annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pannello Solare ad Aria

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pannello Solare ad Aria

    Ciao a tutti,


    leggo con piacere le costre discussioni. Spesso ci sono indicazioni davvero utili.


    Questa estate mi è venuta voglia di sfruttare l'energia solare in una casa di montagna. Premesso che non ho ben idea di cosa fare (magari scaldare l'acqua, magari dare un po' di corrente) ho un problema di umidità della casa, che mi sembra di capire, sia dovuta al fatto che non c'è ricambio di aria dall'asterno perchè la casa viene abitata veramente poco e con poche persone.


    La mia idea era quella di capire se è possibile costruire un pannello solare ad aria, sulla scia del famoso panda, ossia un pannello che immetta nella casa aria calda prodotta aggggratis ( <img src="> si scrive così no?) salvo le spese iniziali.


    L'idea è quella di una cassa di legno, isolata termicamente il più possibile, il cui lato esposto al sole è un vetro che permette di scaldare l'aria al suo interno;  per convezione l'aria esce dalla parte alta del pannello per confluire all'interno della casa attraverso un tubo.


    All'interno, leggo in giro su Internet (ad es. qui), per rallentare la corsa dell'aria, che si scalderebbe più lentamente dell'aria, viene messo un materiale metallico, tipo gomitoli di lana, che serve anche per trattenere il calore.


    Vengo alla domanda: qualcuno l'ha mai fatto? ho cercato sul forum ma non ho trovato indicazioni, avete qualche indicazione da dare?


    Il mio dubbio è da dove entra e dove esce l'aria. Immagino che debba entrare dal basso come quello ad acqua; ma in che modo? direttamente con un buco? e l'isolamento termico di prima? a banane?


    mentre uscirebbe dall'alto; eventualmente con una ventola (sarebbe l'ideale alimentata da un pannello fotovoltaico) che viene azionata da un termostato che misura la temperatura dell'aria all'interno del pannello.


    Cosa ne pensate?
    Grazie
    PS OPS L'editor HTML non è dei + versatili

  • #2
    PANNELLI SOLARI PER PRODURRE ARIA CALDA:
    www.brasmussen.it/prodotti.htm
    www.wallnofer.it/italiano.php?inc_id=15&art_id=1
    www.termotend.com

    3 aziende che costruiscono questi pannelli,
    le prime 2 hanno la ventola (alimentata dal pannellino fotovoltaico) per far circolare l'aria in maniera forzata, mentre la terza azienda non lo usa.

    Commenta


    • #3
      ...rimanendo nell'ambito dell'autocostruzione,il fondo del collettore dovrebbe essere almeno verniciato con un prodotto adatto ad assorbire il calore...cosa usare? :P
      ...al posto del vetro potrebbe essere usato un pannello di policarbonato?..questo oltre ad essere molto leggero presenta già una camera d'aria al suo interno...che dite? <img src=">

      Commenta


      • #4
        non male come idea ! ma è stata un ispirazione o .....

        Commenta


        • #5
          leggendo anche i siti già segnalati giusto ieri ed aggiungendovi un po' di intuito, così a naso potresti usare un lato di policarbonato da 3cm (quello più spesso, dotato di camera interna, usato per le serre), riempendo internamente la cassetta con sfridi di alluminio (verniciati di nero) ed una cella FV per alimentare la ventola (da pochi W) posta in alto (lato aria calda).

          Commenta


          • #6
            Qui puoi (possiamo) incominciare a leggere qualche cosa di interessante se non già fatto
            http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=1044063
            il mio interesse per questa tecnologia è ampia, quindi eventuali collaborazioni (epistolari al momento) son qua <img src=">
            In giro ho già trovato qualche cosa, ma di commerciale, e credo che si potrebbe cmq trasformare in artigianale tipo questo della solarwall italia - link www.solarwall.it (se il moderatore ritiene può nascondere il link magari lo fornirò in pvt), del semplice lamierino grecale che si trova facilmente in commercio toccherebbe sperimentare per vedere la resa.
            Mi fermo aspettando altri più esperti :shifty:
            Ciao

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (cirospat @ 27/10/2006, 08:03)
              non male come idea ! ma è stata un ispirazione o .....

              Grazie ragazzi

              No, l'idea mi è venuta vedendo l'essicattore della termotend e un pannello solare ad aria, di cui non trovo più il link, studiato per le baite in montagna; l'idea mi sembra furba.

              Ho conosciuto nel weekend un gruppo di ragazzi che hanno fatto un'associazione che si occupa anche di energie rinnovabili, tra cui pannelli solari termici e mi hanno dato qualche dritta che riassumo qua e vorrei discutere.

              Policarbonato: buona l'idea, rispetto il vetro è più maneggiabile, non richede strumenti particolari per tagliarlo; è meno pericoloso, più leggero; pare che il suo costo sia simile a quello del vetro; secondo voi che resa ha? pensavo di usare quello.
              Colore: per i colore hanno usato questo procedimento: in pratica bruciano della canfora in modo che i fumi neri della combustione anneriscano il metallo del collettore del PS; dopo un paio di giorni il nero si fissa. Non so se è tossica la reazione chimica o se i costi sono elevati; magari anche in caso di case poco utilizzate evita le tarme! ^_^

              Due considerazioni

              La lana di metallo ha due scopi, mi sembra di capire: aumentare la superficie irradiata (a sto punto la piastra serve?) e rallentare la velocità dell'aria; più l'aria è lenta, dentro il PS, più è facile che si scaldi, ovviamente in presenza di luce.

              Un ragazzo mi ha consigliato di fare il pannello in modo che ci siano due camere d'aria, di proporzioni 2/3 ed 1/3, cosa ne pensate?

              +-- --+- -+
              I     I   I
              I     I   I
              I     I   I
              V     P   S
              I     I   I
              I     I   I
              I     I   I
              I     I   I
              +-- --+- -+


              V=Vetro/Pilicarbonato
              P=piastra metallica
              S=Isolante

              I non so cosa pensare dei buchi in ingresso ed in uscita... dimensioni e forma, tondi? a taglio? boh...

              Il link riportato da dimarsaba mi sembra molto interessante.

              Raccolgo questi appunti in inverno per poi iniziare in primavera la costruzione del pannello solare.

              Grazie a tutti cmq

              PS: ma avete notato che se si clicca su link "Stampa Discussione", vicino al titolo, si può leggere tutta la discussione in una maniera più chiara, senza spot, con alto contrasto fra testo e sfondo?

              Commenta


              • #8
                CITAZIONE
                così a naso potresti usare un lato di policarbonato da 3cm (quello più spesso, dotato di camera interna, usato per le serre)

                Qualche persona esperta di questo forum (non lo cito ma lo ringrazio per i numerosi aiuti dati), consigliava il "policarbonato alveolare da 6 mm", ma io aggiungo è meglio il vetro (il prezzo si aggira sui 10-20 eur al mq spessore 4-6 mm) ? Se si lo spessore migliore di quanto deve essere?
                CITAZIONE
                riempendo internamente la cassetta con sfridi di alluminio

                Sempre la stessa persona nel post di citavo prima, si parlava di retino metallico quello che usano i carrozzieri, costa veramente poco e non credo che ci sia la necessità di pitturarla (tanto è gia scuro di suo).
                CITAZIONE
                Colore: per i colore hanno usato questo procedimento: in pratica bruciano della canfora in modo ...

                Leggevo da qualche parte ovvero su di un manuale che ".... L’annerimento viene effettuato bruciando in un cucchiaio alcune tavolette di canfora. Una volta dato fuoco alla canfora, ci si accuccia sotto il cassone e con movimenti lenti della mano, tenendo il cucchiaio a pochi centimetri di distanza dalle strisce, è importante assicurarsi che il rame si annerisca uniformemente. Il fumo della canfora crea una sorta di “vernice” stabile che nel tempo si cristallizza e che ha un potere di captazione dei raggi solari di gran lunga superiore a quella di molte delle vernici ipertecnologiche attualmente in commercio....".

                Io nel frattempo proverei ad osservare per bene questa immagine (secondo me è la più esplicativa) ed incomincerei a studiarla

                image

                Dunque ricapitolando:
                al posto del vetro il policarbonato? Al posto del rame (assorbitore), che resta leggermente costoso, della lamiera gregata o del feltro nero tipo quello utilizzato per le cappe sulle cucine (avrebbe doppia funzione assorbitore e rallentatore del flusso dell'aria)? Se si quest'ultima ipotesi lo spessore dovrebbe essere? E poi volendo utilizzare la lana di ferro da carrozzieri, dove posizionarla, sopra l'assorbitore o dietro?
                Per adesso mi fermo qua penso di aver messo abbastanza carne sul fuoco.
                p.s.
                zionthelion perchè aspettare la primavera per fare delle prove? L'inverno ormai è alle porte quale buon periodo per provare la funzionalità di un eventuale pannelo autocostruito, farlo in primavera toccherebbe aspettare l'inverno prossimo per provare.

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE (dimarsaba @ 31/10/2006, 16:53)
                  zionthelion perchè aspettare la primavera per fare delle prove? L'inverno ormai è alle porte quale buon periodo per provare la funzionalità di un eventuale pannelo autocostruito, farlo in primavera toccherebbe aspettare l'inverno prossimo per provare.

                  Penso che userò il policarbonato, mi sembra più comodo da tagliare e pesa di meno.
                  La canfora ha il suo perchè, quindi, ma forse in questa applicazione, non serve a molto, al massimo a colorare gli sfridi di alluminio, che non so cosa siano ^_^
                  Comunque io metterei la lana di vetro nella parte esposta al sole; mentre la parte di dietro libera.
                  Mi è venuto in mente che la doppia camera ha questa funzione: l'aria entra da sotto, viene scaldata dal sole nella parte esterna che scalda anche la lamiera (assorbitore) il quale rilascia calore, in misura minore e per questo lo spazio è minore, all'aria anche di dietro; quindi viene utilizzata anche la parte di calore che verrebbe, penso, persa, o contenuta dal materiale isolante.

                  Interessante il disegno che hai postato, ma non capisco perchè l'uscita dell'aria sia in basso... l'aria calda sale, non vedo perchè non sfruttare la sua inerzia (si dice così?)

                  Forse hai ragione sulla primavera, è solo che a Torino non un spazio per fare un piccolo laboratorio.

                  Ciao

                  Commenta


                  • #10
                    ...ma l'aria in entrata nel pannello verrebbe prelevata all'interno dell'abitazione o dall'esterno?

                    Commenta


                    • #11
                      CITAZIONE (nivamax @ 31/10/2006, 17:28)
                      ...ma l'aria in entrata nel pannello verrebbe prelevata all'interno dell'abitazione o dall'esterno?

                      mmmm direi dall'esterno, visto che il pannello è all'esterno, è più comodo...
                      aggiunge anche aria ossigenata e non viziata, tra l'altro...

                      Commenta


                      • #12
                        CITAZIONE
                        Penso che userò il policarbonato, mi sembra più comodo da tagliare e pesa di meno.

                        Il peso sicuramente ha il suo peso (scusa il giro di parole), ma a me servire capire la covenienza (in funzionalit&agrave dei due materiali, mi spiego meglio, se a parità di prezzo (o poco più di differenza), il policarbonato (esempio credo assurdo ma lo porto come esempio per capirci) assorbe più raggi del vetro, diciamo del 10%, allora a quel punto conviene il primo, se invece la cosa è inversa o meglio il vetro assorbe, e rende più utile il progetto, diciamo del 40%, allora conviene a prescindere del peso.
                        CITAZIONE
                        ... gli sfridi di alluminio, che non so cosa siano ...

                        Sono scarti (truccioli) dell'industria che lavorano gli infissi (ed altro) di alluminio e non credo che dalle tue parti trovi dei piccoli artigiani che producono questo scarto, quindi è più semplice (è più funzionale) il retino dei carrozzieri di più semplice reperibilità.
                        CITAZIONE
                        Comunque io metterei la lana di vetro nella parte esposta al sole; mentre la parte di dietro libera.

                        Al sole? Ma la lana di vetro non serve a non far passare il calore? Non è un barriera che si utlizza per isolare?
                        CITAZIONE
                        ... quindi viene utilizzata anche la parte di calore che verrebbe, penso, persa, o contenuta dal materiale isolante.

                        Solitamente un materiale isolante appunta isola, quindi respinge non assorbe!!
                        CITAZIONE
                        Forse hai ragione sulla primavera, è solo che a Torino non un spazio per fare un piccolo laboratorio.

                        Peccato se eri dalle mie parti (campania) ti potevo mettere a disposizione il mio garage ;-)
                        CITAZIONE
                        ...ma l'aria in entrata nel pannello verrebbe prelevata all'interno dell'abitazione o dall'esterno?

                        Dipende, sicuramente (sempre secondo il consiglio di un esperto) se l'aria la prelevi dalla stanza stessa, il rendimento è superiore ovvero raggiungi un temepratura (credo anzi sicuramente) di comfort prima che se prelevi l'aria dall'esterno, come ( e qui credo veramente ) che se l'aria la prelevi dalla stanza e dall'alto (effetto camino dell'aria) e la ributti da sotto, la stanza la riscaldi ancor prima, ma la differnza dal primo (aria esterna) e dal secondo metodo (aria interna) sia tutto dovuto ad un buco in più o meno nel muro e da ventole di aspirazione.
                        Butto lì un idea, prendendo come spunto il disegno che ho allegato e volendo utilizzare la lamiera di rame come assorbitore, si si mette dietro alla stessa attaccata del feltro per rallentare l'aria e quindi riscaldarla di più, che succede?
                        Ciao
                        p.s.
                        Ma nessuno dei guru partecipa, dove siete.

                        Commenta


                        • #13
                          CITAZIONE
                          Comunque io metterei la lana di vetro nella parte esposta al sole; mentre la parte di dietro libera.
                          CITAZIONE
                          Al sole? Ma la lana di vetro non serve a non far passare il calore? Non è un barriera che si utlizza per isolare?

                          Sì hai ragione ho detto una bojata, pensavo di utilizzare la lana di vetro come sistema di accumulo del calore.

                          Per quanto riguarda l'aria interna/esterna, sono d'accordo con te. Ovviamente se l'aria esterna è più fredda di quella interna è più facile raggiungere la temperatura voluta più facilmente.

                          Sul link della Termotend System si vede nell'immagine della casa due modalità Aspirazione di aria dall'esterno per rinfrescare
                          e Ricircolo per riscaldare. A me comunque serve per far entrare aria dall'esterno, farla circolare all'interno per abbattere l'umidità. Quindi mi sa il secondo caso.

                          Grazie per la disponibilità del tuo garage. <img src=">

                          CITAZIONE
                          Butto lì un idea, prendendo come spunto il disegno che ho allegato e volendo utilizzare la lamiera di rame come assorbitore, si si mette dietro alla stessa attaccata del feltro per rallentare l'aria e quindi riscaldarla di più, che succede?

                          Un feltro? e cioè? un panno? e perchè? per isolare? secondo me la parte in ombra dell'assorbitore non deve essere isolata perchè deve cedere il calore all'aria che passa da quella parte.

                          Cmq mi sto accorgendo che stiamo parlando veramente per ipotesi, COSTRUIRE e MISURARE! Mo me lo metto come firma <img src=">

                          PS i guru fanno il loro mestiere, meditano! <img src=">

                          Commenta


                          • #14
                            ...volendo "costruire e misurare"più o meno quali dovrebbero essere i rapporti tra mq vetrati/dimensioni camera/spessore piastra scambiatore calore/ecc ecc?

                            Commenta


                            • #15
                              CITAZIONE (nivamax @ 3/11/2006, 08:49)
                              ...volendo "costruire e misurare"più o meno quali dovrebbero essere i rapporti tra mq vetrati/dimensioni camera/spessore piastra scambiatore calore/ecc ecc?

                              Questa è una bella domanda, personalmente vorrei costruire un prototipo per adesso e su quello fare le misurazioni del caso.

                              Commenta


                              • #16
                                ...ma per fare delle prove un frigorifero senza porta potrebbe essere adatto?...è già coibentato basterebbe inserire lo scambiatore, il vetro e fare i fori per il passaggio dell' aria...

                                Commenta


                                • #17
                                  Salve a tutti, penso che ne costruirò uno anch'io!

                                  Volevo porvi una questione: invece di usare una lamiera piana una ondulata!

                                  Premesse scientifiche:
                                  1-Legge di Stephen-Boltzman il corpo è più o meno irragiato a seconda delle temperature dei due corpi.

                                  2-Legge di Fresnel il corpo irragiato respinge i fotoni proporzionalmente all'angolo risapetto alla traettoria.

                                  La lamiera attira fotoni attraverso il vetro, sulle zono ondulate meno favorevoli essi rimbalzeranno ...
                                  .. contro il vetro (a questo punto si spera che siano meno ortogonali possibile) e ritorneranno sulla lamiera prima o poi.
                                  Gli esperimenti sul "corpo opaco" riguardanti l'irragiamento vengono fatti con un sistema simile.

                                  Cosa ne pensate? Dimentico qualcosa? Avete esperienze a riguardo?

                                  CITAZIONE
                                  si vede nell'immagine della casa due modalità Aspirazione di aria dall'esterno per rinfrescare
                                  e Ricircolo per riscaldare

                                  Penso che l'aria sia aspirata all'interno ed espulsa all'esterno.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    CITAZIONE (sorellaLuna @ 3/11/2006, 13:51)
                                    Volevo porvi una questione: invece di usare una lamiera piana una ondulata!
                                    La lamiera attira fotoni attraverso il vetro, sulle zono ondulate meno favorevoli essi rimbalzeranno ...
                                    .. contro il vetro (a questo punto si spera che siano meno ortogonali possibile) e ritorneranno sulla lamiera prima o poi.
                                    Penso che l'aria sia aspirata all'interno ed espulsa all'esterno.

                                    MMMMM non so, ho visto un pannello solare autocostruito fatto con lamiera con profilo non piano, non so come descriverlo.

                                    Ma non capisco il principio, se il collettore è piano i fotoni non rimbalzano, e quindi vengono assorbiti; perchè vuoi farli rimbalzare?

                                    Per quanto riguarda la questione dell'interno/esterno dipende cosa vuoi fare.

                                    Io mi sono fatto questa idea, se aspira dall'esterno e dal basso, dovrebbe entrare calda dall'alto, se viene dall'interno non viene scambiata con l'esterno perchè fatta circolare, se non in minima parte.

                                    CITAZIONE (nivamax @ 3/11/2006, 12:58)
                                    ...ma per fare delle prove un frigorifero senza porta potrebbe essere adatto?...è già coibentato basterebbe inserire lo scambiatore, il vetro e fare i fori per il passaggio dell' aria...

                                    che storia... sicuramente ricicli!
                                    forse è troppo profondo? o forse basta mettere il collettore vicino al vetro
                                    facci sapere

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ...ho iniziato la costruzione di un piccolo pannello ad aria per fare delle prove,la cassa è in legno 140x50cm profonda 10 cm con un vetro da 4mm e come scambiatore di calore sto provando ad usare dei tubi in alluminio da 60mm circa (che vernicerò in nero opaco)nei quali l'aria è costretta a passare prima di arrivare all'uscita dove c'è un piccolo aspiratore.Non mi aspetto grossi risultati...però ci spero!

                                      Commenta


                                      • #20
                                        CITAZIONE (nivamax @ 6/11/2006, 08:12)
                                        ...ho iniziato la costruzione di un piccolo pannello ad aria per fare delle prove,la cassa è in legno 140x50cm profonda 10 cm con un vetro da 4mm e come scambiatore di calore sto provando ad usare dei tubi in alluminio da 60mm circa (che vernicerò in nero opaco)nei quali l'aria è costretta a passare prima di arrivare all'uscita dove c'è un piccolo aspiratore.Non mi aspetto grossi risultati...però ci spero!

                                        Figo, facci sapere, io non pensavo ai tubi ma perchè non provarci?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ...diciamo che ho utilizzato materiali di recupero che avevo in giardino da anni e quindi costo 0 <img src="> ...per finire sono dubbioso sul dimensionamento dell'entrata aria e della portata dell'aspiratore,presumo che se l'aspiratore tira troppo la velocità dell'aria non permette molto scambio di calore anche se ho cercato di fargli fare un percorso obbligato nei tubi :blink: ...

                                          Ps:ma fare un pannello a circolazione naturale interamente in policarbonato con fondo verniciato nero opaco senza nessun tipo di assorbitore metallico interno,potrebbe funzionare?...comunque in questa scatola trasparente l'aria si dovrebbe riscaldare e sarebbe semplicissimo da costruire anche di grandi dimensioni... :woot: :wacko:

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ecco: i tubi!


                                            Chi vende pannelli tipo sottovuoto+heat-pipes dice che hanno il vantaggio di essere perpendicolari al sole (almeno secondo l'angolo azimuthale) in qualsiasi momento e dice che sia un vantaggio.

                                            Se fosse vero, l'utilizzo di lamiera undulata sarebbe "parimenti" vantaggiosa.

                                            Vorrei verificare accipicchia!

                                            Commenta


                                            • #23
                                              ...la coibentazione "casalinga" del prototipo di pannello ad aria come la potrei fare?Oltre a siliconare tutte le giunture, rivestire l'interno con domopack ad esempio, potrebbe migliorare l'isolamento termico?
                                              Avendo adottato dei tubi di alluminio piuttosto grandi ,potrei mettere all'interno un materiale che rallenti la velocità dell'aria e contribuisca a raccogliere calore? Oppure sarebbe controproducente? :wacko:

                                              Edited by nivamax - 8/11/2006, 08:22

                                              Commenta


                                              • #24
                                                CITAZIONE (nivamax @ 8/11/2006, 08:01)
                                                ...la coibentazione "casalinga" del prototipo di pannello ad aria come la potrei fare?Oltre a siliconare tutte le giunture, rivestire l'interno con domopack ad esempio, potrebbe migliorare l'isolamento termico?
                                                Avendo adottato dei tubi di alluminio piuttosto grandi ,potrei mettere all'interno un materiale che rallenti la velocità dell'aria e contribuisca a raccogliere calore? Oppure sarebbe controproducente? :wacko:

                                                Per il progetto Panda consigliavano del silicone resistente alle alte temperature; penso che l'isolamente lo devi fare al collettore, la lastra di metallo; io pensavo di mettere fra la cassa e il collettore tipo della lana di vetro.
                                                Da quello che ho capito è importante rallentare il movimento dell'aria. Leggi l'inizio di questa discussione.
                                                Ciao
                                                Hai delle foto del pannello in costruzione?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  CITAZIONE (zionthelion @ 8/11/2006, 08:33)
                                                  Hai delle foto del pannello in costruzione?

                                                  ...non ho foto del pannello, ma conto di terminarlo comunque nel fine settimana e provare cosa è uscito fuori :sick:

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    ...ops mi era sfuggito l'interessantissimo link di Claudio Menegatti e il suo Termotend System,ma non ho ancora capito che cosa sia questa lana di ferro che usano i carrozzieri...chi mi aiuta? :unsure:

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      estratto da beppegrillo.meetup.com

                                                      CITAZIONE
                                                      Serve, oltre alla curiosità di sperimentare, il seguente materiale:
                                                      -un profilato rettangolare di alluminio da dimensionare in base all'ambiente da riscaldare (spessore pannello all'incirca 10 cm.)
                                                      -Un pannello forntale di policarbonato di colore grigio. Un altra azienda utilizza vetro solare con trasmissione di 91%.
                                                      -ASSORBITORE: un azienda usa un economico foglio di feltro di un certo spessore. Un altra invece utilizza il piu' costoso foglio di rame "con trattamento alto selettivo" (?)
                                                      -una ventola a 12 V
                                                      -un pannellino fotovoltaico in grado di produrre 12 V , 6-10 W per alimentare la ventola
                                                      -un pannello posteriore (di chiusura) in alluminio forato per far entrare l'aria da riscaldare. L'altra azienda usa un pannello acciao inox chiuso; fa entrare l'aria non da dietro ma da un foro nella parte inferiore accanto al foro di uscita dellaria calda.
                                                      -Isolamento delle 4 pareti laterali (quelle da 10 cm.): un azienda usa lana di roccia con pochissima resina, ma io ho pensato pure ad un isolante plastico nero come quello che si usa per creare l'effetto antirombo nelle auto, o anche fogli di sughero.

                                                      Interessante vero?

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Ti propongo un assorbitore originale

                                                        Occorrente:
                                                        lattine da birra o altra bibita (ovviamente già scolate e lavate)
                                                        trapano con punta grossa
                                                        colla per metalli

                                                        Con il trapano bucherella la base e la sommità delle lattine
                                                        Sovrapponi le lattine a formare una colonna e, incollale le une alle altre
                                                        Poni le colonne di lattine, nella cassetta isolata, l'una accanto all'altra
                                                        Incollale le une alle altre e alla cassetta
                                                        Colorale

                                                        Personalmente, la parte che mi piace maggiormente, è quella relativa allo svuotamento delle lattine image image image

                                                        Odisseo

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          CITAZIONE (odisseo @ 9/11/2006, 17:58)
                                                          Ti propongo un assorbitore originale

                                                          Occorrente:
                                                          lattine da birra o altra bibita (ovviamente già scolate e lavate)
                                                          trapano con punta grossa
                                                          colla per metalli

                                                          Con il trapano bucherella la base e la sommità delle lattine
                                                          Sovrapponi le lattine a formare una colonna e, incollale le une alle altre
                                                          Poni le colonne di lattine, nella cassetta isolata, l'una accanto all'altra
                                                          Incollale le une alle altre e alla cassetta
                                                          Colorale

                                                          Ehehe carina come idea, ma cosa intendi per cassetta isolata?
                                                          E poi a me la birra non piace, chinotto va bene? <img src=">
                                                          Con il vetro? <img src=:">
                                                          Mi hanno parlato di un Muro di Trompe, non so si scrive così, fatto con le bottiglie di vetro riempite di acqua e attaccate l'una all'altra come parete esterna, di giorno assorbe il calore, di notte rilascia il calore; ah da notare l'effetto lisergico della luce che viene rifratta dal colore delle bottiglie.
                                                          Insomma Energie Rinnovabili Divertenti <img src=">

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Aggiungerei,
                                                            STUDIARE, costruire e misurare.

                                                            Poniamo che non si tenga conto delle caratteristiche di trasmissione della parte trasparente rispetto alle diverse frequenze (ultravioletti, luce, infrarossi). Si rischia di costruire e di misurare un oggetto che avrebbe potuto essere molto piu' efficiente se fosse stato studiato nella sua completezza.
                                                            C'e' da dire che anche "misurare" non sempre e' facile. Anche avendo degli strumenti di buona qualita', ci possono essere degli errori di misura consistenti.
                                                            Attenzione quindi a non trarre conclusioni affrettate, a volte una temperatura assoluta minore puo' evidenziare una maggior efficienza nella trasmissione del calore, la sola misura delle temperature assolute massime non e' significativa.

                                                            Ciao
                                                            Mario

                                                            Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
                                                            -------------------------------------------------------------------
                                                            Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
                                                            -------------------------------------------------------------------
                                                            L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
                                                            Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
                                                            ------------------------------------------------

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR