Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Canna fumaria doppia parete coibentata a vista

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Canna fumaria doppia parete coibentata a vista

    saluti a tutti. mi stanno installando una caldaia windhager: è posizionata nella cantina seminterrata, da li dovrebbe partire la canna fumaria che deve salire attraverso 4 piani (12 metri circa) passando in un angolo del vano scala. L'abitazione è una casa monofamiliare disposta appunto su 3 piani più mansarda. la domanda : è possibile realizzare il camino con un sistema a doppia parete in acciaio coibentato che però resti "a vista" cioè non inserita in cavedio nè asola tecnica? i due termotecnici e i due installatori interpellati mi hanno fornito risposte e interpretazioni diverse e confuse. grazie del supporto.

  • #2
    ... non è chiaro cosa chiedi:

    si il camino doppia parete puo' essere a vista anche all' esterno, volendo puoi scegliere l' esterno della canna in rame, se hai problemi di paesaggistica.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da IPman Visualizza il messaggio
      saluti a tutti. mi stanno installando una caldaia windhager: è posizionata nella cantina seminterrata, da li dovrebbe partire la canna fumaria che deve salire attraverso 4 piani (12 metri circa) passando in un angolo del vano scala. L'abitazione è una casa monofamiliare disposta appunto su 3 piani più mansarda. la domanda : è possibile realizzare il camino con un sistema a doppia parete in acciaio coibentato che però resti "a vista" cioè non inserita in cavedio nè asola tecnica?
      ecco un lavoro simile al tuo, con caldaia WINDHAGER e canna fumaria esterna, doppia parete in rame, su 3 piani.
      se invece intendi passarlo all'interno della casa, sempre doppia parte deve essere.
      File allegati
      alias Dott Nord Est

      la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
      qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

      Commenta


      • #4
        grazie... chiarisco (se riesco): la scala è interna all'abitazione e collega i diversi piani dell'abitazione (studio-notte-giorno-mansarda); la canna fumaria passerebbe in un angolo del vano scala e quindi sarebbe interna all'abitazione; per questioni varie (ingombri, dimensioni, peso etc.) sarebbe ottimo se si facesse con sistema camino a doppia parete coibentato in inox (sarebbe una canna da 130mm interna e 190 esterna) ma dovrebbe rimanere a vista e non chiusa in cavedio o asola o controcanna.

        ora i pareri che ho avuto (tranne uno) dicono che un camino doppia parete coibentato non può rimanere a vista all'interno della casa ma deve essere "sigillato" in un cavedio di muratura o di materiale tipo vibrocemento o di refrattario o di fibrogesso ingnifugo o qualcosa del genere.

        la caldaia è a pellet.

        grazie.

        Commenta


        • #5
          si può fare, importante che sia certificata, coibentata e nei passaggi (tetto, travi, legno, ecc ecc) mantenute le distanze a norma e le relative cornici di protezione certificate.

          Canne Fumarie al servizio di generatori a legna o altri biocombustibili solidi

          Le canne fumarie al servizio di generatori di calore a legna o da altri biocombustibili solidi con potenza termochimica al focolare < 35 kW, devono rispettare la norma UNI 10683/2012.
          Nello specifico definisce i requisiti di verifica, installazione, controllo e manutenzione di impianti destinati al riscaldamento ambiente e/o alla produzione di acqua calda sanitaria e/o alla cottura di cibi, con apparecchi sia a tiraggio naturale lato fumi che a tiraggio forzato. La norma si applica sia su gli impianti con apparecchi alimentati manualmente sia a quelli con apparecchi a caricamento automatico, installati in locali e relative pertinenze.
          Nella scelta dei materiali da utilizzare, devono essere impiegati esclusivamente quelli certificati CE, secondo quanto previsto dal DPR 246/03.
          La marcatura CE definisce le prestazioni (in termini di resistenza alla temperatura, tenuta alla pressione, distanza da materiale combustibile, ecc) che il prodotto è in grado di garantire in sicurezza, tali prestazioni sono definite attraverso la “designazione di prodotto”, una sorta di codice identificativo delle caratteristiche tecniche garantite dal prodotto.
          File allegati
          alias Dott Nord Est

          la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
          qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

          Commenta


          • #6
            per quello che avevo capito io (anche in riferimento appunto alla 10683) ero completamente in accordo a quanto esposto da GiuseppeRG; il prodotto individuato avrebbe questa designazione secondo la norma EN 1856-1:2009T200P1WV2L50050O50 T600N1DV2L50050G80; e me sembrava che tutto fosse ok; però i termotecnici hanno iniziato a bloccare tutto richiedendo la realizzazione di un vano tecnico (la giustificazione è che bisogna contrastare l'otturazione del condotto e conseguente fuoriuscita dei combusti); gli installatori dicono che senza un progetto e una specifica del termotecnico non installano nulla di tutto questo all'interno a vista; morale: sono fermo con i lavori di ristrutturazione (non riesco nemmeno ad accendere per fare asciugare i massetti dell'impianto a pavimento);
            conoscevo questo sito e ho pensato quanto meno di avere un conforto oltre che un supporto (come mi sembra stia avvenendo, e vi ringrazio molto....)

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da IPman Visualizza il messaggio
              la giustificazione è che bisogna contrastare l'otturazione del condotto e conseguente fuoriuscita dei combusti
              una canna fumaria certificata, installata a norma con le relative guarnizini (sempre a norma), è in regola....
              poi sai che se il termotecnico pone un "veto", io alzo le mani...... (è lui che firma)
              alias Dott Nord Est

              la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
              qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

              Commenta


              • #8
                è vero che firma lui, anche se devo ancora capire cosa. perchè una canna per piccole potenze forse non richiede neanche progetto, valgono le specifiche del produttore e relative certificazioni del costruttore; ma l'installatore non conosce le normative, e siccome rilascia la dichiarazione di conformità, vuole che qualcun'altro gli dica cosa fare;

                la mia esperienza è stata che:
                il primo termotecnico ammette solo un metodo di costruzione (con blocchi di refrattario con inserita la canna in acciaio) e non ammette nemmeno una soluzione con tripla camicia in inox (!!!) che viene garantita dal costruttore come "cavedio tecnico";
                il secondo termotecnico non sa di cosa parla, perchè mi proponeva addirittura di dimensionare la canna "in pressione" così da ridurre le dimensioni (cosa che è proibita dalle norme inclusa la 10683);
                l'idraulico che fornisce la caldaia dice che si è informato da altro termotecnico e che bisogna sigillare il tutto in un cavedio altrimenti lui non da la di.co dell'impianto di riscaldamento;
                il fumista dice che si può fare e, sentito un suo consulente che pare sia di riconosciuta competenza (non ne conosco il nome), conferma che si può fare;
                ho coinvolto un terzo termotecnico di altra regione che in prima battuta si è detto meravigliato della confusione dei colleghi e dice che gli sembra una soluzione assolutamente conforme e fattibile;
                io sono fermo da agosto con la realizzazione dell'impianto e ora sono fermo anche con i lavori edili;
                se come dici tu ci dobbiamo arrendere di fronte ad un parere arbitrario di un tecnico (che non conosce le norme, i prodotti e rifiuta qualsiasi punto di vista), la faccenda è complicata, perchè l'idraulico potrà sempre riutarsi di accettare la consulenza/progetto di un tecnico proveniente da altra regione....

                veramente non so come procedere...

                Commenta


                • #9
                  Sotto i 35 kW non è obbligatorio il termotecnico
                  È l'installatore che certifica.
                  alias Dott Nord Est

                  la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                  qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                  Commenta


                  • #10
                    il fatto è che, da quanto ho capito, è stato presentato un progetto dell'impianto in fase di scia edilizia, ora il progetto definitivo per come realizzato deve essere presentato per la chiusura lavori ed abitabilità;

                    gli installatori non installano se non hanno un progetto del termotecnico; il termotecnico dice che il camino a vista non è regolare... quindi nessuno fa niente ed io pago e aspetto ...;

                    allora pensavo di affidare il tutto ad nuovo termotecnico (che sa di cosa si parla) che redigesse/aggiornasse il progetto in modo che l'installatore proceda.

                    il problema è sempre e solo uno : è conforme alle norme installare un doppia parete coibentato all'interno di unna abitazione lasciandolo a vista senza cavedio?

                    penso che l'unica soluzione sia portarli tutti a discutere davanti ad un giudice....

                    Commenta


                    • #11
                      e prima di portarli dal giudice, non è meglio "ragionare" norme alla mano ?
                      di dove sei ?
                      alias Dott Nord Est

                      la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                      qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                      Commenta


                      • #12
                        ...guarda: i termotecnici che hanno seguito fino ad ora il progetto sono fra i più quotati nell'area ed escludono la possibilità di installazione di cui stiamo discutendo: non c'è alcuna possibilità di ragionare; ripeto: l'unica via di uscita che vedo è trovare un termotecnico di altra regione che capisca la questione; l'immobile in ristrutturazione sta nel basso trentino.

                        Commenta


                        • #13
                          prova a chiedere se secondo loro questa canna è a norma o meno
                          File allegati
                          alias Dott Nord Est

                          la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si ?
                          qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

                          Commenta


                          • #14
                            a bene, ci provo, anche se per loro l'unica soluzione è questa

                            Commenta


                            • #15
                              a bene, ci provo, anche se per loro l'unica soluzione è questa


                              blocco_canna.jpg

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR