma ora le stufe sono fredde e ci possiamo mettere le mani, altrimenti poi ci si scotta! Allora, qualche altro consiglio? Nessuno ha una bella idea????

                Commenta


                • #9
                  ciao
                  la pompa di ricircolo meglio metterla dove ce l'acqua ancora fredda che arriva dai termosifono dopo aere dato calore all'aria perche se si scalda troppo dopo lo scambiatore pu fare del vapore dentro al tubo e la pompa non spingerebbe pi l'acqua con il rischio di fare scoppiare tutto.
                  ciao

                  Commenta


                  • #10
                    salve...ho lo stesso progetto..abito in campagna, ho una cucina economica...studiandoci sopra ho visto che le serpentine di rame a diretto contatto col fuoco...non e' il massimo proprio...potrebbe disfarsi insomma...inoltre la temperatura finale max con la legna a fuoco diretto non e' pilotabile entro il range dei fatidici 90 gradi o giu' da quelle parti....ho optato per una serpentina da 2 pollici interni in inox con spessore almeno 3 mm...ovviamente, almeno due-tre spezzoni paralleli da almeno 25 cm, con curve ricorsive, una griglia insomma; un artigiano che costruisce e ripara impianti puo' sicuramente capire e : SALDARE ! costo accettabile. La pompa sicuramente deve spingere l'acqua che ha gia' cilcato nei termosifoni, (ne esistono varie, per brevita' diro' che si puo' averle anche a piu' velocita' e variabili secondo le temperature di lavoro....l'utilita' nel borsellino si puo' faciilmente :P intuire. Per la sicurezza e lo sfogo del vapore in eccesso (attenzione ! la capacita' di distruzione del vapore compresso e' devastante...il vapore acqueo ha una velocita' di propagazione, nel caso nostro, molto vicina a quella del C4...non controlliamo : e' vero e basta, fidatevi ! lo sfogo ci vuole, di vapore acqueo ne produrremo sempre e quindi ci vuole...opterei per un vaso di espansione e' una sicurezza CERTA, semplice da realizzare, economica...certo, bisognera' alimentarlo con una linea di acqua fredda ed un galleggiante, inoltre puo' fare il classico gorgoglio degli abbaini..ma se riesci a metterlo fuori e lo isoli bene durera'...una vita senzaa problemi. Una termocoppia interruttore, non e' essenziale ma io la metterei, costo esiguo anche da nuova, eventualmente ricliclarla da un boiler elettrico rottamato.... (cos'e' ? lo saprete sicuramente, ma per le bestie come me lo ripeto...e' una sonda del tutto simile a quella montata sui boiler elettrici, ad una certa temperatura impostabile per altro, da' il contatto elettrico alla pompa o la spegne; ci occorre per non sprecare energia elettrica nella pompa) all'uscita dell'acqua calda, inserita dentro il tubo o fuori (quella dei bolier non si puo' diversamente, nel caso applicata in maniera solidale al tubo di uscita, a controllare se vale la pena di pompare o no ( a 10 gradi non occorre ancora che parta e se finisce la legna...che gira a fare ?) (se applicata esternamente al tubo, la termocoppia sarebbe meglio annegarla in pasta conduttiva, fasciare il tutto con allumiunio adesivo funziona decentemente, la pasta la usano i frigoristi... qualche rivenditore di idraulica dovrebbe darcela a prezzi ben diversi da quella, identica per altro, a quella che usiamo per i dispersori del cip computer; a tale proposioto segnalo che 2 grammi comprati in un negozio pc ed un kilo nel magazzino di idraulica hanno prezzi che fanno veramente pensare, pur essendo praticamente la stessa cosa.....misteri :wacko: .)
                    Spero di essere stato di aiuto..se questo inverno sara' come l'altro...stiamo "freschi" !!! ciao-francesco

                    salve...ho lo stesso progetto..abito in campagna, ho una cucina economica...studiandoci sopra ho visto che le serpentine di rame a diretto contatto col fuoco...non e' il massimo proprio...potrebbe disfarsi insomma...inoltre la temperatura finale max con la legna a fuoco diretto non e' pilotabile entro il range dei fatidici 90 gradi o giu' da quelle parti....ho optato per una serpentina da 2 pollici interni in inox con spessore almeno 3 mm...la pompa sicuramente deve spingere l'acqua che ha gia' cilcato nei termosifoni, per la sicurezza e lo sfogo del vapore in eccesso opterei per un vaso di espansione e' una sicurezza CERTA, semplice da realizzare, economica...certo, bisognera' alimentarlo con una linea di acqua fredda ed un galleggiante, inoltre puo' fare il classico gorgoglio degli abbaini..ma se riesci a metterlo fuori e lo isoli bene durera'...una vita senzaa problemi. Una termocoppia interruttore, non e' essenziale ma io la metterei, costo esiguo anche da nuova, eventualmente ricliclarla da un boiler elettrico rottamato.... (cos'e' ? lo saprete sicuramente, ma per le bestie come me lo ripeto...e' una sonda del tutto simile a quella montata sui boiler elettrici, ad una certa temperatura impostabile per altro, da' il contatto elettrico alla pompa o la spegne; ci occorre per non sprecare energia elettrica nella pompa) all'uscita dell'acqua calda, inserita dentro il tubo o fuori (quella dei bolier non si puo' diversamente, nel caso applicata in maniera solidale al tubo di uscita, a controllare se vale la pena di pompare o no ( a 10 gradi non occorre ancora che parta e se finisce la legna...che gira a fare ?) (se applicata esternamente al tubo, la termocoppia sarebbe meglio annegarla in pasta conduttiva, fasciare il tutto con allumiunio adesivo funziona decentemente, la pasta la usano i frigoristi ed qualche rivenditore di ifraulica dovrebbe darcela a prezzi ben diversi da quella, identica per altro, a quella che usiamo per i dispersori del cip computer; a tale proposioto segnalo che 2 grammi comprati in un negozio pc ed un kilo nel magazzino di idraulica hanno prezzi che fanno veramente pensare, pur essendopraticamente la stessa cosa.....misteri :wacko: .)

                    Commenta


                    • #11
                      Questo week end voglio fare un esperimento, prendo 3 metri di tubo in rame del diametro di 10mm e lo piego a metà.

                      A questo punto infilo il "doppio tubo" che ho ottenuto dentro al tubo della canna fumaria della stufa a pellet lasciano fuoriuscire solo i due capi del tubo piegato. (Per comodità lo infilo dal lato dove il fumo uscirebbe verso l'esterno, mentre l'altro lato della canna connesso alla stufa)
                      Tutto questo lavoraccio posticcio mi serve per valutare se facendo circolare acqua all'interno del tubo questa si riscalda e quanto.

                      2 tubi da 10mm non dovrebbero strozzare pi di tanto il tubo di scarico che diametro 80mm.

                      Se avete consigli scrivete pure, riusciranno 3 metri di tubo a scaldare in modo soddisfacente per applicazioni future dell'acqua che entra a 20C???

                      Commenta


                      • #12
                        E' probabile che si formi condensa sul tubo di rame, non so se possa dare problemi.

                        Commenta


                        • #13
                          Si, c'avevo pensato alla condensa, ma se in linea di principio funzionasse deve durare x 5 mesi invernali, poi l'anno successivo potrei sostituire il tubo in rame se si corroso. (ma credo che il rame si ossidi e l'ossido in realtà lo protegga dalla corrosione. Non picchiatemi se dico stronz...)

                          Commenta


                          • #14
                            se ti interessa per fare un ottimo lavoro devi procedere cosi .
                            prendi li tubo tappalo da un lato anche semplicemente schiacciandolo in cima con una morsa .
                            riempirlo di sabbia fine asciutta.comprimerla, e chiudere anche l'altro lato. a questo punto puoi arrotolare il tubo su un palo di legno e sagomarlo come desideri .dopo taglia il tubo e fai uscire la sabbia .
                            io cosi sono riuscito ad inserire tre metri di tubo di rame 18mm in un tubo di 120 mm
                            e facendolo uscire da due fori a lato .

                            Commenta


                            • #15
                              ..... ma avete provato a fare una di queste soluzioni che avete proposto? perch io ero interessato a comperare una stufa idro... per i prezzi sono abbastanza alti, mentre se acquisto una stufa normale che costa meno della meta poi la trasformo e ottengo la stassa cosa... anche perch io ho una casa abbastanza piccola poco pi di 70mq.... per il mio appartamento ho visto stufe solo ad aria che pago tra i 1300 e 1800
                              potrei anche mettere un accumulo per il sanitario... solo se quello che avere detto fattibile e lo avete provato... :unsure:

                              Commenta


                              • #16
                                <img src="> ci sono novità per i vostri scambiatori per acqua calda??? :unsure:

                                Commenta


                                • #17
                                  il sistema potrebbe essere cosi fatto a grandi linee ..
                                  il tubo e un pezzo di qello che normalmente usi per la canna fumaria anche se sarebbe meglio usare un tubo pi grande, perche c' un limite al diametro minimo di arrotolamento del tubo.
                                  sarebbe meglio se il tubo venisse fatto rosso (ricottura), poco prima di avvolgerlo.

                                  Attached Image

                                  Attached Image

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Scusate la mia assenza... leggo solo ora che qualcosa si mosso in questo argomento nonostante l'inverno non particolarmente freddo... Bella l'idea della sabbia e anche quella del tubo un po' pi grande, in effetti ho avuto problemi con la piegatura perch il tubo in rame tendeva a strozzarsi.

                                    Le prove che ho fatto io sono pi o meno quelle del disegno sopra, per comodità ho poi collegato il tubo in rame ad un tubo in gomma e tramite una pompa ad immersione posta in un secchio facevo girare l'acqua...

                                    Ho misurato la temperatura iniziale dell'acqua ed era 10C (le prove le ho fatte sul terrazzo)
                                    Dopo 10 minuti di funzionamento l'acqua era a 45C
                                    Dopo 15 minuti sono tornato sul terrazzo e nel secchio non c'era pi acqua.... in compenso si era allagato il terrazzo, <img src="> perch il tubo in gomma riscaldandosi non ha pi fatto tenuta sul tubo in rame... ovvero si sganciato e la pompa ha fatto il resto...

                                    Devo dire che dovevo aspettarmelo, ma la fretta di procedere mi ha fatto fare questo esperimento, comunque l'acqua si scalda e secondo me si pu avere un certo tepore nelle stanze facendo giarare l'acqua nei caloriferi.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      a bravo se fai una cosa cosi in casa la tua sig.ra vorra la tua testa...
                                      una altra soluzione piu semplice da costruire che mi venuta in mente solo ieri .
                                      potrebbe essere questa! :
                                      utilizzando una sezione(un elemento) di radiatore in alluminio ,leggermente modificato ,per permettere all'aria di proseguire il flusso verticalmente , anziche piegarsi in avanti. in pratica tagliare con un seghetto il pianetto superiore.
                                      dopodiche avvolgerlo in una lamiera ,zingata o meno.
                                      lasciandola di lunghezza maggiore del radiatore (che ci sono di pi altezze) e la parte che sporge, sagomarla tonda per abboccarla al tubo.e forarla in corrispondenza dei bulloni ove sono avvitati i rubinetti del radiatore,con due guarnizioni una dentro e una fuori, e il gioco fatto .
                                      che te ne sembra ?

                                      pero sappi che i fumi dentro la canna fumaria ,girano salendo in una spirale . per cui la precedente idea offre un minore freno ai fumi .!
                                      la seconda una maggiore efficenza .
                                      ps: se non capisci di che tipo di elementi sto parlando ti inviero un disegno ,o foto.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        penso che la cosa sia piu grande che un tubo di gomma sulle stufe a pellet dovresti mettere un tubo di 100 per un metro avvolgere del tubo di rame a spirale o tondo per tutta la lughezza uscire con tubo ingressoe uscita raccordarti e mettere un boiler minimo di centro litri ti serve anche le sicurezze valvola di sfiato polmone a espansione giolli di sfiato aria e un termostato che ti ferma la stufa se dovesse raggiougere alte temperature i tuoi fumi alcune volte raggiugono anche 180 gradi e servono delle sicurezze non scerzare ciao ridurlo a 80

                                        o scritto di fretta scusatemi

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ragazzi, io l'ho fatto. Guardate qu:
                                          http://stufapellet.forumcommunity.net/?t=11267171

                                          Commenta


                                          • #22
                                            come si comportato ne ltempo ??

                                            Commenta


                                            • #23
                                              DA PAURAAAAA, ottima resa e camera bimbi calda tutto l'inverno.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                cerco suggerimenti per stufe

                                                ciao,sono un ceramista di bergamo,sto cercando qualcuno che mi possa aiutare a realizzare una stufa a legna con scambiatore per alimentare i caloriferi del mio appartamento,sono a digiuno totale di idraulica,ma ho forno, refrattari,argille,fornitori di elementi in ghisa per interni/esterni,puoi darmi qualche suggerimento o link utile? se qualcuno abita nelle zone si potrebbe trovare un accordo per una collaborazione scambiandosi le proprie conoscenze ognuno potrebbe portarsi a casa una stufa in maiolica a costi minimi.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Ciao,ti ho gi risposto da un'altra parte,non postare doppio!
                                                  Ultima modifica di buran001; 04-09-2008, 16:04.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    info su stufe a pallet

                                                    Scusate,
                                                    non ne capisco niente sulle stufe a pallet, ma sento spesso parlare di consumi ridottissimi.................
                                                    Mi dicono che con 2 al giorno si riesce a scaldare tranquillamente.
                                                    ma si collega ai caloriferi come il termocamino ????

                                                    e' vero che e' cosi' economica ???

                                                    Con il il mio termocamino se mi metto vicino a tenerlo Bello acceso a T soddisfacente ,tutta la giornata non dico 1/2 quintale ma...................consuma.....!!!!!

                                                    si potrebbe collegare in parallelo, magari ne metterei una in un'altra stanza........

                                                    grazie.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Magari,una termostufa media se messa a palla ti fa fuori tranquillamente 5 sacchi da 15 kg di pellets in 24H ! (ci scaldi tutta la casa)
                                                      il vantaggio che piu facile da gestire di un termocamino (conviene solo se si ha legna gratis),accensione automatica con timer o SMS,facile da pulire e da caricare.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da buran001 Visualizza il messaggio
                                                        Magari,una termostufa media se messa a palla ti fa fuori tranquillamente 5 sacchi da 15 kg di pellets in 24H ! (ci scaldi tutta la casa)
                                                        il vantaggio che piu facile da gestire di un termocamino (conviene solo se si ha legna gratis),accensione automatica con timer o SMS,facile da pulire e da caricare.

                                                        La gestione ok.

                                                        ma i consumi ???

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Ciao,ci scaldi una casa a +22 normale,con due chili di buon pellet si paragona a circa 1 litro di gasolio da riscaldamento! (convienne scaldare con una caldaia a pellets ad alta efficenza e comprare pellets all'ingrosso si risparmi questo sicuro (un bilico alla volta,come col gasolio 1500/3000 litri,che a differenza di quantit costa uguale)
                                                          Il combustibile solido col migliore prezzo resa il cippato,ma il piu difficile da trattare,come stoccaggio e trasporto automatico.
                                                          Ciao

                                                          Commenta

                                                          Attendi un attimo...
                                                          X
                                                          TOP100-SOLAR