annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Calcolo convenienza boiler con pompa di calore

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Calcolo convenienza boiler con pompa di calore

    Ciao a tutti, stavo valutando l'acquisto di un boiler con pompa di calore che mi è stato proposto da un amico, ma prima di prendere una decisione in merito ho provato a fare un po di conti per valutarne l'effettiva convenienza.
    Dai calcoli che ho fatto, che sono validi per la mia situazione, mi risulta che alla fine il risparmio è ben poca cosa rispetto all'investimento anche considerando il rimborso del 65%.
    Anzi, devo dire che, a meno che i consumi di acqua calda sanitaria siano particolarmente elevati, difficilmente l'investimento si ripaga.

    Qui sotto i calcoli (copia/incolla da un foglio Excel) che sono abbastanza chiari e che sottopongo alla vostra revisione per vedere se vi sono degli errori anche se non credo. Potrebbero inoltre essere utili ad altri per valutare la loro situazione.
    I valori inseriti valgono ovviamente per il mio caso (nr. persone, costo metano, costo KWh, ecc).
    Un'altra cosa che ho dedotto giocherellando con il foglio excel, è che con un COP 2 (come può capitare abbastanza facilmente in inverno) scaldare con PDC o con una caldaia a metano non c'è quasi differenza di costo.


    Valori di riferimento
    ----------------------------------------------------
    Potere calorifico inferiore metano (kWh/m3) 9,97
    Purezza metano erogato 95%
    Potere calorifico metano erogato (kWh/m3) 9,47
    Calore specifico dell'acqua kJ/kg*K 4,186
    1 Kwh (kJ) 3600
    Costo metano €/m3 0,87
    Costo energia elettrica €/kWh 0,17
    Efficenza caldaia 95%
    COP medio della pompa di calore 3,00
    Consumi e costi di riferimento
    ----------------------------------------------------
    Volume acqua da riscaldare (l) 100,00
    delta T (K) 40
    Energia termica necessaria (kWh) 4,65
    Energia elettrica necessara con PDC (kWh) 1,55
    Metano necessario con caldaia (m3) 0,52
    Costo con PDC (€) 0,26
    Costo con caldaia a metano (€) 0,45
    Consuno acqua calda del nucleo famigliare
    ----------------------------------------------------
    Consumo acqua calda per persona (l/giorno) 50
    Nr. persone 3
    Consuno annuo acqua calda (l) 54750
    Costo annuo
    ----------------------------------------------------
    Costo annnuo con PDC € 144
    Costo annuo con caldaia a metano € 246
    Risparmio annuo con PDC € 102

  • #2
    Infatti il boiler a pompa di calore è venduto principalmente a chi ha uno scaldabagno elettrico tradizionale oppure ha i pannelli fotovoltaici e vuole sfruttare l'autoconsumo!

    Commenta


    • #3
      0,17 €/kWh come costo dell'energia elettrica mi sembra "ottimistico". Non devi considerare il costo medio ma quello "marginale" che può essere anche sensibilmente superiore al valore medio.
      Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
      attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

      Commenta


      • #4
        A me sembra ottimistico , anche il COP 2 di inverno , visto che lavorano male sotto i 7° , se comincia a lavorare la resistenza vai di metano che l'e' meglio......
        AUTO BANNATO

        Commenta


        • #5
          Dipende dalla pompa di calore... ci sono quelle che il COP 2 lo hanno a -20°C e oltre all'acqua calda producono anche riscaldamento ma di certo non sono quelle a cilindro per sostituire gli scaldabagni.

          Commenta


          • #6
            E poichè di quelli si sta parlando, il boiler in PdC NON è quasi mai conveniente nel rapporto costo iniziale/beneficio. Lo diventerà quando il prezzo scende sotto i 300 euro.
            Impianto FV 2,8 Kw, Inverter SolarMax3000s
            Impianto SolareTermico 150 litri 20 Tubi SV
            Termocamino ad aria, Climatizzatori in PdC
            Isolamento Pareti 10 cm Sughero
            Scooter Ibrido (Elettrico/Benzina)

            Commenta


            • #7
              Infatti si parlava di boiler pdc da 80-100lt. , ma anche sulle PDC aria/acqua per riscaldamento saranno convenienti quando costeranno quanto una caldaia , altrimenti non le recupero mai.....
              AUTO BANNATO

              Commenta


              • #8
                Insomma mi pare che tutti concordino che non è proprio conveniente un boiler a PDC rispetto a scaldare l'acqua con una caldaia a metano.
                Inoltre nella mia simulazione ho usato un COP medio di 3 su tutto l'anno che credo sia molto ottimistico.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da mspider65 Visualizza il messaggio
                  Insomma mi pare che tutti concordino che non è proprio conveniente un boiler a PDC rispetto a scaldare l'acqua con una caldaia a metano.
                  Dipende. Se l'acquisto di un boiler in PdC ti evita allaccio alla rete gas e magari tante persone in casa (+ di 4) forse....Comunque fino a che i prezzi si aggirano attorno ai 1000 euro, la vedo dura che prenda piede.

                  Originariamente inviato da mspider65 Visualizza il messaggio
                  Inoltre nella mia simulazione ho usato un COP medio di 3 su tutto l'anno che credo sia molto ottimistico.
                  Decisamente
                  Impianto FV 2,8 Kw, Inverter SolarMax3000s
                  Impianto SolareTermico 150 litri 20 Tubi SV
                  Termocamino ad aria, Climatizzatori in PdC
                  Isolamento Pareti 10 cm Sughero
                  Scooter Ibrido (Elettrico/Benzina)

                  Commenta


                  • #10
                    Se leggi c'è una discussione sul boiler PDC in cui sono entusiasti ,a nche quelli che lo devono ancora montare , ma sempre abbinato al FV ...... senza penso che convenga solo se hai il GPL in bombole......
                    AUTO BANNATO

                    Commenta


                    • #11
                      Mah, che devo dirti...anche con Fv spendere 10 volte di piu ( 100 euro di un normale boiler contro 1000 del PdC) in quanto tempo ammortizzi la spesa ? Ammesso e non concesso che l'ammortizzi, qual'è l'aspettativa di vita ulteriore del Boiler in PdC ?
                      Come ho avuto modo di dire, solo quando il prezzo si aggirerà attorno ai 300-400 euro allora se ne puo parlare.
                      Impianto FV 2,8 Kw, Inverter SolarMax3000s
                      Impianto SolareTermico 150 litri 20 Tubi SV
                      Termocamino ad aria, Climatizzatori in PdC
                      Isolamento Pareti 10 cm Sughero
                      Scooter Ibrido (Elettrico/Benzina)

                      Commenta


                      • #12
                        Io mi limito a confermare che tranne casi particolari (es FV) il costo per kWh elettrico è elevato, nel mio caso (e sono abbastanza parsimonioso) consumo circa 2600kWh /anno, e manco a farlo apposta tutti gli eventuali kWh aggiuntivi (es per un poiler elettrico tradizionale o pdc) li pagherei circa 0,3 €/kWh.

                        Quindi l'elettricità costa un 50% in più della benzina e più del doppio del metano (come costo/kWh)

                        L'ho 'scoperto' facendo meglio i conti per la mia auto elettrica...
                        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                        I miei articoli qui:
                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                          ...Quindi l'elettricità costa un 50% in più della benzina e più del doppio del metano (come costo/kWh)
                          Non è così automatico come l'esponi tu; poichè una variabile sono gli strumenti che utilizzano l'energia elettrica, esempio:
                          calcoli alla mano attraverso sperimentazione, hanno ed ho dimostrato che utilizzando, per cucinare, una piastra ad induzione contro il fornello a gas (metano), come costi siamo li, poichè il Kwh costa di più ma, ad esempio, per far bollire l'acqua nella pentola la piastra ci impiega quasi il 50% in meno del tempo; se poi il confronto viene fatto con il Gpl, allora la piastra...VINCE.



                          Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
                          L'ho 'scoperto' facendo meglio i conti per la mia auto elettrica...
                          Ci puoi postare questi conti...anzi perchè non apri un post a tema. Sarebbe importante la tua esperienza sul campo a riguardo
                          Impianto FV 2,8 Kw, Inverter SolarMax3000s
                          Impianto SolareTermico 150 litri 20 Tubi SV
                          Termocamino ad aria, Climatizzatori in PdC
                          Isolamento Pareti 10 cm Sughero
                          Scooter Ibrido (Elettrico/Benzina)

                          Commenta


                          • #14
                            Piero hai ragione ma infatti io ho parlato di costo al kWh, cioè al distributore o al contatore, se poi i kWh presenti come contenuto energetico nel 'carburante' usato li sprechi malamente (es veicoli termici) è un'altro paio di maniche.

                            Qualcosa ho scritto qui:
                            http://www.energeticambiente.it/veic...elettrici.html

                            l'ho messo nella sezione veicoli elettrici perchè mancava qualcosa di specifico, ma il discorso è generico e vale per qualsiasi elettrodomestico o impiego che comporti un aumento consistente dei consumi.
                            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                            I miei articoli qui:
                            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                            Commenta


                            • #15
                              Ariston Nuos Evo 110Lt - Vale la spesa?

                              Buonasera,

                              sto restaurando da zero un appartamento singolo da 95 metri al pianoterra, avendo la possibilità di sfruttare una rete elettrica di 31kw ho evitato di inserire l'impianto a gas con l'intenzione di mettere tutto elettrico (sto anche cercando e facendo valutazioni su di un FV da 6kW):
                              piano cottura a induzione
                              sistema di riscaldamento a radianti infrarossi per cui ho effettuato una coibentazione dedicata
                              ed ora devo scegliere il bollitore per l'acqua calda.

                              L'idea è quella di prendere il prodotto Ariston Nuos Evo 110 lt monoblocco.
                              Il costo si aggira sui 900€, ma vedo che i bollitori elettrici normali costano sui 200/300. Vale la pena spendere tutti quei soldi (attualmente occuperemmo l'appartamento in due ma spero nell arrivo di uno o due figli in un prossimo futuro)?

                              Grazie.

                              Paolo

                              Commenta


                              • #16
                                Metti un riscaldamento a infrarossi e ti preoccupi del consumo di un boiler a PDC ?!
                                AUTO BANNATO

                                Commenta


                                • #17
                                  Concordo... perché il riscaldamento a infrarossi (che ti fa spendere 4 volte in più della PDC) e poi ti preoccupi dello scaldabagno a pompa di calore?!

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Beh il discorso a infrarossi merita più dettagli, nel senso che più del sistema di riscaldamento mi sono preoccupato della coibentazione, ma l'ho scelto primo perchè non necessita di controlli e spese di gestione come per un sistema tradizionale a gas e poi le stime di consumo in base alla stagione e alla zona climatica sono eccezionali, se anche non dovessero essere reali al100% sarebbero comunque soddisfacenti visto il risparmio sul costo di impianto.
                                    Eventualmente ad integrazione il tutto per i mesi più freddi come questo (di notte siamo a -5°) ho una stufa a legna nella zona giorno che è metà appartamento, la zona notte non sono solito scaldarla. Per quanto riguarda la PDC mi serve capire se quei 6/700 euro meritano di essere spesi, perchè se un bollitore da 200 poi mi costa solo 70/80 euro in più all anno rispetto ad una pompa di calore ACS non lo prendo di sicuro.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      La PDC dovrebbe godere di detrazione , almeno il 50% visto che sei in ristrutturazione.... dipende da quanta ACS consumi , se risparmi 50/60€ e' ovvio che quei 400 (800/2) di differenza che spendi li ripaghi in 6/7 anni.....
                                      AUTO BANNATO

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Con i presupposti così ti suggerisco lo scaldabagno elettrico, tanto 100€ in più o meno di corrente al mese, che vuoi che siano

                                        Commenta


                                        • #21
                                          egimark che ne dici di rifare il calcolo di inizio discussione con le nuove tariffe? possiamo così rivalutare il discorso della PDC x ACS e vedere se conviene, nel mio ruolino di marcia era previsto che a giugno la montavo ma qui vedo molta incertezza o meglio non tutti la consigliano.
                                          5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Aderite al Team di monitoraggio denominato EnergeticAmbiente su Pvoutput.org , così sapremo ogni giorno quanta energia pulita hanno prodotto gli amici del forum. Questo il link del Team ?https://pvoutput.org/listteam.jsp?tid=1115

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Se il confronto è col metano devi dirmi se pensi comunque di mantenere il contatore del gas (cottura cibi o riscaldamento) e quanto consumi annualmente.
                                            Per il prezzo invece dell'energia elettrica penso che sai già quanto ti costa prelevarla (costo marginale), scambiarla e autoconsumarla, basta quindi ipotizzare un COP attendibile.
                                            Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
                                            attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

                                            Commenta


                                            • #23
                                              egimark sono orientato a prendere una Nuos 110 litri ( ma si accettano altri consigli) ma mantenendo un boiler come accumulatore rischio con la detrazione. ( credo di si)
                                              Uso sempre due boiler ma ne riscaldo solo uno, sono messi in serie, dopo aver scaldato quello in uscita una prima volta poi , se non c'è un forte prelievo , non è più necessario, però dispongo di 160 litri a 65° se dovesse occorrere.

                                              Quindi l'idea è : la PDC sull'acqua fredda in ingresso, poi l'acqua che esce dalla pDC passa sul secondo boiler ( che funge da accumulo, doppia coibentazione) e da quest'ultimo l'ACS va in distribuzione, avrei 110+80 = 190 litri litri da utilizzare siamo in 4 ed è sufficiente.
                                              Nell'uso comune scalderei solo 110 litri con PDC , se periodo freddo utilizzerei sempre il metano, la caldaia resta sia per riscaldamento che per ACS, i boiler e la caldaia sono comandati da z-wave in automatico, non rischierei di essere senz'acqua durante un bel bagno caldo ( uno dei miei piaceri).
                                              Il consumo non saprei quantificarlo, questo è già il terzo anno che uso i boiler da marzo a ottobre ed ho un contatore su di essi, finora sono 1513 kwh consumati su ACS, però tieni presente che i boiler sono nel sottotetto e in estate godono di un po' di calduccio, non esageratamente ma è caldo.
                                              La PDC vorrei usarla anche in inverno . Pensavo a 1500kwh annui a resistenza che con la PDC dovrebbero diventare , pessimisticamente , 700kwh proviamo a calcolare i consumi e i costi.
                                              5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Aderite al Team di monitoraggio denominato EnergeticAmbiente su Pvoutput.org , così sapremo ogni giorno quanta energia pulita hanno prodotto gli amici del forum. Questo il link del Team ?https://pvoutput.org/listteam.jsp?tid=1115

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Dalle tue parti il metano costa oggi 74,04 c€/Smc, ma è calato molto e conviene far riferimento al I trimestre 2016 quando costava 82,86 c€/Smc.
                                                Non ho considerato i fissi perchè comunque il metano lo mantieni.
                                                Il prezzo è relativo ad un potere calorifico di 0,03852 GJ/Smc, che corrisponde a 10,7 kWh/Smc.
                                                Supponendo un rendimento della caldaia del 95% 1 kWh termico costa 8,15 c€ prodotto a metano.

                                                Tu sei in D2 e il kWh marginale (oltre 2640 kWh) ti costa oggi 28,19 c€/kWh.
                                                Utilizzando il boiler elettrico (COP=1) 1 kWh termico ti costa 28 c€.
                                                Utilizzando una PDC per ACS per pareggiare col metano dovresti avere un COP di 28,19/8,15=3,5.
                                                Dal 2018 è presumibile che la parte variabile sarà intorno ai 18 c€ quindi per pareggiare basterebbe un COP di 2,2.

                                                Col FTV hai un prelievo di circa 2700 kWh e immissioni per 3800 kWh.
                                                Avresti il margine per sfruttare quei 3800-2700=1100 kWh.
                                                Autoconsumando 1 di quei kWh con boiler o PDC tu pensi che sia "gratis", invece ci perdi la mancata immissione, che sarebbe un'eccedenza ma che comunque 6 c€ ti viene valorizzata. Togiendo un 30% di IRPEF quel kWh autoconsumato ti ha fatto perdere un'introito di 4,2 c€.
                                                E' sicuramente meglio che non prelevarlo a prezzo pieno (28 c€).
                                                Se invece lo scambi, ci perdi comunque sull'eccedenza che diminuisce, in più di quello che paghi in bolletta ti viene restituito solo l'80% (solo parte variabile) attraverso lo SSP. Quindi il kWh scambiato ti "costa" 9,8 c€.
                                                Difficlmente riuscirai ad autoconsumare in inverno per produrre ACS per cui consideriamo solo il caso di scambio.
                                                Con boiler elettrico sei ancora in perdita rispetto al metano.
                                                Con la PDC, supponendo un COP=2, il kWh termico ti costa solo 4,9 c€ per cui rispetto al metano risparmi 3,25 c€. Supponendo 1500 kWh termici sono meno di 50 € all'anno.
                                                Dal 2018 le cose migliorano perchè il kWh scambiato ti costerebbe 7,8 c€ e quello termico con COP=2 3,9 c€, con risparmio di circa 60 € all'anno rispetto al metano.
                                                Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
                                                attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Per maggior chiarezza ci sono già almeno 500kwh che ora consumo ( meglio solo autoconsumo ) nei mesi da marzo a sett/ott. per i boiler elettrici e con quegli altri 1100 ce la farei per almeno altri due mesi. In inverno no perché non ho energia da accumulare , non riesco soddisfare nemmeno l'ordinario, anche se ora non ho più l'auto elettrica e altri 6/700 kwh di certo mi restano, ma sinceramente per 50 euro annui sentire un compressore sempre acceso ( che poi si romperà pure ad un certo punto) credo non sia un grande affare visto che dovrei spendere 1100 euro solo la PDC.
                                                  C'è da rifare bene i conti e valutare anche l'aspetto montaggio che richiederà alcune modifiche per creare un locale tecnico anche in mansarda.
                                                  mah, mah .
                                                  5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Aderite al Team di monitoraggio denominato EnergeticAmbiente su Pvoutput.org , così sapremo ogni giorno quanta energia pulita hanno prodotto gli amici del forum. Questo il link del Team ?https://pvoutput.org/listteam.jsp?tid=1115

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Un conto è eliminare il metano e allora risparmi 100 € di fissi in bolletta, e almeno altrettanti per il controllo/pulizia caldaia.
                                                    C'è da dire che se l'avessi, potresti usarla anche d'estate al posto del boiler elettrico (anche se non è altrettanto gestibile con la domotica) e allora il risparmio potrebbe raddoppiare.
                                                    Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
                                                    attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      La vera domanda da porsi é: quando finirà di arrestarsi il trend di calo del costo della materia prima metano?
                                                      FV: 3.5kWp - 14xWaris 250 Poli + Aurora Power One 3.0 Installato 7/10/14 - Allaccio 25/11/14
                                                      2 pannelli solari termici piani con boiler a "svuotamento" 300L Ariston e caldaia instantanea a condensazione Class Premium Evo 30 kW Installato 4/11/13
                                                      Prov. Mantova - SUD+15° - Tilt 21°
                                                      Altre stufe a pellet e a legna di poca importanza

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        da questo grafico siamo quasi ai minimi

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da Paulways Visualizza il messaggio
                                                          L'idea è quella di prendere il prodotto Ariston Nuos Evo 110 lt monoblocco.Paolo
                                                          Ho aquos di 80 litri monoblocco... Sono molto soddisfatto, tranne qualche piccolo inconveniente risolto subito dal servizio assistenza... Certo che conviene... Consuma molto di meno... Funzione Green 240 watt... Poi c'è sgravio 50% o addirittura 65% se, come me, lo sostituisci ad un boiler elettrico vecchio... Quindi fatti 2 conti tu... Se hai fv ancora meglio.

                                                          C'è questo 3d http://www.energeticambiente.it/casa...s-ariston.html

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            sording il mio problema è che 80 litri sono assolutamente insufficienti e sarei costretto a tenere un boiler d'accumulo per fare 110+80,
                                                            a te come va ? quante ore impiega per tornare a temperatura una volta usata tutta l'acqua calda? è rumorosa, ovvero di notte si sente che sta accesa?
                                                            5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Aderite al Team di monitoraggio denominato EnergeticAmbiente su Pvoutput.org , così sapremo ogni giorno quanta energia pulita hanno prodotto gli amici del forum. Questo il link del Team ?https://pvoutput.org/listteam.jsp?tid=1115

                                                            Commenta

                                                            Sto operando...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR