annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il ritorno al nucleare in Italia e' una scelta obbligata

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il ritorno al nucleare in Italia e' una scelta obbligata

    Mi sono imbattuto in questo articolo su questo sito (cliccate QUI).

    Ovviamente in molti storceranno la bocca al pensiero ma nell'ambito di un comune pensiero di salvaguardia dell'ambiente e' doveroso pensare che questa soluzione ed un uso massiccio delle rinnovabili possano essere necessarie per ridare fiato all'ambiente e ritrovare quella gioia di vivere in un paese dove i combustibili fossili stavano seriamente minacciando la salute di molti.

    Qualcuno obiettera' riguardo la pericolosa pericolosita' di impianti nucleari ed io faccio notare che in Europa dopo Chernobyl non ci sono piu' stati significativi incidenti tali da provocare perdita di vite umane ne direttamente ne indirettamente quindi le paure di una generazione riguardo al nucleare non hanno piu' senso di esistere.

    Recentemente ho avuto contatti con societa' sudafricane che stanno stringendo importanti accordi di collaborazione con societa' francesi qui stesso menzionate per arrivare alla costruzione di un secondo impianto nucleare in quel paese, consci che l'energia prodotta non deve procurare anche danni diretti all'ambiente.
    sempre dalle stesse aziende ho saputo che il governo intende pariteticamente favorire le fonti rinnovabili (ne parlo in una altro topic nella sezione solare) sia attraverso incentivi che riduzione della VAT (IVA). Non dobbiamo e non possiamo permetterci di stare a guardare, qualsiasi soluzione dovessimo inventarci che preveda comunque l'emissione di CO2 sara' pericolosa per l'ambiente e quindi da eliminare.

    Questa potrebbe essere la soluzione per domani, parliamone insieme!

    SB


    “Per l’Italia il nucleare è una scelta obbligata”
    Intervista a Ugo Spezia
    di Emiliano Stornelli


    La questione nucleare è di nuovo al centro del dibattito pubblico italiano. La Sogin, la società pubblica che si occupa della sicurezza delle centrali e dei materiali radioattivi, ha stretto un importante accordo con la francese Areva per il riprocessamento in Francia di 235 tonnellate del combustibile nucleare presente sul nostro territorio. Con l’Ingegner Ugo Spezia, Segretario generale dell’Associazione Italiana Nucleare, cercheremo di approfondire la natura dell’accordo e di comprendere le ragioni per cui è indispensabile che l’Italia rimbocchi al più presto la strada del nucleare per la produzione di energia elettrica.

    Quali sono le ragioni che hanno spinto l’Italia ad “esportare” combustibile nucleare in Francia?
    L’accordo tra la Sogin e l’Areva riguarda il combustibile nucleare irraggiato rimasto in Italia per effetto della chiusura degli impianti nucleari. Quindi non si tratta di tutti i materiali radioattivi presenti sul nostro territorio, ma specificamente del combustibile nucleare irraggiato, che è il materiale con la radioattività più alta, contendendo il 99% della radioattività prodotta in una centrale nucleare. In Italia non esistono impianti di ritrattamento del combustibile nucleare irraggiato e pertanto non c’erano alternative alla fuoriuscita di questo materiale dal paese. Di impianti di ritrattamento ve ne sono solo quattro al mondo: in Francia, Gran Bretagna, Russia e Giappone. Nel 2004 la Sogin ha lanciato una gara internazionale e a vincerla è stata la francese Areva, uno degli operatori del settore a disporre di un impianto. Di qui la firma dell’accordo.

    In cosa consiste il processo cui il combustibile nucleare irraggiato viene sottoposto?
    All’interno di un impianto di ritrattamento, il combustibile viene sciolto in una soluzione di acido nitrico; la soluzione viene trattata in modo da separare l’uranio dal plutonio e ottenere una soluzione pari al 97% della quantità del materiale iniziale. Questo 97% rimane nella disponibilità del paese che ha effettuato il ritrattamento e può essere utilizzato per fare del nuovo combustibile da impiegare nella produzione di energia elettrica. Il restante 3% è costituito da scorie ad alta radioattività che vengono disperse all’interno di una matrice di vetro minerale. La matrice di vetro, a sua volta, viene colata all’interno di contenitori d’acciaio, si solidifica e diviene una specie di colonna di vetro. In questa forma viene impedita la fuoriuscita di radioattività nell’ambiente e le scorie rimangono stabili per centinaia di anni.

    L’accordo tra la Sogin e l’Areva, tuttavia, prevede che il 3% residuo rientri in Italia entro la fine del 2025. In quali strutture verrà depositato?
    Nei paesi in cui gli impianti nucleari sono attivi, i residui del processo di ritrattamento sono conservati in depositi temporanei all’interno delle centrali nucleari, in attesa che vengano costruiti depositi definitivi che sono tuttora allo studio. L’Italia, non avendo impianti nucleari in funzione, non ha neppure i depositi temporanei. Il problema, però, potrebbe risolversi a livello comunitario. La Commissione europea si è espressa recentemente in materia, raccomandando la costruzione di un numero di depositi limitato, sufficiente a soddisfare le esigenze di tutta l’Unione, piuttosto che di un deposito per ogni paese. In questo modo, i paesi che hanno poche scorie da smaltire potranno evitare di costruire un deposito nazionale.

    Se sembra profilarsi una qualche via d’uscita per il materiale ad alta radioattività, qual è il punto della situazione per il materiale a bassa e media radioattività?
    Il nostro è l’unico paese industrializzato a non possedere strutture di deposito idonee a conservare materiale a bassa e media radioattività. Il materiale a bassa e media radioattività ha tempi di decadimento di circa 300 anni, dopo i quali perde completamente la radioattività e può essere smaltito come un normale rifiuto. Gli accordi presi con i paesi che per noi mantengono queste scorie prevedono il ritorno del materiale in Italia, ma le leggi internazionali ci vietano la possibilità di riesportarlo. Ogni paese, per il materiale a bassa e media radioattività, deve provvedere da sé. Bersani, il ministro dello Sviluppo economico, ha detto chiaramente che “il problema delle scorie deve essere affrontato in tempi brevi”. Rimaniamo in attesa di provvedimenti concreti, ma bisogna agire in fretta. Il problema non è immediato, ma per rendere disponibili questi depositi nel medio periodo è necessario iniziare a lavorare già da oggi.

    La commissione Industria del Senato ha approvato il ddl Bersani sulle liberalizzazioni del mercato dell’energia e del gas. Nel corso delle votazioni, due emendamenti della Casa delle Libertà hanno ottenuto la maggioranza, introducendo nel ddl importanti novità. Il primo emendamento impegna il governo a creare condizioni favorevoli all’installazione d’impianti di produzione di energia elettrica mediante carbone pulito ed energia nucleare in Italia e all’estero. Il secondo è volto a determinare, attraverso l’attivazione di negoziazioni e la stipula di accordi internazionali, le condizioni favorevoli per la promozione di società italiane che intendono investire in impianti situati all’estero per la produzione di energia e combustibile nucleare. Il ministro dello Sviluppo, cui ha fatto eco il ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio, si è detto invece contrario a riaprire il discorso del nucleare. A suo parere, l’Italia ha effettivo bisogno dell’energia nucleare?
    Per l’Italia la reintroduzione del nucleare è una scelta obbligata da diversi punti di vista. Il nucleare è indispensabile se vogliamo ridurre la nostra dipendenza da risorse energetiche quali petrolio e gas e se di conseguenza vogliamo sottrarci al potere di ricatto che i paesi produttori esercitano in tutti i campi nei nostri confronti. Inoltre, ci troviamo di fronte a un paradosso: quello d’importare energia elettrica generata da reattori nucleari che si trovano alle porte di casa nostra, in paesi come Francia e Slovenia. Il 15-18% dell’energia elettrica che importiamo dalla Francia deriva da combustibile nucleare. A questo punto, in un’ottica di autonomia energetica, non sarebbe più ragionevole che anche l’Italia si dotasse di reattori nucleari? C’è poi il problema dei costi. La richiesta di energia è in costante crescita e nel lungo periodo la bolletta energetica si farà sempre più insostenibile per i consumatori, dai cittadini alle imprese, che devono pagarla. La reintroduzione del nucleare avrebbe l’effetto di alleggerirne il peso a vantaggio di tutti. Il costo dell’energia elettrica generata da reattori nucleari è di gran lunga inferiore a quella prodotta da altre fonti. Basti pensare che il costo dell’energia elettrica prodotta dai reattori nucleari francesi è più basso dell’energia elettrica prodotta in Italia da altre fonti. In particolare, il ricorso alle fonti rinnovabili comporta costi elevatissimi, per di più ingiustificati in rapporto alla loro reale capacità di generare energia.

    Se è così, cosa impedisce all’Italia di reintrodurre il nucleare?
    Tecnicamente parlando, non esistono elementi ostativi. In ogni momento è possibile comprare un reattore e predis****e l’installazione sul nostro territorio. Il problema semmai è di natura culturale. In Italia, certa propaganda, a partire da una percezione erronea ed esasperata del disastro di Chernobyl, ha diffuso nell’opinione pubblica la fobia della tecnologia, con il risultato che oggi la semplice parola nucleare viene associata a quanto di peggio possa esistere. La differenza tra il nostro e gli altri paesi sta nel fatto che mentre da noi è molto difficile trovare un comune disposto a ospitare un reattore, altrove, in Francia ad esempio, i comuni, attratti dai vantaggi economici, concorrono a decine per ospitare una centrale nucleare nel proprio territorio.

    Ma la fobia del nucleare non può trovare giustificazione nella pericolosità che questa fonte di energia porta con sé?
    Il nucleare è la fonte di energia più sicura e rispettosa dell’ambiente. Non è un caso se oggi il nucleare è la prima fonte di produzione di energia elettrica in Europa, seguita a distanza dal carbone. Il fatto che ci sia un uso così intenso del nucleare, senza che sia mai accaduto alcun incidente o qualche danno legato allo smaltimento del combustibile o delle scorie, significa che la gestione degli impianti avviene in maniera molto sicura. Anche perché la quantità di materiale necessaria a far funzionare una centrale nucleare è estremamente limitata. Per far funzionare una centrale nucleare c’è bisogno di 5 tonnellate di combustibile all’anno, mentre gli impianti a petrolio o a carbone hanno bisogno annualmente di centinaia di migliaia di tonnellate di combustibile. Senza contare gli incidenti legati alla movimentazione degli idrocarburi. Di quanti disastri ambientali sono causa le petroliere?

    Quella per la reintroduzione del nucleare è dunque una battaglia culturale.
    Esattamente. È necessario creare un clima sociale di consapevolezza e accettazione che renda possibile l’installazione d’impianti per la produzione di energia nucleare in territorio italiano. Ed è cosa tutt’altro che facile. Le resistenze sono molte. Va poi considerato che nelle società industriali avanzate la popolazione è solitamente refrattaria alle decisioni di carattere impositivo. Costruire una centrale nucleare senza il consenso della cittadinanza è impensabile, perciò è necessaria un’opera di re-informazione dell’opinione pubblica in modo da renderla consapevole dei suoi stessi bisogni energetici e da creare quel clima sociale di consapevolezza e accettazione che è patrimonio comune di tutti i paesi industrializzati tranne il nostro.


  • #2
    concordo.
    tuttavia è bene utilizzare anke le fonti di energia rinnovabile, xkè a volte buttare ciò ke può rendere è anke sbagliato. Inoltre avranno dei costi superiori in rapporto alla resa energetica, ma creano occupazione e contribuiscono a migliorare l'ambiente.

    Commenta


    • #3
      CITAZIONE
      Il restante 3% è costituito da scorie ad alta radioattività ...
      In questa forma viene impedita la fuoriuscita di radioattività nell’ambiente e le scorie rimangono stabili per centinaia di anni.
      ...
      In quali strutture verrà depositato?
      Nei paesi in cui gli impianti nucleari sono attivi, i residui del processo di ritrattamento sono conservati in depositi temporanei all’interno delle centrali nucleari, in attesa che vengano costruiti depositi definitivi che sono tuttora allo studio.

      Appunto! Neanche da chi produce oggi col nucleare ci sono ancora i depositi "definitivi".
      Il problema sono le scorie, in primo luogo, e la sicurezza degli impianti dal crescente pericolo del terrorismo. In Italia possiamo anche aggiungerci l'annoso problema degli appalti pubblici sotto ricatto della malavita organizzata, che a volte portano gli imprenditori a non poter rispettare i capitolati, speculando sul cemento, sulle armature di ferro, sulla sezione dei cavi elettrici e via dicendo. Che centrale nucleare potremo avere?

      Non sono affatto convinto che il nucleare di oggi sia così sicuro da poterlo riprendere in considerazione. Se ci si butta nuovamente in questa impresa si sottraggono fondi alla ricerca del nucleare da fusione, che credo l'unica strada nucleare percorribile.

      E cosa ne sarà delle energie rinnovabili? Probabilmente le grandi imprese non saranno più così interessate a trovare nuove fonti energetiche, se la disponibilità di energia tornerà ad essere superiore alla domanda.

      Con questi presupposti mi sento di bocciare senza riserve l'affermazione che sta nel titolo. A mio parere non è affatto una scelta obbligata, semmai ad essere obbligata è la scelta di perseverare nella rinuncia a questo nucleare, rafforzando la ricerca sulla fusione e sulle FER.

      ••••••••••••

      Commenta


      • #4
        L'argomento nukesi-nukeno in Italia è ormai pronto per la promozione a nuova religione moderna. Ci sono i protomartiri del SI pronti ad immolarsi abbracciati alle scorie e i pasdaran del NO altrettanto decisi a tornare alla zappa piuttosto che accettare l'ignominia della riapertura di Caorso. Hanno entrambi le stesse probabilità di vittoria a mio parere. :P

        Considerando tutti i pro e i contro a me pare che la posizione dell'attuale governo (http://www.estense.com/?module=displaystor...764&format=html) sia alla fine un concreto punto di partenza per una seria riconsiderazione del problema.
        Aspettiamo un nucleare più sicuro (si badi bene... non ho detto "sicuro"... ma "più sicuro"!), di quarta generazione o quel che sarà, raggiungiamo un ragionevolmente sicuro protocollo di smaltimento dei rifiuti e allora riconsidereremo la fissione. Sempre che nel frattempo la fusione non si sia dimostrata più efficace, ovvio.
        Fino ad allora... gas, carbone, FER e per i più ottimisti risparmio! <img src=">
        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

        Commenta


        • #5
          tornare al nucleare significa fare un pesante salto indietro. cominciando anche domani stesso ,una centrale sarebbe pronta forse tra 5 anni (ma mi posso tranquillamente sbagliare) mentre in 5 anni, incentivando una ricerca seria sulle rinnovabili , potremmo arrivare a costruire centrali eoliche ,solari o quant'altro in grado di coprire il fabbisogno energetico.

          Commenta


          • #6
            CITAZIONE (nacnac @ 27/9/2007, 21:18)
            tornare al nucleare significa fare un pesante salto indietro. cominciando anche domani stesso ,una centrale sarebbe pronta forse tra 5 anni (ma mi posso tranquillamente sbagliare) mentre in 5 anni, incentivando una ricerca seria sulle rinnovabili , potremmo arrivare a costruire centrali eoliche ,solari o quant'altro in grado di coprire il fabbisogno energetico.

            Non capisco per quale motivo chi e' contro il nucleare lo antepone alla ricerca delle rinnovabili.
            Io sono per il nucleare ma sono anche per un uso intensivo delle rinnovabili. Il nucleare fara' la differenza per le nostre industrie, per progredire, per essere concorrenziali nel mondo, per far si che l'Italia sia sempre la prima rispetto agli altri paesi, non siamo secondi a nessuno per inventiva ed adattabilita'.
            Le rinnovabili invece vanno incentivate, vanno sviluppate e l'utilizzo intensificato e deve essere la regola per tutto il residenziale.
            L'una e le altre possono convivere ed unirsi contro l'energia da combustibili fossili.

            Sono quelli i nostri obiettivi principali che producono inquinamento e CO2 piu' di tutti.

            Aggiornati NACNAC

            MetS

            Commenta


            • #7
              Vi invito a leggere questa discussione:
              http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=9455889
              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

              Commenta


              • #8
                si io mi posso pure aggiornare per carità, ma mentre le rinnovabili non sono a rischio , le nucleari direi di si.
                nessuno credo voglia vivere accanto ad una bomba che potrebbe esplodere, vabbè è successo 20 anni fa , però è successo ragazzi.
                è stato deciso dal popolo di abbandonare il nucleare e questo ha comportato costi altissimi e zero resa, rimettere in moto la macchina adesso la vedo come riesumare un brontosauro, ancora adesso abbiamo scorie radioattive che non sono stoccate a dovere, insomma pensiamoci.
                ripeto se si facesse una seria politica di ricerca sulle rinnovabili e di risparmio sul consumo, potremmo tranquillamente farne a meno.

                io non me la sento di rischiare la vita o di decidere per la sorte altrui.

                Commenta


                • #9
                  CITAZIONE (nacnac @ 28/9/2007, 17:03)
                  si io mi posso pure aggiornare per carità, ma mentre le rinnovabili non sono a rischio , le nucleari direi di si.
                  nessuno credo voglia vivere accanto ad una bomba che potrebbe esplodere, vabbè è successo 20 anni fa , però è successo ragazzi.
                  è stato deciso dal popolo di abbandonare il nucleare e questo ha comportato costi altissimi e zero resa, rimettere in moto la macchina adesso la vedo come riesumare un brontosauro, ancora adesso abbiamo scorie radioattive che non sono stoccate a dovere, insomma pensiamoci.
                  ripeto se si facesse una seria politica di ricerca sulle rinnovabili e di risparmio sul consumo, potremmo tranquillamente farne a meno.

                  io non me la sento di rischiare la vita o di decidere per la sorte altrui.

                  Nacnac

                  Il referendum del 1986 non ha abrogato il nucleare.
                  Per tua, e comune, comodità riporto qui il testo di quel referendum, le tre voci, che molti continuano ad ignorare o che è fonte di malintesi da 21 anni:

                  1 Volete che venga abrogata la norma che consente al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) di decidere sulla localizzazione delle centrali nel caso in cui gli enti locali non decidono entro tempi stabiliti?
                  Ma per Torrevaldaliga e Porto Tolle la decisione qualcuno l'ha presa alla svelta (Decreto Bersani del 1999)

                  range">2 Volete che venga abrogato il compenso ai comuni che ospitano centrali nucleari o a carbone?
                  Stesso discorso di cui sopra, le due centrali sono a carbone, ma non era abrogato?

                  3 Volete che venga abrogata la norma che consente all’ENEL (Ente Nazionale Energia Elettrica) di partecipare ad accordi internazionali per la costruzione e la gestione di centrali nucleari all'estero?
                  Anche qui ENEL collabora da anni con quasi tutte le aziende elettriche internazionali e, non solo, importa anche energia elettrica prodotta dal nucleare.

                  Come puoi da solo arguire non c'è assolutamente nessun accenno all'abrogazione o proibizione del nucleare, il motivo e' presto trovato, serviva lasciare una porta aperta nel caso si dovesse, come si sta, tornare sulle decisioni.
                  La bufala o l'imbroglio di 20 anni fa non ha creato altro che un paese inquinato dagli idrocarburi e dai suoi nefasti effetti invece che un'aria pulita come la si respira a casa mia grazie al nucleare.

                  Se ti dicessi che nessun paese europeo ha mai pensato di utilizzare le fonti rinnovabili per produrre non più del 50% dell'energia necessaria, mi credi?
                  Ma è così perche' nessun paese considera salutare rinunciare ad un mezzo sicuro e costante 24 ore al giorno 365 giorni all'anno per dotarsi solo di fonti rinnovabili ma non costanti e nemmeno troppo economiche. A parte l'Italia ovviamente.

                  MetS

                  Edited by MetS-Energie - 28/9/2007, 20:09

                  Commenta


                  • #10
                    direi che la tua analisi non fa una grinza , diciamo che di tempo ne è pure passato , l'opinione pubblica è sicuramente cambiata, ma ci sono nuovi progetti che se portano a buon fine lasciano intendere che potremmo tranquillamente farne a meno. io penso in grande e forse questo è un mio grande difetto quello che per tanti è utopia per me è un sogno realizzabile.

                    Commenta


                    • #11
                      Direi che prima si dovrebbe pensare a smaltire le scorie di 20 anni fa, come ammesso da Pecoraro Scanio stamattina in televisione. Sembra infatti che non si sappia ancora dove mettere queste scorie in sede permanente.
                      No?

                      Commenta


                      • #12
                        Per mezzo del bombardamento ionico è possibile trasmutare le scorie, cioè farle sparire.
                        Non capisco qual'è il problema.

                        Commenta


                        • #13
                          Il problema è che la fai troppo facile Stranger. Documentati un attimino...se per inattivare 1 Kg di uranio 238 (ammesso che sia possibile) spendi piu' di quanto ottieni dalla fissione non conviene piu' farlo.

                          Il bombardamento ionico è energeticamente molto costoso Stranger, vuoi capirlo?

                          Commenta


                          • #14
                            Si!
                            è vero che il bombardamento ionico assorbe tanta energia, ma questa energia è fornita dalle scorie stesse che ricevono il bombardamento.

                            In altre parole: la distruzione delle scorie produce energia che può essere in parte utilizzata per alimentare il bombardamento ionico.

                            Commenta


                            • #15
                              Penso , che se si trovasse un modo sicuro come smaltire le scorie,
                              il discorso si potrebbe riaprire tranquillamente,
                              ma ,
                              se non sappiamo come smaltire scorie prodotte 20anni fa ,
                              figuriamoci i problemi di smaltirne altre

                              Commenta


                              • #16
                                Caro snowstorm
                                CITAZIONE
                                se non sappiamo come smaltire scorie prodotte 20anni fa

                                L’affermazione corretta dovrebbe essere: “Se NOI ITALIANI non sappiamo come smaltire CON ASSOLUTA SICUREZZA le scorie prodotte 20 anni fa”.
                                Attualmente noi italiani non siamo in condizioni di smaltire in ragionevole sicurezza neanche il sacco dell’immondizia di casa. Altri lo fanno, quindi non è impossibile (né per la buccia di banana né per la scoria nucleare), siamo noi che siamo fuori di melone.
                                Con assoluta sicurezza non si fa nulla su questa terra, tanto meno le cose complicate.
                                L’anno scorso la circolazione automobilistica italiana ha provocato 3500 morti (imputabili direttamente e chissà quanti altri decessi differiti)
                                Un anno di automobili provoca più morti nel mondo di tutta la storia nucleare pacifica e bellica.
                                Eppure si giudica la sicurezza dell’automobile “ragionevolmente accettabile”.
                                Pretendere che noi si sappia fare qualcosa di serio e complicato accettando anche una minima parte di rischio è fuori discussione.
                                Sarà per quello che ci stiamo avvicinando al terzo mondo.
                                Ciao
                                Tersite
                                Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata
                                Quando gli dei sono adirati contro un popolo mandano un filosofo a governarlo

                                Commenta


                                • #17
                                  Tersite, mi sento più sicuro con l'auto, perché un eventuale malintenzionato non è in grado di produrre danni oltre le poche unità (per chi ci capita è drammatica anche una piccola cifra di vittime), mentre col nucleare i rischi sono di vari ordini di grandezza superiori, non a caso le centrali nucleari sono corazzate e monitorate ben più delle automobili.

                                  Comunque il problema scorie c'è anche negli USA, non è solo cosa nostra. Si tratta di un problema irrisolto ovunque si utilizzi il nucleare, semplicemente in alcuni Stati si preferisce confinare il problema, o procrastinare i termini per una soluzione definitiva (ma chi può dire quando la soluzione trovata possa definirsi a ragione "definitiva"?)

                                  ••••••••••••

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Caro nll
                                    Premesso che le unità a rischio che mi interessano veramente sono tre, saranno anche poche, ma per me sono quelle fondamentali.
                                    Da un punto di vista statistico invece i rischi del nucleare non sono per nulla superiori a quelli automobilistici; non fosse altro perchè gli impianti moderni nuke hanno delle misure di sicurezza ridondanti.
                                    Per il nuke il rischio c'è, ma non si è ancora tradotto in disastri epocali (Cernobil non era una centrale nucleare ma un'associazione a malavitosa con l'aggravante dei futili motivi).
                                    Con l'automobile c'è la certezza che un sacco di gente ci rimetterà le penne anche il prossimo anno, compresa una probabilità non irrilevante che tocchi pure a me.
                                    Nonostante ciò siamo tutti disponibili a correre questo rischio, anzi parecchi si svenano per comprare auto che aumentano il pericolo.
                                    Fra l'essere vaporizzato da un flusso di raggi gamma o essere spianato da un Tir non saprei cosa scegliere.

                                    Sul problema delle scorie mi sono sempre chiesto:
                                    Visto che i peli sullo stomaco non mancano in certi ambienti, perchè le scorie non sono state tritate finemente e disperse nel Pacifico?
                                    L'aumento della radioattività dell'oceano sarebbe stato al disotto della soglia strumentale.
                                    Se non l'hanno fatto negli anni scorsi quando nessuno faceva caso al problema ci sarà stato un motivo per tenersi in cantina il materiale inutilizzabile.
                                    Mi piace pensare che non l'hanno fatto perchè anche la cosiddetta scoria di oggi può diventare un combustibile per domani. Meglio tenerselo, non si sa mai

                                    Ciao
                                    Tersite
                                    Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata
                                    Quando gli dei sono adirati contro un popolo mandano un filosofo a governarlo

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Quando scrivi di rischi ti riferisci solo alla casualità, mentre io sostengo che il rischio maggiore, quello che può trasformarsi in catastrofe planetaria, può arrivare da una deliberata scelta, in barba a tutte le ridondanze e ai sistemi di sicurezza che considerano eventi sismici e failure di funzionamento.

                                      Il caso che temo e che ancora fortunatamente non ha contribuito a incrementare la percentuale di vittime che tu hai citato, non è affatto scongiurato dalle misure di sicurezza in atto nelle moderne centrali nucleari.

                                      Le scorie... Ma tu hai presente i danni prodotti da una "semplice" chiazza di petrolio? Come pensi di distribuire uniformemente nei mari e in modo innocuo per l'ambiente le scorie radioattive triturate?

                                      Certo, le scorie potranno essere riutilizzate per altri scopi in futuro! Mai sentito parlare di bombe sporche? Ti piace come soluzione per il riutilizzo delle scorie? Lo si sta già facendo. A me continuano a preoccupare anche così.

                                      ••••••••••••

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Caro nll
                                        Il contenuto di una superpetroliera è parecchio superiore alle scorie veramente pericolose in giro per il mondo.
                                        Il naufragio diventa mediatico se avviene in prossimità delle coste (con il solito vecchio cormorano impiastrato di petrolio di trenta anni fa).
                                        Chissà quante carrette si sono sfasciate in pieno oceano senza avere la dignità di una riga di agenzia.
                                        Che dire poi del lavaggio delle cisterne che viene fatto in aree "defilate".
                                        Se nessuna carriola piena di scorie non è ancora finita nella fossa delle Marianne è perchè non lo si è trovato conveniente (o nessuno se n'è accorto)

                                        Non pensavo, naturalmente, all'impiego bellico delle scorie.
                                        Visto che ormai la bombetta ce l'hanno quasi tutti mi pare marginale preoccuparsi.

                                        ciao Tersite
                                        Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata
                                        Quando gli dei sono adirati contro un popolo mandano un filosofo a governarlo

                                        Commenta


                                        • #21
                                          CITAZIONE (tersite3 @ 1/10/2007, 18:46)
                                          Il contenuto di una superpetroliera è parecchio superiore alle scorie veramente pericolose in giro per il mondo.
                                          ciao Tersite

                                          Vero tersite, una centrale nucleare produce in 100 anni quante scorie possono entrare in un appartamento di 100 mq che, in parole povere diventa mediamente 300m3.
                                          Come già scritto infinite volte il problema delle scorie è inesistente, chissà perchè esiste solo per chi non vuole in nucleare.
                                          I combustibili fossili (vedi petrolio e derivati) sono molto più pericolosi!

                                          MetS <img src=">

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Lo smaltimento delle scorie tramite bombardamento ionico è boicottato, probabilmente boicottato dai grandi colossi petroliferi.

                                            L'uranio è un pò raro ma il torio è molto diffuso, infatti molti materiali per l'edilizia sono radioattivi proprio perchè contengono piccole percentuali di torio.
                                            Si preferisce infatti, disperdere segretamente questa grande risorsa lasciandolo li dovè nei materiali da costruzione, poi la gente si ammala di tumore.
                                            Se invece il torio, fosse recuperato e bombardato con ioni di idrogeno, questo diventa produttivo come il raro uranio.
                                            Il bombardamento ionico più essere fatto con un piccolo acceleratore di particelle o forse più semplicemente basterebbe una banale cella elettrolitica.

                                            Ma se io applicassi questa tecnologia del "torio-ioni di H" all'interno di una autovettura ecco che il petrolio non serve più, quindi lo smaltimento viene boicottato e le scorie rimangono là dove sono e poi piace dire che non si sa dove metterle.
                                            e si continua a lasciare tracce di torio ovunque inutilizzato, e la gente si ammalla, e il petrolio contiua a salire, e il diversivo della fusione fredda che non si sa se va o non va.
                                            e si va avanti cosi all'infinito, cioè no!, fino a quando il petrolio si sarà esaurito e il mondo avvelenato inrimedialbilmente.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              ....mentre invece se mettessi un reattore nucleare nella mia auto, serei tranquillo come una pasqua.
                                              CITAZIONE
                                              se io applicassi questa tecnologia del "torio-ioni di H" all'interno di una autovettura ecco che il petrolio non serve più

                                              Commenta


                                              • #24
                                                La cosa sarebbe per lo meno sotto controllo, invece negli altri casi non ci sarebbe nessun controllo.

                                                Il flusso ionico può essere spento e acceso a piacere, senza il flusso tutto si ferma (sistema subcritico).

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  CITAZIONE (nacnac @ 28/9/2007, 17:03)
                                                  ....
                                                  ripeto se si facesse una seria politica di ricerca sulle rinnovabili e di risparmio sul consumo, potremmo tranquillamente farne a meno.
                                                  ...

                                                  Abbiamo discusso un pò ovvunque, siamo ormai quasi tutti convinti che il rinnovabili non potrà avere un peso elevato nella fornitura energetico, visto che sei convinto diversamente, vuole gentilmente dici come grazie a rinnobabilil potremmo tranquillamente farne a meno dell'nucleare ? non qui perchè OT.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    CITAZIONE (pinetree @ 2/10/2007, 09:59)
                                                    Abbiamo discusso un pò ovvunque, siamo ormai quasi tutti convinti che il rinnovabili non potrà avere un peso elevato nella fornitura energetico, visto che sei convinto diversamente, vuole gentilmente dici come grazie a rinnobabilil potremmo tranquillamente farne a meno dell'nucleare ? non qui perchè OT.

                                                    Rinnobabili?

                                                    Si, qui si, perchè questa è la sezione "nucleare: a fissione"

                                                    MetS

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      CITAZIONE (pinetree @ 2/10/2007, 09:59)
                                                      CITAZIONE (nacnac @ 28/9/2007, 17:03)
                                                      ....
                                                      ripeto se si facesse una seria politica di ricerca sulle rinnovabili e di risparmio sul consumo, potremmo tranquillamente farne a meno.
                                                      ...

                                                      Abbiamo discusso un pò ovvunque, siamo ormai quasi tutti convinti che il rinnovabili non potrà avere un peso elevato nella fornitura energetico, visto che sei convinto diversamente, vuole gentilmente dici come grazie a rinnobabilil potremmo tranquillamente farne a meno dell'nucleare ? non qui perchè OT.

                                                      gentile pinetree,
                                                      sarebbe così cortese da rispondere a questo messaggio allegando il link per la sezione adatta?
                                                      francamente non riesco a trovane una, le discussioni si sono articolate a tal punto che trovo difficile indirizzare la mia risposta in un contenuto idoneo.

                                                      perdonate il disturbo.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        CITAZIONE (pinetree @ 2/10/2007, 09:59)
                                                        Abbiamo discusso un pò ovvunque, siamo ormai quasi tutti convinti che il rinnovabili non potrà avere un peso elevato nella fornitura energetico...

                                                        Se per "quasi tutti" ti riferisci a te stesso e pochi altri, allora posso capire, ma visto che l'accezione "quasi tutti" è intesa con altro significato, allora devo smentirti.

                                                        Sarebbe stato più corretto scrivere che nessuna fonte energetica rinnovabile è in grado DA SOLA di soddisfare il bisogno energetico della nostra nazione, ma chi lo dice che si debba puntare a una sola fonte energetica? L'Italia, fortunatamente, può contare su sole, vento, acqua e terra in grado di dare ciascuno il proprio contributo di energia rinnovabile ed ecocompatibile.

                                                        [MODERAZIONE: queste considerazioni sono certamente OT in questa discussione, se gli utenti che hanno scritto di questo argomento sono d'accordo sposterei tutti i post OT nella sezione dei massimi sistemi delle rinnovabili. Fatemi sapere.]

                                                        ••••••••••••

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Caro nll
                                                          CITAZIONE
                                                          Se per "quasi tutti" ti riferisci a te stesso e pochi altri, allora posso capire,

                                                          I "pochi altri" sono una valutazione del tutto personale.
                                                          A me pare che anche qui in parecchi siano, a malincuore, convinti che le alternative non siano sufficienti a coprire il fabbisogno energetico italiano.
                                                          Sicuramente non allo stato attuale dell'arte.

                                                          Sono molto curioso di sapere quali siano gli argomenti che si possono trattare in questa sezione senza incorrere nell'OT.
                                                          Non sarebbe più corretto eliminare del tutto la sezione?
                                                          O almeno avvertire i forumisti che sono considerati IT solo i post antinuclearisti?

                                                          Ciao
                                                          Tersite
                                                          Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata
                                                          Quando gli dei sono adirati contro un popolo mandano un filosofo a governarlo

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            CITAZIONE (pinetree @ 2/10/2007, 09:59)
                                                            Abbiamo discusso un pò ovvunque, siamo ormai quasi tutti convinti che il rinnovabili non potrà avere un peso elevato nella fornitura energetico...

                                                            E' quel "quasi" che ci frega. <img src=">
                                                            “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                            O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR