annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Riscaldamento casa con pdc

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • fringui
    ha risposto
    Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
    Ma no... non è che non esiste più. Esiste, ma non è più uno scambio alla pari tra il costo dell'energia che prelevi e di quella che immetti: quindi tu prelevi energia quando ti serve pagandola il prezzo che ti fa il tuo gestore
    Esatto.. e il grossissimo difetto di questo nuovo "scambio in quel posto".. è che arrivi alle fasce di consumo alte.. cosa che invece prima non toccavi... perchè il tuo consumo veniva compensato dalla tua immissione.

    Chi ha fatto impianti sovradimensionati per compensare il consumo invernale delle PDC in estate... azzerando praticamente la bolletta (producendo in 1 anno quello che consumavano in 1 anno)... il loro piano di rientro è stato decisamente sconquassato.

    Lascia un commento:


  • sergio&teresa
    ha risposto
    Ma no... non è che non esiste più. Esiste, ma non è più uno scambio alla pari tra il costo dell'energia che prelevi e di quella che immetti: quindi tu prelevi energia quando ti serve pagandola il prezzo che ti fa il tuo gestore, mentre invece quando la immetti te la vedi ripagata ad un prezzo "di mercato" di molto inferiore. Fino al limite massimo di quella che hai consumato. E questo è lo scambio sul posto (poi ci si può far liquidare le eccedenze ecc... ma facciamola semplice).

    L'incentivo c'è anche lui (aggiuntivo alla quota di scambio sul posto), e viene pagato per qualunque kWh prodotto (sia che venga autoconsumato, sia che venga immesso in rete).

    Vai sul forum Fotovoltaico e vedrai che ci sono tutte le spiegazioni del caso...

    Lascia un commento:


  • accise
    ha risposto
    La pdc sarebbe da usare per la sola produzione di aria calda/fredda. Per l'acs e la cucina resterebbe comunque la caldaia.
    Per ciò che riguarda i miei consumi ti posso dire che con un anno di pdc non supero la prima soglia dell'enel (1800kWh/anno) quindi tutti i watt che consumo mi costano lo stesso.

    Ah lo scambio sul posto non esiste più? E quindi dove è l'incentivo? Per favore segnalatemi un link o un sito dal quale poter attingere notizie. Evitate come primo link quello del gse e simili perchè credo di non capire un tubo in quei termini.
    Grazie.

    Per tornare al discorso pdc: allora la convenienza è solo monetaria e assolutamente ambientale?

    Lascia un commento:


  • fringui
    ha risposto
    Originariamente inviato da accise Visualizza il messaggio
    Senza contare che se installassi 1 kWp produrrei circa 1000kWh/anno ma l'energia che assorbe la pdc in un anno sia risc che raffr è molto minore.
    forse questo concetto non è ancora ben chiaro al mondo... ma...

    LO SCAMBIO SUL POSTO NON ESISTE PIU' DAL 01.01.2009

    Quindi... i tuoi 1000kWh/anno li puoi usare solo di giorno e quando c'è il sole, notte, pioggia, nuvole e neve... condizioni in cui devi scaldare, non sono molto favorevoli alla combinazione PDC/FV.

    Inoltre.. concetto base detto da dotting, con la pdc non ci fai acqua a quella temperatura per i termosifoni, ma come dice sergio.r non si capisce se vuoi usarli ad aria o ad acqua.

    Lascia un commento:


  • sergio.r
    ha risposto
    Ma, non si è capito se vuoi usare la pompa di calore per scaldare l'acqua nei termosifoni esistenti o se per scaldare direttamente l'aria (impianto a split).
    Inoltre non si è capito come fai l'aqua calda.
    Devi cmq. tenere a mente che se consumi poca energia elettrica ed hai il tipico allaccio da 3 kW, allora avrai una tariffa molto bassa, che si alza (costo per kWh) al'aumentare dei consumi... Se metti la pdc per il condizionamento/deumidificazione, poi potresti usarla per scaldare nelle mezze stagioni quando ha una resa maggiore...

    Lascia un commento:


  • accise
    ha risposto
    Una pdc con due split consuma meno di 1 kWh (quando è a temperatura 0,4kW) e di solito non funziona 24/24h quindi l'energia prodotta non sarebbe tutta "spesa" per la pdc stessa. Qui da me è molto umido e già usando l'opzione deumidificazione la situazione migliora molto usando ancor meno energia.
    Senza contare che se installassi 1 kWp produrrei circa 1000kWh/anno ma l'energia che assorbe la pdc in un anno sia risc che raffr è molto minore.

    Certo sarebbe più ecosostenibile migliorare l'involucro ma con 2000eu (costo della pdc + installazione) si va poco lontano. Ribadisco poi che vivo in un condominio di vecchi che non vogliono farmi mettere il pannello fv.. figuriamoci se mi propongo per far cappottare l'edificio. In più questo maledetto palazzo è paesaggisticamente vincolato nonostante sia un prodotto dell'edilizia selvaggia degli anni '70.

    Lascia un commento:


  • fringui
    ha risposto
    Originariamente inviato da accise Visualizza il messaggio
    Ecosostenibile nel senso che esiste la possibilità di installare un panello fotovoltaico e quindi produrre energia elettrica mentre attualmente è impossibile produrre metano a livello casalingo.

    Solitamente quando c'è abbastanza sole per produrre la corrente che serve alla PDC la pdc inizi ad usarla per raffrescare.

    E' molto più ecosostenibile spendere quella cifra nell'involucro, diminuendone il consumo in valore assoluto e non relativo.

    Lascia un commento:


  • dotting
    ha risposto
    Originariamente inviato da accise Visualizza il messaggio
    2. Elementi radianti normali senza caldaia a condensazione. quindi circa 65 gradi (la casa disperde molto)
    Discorso chiuso, lascia la caldaia che c'è.

    Lascia un commento:


  • accise
    ha risposto
    1. In che termini? per il bilocale dell'esempio facciamo circa 1100kWh/anno prima dell'installazione della pdc e circa 800mc di gas.

    2. Elementi radianti normali senza caldaia a condensazione. quindi circa 65 gradi (la casa disperde molto)

    3.??

    4. toscana (pianura, entroterra)


    Ecosostenibile nel senso che esiste la possibilità di installare un panello fotovoltaico e quindi produrre energia elettrica mentre attualmente è impossibile produrre metano a livello casalingo.

    Lascia un commento:


  • fringui
    ha risposto
    Non esiste una ricetta.
    Per la pdc bisogna sapere bene alcuni parametri...
    1. Quanto consuma la casa
    2. tipo di riscaldamento (alta o bassa temperatura)
    3. possibilità di preriscaldo
    4. zona

    Il fatto che una pdc sia ecosostenibile.. è un grosso azzardo.. ok, consuma corrente che è "pulita", ma com'è fatta questa corrente?
    Con una centrale a carbone? nucleare? idroelettrica?
    Per darmi 1kWh di corrente se ne devono produrre quasi 3 e la differenza si perde nel trasporto... è ancora ecosostenibile?
    Non è tutto oro quello che luccica... prima di fare certe affermazioni è bene informarsi e fare bene i calcoli.

    Lascia un commento:


  • accise
    ha iniziato la discussione Riscaldamento casa con pdc

    Riscaldamento casa con pdc

    Salve,
    dovrei convincere un mio amico che riscaldare una casa con una pdc è più conveniente ed ecosostenibile rispetto al riscaldamento tradizionale.
    Solo che non sono un addetto ai lavori quindi vorrei qualche spiegazione tecnica in più per essere più covincente.
    Le uniche cose che so di per certo è che l'anno scorso spesi poco più di 500eu per il gas (risc.+acs) per circa 800mc (casa male isolata) mentre quest'anno ho speso circa 100eu per 70mc. E di elettricità rispetto all'anno scorso non ho certo speso 400eu in più!
    Il conto di quanti kWh ho speso per il risc lo faccio male poichè quest'anno ho usato la pdc anche per l'aria fredda e la deumidificazione.
    Ovviamente il consumo di kwh è salito molto da circa 1000kWh/anno a circa 1500kWh/anno però se non abitassi in un condominio di vecchi dementi avrei messo un pannellino fotovoltaico per bilanciare i consumi.
    In più l'aria calda viene quasi subito con la pdc mentre per provare la "sensazione di calore" con i termosifoni campa cavallo...
    A parte queste osservazioni "empiriche" vorrei dagli utenti più esperti qualche altra dritta di qualunque natura.
    grazie.
Attendi un attimo...
X
TOP100-SOLAR