annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

UN SALUTO A TUTTI..E UN CHIARIMENTO

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • UN SALUTO A TUTTI..E UN CHIARIMENTO

    Salve,un saluto circolare e tutti i partecipanti di questo onorato forum,sono un novello fai da te...ma senza molte nozioni in merito,non s se ho errato nel publicare il mio saluto iniziale qu in questo reparto,ma dato che mi sento un fai da te....l messo qu, se ho errato...chiedo venia...ora vengo al punto ....ho comperato due motori asincroni trifase da 380/450volt 11kw a 13,2 kw numero giri minuto 1.450/1.750...23 amp ,vorrei produrre corrente da immettere nel contatore in base alla nuova normativa,due soluzioni a mio parere ..Acqua e concentratore solare,acqua ho un pozzo con 45mt di acqua che pomperei in un serbatoio da 10.000litri e avendo una discesa di 70mt con dislivello di 24mt ,con una turbina pelton o mitchell,la sezione tubo che diametro deve avere? che ugelli devo usare per la spinta di due motori del genere? seconda soluzione : specchio a concentrazione con caldaia centrale, di mt quadri 12 per generare vapore ad alta pressione ,per girare sempre turbine....vorrei sapere le difficoltà che incontrer in questo mio voler fare da me ,premetto che non sono digiuno di meccanica e sono in possesso di un piccolo tornio e che sono abbastanza impastato in meccanica,ma da molto tempo,lontano da tutto questo ,devo aggiornarmi in merito ,e chi meglio di giovani volonterosi come in questo onrato e meraviglioso forum potrei avere delucidazioni? in finale vorrei immettere la corrente nella rete enel e poi installare una pompa di calore aria acqua..(sono a Roma) per le mie esigenze di vita ,e vorrei un consiglio su come sciegliere il sistema ,con termosifoni o a canalizzazione d'aria calda e fredda....e se usare acqua o concentratore solare....Grazie per la pazienza per ever letto fino al mio ultimo scritto ,vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione rivoltami . C1P8...

    Attached Image

    Attached Image


  • #2
    Con che energia pompi l'acqua nel serbatoio!?
    Ti servono 63 litri al secondo!
    Forse meglio un sistema a pale.
    Non ho idea di cosa ci sia in commercio per mettere energia in rete con una potenza intermedia come quella generata.

    Commenta


    • #3
      CITAZIONE
      ho un pozzo con 45mt di acqua che pomperei in un serbatoio da 10.000litri e avendo una discesa di 70mt con dislivello di 24mt

      Dislivello dal fondo del pozzo alla superficie: 45 m, salto sfruttabile dalla turbina 24m. Ho capito bene? Se si, in questo caso, ammesso e non concesso di avere macchine (pompe e turbina) con rendimento unitario (caso teorico ma non pratico), l'energia che andresti a produrre sarebbe circa la metà di quella necessaria per pompare l'acqua in superficie.
      Saluti.
      Federico

      Commenta


      • #4
        La produzione dovrebbe essere cica 20kw ora,per pompare l'acqua di caduta e riportandola s..un'ariete idraulico,macchina semplicissima che riesce a salire fino a 200 metri di dislivello con 24 litri minuto con una spinta modesta ,nel caso ne metterei due o tre , i motori sono due gemeli di quello sopra publicato,la discesa potre prolungarla a 100 metri con un dislivello di 35 metri ,ma dimmi ,come hai ricavato la quantità di acqua e la velocità? grazie per la tua attenzione ,cmq c anche il fatto che potrei opttare per una parabola solare ...appunto chiedo consigli ....

        Il serbatoio sopra il pozzo ,e dopo la caduta andrebbe in un'altro serbatoio di raccolta dove ci sarebbero le pompe costituite dall'ariete idraulico...che ripompano l'acqua al primo serbatoio...

        Commenta


        • #5
          CITAZIONE (C1P8 @ 8/6/2007, 17:32)
          La produzione dovrebbe essere cica 20kw ora,per pompare l'acqua di caduta e riportandola s..un'ariete idraulico,macchina semplicissima che riesce a salire fino a 200 metri di dislivello con 24 litri minuto con una spinta modesta ,nel caso ne metterei due o tre , i motori sono due gemeli di quello sopra publicato,la discesa potre prolungarla a 100 metri con un dislivello di 35 metri ,ma dimmi ,come hai ricavato la quantità di acqua e la velocità? grazie per la tua attenzione ,cmq c anche il fatto che potrei opttare per una parabola solare ...appunto chiedo consigli ....

          Il serbatoio sopra il pozzo ,e dopo la caduta andrebbe in un'altro serbatoio di raccolta dove ci sarebbero le pompe costituite dall'ariete idraulico...che ripompano l'acqua al primo serbatoio...

          Non possibile, va contro il principio di conservazione dell'energia.
          Se porti una quantità d'acqua da una quota ad una quota inferiore e poi la riporti alla quota di partenza, l'energia prodotta uguale a quella spesa (in teoria, in realtà vai in perdita perch il rendimento di pompe e turbine sempre minore di uno).
          Se fosse possibile fare una cosa del genere producendo energia, applicando il principio in larga scala, risolveremmo i problemi energetici del pianeta.
          In realtà una cosa simile viene fatta nella pratica: di giorno si produce energia idroelettrica portando l'acqua da un bacino a monte ad uno a valle e la notte la si riporta a monte. Da un punto di vista energetico una follia, ma siccome il giorno c' grande richiesta di energia e la notte invece la richiesta inferiore alla produzione, da questo punto di vista la cosa ha una sua logica.

          Saluti.
          Federico

          Edited by Fede1975 - 9/6/2007, 01:52

          Commenta


          • #6
            CITAZIONE (Fede1975 @ 8/6/2007, 21:56)
            Non possibile, va contro il principio di conservazione dell'energia.
            Se porti una quantità d'acqua da una quota ad una quota inferiore e poi la riporti alla quota di partenza, l'energia prodotta uguale a quella spesa (in teoria, in realtà vai in perdita perch il rendimento di pompe e turbine sempre uguale ad uno).
            Se fosse possibile fare una cosa del genere producendo energia, applicando il principio in larga scala, risolveremmo i problemi energetici del pianeta.
            In realtà una cosa simile viene fatta nella pratica: di giorno si produce energia idroelettrica portando l'acqua da un bacino a monte ad uno a valle e la notte la si riporta a monte. Da un punto di vista energetico una follia, ma siccome il giorno c' grande richiesta di energia e la notte invece la richiesta inferiore alla produzione, da questo punto di vista la cosa ha una sua logica.

            Saluti.
            Federico

            Ti quoto in pieno , solo che di notte per riportare a monte l'acqua usiamo l'energia elettrica Francese che ti viene data a basso prezzo , avendo tante centrali nucleari (che non possono essere spente di notte) , quindi in termini energetici e' una follia , come hai detto te utilizzare piu' energia di quanta poi ne produci , in termini economici no ......
            AUTO BANNATO

            Commenta


            • #7
              Si...vero tutto,ma forse vi sfuggita una nota...che l'ariete idraulico..non tutti l conoscono ,dato che una cosa fatta nel lontano 1796 da un certo Montgolfier,questo semplicissimo meccanismo usa l'energia cinetica dell'acqua ,che cadendo in una condotta da una certa altezza solleva una parte dell'acqua stessa e la sospinge ad un livello pi alto,cmq avete ragione ,troppo lavoro,i motori li ho,devo solo fare una caldaia marina ho un motore sterling e alimentarla a olio di recupero e altro cascame ,e abbinarlo per quando non rimedio olio esausti ad una parabola solare a concentrazione e ho risolto il tutto ,OK...grazie per l'attenzione che mi avete concesso ,ma mi servito per capire e schiarirmi le idee in questione . Grazie ..

              Commenta


              • #8
                CITAZIONE (C1P8 @ 9/6/2007, 15:32)
                ... l'ariete idraulico.. questo semplicissimo meccanismo usa l'energia cinetica dell'acqua ,che cadendo in una condotta da una certa altezza solleva una parte dell'acqua stessa e la sospinge ad un livello pi alto

                Certo.Pero' fai cadere 100 litri di acqua,e ne porti pi in alto 50 con l'energia d'ariete. E' uno scambio di energia,ma non una produzione di energia,anzi... una perdita.

                Commenta


                • #9
                  L'ariete ha una resa del 80x100 e poi azionato da un ruscello che sempre in movimento a me bastano due ore al giorno di funzionamento per incamerare circa 40kv..che immetto nella rete enel.....ma sinceramente ..troppo lavoro....meglio con caldaia marina e motore a vapore semplice e funzionale ,cmq grazie ......questo mi servito per chiarirmi le idee...

                  Commenta


                  • #10
                    40kw per due ore....
                    ... un fiume non un ruscello!

                    Commenta


                    • #11
                      Ma Nooo....che hai capito.....le pompe caricano 24 ore acqua a ciclo chiuso e farebbe un salto in un tubo pvc da 30cm diametro, di una discesa di 80/100 mt con dislivello di una 30/35 mt...ma troppo tempo e lavoro ,io sono anziano e non posso lavorare molto,e poi sono con una pensione da fame ...devo solo mettere in pratica quello che s fare ...costruire ..ho una base meccanica di buon livello ...e un campo molto largo ....di vedute tecnologiche...solo che sono indietro di 40anni e devo aggiornarmi...e chiedo a chi pi fresco di studi e di mente ..un'aiuto....che poi sarà restituito ...nel caso che vada bene (come penso)...a favore di tutta là comunità......grazie per l'attenzione

                      Commenta

                      Attendi un attimo...
                      X
                      TOP100-SOLAR