annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Consiglio risparmio energetico Termosifoni in ghisa

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Consiglio risparmio energetico Termosifoni in ghisa

    Salve,

    vi scrivo tutti i dati sulla mia situazione. Nel caso ne fossero necessari altri non avete che chiedere. Ciò che voglio fare naturalmente è ottenere la massima efficienza tra consumo/vivibilità della casa.

    La casa è vecchio stile, costruita negli anni 50. E purtroppo molti degli elementi originali del tempo sono ancora presenti: infissi, porte e finestre sono probabilmente del tempo e quindi, come potrete immaginare non sembrano avere un alto grado di isolamento termico. I vetri in particolare sono singoli e sottili.

    Abbiamo proceduto, tramite apposite guaine per porte e finestre, a chiudere gli spifferi che erano presenti.

    E' una casa isolata con giardino, e presenta solo su un lato e solo al piano inferiore l'adiacenza ad un altra costruzione: un garage non nostro. Sotto è presente un semi-interrato, che noi non intendiamo ne abitare ne riscaldare, dove però sono presenti finestre che i vecchi inquilini tenevano aperte, una delle quali con tubo passante, quindi non chiudibile.

    Superficie di 130 metri quadri, su due piani (più seminterrato) e con i soffitti molto alti del tempo.


    E andiamo all'impianto di riscaldamento: impianto a caloriferi in ghisa del tempo, con 10 caloriferi, 1 dei quali nel bagno sopra usiamo tenerlo chiuso. La caldaia è una Unical Dua B, e sinceramente non ho ben capito di che tipo/cosa sia. Vi posto quindi delle foto.

    Ulteriore informazione: abbiamo riscontrato, tramite test osservando il contatore che il consumo orario della caldaia, quando è in funzione per scaldare l'impianto/termosifoni è di 1,65 m cubi di gas ogni ora.


    Spero quindi che possiate consigliarmi buone strategie di comportamento, Pietro
    File allegati

  • #2
    La caldaia va in continuo o in on-off frequente controllata da termostati? Che T di mandata tieni? Se si tratta di metano, tieni conto che la mia mediamente consuma meno della metà (circa 0.8 mc/h). Il tuo maggior consumo può dipendere da un maggior fabbisogno, oppure da un peggior rendimento della caldaia, o da entrambi...
    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

    Commenta


    • #3
      si, scusa ho dimenticato alcune informazioni

      la caldaia è controllata da un termostato centrale, sulla cui affidabilità in termini di precisione o di esatta temperatura non posso garantire.




      Per quell'ultima informazione volevo dire che se la caldaia passa un ora accesa per via dei termosifoni (teoricamente, se si azionasse di continuo per un ora scaldando) ho riscontrato tramite calcoli che sciupa 1,65 m cubi di metano ogni ora. Ma naturalmente se è in temperatura non va di continuo. Quindi quella non è la media dei miei consumi, solo un informazione che a mio parere poteva dare indizi sulla bontà/efficienza della caldaia.. Ma può anche essere omesso

      Commenta


      • #4
        Il dato infatti è interessante proprio ai fini di cui parli. Per quanto riguarda la T di mandata?
        PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

        Commenta


        • #5
          purtroppo non ho la sua misura precisa: si regola tramite una delle due manopole che vedi nella foto.. a proposito la foto è stata scattata oggi pomeriggio, e quindi è rimasta impostata in quel modo in questi giorni

          Commenta


          • #6
            Sul riscaldamento è regolata al massimo, quando parte il bruciatore la temperatura raggiunta dalla caldaia (che più o meno puoi considerare pari alla T mandata) la puoi leggere sul termometro a lancetta di destra. Immagino ti vada sugli 80 gradi o giù di lì. Mai provato ad abbassare la manopola? Ti suggerisco questo link: Come regolare il riscaldamento della propria abitazione.
            PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

            Commenta


            • #7
              Dalla foto si vedono 20° di mandata , quindi era spenta ... dicci a quanto e' quando e' in funzione.
              Secondo : se vuoi , comincia a fare una regolazione climatica 'manuale' in periodi che non e' troppo freddo tieni il termostato caldaia piu' basso , in modo da avere la mandata a 45°, quanto fa' un po' piu' freddo (fuori) alza un po' fino a 50-55° per arrivare a 60-65° quando sei attorno agli 0° esterni.... e controlla se riesci a tenere la T interna a quello che vuoi......
              AUTO BANNATO

              Commenta


              • #8
                ok, questo può già considerarsi fatto. Regolerò quindi in questo periodo (5 gradi esterni) una temperatura di 50° (andrò a verifica, in condizioni di accensione, per individuare la giusta posizione della manopola), 60° gradi per gli 0°, e 65° quando arriveremo a -3/-5°.

                Ma ciò che non ho capito.. mi conviene accendere e staccare, o mantenere acceso sempre?

                Cioè, questo non l'ho ancora scritto, essendo in affitto e non per molto non possiamo ne fare, ne chiedere lavori onerosi di ristrutturazione della casa.

                Ho letto il link postato, ma appunto non sono riuscito a giungere ad una decisione

                Commenta


                • #9
                  Non c'è una risposta univoca, dipende da come si comporta la casa. In generale abbassando la manopola abbasserai la mandata e la potenza istantanea fornita dalla caldaia. Questo dovrebbe diminuire in generale le dispersioni e quindi aumentare l'efficienza (bruci meno gas per niente): quel consumo di 1.65 mc/h perciò si abbasserà. Di contro i termostati interverranno meno, e quindi la caldaia funzionerà per più ore. Alla fine conta il prodotto tra consumo orario e ore di funzionamento, va trovato il giusto compromesso. In generale il comfort in casa dovrebbe aumentare con la caldaia regolata più bassa e con i termostati che intervengono meno.
                  PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                  Commenta


                  • #10
                    cosa mi consigli e che test fare per individuare una combinazione soddisfaciente?

                    Commenta


                    • #11
                      Inizia con l'abbassare la manopola riscaldamento come hai detto e vedi se hai freddo in casa e se/quante volte va in on-off la caldaia. Poi man mano che arriva il freddo vedi se è il caso di aggiustare verso l'alto. Devi sperimentare un po'...
                      PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                      Commenta


                      • #12
                        no intendo in particolare con le ore di accensione..

                        Commenta


                        • #13
                          Come ti ha scritto S&T , un'abitazione e' troppo complessa per avere una soluzione STD , intanto abbassa anche il termostato ambiente , passare da 20 a 19° gia' risparmi sicuramente il 10% , se si ha freddo basta una maglia di pile ..... il resto si va' a tentativi
                          AUTO BANNATO

                          Commenta


                          • #14
                            Esatto... con una cosa per volta. Per ora non toccare le impostazioni che hai sui termostati in termini di ore, sposta solo la manopola e inizia a vedere come va.

                            By the way, sui termostati le ore come le hai impostate?
                            PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                            Commenta


                            • #15
                              ho un termostato vecchio che funziona solo a temperatura.. quindi le regolazioni le faccio in manuale

                              vi posto un po' di dati di oggi:

                              totale accensione: 5h continuative

                              prime tre ore: 4 m cubi (e ho notato che era arrivato a temperatura)

                              altre 2 ore: 3 m cubi (tenendo quindi una temperatura già precedentemente raggiunta)

                              temp acqua mandata: 50°


                              temperatura avvertita: non poco soddisfacente, abbiamo quindi pensato di poter scendere di mezzo grado la temp del termostato unico centrale nella giornata di domani



                              che ne pensate?


                              ps: tenete conto che si è cucinato nelle due ore di mantenimento di temperatura, ma niente di particolarmente dispendioso, giusto una pasta

                              Commenta


                              • #16
                                Jack, 1,65 mc/h li consumava la mia vecchia caldaia del 1992!

                                Comunque difficile fare i conti così... non dici neanche dove sei, che temperatura c'era fuori...di che anno è la caldaia...
                                Magari se lo hai puoi postare la pagina del manuale dei dati tecnici, dove ci sono rendimenti e altro

                                I consumi dipendono dalla caldaia (la sua efficienza li influenza), ma anche dal numero di caloriferi, dalla temp esterna, dal fatto che la casa sia già calda o no...e infatti la tua ultima misura è apparentemente senza senso: sembra che nelle prime ore hai consumato 0,8 mc/h, nelle successive (quindi con impianto a regime) ben 1,5! Aumentato invece che diminuito!

                                O hai sbagliato le misure oppure...hai una caldaia che consuma più da spenta che da accesa...

                                Commenta


                                • #17
                                  allora probabilmente la caldaia è di quegli anni infatti.. ok città padova, temperatura esterna di oggi 10 gradi.

                                  Domani posterò la foto del manuale tecnico..

                                  Si, in effetti quei dati hanno sorpreso molto anche me... o ho sbagliato, o è il gas consumato cucinando, ma non so più di quanto può influire....

                                  chiedimi pure se posso fare qualche misurazione ulteriore/informazione che ti può aiutare ad inquadrare seppur approssimativamente la situazione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    posso solo quotare quanto già detto da altri, l'unica è fare varie prove annotando la temperatura esterna e provando diverse modalità di utilizzo (usando ogni modalità per almeno un giorno direi)

                                    Non sono invece molto d'accordo sul fatto che si risparmia (su una caldaia vecchia) abbassando la T di mandata, le caldaie vecchie hanno modulazione scarsa e rendimento a potenza ridotta peggiore che a massima potenza.

                                    Comunque per prove serie ci vuole almeno un termostato digitale moderno... per esempio sicuramente puoi abbassare la T ambiente nelle ore che sei fuori, o di notte; qualcosina può fare anche la regolazione dell'isteresi (cioè il deltaT di accensione/spegnimento), ma ci devi giocare empiricamente

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ok, grazie mille,

                                      proverò quindi facendo varie prove e per la T di mandata studierò il manuale della caldaia per vedere se vi sono schemi di rendimento

                                      ancora grazie per l'aiuto, saluti

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Comunque 1.65 mc/h è compatibile con una potenza di una 20na di kW a rendimenti intorno all'80%... in linea con la configurazione di una caldaia convenzionale da 24 kW regolata con manopole al massimo della potenza... Non mi sembra affatto un indice di consumi fuori dalla norma per come era regolata quella caldaia.
                                        PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                                          le caldaie vecchie hanno modulazione scarsa e rendimento a potenza ridotta peggiore che a massima potenza.
                                          Daccordo se misuro alla caldaia il rendimento , ma se mando acqua a giro a 60° invece che a 80° penso che risparmio di sicuro , ho meno perdite , sia a livello di caldaia che di tubazioni .....
                                          AUTO BANNATO

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Dipende, in effetti forse ho scritto male intendevo dire che non sono d'accordo che si risparmi SEMPRE.
                                            Va provato... comunque, per capirci, se la caldaia e all'interno e tutte le tubazioni sono all'interno (come è probabile in una casa singola) tutte le dispersioni da te citate vanno a scaldare la casa, mentre il rendimento della caldaia, che è calore perso nei fumi, se ne va dal camino...

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Non penso che tutte le dispersioni lungo i tubi vadano effettivamente a scaldare la casa. In parte si perdono: ad esempio i tubi che scorrono sotto il pavimento disperdono verso il basso, in assenza di isolamento (e se uno non fa un pavimento radiante non isola granché); anche quelli lungo le pareti perimetrali se la casa non è ben isolata in parte disperdono all'esterno. D'altra parte se fosse ben isolata non ci sarebbe bisogno di mandare 80 gradi ai termo...
                                              PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Appunto! Dovrebbe provare a mandare 16-18 ore con la mandata a 45° , cioe' tenere sempre i radiatori caldo/tiepidi e vedere il consumo gornaliero e il comfort casalingo , intervallando le prove..... in questo periodo ho messo un termometrino LCD in casa connesso con la mandata caldaia , e regolazione climatica 'manuale' e sto' mndando i miei radiatori in ghisa di 43 anni fa' tra i 44-48° ... per fortuna ho una casa in condominio , grossi muri di pietra.....nessuna coibentazione infissi che perdono..... ma poco energivora lo stesso
                                                AUTO BANNATO

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  infatti io avevo chiesto di postare i dati della caldaia, comunque è dura ottenere risparmi consistenti abbassando la T di mandata in caldaie vecchie che continuano ad andare in on/off. Riguardo le dispersioni... in casa mia i tubi corrono nel pavimento, di solito nelle pareti esterne corrono lunghezze apprezzabili solo nei vecchi condomini centralizzati. In casa mia misuro col termometroi molti gradi in più dove corrono i tubi, appunto perchè sono di solito sopra la soletta e quindi la maggior parte del calore rientra in casa.

                                                  Io ho avuto un risparmio del 20% circa cambiando caldaia, cioè grazie soprattutto al miglior rendimento a potenza ridotta e minore dispersione nei fumi e al mantello (senza ridurre la T di mandata).

                                                  Comunque è giusto provare e valutare i risultati!

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    riccardo, guarda che le vecchie caldaie vanno in on-off perchè spesso chi le usa le spara inutilmente a 80°... Un sacco di potenza inutilmente sperperata, la T in casa sale velocemente e il termostato manda in off la caldaia. Un su e giù continuo.... Basta abbassare un po' (anche solo 60°, non c'è bisogno di estremismi) e il termostato che le fa andare in on-off non interviene più perchè viene mandata meno potenza in casa. Maggior comfort anche.

                                                    Poi che una nuova caldaia sia in generale meglio di una vecchia è chiaro.... ma se uno continua poi nell'errore di sparare 80°....

                                                    Vediamo se il nostro amico prova e che risultati ottiene. Peraltro se è in affitto quella caldaia se la deve tenere...
                                                    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Riprendo questo vecchio post riguardo i consumi... siccome anch'io sto effettuando in questi giorni misurazioni di consumi/efficienza a da 35° fino a 50°, volevo sapere se esiste un misuratore di consumo elettronico da mettere a monte della caldaia. Vorrei crearmi un tabulato di consumi preciso senza dover a ogni accensione/spegnimento recarmi al contatore esterno... Grazie!

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Credo che l'unica soluzione sia far montare un contatore di gas a monte della caldaia.
                                                        PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da litodanie Visualizza il messaggio
                                                          Riprendo questo vecchio post riguardo i consumi... siccome anch'io sto effettuando in questi giorni misurazioni di consumi/efficienza a da 35° fino a 50°, volevo sapere se esiste un misuratore di consumo elettronico da mettere a monte della caldaia. Vorrei crearmi un tabulato di consumi preciso senza dover a ogni accensione/spegnimento recarmi al contatore esterno... Grazie!
                                                          Ciao. Per valutare la convenienza al passaggio alla pompa di calore, ho vissuto la medesima esperienza l’anno scorso. Io ho effettuato la lettura del contatore tutti i giorni prendendo nota delle temperature di mandata impostate sulla caldaia e delle ore di accensione della stessa.
                                                          Alla fine con un file di Excel sono riuscito a determinare i consumi medi orari anche in funzione delle temperature esterne.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da pmazzo Visualizza il messaggio
                                                            Ciao. Per valutare la convenienza al passaggio alla pompa di calore, ho vissuto la medesima esperienza l’anno scorso. Io ho effettuato la lettura del contatore tutti i giorni prendendo nota delle temperature di mandata impostate sulla caldaia e delle ore di accensione della stessa.
                                                            Alla fine con un file di Excel sono riuscito a determinare i consumi medi orari anche in funzione delle temperature esterne.
                                                            Si lo sto facendo anch'io, volevo sapere se esisteva un contatore elettronico facilmente inseribile nel circuito. Ma mi par di capire di no. Grazie.

                                                            Ne approfitto per chiedere: E' possibile inserire due termostati in parallelo, in modo che entrambi possano attivare/spegnere la caldaia? (In OR senza l'aggiunta di elettrovalvole)

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR