annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

MA LA DINAMO DELLA BICI?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • MA LA DINAMO DELLA BICI?

    Una domanda ai "tecnici" del forum:
    ma la dinamo della bici pu caricare una batteria? Magari collegandone due o tre? No perch ha due grossi vantaggi: costa zero se la recuperi (5euro se la compri nuova) e non richiede regimi di rotazione eccessivi per essere attivata...
    Si accettano consigli, indicazioni, anche sbeffeggi purch educati...
    Thanks!

    Edited by Furio57 - 15/7/2006, 11:42

  • #2
    La dinamo della bici produce una tensione di 6 volt e non ricordo quanti Watt, credo qualcosa tipo 5 W, Ci si pu caricare una batteria, ma credo che se usi una batteria a 6V non ce la facciao, forse 4 elementi al Ni-Cd (4,8 volt) sono pi adeguati.
    Va sicuramente inserito un diodo o un ponte di diodi per evitare che la batteria si scarichi (e bruci) la dinamo quando questa ferma.

    Commenta


    • #3
      CITAZIONE (vascomark @ 29/6/2006, 14:24)
      La dinamo della bici produce una tensione di 6 volt e non ricordo quanti Watt, credo qualcosa tipo 5 W, Ci si pu caricare una batteria, ma credo che se usi una batteria a 6V non ce la facciao, forse 4 elementi al Ni-Cd (4,8 volt) sono pi adeguati.
      Va sicuramente inserito un diodo o un ponte di diodi per evitare che la batteria si scarichi (e bruci) la dinamo quando questa ferma.

      Certo 5w non sarebbero poi molti, ma come ripeto le dinamo si trovano anche gratis di recupero.
      Forse bisognerebbe calcolare il regime di rotazione appropriato.
      Mi venuta questa idea strana perch cercavo un motore brushless ma mentre andavo in bici al lavoro mi sono accorto di esserci seduto sopra...
      Se ne potrebbero mettere due in serie per fare i 12v o la tensione di carica deve essere per forza maggiore di quella di accumulo?
      Purtroppo sono abbastanza principiante in queste cose...

      Commenta


      • #4
        No, due in serie non ce li vedo proprio in quanto la dinamo della bici produce corrente alternata e quindi sarebbe difficoltoso far rimanere in fase le due sinusoidi...
        Forse si potrebbe raddrizzare la corrente con un ponte e un condensatore e successivamente metterle in serie ma andrebbe provato.Anche in questo caso per si raggiunge solo 12V per permettere la ricarica completa necessario arrivare almeno a 14,5/15V.

        Commenta


        • #5
          Azz! E' vero, sono in alternata!

          Commenta


          • #6
            Basta che raddrizzi ogni dinamo per conto suo, poi mennti in serie le uscite dei raddrizzaotri.
            Per caricare un abatteria la devi alimentare con tensione maggiore, altrimenti non gli entra corrente!
            6V non saranno tassativi! V in funzione della velocità angolare, quindi basta farla girare pi veloce per avere pi tensione.
            Non so come sia il rendimento,forse un brushless meglio.
            ciao
            ciao
            Giorgio
            Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

            Commenta


            • #7
              Ciao a tutti!
              Mi venuta un'ideuzza, si potrebbero collegare tranquillamente in parallelo se si riuscissero a mettere perfettamente in fase... eeeee ... se si riuscisse a mantenere il tutto vincolato con un sistema di trasmissione fisso, (a ingranaggi o coassiale).
              Come metterli in fase? Non ne ho idea, per mi incuriosisce...

              Commenta


              • #8
                CITAZIONE (gymania @ 29/6/2006, 13:43)
                Una domanda ai "tecnici" del forum:
                ma la dinamo della bici pu caricare una batteria? Magari collegandone due o tre? No perch ha due grossi vantaggi: costa zero se la recuperi (5euro se la compri nuova) e non richiede regimi di rotazione eccessivi per essere attivata...
                Si accettano consigli, indicazioni...

                Ciao Gymania bentrovato! Tutti le chiamano dinamo, ma sono piccoli alternatori quindi la tensione in uscita in corrente alternata. Il regime di rotazione non cos basso come pu sembrare, basta un piccolo calcolo rispetto al diametro della ruota della bicicletta, il suo numero di giri ed il diametro della ruotina della dinamo per rendersene conto. Per variare la tensione di uscita della dinamo basta modificare il numero di spire degli avvolgimenti, per fare ci necessario acquistarne una che si possa aprire, quindi munita di viti, non le cinesi di ultima generazione che sono una porcheria. Le dinamo vecchie di qualche tempo fa erano anche molto pi grosse e potenti. Empiricamente per raddoppiare la tensione di uscita basterà raddoppiare il numero delle spire e dimezzarne la sezione.

                Salutoni
                Furio57 <img src=">
                L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                Commenta


                • #9
                  Da ragazzino,capovolta una bicicletta,avevo collegato la dinamo a un trasformatore e accendevo tranquillamente una radiosveglia a 220 Volt .Ruotando a mano la ruota anteriore era facile ascoltare musica e vedere il display verde dell'orologio acceso.Puoi quindi ottenere qualsiasi tensione,basta collegare un trasformatore (6V - 220 volt ,9 watt nel mio caso). Chiaramente piu' gira la dinamo piu' si alza la frequenza in Hertz,ma siamo al di sotto di 1 KiloHertz e il trasformatore lavora abbastanza linearmente,seppure con piccole perdite . ------------------ P.S. due dinamo in serie? le becchi anche da 12 Volt,se questo un tuo ipotetico problema,prova a chiedere al 'biciclettaro' sotto casa <img src=">

                  Commenta


                  • #10
                    se vuoi metterle in parallelo mi sa che devi applicare un sistema di taratura a variazione di fase, magari con una vite che (ipotizzando che le due siano innestate ad es su di una ruota di bicicletta) aumenti-diminuisca l'angolo,rispetto al centro della ruota, tra le due. l'angolo massimo di gioco quello che sottende un tratto di circonferenza uguale alla circonferenza del "nottolino" della dinamo.

                    poi la taratura empirica, sviti-avviti finch non ottieni la tensione massima. Attensione, probabilmente sarai esperto, x lo dico lo stesso, non puoi usare un tester impostato su vac, devi usare qkosa che riesca a leggere il valor medio della tensione in uscita "a qualsiasi" frequenza.
                    Oppure devi raddrizzarl acon un ponte a diodi et similia e opi leggere sul tester il miglior valore possibile Vdc.
                    Ciao a tutti.

                    Commenta


                    • #11
                      CIAO...OK I DIODI PER NON RIENTRARE NELLA DINAMO... sPIEGARE PER FAVORE....per esempio : una dinamo di bici, quale valore devo comprare ? di dinamo ne ho parecchie... :P ...mi attizza proprio la faccenda....ed ho tutto lo spazio che voglio..per la batteria...quale e' meglio ? se avessi una batteria da 12 volt...tre dinamo in paralleo...sincronizzate bene...bastano o e' meglio metterne di piu' ? sto costruendo delle pale in tessuto leggerissimo ma robusto (nylon-poliestere tipo paracadute...spaccalo !)...non so ancora il diametro...ne provero empiricamente qualcuna e poi vediamo....in montagna e nel torrente funzionava tutto ok...luce tutta la notte..accettabile per camping..ma accumularla e' sicuramente diverso...ditemi per favore.
                      SVELATEMI L'ARCANO DUNQUE !!! <img src=h34r:"> grazie

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao Attila

                        I diodi sono dispositivi che si fanno attraversare solo in una direzione dalla corrente. Quando fermi la ruota la batteria tenterebbe di "alimentare" gli avvolgimenti della dinamo facendoli prima riscaldare e poi addio dinamo. mettendo il diodo stabilisci che solo la corrente generata dalla dinamo pu andare sulla batteria ma non il viceversa.
                        Stai attento per: i diodi hanno un valore massimo di corrente che pu attraversarli. Se sbagli lo bruci. non saprei dirti una sigla di componente adatto ma credo che qui puoi trovare gente pi esperta di me in grado di aiutarti. Ciao

                        ps: se vuoi un consiglio io lascerei perdere il parallelo (la storia del rifasamento troppo complicata). Raddrizza e dopo metti in serie.

                        Commenta


                        • #13

                          :wub:grazie, spiegazione esaustiva, poi per i valori li trovo ( ne brucio un po ? ma si dai...)...ma adesso la cosa mi si complica di nuovo ovvero : raddrizzatore...non credo che sia quello per le banane <img src="> , quindi, ,sempre a granbi linee..si puo' svelare ? sto leggendo comunque dei bei tomi sull'elettrotecnica...a dire il vero piuttosto pallosi, anche se qualcosa forse, riusciro' a capire....nella matematica e simili, quando finisco le ditina...sono un po duro in vero, scusa. Ma non c'e' un sito che spieghi ai cerebrolesi come me in modo un tantino piu' "diretto" ? grazie comunque : diodo e' "bello" !!!

                          Commenta


                          • #14
                            Ciao attila,

                            il raddrizzatore pi semplice fatto con indovina indovinello?

                            un diodo ed un condensatore "opportuno".

                            Dalla tua bella dinamo esce corrente alternata ma tu la vuoi costante e allora che fai?
                            In pratica una corrente alternata oscilla tra una valore positivo ed uno negativo(e quindi da una direzzione alla direzione opposta). Se ad un genetatore ac (che sta per corrente alternata) attacchi un diodo lui fa passare solo la parte positiva perch come dicevamo nel precedente post si fa attraversare solo in una direzione.
                            Se poi ci attacchi un condensatore (dimensionato opportunamente)all'uscita del diodo lui si carica e diventa una specie di batteria. Quando il diodo si "spegne" e non si fa attraversare dalla corrente verso la dinamo ci pensa il condensatore a fornire energia al circuito che vuoi alimentare (se tutto stato dimensionato bene.).
                            Il condensatore si scarica un pochino ma nel frattempo il diodo si riaccende ricaricando il condensatore e ricomincia il ciclo.
                            Pi semplice di cosi non la so fare.

                            Questo schema il pi semplice per ha degli inconvenienti il principale dei quali che butti metà dell'energia che produci nel cesso (tutta la semionda negativa).
                            L'alternativa il ponte di diodi...
                            Ciao

                            Commenta


                            • #15
                              CITAZIONE (attila0314 @ 7/9/2006, 14:24)
                              :wub:grazie, spiegazione esaustiva, poi per i valori li trovo ( ne brucio un po ? ma si dai...)...ma adesso la cosa mi si complica di nuovo ovvero : raddrizzatore...non credo che sia quello per le banane <img src="> , quindi, ,sempre a granbi linee..si puo' svelare ? sto leggendo comunque dei bei tomi sull'elettrotecnica...a dire il vero piuttosto pallosi, anche se qualcosa forse, riusciro' a capire....nella matematica e simili, quando finisco le ditina...sono un po duro in vero, scusa. Ma non c'e' un sito che spieghi ai cerebrolesi come me in modo un tantino piu' "diretto" ? grazie comunque : diodo e' "bello" !!!

                              Ciao sono nuovo qui, vedo se riesco ad essere un p d'aiuto.

                              Vedi RS components www.rs-components.it

                              il ponte diodo KBU6B 6A 100V codice RS 226-5580 a 0,95
                              un condensatore codice RS 224-4218 1000uF 64V a 3,14

                              mettendo tre alternatori con relativo ponte in serie al ingresso di un UA7812 (costa meno di un 1 euro), ottieni 12 V stabilizzato (metti il condensatore sul uscita) con tensione in ingresso che pu arrivare a 30V.

                              Per fare da caricabatteria conviene a rivolgerti ai vari kit di montaggio, non e consigliabile caricare una batteria con tensione da un alimentatore, senza il minimo controllo, non giove alla vita della batteria e c' rischi anche di esplosioni della batteria.

                              se siete elettronici, uppure vi piace distruggere qualche circuito per sperimentare, nei listini tecnici trovi esempi di circuiti applicativi, per i pochi esperti e meglio rivolgersi ai vari kit (es. Nuova elettronica).
                              esiste metodi per potare la tensione dai pochi volts ai 12V tramite pompe di carico tutto gestito tramite un chip ed alcuni condensatori vedi MAX662ACPA a 6,00. ma serve alcuni componenti intorno per aumentare la potenza.

                              Purtroppo per realizzare qualunque cosa nel settore elettronica, la fatica eccesivo, con la concorrenza cinese, trovi sempre quello che ti serve in commercio a costo molto inferiore rispetto alla fatica, tempo e soldi necessario per costruirlo.
                              "Buone idee" vengono solamente a chi non sa niente del settore, perch ignora quello che c' in giro.

                              Quindi se vuoi fare da solo, e solamente perch non ti piace guardare la TV, e ti piace il "Fai da Te", ma non perch pensi di risparmiare.

                              Saluti

                              Commenta


                              • #16
                                Se non ricordo male con una dinamo che genera 6 volt in alternata puoi generare una continua leggermente maggiore di 6 volt...mi devo fare i conti per saper preciso quanto....Questo se usi un semplice raddrizzatore a ponte con 1 condensatore(4 diodi)...inoltre siccome la dinamo in alternata si possono ottenere tensioni ben superiori di 6 volt...basta usare dei duplicatori di tensione(diodi e condensatori)..e si arriva a quanto ti pare...la potenza che eroghi sarà sempre quella...5w a 6 volt opp 5w a 300volt!!!(se calcoli le perdite introdotte dai diodi perdi anche qualke watt)....per quello sarebbe meglio mettere + dinamo in serie (una volta raddrizzato col ponte e il condensatore)..in modo da sommare le potenze erogate da ognuna....una decina di dinamo e ti fai i muscoli <img src="> .Ciao se vuoi schemi e tensioni + precise posso vedere di trovare qualcosa.

                                Commenta


                                • #17

                                  piuttosto che la dimano della bicicletta che ha un rendimento basso meglio usare questo,

                                  http://www.ducatienergia.it/staging/pdf/ge...ti%2018poli.pdf

                                  basta solo tornire il supporto.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    CITAZIONE (scall @ 3/1/2007, 20:43)
                                    piuttosto che la dimano della bicicletta che ha un rendimento basso meglio usare questo,

                                    http://www.ducatienergia.it/staging/pdf/ge...ti%2018poli.pdf

                                    basta solo tornire il supporto.

                                    Niente male davvero, chissà quanto costa?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      CITAZIONE (Clorofillo @ 5/1/2007, 14:50)
                                      CITAZIONE (scall @ 3/1/2007, 20:43)
                                      piuttosto che la dimano della bicicletta che ha un rendimento basso meglio usare questo,

                                      http://www.ducatienergia.it/staging/pdf/ge...ti%2018poli.pdf

                                      basta solo tornire il supporto.

                                      Niente male davvero, chissà quanto costa?

                                      tornire il supporto o l'alternatore ? l'alternatore quello delle moto si puo anche reperire dal rottamaio a prezzo quasi zero.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        CITAZIONE (scall @ 3/1/2007, 20:43)
                                        piuttosto che la dimano della bicicletta che ha un rendimento basso meglio usare questo,

                                        http://www.ducatienergia.it/staging/pdf/ge...ti%2018poli.pdf

                                        basta solo tornire il supporto.

                                        Ciao Scall, non va bene! o meglio va bene, ma non per i nostri scopi!! Incomincia a funzionare bene dai 3000 giri al minuto in s.

                                        Salutoni
                                        Furio57 <img src=">
                                        L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                        LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                        Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          no ti sbagli, o meglio hai ragione se guardi le caratteristiche del datasheet, quello si riferisce se lo monti in una moto, ma se tornisci l'albero e metti tu i magneti il discorso cambia, e funziona a bassi regimi, naturalmente il rendimento minore ( meglio se a 18 poli) ma sempre molto ma molto superiore alla dinamo della bicicletta

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ciao a tutti <img src=">
                                            CITAZIONE (scall @ 8/1/2007, 20:41)
                                            no ti sbagli, o meglio hai ragione se guardi le caratteristiche del datasheet, quello si riferisce se lo monti in una moto, ma se tornisci l'albero e metti tu i magneti il discorso cambia, e funziona a bassi regimi, naturalmente il rendimento minore ( meglio se a 18 poli) ma sempre molto ma molto superiore alla dinamo della bicicletta

                                            Ciao scall come hai detto tu non mi sbaglio se guardo il datasheet che hai postato, cosa dovevo guardare?
                                            Se ci sono cos tante modifiche da fare compreso il numero dei magneti e particolari da costruire sconsiglio l'acquisto e costruire in toto l' alternatore.

                                            Salutoni
                                            Furio57 <img src=">
                                            L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                                            LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                                            Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perch "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              ciao ragass...sono beh...un novellino ma l'idea mi piace e tanto!!!
                                              i diodi se non ho capito male, e messo in termini spicci...dovrei collegarli su un solo cavo d'uscita? e' cosi'?

                                              parlando di dinamo.....l'anno passato ho visitato la fiera del fuoco di verona e con mia grande dorpresa ho visto una spece di ventilatore che funzionava ad induzione i calore. esso iniziava a girare nel momento in cui si poggiava la base sulla cald superfice della stufa...

                                              l'dea e' quella di ottenere abbastanza spinta da poter far girare una dinamo o pi precisamente un'alternatore.

                                              qualcuno ne conosce il fuzionamento ? credo sia vicino a quello di una pila...con zinco e rame,ma....

                                              grazie
                                              grazie

                                              Commenta


                                              • #24
                                                ciao
                                                Se vai nel forum "spazio ad altre energie "
                                                troverai discussioni in merito alle termocoppie

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  thanks..

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    grazie...molto gentili. Sto comunque ultimando il mio traliccio porta dinamo-bici. Non so ancora quante dinamo, ma ci devo provare...ho notato che un minimo di vento c'e' sempre, forse il problema e' anche il dimensionamento delle pale, nel senso che se fossero ultraleggere....magari funzika insomma sempre. Poi vi dico. Per il raddrizzatore....se ho un valore di prduzione in AC...posso andare in un negozio , tipo gbc o simili, e chiedere un raddrizzatore adatto al mio valore ? la spesa piu' o meno ?..son piu' bravo a costruire alberini, pulegge ed a cucire vele...ma perche' non ho studiato l'elettrotecnica seriamente ?!!!!! grazie.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Non h ben capito: utilizzi il motore di un vantilatore o pi dinamo?
                                                      Se usi pi dinamo come le colleghi tra di loro?
                                                      Per il raddrizzatore non hai bisogno di comprarlo: con 4 diodi (si pu fare anche con uno solo ma il rendimento pu risultare pi basso) e un condensatore te lo fai da solo.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        CITAZIONE (Furio57 @ 15/7/2006, 10:42)
                                                        ...
                                                        Tutti le chiamano dinamo, ma sono piccoli alternatori quindi la tensione in uscita in corrente alternata.
                                                        ...

                                                        Ma come mai si chiamano "dinamo" (macchina generatrice di corrente continua se ha le spazzole) ed erogano corrente alternata?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Per la dinamo (che in realtà un alternatore) della bici...

                                                          Assunto come valido il concetto del DEMurtas di qualche tread fa.. ossia raddrizzi e metti in serie.. per il voltaggio.. ottenendo il finale che vi pare

                                                          ma vi siete resi conto che la finta dinamo (ossia l'altenrantore camuffato) della bici non fa pochi giri...

                                                          una bici con cerchi da 20" azionata a 30 pedalate minuto (comodamente quindi) con un rapporto di 1 a 3 (rapporto cortissimo).. compie 1,5 rotazioni ruota secondo (procedendo a v uomo ossia circa 3 km/h).. 20 pollici sono 50 e spicci cm.. la testa della dinamo grasso che cola 2 cm.. quindi abbiamo un rapporto di moltiplicazione di 25 a 1.. il che vuol dire che fa 37/40 giri al secondo la testa ottenendo solo un lieve bagliore ed accenno di accensione..

                                                          Commenta

                                                          Attendi un attimo...
                                                          X
                                                          TOP100-SOLAR