annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Risoluzione completa e definitiva del problema dell’approvvigionamento energetico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Risoluzione completa e definitiva del problema dell’approvvigionamento energetico

    È un pezzo che questa idea mi frulla per la testa. Siccome non riesco a trovare da solo argomenti che la invalidino, credo di non doverla rendere pubblica: se qualcuno sarà così gentile da leggermi, potrà concordare (nel qual caso mi aspetto che qualcuno voglia provare a fare qualcosa per metterla in pratica) o confutarmi.
    Ma basta con i preamboli, ecco l’idea:

    Il problema dell’approvvigionamento energetico potrebbe essere risolto, oggi, in maniera completa e definitiva, così:

    1) selezioniamo una o più alghe da acqua salata adatte a produrre, possibilmente senza troppe cure, un certo quantitativo di olio (più ne produce, meglio è)
    2) adibiamo un pezzo d’oceano alla coltivazione delle alghe. Il pezzo di oceano deve essere sufficientemente grande da produrre tutto l’olio che ci serve.
    3) smettiamo di estrarre petrolio, carbone, uranio e simili. Potremmo anche smettere di impiantare pannelli solari, generatori eolici e simili
    4) Produciamo tutto l’olio che si serve per scaldarci, muoverci e produrre energia elettrica – ci facciamo il biodisel, o ci bruciamo direttamente l’olio, oppure si vedrà. *** alghe marine come sola fonte di energia ***
    5) Forse addirittura gli scarti potrebbero essere utilizzati come mangime per animali (oltre che come fertilizzante per le stesse alghe?)

    Trattasi appunto di fonte di energia rinnovabile e, nei limiti delle nostre esigenze attuali, praticamente infinita.
    Legalmente potrebbe essere fatto oggi, dato che l’oceano, oltre una certa distanza dalla costa, non appartiene a nessuno. Certamente nell’oceano c’è tutto lo spazio che ci serve per produrre tutto l’olio che ci serve.
    Invece che sottrarre spazio alle terre coltivabili per produrre combustibile sulla terraferma, si utilizzano vascone nell’oceano.
    Il problema dell’effetto serra da CO2 sarebbe azzerato: è elementare dimostrare che si produrrebbe solo la CO2 che le alghe hanno precedentemente utilizzato per crescere. Anzi: volendo se fosse necessario, si potrebbe produrre anche ‘un poco di’ olio da buttare, senza bruciarlo, nei pozzi petroliferi in modo da togliere dall’atmosfera un po’ di CO2 che vi abbiamo immesso con il petrolio – restituiamo insomma il petrolio preso.
    Per iniziare basterebbe che qualche decina di migliaia di persone cacciassero una certa cifra, non troppo alta, per far partire il tutto (allestire le fattorie off-shore, pagare i primi stipendi a chi cil lavora, comprare qualche petroliera, anzi oliera, per trasportare il tutto).
    Prima ancora, si tratterebbe di mettere insieme un’organizzazione, qualcosa, che promuovesse la cosa a livello culturale.
    Potrebbe anche partire, insieme, un gruppo di lavoro di persone competenti che studia le cose a livello pratico (magari, perché no, anche con qualche università – mica è una legge che le università non debbano studiare cose utili!) - una specie di progetto open source: Che alga si usa? come si fanno le fattorie? Quanto ci costa un barile d’olio? Quanti soldi ci vogliono per iniziare? Quanto si inquina a produrre le alghe? Quanta superficie marina dovrebbe venire impegnata? Come si trasporta l’olio? Come si raffina il combustibile? Problemi legali?...)
    Alla base di tutto però ci deve essere la consapevolezza che la cosa può essere fatta, oggi. E questa è questione culturale.

    Secondo me tecnicamente, organizzativamente e culturalmente si può fare. Secondo voi?
    Un certo numero di persone eventualmente interessate potrebbero da subito creare un’organizzazione: degli iscritti, un sito (multilingua) con materiale tecnico e un forum. Dei gruppi di volenterosi potrebbero impiantare delle vascone marine off-shore per produrre olio/biodisel.
    www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

  • #2
    Se ne sta parlando anche qui nel forum da tempo, ma evidentemente la tecnologia non e' ancora matura. Certo che il petrolio a 106 $ dovrebbe accelerare anche grossi investimenti in tal senso.
    Guarda anche queste discussioni:
    1
    2
    3

    Inoltre, non e' detto che il combustibile ottenuto possa essere utilizzato per tutti gli scopi: ad es. il biodiesel non puo' essere utilizzato per gli aerei perche' alle basse temperature delle alte quote tende a solidificare (hanno gia' fatto dei voli sperimentali con uno dei motori alimentato a biodiesel e si blocca!). Ovviamente si troveranno delle soluzioni ma la strada e' ancora lunga.
    Bye
    Bye

    Commenta


    • #3
      con il principio del "non è stato fatto, quindi (ancora) non si può fare" staremmo ancora a cibarci di semi, piante, radice e insetti dormando sopra gli alberi <img src=">
      www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

      Commenta


      • #4
        i miei dubbi nascono dal fatto che se un'alga non ha preso il sopravvento in natura su altre è perchè automaticamente i pesci o i molluschi o qualsiasi altro essere vivente che si ciba di quella precisa alga si riproduce in modo abnorme fino a che non si ha di nuovo carestia di cibo.

        Commenta


        • #5
          come hai detto tu servono investimenti anche per le ricerche, gli studi di fattibilita e i businessplan iniziali, anche solo per capire se e conveniente iniziare a discuterne.
          ti posso assicurare che sono costi impegnativi e assolutamente rischianti dal punto di vista economico.
          fare un progetto del genere, solo per capire se potrebbe essere interessante investirci, vuol dire un fondo spese di milioni di euro.
          trovare un fondo d investimento che ci voglia credere non e assolutamente facile, trovare i soldi a sufficenza ancora meno.
          volendo e fattibile, ma ci dovrebbe essere un impulso iniziale di un grosso gruppo ( economico o sociale)
          che ci guadagni qualcosa e che quindi ci investa tempo e denaro.
          la mia non e una critica , ma lavoro in questo ambiente e conosco bene le tematiche
          purtroppo sono i parametri economici che influenzano le scelte sociali
          ciao a tutti

          Commenta


          • #6
            piantare alghe nell'oceano? Ma a quale profondita?' e per riportarle in superficie? e se l'alga divenisse predominante rispeto a quell'ambiente marino? costi, costi, danni ambientali, danni ambientali. Bhoo!! non saprei

            Commenta


            • #7
              CITAZIONE (caldodalmais @ 9/3/2008, 09:33)
              Se ne sta parlando anche qui nel forum da tempo, ma evidentemente la tecnologia non e' ancora matura. Certo che il petrolio a 106 $ dovrebbe accelerare anche grossi investimenti in tal senso.
              Guarda anche queste discussioni:
              1
              2
              3

              Inoltre, non e' detto che il combustibile ottenuto possa essere utilizzato per tutti gli scopi: ad es. il biodiesel non puo' essere utilizzato per gli aerei perche' alle basse temperature delle alte quote tende a solidificare (hanno gia' fatto dei voli sperimentali con uno dei motori alimentato a biodiesel e si blocca!). Ovviamente si troveranno delle soluzioni ma la strada e' ancora lunga.
              Bye

              comunque i link che hai inviato sono molto interessanti, grazie.<img src=">

              CITAZIONE (blackbombay @ 9/3/2008, 10:04)
              i miei dubbi nascono dal fatto che se un'alga non ha preso il sopravvento in natura su altre è perchè automaticamente i pesci o i molluschi o qualsiasi altro essere vivente che si ciba di quella precisa alga si riproduce in modo abnorme fino a che non si ha di nuovo carestia di cibo.

              però già è successo che alcune piante hanno preso il sopravvento su altre per il slo fato che sono utili a noi e le curiamo: il grano, il riso, la soia...


              CITAZIONE (straniero77 @ 9/3/2008, 11:40)
              come hai detto tu servono investimenti anche per le ricerche, gli studi di fattibilita e i businessplan iniziali, anche solo per capire se e conveniente iniziare a discuterne.
              ti posso assicurare che sono costi impegnativi e assolutamente rischianti dal punto di vista economico.
              fare un progetto del genere, solo per capire se potrebbe essere interessante investirci, vuol dire un fondo spese di milioni di euro.
              trovare un fondo d investimento che ci voglia credere non e assolutamente facile, trovare i soldi a sufficenza ancora meno.
              volendo e fattibile, ma ci dovrebbe essere un impulso iniziale di un grosso gruppo ( economico o sociale)
              che ci guadagni qualcosa e che quindi ci investa tempo e denaro.
              la mia non e una critica , ma lavoro in questo ambiente e conosco bene le tematiche
              purtroppo sono i parametri economici che influenzano le scelte sociali
              ciao a tutti

              trovare un fondo d'investimenti sarebbe una starda come un'altra per fare la cosa. secondo me la meno diretta. Prima di iniziare a fare business, bisognerebbe diffondere l'idea culturalmente.

              i più pensano come te che "sono i parametri economici che influenzano le scelte sociali".
              io penso che prima venga la consapevolezza.
              se milioni di persone al mondo lo volessero, sarebbe fatto.



              CITAZIONE (giannic @ 9/3/2008, 18:00)
              piantare alghe nell'oceano? Ma a quale profondita?' e per riportarle in superficie? e se l'alga divenisse predominante rispeto a quell'ambiente marino? costi, costi, danni ambientali, danni ambientali. Bhoo!! non saprei

              in superficie, sennò non prende sole e non cresce.
              www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

              Commenta


              • #8
                L'idea appassiona,ma,dovendo confutare la teoria della produzione mondiale di olio combustibile,inizio con il segnalare che l'alga piu' idonea e redditizia vive soprattutto in ambienti d'acqua dolce,e non negli oceani.
                Forse si potrebbe impiantare nei mari del nord,che sono quasi esclusivamente d'acqua dolce,ma le basse temperature e la scarsità di radiazione solare possono inficiare sulla produzione totale.
                Un po' mi spaventa,immaginare un oceano verdastro pieno di alghe,ma è certamente meglio di un fetido pozzo petrolifero. <img src=">

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE (OggettoVolanteIdentificato @ 10/3/2008, 01:46)
                  L'idea appassiona,ma,dovendo confutare la teoria della produzione mondiale di olio combustibile,inizio con il segnalare che l'alga piu' idonea e redditizia vive soprattutto in ambienti d'acqua dolce,e non negli oceani.
                  Forse si potrebbe impiantare nei mari del nord,che sono quasi esclusivamente d'acqua dolce,ma le basse temperature e la scarsità di radiazione solare possono inficiare sulla produzione totale.
                  Un po' mi spaventa,immaginare un oceano verdastro pieno di alghe,ma è certamente meglio di un fetido pozzo petrolifero. <img src=">

                  esisterà un'alga abbastanza redditizia da acqua salata?
                  l'acqua dolce è troppo preziosa, di acqua salata ce n'è in abbondanza: anche se si trovasse un'alga meno redditizia, che problema c'è? si utilizziamo un po' più oceano...giusto?


                  ----

                  questa discussione è stata spostata dentro "Al CONFINE: MISCELLANEA" (senza neanche una riga di commento <img src=">), originariamente l'avevo messa in "biomasse". per favore, moderatotri...riportatela in "biomasse" o alternativamente in "Discussioni sui MASSIMI SISTEMI del mondo ENERGETICO"

                  www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                  Commenta


                  • #10
                    La coltivazione di una simile quantità di biomassa per gli scopi che ti prefiggi presenta svariati inconvenienti che la rendono una pessima idea:

                    1) Data la fame di energia di una porzione del mondo, quello industrializzato, la quantità di terreno marino coltivabile necessaria sarebbe tale da fare a pezzi l'ecosistema acqueo mondiale, e non scherzo! Pensa solo che già adesso siamo sulla buona strada per esaurire le fonti petrolifere. Se pensi che solo una frazione della massa dell'alga potrebbe essere utilizzata per ottenere olio, riesci vagamente ad immaginare quanta biomassa andrebbe sprecata? Anche perché, esattamente come per i semi di mais, quanto rimane dopo la 'spremitura' dell'alga di sicuro non sarà utilizzabile per concimare il suolo marino o per nutrire alcun animale. Con un po' di fortuna potremmo ottenerne delle fibre per fabbricarci del mobilio, un po' come si usano gli scarti della lavorazione del legname, ma fine lì. Quasi sicuramente ci rtiroveremmo con ENORMI quantità di rifiuti dal processo di lavorazione. Inoltre, come ho detto, l'impatto sull'ecosistema marino sarebbe allucinante: tanto varrebbe trasformare l'intera foresta amazzonica in un campo di mais per biodiesel.

                    2) Non si può pensare di usare tanti e tanti campi sparsi per l'oceano, altrimenti i potenziali benefici verrebbero compensati dai costi di raccolta e trasporto. E' inevitabile creare grandi campi in punti precisi del mare il meno soggetti possibile ai capricci meteorologici e delle correnti, ma bisogna anche ricordarsi che per non avere un impatto sulla fauna marina e migratoria bisogna limitare drasticamente le zone di coltivazione.

                    3) Di SICURO le zone di coltivazione non devono trovarsi in prossimità delle aree abitate. Le alghe sono organismi viventi, soggetti alle loro patologie. L'inquinamento proveniente dagli scarichi metropolitani danneggerebbe le piante.

                    E tutto questo nella felice ipotesi che i governi abbiano voglia di sprecare svariati milioni solo per uno studio completo di fattibilità. Ricorda una cosa, Cirowsky: il mercato NON si sposa con l'ideologia, fino a che questa non diventa abbastanza conveniente da essere messa in atto, altrimenti saremmo già prossimi all'utopia energetica. E' facile dire 'basta la volontà', ma quando si tratta di fare grandi spese queste DEVONO avere una ricaduta positiva sugli utenti, o i governi cadono insieme alle loro belle intenzioni...ma meglio evitare l'OT...

                    Commenta


                    • #11
                      CITAZIONE (OggettoVolanteIdentificato @ 10/3/2008, 01:46)
                      .
                      Un po' mi spaventa,immaginare un oceano verdastro pieno di alghe,ma è certamente meglio di un fetido pozzo petrolifero. <img src=">

                      Purtroppo ho presente quello che succede spesso (mediamente almeno una volta all'anno) nell'Adriatico settentrionale quando si verificano i fenomeni di "fioritura algale" ed il mare sembra diventato una enorme palude prima verdastra, e poi, causa la calura estiva, di colore vagamente marrone scuro che ricorda tanto qualcos'altro. In quanto a fetore certamente non scherza. Ricordo, circa un 20 anni fa, in un momento in cui le alghe avevano rovinato mezza stagione turistica, una scritta apparsa sui muri del portocanale di Cervia "piu' delfini meno suini" che chiaramente attribuiva all'inquinamento di origine zootecnica la causa dell'eutrofizzazione. In quei giorni tutte le mattine venivano raccolte a riva decine di "camionate" di alghe putrefatte, ricettacolo di mosche e insetti vari, assieme a pesci e granchi morti per mancanza di ossigeno nell'acqua. Lo strano e' che magari, ad una distanza di solo un mese, con temperature piu' basse e dopo diverse mareggiate e ondate di maltempo, il mare sembrava tutta un'altra cosa, e non era raro vedere a fine settembre un'acqua eccezionalmente pulita e trasparente, come se si fosse in presenza di un organismo che si e' autopurificato.
                      Tutto questo per dire che mi sembra "pericoloso" innestare di proposito meccanismi simili, anche se il mare dispone certamente di capacita' "autorigeneranti". Sarebbe invece molto utile trovare la maniera di utilizzare le alghe che purtroppo, periodicamente, crescono "in maniera spontanea"

                      Commenta


                      • #12
                        CITAZIONE (valmaximus @ 10/3/2008, 08:54)
                        La coltivazione di una simile quantità di biomassa per gli scopi che ti prefiggi presenta svariati inconvenienti che la rendono una pessima idea:

                        Rispondo punto per punto...



                        CITAZIONE (valmaximus @ 10/3/2008, 08:54)
                        1) Data la fame di energia di una porzione del mondo, quello industrializzato, la quantità di terreno marino coltivabile necessaria sarebbe tale da fare a pezzi l'ecosistema acqueo mondiale, e non scherzo! Pensa solo che già adesso siamo sulla buona strada per esaurire le fonti petrolifere. Se pensi che solo una frazione della massa dell'alga potrebbe essere utilizzata per ottenere olio, riesci vagamente ad immaginare quanta biomassa andrebbe sprecata? Anche perché, esattamente come per i semi di mais, quanto rimane dopo la 'spremitura' dell'alga di sicuro non sarà utilizzabile per concimare il suolo marino o per nutrire alcun animale. Con un po' di fortuna potremmo ottenerne delle fibre per fabbricarci del mobilio, un po' come si usano gli scarti della lavorazione del legname, ma fine lì. Quasi sicuramente ci rtiroveremmo con ENORMI quantità di rifiuti dal processo di lavorazione. Inoltre, come ho detto, l'impatto sull'ecosistema marino sarebbe allucinante: tanto varrebbe trasformare l'intera foresta amazzonica in un campo di mais per biodiesel.

                        Tu dici “quanto rimane dopo la 'spremitura' dell'alga di sicuro non sarà utilizzabile per concimare il suolo marino o per nutrire alcun animale”.
                        Io, non te ne prendere a male, vorrei verificare un po’ meglio questo punto. La logica mi dice come fertilizzante per le alghe, il residuo potrebbe funzionare: restituiamo un po’ di quello che prendiamo.
                        Non dico che tu qui hai sicuramente torto, non ne avrei le conoscenze e le competenze. Dico: verificare.



                        CITAZIONE (valmaximus @ 10/3/2008, 08:54)
                        2) Non si può pensare di usare tanti e tanti campi sparsi per l'oceano, altrimenti i potenziali benefici verrebbero compensati dai costi di raccolta e trasporto. E' inevitabile creare grandi campi in punti precisi del mare il meno soggetti possibile ai capricci meteorologici e delle correnti, ma bisogna
                        anche ricordarsi che per non avere un impatto sulla fauna marina e migratoria bisogna limitare drasticamente le zone di coltivazione.ì

                        Secondo me si dovrà andare, come clima, verso l’equatore.
                        Tu prova a pensare quanto oceano libero c’è all’equatore.
                        Sarebbe utile a questo punto fare un calcolo di quanta superficie si avrebbe bisogno.
                        Ad occhio e croce, una superficie equivalente all’italia basterebbe e abbondantemente avanzerebbe.
                        Se così fosse, una superficie come l’italia sparsa fra oceno idiano ed atlantico sarebbe una cosina insignificante..



                        CITAZIONE (valmaximus @ 10/3/2008, 08:54)
                        3) Di SICURO le zone di coltivazione non devono trovarsi in prossimità delle aree abitate. Le alghe sono organismi viventi, soggetti alle loro patologie. L'inquinamento proveniente dagli scarichi metropolitani danneggerebbe le piante.

                        Concordo 100%.



                        CITAZIONE (valmaximus @ 10/3/2008, 08:54)
                        E tutto questo nella felice ipotesi che i governi abbiano voglia di sprecare svariati milioni solo per uno studio completo di fattibilità. Ricorda una cosa, Cirowsky: il mercato NON si sposa con l'ideologia, fino a che questa non diventa abbastanza conveniente da essere messa in atto, altrimenti saremmo già prossimi all'utopia energetica. E' facile dire 'basta la volontà', ma quando si tratta di fare grandi spese queste DEVONO avere una ricaduta positiva sugli utenti, o i governi cadono insieme alle loro belle intenzioni...ma meglio evitare l'OT...

                        La mia tesi è appunto questa: tecnicamente si può fare. O almeno: ci sono ottime probabilità che si possa fare. Per adesso secondo me non sono emersi elementi tali da inficiare la tesi.
                        L’argomento che
                        i governi/ il business non lo fanno/non l’hanno fatto quindi nonn si può fare ecc ecc......................sono varianti dell’argomento: non è stato fatto, quindi non si può fare.
                        Ques’argomento è vero e resta vero finchè non viene confutato (ma qui sto parlando di logica <img src=">)



                        CITAZIONE (barbetta @ 10/3/2008, 20:12)
                        CITAZIONE (OggettoVolanteIdentificato @ 10/3/2008, 01:46)
                        .
                        Un po' mi spaventa,immaginare un oceano verdastro pieno di alghe,ma è certamente meglio di un fetido pozzo petrolifero. <img src=">

                        Purtroppo ho presente quello che succede spesso (mediamente almeno una volta all'anno) nell'Adriatico settentrionale quando si verificano i fenomeni di "fioritura algale" ed il mare sembra diventato una enorme palude prima verdastra, e poi, causa la calura estiva, di colore vagamente marrone scuro che ricorda tanto qualcos'altro. In quanto a fetore certamente non scherza. Ricordo, circa un 20 anni fa, in un momento in cui le alghe avevano rovinato mezza stagione turistica, una scritta apparsa sui muri del portocanale di Cervia "piu' delfini meno suini" che chiaramente attribuiva all'inquinamento di origine zootecnica la causa dell'eutrofizzazione. In quei giorni tutte le mattine venivano raccolte a riva decine di "camionate" di alghe putrefatte, ricettacolo di mosche e insetti vari, assieme a pesci e granchi morti per mancanza di ossigeno nell'acqua. Lo strano e' che magari, ad una distanza di solo un mese, con temperature piu' basse e dopo diverse mareggiate e ondate di maltempo, il mare sembrava tutta un'altra cosa, e non era raro vedere a fine settembre un'acqua eccezionalmente pulita e trasparente, come se si fosse in presenza di un organismo che si e' autopurificato.
                        Tutto questo per dire che mi sembra "pericoloso" innestare di proposito meccanismi simili, anche se il mare dispone certamente di capacita' "autorigeneranti". Sarebbe invece molto utile trovare la maniera di utilizzare le alghe che purtroppo, periodicamente, crescono "in maniera spontanea"

                        Usare la biomassa che c'è per fare energia oggi sarebbe cosa saggia. La domanda è: questo, unito alle fonti di energia rinnovabili, può bastare per soddisfare il nostro bisogno di energia? oppure bisogna continare ad usare conbustibili fossili, finchè ce ne sono e/o (finchè il clima non cambia troppo) e uranio?
                        www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                        Commenta


                        • #13
                          QUOTE
                          Secondo me si dovrà andare, come clima, verso l’equatore.
                          Tu prova a pensare quanto oceano libero c’è all’equatore.
                          Sarebbe utile a questo punto fare un calcolo di quanta superficie si avrebbe bisogno.
                          Ad occhio e croce, una superficie equivalente all’italia basterebbe e abbondantemente avanzerebbe.
                          Se così fosse, una superficie come l’italia sparsa fra oceno idiano ed atlantico sarebbe una cosina insignificante..

                          Temo che tu tenda ad essere fin troppo ottimista.
                          1) Una superficie grande quanto l'italia non basterebbe neppure per una FRAZIONE del fabbisogno energetico mondiale attuale. Cominciamo dal fatto che delle alghe stesse non potremmo utilizzare il 100% della massa, col risultato che devi mettere in conto una superficie PIU' AMPIA.
                          2) Non ho citato a caso la vicinanza alle coste. Infatti i casi sono due:
                          a) piantiamo le alghe nel fondale oceanico, e a questo punto coltivare una simile biomassa (includendo i controlli, la messa in posa del campo, gli strumenti per la raccolta e relativa manutenzione) a quelle profondità fa lievitare i costi ad un tale livello da rendere la soluzione inapplicabile
                          b) creiamo delle gigantesche 'piattaforme', vere super-isole artificiali, atte fungere da zone di coltivazione, ma anche qui le incognite tecniche e i costi diventano proibitivi. Costerebbe veramente di meno quella famosa 'isola energetica' di cui si parla ogni tanto.
                          3) equatore, dici? Modo interessante di suicidarsi economicamente, tenendo infatti conto che in quelle zone si scatenano regolarmente le maggiori tempeste. Inoltre, l'attività industriale legata alle piantagioni alghifere potrebbe anche influenzare negativamente il gioco di correnti cruciale che passa per quelle acque.

                          Dammi retta, i sogni son belli, ma il nostro futuro è fatto di fonti rinnovabili per le abitazioni civili, e la fusione nucleare (preceduta dalla fissione) per la produzione industriale. Non si scappa.

                          Commenta


                          • #14
                            Importante…sto parlando di alghe che andrebbero coltivate sulla superficie marina: per crescere ci vuole la luce (e infatti si può considerare come un caso di energia solare) –niente luce, niente alghe.

                            Per avere un’idea di quanta supeficie marina andrebbe coltivata (e quindi per farsi un’idea dell’impatto ambientale), bisognerebbe avere tutte queste informazioni:
                            - attuale consumo di petrolio in barili/anno
                            - barili di olio prodotti per ettaro all’anno con le alghe (ho paura che questo dato non esista…qualcuno ferrato in biologia potrebbe fare una stima)
                            Per fare una previsione seria sulla fattibilità della cosa, bisognerebbe avere questi dati, o almeno un’idea di questi dati.
                            Io questi dati, francamente, non li ho.
                            www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                            Commenta


                            • #15
                              http://mediterraneodiving.wordpress.com/20...iesel-da-alghe/
                              www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                              Commenta


                              • #16
                                wow, vale la pena riportarlo integralmente:

                                ROMA, 7 GEN - Sara’ la Shell la prima multinazionale del petrolio a fabbricare combustibili dalle alghe. Lo afferma la stessa societa’, che ha annunciato che la costruzione della prima raffineria che coltivera’ le alghe e ne fara’ biodiesel iniziera’ nei prossimi giorni alle Hawaii. Il sito produttivo nascera’ in un’area dove ci sono gia’ coltivazioni di alghe a scopo nutrizionale e farmaceutico. Verranno usate alghe autoctone o importate con l’approvazione del dipartimento dell’agricoltura locale e scienziati di diverse universita’ studieranno le varie specie utilizzate a caccia di quella piu’ produttiva. ”Le alghe hanno un grande potenziale per la produzione sostenibile di biodiesel - ha dichiarato Graeme Sweeney, vicepresidente Shell - quest’impianto dimostrativo sara’ un test importante di fattibilita’ e di sostenibilita’ commerciale”. Il principale vantaggio dell’uso delle alghe e’ la loro crescita molto veloce: si stima che questi organismi raddoppino la loro massa diverse volte al giorno, e possano produrre per ettaro 15 volte piu’ biodiesel delle biomasse tradizionali.

                                oh, se lo fa la shell non mi sembra una cosa tanto utopica!!!!

                                quella è gente che se fa ricerca lo fa solo x un motivo: $$$$$$$$$$$$

                                Commenta


                                • #17
                                  io non riesco a togliermi dalla testa che si dovrebbe usare il mare per produrre energia intercettando l'enegia solare, in un modo o nell'altro.
                                  www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                                  Commenta


                                  • #18
                                    insisti, mi sembra un'ottima idea!!! vedi se riesci a trovare altro materiale, è veramente interessante <img src=">

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Vediamo come va a finire. Se la cosa riesce sarà un vantaggio per tutti.
                                      La storia del bilancio in pareggio della CO2 non mi ha mai convinto più di tanto. Se si parte da questo assunto, anche il carbone si è formato da alberi che in passato hanno sottratto CO2 all'ambiente. Ma poi, se le alghe sono sott'acqua, come fanno ad assorbire CO2 dall'atmosfera? Probabilmente sto dicendo una cavolata, non sono molto esperto di queste cose.

                                      Saluti.

                                      Federico

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Se la Shell ci prova, vediamo cosa succede. Personalmente, per le ragioni sopra esposte, ritengo sia l'anticamera di un disastro ecologico. Obbè, chi vivrà vedrà.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Per quanto ne so, le migliori alghe per la produzione di biodiesel sono ovviamente quelle geneticamente modificate, capaci di grandissime produzioni in poco tempo.

                                          Ora immettere nell'ambiente degli OGM si sa quali rischi comporti. Molto meglio gli impianti di terra in appositi silos, o al massimo in piscine e bacini artificiali

                                          Commenta


                                          • #22
                                            CITAZIONE (Fede1975 @ 12/3/2008, 21:07)
                                            Ma poi, se le alghe sono sott'acqua, come fanno ad assorbire CO2 dall'atmosfera?

                                            C'è un continuo scambio di gas che si sciolgono in acqua o, e vengono rilasciati

                                            Odisseo

                                            CITAZIONE (janvaljan @ 13/3/2008, 02:07)
                                            Ora immettere nell'ambiente degli OGM si sa quali rischi comporti.

                                            basta fare in modo che non possano sopravvivere facilmente al di fuori degli impianti di produzione
                                            più o meno come è avvenuto, nel corso dei millenni, per i cereali utilizzati per l'alimentazione umana

                                            infatti, occorre continuare a piantarle, anno dopo anno, curarle, disinfestarle etc etc etc.....

                                            Odisseo

                                            Commenta


                                            • #23
                                              CITAZIONE (Fede1975 @ 12/3/2008, 21:07)
                                              Vediamo come va a finire. Se la cosa riesce sarà un vantaggio per tutti.
                                              La storia del bilancio in pareggio della CO2 non mi ha mai convinto più di tanto. Se si parte da questo assunto, anche il carbone si è formato da alberi che in passato hanno sottratto CO2 all'ambiente. Ma poi, se le alghe sono sott'acqua, come fanno ad assorbire CO2 dall'atmosfera? Probabilmente sto dicendo una cavolata, non sono molto esperto di queste cose.

                                              Saluti.

                                              Federico

                                              sul bilancio del co2 vai sicuro: ogni atomo di C di ogni molecola di CO2 prodotta bruciando il diesel, è stato catturato dall'atmosfera da una molecola di CO2.
                                              www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Allora l'unico ambiente incontaminato, che erano i mari, ora verranno occupati dalle alghe in allevamento intensivo.
                                                Se fosse fattibile e economicamente vantaggioso, quanti milioni di kmq servirebbero per le auto dell'umanità?
                                                Non è polemica.
                                                Quello che non riesco a capire è: e gli animali che prima si alimentavano di alghe, che fine faranno?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  a parte il fatto che la superficie coperta dagli oceani è infinitamente più grande delle superfici coltivabili, mi sembra molto più intelligente fruttare una piccolissima parte di tale immensa superficie che non produrre biodiesel al posto dei cereali commestibili, visto che già ora la produzione non riesce a coprire la domanda...... o no??


                                                  ci preoccupiamo degli animali che mangiano alghe e non di quelli che mangiano erba???? dai, cercate di afferrare la dimensione del problema, vedo interventi un tantino "fuori scala"

                                                  se leggi bene l'articolo della shell, ti dice che queste alghe sono infinitamente più "efficienti" delle coltivazioni a terra, quindi dovrebbero occupare meno spazio.....
                                                  comunque è tutto legato al processo di fotosintesi clorofilliana, quindi con la co2 siamo + che a posto! <img src=">

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    quanto è grande questa piccollissima superfice per soddisfare i bisogni umani?
                                                    E' grqande come l'italia, come l'africa o di piu'?
                                                    Ti ripeto non è polemica.
                                                    Sono convinto dell'utilità di un'alternativa che prima non c'era e forse vincente.
                                                    Volevo che si quantificasse la superfice.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      CITAZIONE (autostop @ 13/3/2008, 14:45)
                                                      quanto è grande questa piccollissima superfice per soddisfare i bisogni umani?
                                                      E' grqande come l'italia, come l'africa o di piu'?
                                                      Ti ripeto non è polemica.
                                                      Sono convinto dell'utilità di un'alternativa che prima non c'era e forse vincente.
                                                      Volevo che si quantificasse la superfice.

                                                      hai perfettamente ragione. e quegli stessi dati, che non ho, vorrei averli anche io.
                                                      se ci volesse 'troppo oceano', sarei il primo ad ammettere che non si può fare (io non devo dimostrare che si può fare...voglio valutare se si può fare).

                                                      io imposterei il problema così:
                                                      - troviamo quanti fantastiliardi di kw consumiamo in un anno (io una volta lo trovai in rete questo dato)
                                                      - troviamo l'energia irradiata all'anno dal sole sopra l'equatore per km2, o m2, o ettaro
                                                      - dividiamo pridenzialmente quel dato per 100, ipotizzando che l'1% dell'energia venga convertita in olio o simili
                                                      - vediamo quanti m2 o km2 o ettari ci vogliono

                                                      che ne dite?

                                                      Edited by cirowsky - 13/3/2008, 15:44
                                                      www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        efficenza fotosintesi
                                                        Qui si cita massimo 3% (è il sito di aspo) e un fabbisogno dell'1% della superficie terreste se si usassero i fotovoltaici di adesso.
                                                        Devo dedurre che visto che il fotovoltaico è 5 volte piu' efficente ci vorrebbe il 5% della superfice, se l'efficenza del fotosintetico fosse del 3%, altrimenti con l'1% la superfice sarebbe del 15%.
                                                        Sono dati spannometrici, ma la superfice non è proprio piccollisima.
                                                        Meno comunque di quello che pensavo.Grande come l'Africa?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          altro dato:
                                                          In 2004, the average total worldwide power consumption of the human race was 15 TW (= 1.5 x 1013 W) with 86.5% from burning fossil fuels.[1] This is equivalent to 0.5 ZJ (= 5 x 1020 J) per year, although there is at least 10% uncertainty in the world's energy consumption.

                                                          http://en.wikipedia.org/wiki/World_energy_...and_consumption

                                                          Si considera pari a 1 KW/m² la potenza solare massima captabile da una superficie al livello del suolo, perpendicolare ai raggi solari, per sole allo zenit e in condizioni di atmosfera perfettamente limpida.

                                                          http://www.larici.it/frammenti/energia/index.htm


                                                          Edited by cirowsky - 13/3/2008, 18:30
                                                          www.energyraft.org: energia da solare ad un costo inferiore a quella da nucleare (http://www.energeticambiente.it/term...e-commons.html)

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            si, scusa, il mio errore è che io non pensavo assolutamente di coprire l'intero fabbisogno mondiale! non ho mai creduto nelle soluzioni uniche miracolose, ma credo che potrebbe dare un apporto importante!! mea culpa <img src=">

                                                            daltronde è probabile che oltre alla produzione di biodiesel le alghe serviranno anche per l'alimentazione umana, visto che i campi non bastano più!

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR