annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Impianto ibrido

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Impianto ibrido

    Buonasera,

    Volendo sostituire il vecchio bruciatore a gasolio (convertito a gpl), mi hanno proposto un sistema ibrido: pdc + gpl.
    Nonostante le rassicurazione del venditore mi sorgono dei dubbi in quanto la mia casa ha riscaldamento con radiatori in ghisa!!

    Mi dicono che la il sistema ibrido "sa" quando mandare con pdc e quando con gpl... (posso capire che quando il COP è troppo basso il gpl torna conveniente) e quindi considerando che la mandata con la pdc sarà 50/55 sotto una certa temperatura esterna converrà il GPL! e fin qui ci sono!

    I dubbi sono:
    - il sistema, anche con il gpl avrà una mandata a 50/55; in pratica la centralina switcha solo in base alla temperatura esterna?
    - oppure magari una volta entrato il gpl può avere una mandata a 70?
    - inoltre, il sistema ibrido ha un bollitore da 150L, integrabile anche con 2 pannelli solari... ma non è troppo piccolo secondo voi?

    Avete esperienze in merito? suggerite una tale soluzione?

    Grazie
    N

  • #2
    Salve.
    Non avendo palesato il sistema, posso dare una risposta generalizzata, ovvero che questo sistema ibrido sia in grado di riscaldare per esempio acs con pdc qualora sia conveniente (solitamente si fa i conti con la temperatura esterna), per poi andare in modalità a combustione quando richiesto. A questo punto i gradi che si possono raggiungere sono quelli di una normale caldaia che se ne frega della temperatura esterna.
    Se avete dei radiatori in ghisa, presumo vi siano difficoltà ad alimentarli con pdc ibrida in quanto solitamente si tratta di un piccolo compressore e appunto la sua potenza è destinata alla produzione quasi esclusiva di acs.
    Essendo un boiler di contenuto limitato, anche la superficie dei pannelli solari deve essere limitata per evitare ristagni estivi.
    Questo è un sistema valido (meglio se accoppiato al solare termico) per limitare i consumi e per fare un buon intervento di riqualificazione energetica ( andrebbero rivisti quanto meno anche i radiatori per meglio dimensionarli).
    Personalmente preferisco i sistemi in pdc puri senza intervento della caldaia, ormai performanti anche in versione aria-acqua e anche con attuatori non proprio a bassissima temperatura come i radiatori: per esempio riusciamo a produrre i 55°C in mandata fino a -20 esterni. Quindi bisogna appunto verificare che i radiatori siano dimensionati per lavorare a temperature più basse.
    Queste macchine sono utilizzate per produrre acs ed eventualmente per fare freddo nel periodo estivo.
    L'esperienza sul campo, ha confermato che il sistema pdc regge il confronto anche senza ftv, peraltro lasciandosi aperta tale porta.
    Un saluto.
    HONOS ALIT ARTES

    Commenta


    • #3
      Grazie per la risposta!

      Il sistema ibrido a cui mi riferisco è beretta: http://www.sylber.it/irj/go/km/docs/...OX_Beretta.pdf

      siccome ho termosifoni in ghisa, mi chiedevo quando il sistema smette di funzionare con pdc (cioè con temperatura di mandata a circa 50) ed entra in funziona la sola caldaia, questa, a che temperatura avrà la mandata? a 50? o anche a 70/80?

      Se a 50, probabilmente il sistema non è ideato per le ristrutturazioni con radiatori in ghisa, se invece riuscirà ad avere una mandata 70, probabilmente potrò valutare tale soluzione.

      Grazie,

      Commenta


      • #4
        Presumo che col gas arrivi dove vuoi.
        Rimane il fatto che puoi dimensionare la ghisa per lavorare a 50 risparmiando gas quando va la caldaia e utilizzando molto di più la pdc.
        ciao
        HONOS ALIT ARTES

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da idraulicimarchiori Visualizza il messaggio
          ****
          Grazie per la risposta.
          Il fatto è che con la ghisa e l'acqua a 50°C (anche meno visto le dispersione) il termosifone sembra tiepido...
          Cmq sia procedo con l'acquisto... poi quest'inverno vi farò sapere!


          Note di Moderazione:

          Ultima modifica di gymania; 02-10-2013, 12:31.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Nik77 Visualizza il messaggio
            Il fatto è che con la ghisa e l'acqua a 50°C (anche meno visto le dispersione) il termosifone sembra tiepido...
            vuol dire che funziona tutto bene! Per ovviare a questo, solitamente si imposta un minimo sindacale in mandata, sotto cui non scendere, in maniera che la signora Maria non abbia di che lamentarsi.
            HONOS ALIT ARTES

            Commenta

            Attendi un attimo...
            X
            TOP100-SOLAR