annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caldaia 3 stelle BIASI RinNOVA 32S. Dubbi e domande.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • das873
    ha risposto
    Nessun termotecnico o esperto?

    Lascia un commento:


  • das873
    ha risposto
    Ciao Sipder61

    aspettiamo con "trepidazione" la risposta di qualche termotecnico o installatore!

    Il link questo:
    Dimensionamento radiatori e caldaia - Lavorincasa.it
    (bisogna prima registrarsi)

    E' carino, ma purtroppo ogni volta che vorresti fare prove/modifiche bisogna ripartire ad inserire i dati sulla stanza in ogetto.
    Si possono poi aggiungere tante stanze e alla fine vedere il risultato del dimensionamento (anche caldaia)

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Ti ho scritto che non sono termotecnico ma solo appassionato che sta' cambiando caldaia e quindi mi sono informato e letto tutto quello che c'era da leggere.. e la penso come te , non capisco perche' il soft di dica di aumentare di 10kw ?!?!
    Bisogna che risponda qualche tecnico o installatore.....

    Leggendo i dati che riporti , quella dovrebbe anche essere la peggior situazione , normalmente credo si possa far lavorare a parecchio meno T di mandata e quindi minor calorie necessarie anche se per piu' tempo... io in casa mia non sono mai andato a piu' di 55 e ho sempre il comfort giusto....

    mi daresti il link del soft ?

    Lascia un commento:


  • das873
    ha risposto
    Ciao Spider61.
    Grazie per le risposte.
    Mi rimangono alcuni dubbi/domande.
    Premessa: ho utilizzato un software online di dimensionamento corpi radianti che prevede di valutare il grado di isolamento, esposizione, superficie vetrata ecc.. per ogni stanza e sommando tutto mi veniva un Wattaggio totale molto simile a quello installatomi dal costruttore. (Stima software: 23.8KW).
    La stima stata fatta considerando un delta T dell'acqua a 50C (cio deltaT=30) e ritorno a 40C. Se imposto nel software una t di mandata di 70C (Come quella che usualmente si usa per le caldaie tradizionali) il valore cresce di un pochino (circa 1KW).
    Tale software mi permette di stimare anche il dimensionamento della caldaia. Se chiedo "solo riscaldamento" il software consiglia una caldaia di apri valore al Wattaggio degli elementi (23.8KW appunto), mentre se chiedo "riscaldamento + ACS" il software maggiora di 10KW per un totale di 33.8KW (Che praticamente la caldaia che ho).

    ora mi chiedo: mi hanno sempre detto che le caldaie murali quando devono produrer ACS danno tutta la potenza alla produzione di ACS smettendo di riscaldare i corpi radianti fich c' rischiesta di ACS. Mi chiedo allora a cosa servano i 10KW in pi per una caldaia che deve produrre anche ACS. Se avessi una caldaia da 23.8 che mi facesse anche ACS non sarebbe lo stesso?

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Modulanti , nel limite del minimo / massimo lo sono tutte , le vecchie avevano un termostato meccanico poco preciso e lento , adesso tutte hanno un sensore elettronico e un flussostato che dovrebbero intervenire in tandem e quindi migliorare il comfort.... il problema e' che se il minimo e' esuberante per il flusso che uno utilizza si trova acqua a sbalzo , fa' pero' ON/OFF ....

    Lascia un commento:


  • das873
    ha risposto
    Grazie Spider61.

    Per "modulazione" nelle caldaie tradizionali intendi per solo per la produzione di ACS o acnhe per riscaldamento? A me sembra che per il riscaldamento la mia caldaia pompi sempre al massimo quando accesa e poi faccia cicli di on-off a seconda di ci che gli dice il cronotermostato.
    Ti faccio questa domanda per una futuribile sostituzione con una caldaia a condensazione.

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Bisognerebbe che intervenisse un termotecnico , ma da come dici basterebbero per il riscaldamento i 24kw canonici , solo che il costruttore e' voluto andare sul sicuro... se ti depotenziassero un po' il bruciatore potresti avere un comfort ACS migliore...
    le caldaie anche tradizionali modulano tutte per quello che possono , ma se guardi le caratteristiche della tua vedrai che la minima potenza e' di 15.5/14kw e una portata massima di 20lt' mi sa' che per forza quando ti arriva in T e hai un flusso di 7/8lt' al minimo la minima potenza e' esuberante e o fa ON/OFF o ti aumenta la T.....
    Ultima modifica di spider61; 14-01-2013, 23:25.

    Lascia un commento:


  • das873
    ha risposto
    Ciao Spider61,
    dunque ho una villetta su 3 piani abbastanza ampia.
    La coibentazione secondo specifiche 2005 e comunque non a cappotto (nelle mura perimetrali a intercapedine con 6cm di isolante dove non ci sono i pilastri. Il tetto il classico travi a vista con soli 5 centimetri di isolante).

    Ti fornisco le misure calpestabili:

    Piano terra: 80mq
    Mansarda: 45 (altezza media 2,5metri)
    Soppalco (riscaldato): 35 metri (altezza media 1,65)
    Taverna: 50 metri
    + vano scale 2x3mt

    Ho instalato in totale 120 elementi in alluminio global mix 800 (resa deltaT50=180W ad elemento) e 6 elementi in alluminio global mix 600 (resa deltaT50=143W)
    Quindi ho installata una potenza totale per i radiatori di circa 22.5 KW.

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Ma quanto e' grande la tua casa per avere messo una caldaia da 33kw ?!
    Perche' normalmente basta una caldaia da 24kw e i 24 sono solo per l'ACS , mentre con 10 - 15kw ci riscaldi abbondantemente casa..... poi se hai 300mq. e' un altra cosa... pero' potrebbe il tuo tecnico , ridurre compatibilimente col riscaldamento, la portata della valvola del gas , se possibile , per arrivare a tenerti l'ACS costante....

    Lascia un commento:


  • das873
    ha iniziato la discussione Caldaia 3 stelle BIASI RinNOVA 32S. Dubbi e domande.

    Caldaia 3 stelle BIASI RinNOVA 32S. Dubbi e domande.

    Buon giorno,
    nella casa che ho comprato di recente il costruttore ha previsto caloriferi in alluminio abbinati ad una caldaia 3 stelle Biasi RinNOVA 32S (Potenza termica nominale 33,9KW)
    (La casa stata costruita 5 anni prima dell'acquisto e non prevedeva purtroppo riscaldamento a pavimento e caldaia a condensazione).

    Ho alcuni dubbi riguardo al comportamento della caldaia per la produzione di ACS:
    Mi spiego: la caldaia ha un comodo display che permette di impostare la temperatura dell'acqua di riscaldamento e quella per l'ACS.
    Tuttavia difficile che rispetti la temperatura impostata per l'ACS. In pratica se io imposto a 42 l'ACS, tale temperatura raggiunta correttamente solo quando apro il rubinetto al massimo con un flusso di acqua enorme (per fortuna cha ho tanta pressione in casa mia).
    Se provo a miscelare o a ridurre il flusso, la temperatura dell'acqua si alza fino a 60 e pi gradi. La compensazione con la miscelazione dunque piuttosto ardua e spesso l'acqua bollente anche quando il miscelatore nel mezzo.
    Una volta trovata la temperatura ottimale agendo sul miscelatore sia per la temperatura che per il flusso totale (per non schizzare acqua ovunque) noto infine che la caldaia continua a fare cicli di "attacca-stacca".

    Ho interpellato il tecnico (anche della Biasi stessa) che ha detto che normale. una caldaia potente e per smaltire tutto il calore prodotto il flusso deve essere elevato.

    Mi chiedo quindi:
    1) Mi sembra che la mia caldaia sia assolutamente "incapace di modulare".
    2) Esistono caldaie NON a condensazione capaci di modulare (sia ACS che riscaldamento)
    3) Le caldaie a condensazione, possono modulare anche sull'ACS?
Attendi un attimo...
X
TOP100-SOLAR